Nutrizione: valutazione di vitamine e minerali che devi conoscere | El Paso, TX Dottore in chiropratica
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Nutrizione: valutazione di vitamine e minerali che devi conoscere

“Credo fermamente che il cibo sia medicina e che non dovrebbe essere un ripensamento in medicina, ma il fondamento della pratica medica. Non esiste una droga migliore sul pianeta ". -Dr. Mark Hyman.

La valutazione dello stato nutrizionale di un paziente è sempre stata una parte fondamentale della cartella clinica, ma il più delle volte non viene esplorata in modo approfondito. Nella Medicina Funzionale comprendiamo che la dieta ha una forte influenza sul nostro metabolismo. L'energia che consumiamo dalla nostra dieta e le vitamine e i minerali sono alla base della nostra funzione cellulare e genetica, la nutrizione non è mai stata così importante. Ciascuno di questi processi e reazioni cellulari necessita di enzimi, e ognuno di questi composti necessita di un aiutante, un coenzima, in cui vitamine e minerali svolgono un ruolo significativo.

Gli operatori sanitari sanno tutto quello che c'è da sapere sulle carenze nutrizionali acute come il rachitismo, che riflette una carenza di vitamina D, lo scorbuto per bassi livelli di vitamina C o l'anemia da carenza di ferro. Siamo qui per conoscere i livelli ottimali di vitamine e minerali e come funzionano.

Vitamina D: La funzione della vitamina D era in precedenza correlata all'assorbimento del calcio e al metabolismo osseo, ma risulta che ha più applicazioni terapeutiche e può essere classificata come un pro-ormone. Il consiglio di Food and Nutrition in precedenza raccomandava di utilizzare 2000 UI / giorno di vitamina D come limite superiore, ma recenti ricerche hanno scoperto che il fabbisogno degli adulti può arrivare fino a 5000 UI / giorno. È stato determinato che livelli più elevati di vitamina D sono associati alla protezione da diabete mellito, osteoporosi, artrosi, ipertensione, malattie cardiovascolari, sindrome metabolica e un'ampia gamma di tumori.

Normale: 30-100 ng / ml

Ottimale: 50-80 mg / ml

MCV: Questo sta per volume corpuscolare medio, fa parte di un test chiamato emocromo completo e misura la dimensione dei nostri globuli rossi. L'MCV può dirci se la vitamina B12 o il folato sono carenti nel nostro corpo. Le vitamine del gruppo B sono essenziali per diverse reazioni metaboliche nel nostro corpo e forniscono gruppi metilici per normalizzare l'espressione genica.

Normale: 70-100fL / globuli rossi

Ottimale: 80-90fL / globuli rossi

Acido metilmalonico (MMA): Questo è un indicatore di vitamina B 12. La vitamina B12 svolge un ruolo importante nella funzione neurologica, nella formazione dei globuli rossi e nel DNA. Ha anche una funzione vitale come cofattore, aiutando i processi che aiutano la conversione dell'omocisteina in metionina, che è un donatore di metile universale per quasi 100 diversi substrati, come DNA, RNA, ormoni, proteine ​​e lipidi.

Normale: 0-378 nmol / L

Ottimale: <300 nmol / L

MTHFR: Questo è uno enzima che svolge un ruolo chiave nel metabolismo del folato, i polimorfismi di MTHFR sono associati a suscettibilità al cancro, difetti del tubo neurale e aumento del rischio di malattie cardiache. Livelli elevati di omocisteina (<8) sono associati a una disregolazione di MTHFR con una stretta relazione con un polimorfismo al nucleotide 667; pertanto, valutare lo stato di questo nucleotide è quello da testare. La cosa principale che c'è da spiegare è questa: non tutte le mutazioni derivano da un problema, e se c'è più di una mutazione, il trattamento consiste nel cambiare la supplementazione in metil folato.

C677 è il gene clinicamente più importante: nessuna mutazione = fattore di rischio più basso, due mutazioni = rischio più alto

MTHFR (A1298C): nessuna mutazione = fattore di rischio più basso, due mutazioni = rischio più alto

Magnesio RBC: La funzione del Mg è legata a 300 reazioni metaboliche perché rilascia fosfato dall'ATP nelle reazioni chimiche. Questo minerale è essenziale per il corretto funzionamento dei cicli metabolici legati all'energia. Alcuni sintomi associati a una carenza di magnesio sono costipazione, ansia, insonnia, palpitazioni, sindrome premestruale e crampi muscolari.

Normale: 1.5-2.5 mEq / L

Ottimale: 2.0-2.5 mEq / L

zinco: Questo elemento è uno dei più comuni nel corpo umano; ha molte funzioni. Lo zinco è noto per avere un ruolo importante come catalizzatore enzimatico nel metabolismo di proteine, carboidrati e lipidi. Più recentemente, è stato segnalato che lo zinco può regolare l'espressione delle citochine, avendo quindi un effetto antinfiammatorio e avendo un effetto antiossidante.

Normale: Da 0.66 a 1.10 mcg / mL

HbA1C: L'emoglobina A1c è un test di routine per valutare se il glucosio di una persona diabetica (o di qualcuno che cerca di tenere traccia del proprio glucosio) è stato sotto controllo nelle ultime 6-8 settimane.

Normale: 4.8% - 5.6% • Ottimale: 4.8% - 5.5%

Ottimale: 4.8% - 5.5%

Ferritina: Il ferro è immagazzinato come ferritina; questo è il motivo per cui la valutazione della ferritina è una misura importante dello stato del ferro ed è considerata diagnosi differenziale di condizioni anemiche.

Uomini normali: 30-400 ng / mL

Uomini ottimali: 100-300 ng / mL

Donne normali: 15-150 ng / mL

Donne ottimali: 50-150 ng / mL

Vasquez, Alex, Gilbert Manso e John Cannell. "L'importanza clinica della vitamina D (colecalciferolo): un cambio di paradigma con implicazioni per tutti gli operatori sanitari". Terapie alternative in salute e medicina 10.5 (2004): 28.

Pitkin, Roy M., et al. "Assunzioni dietetiche di riferimento per tiamina, riboflavina, niacina, vitamina B6, acido folico, vitamina B12, acido pantotenico, biotina e colina". Washington, DC (2000).

González-Galofre, ZN, Villegas, V. e Martínez-Agüero, M. (2010). Studio preliminare sulla popolazione della determinazione del polimorfismo C677T della metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) in un gruppo pilota di studenti dell'Università di Rosario. Revista Ciencias De La Salud8(1). Recuperato da https://revistas.urosario.edu.co/index.php/revsalud/article/view/121

Olechnowicz, J., et al. "Lo stato di zinco è associato a infiammazione, stress ossidativo, metabolismo dei lipidi e del glucosio". Il Journal of Physiological Sciences 68.1 (2018): 19-31.

Hyman, Mark. "Nutrizione." Città, 2020, http://www.onecommune.com/products/hacking-your-healthcare-with-dr-mark-hyman/categories/1653473/posts/2929882.

Storia funzionale online di Medicince
ESAME DI MEDICINA FUNZIONALE ONLINE 24 • 7

Storia in linea
STORIA ONLINE 24 /7
PRENOTA ONLINE 24/7