Vaccinazione: la difesa è il miglior attacco | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Vaccinazione: è la difesa il miglior attacco

Con la stagione competitiva incombente, il chiropratico Dr. Alexander Jimenez fornisce approfondimenti ed esamina l'attuale miglior pensiero sulla vaccinazione per gli atleti e formula raccomandazioni per i medici sportivi.

Senza dubbio, la vaccinazione è uno dei più grandi trionfi della medicina moderna. Molte malattie gravi che usavano per tacere o uccidere regolarmente un gran numero di persone non sono più una minaccia. Oltre a ciò, la vaccinazione può impedire che i focolai di malattia meno grave, anche se non pericolosi per la vita, siano ancora spiacevoli, portando a perdere tempo dal lavoro e dalla scuola.

Chiunque abbia figli piccoli o che abbia viaggiato esternamente all'estero (si spera) capisca che un programma di vaccinazione sia richiesto o raccomandato. Tuttavia, quando si tratta di un atleta di viaggio, la situazione è piuttosto complessa. Mentre le vaccinazioni di base (ad es. Tifo, epatite ecc. Quando si recano in determinate regioni dei tropici) sono naturalmente necessarie, i clinici vogliono anche assicurare che i loro atleti rimangano altrettanto comunque in grado di competere al loro pieno potenziale. Una malattia lieve che è un inconveniente per un turista può essere un disastro per un atleta che si concentra sul picco della sua stagione!

I medici di sport possono quindi desiderare di prendere in considerazione ulteriori vaccinazioni per ridurre al minimo il rischio di condizioni minori. Tuttavia, questo approccio solleva un insieme di nuovi problemi. Ad esempio, quali vaccinazioni supplementari possono essere utilizzate per atleti che regolarmente viaggiare all'estero? Quali sono i possibili effetti collaterali di queste vaccinazioni supplementari e come dovrebbero essere temporanei i vaccini per massimizzare l'immunità durante la concorrenza, minimizzando però la perturbazione della formazione al termine della concorrenza?

Gli atleti sono diversi

Esiste una certa incertezza circa i regimi di vaccinazione più appropriati negli atleti tra i medici di squadra e gli altri medici perché le linee guida per la vaccinazione sanitaria pubblica non possono essere facilmente trasferite agli atleti elitari. Fattori complicati includono le circostanze tipiche della vita quotidiana degli atleti, come frequenti viaggi verso paesi stranieri o stretti contatti con compagni di squadra e avversari, che potrebbero indicare la necessità di una modifica dei programmi di vaccinazione raccomandati. Inoltre, l'intensa attività fisica della formazione e della concorrenza con i suoi possibili effetti sulla funzione immunitaria possono influenzare le decisioni relative all'esecuzione e alla tempistica della vaccinazione.

Altri fattori complicanti sono che le raccomandazioni sulla vaccinazione sono formulate attorno a una politica sanitaria pubblica piuttosto che per individui specifici e sono probabili cambiare nel tempo (1-3). Inoltre, c'è la questione dell'efficacia dei costi; la maggioranza dei vaccini che non sono generalmente raccomandati non sono raccomandati perché il beneficio medico non è considerato sufficientemente equilibrato con i costi se attuato in tutta la popolazione. Questo nonostante il fatto che possano essere potenzialmente vantaggiosi in determinati individui (4,5). È altrettanto importante capire che le raccomandazioni generalizzate non tengono conto delle implicazioni degli effetti della malattia negli atleti, che possono essere molto più profondi e più lontani che nel grande pubblico (si veda la casella 1).

confezione

Ulteriori motivi per cui gli atleti sono diversi quando si tratta di vaccinazione includono i seguenti:

  • Gli atleti sono spesso in stretto contatto con avversari e compagni di squadra, aumentando il rischio di trasmissione di molte malattie, in particolare delle malattie trasmissibili respiratorie (9,10). In genere, è necessario un contatto di distanza inferiore a 1-2 per trasmettere malattie come l'influenza o altri agenti trasmissibili respiratori come la varicella (11,12).
  • Per le malattie trasmesse dal sangue, il rischio di trasmissione dovuto allo sport è meno pronunciato, ma gli atleti sono ancora a rischio più elevato della popolazione generale (13,14).
  • Anche gli atleti sani non vaccinati essere esposti ad un agente infettivo (ad es. Contatto con un individuo malato) possono essere esclusi dalla formazione e dalla concorrenza per ragioni mediche. Di solito, tale esclusione deve durare per il periodo completo di incubazione di una malattia, che può durare fino a tre settimane.

Mettendo insieme tutti questi fattori, la raccomandazione è che gli elitisti, gli atleti competitivi dovrebbero essere vaccinati in modo più aggressivo rispetto al pubblico (15).

confezione

Quali vaccinazioni?

La decisione su quali vaccinazioni vengono fornite prima dei viaggi all'estero dipenderà da una serie di fattori, tra cui la / le destinazione / i di viaggio, la natura dello sport e la storia di salute / vaccinazione della persona coinvolta. Indipendentemente da questi fattori, tuttavia, si raccomanda che TUTTI gli atleti adulti vengano regolarmente vaccinati contro quanto segue:

1. Tetano
2. Difterite
3. Pertusia (tosse)

4. Influenza
5. Epatite A e B
6. Morbidi, parotiti e zanzariere (se l'immunità non è già stata dimostrata da un'infezione naturale)

Di questi, i numeri 1-5 dovrebbero essere dati come vaccini inattivati, mentre il morbillo, lo zucchero e la varicella (vaccino) dovrebbero essere somministrati come vaccini vivi (15). Una discussione completa sulle considerazioni dettagliate relative a ogni possibile vaccinazione è al di là del campo di applicazione di questo articolo (i lettori sono diretti a una revisione completa e recente di questo argomento da Luke e D'Hemecourt (15)). Tuttavia, la Tabella 1 riassume la maggior parte delle raccomandazioni chiave.

tavolo

tabella cont

fine del tavolo

Tempi di vaccinazione

Devono essere scelti i tempi di vaccinazione al fine di ridurre al minimo l'interferenza con la formazione e la concorrenza e per garantire che la reazione immunitaria non sia temporaneamente compromessa. I vaccini inattivati ​​in genere causano effetti collaterali entro due giorni dalla vaccinazione. Ciò è in contrasto con le vaccinazioni in tensione in cui il picco degli effetti collaterali è più probabile dopo 10-14 giorni quando la replica dei vaccini è al massimo. A meno che una vaccinazione non debba essere somministrata con urgenza, il periodo migliore per la vaccinazione è all'insorgenza dei periodi di riposo, ad esempio all'inizio della stagione invernale.

Quando una vaccinazione deve essere effettuata in un periodo di formazione e / o di concorrenza (ad esempio l'influenza), non esiste un problema medico importante con la formazione intrapresa poco prima o dopo la vaccinazione. Tuttavia, si raccomanda di vaccinare poco dopo una gara per far sì che il periodo di tempo raggiunga la prossima competizione il più a lungo possibile. Molte vaccinazioni fornite tramite iniezione possono causare dolori e infiammazioni locali al sito di iniezione. I medici possono quindi desiderare di somministrare il vaccino in modo da non coincidere con l'innesco del dolore muscolare (DOMS) in seguito all'esercizio fisico intenso.

Tecniche di vaccinazione

Dipende dal sito di iniezione, potrebbero verificarsi alcuni disturbi specifici dello sport (ad esempio dolore alle gambe in corridori dopo un'iniezione gluteale). Ovviamente, è consigliabile utilizzare il lato non dominante per le iniezioni in discipline unilaterali come gli sport delle racchette. Per i vaccini che possono essere somministrati usando il percorso intramuscolare o sottocutaneo, l'opzione intramuscolare sembra essere preferibile in quanto produce una percentuale di titolazione maggiore (più produzione di anticorpi) e un rischio minore di granuloma.

Se si può preferire l'iniezione nel muscolo deltoide, sebbene siano possibili altri siti muscolari. Indipendentemente da ciò, è importante che l'atleta sia seduto o mentendo e che il muscolo sia completamente rilassato. Gli studi indicano che l'uso di aghi più lunghi (25 mm) e una veloce velocità di iniezione / ritiro dell'ago (1-2 secondi) sono associati a meno dolore (37). Inoltre, un angolo di iniezione di gradi 90 può anche aiutare a ridurre il dolore nelle iniezioni intramuscolari.

Sincope o crolli dopo la vaccinazione sono rari, ma possono verificarsi; alcuni studi sulla vaccinazione influenzale suggeriscono che la frequenza di sincope negli atleti più giovani sia intorno al 1% (38). Tuttavia, il sincope stesso può essere meno importante delle lesioni secondarie causate dal collasso come la frattura del cranio e l'emorragia cerebrale. Dato che la maggior parte delle sincope (80%) si verificano entro 15 min dell'amministrazione del vaccino, si raccomanda che gli atleti siano osservati per un periodo di 15-30 minuti dopo la vaccinazione. Questa raccomandazione può essere particolarmente importante per gli atleti di resistenza perché ci sono indicazioni che in questi atleti i sincopi indotti da vasovagine sono più frequenti (39).

Pianificazione della vaccinazione

I programmi di vaccinazione raccomandati per la prevenzione delle malattie dipendono dal precedente record di vaccinazione e dalla storia della malattia dell'atleta in questione. Inoltre, alcuni programmi dipendono dal tipo / marchio dei vaccini utilizzati e le raccomandazioni possono anche differire in base alla politica sanitaria pubblica di ciascun paese. I lettori sono diretti alla sintesi data da Luca e da D'Hemecour (15); ci sono anche alcune eccellenti risorse scaricabili sul Centro per la Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) - https://www.cdc.gov/vaccines/ schedules / hcp / adult.html.

sommario

I requisiti di vaccinazione per gli atleti d'élite non sono gli stessi di quelli per il pubblico in generale. Non solo questi atleti sono potenzialmente esposti a più patogeni della malattia a seguito di viaggi internazionali, anche l'episodio più lieve di malattia che potrebbe essere a malapena visibile alla maggior parte di noi può essere devastante per le prestazioni atletiche d'élite. Per questi motivi, medici e medici dello sport dovrebbero adottare un approccio molto più aggressivo alla vaccinazione dei loro atleti. Insieme ai passaggi per ridurre l'esposizione e le tecniche e i tempi corretti di vaccinazione, i medici possono massimizzare il potenziale dei loro atleti per esibirsi in tutti i periodi dell'anno in tutte le regioni del globo.

Referenze
1. Organizzazione mondiale della Sanità. OMS vaccinopreventivo
malattie: sistema di monitoraggio. 2012
riepilogo globale 2013. http://www.who.int/
immunization_monitoring / dati / data_subject /
it / index.html acceduto 5th Feb 2017
2. Stafndom Impfkommission (STIKO).
Empfehlungen der Sta¨ndigen Impfkommission
(STIKO) è Robert Koch-Institut. Epi Bull.
2012; 283-10
3. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.
Raccomandazioni generali sull'immunizzazione-
raccomandazioni del comitato consultivo
sulle pratiche di immunizzazione (ACIP). MMWR
Raccomandazione Rep. 2011; 60: 1-64
4. Vaccine. 2013;31:6046–9
5. Pharmacoeconomics. 2005;23:855–74
6. J Exp Med. 1970; 131: 1121-36
7. Am Cuore J. 1989; 117: 1298-302
8. Eur J Epidemiol. 1989; 5: 348-50
9. Clin J Sport Med. 2011; 21: 67-70
10. Sport Med. 1997; 24: 1-7
11. J Infezione Dis. 2013; 207: 1037-46
12. Lancetta. 1990; 336: 1315
13. Br J Sport Med. 2004; 38: 678-84
14. Clin Sports Med. 2007; 26: 425-31.
15. Sport Med 2014; 44: 1361-1376
16. Vector Borne zoonotico Dis 2004; 4 (1): 61-70
17. http://www.nhs.uk/Conditions/Lymedisease/Pages/Introduction.aspx#symptoms accessed Feb 2017
18. J infettare Dis 1999; 180 (3): 900-3
19. Ann NY Acad Sci 2003; 990: 295-30
20. J infettare Dis 1984; 150 (4): 480-8
21. N Engl J Med 2001; 345 (2): 79-84
22. Pediatrics. 2013;131:e1716–22.
23. Euro Surveill. 2005; 10 (6): E050609.2
24. Euro Surveill. 2013; 18 (7): 20467
25. Centri per il controllo delle malattie e
Prevenzione. Epidemiologia e prevenzione di
malattie prevenibili dal vaccino. Il rosa
libro: corso di testo. 12th ed .; 2012.
26. Organizzazione mondiale della sanità. Poliomielite;
2014. http://www.who.int/topics/poliomyelitis/en/
27. Clin Exp Rheumatol. 2001; 19: 724-6
28. JAMA. 1997;278:551–6
29. Clin Infect Dis. 2004; 38: 771-9
30. Viaggi Med. 1998; 5: 14-7
31. Cochrane Database Syst Rev.
2014; 1: CD001261
32. Curr Opin Infect Dis. 2012; 25: 489-99
33. Drugs. 2013;73:1147–55
34. Hum Vaccin Immunother. 2014; 10: 995-1007
35. Popul Health Metr. 2013; 11: 17.
36. Vaccino. 2009; 27 (Suppl 2): B51-63
37. Bambino dell'arco. 2007; 92: 1105-8
38. Vaccine. 2013;31:6107–12
39. Prog Cardiovasc Dis. 2012; 54: 438-44