Un'indicazione precoce sull'iperinsulinemia | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Un'indicazione precoce sull'iperinsulinemia

Ti senti:

  • Agitato, facilmente turbato, nervoso?
  • Ti piace bramare i dolci durante il giorno?
  • Che mangiare dolci non allevia il desiderio di zucchero?
  • Che devi avere dei dolci dopo i pasti?
  • Squilibri ormonali?

Se si verifica una di queste situazioni, i livelli di glucosio nel sangue stanno drammaticamente fluttuando su e giù. Potrebbe essere un'indicazione precoce di iperinsulinemia nel tuo corpo.

Quando si tratta del corpo, molte persone spesso cercano di assicurarsi che il loro corpo sia sano e forte mangiando il cibo giusto, esercitandosi regolarmente e persino ricevendo un controllo di routine dai loro principali fornitori di assistenza sanitaria. Anche se le persone possono raggiungere questo obiettivo, a volte agenti patogeni dannosi come malattie autoimmuni, sindrome metabolica e malattie croniche possono influenzare il corpo. Quando agenti patogeni dannosi attaccano il corpo dall'interno, può causare disfunzioni del corpo, in particolare il sistema del corpo. Molte persone hanno trovato il modo di smorzare gli effetti che agenti patogeni nocivi hanno causato nei loro corpi. Tuttavia, ci sono alcune persone che sono compromessi autoimmuni o che hanno anche il diabete che hanno preso le precauzioni necessarie per assicurarsi di avere il controllo del proprio corpo.

È sorprendente che quando le persone controllano i loro livelli di insulina, sono abituate a pensare che l'insulina sia un ormone che regola la glicemia. La ricerca mostra che quando il glucosio nel sangue aumenta nel corpo, l'insulina viene secreta nel corpo per aiutare a ridurre un po 'il glucosio nel sangue. Questa è una stimolazione parziale nota come trasportatori di glucosio insulino-sensibili, e questo è uno dei molti ruoli che l'insulina fornisce che non sono correlati alla glicemia del corpo. Quando i livelli di glucosio nel sangue aumentano e diminuiscono drasticamente nel corpo, può indurre chiunque abbia il diabete ad entrare in DKA o chetoacidosi diabetica.

Iperinsulinemia cronica

Gli studi hanno trovato che quando i diabetici tengono d'occhio i livelli di glucosio nel sangue, seguono una dieta chetogenica per tenere sotto controllo i loro chetoni. È una sorpresa per molte persone che l'insulina non sia necessaria per l'assorbimento del glucosio cellulare. Lo studio di ricerca ha indicato che quando gli individui seguono una dieta carente di carboidrati, i loro corpi possono regolare e controllare la produzione dei corpi chetonici, causando uno stato fisiologico innocuo noto come chetosi dietetica. Lo studio ha anche affermato che quando i corpi chetonici fluiscono dal fegato al cervello, possono essere usati come combustibile. Quando ciò accade, il metabolismo del glucosio di riserva è molto simile al meccanismo del glucosio di riserva che sta ossidando gli acidi grassi come combustibile alternativo.

Picture-di-donna-fare-iniezione-con-insulino-pen_MEDIUM

C'è un altro studio che mostra che l'uso di insulina esogena in soggetti con diabete di tipo 1 potrebbe aver bisogno di sopprimere la secrezione di glucagone libera che facilita il trasporto del glucosio nelle loro cellule. L'ormone glucagone ha un effetto stimolante sulla produzione di combustibile dal fegato e può persino modulare l'assorbimento epatico di glucosio e la sintesi epatica di glicogeno nel corpo. Lo studio mostra anche che l'ormone glucagone è stato a lungo respinto come un piccolo fattore che contribuisce alle malattie metaboliche nel corpo. Non solo, ma il glucagone può anche aumentare il glucosio epatico dal fegato al cervello e la produzione di chetoni nel corpo.

Ricerca sull'iperinsulinemia

Ciò che è interessante è che quando il focus miope dell'insulina è correlato alla glicemia. La ricerca mostra che molte persone hanno perso una serie di problemi di salute che possono verificarsi in presenza di glucosio medio nel corpo, ma è conosciuta come insulina cronicamente elevata. Lo studio di ricerca ha dimostrato che quando vi è una mancanza di insulina nel fegato, si attivano la glicogenolisi e la gluconeogenesi. Quando ciò accade, può migliorare ulteriormente una sovrapproduzione di ormoni come glucagone e cortisolo, che possono stimolare il processo di carenza di insulina. Uno studio ha trovato che quando una persona ha insulina o iperinsulinemia cronicamente elevati, può sviluppare malattie cardiometaboliche anche se il glucosio elevato è assente. Ciò è dovuto al fatto che il glucosio a digiuno fa parte di un controllo di routine e il glucosio cronicamente elevato.

Studi hanno dimostrato che l'iperinsulinemia cronica è il principale fattore di POS (sindrome dell'ovaio policistico) e che esiste un'alta prevalenza di insulino-resistenza non diagnosticata nei pazienti con malattia di Parkinson. L'iperinsulinemia cronica può contribuire all'insulino-resistenza, come studi dimostrano che questo fattore può alterare il metabolismo lipidico nel corpo. Lo studio di ricerca mostra anche che la sensibilità all'insulina può essere determinata dall'iper-insulinemico e può portare ad aumento di peso, aumento dei trigliceridi plasmatici e acidi grassi liberi nel corpo.

L'iperinsulinemia cronica può essere presente molto prima che vi sia un aumento della glicemia. La ricerca mostra che ci sono almeno cinque fasi nella progressione del diabete e può indicare qualsiasi disfunzione metabolica che si sta verificando nel corpo. In uno studio, ha dimostrato che esiste un'associazione tra iperinsulinemia nello stato di digiuno e sviluppo del diabete. Lo studio ha indicato che l'iperinsulinemia basale negli adulti normoglicemici potrebbe costituire un fattore di rischio indipendente per il deterioramento metabolico della disglicemia e può persino aiutare a identificare soggetti sani che potrebbero avere un rischio maggiore di diabete.

Conclusione

Tutto sommato, se qualcuno vuole assicurarsi che i suoi livelli di insulina funzionino correttamente, dovranno seguire una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati e tenere d'occhio i loro livelli di glucosio nel sangue. Gli individui che vivono con una condizione a causa dell'iperinsulinemia cronica, ci sono modi efficaci per gestire questa condizione e persino prevenirla. Molte persone dovrebbero iniziare a mangiare cibi sani e nutritivi, fare esercizio fisico regolarmente e iniziare a sviluppare abitudini sane al fine di raggiungere un senso generale di salute e benessere. Alcuni prodotti sono utili per regolare la glicemia fornendo supporto al metabolismo dello zucchero con nutrienti ipoallergenici, cofattori enzimatici, precursori metabolici e fitonutrienti.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.


Riferimenti:

Dankner, R, et al. "L'iperinsulinemia allo stato basale in adulti normoglicemici sani annuncia la disglicemia dopo più di due decenni di follow-up." Ricerche e recensioni sul diabete / metabolismo, US National Library of Medicine, luglio 2012, pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22865584/.

Hogg, Elliot, et al. "Alta prevalenza di insulino-resistenza non diagnosticata in soggetti non diabetici con malattia di Parkinson." Journal of Parkinson's Disease, US National Library of Medicine, febbraio 2018, pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29614702/.

Manninen, Anssi H. "Effetti metabolici delle diete a bassissimo contenuto di carboidrati: incompresi i" malvagi "del metabolismo umano." Journal of International Society of Sport Nutrition, BioMed Central, 31 dicembre 2004, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2129159/.

Morita, Ippei, et al. "L'iperinsulinemia cronica contribuisce alla resistenza all'insulina sotto restrizione dietetica in associazione con il metabolismo lipidico alterato nei ratti grassi diabetici Zucker." American Journal of Physiology. Endocrinologia e Metabolismo, Biblioteca nazionale americana di medicina, 1 aprile 2017, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28143857.

Sonksen, P. e J. Sonksen. "Insulina: comprendere la sua azione in materia di salute e malattia". British Journal of Anesthesia, 1 luglio 2000, bjanaesthesia.org/article/S0007-0912(17)37337-3/fulltext.

Team, DFH. "Iperinsulinemia: un indicatore precoce della disfunzione metabolica." Disegni per la salute, 12 marzo 2020, blog.designsforhealth.com/node/1212.

Unger, Roger H e Alan D Cherrington. "Ristrutturazione glucagonocentrica del diabete: un rifacimento fisiopatologico e terapeutico." Il Journal of Clinical Investigation, American Society for Clinical Investigation, gennaio 2012, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3248306/.

Weir, Gordon C e Susan Bonner-Weir. "Cinque fasi della disfunzione beta-cellulare in evoluzione durante la progressione verso il diabete." Diabete, US National Library of Medicine, marzo 2004, pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15561905/.


Benessere integrativo moderno Esse Quam Videri

L'Università offre una vasta gamma di professioni mediche per la medicina funzionale e integrativa. Il loro obiettivo è quello di informare le persone che vogliono fare la differenza nei campi medici funzionali con informazioni consapevoli che possono fornire.