Prenotazione online 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX

Smettila di soffrire!

  • Quick n' Easy Appuntamento online
  • Prenota un appuntamento 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX
  • Chiamaci 915-850-0900.
Lunedi9: 00 AM - 7: 00 PM
Martedì9: 00 AM - 7: 00 PM
Mercoledì9: 00 AM - 7: 00 PM
Giovedi9: 00 AM - 7: 00 PM
Venerdì9: 00 AM - 7: 00 PM
Sabato8: 30 AM - 1: 00 PM
DomenicaChiuso

Doctor Cell (Emergenze) 915-540-8444

PRENOTA ONLINE 24/7

Valutazione Functional Medicine®

🔴 Avviso: Come parte del nostro Trattamento per lesioni acute pratica, ora offriamo Integratore di medicina funzionale Valutazioni e trattamenti dentro il nostro ambito clinico per i disturbi degenerativi cronici.  Per prima cosa valutare la storia personale, l'alimentazione corrente, i comportamenti di attività, le esposizioni tossiche, i fattori psicologici ed emotivi, in tandem genetica.  Poi può offrire Trattamenti di Medicina Funzionale insieme ai nostri protocolli moderni.  Per saperne di più

Spiegazione della medicina funzionale

Nuove linee guida dicono opzioni prive di droga in primo luogo per il dolore alla schiena bassa

Share

[et_pb_section bb_built = "1 ″ admin_label =" section "] [et_pb_row admin_label =" row "] [et_pb_column type =" 4_4 ″] [et_pb_text admin_label = "Testo"]

Le persone con dolore alla schiena bassa dovrebbero provare i rimedi senza farmaco

Dai semplici impacchi di calore alla terapia fisica - prima di ricorrere ai farmaci, secondo le nuove linee guida di trattamento.

Dolore nella zona lombare è tra le ragioni più comuni che gli americani visitano il medico, secondo l'American College of Physicians (ACP), che ha pubblicato le nuove linee guida lunedì.

Le raccomandazioni mettono maggiormente l'accento sulle terapie non farmacologiche rispetto alle precedenti. Sottolineano che potenti antidolorifici oppioidi - come OxyContin e Vicodin - dovrebbero essere usati solo come ultima risorsa in alcuni casi di mal di schiena di lunga durata.

Un altro cambiamento: quando sono necessari farmaci, il paracetamolo (Tylenol) non è più raccomandato. Ricerche recenti hanno dimostrato che non è efficace per la lombalgia, ha affermato la dott.ssa Nitin Damle, presidente dell'ACP.

La buona notizia, secondo Damle, è che la maggior parte delle persone con lombalgia “non specifica” a breve termine migliorano con semplici misure come il calore e i cambiamenti di attività. Il dolore non specifico, spiegò Damle, è il tipo in cui fa male la schiena e "non sei sicuro di cosa ci hai fatto."

Ha detto che è diverso dal mal di schiena "radicolare", che è causato dalla compressione di un nervo spinale - da a Disco erniato, per esempio. In genere, questo problema ha sintomi rivelatori come dolore che si irradia lungo la gamba, o debolezza o intorpidimento della gamba.

In generale, ha affermato l'ACP, le persone con dolore alla schiena dovrebbero prima provare le opzioni nondrug.

 

Chiamata oggi!

 

Trattamento del dolore alla schiena

 

Per il dolore che è durato meno di le settimane 12

La ricerca suggerisce che i rifiuti di calore, il massaggio, l'agopuntura e la manipolazione spinale possono facilitare il dolore e ripristinare la funzione a un livello moderato, secondo le linee guida.

Se il dolore dura più di 12 settimane, gli studi suggeriscono che alcune opzioni prive di droga possono ancora essere utili, ha detto l'ACP.

Questi includono la terapia fisica; agopuntura; Terapie "mente-corpo" come yoga, tai chi, riduzione dello stress e di tecniche di rilassamento guidate; e la terapia comportamentale cognitiva.

Quando si usano i farmaci, l'ACP consiglia di iniziare con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come ibuprofene (Advil, Motrin) e naprossene (Aleve) - o possibilmente rilassanti muscolari.

Se fallisce e il dolore persiste, le opzioni successive potrebbero includere duloxetina (Cymbalta), che è prescritta sia per la depressione che per il dolore ai nervi. Oppure il tramadolo antidolorifico, che è un narcotico, ma può alleviare il dolore e influire sulla funzione a breve termine, secondo le linee guida.

"Solo in rare circostanze dovrebbero essere somministrati oppioidi", ha detto Damle. "E poi solo per pochi giorni." Questo è in parte a causa dei rischi di antidolorifici da oppiacei, ha detto, che includono la dipendenza e il sovradosaggio accidentale.

Oltre a ciò, ha aggiunto Damle, ci sono "poche prove" che gli oppioidi aiutino le persone con lombalgia. I consigli, pubblicati online il febbraio 13 in Annals of Internal Medicine, si basano su una revisione di studi che esaminano ciò che funziona - o non funziona - per varie fasi della lombalgia.

In molti casi, gli ACP hanno scoperto che le terapie - farmacologiche o meno - hanno mostrato benefici da "piccoli" a "moderati".

Quando è venuto al dolore alla schiena radicolare, in particolare, c'era poca prova su cosa funzionava. Ma la terapia di esercizio sembrava aiutare.

Le linee guida dicono che le opzioni non droghe sono il miglior primo passo

 

 

Tale consiglio è "ragionevole", ha affermato il dott. Steven Atlas, medico di base presso il Massachusetts General Hospital e professore associato presso la Harvard Medical School.

Atlas, che ha scritto un editoriale pubblicato con le linee guida, ha osservato che tutti i farmaci, inclusi FANS e miorilassanti, possono avere effetti collaterali. E alcuni pazienti, in particolare gli adulti più anziani, potrebbero non essere in grado di prenderli in modo sicuro.

Tuttavia, ha dichiarato Atlas, le raccomandazioni saranno probabilmente un grande cambiamento per molti medici di assistenza primaria.

Nel mondo reale, ha osservato, un medico potrebbe non avere un elenco di agopuntori a cui fare riferimento, ad esempio, ai pazienti. E poi c'è il costo.

"Nella cura di tutti i giorni, diventa molto più complesso", ha detto Atlas. “Dal punto di vista del paziente, è: 'Cosa è disponibile nella mia zona? Cosa copre la mia assicurazione? ”

Damle ha convenuto che le decisioni sul trattamento delle persone dipenderanno in gran parte da tali questioni pratiche.

Atlas ha fatto un altro punto sulla pratica del mondo reale: i medici spesso consigliano combinazioni di terapie, piuttosto che una sola.

Ha detto che c'è bisogno di più studi clinici “pragmatici” che testino le terapie per il mal di schiena, come sono comunemente prescritte nella pratica.

Per ora, Atlas ha suggerito alle persone con lieve mal di schiena di provare a "de-medicalizzare" il problema e concentrarsi sulla semplice cura di sé.

Per le persone con dolore cronico, ha detto che è importante essere realistici su qualunque terapia si provi.

"Se ti aspetti di avere zero dolori in seguito, la maggior parte delle nostre terapie deluderà", ha detto Atlas.

Le linee guida riguardano solo trattamenti non invasivi per la lombalgia e non procedure invasive come iniezioni di farmaci o interventi chirurgici.

La domanda su quando le persone dovrebbero ricorrere a quelle, osservò Atlas, è "l'elefante nella stanza".

FONTI: Nitin Damle, MD, presidente, American College of Physicians, Philadelphia; Steven Atlas, MD, professore associato alla medicina, Harvard Medical School e medico, medicina interna generale, Massachusetts General Hospital, Boston; Febbraio 13, 2017, Annals of Internal Medicine, in linea

Storie di notizie sono scritte e fornite da HealthDay e non riflettono la politica federale, le opinioni di MedlinePlus, la Biblioteca Nazionale di Medicina, gli Istituti Nazionali di Salute o il Dipartimento di Salute e Servizi Umani degli Stati Uniti.

Sourced From: Prova le opzioni prive di droga in primo luogo per il dolore alla schiena basso, le nuove direttive dicono

Diritti di copia: MedlinePlus: Dolore alla schiena

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900

Dott. Alex Jimenez El Paso Chiropratico e Specialista di Back

Chiamata oggi!

[/ Et_pb_text] [/ et_pb_column] [/ et_pb_row] [/ et_pb_section]

Post Recenti

Tecnologia di screening negli squilibri intestinali

Il nostro tratto gastrointestinale ospita più di 1000 specie di batteri che lavorano in simbiosi con noi ... Leggi di più

25 Novembre 2020

Neuro-diagnostica

Abbiamo parlato della neuroinfiammazione e delle sue cause e di come gli effetti della neuroinfiammazione influiscono sul nostro ... Leggi di più

25 Novembre 2020

La scienza della neuroinfiammazione

Cos'è la neuroinfiammazione? La neuroinfiammazione è una risposta infiammatoria che coinvolge le cellule cerebrali come i neuroni ... Leggi di più

24 Novembre 2020

Gestione nutrizionale: reazioni avverse al cibo

Come paziente, andrai (e devi) vedere un medico se mai ti presenti ... Leggi di più

20 Novembre 2020

Rottura del tessuto cicatriziale con chiropratica, mobilità e flessibilità ripristinate

Il tessuto cicatriziale se non trattato / non gestito potrebbe portare a problemi di mobilità e dolore cronico. Individui che ... Leggi di più

20 Novembre 2020

Diabesità

    La diabete è un termine che lega il diabete di tipo II e l'obesità. È questo… Leggi di più

20 Novembre 2020

Specialista in lesioni, traumi e riabilitazione spinale

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘