Linee guida per il trattamento della cefalea chiropratica a El Paso, TX
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Linee guida per il trattamento della cefalea chiropratica a El Paso, TX

Il mal di testa è uno dei motivi più diffusi per le visite mediche. La maggior parte delle persone li vive a un certo punto della loro vita e possono colpire chiunque, indipendentemente dall'età, dalla razza e dal sesso. L'International Headache Society, o IHS, classifica i mal di testa come primari, quando non sono causati da un'altra ferita e / o condizione, o secondaria, quando c'è una causa sottostante dietro di loro. A partire dal emicrania per ammassare mal di testa e mal di testa tensioni, le persone che soffrono di costante mal di testa possono avere difficoltà a partecipare alle loro attività quotidiane. Molti professionisti del settore sanitario curano il mal di testa, tuttavia, la cura chiropratica è diventata un'opzione terapeutica alternativa popolare per una varietà di problemi di salute. Lo scopo del seguente articolo è di dimostrare linee guida evidence-based per il trattamento chiropratico di adulti con mal di testa.

Linee guida basate sull'evidenza per il trattamento chiropratico di adulti con cefalea

Astratto

  • Obbiettivo: Lo scopo di questo manoscritto è quello di fornire consigli pratici basati sull'evidenza per il trattamento chiropratico del mal di testa negli adulti.
  • Metodi: Le ricerche di letteratura sistematica di studi clinici controllati pubblicati attraverso August 2009 rilevanti per la pratica chiropratica sono state condotte utilizzando i database MEDLINE; EMBASE; Medicina alleata e complementare; l'indice cumulativo alla letteratura infermieristica e sanitaria alleata; Sistema indice manuale, alternativo e terapia naturale; Alt HealthWatch; Indice alla letteratura chiropratica; e la biblioteca di Cochrane. Il numero, la qualità e la coerenza dei risultati sono stati considerati per assegnare una forza complessiva di prove (forte, moderata, limitata o conflittuale) e per formulare raccomandazioni pratiche.
  • risultati: Ventuno articoli soddisfano i criteri di inclusione e sono stati usati per sviluppare raccomandazioni. Le prove non hanno superato un livello moderato. Per l'emicrania, la manipolazione spinale e gli interventi multidisciplinari multimodali incluso il massaggio sono raccomandati per il trattamento di pazienti con emicrania episodica o cronica. Per il mal di testa da tensione, la manipolazione spinale non può essere raccomandata per la gestione della cefalea episodica di tipo tensivo. Non si può fare una raccomandazione a favore o contro l'uso della manipolazione spinale per i pazienti con cefalea cronica di tipo tensivo. La mobilizzazione craniocervicale a basso carico può essere utile per la gestione a lungo termine dei pazienti con cefalea episodica o cronica di tipo tensivo. Per la cefalea cervicogenica, si raccomanda la manipolazione spinale. La mobilizzazione articolare o gli esercizi di flessione del collo profondo possono migliorare i sintomi. Non vi è alcun beneficio additivo consistente nel combinare la mobilitazione articolare e gli esercizi di flessione del collo profondo per i pazienti con cefalea cervicogenica. Gli eventi avversi non sono stati affrontati nella maggior parte delle sperimentazioni cliniche; e se lo fossero, non ce n'erano o erano minori.
  • Conclusioni: L'evidenza suggerisce che la cura chiropratica, inclusa la manipolazione spinale, migliora l'emicrania
    e cefalea cervicogenica. Il tipo, la frequenza, il dosaggio e la durata del / i trattamento / i devono essere basati sulle raccomandazioni delle linee guida, sull'esperienza clinica e sui risultati. La prova per l'uso della manipolazione spinale come intervento isolato per i pazienti con cefalea di tipo tensivo rimane equivoca. (J Manipolative Physiol Ther 2011; 34: 274-289)
  • Termini di indicizzazione chiave: Manipolazione spinale; Disturbi di emicrania; Cefalea di tipo tensivo; Cefalea post-traumatica; Linea guida pratica; Chiropratica

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

Mal di testa, o mal di testa, tra cui emicrania e altri tipi di mal di testa, è uno dei tipi più comuni di dolore segnalato tra la popolazione generale. Questi possono verificarsi su uno o entrambi i lati della testa, possono essere isolati in una posizione specifica o possono irradiarsi attraverso la testa da un punto. Mentre i sintomi del mal di testa possono variare a seconda del tipo di dolore alla testa e anche a causa della fonte del problema di salute, i mal di testa sono considerati un reclamo generale indipendentemente dalla loro gravità e forma. Mal di testa, o mal di testa, possono verificarsi a causa di disallineamento spinale, o sublussazione, lungo la lunghezza della colonna vertebrale. Attraverso l'uso di regolazioni spinali e manipolazioni manuali, la cura chiropratica può riallineare in modo sicuro ed efficace la colonna vertebrale, riducendo lo stress e la pressione sulle strutture circostanti della colonna vertebrale, per contribuire infine a migliorare i sintomi del dolore emicranico e salute e benessere generale.

Il mal di testa è un'esperienza comune negli adulti. Mal di testa ricorrenti hanno un impatto negativo sulla vita familiare, sull'attività sociale e sulla capacità lavorativa. [1,2] In tutto il mondo, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'emicrania da sola è 19th tra tutte le cause degli anni vissuti con disabilità. Il mal di testa è il terzo dei motivi per cercare cure chiropratiche in Nord America. [3]

Una diagnosi accurata è fondamentale per la gestione e il trattamento, e una vasta gamma di cefalea è descritta nella classificazione internazionale dei disturbi dell'emicrania 2 (International Headache Society [IHS]). [4] Le categorie sono intese per uso clinico e di ricerca. I mal di testa più comuni, il tipo di tensione e l'emicrania, sono considerati mal di testa primari di natura episodica o cronica. Emicrania episodica o cefalea di tipo tensivo si verificano meno di 15 giorni al mese, mentre il mal di testa cronico si verifica più di 15 giorni al mese per almeno 3 (emicrania) o 6 mesi (mal di testa da tensione). [4] Cefalee secondarie sono attribuite a problemi clinici sottostanti alla testa o al collo che possono anche essere episodici o cronici. I mal di testa cervicogenici sono cefalee secondarie comunemente trattate dai chiropratici e coinvolgono il dolore riferito a una fonte nel collo e percepito in 1 o in più regioni della testa. L'IHS riconosce la cefalea cervicogenica come un disturbo distinto, [4] e l'evidenza che il mal di testa può essere attribuito a un disturbo del collo o a una lesione in base alla storia e alle caratteristiche cliniche (storia del trauma del collo, esacerbazione meccanica del dolore, ridotta gamma di movimento cervicale, e la dolorabilità del collo focale, escluso il dolore miofasciale da solo) è rilevante per la diagnosi ma non è esente da controversie in letteratura. [4,5] Quando il dolore miofasciale da solo è la causa, il paziente deve essere gestito con cefalea di tipo tensivo. [4]

Le modalità di trattamento tipicamente utilizzate dai chiropratici per curare i pazienti con cefalea includono manipolazione spinale, mobilizzazione, manipolazione spinale assistita dal dispositivo, educazione sui fattori di stile modificabili, modalità di terapia fisica, calore / ghiaccio, massaggio, terapie avanzate di tessuti molli come terapia del punto di innesco, e esercizi di rafforzamento e stretching. Vi è una crescente aspettativa per le professioni sanitarie, inclusa la chiropratica, di adottare e usare conoscenze basate sulla ricerca, tenendo sufficientemente conto della qualità delle prove di ricerca disponibili per informare la pratica clinica. Di conseguenza, lo scopo del Canadian Chiropractic Association (CCA) e del Canadian Federation of Chiropractic Regulatory and Educational Accrediting Boards (Federazione), progetto di linee guida per la pratica clinica, è quello di sviluppare linee guida per la pratica basate sulle prove disponibili. Lo scopo di questo manoscritto è quello di fornire consigli pratici basati sull'evidenza per il trattamento chiropratico del mal di testa negli adulti.

Metodi

Il Comitato per lo sviluppo delle linee guida (GDC) ha pianificato e adattato processi sistematici per la ricerca, lo screening, la revisione, l'analisi e l'interpretazione della letteratura. I metodi sono coerenti con i criteri proposti dalla collaborazione "Valutazione della ricerca e valutazione delle linee guida" (http://www.agreecollaboration.org). Questa linea guida è uno strumento di supporto per i professionisti. Non è inteso come standard di cura. La linea guida collega le prove pubblicate disponibili alla pratica clinica ed è solo la componente 1 di un approccio informato alla cura del paziente.

Fonti e ricerche di dati

La ricerca sistematica e la valutazione della letteratura sul trattamento sono state condotte usando i metodi raccomandati da Cochrane Collaboration Back Review Group [6] e Oxman e Guyatt. [7] La strategia di ricerca è stata sviluppata in MEDLINE esplorando i termini MeSH relativi alla chiropratica e interventi specifici e successivamente modificato per altri database. La strategia di ricerca della letteratura era volutamente ampia. Il trattamento chiropratico è stato definito come comprendente le terapie più comuni utilizzate dai professionisti e non era limitato alle modalità di trattamento fornite solo dai chiropratici. È stata lanciata un'ampia rete per includere i trattamenti che possono essere somministrati in cure chiropratiche e quelli che potrebbero anche essere forniti nel contesto di cura da altri operatori sanitari in uno specifico studio di ricerca (Appendice A). La manipolazione spinale è stata definita come una spinta di bassa ampiezza ad alta velocità erogata alla colonna vertebrale. Le terapie escluse includevano procedure invasive di analgesia o neurostimolazione, farmacoterapia, iniezioni di tossina botulinica, terapie cognitive o comportamentali e agopuntura.

Le ricerche di letteratura sono state completate da aprile a maggio 2006, aggiornate in 2007 (fase 1) e aggiornate di nuovo in agosto 2009 (fase 2). Database ricercati inclusi MEDLINE; EMBASE; Medicina alleata e complementare; l'indice cumulativo alla letteratura infermieristica e sanitaria alleata; Sistema indice manuale, alternativo e terapia naturale; Alt HealthWatch; Indice alla letteratura chiropratica; e la Biblioteca Cochrane (Appendice A). Ricerche incluse articoli pubblicati in inglese o con abstract in inglese. La strategia di ricerca era limitata agli adulti (≥18 anni); sebbene gli studi di ricerca con criteri di inclusione dei soggetti che abbracciano una vasta gamma di età, come adulti e adolescenti, siano stati recuperati utilizzando la strategia di ricerca. Gli elenchi di riferimento forniti in revisioni sistematiche (SR) sono stati anche esaminati dal GDC per ridurre al minimo gli articoli rilevanti.

Criteri di selezione delle prove

I risultati della ricerca sono stati sottoposti a screening elettronico e è stato applicato lo screening multistadio (Appendice B): stadio 1A (titolo), 1B (estratto); stage 2A (testo completo), 2B (full text-methodology, relevance); e stage 3 (screening GDC testuale completo come esperti di contenuto clinico). Le citazioni duplicate sono state rimosse e gli articoli pertinenti sono stati recuperati come copie elettroniche e / o cartacee per un'analisi dettagliata. Diversi valutatori, utilizzando gli stessi criteri, hanno completato le schermate della letteratura in 2007 e 2009 a causa dell'intervallo di tempo tra le ricerche.

Solo studi clinici controllati (CCT); studi randomizzati e controllati (RCT); e le revisioni sistematiche (SR) sono state selezionate come base di prova per questa linea guida in linea con gli attuali standard per l'interpretazione dei risultati clinici. La GDC non ha valutato gli studi osservazionali, le serie di casi o le segnalazioni di casi a causa della loro natura incontrollata e della probabile qualità metodologica bassa rispetto a CCT. Questo approccio è coerente con i metodi aggiornati per gli SR pubblicati dal Cochrane Back Review Group. [8] Se più autori SR sono stati pubblicati dagli stessi autori su un dato argomento, solo la pubblicazione più recente è stata conteggiata e utilizzata per la sintesi delle prove. Sono state inoltre escluse revisioni sistematiche delle SR per evitare il doppio conteggio dei risultati della ricerca.

Valutazione della letteratura e interpretazione

I punteggi di qualità dei CCT o RCT includevano i criteri 11 che rispondevano con "sì (punteggio 1)" o "no (punteggio 0) / non so (punteggio 0)" (Tabella 1). Il GDC ha documentato 2 ulteriori criteri di interesse: (1) l'uso da parte dei ricercatori dei criteri diagnostici IHS per l'iscrizione del soggetto e la valutazione (2) degli effetti collaterali (Tabella 1, colonne L e M). L'utilizzo dei criteri IHS [4] è stato rilevante per questo processo di guida alla pratica clinica (CPG) per confermare la specificità diagnostica all'interno e tra gli studi di ricerca. Gli studi sono stati esclusi se i ricercatori non avessero applicato criteri diagnostici IHS per l'inclusione del soggetto in uno studio (Appendice C); e se prima di 2004, prima che la cefalea cervicogenica fosse inclusa nella classificazione IHS, non venivano utilizzati i criteri diagnostici del Gruppo di studio internazionale Cervicogenic Headache [9]. Gli effetti collaterali sono stati rivisti come proxy per potenziali rischi associati al trattamento. Non è stato applicato alcun fattore di ponderazione ai singoli criteri e le valutazioni di qualità possibili variavano da 0 a 11. Sia il blinding di soggetti che i fornitori di assistenza sono stati valutati negli articoli di ricerca dal GDC, dal momento che questi articoli sono elencati nello strumento di valutazione della qualità. [6] I metodi di GDC non hanno adattato o alterato lo strumento di valutazione. Il razionale di questo approccio era che alcune modalità di trattamento (es. Stimolazione elettrica transcutanea del nervo [TENS], ultrasuoni) e progetti di sperimentazione possono rendere accecante il paziente e / o il professionista. [10] Il GDC non ha limitato la valutazione di questi parametri di qualità se effettivamente sono stati segnalati in studi clinici per il trattamento dei disturbi della cefalea. La GDC ha anche considerato al di fuori del proprio ambito di competenza modificare, senza validazione, uno strumento di valutazione ampiamente utilizzato per valutare la letteratura clinica. [6] Nuovi strumenti di ricerca per l'analisi e la valutazione della letteratura della terapia manuale, tuttavia, sono urgentemente necessari e sono indicati come un'area di ricerca futura nella sezione di discussione sottostante.

Tabella 1 Valutazioni qualitative di prove controllate di trattamenti fisici per la gestione dei disturbi del mal di testa

I valutatori di letteratura erano contributori di progetto separati dal GDC e non erano stati consultati per studiare autori, istituzioni e giornali di origine. Tre membri della GDC (MD, RR e LS) hanno convalidato i metodi di valutazione della qualità completando valutazioni della qualità su un sottoinsieme casuale di articoli 10. [11-20] Un alto livello di accordo è stato confermato attraverso i rating di qualità. È stato raggiunto un accordo completo su tutti gli articoli per gli studi 5: in 10 di articoli 11 per studi 4 e 8 di articoli 11 per lo studio rimanente su 1. Tutte le discrepanze sono state facilmente risolte attraverso la discussione e il consenso da parte della GDC (Tabella 1). A causa dell'eterogeneità dei metodi di ricerca negli studi, non è stata eseguita alcuna meta-analisi o raggruppamento statistico dei risultati degli studi. Le prove che hanno ottenuto più della metà della valutazione totale possibile (ovvero, ≥6) sono state considerate di alta qualità. Le prove con punteggio 0 tramite 5 sono state considerate di bassa qualità. Sono stati esclusi studi con difetti metodologici importanti o indagini su tecniche di trattamento specialistiche (ad esempio, trattamento non considerato rilevante dal GDC per la cura chiropratica di pazienti con cefalea; Appendice Tabella 3).

Il punteggio di qualità degli SR includeva i criteri 9 che rispondevano sì (punteggio 1) o no (punteggio 0) / non so (punteggio 0) e una risposta qualitativa per l'articolo J "senza difetti", "difetti minori" o "difetti maggiori" (Tabella 2). Le valutazioni possibili variavano da 0 a 9. La determinazione della qualità scientifica generale degli SR con difetti importanti, difetti minori o assenza di difetti, come elencato nella colonna J (Tabella 2), era basata sulle risposte dei valutatori della letteratura ai precedenti articoli 9. I seguenti parametri sono stati utilizzati per ricavare la qualità scientifica complessiva di un SR: se fosse stata utilizzata la risposta no / do not, un SR probabilmente avrebbe avuto difetti minori nel migliore dei casi. Tuttavia, se è stato utilizzato "No" sugli articoli B, D, F o H, la revisione avrebbe probabilmente avuto grossi difetti. [21] Revisioni sistematiche che hanno ottenuto più della metà del punteggio totale possibile (cioè, ≥5) senza o difetti minori sono stati valutati come di alta qualità. Sono state escluse revisioni sistematiche con punteggio 4 o inferiore e / o con difetti maggiori.

Tabella 2 Valutazioni qualitative di revisioni sistematiche di trattamenti fisici per la gestione dei disturbi del mal di testa

Le revisioni sono state definite sistematiche se includevano un metodo esplicito e ripetibile per la ricerca e l'analisi della letteratura e se sono stati descritti i criteri di inclusione ed esclusione per gli studi. Sono stati valutati metodi, criteri di inclusione, metodi per valutare la qualità dello studio, caratteristiche degli studi inclusi, metodi per la sintesi dei dati e risultati. Raters ha raggiunto un accordo completo per tutti gli articoli di rating per 7 SR [22-28] e per 7 di 9 articoli per gli SR 2 aggiuntivi. [29,30] Le discrepanze sono state ritenute minori e facilmente risolte tramite revisione e consenso GDC (Tabella 2).

Sviluppare raccomandazioni per la pratica

Il GDC ha interpretato le prove rilevanti per il trattamento chiropratico dei mal di testa. Un riepilogo dettagliato degli articoli pertinenti sarà pubblicato sul sito web del Progetto Linee guida per le pratiche cliniche della Federazione CCA / Federazione.

Gli studi randomizzati e controllati e le loro scoperte sono stati valutati per fornire raccomandazioni sul trattamento. Per assegnare una forza complessiva di prova (forte, moderata, limitata, in conflitto o nessuna evidenza), [6] la GDC ha considerato il numero, la qualità e la coerenza dei risultati della ricerca (Tabella 3). Forti evidenze sono state prese in considerazione solo quando più RCT di alta qualità hanno corroborato i risultati di altri ricercatori in altri contesti. Solo gli SR di alta qualità sono stati valutati in relazione al corpus delle prove e per informare le raccomandazioni sul trattamento. Il GDC ha considerato le modalità di trattamento di avere benefici comprovati se supportati da un minimo di livello moderato di prove.

Tabella 3 Forza dell'Evidenza

Le raccomandazioni per la pratica sono state sviluppate in riunioni di gruppo di lavoro collaborativo.

risultati

Tabella 4 Riepilogo della letteratura delle valutazioni! Uality delle prove per gli interventi di emicrania con o senza aura

Tabella 5 Riassunto della letteratura e valutazioni di qualità delle prove per gli interventi per la cefalea di tipo tensionale

Tabella 6 Riepilogo della letteratura e valutazioni di qualità delle prove per gli interventi sulla cefalea cervicogenica

Tabella 7 Riepilogo della letteratura e valutazioni di qualità delle revisioni sistematiche dei trattamenti fisici per la gestione dei disturbi del mal di testa

Letteratura

Dalle ricerche bibliografiche, inizialmente sono state identificate le citazioni 6206. Ventuno articoli soddisfano i criteri finali per l'inclusione e sono stati considerati nelle raccomandazioni per lo sviluppo della pratica (16 CCT / RCT [11-20,31-36] e 5 SRs [24-27,29]). Le valutazioni di qualità degli articoli inclusi sono fornite nelle tabelle 1 e 2. Appendice Tabella 3 elenca gli articoli esclusi dallo screening finale dal GDC e le ragioni per la loro esclusione. Assenza di descrizioni accecanti e insoddisfacenti del soggetto e del professionista sono state identificate limitazioni metodologiche degli studi controllati. I tipi di cefalea valutati in questi studi includevano emicrania (Tabella 4), cefalea di tipo tensivo (Tabella 5) e cefalea cervicogenica (Tabella 6). Di conseguenza, solo questi tipi di mal di testa sono rappresentati da prove e raccomandazioni pratiche in questo CPG. I riepiloghi delle prove degli SR sono forniti nella Tabella 7.

Raccomandazioni pratiche: trattamento dell'emicrania

  • La manipolazione spinale è raccomandata per la gestione di pazienti con emicrania episodica o cronica con o senza aura. Questa raccomandazione si basa su studi che hanno utilizzato una frequenza di trattamento 1 a 2 volte a settimana per 8 settimane (livello di evidenza, moderato). Un RCT di alta qualità, [20] 1 di bassa qualità RCT, [17] e 1 di alta qualità SR [24] supportano l'uso della manipolazione spinale per pazienti con emicrania episodica o cronica (Tabelle 4 e 7).
  • La terapia di massaggio settimanale è raccomandata per ridurre la frequenza di emicrania episodica e per migliorare i sintomi affettivi potenzialmente legati al dolore di mal di testa (livello di evidenza, moderato). Un RCT di alta qualità [16] supporta questa raccomandazione pratica (Tabella 4). I ricercatori hanno utilizzato un massaggio 45 minuto con particolare attenzione alla struttura neuromuscolare e del punto di innesco di schiena, spalle, collo e testa.
  • La cura multidisciplinare multimodale (esercizio fisico, rilassamento, stress e consulenza nutrizionale, terapia di massaggio) è consigliata per la gestione di pazienti con emicrania episodica o cronica. Riferisca come appropriato (livello di evidenza, moderato). Un RCT di alta qualità [32] supporta l'efficacia dell'intervento multidisciplinare multimodale per l'emicrania (Tabella 4). L'intervento dà la priorità a un approccio di gestione generale costituito da esercizio fisico, istruzione, cambiamento dello stile di vita e autogestione.
  • Vi sono dati clinici insufficienti da raccomandare a favore o contro l'uso dell'esercizio da solo o dell'esercizio combinato con terapie fisiche multimodali per la gestione di pazienti con emicrania episodica o cronica (esercizio aerobico, range di movimento cervicale [cROM] o stretching di tutto il corpo). Tre CCT di bassa qualità [13,33,34] contribuiscono a questa conclusione (Tabella 4).

Raccomandazioni pratiche: cefalea di tipo tensivo

  • La mobilizzazione craniocervicale a basso carico (es. Thera-Band, Resistive Exercise Systems, Hygenic Corporation, Akron, OH) è raccomandata per il trattamento a lungo termine (ad es. 6 mesi) di pazienti con cefalea episodica o cronica di tipo tensivo (livello di evidenza, moderata ). Un RCT di alta qualità [36] ha mostrato che la mobilitazione a basso carico riduce significativamente i sintomi di cefalea di tipo tensivo per i pazienti a lungo termine (Tabella 5).
  • La manipolazione spinale non può essere raccomandata per la gestione di pazienti con cefalea episodica di tipo tensivo (livello di evidenza, moderato). Vi sono prove a livello moderato che la manipolazione spinale dopo la terapia premanipolare dei tessuti molli non offre ulteriori benefici per i pazienti con cefalea di tipo tensivo. Un RCT di alta qualità [12] (Tabella 5) e le osservazioni riportate in 4 SR [24-27] (Tabella 7) non suggeriscono alcun beneficio della manipolazione spinale per i pazienti con cefalea episodica di tipo tensivo.
  • Non si può fare una raccomandazione a favore o contro l'uso della manipolazione spinale (2 volte a settimana per 6 settimane) per i pazienti con cefalea cronica di tipo tensivo. Gli autori di 1 RCT [11] valutati come di alta qualità dallo strumento di valutazione della qualità [6] (Tabella 1) e riepiloghi di questo studio in 2 SR [24,26] suggeriscono che la manipolazione spinale può essere efficace per il mal di testa cronico di tipo tensivo. Tuttavia, la GDC considera l'RCT [11] difficile da interpretare e inconcludente (Tabella 5). Lo studio non è adeguatamente controllato da squilibri nel numero di incontri tra medico e soggetto-gruppo di studio (ad es. Visite 12 per soggetti nella terapia dei tessuti molli più gruppo di manipolazione spinale vs visite 2 per soggetti nel gruppo amitriptilina). Non c'è modo di sapere se un livello comparabile di attenzione personale per i soggetti del gruppo amitriptilina possa aver influenzato i risultati dello studio. Queste considerazioni e interpretazioni da 2 altri SR [25,27] contribuiscono a questa conclusione (Tabella 7).
  • Non vi sono prove sufficienti per raccomandare a favore o contro l'uso della trazione manuale, della manipolazione del tessuto connettivo, della mobilizzazione di Cyriax o dell'esercizio fisico / allenamento per pazienti con cefalea episodica o cronica di tipo tensivo. Tre studi inconcludenti di bassa qualità [19,31,35] (Tabella 5), RCT negativo di bassa qualità 1, [14] e 1 SR [25] contribuiscono a questa conclusione (Tabella 7).

Raccomandazioni pratiche: cefalea cervicogenica

  • La manipolazione spinale è raccomandata per la gestione di pazienti con cefalea cervicogenica. Questa raccomandazione si basa sullo studio 1 che utilizzava una frequenza di trattamento di 2 volte a settimana per le settimane 3 (livello di evidenza, moderato). In un RCT di alta qualità, Nilsson et al [18] (Tabella 6) hanno mostrato un effetto significativamente positivo della manipolazione spinale ad alta velocità e bassa ampiezza per i pazienti con cefalea cervicogenica. La sintesi dell'evidenza di 2 SRs [24,29] (Tabella 7) supporta questa raccomandazione pratica.
  • La mobilizzazione articolare è raccomandata per la gestione di pazienti con cefalea cervicogenica (livello di evidenza, moderato). Jull et al [15] hanno esaminato gli effetti della mobilizzazione articolare Maitland 8 ai trattamenti 12 per le settimane 6 in un RCT di alta qualità (Tabella 6). La mobilitazione ha seguito la tipica pratica clinica, in cui la scelta delle tecniche a bassa velocità e ad alta velocità si basava su valutazioni iniziali e progressive della disfunzione articolare cervicale dei pazienti. Effetti benefici sono stati segnalati per frequenza, intensità, mal di testa e disabilità del mal di testa. La sintesi dell'evidenza di 2 SRs [24,29] (Tabella 7) supporta questa raccomandazione pratica.
  • Esercizi di flessione del collo profondo sono raccomandati per la gestione di pazienti con cefalea cervicogenica (livello di evidenza, moderato). Questa raccomandazione si basa su uno studio di 2 volte al giorno per le settimane 6. Non vi è alcun beneficio additivo consistente nel combinare esercizi di flessione del collo profondo e mobilizzazione articolare per cefalea cervicogenica. Un RCT di alta qualità [15] (Tabella 6) e le osservazioni fornite in 2 SR [24,29] (Tabella 7) supportano questa raccomandazione pratica.

Sicurezza

I professionisti selezionano le modalità di trattamento insieme a tutte le informazioni cliniche disponibili per un determinato paziente. Tra gli 16 CCT / RCTS [11-20,31-36] inclusi nel corpo delle evidenze per questo CPG, solo gli studi 6 [11,12,15,20,32,36] hanno valutato o discusso adeguatamente gli effetti collaterali dei pazienti oi parametri di sicurezza (Tabella 1, colonna M). Nel complesso, i rischi segnalati erano bassi. Tre degli studi hanno riportato informazioni di sicurezza per la manipolazione spinale. [11,12,20] Boline et al [11] hanno riferito che 4.3% di soggetti ha avuto rigidità del collo dopo manipolazione spinale iniziale che è scomparsa per tutti i casi dopo le prime settimane di trattamento con 2. Dolore o aumento del mal di testa dopo la manipolazione spinale (n = 2) sono stati i motivi per l'interruzione del trattamento citati da Tuchin et al. [20] Nessun effetto indesiderato è stato sperimentato da nessun soggetto studiato da Bove et al [12] utilizzando la manipolazione spinale per il trattamento di cefalea episodica di tipo tensivo. Gli studi di trattamento per valutare gli esiti di efficacia potrebbero non registrare un numero adeguato di soggetti per valutare l'incidenza di eventi avversi rari. Sono necessari altri metodi di ricerca per sviluppare una piena comprensione dell'equilibrio tra benefici e rischi.

Discussione

La manipolazione spinale e altre terapie manuali comunemente usate in chiropratica sono state studiate in diverse CCT che sono eterogenee nella registrazione del soggetto, nella progettazione e nella qualità generale. I tipi di pazienti e cefalea rappresentati sistematicamente nella base di evidenza sono emicrania, cefalea di tipo tensivo e cefalea cervicogenica. I risultati dello stato di salute primario riportati sono in genere la frequenza, l'intensità, la durata e le misure di miglioramento della qualità della vita. La prova non è superiore a un livello moderato in questo momento.

L'evidenza supporta l'uso della manipolazione spinale per la gestione chiropratica di pazienti con cefalea emicrania o cervicogenica, ma non di cefalea di tipo tensivo. Per l'emicrania, può anche essere efficace l'assistenza multidisciplinare che utilizza settimanalmente la terapia di massaggio 45-minuto e la cura multimodale (esercizio fisico, rilassamento, stress e consulenza nutrizionale). In alternativa, si raccomandano esercizi di mobilizzazione articolare o flessore del collo profondo per migliorare i sintomi di cefalea cervicogenica. Non sembra esserci un beneficio consistentemente additivo di combinare la mobilitazione articolare e gli esercizi di flessione del collo profondo per i pazienti con cefalea cervicogenica. Una prova moderata supporta l'uso della mobilizzazione craniocervicale a basso carico per la gestione a lungo termine dei mal di testa di tipo tensivo.

limitazioni

Le carenze di questa linea guida includono la quantità e la qualità delle prove a supporto trovate durante le ricerche. Non sono stati pubblicati recenti studi di ricerca di alta qualità adeguatamente controllati con risultati clinici riproducibili per la cura chiropratica di mal di testa. Sono necessari studi per approfondire la nostra comprensione di specifiche terapie manuali isolate o in combinazioni ben controllate per il trattamento dell'emicrania, cefalea di tipo tensivo, cefalea cervicogenica o altri tipi di cefalea che si presentano ai medici (ad es., Cluster, mal di testa post-traumatico) . Un altro difetto di questa sintesi letteraria è la dipendenza da studi di ricerca pubblicati con campioni di dimensioni ridotte (tabelle 4-6), paradigmi di trattamento a breve termine e periodi di follow-up. Devono essere finanziati studi clinici ben progettati con un numero sufficiente di soggetti, trattamenti a più lungo termine e periodi di follow-up per far progredire la cura chiropratica e la manipolazione spinale, in particolare, per la gestione di pazienti con disturbi di cefalea. Come con qualsiasi revisione della letteratura e linee guida di pratica clinica, le informazioni fondamentali e la letteratura pubblicata si stanno evolvendo. Gli studi che potrebbero aver informato questo lavoro potrebbero essere stati pubblicati dopo la conclusione di questo studio. [37-39]

Considerazioni per la ricerca futura

Il consenso di GDC è che c'è bisogno di ulteriori studi di chiropratica con pazienti con disturbi di mal di testa.

  • Sono necessarie ulteriori ricerche cliniche di alta qualità. La ricerca futura richiede progetti di studio utilizzando comparatori attivi e gruppi di trattamento e / o placebo per migliorare la base di evidenze per la cura del paziente. Il paziente accecante agli interventi fisici per gestire i risultati di aspettativa è necessario ed è stato esplorato dai ricercatori in chiropratica per altre condizioni di dolore. [10] La mancanza di studi sistematicamente riportati presenta una sfida pratica per la generazione di raccomandazioni terapeutiche basate sull'evidenza. Tutti gli studi futuri dovrebbero essere strutturati utilizzando metodi convalidati sistematici (ad es., Standard consolidati di Reporting [CONSORT] e Reporting trasparente di valutazioni con progetti non randomizzati [TREND]).
  • La segnalazione sistematica dei dati di sicurezza è necessaria nella ricerca chiropratica. Tutti gli studi clinici devono raccogliere e riportare potenziali effetti collaterali o rischi anche se non ne viene osservato nessuno.
  • Sviluppare nuovi strumenti quantitativi per valutare la ricerca sulla terapia manuale. L'accecamento serve a controllare gli effetti di aspettativa e gli effetti non specifici delle interazioni tra soggetti e gruppi di studio. In genere non è possibile per i soggetti e i fornitori ciechi effettuare studi sull'efficacia delle terapie manuali. Nonostante i limiti intrinseci, sia il blinding di soggetti che i fornitori di assistenza sono stati valutati negli articoli di ricerca dal GDC, poiché questi articoli sono inclusi in strumenti di valutazione di alta qualità. [6] Gli strumenti di ricerca avanzati per l'analisi e la successiva valutazione della letteratura terapeutica manuale sono urgentemente necessario
  • Per far avanzare la ricerca sui risultati funzionali nella cura chiropratica del mal di testa. Questa linea guida ha identificato che gli studi di cefalea utilizzano una gamma variabile di misure per valutare l'effetto del trattamento sui risultati di salute. Frequenza, intensità e durata della cefalea sono i risultati più coerentemente utilizzati (tabelle 4-6). Sono necessari sforzi seri per includere misure di esito centrate sul paziente convalidate nella ricerca chiropratica che siano congruenti con i miglioramenti nella vita quotidiana e la ripresa di routine significative.
  • Efficacia dei costi. Non sono stati effettuati studi di ricerca sul rapporto costo-efficacia della manipolazione spinale per il trattamento dei disturbi della cefalea. Le future sperimentazioni cliniche sulla manipolazione spinale dovrebbero valutare l'efficacia dei costi.

Sono necessari altri metodi di ricerca per sviluppare una piena comprensione dell'equilibrio tra benefici e rischi. Questo CPG non fornisce una revisione di tutti i trattamenti chiropratici. Eventuali omissioni riflettono lacune nella letteratura clinica. Il tipo, la frequenza, il dosaggio e la durata del / i trattamento / i devono essere basati sulle raccomandazioni delle linee guida, sull'esperienza clinica e sulla conoscenza del paziente fino a quando non saranno disponibili livelli più elevati di evidenza.

Conclusioni

Esiste una base di prova per supportare la cura chiropratica, inclusa la manipolazione spinale, per la gestione dell'emicrania e dei mal di testa cervicogenici. Il tipo, la frequenza, il dosaggio e la durata del / i trattamento / i devono essere basati sulle raccomandazioni delle linee guida, sull'esperienza clinica e sulla conoscenza del paziente. La prova per l'uso della manipolazione spinale come intervento isolato per i pazienti con cefalea di tipo tensivo rimane equivoca. Sono necessarie ulteriori ricerche
Le linee guida di pratica collegano le migliori evidenze disponibili alla buona pratica clinica e sono solo la componente 1 di un approccio informato per fornire una buona assistenza. Questa linea guida intende essere una risorsa per la fornitura di cure chiropratiche per i pazienti con mal di testa. È un "documento vivente" e soggetto a revisione con l'emergere di nuovi dati. Inoltre, non è un sostituto per l'esperienza clinica e l'esperienza di un professionista. Questo documento non è destinato a servire come standard di cura. Piuttosto, la linea guida attesta l'impegno della professione per far progredire le pratiche basate sull'evidenza attraverso l'impegno di uno scambio di conoscenze e un processo di trasferimento per sostenere il movimento delle conoscenze della ricerca in pratica.

Applicazioni pratiche

  • Questa linea guida è una risorsa per la consegna di cure chiropratiche per i pazienti con mal di testa.
  • La manipolazione spinale è raccomandata per la gestione di pazienti con cefalea emicrania o cervicogenica.
  • Interventi multidisciplinari multimodali incluso il massaggio possono giovare ai pazienti con emicrania.
  • La mobilizzazione articolare o gli esercizi di flessione del collo profondo possono migliorare i sintomi di cefalea cervicogenica.
  • La mobilizzazione craniocervicale a basso carico può migliorare il mal di testa da tensione.

Ringraziamenti

Gli autori ringraziano per l'input su questa linea guida: Ron Brady, DC; Grayden Bridge, DC; H James Duncan; Wanda Lee MacPhee, DC; Keith Thomson, DC, ND; Dean Wright, DC; e Peter Waite (membri della Task Force delle linee guida per la pratica clinica). Gli autori ringraziano per l'assistenza nella valutazione della ricerca di letteratura di fase I: Simon Dagenais, DC, PhD; e Thor Eglinton, MSc, RN. Gli autori ringraziano quanto segue per l'assistenza con la ricerca bibliografica di fase II e la valutazione dell'evidenza: Seema Bhatt, PhD; Mary-Doug Wright, MLS. Gli autori ringraziano Karin Sorra, PhD per l'assistenza con ricerche bibliografiche, valutazione delle prove e supporto editoriale.

Fonti di finanziamento e potenziali conflitti di interesse

Il finanziamento è stato fornito dalla CCA, dalla Canadian Chiropractic Protective Association e dai contributi chiropratici provinciali di tutte le province ad eccezione della British Columbia. Questo lavoro è stato sponsorizzato dal CCA e dalla Federazione. Nessun conflitto di interesse è stato segnalato per questo studio.

In conclusione, il mal di testa è uno dei motivi più comuni per cui le persone cercano assistenza medica. Sebbene molti professionisti sanitari possano trattare il mal di testa, la cura chiropratica è una nota opzione terapeutica alternativa frequentemente utilizzata per trattare una varietà di problemi di salute, inclusi diversi tipi di mal di testa. Secondo l'articolo sopra, le prove suggeriscono che la cura chiropratica, comprese le regolazioni spinali e le manipolazioni manuali, può migliorare il mal di testa e l'emicrania. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Robbins MS, Lipton RB. L'epidemiologia dei disturbi principali della cefalea. Semin Neurol 2010; 30: 107-19.
2. Stovner LJ, Andree C. Prevalenza del mal di testa in Europa: una revisione per il progetto Eurolight. J Headache Pain Aug 2010; 11: 289-99.
3. Coulter ID, Hurwitz EL, Adams AH, Genovese BJ, Hays R, Shekelle PG. Pazienti che usano chiropratici in Nord America: chi sono e perché sono in cura chiropratica? Spine (Phila Pa 1976) 2002; 27 (3): 291-6 [discussione 297-98].
4. International Headache Society. La classificazione internazionale dei disturbi dell'emicrania, 2nd ed. Cefalalgia 2004; 24: 9-160 (Suppl 1).
5. Bogduk N, Govind J. Mal di testa cervicogenico: una valutazione delle prove sulla diagnosi clinica, test invasivi e trattamento. Lancet Neurol 2009; 8: 959-68.
6. van Tulder M, Furlan A, Bombardier C, Bouter L. Linee guida metodologiche aggiornate per revisioni sistematiche nel gruppo di riesame della collaborazione in cochrane. Spine (Phila Pa 1976) 2003; 28: 1290-9.
7. Oxman AD, Guyatt GH. Convalida di un indice della qualità degli articoli di revisione. J Clin Epidemiol 1991; 44: 1271-8.
8. Furlan AD, Pennick V, Bombardier C, van Tulder M. 2009 hanno aggiornato le linee guida metodologiche per le revisioni sistematiche nel Cochrane Back Review Group. Spine (Phila Pa 1976) 2009; 34: 1929-41.
9. Sjaastad O, Fredriksen TA, Pfaffenrath V. Mal di testa cervicogenico: criteri diagnostici. Il gruppo di studio internazionale Cervicogenic Headache. Mal di testa 1998; 38: 442-5.
10. Hawk C, Long CR, Reiter R, Davis CS, Cambron JA, Evans R. Problemi nella pianificazione di uno studio controllato con placebo su metodi manuali: risultati di uno studio pilota. J Complemento alternativo Med 2002; 8: 21-32.
11. Boline PD, Kassak K, Bronfort G, Nelson C, Anderson AV. Manipolazione spinale vs. amitriptilina per il trattamento del mal di testa da tensione cronica: uno studio clinico randomizzato. J Manipolative Physiol Ther 1995; 18: 148-54.
12. Bove G, Nilsson N. Manipolazione spinale nel trattamento della cefalea episodica di tipo tensivo: uno studio controllato randomizzato. JAMA 1998; 280: 1576-9.
13. Dittrich SM, Gunther V, Franz G, Burtscher M, Holzner B, Kopp M. Esercizio aerobico con rilassamento: influenza sul dolore e benessere psicologico nei pazienti con emicrania femminile. Clin J Sport Med 2008; 18: 363-5.
14. Donkin RD, Parkin-Smith GF, Gomes N. Possibile effetto della manipolazione chiropratica e trazione manuale combinata e manipolazione sulla cefalea tensiva: uno studio pilota. J Neuromusculoskeletal Systen 2002; 10: 89-97.
15. Jull G, Trott P, Potter H, et al. Uno studio controllato randomizzato di esercizio fisico e terapia manipolativa per cefalea cervicogenica. Spine (Phila Pa 1976) 2002; 27: 1835-43 [discussione 1843].
16. Lawler SP, Cameron LD. Uno studio randomizzato e controllato della terapia di massaggio come trattamento per l'emicrania. Ann Behav Med 2006; 32: 50-9.
17. Nelson CF, Bronfort G, Evans R, Boline P, Goldsmith C, Anderson AV. L'efficacia della manipolazione spinale, l'amitriptilina e la combinazione di entrambe le terapie per la profilassi dell'emicrania. J Manipolative Physiol Ther 1998; 21: 511-9.
18. Nilsson N, Christensen HW, Hartvigsen J. L'effetto della manipolazione spinale nel trattamento del mal di testa cervicogenico. J Manipolative Physiol Ther 1997; 20: 326-30.
19. Soderberg E, Carlsson J, Stener-Victorin E. Cefalea di tipo tensivo cronica trattata con agopuntura, allenamento fisico e allenamento di rilassamento. Differenze tra gruppi. Cefalalgia 2006; 26: 1320-9.
20. Tuchin PJ, Pollard H, Bonello R. Uno studio randomizzato controllato di terapia manipolatoria spinale chiropratica per l'emicrania. J Manipolative Physiol Ther 2000; 23: 91-5.
21. Chou R, Huffman LH. Terapie non farmacologiche per la lombalgia acuta e cronica: una revisione delle prove per una linea guida sulla pratica clinica dell'American Pain Society / American College of Physicians. Ann Intern Med 2007; 147: 492-504.
22. Astin JA, Ernst E. L'efficacia della manipolazione spinale per il trattamento dei disturbi della cefalea: una revisione sistematica di studi clinici randomizzati. Cefalalgia 2002; 22: 617-23.
23. Biondi DM. Trattamenti fisici per il mal di testa: una revisione strutturata. Mal di testa 2005; 45: 738-46.
24. Bronfort G, Nilsson N, Haas M, et al. Trattamenti fisici non invasivi per cefalea cronica / ricorrente. Database Cochrane Syst Rev 2004: CD001878.
25. Fernandez-de-Las-Penas C, Alonso-Blanco C, Cuadrado ML, Miangolarra JC, Barriga FJ, Pareja JA. Le terapie manuali sono efficaci nel ridurre il dolore da cefalea di tipo tensivo ?: una revisione sistematica. Clin J Pain 2006; 22: 278-85.
26. Hurwitz EL, Aker PD, Adams AH, Meeker WC, Shekelle PG. Manipolazione e mobilizzazione del rachide cervicale. Una revisione sistematica della letteratura. Spine (Phila Pa 1976) 1996; 21: 1746-59.
27. Lenssinck ML, Damen L, Verhagen AP, Berger MY, Passchier J, Koes BW. L'efficacia della fisioterapia e della manipolazione nei pazienti con cefalea di tipo tensivo: una revisione sistematica. Dolore 2004; 112: 381-8.
28. Vernon H, McDermaid CS, Hagino C. Revisione sistematica di studi clinici randomizzati di terapie complementari / alternative nel trattamento del cefalea di tipo tensivo e cervicogenico. Complement Ther Med 1999; 7: 142-55.
29. Fernandez-de-Las-Penas C, Alonso-Blanco C, Cuadrado ML, Pareja JA. Terapia manipolativa spinale nella gestione del mal di testa cervicogenico. Mal di testa 2005; 45: 1260-3.
30. Maltby JK, Harrison DD, Harrison D, Betz J, Ferrantelli JR, Clum GW. Frequenza e durata della cura chiropratica per mal di testa, collo e mal di schiena. J Vertebr Subluxat Res 2008; 2008: 1-12.
31. Demirturk F, Akarcali I, Akbayrak T, Cita I, Inan L. Risultati di due diverse tecniche di terapia manuale nella cefalea cronica di tipo tensivo. Pain Clin 2002; 14: 121-8.
32. Lemstra M, Stewart B, Olszynski WP. Efficacia dell'intervento multidisciplinare nel trattamento dell'emicrania: uno studio clinico randomizzato. Mal di testa 2002; 42: 845-54.
33. Marcus DA, Scharff L, Mercer S, Turk DC. Trattamento non farmacologico per l'emicrania: utilità incrementale della terapia fisica con rilassamento e biofeedback termico. Cefalalgia 1998; 18: 266-72.
34. Narin SO, Pinar L, Erbas D, Ozturk V, Idiman F. Gli effetti dell'esercizio e delle variazioni correlate all'attività fisica nel livello di ossido nitrico nel sangue per l'emicrania. Clin Rehabil 2003; 17: 624-30.
35. Torelli P, Jensen R, Olesen J. Fisioterapia per mal di testa da tensione: uno studio controllato. Cefalalgia 2004; 24: 29-36.
36. van Ettekoven H, Lucas C. Efficacia della fisioterapia
incluso un programma di allenamento craniocervicale per cefalea di tipo tensivo; uno studio clinico randomizzato. Cefalalgia 2006; 26: 983-91.
37. Vavrek D, Haas M, Peterson D. Esame fisico e risultati del dolore auto-riportati da uno studio randomizzato su cefalea cervicogenica cronica. J Manipolative Physiol Ther 2010; 33: 338-48.
38. Haas M, Aickin M, Vavrek D. Un'analisi preliminare del percorso dell'aspettativa e dell'incontro con il paziente in uno studio controllato randomizzato in aperto di manipolazione vertebrale per cefalea cervicogenica. J Manipolative Physiol Ther 2010; 33: 5-13.
39. Toro-Velasco C, Arroyo-Morales M, Fernández-de-Las-Peñas C, Cleland JA, Barrero-Hernández FJ. Effetti a breve termine della terapia manuale sulla variabilità della frequenza cardiaca, sullo stato dell'umore e sulla sensibilità al dolore da pressione nei pazienti con cefalea cronica di tipo tensivo: uno studio pilota. J Manipolative Physiol Ther 2009; 32: 527-35.
40. Allais G, De Lorenzo C, Quirico PE, et al. Approcci non farmacologici al mal di testa cronico: stimolazione nervosa elettrica transcutanea, laserterapia e agopuntura nel trattamento dell'emicrania trasformata. Neurol Sci 2003; 24 (Suppl 2): S138-42.
41. Nilsson N. Uno studio randomizzato e controllato sull'effetto della manipolazione spinale nel trattamento del mal di testa cervicogenico. J Manipolative Physiol Ther 1995; 18: 435-40.
42. Annal N, Soundappan SV, Palaniappan KMC, Chadrasekar S. Introduzione della terapia a corrente continua transcutanea, a bassa tensione, non pulsatile (DC) per emicrania e cefalea cronica. Un confronto con la stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS). Mal di testa Q 1992; 3: 434-7.
43. Nilsson N, Christensen HW, Hartvigsen J. Cambiamenti duraturi nel movimento della gamma passiva dopo la manipolazione spinale: uno studio randomizzato, cieco, controllato. J Manipolative Physiol Ther 1996; 19: 165-8.
44. Anderson RE, Seniscal C. Confronto tra trattamenti osteopatici selezionati e rilassamento per i mal di testa a trazione. Mal di testa 2006; 46: 1273-80.
45. Ouseley BR, Parkin-Smith GF. Possibili effetti della manipolazione spinale chiropratica e mobilizzazione nel trattamento della cefalea cronica di tipo tensivo: uno studio pilota. Eur J Chiropr 2002; 50: 3-13.
46. Fernandez-de-las-Penas C, Fernandez-Carnero J, Plaza Fernández A, Lomas-Vega R, Miangolarra-Page JC. Manipolazione dorsale nel trattamento delle lesioni da colpo di frusta: uno studio controllato randomizzato. J Disturbi relativi al colpo di frusta 2004; 3: 55-72.
47. Parker GB, Pryor DS, Tupling H. Perché l'emicrania migliora durante una sperimentazione clinica? Ulteriori risultati da una prova di manipolazione cervicale per l'emicrania. Aust NZJ Med 1980; 10: 192-8.
48. Parker GB, Tupling H, Pryor DS. Una prova controllata di manipolazione cervicale dell'emicrania. Aust NZJ Med 1978; 8: 589-93.
49. Foster KA, Liskin J, Cen S, et al. L'approccio Trager nel trattamento del mal di testa cronico: uno studio pilota. Altern Ther Health Med 2004; 10: 40-6.
50. Haas M, Groupp E, Aickin M, et al. Risposta dose per la cura chiropratica di cefalea cervicogenica cronica e dolore al collo associato: uno studio pilota randomizzato. J Manipola- tivo Physiol Ther 2004; 27: 547-53.
51. Sjogren T, Nissinen KJ, Jarvenpaa SK, Ojanen MT, Vanharanta H, Malkia EA. Effetti di un intervento di esercizio fisico sul posto di lavoro sull'intensità del mal di testa e dei sintomi del collo e della spalla e della forza muscolare degli arti superiori: un cluster di studi randomizzati e controllati. Dolore 2005; 116: 119-28.
52. Hanten WP, Olson SL, Hodson JL, Imler VL, Knab VM, Magee JL. L'efficacia di CV-4 e tecniche di posizione di riposo su soggetti con cefalea di tipo tensivo. J Manipolazione manuale Ther 1999; 7: 64-70.
53. Solomon S, Elkind A, Freitag F, Gallagher RM, Moore K, Swerdlow B, et al. Sicurezza ed efficacia dell'elettroterapia cranica nel trattamento della cefalea tensiva. Mal di testa 1989; 29: 445-50.
54. Hall T, Chan HT, Christensen L, Odenthal B, Wells C, Robinson K. Efficacia di una glossa apofisaria naturale autosufficiente C1-C2 (SNAG) nella gestione del mal di testa cervicogenico. J Orthop Sports Phys Ther 2007; 37: 100-7.
55. Solomon S, Guglielmo KM. Trattamento del mal di testa mediante stimolazione elettrica transcutanea. Mal di testa 1985; 25: 12-5.
56. Hoyt WH, Shaffer F, Bard DA, Benesler ES, Blankenhorn GD, Gray JH, et al. Manipolazione osteopatica nel trattamento del mal di testa muscolo-contrazione. J Am Osteopath Assoc 1979; 78: 322-5.
57. Vernon H, Jansz G, Goldsmith CH, McDermaid C. Uno studio clinico randomizzato, controllato con placebo di trattamento chiropratico e medico profilattico di adulti con cefalea di tipo tensivo: risultati di uno studio interrotto. J Manipolative Physiol Ther 2009; 32: 344-51.
58. Mongini F, Ciccone G, Rota E, Ferrero L, Ugolini A, Evangelista A, et al. Efficacia di un programma educativo e fisico per ridurre il mal di testa, il collo e le spalle: uno studio controllato sul posto di lavoro. Cefalalgia 2008; 28: 541-52.
59. Fernandez-de-las-Penas C, Alonso-Blanco C, San-Roman J, Miangolarra-Page JC. Qualità metodologica di studi randomizzati e controllati di manipolazione e mobilizzazione spinali in cefalea di tipo tensivo, emicrania e cefalea cervicogenica. J Orthop Sports Phys Ther 2006; 36: 160-9.
60. Lew HL, Lin PH, Fuh JL, Wang SJ, Clark DJ, Walker WC. Caratteristiche e trattamento del mal di testa dopo lesione cerebrale traumatica: una revisione focalizzata. Am J Phys Med Rehabil 2006; 85: 619-27.

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Secondo le statistiche, circa il 80% delle persone avverte i sintomi del mal di schiena almeno una volta nel corso della vita. Mal di schiena è un reclamo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Spesso, la degenerazione naturale della colonna vertebrale con l'età può causare mal di schiena. Ernia discale si verificano quando il centro morbido, simile ad un gel di un disco intervertebrale, spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno della cartilagine, comprimendo e irritando le radici nervose. Le ernie del disco si verificano più comunemente lungo la parte inferiore della schiena, o colonna vertebrale lombare, ma possono anche verificarsi lungo la colonna cervicale o collo. L'incidenza dei nervi che si trovano nella regione lombare a causa di lesioni e / o di una condizione aggravata può portare a sintomi di sciatica.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO PIÙ IMPORTANTE: Trattamento del dolore al collo El Paso, TX Chiropractor

ALTRI TEMI: EXTRA EXTRA: El Paso, Tx | Atleti