Categorie: Medicina funzionale

La prevalenza della malattia autoimmune sulla tiroide | Clinica del benessere

Condividi

La ghiandola tiroide svolge una parte importante nel corpo umano; è incaricato di creare gli ormoni necessari per fornire i livelli di energia del nostro corpo per una vita attiva. Questi ormoni hanno un impatto critico sullo sviluppo e sulla crescita del nostro corpo. Allo stesso tempo, tuttavia, la tiroide è molto vulnerabile alle malattie autoimmuni della tiroide (AITD).

Perché la ghiandola tiroidea è vulnerabile alle malattie autoimmuni della tiroide?

Le malattie autoimmuni della tiroide si verificano spesso a causa di fattori genetici. Questi sembrano influenzare la progressione della malattia dopo che la ghiandola tiroidea diventa l'obiettivo delle cellule autoimmuni. Può creare una vasta gamma di citochine, molecole di adesione e anche fattori di crescita. La suscettibilità della tiroide agli AITD può derivare dalla complessità della sintesi ormonale, dalle condizioni dell'oligoelemento e dalle particolari capacità dei meccanismi di difesa della tiroide.

Fattori genetici per la malattia della tiroide

La ghiandola tiroidea è essenziale nel corpo umano a causa della sua produzione di ormoni tiroidei. Questi composti hanno effetti fondamentali, svolgono ruoli critici nella crescita somatica, nello sviluppo del cervello, nella maturazione ossea e nella sintesi dell'mRNA di più di proteine ​​100 che regolano ogni funzione fisiologica del corpo.

L'incidenza della tiroidite cronica autoimmune, abbreviata in CAT e malattia di Graves, un'altra malattia autoimmune della tiroide, è aumentata drammaticamente negli ultimi decenni, colpendo fino al 5 della popolazione complessiva. La tiroidite cronica autoimmune è diventata la causa più comune di ipotiroidismo, secondo studi recenti.

La ricerca iniziale sull'associazione tra il nutrimento precoce del feto e la patogenesi della malattia autoimmune della tiroide ha portato a dati controversi. In studi gemelli, Phillips et al. trovato che un gemello monozigotico, il gemello più piccolo, aveva livelli più alti di anticorpi della perossidasi tiroidea (TPO). Nei casi di diabete di tipo 1 e di tipo 2, l'ipotesi suggerisce che il peso eccessivo e l'obesità nei bambini possano essere un fattore importante per la malattia della tiroide, anche tra la popolazione di bambini con diabete tipo 1, quelli che erano più sovrappeso o obesi hanno dimostrato un maggiore prevalenza di problemi di tiroide e autoimmunità. È stato anche riscontrato che i bambini obesi hanno aumentato le cellule T helper di interferone (IFN) -γ-secreting insieme a alterata struttura tiroidea e stato ormonale.

I recenti progressi nella ricerca su tutto il genoma hanno reso possibile identificare efficacemente geni complicati. Utilizzando sia l'approccio del gene candidato che gli studi di linkaggio dell'intero genoma, sono stati identificati e verificati i geni di suscettibilità 6 AITD; il primo gruppo comprende i prodotti genici immunomodulatori HLA-DR, CD40, variabile associata ai linfociti T citotossici (CTLA-4) e la tirosina fosfatasi 22 (PTPN22) e la seconda categoria coinvolge i derivati ​​del tiroide specifici per la tireoglobulina (Tg ) e anche recettore dell'ormone stimolante la tiroide (TSHR).

I fattori genetici predominano come la principale causa di disfunzione tiroidea, che rappresenta all'incirca la percentuale di 80 delle probabilità di sviluppare malattie autoimmuni della tiroide, mentre almeno il 20% è dovuto a variabili ambientali o di altra natura. Sulla storia degli AITD, negli ultimi decenni sono stati pubblicati numerosi studi di ricerca.

Un'aumentata frequenza di AITD è riportata nella sindrome di Turner e in altre patologie cromosomiche non-bidirezionali come nella sindrome di Down e nella sindrome di Klinefelter. Il concetto che l'autoimmunità può portare alla sopravvivenza di un feto con aneuploidia cromosomica è affascinante ma rimane non provato. Il disturbo più diffuso nella sindrome di Turner sembra essere la tiroidite autoimmune cronica, con un'incidenza di autoanticorpi tiroidei riportati di 30. L'ipotiroidismo di origine autoimmune è infatti comune nei TS che ogni altra ragazza TS svilupperà probabilmente l'ipotiroidismo.

Analizzando la cellula tiroidea

La cellula tiroidea produce una varietà di fattori immunologicamente attivi, come mostrato nella Tabella 1, e presenta complicate condizioni nutritive per la sintesi ormonale, come mostrato nella Tabella 2, che influenzano entrambi la suscettibilità agli AITD. È sempre più chiaro che le cellule tiroidee bersaglio interagiscono con il corpo in modi che sembrano difensivi e protettivi, tuttavia possono funzionare male e esacerbare in circostanze particolari, secondo la ricerca.

Tabella 1

Tabella 2

Nella maggior parte dei disturbi autoimmuni umani, gli eventi che provocano l'autoimmunità rimangono sconosciuti. Non è chiaro se i risultati derivino principalmente da un difetto immunitario, siano secondari alle alterazioni degli organi bersaglio, o anche a entrambi. La ghiandola tiroidea ha dimostrato un aumento dell'ossidazione e dell'assorbimento di iodio prima dell'infiltrazione concomitante in caso di malattia tiroidea autoimmune. La modifica della funzione tiroidea influenza la crescita dell'autoimmunità tiroidea. La tiroide, contrariamente ad altre cellule del sistema endocrino, ha una funzione eccezionale poiché rilascia prodotti ormonali sulla sua superficie basale anziché sulla sua superficie, consentendo quindi il corretto trasporto di iodio che è essenziale attraverso la cellula.

Le cellule tiroidee sono in grado di produrre diversi fattori (Tabella 1), come IGF I, IGF II e EGF, che potrebbero stimolare l'angiogenesi. L'emivita di quelle molecole è breve e inducono solo effetti localizzati (non sistemici). Le cellule follicolari tiroidee secernono diversi fattori di crescita necessari. L'espressione della molecola di adesione intercellulare-1 (ICAM-1) e l'antigene-3 associato alla funzione dei linfociti (LFA-3) da parte delle cellule tiroidee è potenziata da IFN-γ, fattore di necrosi tumorale (TNF) e interleuchina (IL) -1 . Le cellule tiroidee esprimono CD44, che agisce come un recettore hominguronan, media il rotolamento dei leucociti (il primo passo nella ricerca tissutale) e può (come ICAM-1) indurre l'attivazione dei linfociti in determinate circostanze. Le cellule tiroidee sono ora note per produrre molte citochine (in particolare dopo la stimolazione con IL-1), tra cui IL-1, IL-6, IL-8, IL-12, IL-13 e IL-15. I linfociti attivati ​​possono creare TSH.

La tolleranza della sostanza a basse dosi può essere facilmente modificata e la ghiandola tiroide non è ben controllata dal sistema immunitario. Gli autoantigeni nella malattia autoimmune della tiroide, come in altri disordini endocrini autoimmuni, includono recettori di membrana specifici del tessuto, enzimi e ormoni secreti. Le risposte autoimmuni cellulari e anticorpali miste sono probabilmente patogene per alcuni livelli. Gli autoanticorpi anti-Tg circolanti possono anche essere presenti in GD e CAT, così come gli autoanticorpi anti-triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Il TSHR umano (h) è il principale bersaglio antigenico nell'ipertiroidismo autoimmune. Sembra che l'autoanticorpo TPO non abbia molta importanza patogenica poiché l'accesso limitato al TPO è dovuto alla sua posizione all'interno della cellula. Inoltre, gli autoanticorpi anti-TPO non inibiscono l'azione di questo enzima. Pertanto, il loro significato clinico è principalmente quello di registrare l'autoimmunità tiroidea.

Negli esseri umani, gli ormoni della ghiandola tiroide in eccesso possono portare all'attenuazione dell'attività delle cellule natural killer (NK), che in teoria potrebbe causare la continuazione di una malattia autoimmune. Dopo il ritorno ad alcuni stati eutiroidei con la conseguente normalizzazione dell'attività NK, si verificherà un ritorno alla gestione di questa reazione immunitaria anormale con perpetuazione di GD. Inoltre, un anti-idiotipo può essere l'agonista per l'antigene originale. Pertanto, un anticorpo di un anticorpo (anti-idiotipo) in TSH può riguardare il TSHR e stimolare la ghiandola tiroidea. Un'ipotesi più probabile è che gli anticorpi anti-idiotipici vengano generati raramente in misura rilevabile. Hodkinson et al. recentemente ha trovato un'associazione positiva tra la concentrazione dell'ormone tiroideo e le cellule T NK-like negli anziani.

Presentazione dell'antigene

Bottazzo et al. Per prima cosa ha indicato che la presentazione dell'antigene da parte degli ormoni tiroidei che esprimono la tiroide potrebbe essere un aspetto vitale della malattia autoimmune della tiroide. È diventato rapidamente chiaro nella ricerca che l'unico stimolo in grado di provocare l'espressione di MHC di classe II su cellule tiroidee era la citochina delle cellule T IFN-γ. Le cellule normali reagiscono esattamente come la ghiandola tiroide di AITD in IFN-γ, e nei modelli animali di AITD, l'espressione di classe II sulle cellule tiroidee è costantemente seguita dalla quantità di linfociti. Insieme all'induzione dell'espressione di MHC di classe II, l'IFN-γ aumenta l'espressione di MHC di classe I sulle cellule tiroidee, consentendo così il riconoscimento di cellule tiroidee da cellule T citotossiche CD8 +.

È probabile che la presentazione diretta dell'antigene da parte della tiroide possa verificarsi in individui che ereditano le cellule T; tale circostanza salta il meccanismo standard. Le cellule tiroidee che esprimono l'antigene HLA-DR possono avere lo stesso successo del macrofago quando introducono antigeni tiroidei specifici nel sistema immunitario, ma la cellula tiroidea non è in grado di fornire i segnali costimolatori che fanno le cellule presentatrici di antigene (APC). Qualsiasi stimolo che causa un aumento dell'espressione DR sui tireociti, ad esempio IFN-γ prodotto dalle cellule T in risposta all'infezione, combinato con una maggiore stimolazione del TSH può consentire ai tireociti di funzionare correttamente. Sebbene le cellule tiroidee possano svolgere questa funzione, esse sono localizzate, consentendo la produzione di livelli bassi di anticorpi che si sono già verificati in precedenza, causando disordine autoimmune della tiroide nel corpo umano.

La portata delle nostre informazioni è limitata a lesioni e condizioni di chiropratica e spinale. Per discutere di opzioni sul tema, si prega di contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900 .

Dott. Alex Jimenez

Ulteriori argomenti: Benessere

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Chiropratica

Post Recenti

Goditi gli hobby che ami senza dolore alla schiena e al collo

Abbiamo tutti i nostri hobby che ci appassionano, che amiamo fare e che potremmo vedere ... Leggi di più

October 5, 2020

I supercibi possono aiutare a raggiungere una salute ottimale

I supercibi sono alimenti ricchi di nutrienti che possono essere incorporati nella dieta di un individuo per ottenere un ... Leggi di più

October 2, 2020

Malformazione del tessuto cerebrale di Chiari e canale spinale

La malformazione di Chiari è una condizione che fa sì che il tessuto cerebrale si estenda e si stabilisca in ... Leggi di più

October 1, 2020

Perdita di massa muscolare sarcopenia con mal di schiena cronico

Per sarcopenia si intende la perdita di tessuto / massa muscolare dovuta al naturale processo di invecchiamento. Qualcosa che tutto ... Leggi di più

30 settembre 2020

Assumere un ruolo attivo nella salute della colonna vertebrale personale

Assumere un ruolo attivo nella salute personale della colonna vertebrale potrebbe fare la differenza tra il dover ... Leggi di più

29 settembre 2020

Farmaci per alleviare i sintomi del dolore analgesici

Gli analgesici sono farmaci antidolorifici, noti anche come antidolorifici. Questi possono essere farmaci da banco e da prescrizione. ... Leggi di più

28 settembre 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘