Condividi

Il miglioramento del benessere generale va oltre il consumo di verdure e l'esercizio fisico regolare. Implica la comprensione del corpo fino al livello cellulare e il modo in cui quelle verdure che mangiamo ed esercitiamo hanno un impatto sui nostri geni, alterando alla fine la nostra salute intestinale e lo sviluppo muscolo-scheletrico. Esistono cinque componenti principali per mantenere una corretta funzione cellulare: bilancio redox, infiammazione, funzione immunitaria, disintossicazione e produzione / metilazione di energia.

Come umani, condividiamo somiglianze e differenze genetiche. I nostri geni sono associati alla nostra difesa cellulare e al rischio che abbiamo per le malattie. Inoltre, parte delle nostre differenze genetiche include la velocità con cui operano gli enzimi nei nostri corpi. Gli enzimi sono importanti quando si tratta di salute cellulare in quanto determinano la velocità e l'attività dei geni. Gli enzimi sono grandi catene di aminoacidi che si formano in forme diverse a seconda della loro funzione. Per funzionare correttamente, gli enzimi hanno bisogno dell'aiuto dei micronutrienti. I micronutrienti sono importanti per attivare gli enzimi e l'espressione genica.

I micronutrienti sono vitamine e minerali essenziali che sono spesso ottenuti attraverso la nostra dieta. Tuttavia, con l'evoluzione della dieta umana, abbiamo iniziato a creare e assumere integratori per garantire che i delicati sistemi del nostro corpo funzionassero ancora correttamente. Sfortunatamente, con una mancanza di educazione riguardo l'integrazione e i cambiamenti nella dieta malsana, gli esseri umani hanno iniziato a ridimensionare le parti critiche del sistema immunitario e ad aumentare i danni ai nostri microbiomi, causando danni ai tessuti da una risposta cellulare anormale.

Ecco un esempio di test del micronutriente di SpectraCell usiamo nella nostra clinica per ottenere informazioni su quali carenze di micronutrienti possono avere i nostri pazienti:

Inoltre, il danno tissutale e un aumento dell'infiammazione sono collegati allo stress ossidativo in eccesso nel sistema. Molti integratori affermano di essere antiossidanti e di ridurre i nostri livelli di stress ossidativo e infiammazione. Tuttavia, dovremmo considerare le funzioni intracellulari che stanno producendo questi radicali liberi per cominciare. Quando c'è un'abbondanza di radicali liberi che non possono essere distrutti, contribuiscono allo sviluppo di malattie croniche come l'invecchiamento, i disturbi autoimmuni, l'artrite reumatoide e altre malattie neurodegenerative.

“Radicali liberi, antiossidanti in malattie e salute"È un articolo che fornisce ulteriori informazioni sul legame tra radicali liberi e malattie.

Le cellule hanno i propri meccanismi di riparazione e questi possono essere compromessi se non si ottengono micronutrienti adeguati. Il cibo che ingeriamo ha un effetto diretto non solo sulle nostre cellule ma sui nostri geni. Il corpo dovrebbe produrre antiossidanti in sé e seguire percorsi specifici per garantire la corretta scomposizione ed eliminazione delle tossine. A seconda dell'area nella cellula in cui si verifica questo blocco, sono necessari cofattori specifici per aiutare i nostri enzimi antiossidanti. Alcuni di questi cofattori includono rame, zinco, manganese, ferro e selenio. È vero che questi possono essere trovati in forma supplementare ma dobbiamo concentrarci sui componenti dietetici che contengono queste vitamine e minerali essenziali.

Il corpo funziona meglio con cibi integrali che non sono manomessi. Detto questo, con un supplemento, il corpo non sta ottenendo la forma più pura del minerale o della vitamina e metabolizza in modo diverso. Quando correggi qualcosa di delicato come un fattore nel Ciclo di Krebs o in un altro percorso, il corpo deve essere alimentato di ciò che può elaborare e convertire facilmente. Osservando la nutrigenomica, apprendiamo quali molecole di origine alimentare possono influenzare questi specifici enzimi e geni.

Un articolo intitolato "Antiossidanti: molecole, medicine e mitos ”fornisce una visione approfondita del perché dovremmo concentrarci sulla nostra dieta e non su un consumo eccessivo di integratori che affermano di avere poteri antiossidanti.

"... Di conseguenza numerose vitamine, oligoelementi e micronutrienti, spesso con funzioni biochimiche ben definite (cofattori di numerosi enzimi), sono state rinominate" antiossidanti universali ". Ciò implica che, poiché sono antiossidanti, più si consuma meglio è per la salute. Il contrario potrebbe facilmente essere vero dal momento che un consumo eccessivo potrebbe down-regolare importanti antiossidanti endogeni .. "

I componenti dietetici sono essenziali e dovrebbero essere la prima cosa spiegata ai pazienti dagli operatori sanitari. Lavorando con il sistema muscolo-scheletrico, l'infiammazione è una delle principali lamentele. Ci prendiamo il tempo di spiegare ai nostri pazienti da dove proviene l'infiammazione. Sebbene le articolazioni possano essere il sito del dolore, l'infiammazione sta effettivamente iniziando più a fondo all'interno. Tutto può essere ricondotto a ciò che abbiamo mangiato quando eravamo in cucina. Il cibo che mangiamo ha il potenziale per essere suddiviso in nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno per svolgere le funzioni quotidiane e prosperare, o può essere lasciato non digerito causando infiammazione e risposte anticorpali.

Il corpo umano è estremamente interconnesso. Con ulteriori ricerche emergenti che mostrano le interazioni positive tra una dieta pulita, un intestino sano e la riduzione del dolore muscolare, vediamo come i geni che abbiamo oggi non sono i geni con cui siamo nati. I nostri geni sono costantemente modificati dal nostro ambiente e dai componenti che ingeriamo. Per esprimere geni sani che svolgono correttamente le loro funzioni cellulari, ridurre l'infiammazione e ridurre il dolore muscolare, abbiamo bisogno di aumentare i nostri micronutrienti naturali. -Kenna Vaughn, Senior Health Coach

Riferimenti:

Gutteridge JM, Halliwell B. Antiossidanti: molecole, medicine e miti. Biochem Biophys Res Commun. 2010;393(4):561‐564. doi:10.1016/j.bbrc.2010.02.071

Pham-Huy LA, He H, Pham-Huy C. Radicali liberi, antiossidanti nelle malattie e nella salute. Int J Biomed Sci. 2008;4(2):89‐96.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento sopra, non esitate a chiedere Il dottor Alex Jimenez o contattaci al 915-850-0900.

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘