La connessione tra infiammazione e depressione | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

La connessione tra infiammazione e depressione

Un'ipotesi standard di depressione è che gli individui depressi hanno una carenza di recettori monoaminici all'interno del corpo, il che a sua volta porta a livelli ridotti di neurotrasmettitori, come la serotonina e la norefinefrina, nel cervello. Ma prove crescenti supportano che almeno alcuni tipi di depressione potrebbero anche essere collegati alla continua infiammazione di basso grado nel corpo.

Precedenti studi di ricerca hanno collegato la depressione a un livello più alto di marcatori infiammatori rispetto a persone che non sono depresse. Quando alle persone vengono somministrate citochine pro-infiammatorie, riferiscono di sperimentare più sintomi di depressione e ansia. Livelli cronici di infiammazione a causa di problemi di salute, comprese le condizioni di dolore cronico, sono anche associati ad alti tassi di depressione. Anche l'imaging cerebrale dei pazienti con depressione mostra che le loro scansioni cerebrali hanno migliorato la neuroinfiammazione. Se il tuo corpo è in uno stato infiammatorio, combattendo contro il raffreddore o l'influenza, puoi sperimentare sintomi che si sovrappongono alla depressione, tra cui: sonno interrotto, umore depresso, affaticamento, sensazione di stordimento e concentrazione compromessa.

Un nuovo studio pubblicato su The Journal of Clinical Psychiatry sostiene l'ipotesi che un aumento dell'infiammazione possa avere un ruolo nella depressione. L'enorme studio ha analizzato i dati delle persone 14,275 che sono state intervistate tra 2007 e 2012 usando il Patient Health Questionnaire, o PHQ-9, per esaminare la depressione e prelevare campioni di sangue. Hanno scoperto che le persone che soffrivano di depressione avevano 46 percentuali maggiori di proteina C-reattiva, o CRP, un marcatore di malattia infiammatoria, nei propri campioni di sangue. Lo studio è stato appena in grado di stabilire un'associazione tra infiammazione e depressione ma non causalità, anche se conferma l'associazione della depressione con alti livelli di infiammazione misurati attraverso la CRP.

La teoria secondo cui la depressione potrebbe essere vista come una malattia psico-immunologica può anche aiutare a spiegare perché i tentativi di ridurre l'infiammazione cronica nel corpo migliorano e aiutano a prevenire la depressione. Lo scopo dell'articolo qui sotto è quello di dimostrare e discutere approfonditamente il ruolo dell'infiammazione nella depressione. Inoltre, l'articolo descriverà l'imperativo evolutivo verso l'obiettivo del trattamento moderno, compresa una discussione sui fitocannabinoidi e la loro associazione con il trattamento di una varietà di problemi di salute, tra cui il dolore cronico sintomi.

Il ruolo dell'infiammazione nella depressione: dall'obiettivo evolutivo al trattamento moderno

Astratto

La diafonia tra vie infiammatorie e neurocircuiti nel cervello può portare a risposte comportamentali, come l'evitamento e l'allarme, che probabilmente hanno fornito ai primi esseri umani un vantaggio evolutivo nelle loro interazioni con agenti patogeni e predatori. Tuttavia, nei tempi moderni, tali interazioni tra l'infiammazione e il cervello sembrano guidare lo sviluppo della depressione e possono contribuire alla mancata risposta alle attuali terapie antidepressive. Dati recenti hanno chiarito i meccanismi con cui i sistemi immunitari innati e adattivi interagiscono con neurotrasmettitori e neurocircuiti per influenzare il rischio di depressione. Qui, dettagliamo la nostra attuale comprensione di questi percorsi e discutiamo il potenziale terapeutico di prendere di mira il sistema immunitario per curare la depressione.

Introduzione

La depressione è una malattia devastante, che affligge fino al 10% della popolazione adulta negli Stati Uniti e rappresenta una delle principali cause di disabilità in tutto il mondo1. Sebbene siano disponibili trattamenti efficaci, circa un terzo di tutti i pazienti con depressione non rispondono alle terapie antidepressive convenzionali2, contribuendo ulteriormente al carico globale della malattia. Di conseguenza, c'è una pressante necessità di nuovi quadri concettuali per comprendere lo sviluppo della depressione per sviluppare trattamenti migliori. In questa recensione, delineamo i dati emergenti che indicano il sistema immunitario - e, in particolare, la risposta infiammatoria - come un contributo potenzialmente importante alla fisiopatologia della depressione. Per prima cosa consideriamo le origini di questa nozione da una prospettiva evolutiva, esaminando i vantaggi dei comportamenti depressivi nel contesto delle risposte immunitarie dell'ospite a patogeni, predatori e conspecifici in ambienti ancestrali. Il ruolo chiave dello stress psicosociale nel mondo moderno viene quindi esaminato, evidenziando l'attivazione dell'inflammasoma e il traffico di cellule immunitarie come nuovi meccanismi mediante i quali i segnali infiammatori indotti dallo stress possono essere trasmessi al cervello. Neurotrasmettitori e neurocircuiti che sono bersagli della risposta infiammatoria sono anche esplorati seguito da un esame delle interazioni cervello-immuno come fattori di rischio e di resilienza per la depressione. Infine, queste interazioni sono discusse come fondamento per una nuova era di terapie che hanno come bersaglio il sistema immunitario per curare la depressione, con un focus su come i biomarcatori immunologici possono essere usati per personalizzare le cure.

Una prospettiva evolutiva

I dati provenienti da esseri umani e animali da laboratorio forniscono prove convincenti che la neurocircuitria e l'immunità rilevanti per lo stress costituiscono un sistema integrato che si è evoluto per proteggere gli organismi da una vasta gamma di minacce ambientali. Ad esempio, nel contesto di un fattore di stress da laboratorio che implica la consegna di un discorso a un pannello giudicante di presunti "esperti comportamentali", i soggetti sperimentano una classica risposta di "lotta o fuga" caratterizzata da aumenti della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna oltre che da cortisolo e catecolamine. Ma qualcos'altro accade all'interno del corpo che richiede una spiegazione più profonda. Il fattore di stress attiva le vie infiammatorie chiave nelle cellule mononucleate del sangue periferico, compresa l'attivazione del fattore nucleare fattore di trascrizione-KB (NF-κB), e porta a marcati aumenti dei livelli circolanti di citochine pro-infiammatorie, come l'interleuchina-6 (IL- 6) 3,4. In sostanza, il corpo monta una risposta immunitaria non contro un agente patogeno, ma contro una minaccia all'autostima del soggetto. Inoltre, le persone ad alto rischio di sviluppare depressione (per esempio, coloro che hanno subito traumi nella prima infanzia) mostrano un aumento delle risposte infiammatorie a tali fattori di stress di laboratorio rispetto ai soggetti a basso rischio3. Inoltre, maggiore è la risposta infiammatoria a un fattore di stress psicosociale, più è probabile che il soggetto sviluppi depressione nei successivi mesi5. Due domande si presentano immediatamente: perché uno stimolo privo di qualsiasi agente patogeno dovrebbe indurre una risposta infiammatoria e perché questa risposta dovrebbe favorire lo sviluppo della depressione?

Difesa e depressione dell'ospite patogeno

Nessuna risposta coerente a queste domande è evidente se l'immunità è considerata semplicemente un altro sistema fisiologico all'interno del corpo. Tuttavia, se vista contro la caduta di milioni di anni di co-evoluzione tra i mammiferi e il mondo di microrganismi e parassiti, la distorsione infiammatoria umana esposta da stressanti di laboratorio e riflessa nell'associazione tra attivazione immunitaria e depressione non solo rende imminente l'adattamento senso ma fornisce anche intuizione in un paradosso profondo nel cuore della depressione stessa; vale a dire, perché gli alleli genetici più frequentemente associati alla depressione sono così comuni nel moderno pool genico6 (FIG. 1)

Figura-1-evolutivo-legacy-di-un-infiammatoria-Bias.png
Figura 1: retaggio evolutivo di un pregiudizio infiammatorio. Le prime pressioni evolutive derivate dalle interazioni umane con agenti patogeni, predatori e conspecifici umani (come i rivali) hanno provocato un pregiudizio infiammatorio che includeva una serie integrata di risposte immunologiche e comportamentali che conservavano energia per combattere le infezioni e le ferite di guarigione, pur mantenendo la vigilanza contro gli attacchi. Si ritiene che questo pregiudizio infiammatorio sia stato tenuto sotto controllo durante gran parte dell'evoluzione umana attraverso l'esposizione a microrganismi patogeni e tollerogenici in ambienti tradizionali (cioè rurali) che hanno generato risposte immunologiche caratterizzate dall'induzione di cellule T regolatorie (regolatorie), regolatorie Cellule B (BReg) e macrofagi M2 immunoregolatori nonché produzione di citochine anti-infiammatorie interleuchina-10 (IL-10) e fattore di crescita trasformante-β (TGFβ). Nei tempi moderni, gli ambienti urbani sterilizzati di società più sviluppate sono pieni di sfide psicologiche ma generalmente mancano dei tipi di sfide infettive che erano fonti primarie di morbilità e mortalità in gran parte dell'evoluzione umana. In assenza di controlli e contrappesi immunologici tradizionali, le sfide psicologiche del mondo moderno istigano repertori immunologici e comportamentali ancestrali che rappresentano una responsabilità decisa, come alti tassi di vari disturbi correlati all'infiammazione inclusa la depressione.

La maggior parte delle teorie adattative della depressione si sono concentrate sui potenziali benefici dei sintomi depressivi per le relazioni con altri umani7. Tuttavia, i modelli recenti hanno spostato l'attenzione dalle relazioni con le persone, alle relazioni - sia dannose che benefiche - con i patogeni6,8. Queste teorie, supportate da prove convergenti (BOX 1), affermano che gli esseri umani moderni hanno ereditato un pregiudizio genomico verso l'infiammazione perché questa risposta - e i sintomi depressivi che promuove - hanno migliorato la sopravvivenza e la riproduzione dell'ospite negli ambienti altamente patogeni in cui gli esseri umani si sono evoluti6 . Da questa prospettiva teorica, almeno parte della vulnerabilità umana alla depressione si è evoluta da un repertorio comportamentale - spesso definito come "comportamento di malattia" - che ha promosso la sopravvivenza dell'ospite di fronte all'infezione. Infatti, è stato ipotizzato che l'evitamento sociale e l'anedonia caratteristica della depressione servano a deviare le risorse energetiche per combattere l'infezione e la guarigione delle ferite, mentre la caratteristica di ipervigilanza dei disturbi d'ansia, comunemente comorbida con la depressione, asservisce la protezione dagli attacchi e la successiva esposizione ai patogeni6,9. Anche lo stress psicologico può essere compreso da questa prospettiva teorica, dato che la stragrande maggioranza dei fattori di stress affrontati dai mammiferi nel corso del tempo evolutivo si riduce ai rischi inerenti alla caccia, alla caccia o alla competizione per l'accesso o lo stato riproduttivo. In tutte queste circostanze, il rischio di invasione di agenti patogeni - e la successiva morte per infezione - è stato notevolmente aumentato a seguito di ferite. Negli ambienti ancestrali, l'associazione tra la percezione dello stress e il rischio di successive ferite era abbastanza affidabile che l'evoluzione favoriva gli organismi che prepotentemente attivavano i sistemi infiammatori in risposta a una vasta gamma di minacce e sfide ambientali (inclusi fattori di stress psicosociali), anche se questa attivazione era spesso un 'falso allarme' (REF 6).

Ipotesi di difesa dell'ospite patogeno

Diverse linee di evidenze supportano la nozione secondo cui l'evoluzione e la persistenza della depressione rischiano alleli e sintomi depressivi nelle popolazioni umane si basano sulla loro rilevanza per la "difesa dell'ospite patogeno". Questa prova include:

  • Fino a poco tempo fa, circa il 50% degli esseri umani moriva per cause infettive prima dell'età adulta, fornendo così una forte pressione selettiva per gli alleli genetici che migliorano la defence dell'ospite124.
  • Come risultato di una forte pressione selettiva, le interazioni microbiche sono state il principale motore dell'evoluzione umana125.
  • I pattern di attivazione infiammatoria associati alla depressione promuovono la sopravvivenza in ambienti altamente patogeni aumentando la mortalità in condizioni sanitarie comuni nel mondo sviluppato126.
  • I migliori alleli di rischio replicati per la depressione hanno effetti protettivi pro-infiammatori e / o anti-patogeni o sono stati implicati in comportamenti sociali che potrebbero ridurre l'esposizione ai patogeni6.
  • I fattori di rischio ambientali per lo sviluppo della depressione (cioè lo stress psicosociale, le avversità nelle prime fasi della vita, l'obesità e la dieta alimentare trasformata) sono in modo uniforme pro-infiammatorio13.
  • L'esposizione a citochine pro-infiammatorie produce una sindrome da malattia con sintomi che si sovrappongono considerevolmente a quelli osservati in depressione e che possono essere migliorati dal trattamento con antidepressivi23. Inoltre, l'insorgenza della depressione è spesso confusa con lo sviluppo della malattia e dei sintomi
  • associati a infezioni sono spesso scambiati per l'insorgere della depressione127.
  • L'esposizione a citochine croniche produce una combinazione di comportamenti di ritiro e / o risparmio energetico, ansia e / o ipervigilanza ed emozioni che comunemente coesistono in depressione6,9.
  • I sintomi condivisi dalla depressione e dal comportamento di malattia - come l'ipertermia e la ridotta disponibilità di ferro - che non hanno alcun valore sociale immaginabile hanno potenti effetti anti-patogeni6.

L'ipotesi della "difesa dell'ospite patogeno" della depressione può anche fornire informazioni sul duplice aumento della depressione nelle donne rispetto agli uomini, specialmente durante gli anni riproduttivi10. Dati recenti indicano che le donne sono più sensibili agli effetti comportamentali dell'infiammazione, dimostrando maggiori aumenti dell'umore depresso rispetto agli uomini che seguono l'esposizione a endotossina nonostante una grandezza simile nelle risposte di citochina (IL-6 e fattore di necrosi tumorale (TNF)). Le donne mostrano anche una maggiore probabilità rispetto agli uomini di sviluppare depressione in risposta a dosi standardizzate di interferone-α (IFNα) 11. Essendo più sensibili ai sintomi depressivi indotti dall'infiammazione, le donne possono aver tratto maggiore beneficio dalla protezione fornita da questi sintomi in termini di lotta contro le infezioni, guarigione delle ferite ed evitamento dell'esposizione successiva ai patogeni. Dato l'impatto potenzialmente negativo dell'infiammazione sul successo riproduttivo (ad esempio, riducendo la fertilità e compromettendo l'allattamento), l'aumento dei sintomi depressivi nelle donne in età evolutiva potrebbe aver dato alle donne in età riproduttiva un vantaggio nel far fronte ed evitare gli agenti patogeni e le relative infiammazione, con l'aumento dei disturbi depressivi come il massimo compromesso nei tempi moderni.

Modern Exaggeration of the Inflammatory Bias

La prevalenza di malattie autoimmuni, allergiche e infiammatorie è aumentata notevolmente negli anni passati di 100 e le percentuali di queste condizioni seguono una simile traiettoria ascendente nelle società che passano dal tradizionale (cioè rurale) al moderno (cioè urbano) modo di vivere13 . Prove crescenti suggeriscono che questo modello di disfunzioni immunitarie diffuse può derivare da interruzioni nella nostra relazione e / o contatto con una varietà di microrganismi e parassiti immunoregolatori non-letali co-evoluti, specialmente commensali e simbionti nei microbiotipi dell'intestino, della pelle e cavità nasali e orali, che erano onnipresenti negli ambienti naturali in cui si sono evoluti gli umani14. Sebbene siano molto disparati, questi organismi (spesso indicati come "vecchi amici") condividono la tendenza a ridurre l'infiammazione e a sopprimere le cellule immunitarie effettrici attraverso l'induzione di IL-10 e trasformando il fattore di crescita-β (TGFβ) promuovendo lo sviluppo di anti- popolazioni di cellule immunitarie infiammatorie, come i macrofagi attivati ​​alternativamente (detti anche "M2") e le cellule T (TReg) regolatorie e le cellule B regolatorie13,14 (FIG. 1). A causa di vari cambiamenti culturali, inclusa la perdita di esposizione alla diversità microbica con l'avvento delle pratiche igienico-sanitarie, gli esseri umani moderni non hanno questo input immunitario, specialmente durante l'infanzia e l'infanzia. Di conseguenza, ci troviamo in una condizione di un pregiudizio infiammatorio esacerbato, con le condizioni particolari che affliggono un dato individuo in gran parte il risultato di predisposizione genetica e di esposizioni ambientali (per esempio, psicosociali) 13,14, che alla fine rappresentano l'alta co-morbilità tra depressione e autoimmunità , disturbi allergici e infiammatori13,15.

Infiammazione e depressione

I dati che supportano il ruolo dell'infiammazione nella depressione sono ampi e includono risultati che abbracciano paradigmi sperimentali. I pazienti con disturbo depressivo maggiore mostrano tutte le caratteristiche cardinali di una risposta infiammatoria, inclusa una maggiore espressione di citochine pro-infiammatorie e dei loro recettori e livelli aumentati di reagenti in fase acuta, chemochine e molecole di adesione solubili nel sangue periferico e nel liquido cerebrospinale (CSF) 16,17. Profili di espressione genica del sangue periferico coerenti con un fenotipo macrofagico pro-infiammatorio "M1" e una sovrarappresentazione di IL-6, IL-8 e vie di segnalazione indotte da IFN di tipo I sono state anche descritte18-20. Inoltre, l'aumento dell'espressione di una varietà di geni e proteine ​​immuni innati, tra cui IL-1β, IL-6, TNF, recettore Toll-like 3 (TLR3) e TLR4, è stato trovato in campioni di cervello post-mortem da vittime di suicidio che aveva depressione16,18,19,21. Le meta-analisi della letteratura concludono che il sangue periferico IL-1β, IL-6, TNF e proteina C-reattiva (CRP) sono i biomarker più affidabili di infiammazione nei pazienti con depressione16. I polimorfismi nei geni delle citochine infiammatorie, compresi quelli che codificano IL-1β, TNF e CRP, sono stati anche associati alla depressione e alla sua risposta al trattamento22. Inoltre, altri geni implicati nella depressione derivati ​​da meta-analisi di studi di associazione genome-wide sono stati collegati alla risposta immunitaria e alla risposta ai patogeni tra cui TNF6 (BOX 1). La somministrazione di citochine infiammatorie (ad esempio IFNα) o dei loro induttori (ad esempio, l'endotossina o la vaccinazione anti-tifoide) a soggetti altrimenti non depressi provoca sintomi di depressione23-26. Inoltre, il blocco delle citochine, come il TNF, o dei componenti della via di segnalazione infiammatoria, come la cicloossigenasi 2, ha dimostrato di ridurre i sintomi depressivi in ​​pazienti con malattie mediche, tra cui artrite reumatoide, psoriasi e cancro, nonché nei pazienti con disturbo depressivo27-29.

Con il maturare del campo, è diventato sempre più evidente che i marcatori infiammatori sono elevati non solo in un sottogruppo di pazienti con depressione30,31, ma anche in pazienti con altri disturbi neuropsichiatrici inclusi i disturbi d'ansia e schizofrenia32,33. Inoltre, come descritto di seguito, può essere più accurato caratterizzare l'impatto dell'infiammazione sul comportamento come associato non interamente alla depressione ma con specifiche dimensioni dei sintomi attraverso diagnosi che si allineano con il quadro dei criteri del dominio di ricerca presentato dall'Istituto nazionale di salute mentale (Dipartimento della sanità e dei servizi umani degli Stati Uniti). Questi sintomi, compresi i sistemi di valenza positiva e negativa, si riferiscono alla motivazione alterata e all'attività motoria (anedonia, affaticamento e menomazione psicomotoria) e alla maggiore sensibilità alle minacce (ansia, eccitazione e allarme) 34. Infine, l'infiammazione è stata associata al trattamento antidepressivo non responsivo9,32,35-37. Ad esempio, in uno studio recente, 45% di pazienti con non risposta a antidepressivi convenzionali ha esibito un CRP> 3 mg L-1 (REF 30), che è considerato indicativo di un alto livello di infiammazione sulla base di ampiamente accettato punti di interruzione38. Da notare, tuttavia, la percentuale di pazienti con alti livelli di CRP può variare in funzione della popolazione studiata, con percentuali più elevate nei pazienti con depressione e resistenza al trattamento, maltrattamento infantile, malattie mediche e sindrome metabolica.

Percorsi immuni coinvolti nella depressione

Inflammasomes: stress in traduzione

L'esposizione allo stress psicosociale è uno dei predittori più robusti e riproducibili dello sviluppo della depressione negli esseri umani ed è la via sperimentale primaria al comportamento depressivo negli animali da laboratorio. Pertanto, l'osservazione che l'esposizione a un fattore di stress psicosociale di laboratorio può attivare una risposta infiammatoria negli esseri umani è stato un importante passo avanti nel collegare l'infiammazione alla depressione3,4. Una domanda importante per il campo, tuttavia, è in base a quale meccanismo si traduce lo stress nell'infiammazione? Sebbene sia stata prestata particolare attenzione ai percorsi neuroendocrini indotti dallo stress, tra cui l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e il sistema nervoso simpatico (SNS), entrambi dotati di funzioni immunomodulatorie39, l'attenzione recente è stata spostata verso gli inflammasomi, che potrebbero rappresentano un'interfaccia immunologica cruciale tra stress e infiammazione40 (FIG. 2). Gli inflammasomi sono complessi proteici citosolici che si formano nelle cellule mieloidi in risposta a microrganismi patogeni e fattori di stress non patogeni o "sterili". Il montaggio dell'infiammomiale porta all'attivazione della caspasi 1, che quindi scinde le forme precursori di IL-1β e IL-18 nelle citochine attive41. Data la natura relativamente sterile dello stress psicosociale, l'interesse primario è stato rivolto alla comprensione di come l'attivazione dell'inflammasoma in depressione possa essere scatenata da pattern molecolari associati al danno endogeno (DAMP), tra cui ATP, proteine ​​da shock termico (HSP), acido urico, elevata mobilità scatola di gruppo 1 (HMGB1) e una varietà di molecole legate allo stress ossidativo. Infatti, tutti questi DAMP sono indotti da fattori di stress psicologici e misti (cioè psicologici e fisiologici) utilizzati nei modelli animali di depressione42; un effetto che è in parte mediato dal rilascio indotto da stress di catecolamine43. Inoltre, studi su animali da laboratorio indicano che lo stress lieve cronico attiva l'inflammasoma 3 (NLRP3) della proteina contenente il dominio NOD, LRR e pirina, che è ben noto a rispondere a DAMPs44,45. Il blocco di NLRP3 inverte gli aumenti indotti dallo stress di IL-1β nel sangue periferico e nel cervello, mentre abroga il comportamento depressivo nei topi45. È interessante notare che l'upregulation dell'inflammasoma NLRP3 e la scissione mediata dalla caspasi del recettore dei glucocorticoidi possono causare resistenza agli effetti dei glucocorticoidi, che sono tra i più potenti ormoni anti-infiammatori nel corpo46,47. La resistenza al glucocorticoide indotta dallo stress è un'anormalità biologica ben caratterizzata nei pazienti con disturbo depressivo maggiore ed è stata associata ad un aumento dell'infiammazione48,49.

Figura 2 Trasmissione di segnali infiammatori indotti da stress | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 2: trasmissione di segnali infiammatori indotti dallo stress al cervello. Nel contesto dello stress psicosociale, le catecolamine (come la noradrenalina) rilasciate dalle fibre del sistema nervoso simpatico attivato stimolano la produzione di midollo osseo e il rilascio di cellule mieloidi (ad esempio monociti) che entrano nella periferia dove incontrano molecole associate al danno associate allo stress modelli (DAMP), batteri e prodotti batterici come i pattern molecolari associati ai microbi (MAMP) sono fuoriusciti dall'intestino. Questi DAMP e MAMP attivano successivamente percorsi infiammatori di segnalazione come il fattore nucleare K (NF-KB) e l'inflammasoma 3 (NLRP3) della proteina contenente il dominio NOD, LRR e pirina. La stimolazione di NLRP3 a sua volta attiva la caspasi 1, che porta alla produzione di interleuchina-1β (IL-1β) e IL-18 mature, oltre a scindere il recettore dei glucocorticoidi che contribuisce alla resistenza ai glucocorticoidi. L'attivazione di NF-κB stimola il rilascio di altre citochine pro-infiammatorie tra cui il fattore di necrosi tumorale (TNF) e IL-6, che insieme a IL-1β e IL-18 possono accedere al cervello attraverso vie umorali e neurali. Lo stress psicosociale può anche portare all'attivazione della microglia in un fenotipo pro-infiammatorio M1, che rilascia il ligando CC-chemokine 2 (CCL2) che a sua volta attrae le cellule mieloidi attivate al cervello attraverso una via cellulare. Una volta nel cervello, i macrofagi attivati ​​possono perpetuare le risposte infiammatorie centrali. ASC, proteina tipo speck associata all'apoptosi contenente una CARD; HMGB1, 1 del gruppo di mobilità elevata; HSP, proteina da shock termico; LPS, lipopolisaccaride; TLR, recettore Toll-like.

A supporto del ruolo potenziale dell'inflammasoma NLRP3 nella depressione umana sono dati che dimostrano che l'aumentata espressione di NLRP3 e della caspasi 1 nelle cellule mononucleate del sangue periferico dei pazienti con depressione è associata ad un aumento delle concentrazioni nel sangue di IL-1β e IL-18, che a loro volta correlano con gravità grave19,50. Inoltre, i DAMP che sono noti per attivare NLRP3 sono aumentati nei pazienti con disturbi dell'umore, con esempi tra cui HSP, specie reattive dell'ossigeno e altri marcatori dello stress ossidativo come xantina ossidasi, perossidi e F2-isoprostani51-53. Infine, c'è un crescente interesse nel ruolo potenziale del microbioma intestinale nella regolazione dell'umore, che può essere mediata in parte dagli inflammasomi54. Infatti, i batteri commensali non patogeni e gli schemi molecolari associati ai microbi derivati ​​(MAMP) nell'intestino possono penetrare nella circolazione periferica durante lo stress e attivare gli inflammasomi55, un processo mediato dal SNS e dalle catecolamine56 (FIG. 2). Da notare che gli aumenti indotti dallo stress in IL-1β e IL-18 sono stati attenuati trattando gli animali con antibiotici o neutralizzando il lipopolisaccaride (LPS), dimostrando l'importanza della composizione del microbioma intestinale e della permeabilità intestinale nelle risposte infiammatorie indotte dallo stress55. Presi insieme, questi dati supportano l'idea che l'inflammasoma possa essere un punto chiave immunologico di integrazione di segnali di pericolo indotti dallo stress che alla fine determinano risposte infiammatorie rilevanti per la depressione.

Trasmissione di segnali infiammatori al cervello

Oltre all'espressione aumentata di citochine e TLR immunitarie innate in campioni di cervello post-mortem da vittime di suicidio con depressione, evidenza di attivazione microgliale e astrogliale in diverse regioni del cervello tra cui corteccia frontale, corteccia cingolata anteriore (ACC) e talamo in studi post-mortem di pazienti con depressione sono stati descritti57-59,60. Inoltre, uno studio di neuroimaging ben controllato che utilizza la tomografia a emissione di positroni (PET) e un tracciante radiomarcato per la proteina translogator (TSPO) - che è sovraespresso in microglia, macrofagi e astrociti attivati ​​- ha rivelato un'aumentata attivazione immunitaria nel cervello dei pazienti con depressione maggiore disturbo rispetto ai soggetti di controllo61. Da notare, non tutti gli studi hanno rivelato un aumento del legame TSPO in pazienti con depressione, probabilmente a causa di effetti del farmaco e / o una scarsità di soggetti con infiammazione aumentata61,62. Tuttavia, i dati dalla somministrazione di endotossina a volontari sani indicano che i ligandi TSPO radiomarcati possono facilmente identificare l'attivazione cellulare in diverse regioni del cervello in seguito a un potente stimolo immunitario periferico63.

Il lavoro degli studi sugli animali da laboratorio ha chiarito diversi percorsi attraverso i quali i segnali infiammatori possono essere trasmessi dalla periferia al cervello (FIG. 2). Questi dati supportano l'idea che le risposte infiammatorie nei tessuti periferici possano guidare l'infiammazione nel cervello che porta alla depressione. Gran parte del lavoro iniziale si è concentrato su come le citochine infiammatorie, che sono molecole relativamente grandi, possano attraversare la barriera emato-encefalica (BBB) ​​e influenzare la funzione cerebrale64. Sono stati descritti due percorsi principali: il "percorso umorale", che coinvolge il passaggio delle citochine attraverso le regioni che perdono nel BBB, come gli organi circumventricolari e il legame delle citochine alle molecole di trasporto saturabili sul BBB; e il "percorso neurale", che implica il legame delle citochine alle fibre nervose afferenti periferiche, come il nervo vago, che a sua volta stimolano le fibre catecolaminergiche ascendenti nel cervello e / o sono tradotte nei segnali delle citochine centrali16. Più recentemente, tuttavia, l'attenzione si è spostata su un terzo percorso denominato "percorso cellulare", che coinvolge il traffico di cellule immunitarie attivate, tipicamente monociti, verso la vascolarizzazione cerebrale e il parenchima. I dettagli di questo percorso sono stati elegantemente sezionati nel contesto di cambiamenti comportamentali nei topi associati a infiammazione periferica nel fegato65. In questi studi, il rilascio di TNF da fegato infiammato è stato trovato per stimolare la produzione di cellule microgliali del ligando CC-chemokine 2 (CCL2, noto anche come MCP1) che poi ha attratto monociti al cervello65. Blocco dell'infiltrazione di monociti nel cervello mediante anticorpi specifici per le molecole di adesione P-selectina e integrina α4 hanno abrogato il comportamento depressivo in questo modello animale65. Da notare che anche gli astrociti stimolati da citochine possono essere i maggiori produttori di chemochine, come CCL2 e il ligando chemokine CXC 1 (CXCL1), che attraggono le cellule immunitarie al cervello66. Il percorso cellulare è stato inoltre chiarito nel contesto dello stress di sconfitta sociale, per cui i monociti marcati con GFP si sono coalizzati in diverse regioni del cervello associate al rilevamento della minaccia (ad esempio, l'amigdala) - un effetto che dipendeva da CCL2 ed è stato facilitato mediante mobilizzazione di monociti dal midollo osseo a seguito del rilascio indotto da stress di catecolamine67,68 (FIG. 2). Da notare che l'iniziale attivazione della microglia durante lo sconforto sociale sembrava essere il risultato dell'attivazione neuronale da parte delle catecolamine e della produzione neuronale ridotta del ligando delle chemochine CX3C 1 (CX3CL1, noto anche come fractalkine), che mantiene la microglia in uno stato quiescente67,68. È interessante notare che questo percorso cellulare ha ricevuto un supporto intrigante da analisi post-mortem del tessuto cerebrale da pazienti con depressione che hanno commesso suicidio che ha mostrato un aumento del numero di macrofagi perivascolari in associazione con l'aumento dell'espressione genica del fattore infiammatorio allogenico 1 (AIF1, noto anche come IBA1) e CCL2, che sono associati all'attivazione dei macrofagi e al traffico cellulare59.

Questa evidenza di cellule mieloidi periferiche che trafficano nel cervello durante la depressione costituisce alcuni dei primi dati a sostegno dell'esistenza di una risposta infiammatoria centrale nella depressione umana che è principalmente guidata da eventi infiammatori periferici. Inoltre, i dati dimostrano che gli anticorpi che sono specifici per TNF ma che non attraversano il BBB, possono bloccare la depressione indotta da stress nei topi69. Questi risultati indicano che le risposte infiammatorie periferiche non solo possono fornire importanti indizi sui meccanismi immunologici dell'infiammazione nella depressione, ma possono anche servire da biomarcatori e bersagli di terapie immunitarie per la depressione. I biomarcatori proteici come il plasma CRP e il TNF e le immunoterapie che prendono di mira singole citochine come TNF, IL-1 e IL-6 possono essere più rilevanti a questo riguardo. Di nota, la CRP plasmatica è un forte fattore predittivo di risposta nella terapia anti-citochina70.

Citochine e neurotrasmettitori

Data l'importanza cruciale della neurotrasmissione nella regolazione dell'umore, è stata prestata attenzione all'impatto dell'infiammazione e delle citochine infiammatorie sulle monoamine di serotonina, noradrenalina e dopamina, nonché sull'amminoacido eccitatorio glutammato (FIG. 3). Esistono diversi percorsi attraverso i quali le citochine infiammatorie possono portare a una ridotta disponibilità sinaptica delle monoammine, che si ritiene sia un meccanismo fondamentale nella fisiopatologia della depressione71. Ad esempio, l'induzione di IL-1β e TNF della chinasi di proteina attivata con mitogeno p38 (MAPK) ha dimostrato di aumentare l'espressione e la funzione delle pompe di ricaptazione della serotonina, portando a una diminuzione della disponibilità sinaptica di serotonina e comportamento depressivo negli animali da laboratorio72 . Attraverso la generazione di specie reattive dell'ossigeno e dell'azoto, è stato anche scoperto che le citochine infiammatorie riducono la disponibilità di tetraidrobiopterina (BH4), un co-fattore chiave dell'enzima nella sintesi di tutte le monoammine che è altamente sensibile allo stress ossidativo73. Infatti, è stato dimostrato che le concentrazioni di CSF di BH4 sono correlate negativamente con i livelli di CSF di IL-6 in pazienti trattati con la citochina infiammatoria IFNα74. Inoltre, il rapporto tra fenilalanina e tirosina nel plasma, una misura indiretta dell'attività di BH4, è stato dimostrato correlare con le concentrazioni di dopamina di CSF e con i sintomi di depressione nei pazienti trattati con IFNα74. Si ritiene che l'attivazione dell'enzima indoleamina 2,3-diossigenasi (IDO) sia implicata nelle alterazioni del neurotrasmettitore indotto da citochine, in parte deviando il metabolismo del triptofano (il precursore dell'amminoacido primario della serotonina) nella chinurenina, un composto che può essere convertito nel metabolita neurotossico acido chinolinico mediante microglia attivata e monociti e macrofagi infiltranti nel cervello75,76. Di nota, sono stati riscontrati livelli aumentati di acido chinolinico nella microglia nell'ACC delle vittime di suicidio che soffrivano di depressione77. L'acido chinolinico attiva direttamente i recettori per il glutammato (cioè i recettori N-metil-D-aspartato (NMDA)) stimolando anche il rilascio di glutammato e bloccando la ricaptazione del glutammato da parte degli astrociti 78. Gli effetti dell'acido chinolinico sul glutammato convergono con gli effetti diretti delle citochine proinfiammatorie sul metabolismo del glutammato che includono la riduzione dell'espressione delle pompe di reuptake del glutammato astrocitario e la stimolazione del rilascio di glutammato astrocitario79, contribuendo in ultima analisi all'eccesso di glutammato sia all'interno che all'esterno della sinapsi. Il legame del glutammato ai recettori NMDA extrasinaptici porta ad un aumento dell'eccitotossicità e alla diminuzione della produzione di 80 del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF). BDNF promuove la neurogenesi, un importante prerequisito per una risposta antidepressiva, e ha dimostrato di essere ridotto da IL-1β e TNF e le loro vie di segnalazione a valle tra cui NF-KB in modelli animali di depressione depressi81,82 indotta da stress. Livelli aumentati di glutammato nei gangli della base e ACC dorsale (dACC) - misurati mediante spettroscopia a risonanza magnetica (MRS) - sono stati descritti in pazienti trattati con IFNα e livelli più elevati di glutammato correlati ad un aumento dei sintomi depressivi83. Dati più recenti indicano che nei pazienti con depressione, l'aumento dell'infiammazione come riflesso da un CRP> 3 mg L-1 è anche associato ad aumento dei gangli basali di glutammato (rispetto ai pazienti con un CRP <1 mg L-1) correlato con anedonia e diminuzione della velocità psicomotoria84. È interessante notare che bloccare i recettori del glutammato con la ketamina o inibire l'attività di IDO protegge i topi da LPS- o comportamento depressivo indotto da stress, ma lascia intatta la risposta infiammatoria85,86. Questi risultati indicano che un'aumentata attivazione dei recettori del glutammato da parte del glutammato e / o dell'acido chinolinico può essere una via comune attraverso la quale l'infiammazione provoca un comportamento depressivo, suggerendo che i farmaci bloccano il segnale e / o l'attivazione del segnale del recettore glutammato e dei suoi metaboliti a valle potrebbe avere un'applicabilità unica ai pazienti con depressione e aumento dell'infiammazione. È importante sottolineare che i farmaci antidepressivi convenzionali agiscono aumentando la disponibilità sinaptica delle monoammine e aumentando la neurogenesi attraverso l'induzione di BDNF87. Pertanto, le citochine come IL-1β e TNF servono a indebolire queste attività in quanto riducono la disponibilità sinaptica delle monoamine, mentre diminuiscono anche il BDNF e aumentano il glutammato extracellulare, che non è un obiettivo della terapia antidepressiva convenzionale. Questi effetti guidati dalle citochine possono spiegare le osservazioni che l'aumento dell'infiammazione è associato a risposte di trattamento antidepressivo meno robuste e che i pazienti resistenti al trattamento presentano marcatori infiammatori aumentati88.

Figura 3 target di citochine nel cervello | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 3: bersagli di citochine nel cervello: neurotrasmettitori e neurocircuiti. Una volta nel cervello, la risposta infiammatoria può influenzare i percorsi metabolici e molecolari che influenzano i sistemi dei neurotrasmettitori che possono influenzare in definitiva i neurocircuiti che regolano il comportamento, in particolare i comportamenti relativi alla diminuzione della motivazione (anedonia), l'elusione e l'allarme (ansia), che caratterizzano diversi disturbi neuropsichiatrici compresa la depressione . A livello molecolare, citochine pro-infiammatorie inclusi interferoni di tipo I e II (IFN), interleuchina-1β (IL-1β) e fattore di necrosi tumorale (TNF) possono ridurre la disponibilità di monoamine - serotonina (5-HT), dopamina ( DA) e noradrenalina (NE) - aumentando l'espressione e la funzione delle pompe di ricaptazione presinaptica (trasportatori) per 5-HT, DA e NE attraverso l'attivazione di pathway della protein-chinasi mitogen-attivata (MAPK) e riducendo la sintesi di monoammina attraverso la diminuzione enzimatica co-fattori come la tetraidrobiopterina (BH4), che è altamente sensibile allo stress ossidativo indotto da citochine ed è coinvolto nella produzione di ossido nitrico (NO) mediante NO sintasi (NOS). Molte citochine, tra cui IFNγ, IL-1β e TNF, possono anche ridurre i precursori delle monoammine rilevanti attivando l'enzima indoleamine 2,3-diossigenasi (IDO), che scompone il triptofano, il precursore primario della serotonina, in chinurenina. La microglia attivata può convertire la chinurenina in acido chinolinico (QUIN), che si lega al recettore N-metil-D-aspartato (NMDAR), un recettore glutammato (Glu), e insieme alla riduzione indotta da citochine nella ricaptazione astrocitica di Glu e nella stimolazione degli astrociti Il rilascio di Glu, in parte per induzione delle specie reattive dell'ossigeno (ROS) e delle specie reattive dell'azoto (RNS), può portare a un eccessivo Glu, un neurotrasmettitore eccitatorio degli aminoacidi. Eccessivo Glu, soprattutto quando si lega a NMDAR extrasinaptici, può a sua volta portare a diminuzione del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) ed eccitotossicità. Gli effetti di infiammazione su fattori di crescita come BDNF nel giro dentato dell'ippocampo possono anche influenzare gli aspetti fondamentali dell'integrità neuronale, tra cui la neurogenesi, il potenziamento a lungo termine e il germogliamento dendritico, che in definitiva influenzano l'apprendimento e la memoria. Gli effetti delle citochine sui sistemi di neurotrasmettitori, in particolare DA, possono inibire diversi aspetti della motivazione della ricompensa e anedonia in circuiti corticostriatali che coinvolgono i gangli della base, la corteccia prefrontale ventromediale (vmPFC) e la corteccia cingolata anteriore sottogengivali e dorsale (sgACC e dACC, rispettivamente), attivando anche circuiti che regolano l'ansia, l'eccitazione, l'allarme e la paura tra cui l'amigdala, l'ippocampo, il dACC e l'insula. BH2, diidrobiopterina; DAT, trasportatore della dopamina; EAAT2, trasportatore di aminoacidi eccitatori 2; NET, trasportatore di noradrenalina; NF-κB, fattore-κB nucleare; SERT, trasportatore di serotonina; TH, tirosina idrossilasi; TPH, triptofano idrossilasi. Copyrighted 2015. Advanstar. 120580: 1115BN.

Effetti dell'infiammazione sulla neurocircuitria

Dato l'impatto delle citochine sui sistemi di neurotrasmettitori che regolano l'attività funzionale dei neurocircuiti in tutto il cervello, non sorprende che gli studi di neuroimaging abbiano rivelato alterazioni indotte da citochine nell'attività cerebrale regionale. Coerentemente con i vantaggi evolutivi della partnership tra cervello e sistema immunitario, gli obiettivi di citochina primaria nel SNC interessano quelle regioni del cervello che regolano la motivazione e l'attività motoria (promuovendo l'evitamento sociale e il risparmio energetico) così come l'eccitazione, l'ansia e l'allarme (promozione ipervigilanza e protezione contro gli attacchi) (FIG. 3).

La dopamina ha un ruolo fondamentale nella motivazione e nell'attività motoria, e le citochine hanno dimostrato di diminuire il rilascio di dopamina nei gangli della base in associazione con una motivazione ridotta basata sullo sforzo e una ridotta attivazione dei circuiti di ricompensa nei gangli della base, in particolare la ventrale striatum89-91. Stimoli infiammatori sono stati associati a riduzioni della reattività della ricompensa nello striato attraverso molte piattaforme di neuroimaging, dimostrando la validità e la riproducibilità di questi effetti mediati dalla citochina sul cervello in individui altrimenti non depressi con IFNa, endotossina o vaccinazione anti-tifo e imaging di PET , imaging a risonanza magnetica funzionale (fMRI), MRS e trasferimento quantitativo di immagini di magnetizzazione83,89,90,92,93. È interessante notare che recenti studi di fMRI suggeriscono che diminuzioni indotte dall'infiammazione nella risposta alla ricompensa positiva sono anche associate ad una maggiore sensibilità agli stimoli avversi (cioè rinforzo negativo) e alla reattività ridotta alla novità nella substantia nigra (che è un'altra struttura ricca di dopamina in i gangli della base) 93,94. La vaccinazione contro il tifoide ha anche dimostrato di attivare l'ACC sottogenuale (sgACC), una regione del cervello implicata nella depressione, e di diminuire la connettività dello sgACC con lo striato ventrale, un effetto modulato dal plasma IL-6 (RIF 26). Queste scoperte fMRI sono state recentemente estese a pazienti con depressione il cui aumento del livello di CRP plasmatico è associato a ridotta connettività funzionale all'interno di circuiti correlati alla ricompensa tra cui lo striato ventrale e la corteccia prefrontale ventromediale che, a sua volta, media la relazione tra CRP e anedoniaxNUMX. Infatti, i pazienti con depressione con un CRP> 95 mg L-3 avevano poca o nessuna connettività nei circuiti correlati alla ricompensa misurati con fMRI, mentre la connettività nei pazienti con depressione con un CRP <1 mg L-1 era simile a quella salutare controls1. Presi insieme, questi dati supportano l'idea che l'effetto delle citochine sul cervello in generale e sui percorsi dopaminergici porti in particolare a uno stato di diminuzione della motivazione o anedonia, che è un sintomo principale della depressione.

Gli studi di risonanza magnetica hanno dimostrato che l'aumento dell'infiammazione è anche associato a una maggiore attivazione di neurocirociti correlati a minacce e ansia, tra cui il dACC, l'insula e l'amigdala26,96,97. Da notare che il dACC e l'amigdala sono regioni che mostrano una maggiore attività nei pazienti con ansia ad alto tratto e nevroticismo98, condizioni che spesso accompagnano la depressione e sono associate ad un aumento dell'infiammazione. Ad esempio, aumentate concentrazioni di IL-6 e recettore 2 solubile del TNF (noto anche come TNFRSF1B) in risposta a un fattore di stress di parlare in pubblico erano significativamente correlate alla risposta del dACC a un compito di rifiuto sociale97. Inoltre, l'aumentata espressione orale di IL-6 in risposta a uno stressor di valutazione sociale era significativamente correlata con l'attivazione dell'amigdala, con soggetti che mostravano le più alte risposte di IL-6 allo stress dimostrando la maggiore connettività all'interno dei circuiti di minaccia, tra cui l'amigdala e il corteccia prefrontale dorsomediale, misurata da fMRI99. È interessante notare che questi dati sono coerenti con il traffico di monociti verso l'amigdala durante lo stress di sconfitta sociale nei topi68.

Rischio e resilienza

Aumento dell'infiammazione e del rischio di depressione

Coerentemente con il riconoscimento emergente che l'infiammazione può causare depressione in alcuni sottogruppi di individui, studi epidemiologici su campioni di grandi comunità - oltre a campioni più piccoli di individui malati di salute - hanno dimostrato che l'aumento dell'infiammazione funge da fattore di rischio per il futuro sviluppo della depressione. Ad esempio, è stato riscontrato un aumento delle concentrazioni di CRP e IL-6 nel sangue periferico per prevedere significativamente i sintomi depressivi dopo 12 anni di follow up nello studio Whitehall II su oltre 3,000 individui, mentre non è stata trovata alcuna associazione tra la presenza di sintomi depressivi e la successiva CRP ematica e IL-6 livelli100. Risultati simili sono stati riportati nello studio longitudinale inglese sull'invecchiamento in cui un CRP> 3 mg L-1 ha predetto sintomi depressivi e non viceversa101. Da notare, tuttavia, alcuni studi non hanno trovato alcuna relazione longitudinale tra depressione e infiammazione, e altri hanno trovato che la depressione porta ad un aumento dell'infiammazione102. Altri fattori noti per essere associati ad un aumento dell'infiammazione periferica, compresi i traumi infantili e degli adulti, hanno anche dimostrato di essere a rischio maggiore di sviluppare depressione103,104.

Entrambi i meccanismi genetici ed epigenetici possono spiegare perché i traumi infantili o adulti possono contribuire ad un'infiammazione esagerata o persistente e, in definitiva, alla depressione. Ad esempio, i polimorfismi nella CRP sono stati associati non solo a un aumento delle concentrazioni ematiche periferiche di CRP, ma anche a sintomi di disturbo da stress post-traumatico, in particolare l'aumento dell'eccitazione, in individui esposti a trauma civile32. Inoltre, le interazioni gene-ambiente sono state trovate per influenzare la gravità della depressione in risposta allo stress cronico interpersonale: gli individui portatori di polimorfismi in IL1B che sono associati con maggiore espressione di IL-1β periferico manifestavano sintomi depressivi più gravi nel contesto dello stress interpersonale rispetto agli individui senza IL1B rischia l'allele105. Allo stesso modo, topi in cui i leucociti del sangue periferico hanno prodotto alte concentrazioni di IL-6 indotte da LPS ex vivo prima dell'esposizione allo stress hanno mostrato una diminuzione dell'esplorazione sociale dopo stress da sconfitta sociale, mentre i topi che hanno prodotto bassi livelli di IL-6 prima dell'esposizione allo stress non hanno mostrato effetti comportamentali risposta alla sconfitta sociale88. Da notare che il trasferimento adottivo di cellule progenitrici di midollo osseo da topi che producevano alti livelli di IL-6 ex vivo a topi che producevano bassi livelli di IL-6 rendeva questi animali precedentemente resistenti allo stress sensibili agli effetti depressivi della sconfitta sociale88.

I cambiamenti epigenetici nei geni correlati all'infiammazione possono anche influenzare il rischio di depressione e ansia nel contesto dello stress psicosociale. Infatti, l'associazione ben documentata di traumi infantili con aumento dell'infiammazione è legata ai cambiamenti epigenetici indotti dallo stress in FKBP5, un gene implicato nello sviluppo della depressione e dell'ansia, nonché nella sensibilità ai glucocorticoidi106. La demetilazione del DNA dipendente da traumi dipendente da allele-specifici negli elementi funzionali di risposta al glucocorticoide di FKBP5 è risultata associata a una diminuita sensibilità delle cellule immunitarie del sangue periferico agli effetti inibitori del desametasone glucocorticoide sintetico sulla produzione di IL-6 in vitro106 indotta da LPS . Da notare, una diminuita attivazione dei geni reattivi ai glucocorticoidi in associazione con una maggiore attivazione dei geni regolati da NF-KB è stata trovata come una "impronta" degli effetti dello stress cronico in diversi studi che esaminano una varietà di fattori di stress psicosociali39,107.

Celle T e resilienza alla depressione

Alcuni dei dati più interessanti sul ruolo del sistema immunitario nella depressione derivano da studi che dimostrano che le cellule T possono proteggere dallo stress e dalla depressione negli animali da laboratorio. Ad esempio, il trasferimento adottivo di cellule T da animali esposti a stress cronico di sconfitta sociale ha portato a un fenotipo comportamentale antidepressivo nei topi stress-ingenui, associato a diminuite citochine pro-infiammatorie nel siero, a uno spostamento verso un fenotipo M2 neuroprotettivo nella microglia e aumento della neurogenesi nell'ippocampo108. Risultati simili sono stati riportati in seguito a stress acuto nei topi, in cui la migrazione delle cellule T effettrici al plesso coroideo come risultato dell'induzione glucocorticoide della molecola di adesione intercellulare 1 (ICAM1) nel plesso coroideo era associata a un comportamento ansioso ridotto109. I topi con rilascio alterato di glucocorticoidi in risposta allo stress erano ansiosi incline109. L'immunizzazione di animali ansiosi con un antigene specifico del SNC ha ripristinato il traffico di cellule T al cervello durante lo stress e il comportamento ansioso invertito in associazione con un aumento della neurogenesi109. L'immunizzazione con un antigene specifico del SNC ha inoltre bloccato la depressione indotta dallo stress nei topi110. Il meccanismo con cui le cellule T influenzano la resilienza si crede che sia correlato alla loro produzione di IL-4 all'interno dello spazio meningeo. Attraverso percorsi ancora non caratterizzati, IL-4 stimola quindi gli astrociti a produrre BDNF e promuove anche la conversione di monociti e macrofagi meningei da un fenotipo pro-infiammatorio M1 a un fenotipo M2 meno infiammatorio111. Il movimento delle cellule T in tutto il cervello, compreso lo spazio meningeo, è diventato un'area di particolare interesse con la recente descrizione di un sistema linfatico cerebrale che fino ad ora era stato ignorato112. I dati indicano anche che le cellule TReg possono avere un ruolo nel ridurre l'infiammazione e sostenere l'integrità neuronale durante lo stress113. Rapporti simili hanno caratterizzato le cellule T che vengono attivate dalla stimolazione del nervo vagale per produrre acetilcolina, che può inibire l'attivazione di NF-κB legandosi alla subunità α7 del recettore nicotinico dell'acetilcolina114.

Pertinente alla depressione, tuttavia, il traffico di cellule T periferiche in risposta ai glucocorticoidi ha dimostrato di essere compromesso in pazienti con depressione, probabilmente a causa della resistenza ai glucocorticoidi come risultato di meccanismi mediati geneticamente (ad esempio, FKBP5) o inflammasome rivolti al glucocorticoide receptor46,115. Inoltre, le citochine infiammatorie e le loro vie di segnalazione, incluso p38 MAPK, hanno effetti inibitori diretti sulla funzione dei recettori glucocorticoidi116. Inoltre, i pazienti con depressione hanno mostrato un aumento del numero di cellule soppressorie derivate da mieloidi del sangue periferico, che inibiscono la funzione delle cellule T117. Di nota, l'attivazione dell'inflammasoma NLRP3 porta ad un aumento dell'accumulo di cellule soppressorie derivate da mieloide118. Un numero ridotto di cellule di cellule del sangue periferico e una ridotta concentrazione di citochine antinfiammatorie nel sangue, inclusi TGFβ e IL-10, sono state riportate anche in depressione119. Pertanto, sembra che i pazienti affetti da depressione possano avere alterazioni delle risposte delle cellule T neuroprotettive e antinfiammatorie.

Questi risultati suggeriscono che le terapie che amplificano tali risposte delle cellule T potrebbero essere utilizzate in pazienti con depressione. Gli esempi includono strategie di immunizzazione (con antigeni del CNS come discusso sopra) che attraggono le cellule T al cervello o la somministrazione di batteri, come Mycobacterium vaccae, o parassiti che stimolano le risposte delle cellule TReg o la produzione di cellule T di IL-4 (REFS 14,109,110,120). Infatti, la colonizzazione delle madri gravide con elminti ha attenuato l'aumento di IL-1β dell'ippocampo nei ratti neonatali infetti da batteri e ha protetto questi animali dal successivo sviluppo della sensibilizzazione microgliale e della disfunzione cognitiva nell'età adulta. Questo effetto è stato associato ad un aumento della produzione ex vivo di IL-4 e alla diminuzione della produzione di IL-1β e TNF da macrofagi splenici in risposta alla stimolazione LPS120. Infine, la stimolazione del nervo vago potrebbe essere utilizzata per indurre le cellule T anti-infiammatorie che producono acetilcolina121. Sebbene esistano molte strategie per attivare risposte di cellule T antinfiammatorie inclusa l'induzione di cellule TReg mediante la somministrazione di cellule staminali mesenchimali122, la maggior parte degli approcci discussi sopra ha dati di proof-of-concept in modelli animali di depressione. Tuttavia, la rilevanza clinica di questi approcci deve ancora essere determinata da studi clinici randomizzati in pazienti con depressione.

Considerazioni traduttive

La nostra crescente comprensione di come i processi infiammatori contribuiscano alla depressione, unita alla crescente frustrazione per la mancanza di scoperta di nuovi antidepressivi, hanno stimolato l'interesse nella possibilità che varie classi di farmaci anti-infiammatori o altre strategie anti-infiammatorie (come discusso sopra) può essere promettente come antidepressivi "per tutti gli usi" inediti. Sfortunatamente, sembra che gli agenti antinfiammatori possano solo dimostrare un'efficace attività antidepressiva nei sottogruppi di pazienti che mostrano evidenza di un'aumentata infiammazione periferica, ad esempio individui con condizioni mediche comprendenti l'osteoartrosi e la psoriasi che sono caratterizzati da un aumento dei livelli di infiammazione periferica e di pazienti con depressione con marcatori infiammatori aumentati29,30. Inoltre, nei pazienti con depressione che non mostrano elevati livelli periferici di infiammazione, i trattamenti anti-infiammatori possono effettivamente compromettere le risposte al placebo che contribuiscono all'efficacia di tutte le modalità antidepressive conosciute123. Nell'unico studio fino ad oggi esaminato l'effetto antidepressivo di un antagonista delle citochine in adulti sani da un punto di vista clinico con depressione resistente al trattamento, l'analisi post hoc ha rivelato una relazione dose-risposta tra i livelli basali di infiammazione periferica e la successiva risposta antidepressiva all'inibitore del TNF infliximab30. In pazienti con concentrazioni basali di PCR plasmatiche ≥5 mg L-1, infliximab ha sovraperformato il placebo con una dimensione dell'effetto simile a quella osservata negli studi sugli antidepressivi standard. I pazienti con CRP> 3 mg L-1, il cut-off standard per l'alta infiammazione, mostravano anche una separazione dal placebo. Di nota, quest'ultima scoperta insieme a dati che dimostrano la rilevanza di un CRP> 3 mg L-1 al circuito di ricompensa alterato e al metabolismo del glutammato in depressione così come la previsione di successivi episodi depressivi (descritti sopra) si allinea bene con altre malattie in cui un CRP> 3 mg L-1 è rilevante per la predizione e la patologia incluse le malattie cardiovascolari e il diabete. Questi dati suggeriscono che il cut-off per l'alta infiammazione in depressione può essere coerente con altri disturbi (BOX 2). È importante sottolineare, tuttavia, che nei pazienti con bassi livelli di infiammazione, il blocco del TNF con infliximab ha effettivamente compromesso la risposta placebo30, suggerendo che i trattamenti anti-infiammatori nei pazienti senza infiammazione possono essere dannosi, mettendo in evidenza il crescente riconoscimento che il sistema immunitario ha un ruolo importante in diversi processi fondamentali per l'integrità neuronale.

Linee guida per gli studi clinici antinfiammatori in depressione

Sulla base della letteratura animale e umana sugli effetti delle citochine sul cervello, le seguenti linee guida possono informare studi clinici progettati per testare l'ipotesi di depressione delle citochine.

  • L'infiammazione si verifica solo nei sottogruppi di pazienti con depressione30. Gli studi clinici dovrebbero arricchire le popolazioni di pazienti con evidenza di aumento dell'infiammazione, in particolare quelli identificati da una proteina C-reattiva (CRP) 3 mg L-1, che ha dimostrato di caratterizzare i pazienti con depressione con circuiti di ricompensa alterati e aumento del gangli glutammico basale , così come quelli che hanno mostrato una risposta alla terapia anti-citochina30,84,95.
  • I farmaci antinfiammatori possono danneggiare i pazienti senza un aumento dell'infiammazione. Le citochine infiammatorie e la risposta immunitaria innata hanno ruoli chiave nella plasticità sinaptica, nella neurogenesi, nel potenziamento a lungo termine (che è un processo fondamentale nell'apprendimento e nella memoria) e nella possibile risposta antidepressiva123,128.
  • Le variabili di outcome comportamentali primarie dovrebbero includere misure di anedonia e ansia. Studi di neuroimaging accoppiati a studi che hanno somministrato una varietà di stimoli infiammatori, tra cui la vaccinazione anti-citochina, l'endotossina e la febbre tifoide, hanno rivelato che l'infiammazione colpisce i neurocircuiti nel cervello che regolano la motivazione e la ricompensa, nonché l'ansia, l'eccitazione e l'allarme35. Inoltre, questi sintomi hanno dimostrato di rispondere alla terapia anti-citochina in studi limitati.
  • I farmaci che mirano specificamente alle citochine infiammatorie e / o alle loro vie di segnalazione sono preferibili. La maggior parte degli studi clinici fino ad oggi ha utilizzato farmaci anti-infiammatori (agenti anti-infiammatori non steroidei e minociclina, un antibiotico tetraciclina) che hanno diversi effetti fuori bersaglio che rendono i dati esistenti rilevanti per testare l'ipotesi delle citochine di depressione difficile da interpretare31 .
  • Il coinvolgimento degli obiettivi deve essere stabilito nella periferia e, infine, nel cervello. I marcatori di espressione genica e proteica di infiammazione nel sangue periferico possono fungere da proxy rilevanti per l'infiammazione nel cervello129, in particolare dati l'evidenza del traffico di cellule immunitarie periferiche attivate nel cervello in modelli animali di depressione indotti dallo stress. Gli interventi terapeutici rilevanti dovrebbero diminuire i marcatori infiammatori periferici di concerto con il miglioramento di specifici sintomi depressivi. I ligandi di neuroimaging della proteina di Translocator possono infine servire come misure dirette della neuroinfiammazione e della sua inibizione da terapie anti-infiammatorie nei futuri studi clinici61.

Concludiamo offrendo la prospettiva equilibrata secondo cui le terapie antinfiammatorie sono improbabili che siano antidepressivi polivalenti. Forse pensiamo solo agli antidepressivi standard come agenti multiuso perché non siamo mai riusciti a sviluppare biomarker predittivi che ci informassero in modo affidabile su chi risponderà a un determinato agente. Se è così, allora consideriamo questi agenti come a tutti gli effetti, non perché sia ​​vero, ma per speranza e ignoranza. Quindi, invece di essere negativo, forse la scoperta che i biomarcatori infiammatori di base come la CRP possono predire la successiva risposta sintomatica alle strategie anti-infiammatorie è, in effetti, lo sviluppo più positivo finora nella nostra ricerca per capire come il sistema immunitario potrebbe essere sfruttato per migliorare il trattamento della depressione.

Dr-Jimenez_White-Coat_01.png

Insight di Dr. Alex Jimenez

Quando si prende un raffreddore, determinati sintomi sono innescati da marcatori infiammatori rilasciati in risposta alla malattia. Mentre starnutire, tossire e mal di gola sono i sintomi più "ovvi" che potresti essere malato, ciò che ti tiene veramente a letto quando hai un raffreddore è la spossatezza, disattenzione, perdita di appetito, cambiamenti nel sonno, aumento della percezione di dolore e ritiro apatico. Questi sintomi sono simili alla vasta gamma di sintomi che definiscono la depressione. Molti studi hanno dimostrato che la depressione può verificarsi a causa di una risposta infiammatoria alla malattia, proprio come nel caso di un raffreddore comune. La connessione tra infiammazione e depressione è stata a lungo discussa tra professionisti del settore sanitario e ricercatori, dove nuove prove potrebbero aprire le porte a ulteriori approcci terapeutici che potrebbero aiutare a gestire meglio questo problema di debilitazione.

Conclusione

In tempi ancestrali, l'integrazione di risposte infiammatorie e comportamenti di evitamento e allarme forniva un vantaggio evolutivo nella gestione del mondo microbico. In assenza dell'influenza temporanea degli organismi commensali che erano diffusi in ambienti in cui si evolvevano gli umani, il pregiudizio infiammatorio della specie umana nel mondo civilizzato è stato sempre più impegnato nel complesso mondo delle interazioni psicosociali e dell'inevitabile stress che genera. Rispondendo a questi insulti sterili con l'attivazione dell'inflammasoma e della mobilizzazione delle cellule mieloidi al cervello, il rilascio risultante di citochine infiammatorie incide sui neurotrasmettitori e sui neurocircuiti per condurre a comportamenti inadeguati per il funzionamento nella società moderna. Questa inevitabilità del nostro passato evolutivo è evidente negli alti tassi di depressione che si osservano oggi nella società. C'è anche un crescente riconoscimento dei meccanismi di resilienza che derivano dalla nostra comprensione emergente degli effetti neuroprotettivi di una varietà di risposte delle cellule T che vanno dalle cellule T effettrici che producono IL-4 alle cellule TReg con proprietà anti-infiammatorie. Una migliore comprensione di questi percorsi neuroprotettivi e dei meccanismi infiammatori - dall'attivazione dell'inflammasoma al traffico di cellule al cervello - che operano in pazienti con depressione può portare allo sviluppo di nuove terapie antidepressive.

Per il glossario e le note a piè di pagina visitare: Ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5542678/

Capire i fitocannabinoidi

La scoperta del sistema endocannabinoide del corpo, o ECS, negli 1980 ha fornito ai ricercatori una prospettiva completamente nuova sulle sostanze chimiche della marijuana e della canapa che erano state precedentemente identificate 40 anni prima, incluso il modo in cui queste sostanze chimiche interagivano e agivano su un sistema normativo prevalente in il corpo umano. Il titolo dato a quelle sostanze chimiche era fitocannabinoidi, che significa "fito" per la vita vegetale. Oltre i fitocannabinoidi 80 sono identificati in marijuana e canapa. Il fitocannabinoide psicoattivo nella marijuana, il tetraidrocannabinolo o il THC, rappresenta solo uno dei molti fitocannabinoidi ora ampiamente studiato per i suoi numerosi benefici per la salute. Più la scienza impara sugli effetti di vasta portata della ECS nell'incoraggiare la salute del cervello, nel migliorare la funzione immunitaria, nel mantenere una risposta infiammatoria sana e nel promuovere la salute, la fertilità, la salute delle ossa e molto altro, più interesse c'è nel localizzare questi fitocannabinoidi in natura e apprendere come influiscono sulla salute umana. A causa di questo interesse diffuso, i fitocannabinoidi sono stati identificati in molte piante al di fuori della specie di Cannabis; per esempio, piante come chiodi di garofano, pepe nero, echinacea, ginseng, broccoli e carote contengono tutti fitocannabinoidi.

Phytocannabinoids in canapa

Sebbene la maggior parte delle persone abbia ora sentito parlare di cannabadiolo (CBD), è solo uno dei tanti componenti della canapa che interagiscono con l'ECS. Altri due fitocannabinoidi degni di nota includono:

Cannabichromene (CBC)

La CBC è stata analizzata per la prima volta negli 1980 poiché è stata trovata per modulare una normale risposta infiammatoria in un modello di ratto. Più recentemente CBC ha dimostrato di promuovere la salute del cervello, la salute della pelle e preservare la normale motilità nel tratto digestivo.

Cannabigerolo (CBG)

CBG è stato sempre più studiato per la sua capacità di sostenere la salute del sistema nervoso. Il CBG ha molteplici ruoli dall'ECS, come inibire la ricaptazione dell'anandamide, un endocannabinoide estremamente benefico che facciamo all'interno del nostro corpo. Il CBG potrebbe anche fornire un aiuto per la funzione immunitaria, la salute della pelle e una disposizione positiva. Il CBG si trova tipicamente in concentrazioni molto più elevate nella canapa industriale che nella marijuana.

Phytocannabinoids in altre colture

C'è anche una ricerca in corso per scoprire i fitocannabionidi in molte altre piante. Alcuni di essi includono:

Beta-Caryophyllene (BCP)

Sebbene BCP si trovi dai fiori e dalle foglie di canapa, poiché solo il gambo della canapa è utilizzato negli integratori alimentari, anche il contenuto di BCP viene perso. Ma, BCP è contenuto in molte altre piante, come chiodi di garofano e pepe nero. BCP si lega al recettore dei cannabinoidi CB2 nel corpo, e così facendo aiuta a mantenere una reazione infiammatoria sana e promuove la salute generale del tratto digestivo, della pelle e delle malattie del fegato.

Diindolylmethane (DIM)

Il DIM è un composto che creiamo nei nostri corpi quando mangiamo verdure crocifere come broccoli, cavolfiori, cavoli e cavoletti di Bruxelles. DIM è anche un integratore alimentare facilmente disponibile. Proprio come il beta-cariofillene, il DIM si lega al recettore dei cannabinoidi CB2. Dal momento che il sistema immunitario è ricco di recettori CB2, ciò può chiarire i benefici per la salute degli alimenti a supporto immunitario.

alchilammidi

Situati nell'Echinacea delle erbe familiari, anche gli alchilammidi attirano interesse per la loro parte nell'ECS. Questi composti unici agiscono sul recettore dei cannabinoidi CB2 per regolare la sintesi delle citochine e anche per supportare la funzione immunitaria. Questa attività probabilmente aiuta a chiarire alcuni degli usi comuni di Echinacea.

falcarinol

Trovato in carote, sedano, prezzemolo e Panax ginseng, questo composto interessante potrebbe non essere una necessità da toccare. Il falcarinolo si lega al recettore dei cannabinoidi CB1 che ha anche l'effetto contrario dell'anandamide, cioè che i cannabinoidi che i nostri corpi fanno si legano al recettore. A causa di questa tendenza, il falcarinolo può causare una reazione allergica della pelle che viene considerata perché impedisce alla nostra stessa ECS di modulare l'infiammazione locale.

yangonin

Questo fitocannabinoide, trovato dalla pianta di Kava (Piper methysticum), si lega ai recettori cannabinoidi CB1 e agisce anche sui recettori GABA nel sistema nervoso. Anche se la yangonina sembra favorire il rilassamento e modulare le risposte allo stress, potrebbe anche essere un male per il fegato.

La comprensione del sistema endocannabinoide sta crescendo rapidamente. Man mano che questa conoscenza si allarga, la scienza continuerà a trovare più fitocannabinoidi in piante e alimenti utili a sostenere la salute in molti modi.

In conclusione, molti studi di ricerca hanno trovato una connessione tra le vie infiammatorie e neurocircuiti nel cervello che possono portare a una varietà di risposte comportamentali, come l'evitamento e l'allarme, tuttavia, prove crescenti hanno dimostrato che l'infiammazione cronica può portare alla depressione. La depressione è un disturbo debilitante che rappresenta una delle principali cause di disabilità in tutto il mondo. L'articolo sopra descrive la connessione tra infiammazione e depressione. Nuovi approfondimenti sui risultati degli studi di ricerca potrebbero aprire la possibilità di nuovi trattamenti per il trattamento della depressione, oltre ad altri problemi di salute associati. Inoltre, la comprensione del ruolo dei fitocannabinoidi nel corpo umano può funzionare come un altro approccio terapeutico per l'infiammazione associata alla depressione. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Collaboratori 2013 dello studio sull'onere globale della malattia. Incidenza globale, regionale e nazionale, prevalenza e anni vissuti con disabilità per le malattie acute e croniche 301 e le lesioni nei paesi 188, 1990-2013: un'analisi sistematica per lo studio Global Burden of Disease 2013. Lancetta. 2015; 386: 743-800. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
2. Rush AJ, et al. Esiti acuti ea lungo termine in pazienti depressi che richiedono una o più fasi di trattamento: un rapporto STAR * D. Am J Psychiatry. 2006; 163: 1905-1917. [PubMed]
3. Pace TW, et al. Aumento delle risposte infiammatorie indotte dallo stress nei pazienti maschi con depressione maggiore e aumento dello stress precoce della vita. Am J Psychiatry. 2006; 163: 1630-1633. [PubMed]
4. Bierhaus A, et al. Un meccanismo che converte lo stress psicosociale nell'attivazione delle cellule mononucleate. Proc Natl Acad Sci USA. 2003; 100: 1920-1925. Questo studio è una delle prime dimostrazioni che un fattore di stress psicologico potrebbe attivare fondamentali vie di segnalazione infiammatoria (cioè NF-KB) nelle cellule mononucleate del sangue periferico umano. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
5. Aschbacher K, et al. Il mantenimento di una prospettiva positiva durante lo stress acuto protegge dalla reattività pro-infiammatoria e dai futuri sintomi depressivi. Brain Behav Immun. 2012; 26: 346-352. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
6. Raison CL, Miller AH. Il significato evolutivo della depressione in Pathogen Host Defense (PATHOS-D) Mol Psychiatry. 2013; 18: 15-37. Questo trattato teorico propone che la depressione, piuttosto che essere una risposta disadattiva alla sfida psicosociale, è l'escrescenza di un vantaggio evolutivo fornito da una diafonia tra il sistema immunitario e il cervello per sopravvivere alle sfide ancestrali di agenti patogeni e predatori. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
7. Watson PJ, Andrews PW. Verso un'analisi adattativa evolutiva revisionata della depressione: l'ipotesi della navigazione sociale. J Affect Disord. 2002; 72: 1-14. [PubMed]
8. Kinney DK, Tanaka M. Un'ipotesi evolutiva della depressione e dei suoi sintomi, valore adattivo e fattori di rischio. J Nerv Ment Dis. 2009; 197: 561-567. [PubMed]
9. Slavich GM, Irwin MR. Dallo stress all'infiammazione e al disturbo depressivo maggiore: una teoria di trasduzione del segnale sociale della depressione. Psychol Bull. 2014; 140: 774-815. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
10. Seedat S, et al. Associazioni transnazionali tra genere e disturbi mentali nel World Health Organization World Mental Health Surveys. Arch Gen Psychiatry. 2009; 66: 785-795. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
11. Moieni M, et al. Differenze di sesso nelle risposte depressive e socioemotive a una sfida infiammatoria: implicazioni per le differenze di sesso nella depressione. Neuropsychopharmacology. 2015; 40: 1709-1716. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
12. Udina M, et al. Depressione indotta da interferone nell'epatite C cronica: una revisione sistematica e una meta-analisi. J Clin Psychiatry. 2012; 73: 1128-1138. [PubMed]
13. Raison CL, Lowry CA, Rook GA. Infiammazione, igiene e costernazione: perdita di contatto con microrganismi coevolventi e tollerogenici e patofisiologia e trattamento della depressione maggiore. Arch Gen Psychiatry. 2010; 67: 1211-1224. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
14. Rook GA, Lowry CA, Raison CL. Igiene e altre influenze della prima infanzia sulla successiva funzione del sistema immunitario. Cervello. 2015; 1617: 47-62. [PubMed]
15. Yirmiya R, et al. Malattia, citochine e depressione. Ann NY Acad Sci. 2000; 917: 478-487. [PubMed]
16. Miller AH, Maletic V, Raison CL. Infiammazione e malumori: il ruolo delle citochine nella fisiopatologia della depressione maggiore. Biol Psychiatry. 2009; 65: 732-741. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
17. Maes M. Depressione maggiore e attivazione del sistema di risposta infiammatoria. Adv Exp Med Biol. 1999; 461: 25-46. [PubMed]
18. Brambilla P, et al. Aumento di M1 / diminuzione della firma di M2 e segni di cambiamento di Th1 / Th2 in pazienti cronici con disturbo bipolare, ma non in quelli con schizofrenia. Traduce la psichiatria 2014; 4: e406. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
19. Analisi del percorso Drago A, Crisafulli C, Calabro M, Serretti A. Enrichment. Lo sfondo genetico infiammatorio nel disturbo bipolare. J Affect Disord. 2015; 179: 88-94. [PubMed]
20. Mostafavi S, et al. Geni di segnalazione dell'interferone di tipo I nella depressione maggiore ricorrente: aumento dell'espressione rilevata mediante sequenziamento dell'RNA di sangue intero. Mol Psychiatry. 2013; 19: 1267-1274. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
21. Maes M. Evidenza per una risposta immunitaria nella depressione maggiore: una revisione e un'ipotesi. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 1995; 19: 11-38. In contrasto con le teorie precedenti che si concentravano principalmente sulla riduzione delle risposte delle cellule T agli stimoli mitogeni, questo è uno dei primi documenti a sostenere che un sistema immunitario attivato possa avere un ruolo nell'eziologia della depressione. [PubMed]
22. Bufalino C, Hepgul N, Aguglia E, Pariante CM. Il ruolo dei geni immunitari nell'associazione tra depressione e infiammazione: una rassegna di recenti studi clinici. Brain Behav Immun. 2012; 31: 31-47. [PubMed]
23. Capuron L, et al. Effetti neurocomportamentali dell'interferone-a nei pazienti oncologici: fenomenologia e reattività paroxetina delle dimensioni dei sintomi. Neuropsychopharmacology. 2002; 26: 643-652. [PubMed]
24. Reichenberg A, et al. Disturbi emotivi e cognitivi associati alle citochine negli esseri umani. Arch Gen Psychiatry. 2001; 58: 445-452. [PubMed]
25. Bonaccorso S, et al. L'aumento della depressione nei pazienti con epatite C che ricevono l'immunoterapia a base di interferone-a è correlata ai cambiamenti indotti dall'interferone nel sistema serotoninergico. J Clin Psychopharmacol. 2002; 22: 86-90. [PubMed]
26. Harrison NA, et al. L'infiammazione causa cambiamenti di umore attraverso alterazioni dell'attività del cingolo sottogengivale e connettività mesolimbica. Biol Psychiatry. 2009; 66: 407-414. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
27. Tyring S, et al. Etanercept e esiti clinici, affaticamento e depressione nella psoriasi: studio randomizzato di fase III in doppio cieco controllato con placebo. Lancetta. 2006; 367: 29-35. [PubMed]
28. Abbott R, et al. Terapia con inibitori del fattore α di necrosi tumorale nella malattia cronica: una revisione sistematica e una meta-analisi degli effetti sulla depressione e sull'ansia. J Psychosom Res. 2015; 79: 175-84. [PubMed]
29. Kohler O, et al. Effetto del trattamento antinfiammatorio sulla depressione, sui sintomi depressivi e sugli effetti avversi: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi clinici randomizzati. JAMA Psychiatry. 2014; 71: 1381-1391. [PubMed]
30. Raison CL, et al. Uno studio randomizzato controllato dell'antagonista del fattore di necrosi tumorale infliximab per la depressione resistente al trattamento: il ruolo dei biomarker infiammatori al basale. JAMA Psychiatry. 2013; 70: 31-41. Questo rapporto descrive i risultati del primo studio in doppio cieco controllato con placebo di un anticorpo monoclonale contro TNF per trattare la depressione maggiore, indicando che solo i pazienti con depressione che hanno alti livelli di infiammazione rispondono all'antagonismo delle citochine. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
31. Miller AH, Raison CL. Le terapie anti-infiammatorie sono terapie valide per i disturbi psichiatrici ?: dove la gomma incontra la strada. JAMA Psychiatry. 2015; 72: 527-528. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
32. Michopoulos V, et al. Associazione della variazione genetica della CRP e livello della PCR con elevati sintomi di PTSD e risposte fisiologiche in una popolazione civile con alti livelli di trauma. Am J Psychiatry. 2015; 172: 353-362. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
33. Fernandes BS, et al. La proteina C-reattiva è aumentata nella schizofrenia ma non è alterata dagli antipsicotici: meta-analisi e implicazioni. Mol Psychiatry. 2015 http://dx.doi.org/10.1038/mp.2015.87. [PubMed]
34. Morris SE, Cuthbert BN. Criteri di dominio di ricerca: sistemi cognitivi, circuiti neurali e dimensioni del comportamento. Dialoghi Clin Neurosci. 2012; 14: 29-37. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
35. Miller AH, Haroon E, Raison CL, Felger JC. Obiettivi di citochine nel cervello: impatto su neurotrasmettitori e neurocircuiti. Depressa l'ansia. 2013; 30: 297-306. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
36. Cattaneo A, et al. Profilo di espressione dei geni candidati associato alla risposta agli antidepressivi nello studio GENDEP: differenziazione tra "predittori" di base e "target" longitudinale Neuropsychopharmacology. 2013; 38: 377-385. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
37. Eurelings LS, Richard E, Eikelenboom P, van Gool WA, Moll van Charante EP. L'infiammazione di basso grado distingue tra sintomi di apatia e depressione in individui anziani che vivono in comunità. Int Psychogeriatr. 2015; 27: 639-647. [PubMed]
38. Pearson TA, et al. Marcatori di infiammazione e malattie cardiovascolari: applicazione alle pratiche cliniche e di salute pubblica: una dichiarazione per gli operatori sanitari dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e l'American Heart Association. Circolazione. 2003; 107: 499-511. [PubMed]
39. Irwin MR, Cole SW. Regolazione reciproca del sistema immunitario neurale e innato. Nat Rev Immunol. 2011; 11: 625-632. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
40. Iwata M, Ota KT, Duman RS. L'inflammasoma: percorsi che collegano lo stress psicologico, la depressione e le malattie sistemiche. Brain Behav Immun. 2013; 31: 105-114. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
41. Strowig T, Henao-Mejia J, Elinav E, Flavell R. Inflammasomes in salute e malattia. Natura. 2012; 481: 278-286. [PubMed]
42. Fleshner M. Infiammazione sterile evocata da stress, modelli molecolari associati al pericolo (DAMP), pattern molecolari associati ai microbi (MAMP) e inflammasoma. Brain Behav Immun. 2013; 27: 1-7. [PubMed]
43. Cox SS, et al. Modulazione adrenergica e glucocorticoide della risposta infiammatoria sterile. Brain Behav Immun. 2014; 36: 183-192. [PubMed]
44. Pan Y, Chen XY, Zhang QY, Kong LD. L'attivazione dell'inflammasoma microglial NLRP3 media l'infiammazione correlata a IL-1β nella corteccia prefrontale dei ratti depressivi. Brain Behav Immun. 2014; 41: 90-100. [PubMed]
45. Zhang Y, et al. L'inflammasoma NLRP3 media depressione cronica da stress mite indotta nei topi tramite neuroinfiammazione. Int J Neuropsychopharmacol. 2015; 18 pii: pyv006. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
46. Paugh SW, et al. L'upregulation dell'inflammasoma NALP3 e la scissione CASP1 del recettore dei glucocorticoidi causano la resistenza ai glucocorticoidi nelle cellule leucemiche. Nat Genet. 2015; 47: 607-614. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
47. Rhen T, Cidlowski JA. Azione antinfiammatoria dei glucocorticoidi: nuovi meccanismi per vecchi farmaci. N Engl J Med. 2005; 353: 1711-1723. [PubMed]
48. Raison CL, Miller AH. Quando non è abbastanza è troppo: il ruolo dell'insufficiente segnalazione glucocorticoide nella patofisiologia dei disturbi legati allo stress. Am J Psychiatry. 2003; 160: 1554-1565. [PubMed]
49. Pace TW, Hu F, Miller AH. Effetti di citochine sulla funzione del recettore glucocorticoide: rilevanza per la resistenza ai glucocorticoidi e la fisiopatologia e il trattamento della depressione maggiore. Brain Behav Immun. 2007; 21: 9-19. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
50. Alcocer-Gomez E, et al. L'inflammasoma NLRP3 viene attivato nelle cellule del sangue mononucleare da pazienti con disturbo depressivo maggiore. Brain Behav Immun. 2014; 36: 111-117. Questo documento fornisce la prima indicazione che l'attivazione dell'infiammomaso può contribuire a livelli elevati di citochine infiammatorie come IL-1β e IL-18 nella depressione maggiore, coerentemente con studi in modelli animali di laboratorio di depressione che hanno dimostrato che l'inibizione di NLRP3 può bloccare sviluppo del comportamento depressivo-indotto da stress. [PubMed]
51. Stertz L, et al. Modelli molecolari associati ai danni e attivazione immunitaria nel disturbo bipolare. Acta Psychiatr Scand. 2015; 132: 211-217. [PubMed]
52. Rawdin BJ, et al. Relazione disordinata di infiammazione e stress ossidativo nella depressione maggiore. Brain Behav Immun. 2013; 31: 143-152. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
53. Maes M, Galecki P, Chang YS, Berk M. Una rassegna sui percorsi di stress ossidativo e nitrosativo (O & NS) nella depressione maggiore e il loro possibile contributo ai processi (neuro) degenerativi in ​​quella malattia. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2011; 35: 676-692. [PubMed]
54. Mayer EA, Knight R, Mazmanian SK, Cryan JF, Tillisch K. Gut microbi e il cervello: cambiamento di paradigma nelle neuroscienze. J Neurosci. 2014; 34: 15490-15496. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
55. Maslanik T, et al. Batteri commensali e MAMP sono necessari per aumenti indotti dallo stress in IL-1β e IL-18 ma non IL-6, IL-10 o MCP-1. PIÙ UNO. 2012; 7: e50636. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
56. Lyte M, Vulchanova L, Brown DR. Stress sulla superficie intestinale: interazioni catecolamine e mucose-batteri. Riso del tessuto cellulare. 2011; 343: 23-32. [PubMed]
57. Rao JS, Harry GJ, Rapoport SI, Kim HW. Aumento dell'eccitotossicità e dei marcatori neuroinfiammatori nella corteccia frontale postmortem da pazienti con disturbo bipolare. Mol Psychiatry. 2010; 15: 384-392. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
58. Steiner J, et al. Aspetti immunologici nella neurobiologia del suicidio: elevata densità microgliale nella schizofrenia e depressione è associata al suicidio. J Psychiatr Res. 2008; 42: 151-157. [PubMed]
59. Torres-Platas SG, Cruceanu C, Chen GG, Turecki G, Mechawar N. Evidenza per l'aumento del reclutamento dei microglial e del reclutamento dei macrofagi nella sostanza bianca del cingolato anteriore dorsale dei suicidi depressi. Brain Behav Immun. 2014; 42: 50-59. Questo studio fornisce alcune delle prove più convincenti che la neuroinfiammazione si verifica nella depressione maggiore dimostrando che il traffico monocitario al cervello di pazienti con sintomi depressivi e assume una localizzazione perivascolare in associazione con molecole chemoattrattanti come CCL2, che ha dimostrato di attrarre monociti a il cervello in modelli animali di stress. [PubMed]
60. Nagy C, et al. Anomalie astrocitiche e modelli di metilazione globale del DNA in depressione e suicidio. Mol Psychiatry. 2015; 20: 320-328. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
61. Setiawan E, et al. Ruolo della densità proteica del translocator, un marker di neuroinfiammazione, nel cervello durante episodi depressivi maggiori. JAMA Psychiatry. 2015; 72: 268-275. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
62. Hannestad J, et al. La proteina traslocatore marcatore neuroinfiammatorio non è elevata nei soggetti con depressione lieve-moderata: uno studio [11C] PBR28 PET. Brain Behav Immun. 2013; 33: 131-138. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
63. Sandiego CM, et al. Imaging robusto attivazione microgliale dopo somministrazione di lipopolisaccaride negli esseri umani con PET. Proc Natl Acad Sci USA. 2015; 112: 12468-12473. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
64. Quan N, Banks WA. Percorsi di comunicazione cervello-immuni. Brain Behav Immun. 2007; 21: 727-735. [PubMed]
65. D'Mello C, Le T, Swain MG. La microglia cerebrale recluta i monociti nel cervello in risposta alla segnalazione di fattore α di necrosi tumorale durante l'infiammazione degli organi periferici. J Neurosci. 2009; 29: 2089-2102. [PubMed]
66. Hennessy E, Griffin EW, Cunningham C. Gli astrociti sono innescati dalla neurodegenerazione cronica per produrre esagerate risposte di chemochine e infiltrazioni cellulari alla stimolazione acuta con le citochine IL-1β e TNF-α J Neurosci. 2015; 35: 8411-8422. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
67. Wohleb ES, et al. L'antagonismo del recettore β-adrenergico previene il comportamento ansiogeno e la reattività microgliale indotta da ripetute sconfitte sociali. J Neurosci. 2011; 31: 6277-6288. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
68. Wohleb ES, Powell ND, Godbout JP, Sheridan JF. Il reclutamento stressato dei monociti derivati ​​dal midollo osseo nel cervello promuove il comportamento ansioso. J Neurosci. 2013; 33: 13820-13833. Riferimenti 67 e 68 presentano una serie di esperimenti che dimostrano un percorso cellulare mediante il quale i segnali delle citochine possono essere trasmessi al cervello attraverso il traffico di monociti dal midollo osseo al parenchima cerebrale, un processo mediato da catecolamine e CCL2. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
69. Krugel U, Fischer J, Radicke S, Sack U, Himmerich H. Effetti antidepressivi del blocco del TNF-α in un modello animale di depressione. J Psychiatr Res. 2013; 47: 611-616. [PubMed]
70. Arends S, et al. Predittori di base della risposta e interruzione della terapia di blocco del fattore α di α necrosi nella spondilite anchilosante: uno studio prospettico longitudinale osservazionale di coorte. Artrite Res Ther. 2011; 13: R94. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
71. Gillespie CF, Garlow SJ, Binder EB, Schatzberg AF, Nemeroff CB. In: Manuale di psicofarmacologia. Schatzberg AF, Nemeroff CB, editori. America Psychiatric Publishing; 2009. pp. 903-944.
72. Zhu CB, et al. L'attivazione del recettore dell'interleuchina-1 da parte del lipopolisaccaride sistemico induce la disperazione comportamentale legata alla regolazione MAPK dei trasportatori della serotonina del SNC. Neuropsychopharmacology. 2010; 35: 2510-2520. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
73. Neurauter G, et al. La stimolazione immunitaria cronica è correlata al ridotto turnover di fenilalanina. Curr Drug Metab. 2008; 9: 622-627. [PubMed]
74. Felger JC, et al. Metabolismo della tirosina durante la somministrazione di interferone-a: associazione con le concentrazioni di dopamina da fatica e CSF. Brain Behav Immun. 2013; 31: 153-160. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
75. Maes M, Leonard BE, Myint AM, Kubera M, Verkerk R. La nuova ipotesi 5-HT di depressione: l'attivazione immunitaria mediata dalle cellule induce l'indoleamina 2,3-diossigenasi, che porta ad un minore triptofano plasmatico e ad una maggiore sintesi di triptofano dannoso cataboliti (TRYCAT), che contribuiscono entrambi alla comparsa della depressione. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2011; 35: 702-721. [PubMed]
76. Raison CL, et al. Concentrazioni di CSF di triptofano cerebrale e chinurenine durante la stimolazione immunitaria con IFN-α: relazione con le risposte immunitarie e la depressione del SNC. Mol Psychiatry. 2010; 15: 393-403. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
77. Steiner J, et al. Una grave depressione è associata ad un aumento dell'acido chinolitico microgliale nelle sottoregioni del giro cingolato anteriore: evidenza di una neurotrasmissione glutammatergica immuno-modulata? J Neuroinflamm. 2011; 8: 94. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
78. Tavares RG, et al. L'acido chinolinico stimola il rilascio di glutammato sinaptosomico e inibisce la captazione del glutammato negli astrociti. Neurochem Int. 2002; 40: 621-627. [PubMed]
79. Tilleux S, Hermans E. Neuroinfiammazione e regolazione dell'assorbimento gliale glutammico nei disturbi neurologici. J Neurosci Res. 2007; 85: 2059-2070. [PubMed]
80. Hardingham GE, Fukunaga Y, Bading H. Gli NMDAR Extrasynaptic si oppongono ai NMDAR sinaptici attivando l'interruzione del CREB e le vie di morte cellulare. Nat Neurosci. 2002; 5: 405-414. [PubMed]
81. Koo JW, Russo SJ, Ferguson D, Nestler NJ, Duman RS. Il fattore-κB nucleare è un mediatore critico della neurogenesi da stress e del comportamento depressivo. Proc Natl Acad Sci USA. 2010; 107: 2669-2674. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
82. Goshen I, et al. Cervello interleuchina-1 media depressione cronica indotta da stress nei topi tramite attivazione adrenocorticale e soppressione della neurogenesi ippocampale. Mol Psychiatry. 2008; 13: 717-728. [PubMed]
83. Haroon E, et al. Cambiamenti del glutammato corticale e subcorticale indotti da IFN-α valutati mediante spettroscopia di risonanza magnetica. Neuropsychopharmacology. 2014; 39: 1777-1785. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
84. Haroon E, et al. Convergenza concettuale: l'aumento dell'infiammazione è associato ad aumento dei gangli basali di glutammato nei pazienti con depressione maggiore. Mol Psychiatry. 2015 http://dx.doi.org/10.1038/mp.2015.206. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
85. Walker AK, et al. Il blocco del recettore NMDA da parte della ketamina abroga il comportamento depressivo indotto dal lipopolisaccaride nei topi C57BL / 6J. Neuropsychopharmacology. 2013; 38: 1609-1616. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
86. O'Connor JC, et al. Il comportamento depressivo-indotto da lipopolisaccaridi è mediato dall'attivazione di 2,3-diossigenasi indoleamina nei topi. Mol Psychiatry. 2009; 14: 511-522. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
87. Duman RS, Monteggia LM. Un modello neurotrofico per i disturbi dell'umore legati allo stress. Biol Psychiatry. 2006; 59: 1116-1127. [PubMed]
88. Hodes GE, et al. Le differenze individuali nel sistema immunitario periferico promuovono la resilienza rispetto alla suscettibilità allo stress sociale. Proc Natl Acad Sci USA. 2014; 111: 16136-16141. Questo documento fornisce prove convincenti negli animali da laboratorio che le differenze individuali nella risposta comportamentale a un fattore di stress sociale sono mediate da differenze individuali nella produzione della citochina infiammatoria IL-6, suggerendo che fattori genetici e / o ambientali che regolano le risposte infiammatorie possono determinare lo stress -induzione del comportamento depressivo. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
89. Capuron L, et al. Meccanismi dopaminergici di riduzione delle risposte dei gangli basali alla ricompensa edonica durante la somministrazione di interferone-a. Arch Gen Psychiatry. 2012; 69: 1044-1053. Usando il neuroimaging multimodale, questo rapporto fornisce un'integrazione dell'impatto delle citochine infiammatorie sui percorsi della ricompensa e sul metabolismo della dopamina nei gangli della base che porta ad alterazioni dei comportamenti rilevanti per la motivazione e, infine, l'anedonia - un sintomo principale della depressione. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
90. Eisenberger NI, et al. Anedonia indotta dall'infiammazione: l'endotossina riduce le risposte dello striato ventrale alla ricompensa. Biol Psychiatry. 2010; 68: 748-754. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
91. Felger JC, et al. L'interferone cronico α diminuisce il legame del recettore 2 della dopamina e il rilascio della dopamina striatale in associazione con il comportamento simile all'anedonia nei primati non umani. Neuropsychopharmacology. 2013; 38: 2179-2187. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
92. Dowell NG, et al. Cambiamenti acuti nella microstruttura striatale predicono lo sviluppo della fatica indotta da interferone. Biol Psychiatry. 2015 http://dx.doi.org/10.1016/j.biopsych.2015.05.015. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
93. Harrison NA, Cercignani M, Voon V, Critchley HD. Effetti dell'infiammazione sulle risposte di ippocampo e substantia nigra alla novità in soggetti umani sani. Neuropsychopharmacology. 2015; 40: 831-838. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
94. Harrison NA, et al. Un resoconto neuro-computazionale di come l'infiammazione aumenta la sensibilità alle punizioni rispetto ai premi. Biol Psychiatry. 2015 http://dx.doi.org/10.1016/j.biopsych.2015.07.018. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
95. Felger JC, et al. L'infiammazione è associata a ridotta connettività funzionale all'interno del circuito di ricompensa corticostriatale in depressione. Mol Psychiatry. 2015 http://dx.doi.org/10.1038/mp.2015.168. Questo studio di neuroimaging è il primo a dimostrare che l'impatto degli stimoli immunitari (ad esempio IFNa, la vaccinazione anti-tifo e l'endotossina) sul cervello di individui altrimenti non depressi esteso ai pazienti con depressione, la cui maggiore infiammazione è stata trovata per ridurre la connettività funzionale in neurocircuitria legata alla ricompensa che porta all'anedonia, un sintomo principale della depressione. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
96. Harrison NA, et al. Origini neurali della malattia umana nelle risposte interocettive all'infiammazione. Biol Psychiatry. 2009; 66: 415-422. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
97. Slavich GM, Way BM, Eisenberger NI, Taylor SE. La sensibilità neurale al rifiuto sociale è associata a risposte infiammatorie allo stress sociale. Proc Natl Acad Sci USA. 2010; 107: 14817-14822. Questo manoscritto fornisce una delle prime e più dettagliate descrizioni della relazione tra l'attivazione indotta da stress delle risposte infiammatorie e la sensibilità a un fattore di stress psicosociale, identificando le regioni chiave del cervello come il DACC come bersaglio di citochine, portando ad ansia, eccitazione e allarme . [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
98. Eisenberger NI, Lieberman MD. Perché il rigetto fa male: un comune sistema di allarme neurale per il dolore fisico e sociale. Tendenze Cogn Sci. 2004; 8: 294-300. [PubMed]
99. Muscatell KA, et al. La maggiore attività dell'amigdala e l'accoppiamento prefrontale-amigdala dorsomediale sono associati ad una maggiore risposta infiammatoria allo stress. Brain Behav Immun. 2015; 43: 46-53. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
100. Gimeno D, et al. Associazioni di proteina C-reattiva e interleuchina-6 con sintomi cognitivi di depressione: follow-up di 12-anno dello studio Whitehall II. Psychol Med. 2009; 39: 413-423. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
101. Au B, Smith KJ, Gariepy G, Schmitz N. Le associazioni longitudinali tra proteina C-reattiva e sintomi depressivi: prove tratte dallo studio longitudinale inglese dell'invecchiamento (ELSA) Int J Geriatr Psychiatry. 2015; 30: 976-984. [PubMed]
102. Duivis HE, et al. Sintomi depressivi, comportamenti salutistici e conseguente infiammazione in pazienti con malattia coronarica: risultati prospettici dallo studio del cuore e dell'anima. Am J Psychiatry. 2011; 168: 913-920. [PubMed]
103. Baumeister D, Akhtar R, Ciufolini S, Pariante CM, Mondelli V. Trauma infantile e infiammazione adulta: una meta-analisi della proteina C-reattiva periferica, interleuchina-6 e fattore di necrosi tumorale-α Mol Psychiatry. 2015 http://dx.doi.org/10.1038/mp.2015.67. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
104. Danese A, Pariante CM, Caspi A, Taylor A, Poulton R. Il maltrattamento sull'infanzia predice l'infiammazione degli adulti in uno studio sul corso della vita. Proc Natl Acad Sci USA. 2007; 104: 1319-1324. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
105. Tartter M, Hammen C, Bower JE, Brennan PA, Cole S. Gli effetti dell'esposizione cronica allo stress interpersonale sui sintomi depressivi sono moderati dalla variazione genetica di IL6 e IL1β nella giovinezza. Brain Behav Immun. 2015; 46: 104-111. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
106. Klengel T, et al. La demetilazione del DNA FKBP5 allele-specifica media le interazioni traumi genetici-infantili. Nat Neurosci. 2013; 16: 33-41. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
107. Miller GE, et al. Un'impronta genomica funzionale dello stress cronico nell'uomo: glucocorticoide smussato e segnalazione NF-KB in aumento. Biol Psychiatry. 2008; 64: 266-272. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
108. Brachman RA, Lehmann ML, Maric D, Herkenham M. I linfociti da topi cronicamente stressati conferiscono effetti antidepressivi ai topi ingenui. J Neurosci. 2015; 35: 1530-1538. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
109. Lewitus GM, Cohen H, Schwartz M. Riduzione dell'ansia post-traumatica mediante immunizzazione. Brain Behav Immun. 2008; 22: 1108-1114. [PubMed]
110. Lewitus GM, et al. La vaccinazione come nuovo approccio per il trattamento del comportamento depressivo. Biol Psychiatry. 2009; 65: 283-288. Riferimenti 109 e 110 forniscono la prima prova che il coinvolgimento delle cellule T nel traffico verso il cervello durante lo stress può bloccare il comportamento depressivo e ansioso e indurre fattori di crescita e neurogenesi nel cervello, rappresentando un approccio completamente nuovo al trattamento della depressione che richiede vantaggio della capacità delle cellule T di supportare l'integrità neuronale. [PubMed]
111. Derecki NC, et al. Regolazione dell'apprendimento e della memoria dall'immunità meningea: un ruolo chiave per IL-4. J Exp Med. 2010; 207: 1067-1080. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
112. Louveau A, et al. Caratteristiche strutturali e funzionali dei vasi linfatici del sistema nervoso centrale. Natura. 2015; 523: 337-341. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
113. Kim SJ, et al. CD4 + CD25 + deplezione delle cellule T regolatorie modula i comportamenti ansiosi e depressivi nei topi. PIÙ UNO. 2012; 7: e42054. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
114. Rosas-Ballina M, et al. Le cellule T che sintetizzano acetilcolina trasmettono segnali neurali nel circuito del nervo vago. Scienza. 2011; 334: 98-101. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
115. Bauer ME, et al. Effetti indotti dal desametasone sulla distribuzione dei linfociti e sull'espressione delle molecole di adesione nella depressione resistente al trattamento. Resistenza psichiatrica 2002; 113: 1-15. [PubMed]
116. Wang X, Wu H, Miller AH. L'attivazione indotta da Interleukin 1α (IL-1α) della chinasi di proteina mitogenata attivata p38 inibisce la funzione del recettore glucocorticoide. Mol Psychiatry. 2004; 9: 65-75. [PubMed]
117. Le cellule soppressorie derivate da mieloidi di Wei J, Zhang M, Zhou J. nei pazienti con depressione maggiore sopprimono le risposte delle cellule T attraverso la produzione di specie reattive dell'ossigeno. Resistenza psichiatrica 2015; 228: 695-701. [PubMed]
118. van Deventer HW, et al. Il componente inflammasoma NLRP3 altera il vaccino antitumorale migliorando l'accumulo di cellule soppressorie derivate da mieloidi associate al tumore. Cancer Res. 2010; 70: 10161-10169. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
119. Li Y, et al. Espressione alterata di CD4 + CD25 + cellule T regolatorie e del suo recettore 5-HT1a in pazienti con disturbo depressivo maggiore. J Affect Disord. 2010; 124: 68-75. [PubMed]
120. Williamson LL, et al. Hai dei vermi? L'esposizione perinatale agli elminti previene la sensibilizzazione immunitaria persistente e la disfunzione cognitiva indotta da un'infezione precoce. Brain Behav Immun. 2015 [PubMed]
121. Olofsson PS, Rosas-Ballina M, Levine YA, Tracey KJ. Ripensare l'infiammazione: circuiti neurali nella regolazione dell'immunità. Immunol Rev. 2012; 248: 188-204. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
122. Wang Y, Chen X, Cao W, Shi Y. Plasticità delle cellule staminali mesenchimali in immunomodulazione: implicazioni patologiche e terapeutiche. Nat Immunol. 2014; 15: 1009-1016. [PubMed]
123. Warner-Schmidt JL, Vanover KE, Chen EY, Marshall JJ, Greengard P. Gli effetti antidepressivi degli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) sono attenuati dai farmaci antinfiammatori nei topi e nell'uomo. Proc Natl Acad Sci USA. 2011; 108: 9262-9267. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
124. Gurven M, Kaplan H. Longevità tra i cacciatori-raccoglitori: un esame interculturale. Popul Dev Rev. 2007; 33: 321-365.
125. Fumagalli M, et al. Le firme di adattamento genetico ambientale individuano i patogeni come la principale pressione selettiva attraverso l'evoluzione umana. PLoS Genet. 2011; 7: e1002355. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
126. Kuningas M, et al. Selezione per variazione genetica che induce risposte pro-infiammatorie in condizioni ambientali avverse in una popolazione ghanese. PIÙ UNO. 2009; 4: e7795. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
127. Ratcliffe M. Un brutto caso di influenza ?: la fenomenologia comparativa della depressione e della malattia somatica. J Studi coscienti. 2013; 20: 198-218.
128. Marin I, Kipnis J. Apprendimento e memoria ... e il sistema immunitario. Impara Mem. 2013; 20: 601-606. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
129. Mehta D, et al. Le firme trascrizionali correlate al metabolismo del glucosio e dei lipidi predicono la risposta del trattamento all'antagonista del fattore di necrosi tumorale infliximab in pazienti con depressione resistente al trattamento. Brain Behav Immun. 2013; 31: 205-215. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Mal di schiena è una delle cause prevalenti di disabilità e giornate perse al lavoro in tutto il mondo. Di fatto, il dolore alla schiena è stato attribuito come la seconda ragione più comune per le visite di un medico, superata solo dalle infezioni delle alte vie respiratorie. Circa il 80 percento della popolazione sperimenterà qualche tipo di dolore alla schiena almeno una volta nel corso della vita. La colonna vertebrale è una struttura complessa composta da ossa, articolazioni, legamenti e muscoli, tra gli altri tessuti molli. A causa di ciò, lesioni e / o condizioni aggravate, come dischi erniciati, può eventualmente portare a sintomi di mal di schiena. Le lesioni sportive o gli incidenti automobilistici sono spesso la causa più frequente di mal di schiena, tuttavia a volte il più semplice dei movimenti può avere risultati dolorosi. Fortunatamente, le opzioni di trattamento alternative, come la cura chiropratica, possono aiutare ad alleviare il mal di schiena attraverso l'uso di aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali, in definitiva migliorando il sollievo dal dolore.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO EXTRA IMPORTANTE: Back Pain Management

Altri argomenti: EXTRA EXTRA: El Paso, TX | Trattamento del dolore cronico