Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Il testosterone protegge i maschi dagli asma

Uno studio franco-australiano pubblicato questa settimana riporta che il testosterone protegge i maschi dallo sviluppo dell'asma, sopprimendo la produzione di un tipo di cellula immunitaria che innesca l'asma allergica.

Un team internazionale di ricercatori si è proposto di indagare sul motivo per cui le donne hanno una probabilità due volte maggiore di sviluppare asma rispetto ai maschi dopo la pubertà.

Secondo la ricerca, condotta congiuntamente dal Walter and Eliza Hall Institute di Melbourne, in Australia, e dal Physiopathology Centre di Toulouse-Purpan, in Francia, la risposta potrebbe risiedere nei nostri ormoni.

Gli scienziati hanno scoperto che alti livelli di testosterone avevano un effetto protettivo contro lo sviluppo di asma allergico, inibendo le cellule immunitarie chiamate cellule linfoidi innate di tipo due (ILC2), associate con l'inizio dell'asma.

Come evidenziato da uno studio francese pubblicato in PNAS in 2014, queste cellule, che si trovano nei polmoni, nella pelle e in altri organi, svolgono un ruolo nell'innescare reazioni allergiche come l'asma.

Queste cellule producono proteine ​​infiammatorie che possono causare infiammazione e danni ai polmoni in risposta ai comuni fattori scatenanti dell'asma allergico, come pollini, acari della polvere, fumo di sigaretta e peli di animali domestici.

"Il testosterone agisce direttamente sugli ILC2 inibendo la loro proliferazione", spiega il dott. Cyril Seillet del Walter and Eliza Hall Institute di Melbourne. "Quindi nei maschi, hai meno ILC2 nei polmoni e questo è direttamente correlato con la ridotta gravità dell'asma."

Questo importante passo avanti nella comprensione dei meccanismi che guidano l'asma allergico, così come le principali differenze tra maschi e femmine, potrebbe portare a nuovi trattamenti per la malattia. Questi potrebbero potenzialmente imitare la regolazione ormonale di ILC2 per trattare o prevenire l'asma.