Condividi

Le allergie e le sensibilità alimentari sono più frequenti e rappresentano un problema che i medici stanno iniziando a esaminare più seriamente. Quasi il 20% delle persone ha reazioni alimentari, il 4% di queste è una risposta immunomediata. Queste sensibilità alimentari possono causare sintomi immediatamente o giorni dopo l'ingestione. I sintomi riportati frequentemente includono infiammazione, mal di testa, dolori articolari, orticaria, affaticamento e altro ancora.

Reazioni immunologiche

Le reazioni immunologiche sono immediate o ritardate e possono essere ulteriormente suddivise e classificate in 4 categorie separate. Tipo 1, Tipo 2, Tipo 3 e Tipo 4.

Tipo 1: una reazione mediata da anticorpi IgE. Questa è una reazione di ipersensibilità immediata che si verifica 2 ore o meno una volta esposta all'antigene. Esempio: mangiare fragole e scoppiare negli alveari. Gli antigeni si legano agli anticorpi IgE e rilasciano mediatori chimici come l'istamina.

Tipo 2: Ipersensibilità citotossica. Questa è una risposta mediata da anticorpi a IgG e IgM. Questa reazione è ritardata, dopo 2 ore o diversi giorni dall'esposizione. Ciò si verifica quando gli anticorpi si legano agli autoantigeni o agli anticorpi estranei, portando all'attività delle cellule killer.

Tipo 3: Reazione mediata dal complesso immunitario. Questa è anche un'ipersensibilità ritardata e si verifica fino a settimane dopo l'esposizione. In questo caso, il sistema immunitario crea troppi anticorpi IgG per un alimento specifico.

Tipo 4: Questa è la forma mediata dalle cellule di ipersensibilità ritardata. Questo può essere il più grave e causare la stimolazione delle cellule T da parte delle citochine. Più tardi, queste citochine attivano e inducono una formazione del complesso immunitario.

Test per sensibilità

Esistono diversi modi per testare la sensibilità ritardata e immediata. Uno dei più comuni e di cui si parla spesso è il Prick Test. Questo test è comunemente usato dagli allergologi e viene eseguito sulla schiena o sull'avambraccio del paziente. Viene fatto un piccolo graffio e viene inserito un allergene. Se il punto ha una reazione, questo si traduce in una sensibilità.

Un test intradermico è simile al test di puntura ma invece di inserire l'allergene in un graffio, una piccola quantità viene iniettata sotto la pelle.

La dieta di eliminazione è un ottimo punto di partenza per determinare se un paziente ha una sensibilità alimentare. Eliminano il cibo che pensano stia causando una reazione e registrano i loro sintomi per un periodo di 90 giorni senza ingerire quel cibo specifico.

Un test RAST viene eseguito tramite siero, che è un modo sicuro per testare gli anticorpi IgE in coloro che potrebbero avere una reazione troppo grave a una puntura o un test intradermico.

Di seguito è riportato un esempio di test di sensibilità alimentare che utilizziamo per gli anticorpi IgG e IgA con l'opzione di test per un allergene IgE:

Si consiglia di registrare un diario alimentare dettagliato insieme ai sintomi prima di eseguire un test di sensibilità. Ciò consentirà al professionista di vedere quale test è meglio per te e fare un piano specifico. Inoltre, un test di anticorpi IgG fornisce anche informazioni al medico se le persone potrebbero soffrire intestinale perdente.

Riferimenti:

Grisanti, Ronald. "Interpretazione e trattamento di allergie alimentari / test di sensibilità / intolleranza." Università di medicina funzionale. 11 maggio 2020, www. funzionalemedicineuniversity.com/members/ 465. cfm.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘