Il virus senza sintomi può scintilla l'allergia al glutine

Condividi

Un virus comune nell'infanzia potrebbe innescare un'allergia a lungo termine al glutine e portare alla malattia celiaca, un disturbo autoimmune che colpisce una persona 133 negli Stati Uniti, hanno detto i ricercatori.

La celiachia è causata quando il corpo ha una risposta immunitaria impropria - molto simile a un'allergia - al glutine proteico, che si trova nel grano, nella segale e nell'orzo.

La malattia danneggia la fodera dell'intestino tenue e non ha cura. Può essere trattato solo adottando una dieta senza glutine.

Ma se lo studio di giovedì sul diario Scienze - sulla base di esperimenti con topi - è confermato in studi più ampi sulle persone, i ricercatori hanno detto che un vaccino potrebbe essere in grado di prevenire la malattia celiaca in futuro.

"Questo studio dimostra chiaramente che un virus che non è clinicamente sintomatico può ancora fare cose cattive al sistema immunitario e preparare il terreno per una malattia autoimmune, e in particolare per la malattia celiaca", ha detto l'autore senior Bana Jabri, direttore della ricerca presso il Centro per le malattie celiache dell'Università di Chicago.

Lo studio ha scoperto che insetti intestinali chiamati reovirus possono rendere il sistema immunitario eccessivo reagire al glutine, una proteina che è già difficile da digerire.

Dato ai topi, "un reovirus umano comune ha innescato una risposta immunitaria infiammatoria e la perdita della tolleranza orale al glutine, mentre un altro ceppo strettamente correlato ma geneticamente diverso non lo ha fatto", ha detto lo studio.

Il virus ha provocato un'ondata di anticorpi che potrebbe lasciare un "segno permanente sul sistema immunitario che pone le basi per una successiva risposta autoimmune al glutine".

La maggior parte dei neonati mangia i loro primi cereali contenenti glutine di circa sei mesi di età, una volta che i loro sistemi immunitari sono più vulnerabili ai virus.

"Durante il primo anno di vita, il sistema immunitario sta ancora maturando, quindi per un bambino con un particolare background genetico, ottenere un particolare virus in quel momento può lasciare una sorta di cicatrice che ha conseguenze a lungo termine", ha detto Jabri.

"Ecco perché crediamo che una volta che avremo più studi, potremmo voler pensare se i bambini ad alto rischio di sviluppare la celiachia dovrebbero essere vaccinati".

I coautori dello studio sono stati dalla Scuola di Medicina dell'Università di Pittsburgh; l'Università di Napoli, Italia; Erasmus University Medical Center di Rotterdam, Paesi Bassi; Massachusetts General Hospital; Harvard Medical School; il Broad Institute di MIT; l'Università di Montreal; e Stanford University.

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘