Condividi

Le persone sperimentano lo stress su base regolare. Dalle preoccupazioni per le finanze o l'occupazione ai problemi con i tuoi figli o altri significativi, anche le preoccupazioni sulla condizione del mondo, possono registrarsi come fattori di stress per molte persone. Lo stress causa sia acuto (immediato) che cronico (a lungo termine) problemi di salute, compresa la lombalgia, un sintomo comune frequentemente riportato da molti pazienti che soffrono di stress costante. Fortunatamente, diversi approcci terapeutici olistici, inclusa la cura chiropratica, possono aiutare ad alleviare sia le sensazioni che gli effetti dello stress, guidando infine le persone attraverso appropriati metodi di gestione dello stress.

Sintomi di stress

Lo stress innesca la lotta del corpo o la risposta al volo. L'ondata di adrenalina che provi dopo aver sentito un suono forte è semplicemente una delle restanti caratteristiche dei nostri antenati, temendo che quel rumore forte provenisse da qualcosa che voleva mangiarli.

Lo stress provoca una serie di cambiamenti fisici nel corpo, a cominciare dal cervello. La frequenza cardiaca aumenta e inizia a dirigere il sangue verso le altre estremità. Udito e vista diventano più acuti. E le ghiandole surrenali cominciano a secernere l'adrenalina come mezzo per preparare il corpo allo sforzo fisico. Questo è esattamente ciò che significa "la fuga o la risposta alla lotta".

Se stai camminando da solo di notte e senti i passi dietro di te, la lotta di risposta al volo può essere incredibilmente efficace per la tua sicurezza. Tuttavia, se si verifica uno stress prolungato, questo tipo di reazione fisica contribuisce a una varietà di problemi di salute, come l'ipertensione, il diabete, un sistema immunitario compromesso e danni ai tessuti muscolari. Questo perché il tuo corpo non riconosce che ci sono diversi tipi di stress; sa solo che lo stress rappresenta un pericolo e reagisce di conseguenza.

Gestione dello stress con cura chiropratica

La cura chiropratica può aiutare a migliorare e gestire molti sintomi di stress. Questo perché la colonna vertebrale è la radice del sistema nervoso. Le regolazioni spinali e le manipolazioni manuali calmano la lotta o la risposta al volo attivando il sistema parasimpatico. Inoltre, la chiropratica può alleviare il dolore e le tensioni muscolari, migliorare la circolazione e correggere i disallineamenti spinali. Questi benefici si combinano tutti per alleviare i sintomi dello stress, il che riduce il livello di stress del paziente.

Una strategia ben arrotondata

I chiropratici guidano i loro pazienti attraverso un assortimento di procedure di gestione dello stress, compresi i cambiamenti dietetici, l'esercizio fisico, la meditazione e i metodi di rilassamento. Una dieta sana può aiutare il corpo a gestire un assortimento di problemi, tra cui lo stress. Seguendo una dieta ricca di frutta e verdura, proteine ​​magre e carboidrati complessi, con alimenti minimamente lavorati e preconfezionati, può migliorare significativamente la salute e il benessere generale. L'esercizio fisico è un efficace antistress. L'energia che spendi attraverso l'esercizio allevia la tensione e l'energia dello stress. Rilascia anche endorfine, che aiutano ad elevare l'umore. Lo yoga è un tipo particolarmente efficace di attività fisica per alleviare lo stress.

La meditazione può essere eseguita in vari modi e può essere praticata da vari professionisti sanitari. Per alcuni, scrivere in un diario è una specie di meditazione, mentre altri sono più convenzionali nella loro strategia. Molte tecniche di rilassamento sono strettamente collegate alla meditazione, come esercizi di respirazione, rilasciando la tensione muscolare e ascoltando musica rilassante o suoni della natura.

  • Gli esercizi di respirazione sono semplici e offrono un sollievo immediato dallo stress. Inizia ad inspirare lentamente e profondamente attraverso il naso, contando fino a sei ed estendendo lo stomaco. Trattenere il respiro per un conteggio di quattro, quindi rilasciare il respiro attraverso la bocca, contando fino a sei di nuovo. Ripeti il ​​ciclo per 3-5 volte.
  • Rilascia la tensione muscolare attraverso una tecnica nota come "rilassamento muscolare progressivo". Trova una posizione comoda, seduto o con i piedi per terra o sdraiato sulla schiena. Fatti strada attraverso ogni gruppo muscolare, cominciando dalle dita dei piedi o dalla testa, tendendo il muscolo per un conteggio di cinque, e poi rilasciando. Attendere 30 minuti e quindi passare al gruppo muscolare successivo. Ti chiedi come contrarre i muscoli del tuo viso? Per il viso, solleva le sopracciglia più grande che puoi e avverti la tensione sulla fronte e sul cuoio capelluto. Per la porzione centrale del tuo viso, strizza gli occhi e arriccia il naso e la bocca. Infine, per la faccia inferiore, stringi i denti e tira indietro gli angoli della bocca.
  • Suoni rilassanti come musica strumentale o suoni della natura aiutano a rilassare il corpo e il cervello.

Mantenere uno stile di vita equilibrato e integrare la cura chiropratica come strategia di gestione dello stress è un modo efficace per aiutare a migliorare e affrontare i sintomi dello stress. Ridurre lo stress può infine aiutare a mantenere il tuo benessere generale.

Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e terapia cognitivo-comportamentale per lombalgia cronica: effetti simili sulla consapevolezza, catastrofizzazione, autoefficacia e accettazione in una sperimentazione controllata randomizzata

Astratto

Si ritiene che la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) migliori i problemi di dolore cronico diminuendo la catastrofe dei pazienti e aumentando l'autoefficacia dei pazienti nella gestione del dolore. Si ritiene che la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza (MBSR) favorisca i pazienti con dolore cronico aumentando la consapevolezza e l'accettazione del dolore. Tuttavia, poco si sa su come queste variabili del meccanismo terapeutico si relazionano tra loro o se sono influenzate in modo differenziale da MBSR rispetto a CBT. In uno studio randomizzato controllato che confronta MBSR, CBT e terapia abituale (UC) per gli adulti di età 20-70 con lombalgia cronica (CLBP) (N = 342), abbiamo esaminato (1) le relazioni di riferimento tra le misure di catastrofismo, auto -efficacia, accettazione e consapevolezza; e (2) cambiamenti su queste misure nei gruppi di trattamento 3. Al basale, la catastrofe era associata negativamente all'auto-efficacia, all'accettazione e agli aspetti 3 della presenza mentale (non-reattività, non giudicare e agire con consapevolezza, tutti i valori P <0.01). L'accettazione è stata associata positivamente con misure di autoefficacia (P <0.01) e consapevolezza (valori P <0.05). Catastrofizzazione è diminuita leggermente più post-trattamento con MBSR rispetto a CBT o UC (omnibus P = 0.002). Entrambe le terapie sono risultate efficaci rispetto alla UC nella riduzione catastrofica alle settimane 52 (omnibus P = 0.001). Sia nell'intero campione randomizzato che nel sottocampione di partecipanti che hanno partecipato a ≥6 delle sessioni 8 MBSR o CBT, le differenze tra MBSR e CBT fino a 52 settimane sono state poche, di piccole dimensioni e di discutibile significatività clinica. I risultati indicano sovrapposizione tra le misure di catastrofismo, autoefficacia, accettazione e consapevolezza, e effetti simili di MBSR e CBT su queste misure tra individui con CLBP.

parole chiave: mal di schiena cronico, auto-efficacia, consapevolezza, accettazione, catastrofismo, CBT, MBSR

Introduzione

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è stata dimostrata efficace ed è ampiamente raccomandata per i problemi di dolore cronico [20] Gli interventi basati sulla consapevolezza (MBI) mostrano anche la promessa per i pazienti con dolore cronico [12,14,25,44,65] e il loro uso da questa popolazione è crescente. Comprendere i meccanismi di azione dei trattamenti psicosociali per il dolore cronico e le comunanze in questi meccanismi attraverso diverse terapie è fondamentale per migliorare l'efficacia e l'efficienza di questi trattamenti. [27,52] I principali meccanismi di azione della CBT per il dolore cronico includono diminuzione catastrofica e aumento efficacia per la gestione del dolore [6-8,56] L'aumento della consapevolezza è considerato un meccanismo centrale di cambiamento negli MBI, [14,26,30] che aumenta anche l'accettazione del dolore. [16,21,27,38,59] Tuttavia, poco si sa sulle associazioni tra il dolore catastrofico, l'autoefficacia, accettazione e consapevolezza prima del trattamento psicosociale o sulle differenze negli effetti della CBT rispetto agli MBI su queste variabili.

Ci sono alcune prove che suggeriscono associazioni significative tra queste variabili del meccanismo terapeutico. Le prove relative alle relazioni tra catastrofismo e consapevolezza sono miste. Alcuni studi [10,18,46] hanno trovato associazioni negative tra misure di dolore catastrofico e consapevolezza. Tuttavia, altri non hanno trovato alcuna relazione significativa [19] o associazioni (inverse) tra catastrofismo e alcuni aspetti della consapevolezza (non giudicare, non reattività e agire con consapevolezza) ma non altri (ad esempio, osservare). [18] Catastrofizzante ha è stato anche riferito di essere associato negativamente all'accettazione del dolore. [15,22,60] In un campione di clinica del dolore, l'accettazione generale delle esperienze psicologiche è stata associata negativamente con la catastrofe e positivamente con la consapevolezza. [19] L'auto-efficacia del dolore è stata osservata correlata positivamente con accettazione e negativamente con catastrofismo. [22]

Ulteriore suggerimento di sovrapposizione tra i meccanismi di diversi trattamenti psicosociali per il dolore cronico, aumento della consapevolezza [10] e accettazione [1,64] sono stati trovati dopo trattamenti di dolore cognitivo-comportamentale e riduzioni di catastrofismo sono state osservate dopo programmi di gestione del dolore basati sulla consapevolezza. [ 17,24,37] Una piccola ricerca ha esaminato gli effetti degli MBI per il dolore cronico sull'auto-efficacia, sebbene un piccolo studio pilota sui pazienti con emicrania abbia riscontrato maggiori aumenti di auto-efficacia con l'allenamento di riduzione della sopportazione basata sulla consapevolezza (MBSR) rispetto alla solita cura. [63] Non siamo stati in grado di identificare nessuno studio delle relazioni tra tutte queste variabili del meccanismo terapeutico o dei cambiamenti in tutte queste variabili con CBT rispetto a un MBI per il dolore cronico.

Lo scopo di questo studio era di replicare ed estendere la ricerca precedente utilizzando i dati di uno studio randomizzato controllato (RCT) confrontando MBSR, CBT e cure usuali (UC) per lombalgia cronica (CLBP) [12] per esaminare: (1) relazioni di base tra le misure di consapevolezza e dolore catastrofico, autoefficacia e accettazione; e (2) cambiamenti a breve e lungo termine su queste misure nei gruppi di trattamento 3. Basandoci su teoria e ricerche precedenti, abbiamo ipotizzato che: (1) al basale, la catastrofica sarebbe inversamente correlata all'accettazione, all'autoefficacia e alle dimensioni 3 della consapevolezza (non reattività, non giudicare, agire con consapevolezza), ma non associato alla dimensione osservativa della consapevolezza; (2) al basale, l'accettazione sarebbe associata positivamente all'auto-efficacia; e (3) dalle settimane di riferimento a 26 e 52, l'accettazione e la consapevolezza aumenterebbero di più con MBSR che con CBT e UC, e la catastrofica diminuirebbe di più e l'autoefficacia aumenterebbe di più con CBT che con MBSR e UC.

Metodi

Impostazione, partecipanti e procedure

I partecipanti allo studio sono stati arruolati in un RCT che confronta il gruppo MBSR, gruppo CBT e UC per il mal di schiena cronico non specifico tra settembre 2012 e aprile 2014. Abbiamo precedentemente riportato i dettagli dei metodi di studio, [13] Diagrammi di flusso degli standard consolidati di Reporting Trials (CONSORT), [12] e risultati. [12] In breve, i partecipanti sono stati reclutati dal gruppo Health, un sistema sanitario integrato nello Stato di Washington, e dalle spedizioni ai residenti delle comunità servite dalla salute di gruppo. I criteri di eleggibilità includevano età 20 - 70 anni, dolore alla schiena per almeno 3 mesi, pessima valutazione del dolore del paziente durante la settimana precedente ≥4 (0 - scala 10) e interferenza del dolore valutata dal paziente con attività durante la settimana precedente ≥3 (0 - scala 10). Abbiamo utilizzato i codici diagnostici 9 di classificazione internazionale delle malattie, la nona revisione, la modifica clinica (ICD-43-CM) dalle cartelle cliniche elettroniche (EMR) delle visite dell'anno precedente e lo screening telefonico per escludere i pazienti con specifiche cause di lombalgia. I criteri di esclusione includevano anche la gravidanza, la chirurgia della colonna vertebrale negli anni precedenti 2, la compensazione della disabilità o contenzioso, la diagnosi di fibromialgia o cancro, altre importanti condizioni mediche, piani per vedere uno specialista medico per mal di schiena, incapacità di leggere o parlare inglese e partecipazione a Trattamento "mente-corpo" per il mal di schiena nell'ultimo anno. Ai potenziali partecipanti è stato detto che sarebbero stati randomizzati a uno dei "due diversi programmi di autogestione del dolore ampiamente utilizzati che sono stati trovati utili per ridurre il dolore e rendere più facile svolgere le attività quotidiane" o continuare le cure abituali. Quelli assegnati a MBSR o CBT non erano a conoscenza del trattamento specifico che avrebbero ricevuto fino alla prima sessione di intervento. Lo studio è stato approvato dal comitato di revisione istituzionale di Group Health e tutti i partecipanti hanno fornito il consenso informato.

I partecipanti sono stati randomizzati alle condizioni MBSR, CBT o UC. La randomizzazione è stata stratificata in base al valore di base dell'esito primario, una versione modificata del Roland Disability Questionnaire (RDQ), [42] in 2 gruppi di stratificazione di limitazione fisica legati alla schiena: moderata (punteggio RDQ ≤12 su 0 - 23 scala) e alta (punteggi RDQ ≥13). Per mitigare possibili delusioni con il fatto di non essere randomizzati a CBT o MBSR, i partecipanti randomizzati a UC hanno ricevuto un compenso di $ 50. I dati sono stati raccolti dai partecipanti a interviste telefoniche assistite da computer da parte di personale di indagine addestrato. Tutti i partecipanti sono stati pagati $ 20 per ogni colloquio completato.

Provvedimenti

I partecipanti hanno fornito informazioni descrittive alle interviste di screening e di riferimento e completato le misure di studio al basale (prima della randomizzazione) e 8 (post-trattamento), 26 (l'endpoint primario dello studio) e 52 settimane post-randomizzazione. I partecipanti hanno anche completato un sottoinsieme delle misure nelle settimane 4, ma questi dati non sono stati esaminati per il report corrente.

Misure descrittive e Covariate

Le interviste di screening e di riferimento hanno valutato, tra le altre variabili non analizzate per il presente studio, le caratteristiche sociodemografiche (età, sesso, razza, etnia, istruzione, stato lavorativo); durata del dolore (definita come periodo di tempo trascorso da un periodo di 1 o più settimane senza lombalgia); e numero di giorni con dolore alla schiena negli ultimi 6 mesi. In questo rapporto, descriviamo il campione al basale su queste misure e sulle misure di outcome primarie nel RCT: il Roland-Morris Disability Questionnaire (RDQ) modificato [42] e un punteggio numerico di dolore alla schiena. L'RDQ, una misura ampiamente utilizzata di limitazioni funzionali correlate al dolore alla schiena, chiede se le attività specifiche di 24 siano limitate oggi dal mal di schiena (si o no). [45] Abbiamo usato una versione modificata che includeva elementi 23 [42] e ha chiesto circa la settimana precedente anziché solo oggi. Il dolore alla schiena è stato misurato dalle valutazioni dei partecipanti su quanto fastidioso fosse il loro mal di schiena durante la settimana precedente su una scala di valutazione numerica da 0 a 10 (0 = "non affatto fastidioso" e 10 = "estremamente fastidioso"). Le covariate per il rapporto attuale erano le stesse delle precedenti analisi degli effetti degli interventi sui risultati: [12] età, sesso, istruzione e durata del dolore (meno di un anno rispetto ad almeno un anno dall'esperienza della settimana 1 senza lombalgia). Abbiamo deciso a priori di controllare queste variabili a causa della loro potenziale influenza sulle misure del meccanismo terapeutico, sulla risposta dei partecipanti al trattamento e / o sulla probabilità di ottenere informazioni di follow-up.

Misure di potenziali meccanismi terapeutici

Mindfulness. La consapevolezza è stata definita come la consapevolezza che emerge attraverso l'attenzione intenzionale, non giudicante al momento presente. [29] Abbiamo somministrato sottoscale 4 del questionario Mindfulness Five Facet-Short (FFMQ-SF): [5] Observing (notando interno ed esperienze esterne; articoli 4); Agire con consapevolezza (assistendo alle attività del momento presente, in contrasto con il comportarsi automaticamente mentre l'attenzione è focalizzata altrove; articoli 5); Non reattività (non reattività alle esperienze interiori: permettere a pensieri e sentimenti di emergere e passare senza attaccamento o avversione; articoli 5); e Non giudicare (non giudicare le esperienze interiori: impegnarsi in una posizione non valutativa nei confronti di pensieri, emozioni e sentimenti; scala 5-item, tuttavia, una domanda ['I giudicare se i miei pensieri sono buoni o cattivi' ] inavvertitamente non è stato chiesto.). È stato dimostrato che FFMQ-SF è affidabile, valido e sensibile ai cambiamenti. [5] I partecipanti hanno valutato la loro opinione su ciò che generalmente è vero per loro in termini di tendenza ad essere consapevoli nelle loro vite quotidiane (scala da 1 = ' mai o molto raramente vero 'a 5 =' molto spesso o sempre vero '). Per ogni scala, il punteggio è stato calcolato come media delle voci risposte e quindi l'intervallo possibile era 1-5, con punteggi più alti che indicano livelli più alti della dimensione di consapevolezza. Gli studi precedenti hanno utilizzato punteggi di somma piuttosto che mezzi, ma abbiamo scelto di utilizzare punteggi medi data la maggiore facilità di interpretazione.

Dolore catastrofico. The Pain Catastrophizing Scale (PCS) è una misura di 13 item che valuta catastrofiche correlate al dolore, tra cui ruminazione, ingrandimento e impotenza. [50] I partecipanti hanno valutato il grado in cui avevano determinati pensieri e sentimenti quando avvertivano dolore (scala da 0 = 'not to all' a 4 = 'tutto il tempo'). Le risposte all'elemento sono state sommate per ottenere un punteggio totale (intervallo possibile = 0-52). Punteggi più alti indicano una maggiore approvazione del pensiero catastrofico in risposta al dolore.

Accettazione del dolore Il questionario di accettazione cronica del dolore-8 (CPAQ-8), una versione 8 dell'articolo del questionario sull'accettazione del dolore cronico 20 (CPAQ), si è dimostrato affidabile e valido. [22,23] Ha scale 2: Coinvolgimento di attività (AE, impegno nelle attività della vita in modo normale anche mentre si prova dolore) e Dolore disponibilità (PW, disimpegno dai tentativi di controllare o evitare dolore). I partecipanti hanno valutato gli articoli su una scala da 0 ("mai vero") a 6 ("sempre vero"). Le risposte alle voci sono state sommate per creare punteggi per ciascuna sottoscala (intervallo possibile 0-24) e il questionario generale (intervallo possibile 0-48). Punteggi più alti indicano un maggior coinvolgimento di attività / accettazione del dolore / accettazione del dolore. Ricerche precedenti suggeriscono che le sottoscale di 2 sono moderatamente correlate e che ognuna apporta un contributo indipendente alla previsione di aggiustamento nelle persone con dolore cronico. [22]

Auto-efficacia del dolore Il Questionario sull'efficacia del dolore (PSEQ) è costituito da articoli 10 che valutano la fiducia delle persone nella loro capacità di affrontare il dolore e si impegnano in attività nonostante il dolore, ciascuno valutato su una scala da 0 = 'per nulla sicuro di 6 = 'completamente fiducioso' [39] Il questionario è stato dimostrato valido, affidabile e sensibile ai cambiamenti. [39] I punteggi degli articoli sono sommati per ottenere un punteggio totale (possibile intervallo 0-60); punteggi più alti indicano una maggiore autoefficacia.

interventi

Gli interventi di 2 erano comparabili per formato (gruppo), durata, frequenza e numero di partecipanti per gruppo di gruppo. Entrambi gli interventi MBSR e CBT consistevano in sessioni 8 settimanali 2 integrate da attività domestiche. Per ogni intervento, abbiamo sviluppato il manuale di un terapeuta / istruttore e la cartella di lavoro del partecipante, entrambi con contenuti strutturati e dettagliati per ogni sessione. In ogni intervento, ai partecipanti sono state assegnate attività domestiche e si è posto l'accento sull'integrazione dei contenuti di intervento nelle loro vite quotidiane. Ai partecipanti sono stati dati materiali da leggere a casa e CD con contenuti pertinenti per la pratica a casa (ad es. Meditazione, body scan e yoga in MBSR, esercizi di rilassamento e di immaginazione in CBT). Abbiamo precedentemente pubblicato descrizioni dettagliate di entrambi gli interventi, [12,13] ma li descriviamo brevemente qui.

MBSR

L'intervento MBSR è stato modellato molto attentamente dopo il programma originale sviluppato da Kabat-Zinn [28] e basato sul manuale dell'istruttore 2009 MBSR. [4] Consisteva in sessioni settimanali 8 e in un ritiro opzionale 6-hour tra le sessioni 6th e 7th. Il protocollo includeva un addestramento esperienziale nella meditazione consapevole e nello yoga consapevole. Tutte le sessioni includevano esercizi di consapevolezza (es. Scansione del corpo, meditazione seduta) e movimenti consapevoli (più comunemente, yoga).

CBT

Il protocollo CBT del gruppo includeva le tecniche più comunemente applicate in CBT per CLBP [20,58] e utilizzate in studi precedenti. [11,33,41,51,53-55,57,61] L'intervento includeva: (1) educazione su (a) dolore cronico, (b) pensieri disadattivi (incluso catastrofico) e convinzioni (ad esempio, incapacità di controllare il dolore, ferire equivale a danno) comune tra gli individui con dolore cronico, (c) le relazioni tra pensieri e reazioni emotive e fisiche, (d) igiene del sonno, e (e) prevenzione e mantenimento delle ricadute di guadagni; e (2) istruzione e pratica nell'individuare e sfidare pensieri inutili, generare valutazioni alternative più accurate e utili, impostare e lavorare verso obiettivi comportamentali, respirazione addominale e tecniche progressive di rilassamento muscolare, stimolazione dell'attività, tecniche di arresto mentale e distrazione, positivo affrontare le auto-affermazioni e affrontare le crisi di dolore. Nessuna di queste tecniche è stata inclusa nell'intervento MBSR e le tecniche di consapevolezza, meditazione e yoga non sono state incluse nella CBT. Ai partecipanti al CBT è stato anche dato un libro (The Pain Survival Guide [53]) e gli è stato chiesto di leggere capitoli specifici tra le sessioni. Durante ogni sessione, i partecipanti hanno completato un piano di azione personale per le attività da svolgere tra le sessioni.

Cura abituale

I pazienti assegnati a UC non hanno ricevuto alcuna formazione MBSR o CBT come parte dello studio e hanno ricevuto le cure sanitarie che avrebbero ricevuto abitualmente durante il periodo di studio.

Istruttori / terapisti e monitoraggio della fedeltà dei trattamenti

Come precedentemente riportato, [12] tutti gli istruttori di 8 MBSR hanno ricevuto una formazione formale nell'insegnamento del MBSR dal Center for Mindfulness presso l'Università del Massachusetts o una formazione equivalente e una vasta esperienza precedente nell'insegnamento della MBSR. L'intervento del CBT è stato condotto da psicologi con licenza Ph.D. di 4 con precedenti esperienze di CBT individuale e di gruppo in pazienti con dolore cronico. I dettagli sull'addestramento degli istruttori e sulla supervisione e sul monitoraggio della fedeltà del trattamento sono stati forniti in precedenza. [12]

Analisi statistiche

Abbiamo utilizzato statistiche descrittive per riassumere le caratteristiche di base osservate dal gruppo di randomizzazione, separatamente per l'intero campione randomizzato e il sottocampione dei partecipanti che hanno frequentato 6 o più delle classi di intervento 8 (solo gruppi MBSR e CBT). Per esaminare le associazioni tra le misure del meccanismo terapeutico al basale, abbiamo calcolato le correlazioni rho di Spearman per ogni coppia di misure.

Per stimare i cambiamenti nel tempo nelle variabili del meccanismo terapeutico, abbiamo costruito modelli di regressione lineare con il cambiamento rispetto alla linea di base come variabile dipendente e incluso tutti i punti temporali post-trattamento (8, 26 e 52 settimane) nello stesso modello. Un modello separato è stato stimato per ciascuna misura del meccanismo terapeutico. Coerentemente con il nostro approccio per l'analisi dei risultati nel RCT, [12] ci siamo adeguati per età, genere, istruzione e valori di base della durata del dolore, del dolore di entrambi, del RDQ modificato e della misura del meccanismo terapeutico di interesse in quel modello. Per stimare l'effetto del trattamento (differenza tra i gruppi in cambiamento sulla misura del meccanismo terapeutico) in ciascun punto temporale, i modelli includevano gli effetti principali per il gruppo di trattamento (CBT, MBSR e UC) e il punto temporale (8, 26 e 52 settimane) e termini per le interazioni tra queste variabili. Abbiamo utilizzato le equazioni di stima generalizzate (GEE) [67] per adattarle ai modelli di regressione, tenendo conto della possibile correlazione tra le misure ripetute dei singoli partecipanti. Per tenere conto del potenziale pregiudizio causato dall'attrito differenziale tra i vari gruppi di trattamento, la nostra analisi primaria ha utilizzato un approccio di modellazione GEE a step 2 per imputare i dati mancanti sulle misure del meccanismo terapeutico. Questo approccio utilizza una struttura modello di miscela di pattern per non risposta non ignorabile e regola le stime della varianza nei parametri del modello di risultato finale per tenere conto dell'utilizzo di dati imputati. [62] Inoltre, come analisi di sensitività, abbiamo condotto nuovamente le analisi di regressione con dati osservati piuttosto che dati imputati per valutare se l'uso di dati imputati ha avuto un effetto sostanziale sui risultati e per consentire un confronto diretto con altri studi pubblicati.

L'analisi primaria includeva tutti i partecipanti randomizzati, utilizzando un approccio intent-to-treat (ITT). Abbiamo ripetuto le analisi di regressione utilizzando il sottocampione di partecipanti randomizzati a MBSR o CBT e che hanno partecipato almeno a 6 delle sessioni 8 del trattamento assegnato (analisi "as-treated" o "per protocollo"). A fini descrittivi, utilizzando i modelli di regressione per il campione ITT con dati imputati, abbiamo stimato i punteggi medi (ei loro intervalli di confidenza 95% [CI]) sulle variabili del meccanismo terapeutico in ciascun punto temporale adattato per età, sesso, istruzione e valori di riferimento della durata del dolore, della sensazione di dolore e dell'RDQ modificato.

Per fornire un contesto per l'interpretazione dei risultati, abbiamo usato i test t-test e chi-quadrato per confrontare le caratteristiche di base dei partecipanti che non hanno completato almeno 6 delle sessioni di intervento 8 (gruppi MBSR e CBT combinati). Abbiamo confrontato la partecipazione all'intervento per gruppo, utilizzando un test chi-quadrato per confrontare le proporzioni dei partecipanti randomizzati a MBSR rispetto a CBT che hanno completato almeno 6 delle sessioni 8.

Insight di Dr. Alex Jimenez

Lo stress è principalmente una parte della risposta "lotta o fuga" che aiuta il corpo a prepararsi efficacemente al pericolo. Quando il corpo entra in uno stato di tensione o tensione mentale o emotiva a causa di circostanze avverse o molto impegnative, un complesso mix di ormoni e sostanze chimiche, come adrenalina, cortisolo e norepinefrina, vengono secreti per preparare il corpo all'azione fisica e psicologica . Mentre lo stress a breve termine ci fornisce la quantità necessaria di margine necessario per migliorare le nostre prestazioni generali, lo stress a lungo termine è stato associato a una varietà di problemi di salute, tra cui basso mal di schiena e sciatica. È stato dimostrato che i metodi e le tecniche di gestione dello stress, tra cui la meditazione e la cura chiropratica, aiutano a migliorare esiti del trattamento della lombalgia e della sciatica. Il seguente articolo discute diversi tipi di trattamenti per la gestione dello stress e descrive i loro effetti sulla salute e sul benessere generale.

risultati

Caratteristiche del campione di studio

Come precedentemente riportato, [12] tra gli individui 1,767 che hanno espresso interesse per lo studio e sono stati sottoposti a screening per l'ammissibilità, 1,425 sono stati esclusi (più comunemente a causa del dolore non presente per più di 3 mesi e incapacità di partecipare alle sessioni di intervento). I restanti individui 342 si sono arruolati e sono stati randomizzati. Tra gli individui 342 randomizzati, 298 (87.1%), 294 (86.0%) e 290 (84.8%) hanno completato rispettivamente le valutazioni 8-, 26- e 52-week.

La tabella 1 mostra le caratteristiche del campione al basale. Tra tutti i partecipanti, l'età media era di 49 anni, 66% era di sesso femminile e 79% riferiva di aver avuto dolore alla schiena per almeno un anno senza settimana senza dolore. In media, i punteggi PHQ-8 erano alla soglia per la gravità lieve dei sintomi depressivi. [32] I punteggi medi sulla scala Catastrofizzante del dolore (16-18) erano inferiori ai vari cut-point suggeriti per catastrofiche clinicamente rilevanti (es. 24,47 3049) . Dolore Auto-Efficacia I punteggi della scala erano leggermente più alti in media (rispetto ai punti 5 sulla scala 0-60) nel nostro campione rispetto ai pazienti di assistenza primaria con lombalgia arruolati in un gruppo di valutazione RCT CBT in Inghilterra, [33] e circa i punti 15 più alti rispetto agli individui con dolore cronico che frequentano un programma di gestione del dolore basato sulla consapevolezza in Inghilterra. [17]

Circa la metà dei partecipanti randomizzati a MBSR (50.9%) o CBT (56.3%) hanno partecipato almeno alle sessioni 6 del trattamento assegnato; la differenza tra i trattamenti non era statisticamente significativa (test del chi quadrato, P = 0.42). Al basale, quelli randomizzati a MBSR e CBT che hanno completato almeno sessioni 6, rispetto a quelli che non l'hanno fatto, erano significativamente più vecchi (media [SD] = 52.2 [10.9] contro 46.5 [13.0] anni) e hanno riportato livelli significativamente più bassi di dolore peggio (media [SD] = 5.7 [1.3] contro 6.4 [1.7]), disabilità (media [SD] RDQ = 10.8 [4.5] contro 12.7 [5.0]), depressione (media [SD] PHQ-8 = 5.2 [ 4.1] contro 6.3 [4.3]), e catastrofico (media [SD] PCS = 15.9 [10.3] contro 18.9 [9.8]), e significativamente maggiore autoefficacia del dolore (media [SD] PSEQ = 47.8 [8.3] contro 43.2 [ 10.3]) e accettazione del dolore (punteggio totale punteggio CPAQ-8 [SD] = 31.3 [6.2] contro 29.0 [6.7]; CPAQ-8 Intensità di dolore medio [SD] = 12.3 [4.1] contro 10.9 [4.8]) (tutto P -valori <0.05). Non hanno mostrato differenze significative rispetto a qualsiasi altra variabile mostrata in Tabella 1.

Associazioni di base tra misure del meccanismo terapeutico

La tabella 2 mostra le correlazioni di Spearman tra le misure del meccanismo terapeutico al basale. Le nostre ipotesi sulle relazioni di base tra queste misure sono state confermate. Catastrofizzazione è stata correlata negativamente con le dimensioni 3 della presenza mentale (non-reattività rho = -0.23, non giudicando rho = -0.30, e agendo con consapevolezza rho = -0.21; tutti i valori P <0.01), ma non associati alla dimensione osservativa di mindfulness (rho = -0.01). La catastrofizzazione è stata anche correlata negativamente all'accettazione (punteggio totale CPAQ-8 rho = -0.55, dolore Volatilità sottoscale rho = -0.47, Attività coinvolgimento sottoscala rho = -0.40) e dolore auto-efficacia (rho = -0.57) (tutti i valori P <0.01). Infine, l'autoefficacia del dolore è stata correlata positivamente con l'accettazione del dolore (punteggio totale CPAQ-8 rho = 0.65, Pain Willingness subscale rho = 0.46, Activity Engagement subscale rho = 0.58; tutti i valori P <0.01).

Differenze del gruppo di trattamento nei cambiamenti sulle misure del meccanismo terapeutico tra tutti i partecipanti randomizzati

La tabella 3 mostra i cambiamenti medi aggiustati rispetto al basale in ciascun gruppo di studio e le differenze medie aggiustate tra i gruppi di trattamento sulle misure del meccanismo terapeutico ad ogni follow-up nell'intero campione randomizzato. Figura 1 mostra i punteggi medi PCS corretti per ciascun gruppo in ciascun momento. Contrariamente alla nostra ipotesi che la catastrofe diminuisse di più con la CBT che con la MBSR, la catastrofica (PCS score) diminuiva significativamente più dal pre-post-trattamento nel gruppo MBSR che nel gruppo CBT (MBSR rispetto alla media aggiustata alla CBT [95% CI] differenza di variazione = -1.81 [-3.60, -0.01]). Anche la Catastrofizzazione è diminuita significativamente di più in MBSR che in UC (differenza MBSR rispetto alla media UC modificata [95% CI] in variazione = -3.30 [-5.11, -1.50]), mentre la differenza tra CBT e UC non era significativa. Alle settimane di 26, i gruppi di trattamento non differivano in modo significativo nei cambiamenti di catastrofe rispetto al basale. Tuttavia, nelle settimane 52, sia i gruppi MBSR che i gruppi CBT hanno mostrato diminuzioni significativamente maggiori rispetto al gruppo UC e non vi era alcuna differenza significativa tra MBSR e CBT.

Figura 1: Punteggi mediamente calibrati di Pain Catastrophizing Scale (PCS) (e intervalli di confidenza 95%) al basale (pre-randomizzazione), 8 settimane (post-trattamento), 26 settimane e 52 settimane per partecipanti randomizzati a CBT, MBSR e UC. I mezzi stimati sono adeguati per età dei partecipanti, sesso, istruzione, almeno 1 anno dalla settimana senza dolore, e RDQ basale e dolore entrambi.

Figura 2 mostra i punteggi PSEQ medi aggiustati per ciascun gruppo in ciascun punto temporale. La nostra ipotesi che l'autoefficacia aumenterebbe di più con CBT che con MBSR e con UC è stata solo parzialmente confermata. L'autoefficacia (punteggi PSEQ) è aumentata significativamente da pre-post-trattamento con CBT rispetto a UC, ma non con CBT rispetto al gruppo MBSR, che è anche aumentato significativamente più del gruppo UC (media aggiustata [95% CI] differenza nel cambio di PSEQ dal basale per CBT rispetto a UC = 2.69 [0.96, 4.42]; CBT contro MBSR = 0.34 [-1.43, 2.10]; MBSR contro UC = 3.03 [1.23, 4.82]) (Tabella 3). Il test omnibus per le differenze tra i gruppi nel cambiamento di auto-efficacia non era significativo nelle settimane 26 o 52.

Figura 2: Punteggi medi del questionario Auto-Efficacia del dolore (e intervalli di confidenza 95%) al basale (pre-randomizzazione), 8 settimane (post-trattamento), 26 settimane e 52 settimane per partecipanti randomizzati a CBT, MBSR e UC . I mezzi stimati sono adeguati per età dei partecipanti, sesso, istruzione, almeno 1 anno dalla settimana senza dolore, e RDQ basale e dolore entrambi.

La nostra ipotesi che l'accettazione aumenterebbe di più con MBSR che con CBT e con UC non è stata generalmente confermata. Il test omnibus per le differenze tra i gruppi non era significativo per il CPAQ-8 totale o la sottoscala Engagement attività in qualsiasi momento (Tabella 3). Il test per la sottoscala Pain Willingness è stato significativo solo nelle settimane 52, quando entrambi i gruppi MBSR e CBT hanno mostrato aumenti maggiori rispetto a UC, ma non confrontati l'uno con l'altro (differenza media modificata [95% CI] di cambiamento per MBSR rispetto UC = 1.15 [0.05, 2.24]; CBT contro UC = 1.23 [0.16, 2.30]).

La nostra ipotesi che la consapevolezza aumenterebbe di più con MBSR rispetto alla CBT è stata parzialmente confermata. Entrambi i gruppi MBSR e CBT hanno mostrato aumenti maggiori rispetto a UC sulla scala di non reattività FFMQ-SF alle settimane 8 (MBSR rispetto a UC = 0.18 [0.01, 0.36]; CBT rispetto a UC = 0.28 [0.10, 0.46]), ma le differenze ai successivi follow-up non erano statisticamente significative (Tabella 3, Figura 3). C'è stato un aumento significativamente maggiore della scala Non giudicare con MBSR rispetto a CBT (differenza media aggiustata [95% CI] di variazione = 0.29 [0.12, 0.46]) nonché tra MBSR e UC (0.32 [0.13, 0.50]) alle settimane 8, ma nessuna differenza significativa tra i gruppi in momenti successivi (Figura 4). Il test omnibus per le differenze tra i gruppi non era significativo per le scale Agire con consapevolezza o Osservazione in qualsiasi momento.

Figura 3: Questionario Five Facet Mindfulness-Short Form (FFMQ-SF) medio non reattivo (e intervalli di confidenza 95%) al basale (pre-randomizzazione), 8 settimane (post-trattamento), 26 settimane e 52 settimane per i partecipanti randomizzati a CBT, MBSR e UC. I mezzi stimati sono adeguati per età dei partecipanti, sesso, istruzione, almeno 1 anno dalla settimana senza dolore, e RDQ basale e dolore entrambi.

Figura 4: Questionario rettificato Five Facet Mindfulness Questionnaire-Short Form (FFMQ-SF) Punteggio non giudicante (e intervalli di confidenza 95%) al basale (pre-randomizzazione), 8 settimane (post-trattamento), 26 settimane e 52 settimane per i partecipanti randomizzati a CBT, MBSR e UC. I mezzi stimati sono adeguati per età dei partecipanti, sesso, istruzione, almeno 1 anno dalla settimana senza dolore, e RDQ basale e dolore entrambi.

Le analisi di sensibilità utilizzando dati osservati anziché imputati hanno prodotto risultati quasi identici, con piccole eccezioni 2. La differenza tra MBSR e CBT nei cambiamenti di catastrofizzazione alle settimane di 8, sebbene di entità simile, non era più statisticamente significativa a causa dei lievi cambiamenti dell'intervallo di confidenza. In secondo luogo, il test omnibus per la scala di dolore del dolore CPAQ-8 alle settimane 52 non era più statisticamente significativo (P = 0.07).

Differenze del gruppo di trattamento nei cambiamenti delle misure del meccanismo terapeutico tra i partecipanti randomizzati a CBT o MBSR che hanno completato almeno sessioni 6

La tabella 4 mostra la variazione media aggiustata rispetto al basale e la media aggiustata tra le differenze di gruppo sulle misure del meccanismo terapeutico alle settimane 8, 26 e 52 per i partecipanti randomizzati a MBSR o CBT e completate 6 o più sessioni del trattamento assegnato. Le differenze tra MBSR e CBT erano di dimensioni simili a quelle del campione ITT. C'erano solo alcune differenze nella rilevanza statistica dei confronti. In contrasto con i risultati usando il campione ITT, la differenza tra MBSR e CBT in catastrofismo (PCS) alle settimane 8 non era più statisticamente significativa e alle settimane 52, il gruppo CBT è aumentato significativamente di più del gruppo MBSR sul FFMQ-SF Scala osservativa (differenza media aggiustata nel cambiamento rispetto al basale per MBSR rispetto a CBT = -0.30 [-0.53, -0.07]). Le analisi di sensibilità utilizzando dati osservati anziché imputati non hanno prodotto differenze significative nei risultati.

Discussione

In questa analisi dei dati di un RCT che confronta MBSR, CBT e UC per CLBP, le nostre ipotesi che MBSR e CBT avrebbero influenzato in modo differenziale le misure di costrutti ritenuti meccanismi terapeutici in generale non sono state confermate. Ad esempio, la nostra ipotesi che la mindfulness aumenterebbe di più con MBSR che con CBT è stata confermata solo per 1 di 4 facce misurate di mindfulness (non giudicanti). Un altro aspetto, che agisce con consapevolezza, è aumentato di più con CBT che con MBSR nelle settimane 26. Entrambe le differenze erano piccole. Una maggiore consapevolezza dopo un programma di dolore multidisciplinare basato su CBT [10] è stata riportata in precedenza; i nostri risultati supportano ulteriormente l'idea che sia la MBSR che la CBT aumentano la consapevolezza a breve termine. Non abbiamo riscontrato effetti a lungo termine di entrambi i trattamenti relativi alla UC sulla consapevolezza.

Inoltre, contrariamente a quanto ipotizzato, la catastrofe diminuiva di più dopo il trattamento con MBSR che con CBT. Tuttavia, la differenza tra i trattamenti era piccola e non statisticamente significativa ai successivi follow-up. Entrambi i trattamenti sono risultati efficaci rispetto alla UC nella riduzione catastrofica alle settimane 52. Sebbene studi precedenti abbiano dimostrato riduzioni nella catastrofizzazione sia dopo CBT [35,48,56,57] che per programmi di gestione del dolore basati sulla consapevolezza, [17,24,37] il nostro è il primo a dimostrare diminuzioni simili per entrambi i trattamenti, con effetti fino all'anno 1.

È stato dimostrato che l'autoefficacia aumentata è associata a miglioramenti dell'intensità e del funzionamento del dolore, [6] e un importante mediatore dei benefici della CBT. [56] Tuttavia, contrariamente alla nostra ipotesi, l'autoefficacia del dolore non aumenta più con la CBT che con MBSR in qualsiasi momento. Rispetto alla UC, ci sono stati aumenti significativamente maggiori di auto-efficacia con entrambi i trattamenti post-trattamento MBSR e CBT. Questi risultati rispecchiano precedenti risultati degli effetti positivi della CBT, incluso il gruppo CBT per il mal di schiena, [33] sull'auto-efficacia. [3,56,57] Poche ricerche hanno esaminato i cambiamenti di autoefficacia dopo gli MBI per il dolore cronico, sebbene l'autoefficacia aumentasse di più con MBSR rispetto alla solita cura per i pazienti con emicrania in uno studio pilota [63] e più con MBSR che con educazione sanitaria per CLBP in un RCT. [37] I nostri risultati si aggiungono alla conoscenza in questo settore, indicando che MBSR ha benefici a breve termine per l'autoefficacia del dolore simile a quella della CBT.

Precedenti studi non controllati hanno rilevato aumenti equivalenti nell'accettazione del dolore dopo gruppo CBT e Acceptance e Commitment Therapy64 (che, a differenza della CBT tradizionale, favorisce specificamente l'accettazione del dolore) e una maggiore accettazione dopo trattamento del dolore multidisciplinare basato su CBT. [1,2] Nel nostro RCT, l'accettazione è aumentata in tutti i gruppi nel tempo, con solo 1 differenza statisticamente significativa tra i gruppi 3 attraverso le misure di accettazione 3 ei punti temporali di follow-up 3 (un aumento maggiore sia con MBSR e CBT che con UC sulla sottoscala di Pain Willingness alle settimane 52). Ciò suggerisce che l'accettazione può aumentare nel tempo indipendentemente dal trattamento, anche se questo deve essere confermato in ulteriori ricerche.

Due possibilità potrebbero spiegare i nostri risultati precedentemente riportati di efficacia generalmente simile di MBSR e CBT per CLBP: [12] (1) gli effetti del trattamento sugli esiti erano dovuti a diversi, ma ugualmente efficaci, meccanismi terapeutici, o (2) i trattamenti avevano effetti simili sugli stessi meccanismi terapeutici. Le nostre scoperte attuali supportano quest'ultima visione. Entrambi i trattamenti possono migliorare il dolore, la funzionalità e altri risultati attraverso diverse strategie che riducono la visione delle persone del loro dolore come minacciose e dirompenti e incoraggiano la partecipazione all'attività nonostante il dolore. MBSR e CBT differiscono nel contenuto, ma entrambi includono tecniche di rilassamento (es. Rilassamento muscolare progressivo in CBT, meditazione in MBSR, tecniche di respirazione in entrambi) e strategie per diminuire il valore di minaccia del dolore (educazione e ristrutturazione cognitiva in CBT, accettare esperienze senza reattività o giudizio in MBSR). Pertanto, sebbene la CBT enfatizzi le capacità di apprendimento per la gestione del dolore e la diminuzione delle risposte emotive negative, e la MBSR enfatizzi la consapevolezza e la meditazione, entrambi i trattamenti possono aiutare i pazienti a rilassarsi, reagire meno negativamente al dolore e considerare i pensieri come processi mentali piuttosto che come rappresentazioni accurate della realtà, con conseguente diminuzione del disagio emotivo, dell'evitamento delle attività e del dolore.

Le nostre analisi hanno anche rivelato la sovrapposizione tra le misure di diversi costrutti che si ritiene medino gli effetti di MBSR e CBT sui risultati del dolore cronico. Come ipotizzato, prima del trattamento, il dolore catastrofico era associato negativamente all'auto-efficacia del dolore, all'accettazione del dolore e alle dimensioni 3 della consapevolezza (non-reattività, non giudicare e agire con consapevolezza), e l'accettazione del dolore era associata positivamente al dolore -efficacia. L'accettazione del dolore e l'auto-efficacia erano anche associate positivamente alle misure di consapevolezza. I nostri risultati sono coerenti con le precedenti osservazioni di associazioni negative tra misure di catastrofismo e accettazione, [15,19,60] correlazioni negative tra misure di catastrofismo e consapevolezza, [10,46,18] e associazioni positive tra misure di accettazione del dolore e consapevolezza. [19]

Come gruppo, nella misura in cui queste misure riflettono i loro costrutti previsti, queste scoperte supportano una visione di catastrofismo come inversamente associata a due costrutti correlati che riflettono la partecipazione alle attività abituali nonostante il dolore ma differiscono nell'enfasi sul disimpegno dai tentativi di controllare il dolore: dolore accettazione (disimpegno dai tentativi di controllare il dolore e la partecipazione alle attività nonostante il dolore) e auto-efficacia (fiducia nella capacità di gestire il dolore e partecipare alle attività abituali). La somiglianza di alcune voci del questionario supporta ulteriormente questa opinione e probabilmente contribuisce alle associazioni osservate. Ad esempio, sia il CPAQ-8 che il PSEQ contengono articoli su come svolgere normali attività nonostante il dolore. Inoltre, vi è una base empirica e concettuale per una visione catastrofica (focalizzata sul dolore con risposte cognitive e affettive altamente negative) come anche inversamente associata con la consapevolezza (cioè consapevolezza degli stimoli senza giudizio o reattività) e per vedere la consapevolezza come coerente con, ma distinto da, accettazione e auto-efficacia. Sono necessari ulteriori lavori per chiarire le relazioni tra questi costrutti teorici e la misura in cui le loro misure valutano (a) costrutti che sono correlati ma teoricamente e clinicamente distinti rispetto a (b) aspetti diversi di un costrutto teorico generale.

Rimane possibile che MBSR e CBT influenzino in modo differenziale importanti mediatori non valutati in questo studio. I nostri risultati evidenziano la necessità di ulteriori ricerche per identificare in modo più definitivo i mediatori degli effetti di MBSR e CBT sui diversi esiti del dolore, sviluppare misure che valutano questi mediatori in modo più completo ed efficiente, comprendere meglio le relazioni tra variabili del meccanismo terapeutico nei risultati (ad es. , diminuzione della catastrofica può mediare l'effetto della consapevolezza sulla disabilità [10]), e affinare i trattamenti psicosociali in modo più efficace ed efficiente impatto su questi mediatori. La ricerca è anche necessaria per identificare le caratteristiche del paziente associate alla risposta a diversi interventi psicosociali per il dolore cronico.

Diversi limiti dello studio giustificano la discussione. I partecipanti presentavano bassi livelli basali di disagio psicosociale (ad esempio, catastrofico, depressione) e abbiamo studiato la CBT di gruppo, che ha dimostrato efficacia, [33,40,55] efficienza delle risorse e potenziali benefici sociali, ma che potrebbe essere meno efficace della CBT individuale. [36,66 ] I risultati potrebbero non generalizzare a popolazioni più angosciate (ad esempio, pazienti con dolore clinica), che avrebbero più spazio per migliorare le misure di funzionamento disadattivo e un maggiore potenziale di trattamenti per influenzare in modo differenziale queste misure, o per confrontare MBSR con CBT individuale.

Solo poco più della metà dei partecipanti randomizzati a MBSR o CBT hanno partecipato almeno a 6 delle sessioni 8. I risultati potrebbero differire negli studi con tassi più elevati di aderenza al trattamento; tuttavia, i nostri risultati nelle analisi "as-treated" hanno generalmente rispecchiato quelli delle analisi ITT. È stato dimostrato che l'aderenza al trattamento è associata ai benefici sia della CBT per il mal di schiena cronico [31] che di MBSR [9] La ricerca è necessaria per identificare i modi per aumentare la frequenza della sessione di MBSR e CBT e per determinare se gli effetti del trattamento sul meccanismo terapeutico e le variabili di risultato sono rafforzate con maggiore aderenza e pratica.

Infine, le nostre misure potrebbero non aver adeguatamente catturato i costrutti previsti. Ad esempio, le nostre misure di consapevolezza e accettazione del dolore erano forme brevi di misure originali; sebbene queste brevi forme abbiano dimostrato affidabilità e validità, le misure originali o altre misure di questi costrutti potrebbero avere risultati diversi. Lauwerier et al. [34] notano diversi problemi con la scala di disponibilità del dolore CPAQ-8, compresa la sottorappresentazione degli item di volontà del dolore. Inoltre, l'accettazione del dolore viene misurata in modo diverso attraverso diverse misure di accettazione del dolore, forse riflettendo differenze nelle definizioni. [34]

In breve, questo è il primo studio per esaminare le relazioni tra le misure dei principali meccanismi ipotizzati di MBSR e CBT per il dolore cronico - consapevolezza e dolore catastrofico, autoefficacia e accettazione - e per esaminare i cambiamenti in queste misure tra i partecipanti in un RCT a confronto MBSR e CBT per il dolore cronico. La misura catastrofica era inversamente associata a misure moderatamente interconnesse di accettazione, autoefficacia e consapevolezza. In questo campione di individui con livelli generalmente bassi di sofferenza psicosociale al basale, MBSR e CBT hanno avuto effetti a breve ea lungo termine simili su queste misure. Le misure di catastrofismo, accettazione, autoefficacia e consapevolezza possono attingere a diversi aspetti di un continuum di risposte cognitive, affettive e comportamentali al dolore, con catastrofismo ed evitamento delle attività ad una estremità del continuum e partecipazione continuata alle attività abituali e alla mancanza di reattività negativa cognitiva e affettiva al dolore all'altro. Sia la MBSR che la CBT possono avere benefici terapeutici aiutando le persone con dolore cronico a spostarsi dalla prima alla seconda. I nostri risultati suggeriscono il valore potenziale di perfezionare sia le misure che i modelli di meccanismi del trattamento del dolore psicosociale per catturare in modo più completo ed efficiente i costrutti chiave importanti nell'adattamento al dolore cronico.

sommario

MBSR e CBT hanno avuto effetti a breve e lungo termine simili su misure di consapevolezza e dolore catastrofico, auto-efficacia e accettazione.

Ringraziamenti

Le ricerche riportate in questa pubblicazione sono state supportate dal Centro nazionale per la salute complementare e integrativa del National Institutes of Health con il numero di riconoscimento R01AT006226. I risultati preliminari relativi a questo studio sono stati presentati in un poster al meeting annuale di 34th dell'American Pain Society, Palm Springs, May 2015 (Turner, J., Sherman, K., Anderson, M., Balderson, B., Cook, A., e Cherkin, D .: Catastrofismo, autoefficacia del dolore, consapevolezza e accettazione: relazioni e cambiamenti tra individui che ricevono CBT, MBSR o terapia abituale per il mal di schiena cronico).

Le note

Dichiarazione di conflitto di interessi: Judith Turner riceve le royalties da PAR, Inc. sulle vendite del software di report dei punteggi di Chronic Pain Coping Inventory (CPCI) e CPCI / Survey of Pain Attitudes (SOPA). Gli altri autori non segnalano conflitti di interesse.

In conclusione, lo stress fa parte di una risposta essenziale necessaria per mantenere il nostro corpo in pericolo in caso di pericolo, tuttavia, lo stress costante quando non c'è un pericolo reale può diventare un problema reale per molti individui, soprattutto quando i sintomi della lombalgia, tra gli altri iniziano a manifesto. Lo scopo dell'articolo sopra era di determinare l'efficacia della gestione dello stress nel trattamento della lombalgia. In definitiva, la gestione dello stress è stata conclusa per aiutare con il trattamento. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Åkerblom S, Perrin S, Rivano Fischer M, McCracken LM. Il ruolo di mediazione dell'accettazione nella terapia cognitivo-comportamentale multidisciplinare per il dolore cronico. J Pain. 16 (7): 606-615. [PubMed]
2. Baranoff J, Hanrahan SJ, Kapur D, Connor JP. Accettazione come variabile di processo in relazione alla catastrofe nel trattamento del dolore multidisciplinare. Eur J Pain. 2013; 17 (1): 101-110. [PubMed]
3. Bernardy K, Fuber N, Kollner V, Hauser W. Efficacia delle terapie cognitivo-comportamentali nella sindrome fibromialgica - una revisione sistematica e una metaanalisi di studi randomizzati e controllati. J Rheumatol. 2010; 37 (10): 1991-2005. [PubMed]
4. Blacker M, Meleo-Meyer F, Kabat-Zinn J, Santorelli SF. Guida al curriculum per la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza (MBSR). Centro per la consapevolezza in medicina, assistenza sanitaria e società, divisione di medicina preventiva e comportamentale, Dipartimento di Medicina, Università della Massachusetts Medical School; Worcester, MA: 2009.
5. Bohlmeijer E, dieci Klooster P, Fledderus M, Veehof M, Baer R. Proprietà psicometriche del questionario di mindfulness a cinque faccette negli adulti depressi e sviluppo di una forma breve. Valutazione. 2011; 18: 308-320. [PubMed]
6. Brister H, Turner JA, Aaron LA, Mancl L. L'autoefficacia è associata al dolore, al funzionamento e al trattamento tra i pazienti con dolore cronico da disturbo temporo-mandibolare. J Orofac Pain. 2006; 20: 115-124. [PubMed]
7. Burns JW, Glenn B, Bruehl S, Harden RN, Lofland K. I fattori cognitivi influenzano l'esito dopo il trattamento multidisciplinare del dolore cronico: una replica e un'estensione di un'analisi panel cross-lagged. Behav Res Ther. 2003; 41: 1163-1182. [PubMed]
8. Burns JW, Kubilus A, Bruehl S, Harden RN, Lofland K. I cambiamenti nei fattori cognitivi influenzano l'esito dopo il trattamento multidisciplinare per il dolore cronico? Un'analisi panel cross-lagged. J Consult Clin Psychol. 2003; 71: 81-91. [PubMed]
9. Carmody J, Baer R. Relazioni tra pratica di consapevolezza e livelli di consapevolezza, sintomi medici e psicologici e benessere in un programma di riduzione dello stress basato sulla consapevolezza. J Behav Med. 2008; 31: 23-33. [PubMed]
10. Cassidy EL, Atherton RJ, Robertson N, Walsh DA, Gillett R. Consapevolezza, funzionamento e catastrofismo dopo la gestione multidisciplinare del dolore per la lombalgia cronica. Dolore. 2012; 153 (3): 644-650. [PubMed]
11. Caudill M. Gestione del dolore prima che ti maneggi. Guilford Press; New York: 1994.
12. Cherkin DC, Sherman KJ, Balderson BH, Cook AJ, Anderson ML, Hawkes RJ, Hansen KE, Turner JA. Effetto della riduzione dello stress basata sulla consapevolezza vs terapia cognitivo-comportamentale o terapia tradizionale sul dolore alla schiena e limitazioni funzionali negli adulti con lombalgia cronica: uno studio clinico randomizzato. JAMA. 2016; 315 (12): 1240-1249. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
13. Cherkin DC, Sherman KJ, Balderson BH, Turner JA, Cook AJ, Stoelb B, Herman PM, Deyo RA, Hawkes RJ. Confronto tra medicina complementare e alternativa con terapie convenzionali mente-corpo per mal di schiena cronico: protocollo per lo studio randomizzato controllato Mind-body Approaches to Pain (MAP). Trials. 2014; 15: 211-211. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
14. Chiesa A, Serretti A. Interventi basati sulla consapevolezza per il dolore cronico: una revisione sistematica delle prove. J Complemento alternativo Med. 2011; 17: 83-93. [PubMed]
15. Chiros C, O'Brien W. Accettazione, valutazioni e coping in relazione all'emicrania: una valutazione delle interrelazioni usando i metodi del diario quotidiano. J Behav Med. 2011; 34 (4): 307-320. [PubMed]
16. Cramer H, Haller H, Lauche R, Dobos G. Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza per la lombalgia. Una revisione sistematica. BMC Complement Altern Med. 2012; 12 (1): 162. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
17. Cusens B, Duggan GB, Thorne K, Burch V. Valutazione del programma di gestione del dolore basato sulla consapevolezza di Breathworks: effetti sul benessere e molteplici misure di consapevolezza. Clin Psychol Psychother. 2010; 17 (1): 63-78. [PubMed]
18. Day MA, Smitherman A, Ward LC, Thorn BE. Un'indagine sulle associazioni tra misure di consapevolezza e dolore catastrofico. Clin J Pain. 2015; 31 (3): 222-228. [PubMed]
19. de Boer MJ, Steinhagen HE, Versteegen GJ, Struys MMRF, Sanderman R. Consapevolezza, accettazione e catastrofismo nel dolore cronico. PIÙ UNO. 2014; 9 (1): e87445. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
20. Ehde DM, Dillworth TM, Turner JA. Terapia cognitivo-comportamentale per individui con dolore cronico. Am Psychol. 2014; 69 (2): 153-166. [PubMed]
21. Esmer G, Blum J, Rulf J, Pier J. Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza per la sindrome da chirurgia dorsale fallita: uno studio controllato randomizzato. JAOA. 2010; 110 (11): 646-652. [PubMed]
22. Fish RA, Hogan MJ, Morrison TG, Stewart I, McGuire BE. Volontà e capacità: uno sguardo più ravvicinato alla disponibilità e all'impegno del dolore sul questionario di accettazione del dolore cronico (CPAQ-8). J Pain. 2013; 14 (3): 233-245. [PubMed]
23. Fish RA, McGuire B, Hogan M, Morrison TG, Stewart I. Validazione del Questionario di accettazione del dolore cronico (CPAQ) in un campione Internet e sviluppo e validazione preliminare del CPAQ-8. Dolore. 2010; 149 (3): 435-443. [PubMed]
24. Gardner-Nix J, Backman S, Barbati J, Grummitt J. Valutazione dell'educazione a distanza di un programma di meditazione basato sulla consapevolezza per la gestione del dolore cronico. J Telemed Telecare. 2008; 14 (2): 88-92. [PubMed]
25. Grossman P, Tiefenthaler-Gilmer U, Raysz A, Kesper U. Addestramento alla consapevolezza come intervento per la fibromialgia: evidenza di postintervento e benefici del follow-up di 3 anno nel benessere. Psychotherom Psychotherom. 2007; 76: 226-233. [PubMed]
26. Gu J, Strauss C, Bond R, Cavanagh K. In che modo la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza e la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza migliorano la salute mentale e il benessere? Una revisione sistematica e una meta-analisi degli studi di mediazione. Clin Psychol Rev. 2015; 37: 1-12. [PubMed]
27. MP di Jensen. Approcci psicosociali alla gestione del dolore: un quadro organizzativo. DOLORE. 2011; 152 (4): 717-725. [PubMed]
28. Kabat-Zinn J. Un programma ambulatoriale in medicina comportamentale per pazienti con dolore cronico basato sulla pratica della meditazione di consapevolezza: considerazioni teoriche e risultati preliminari. Gen Hosp Psychiatry. 1982; 4 (1): 33-47. [PubMed]
29. Kabat-Zinn J. Interventi basati sulla consapevolezza nel contesto: passato, presente e futuro. Clin Psychol. 2003; 10 (2): 144-156.
30. Keng S, Smoski MJ, Robins CJ, Ekblad AG, Brantley JG. Meccanismi di cambiamento nella riduzione dello stress basato sulla consapevolezza: auto-compassione e consapevolezza come mediatori dei risultati dell'intervento. J Cogn Psychother. 2012; 26: 270-280.
31. Kerns RD, Burns JW, Shulman M, Jensen MP, Nielson WR, Czlapinski R, Dallas MI, Chatkoff D, Sellinger J, Heapy A, Rosenberger P. Possiamo migliorare la terapia cognitivo-comportamentale per l'impegno e l'adesione al trattamento cronico del mal di schiena? Uno studio controllato di terapia su misura rispetto alla terapia standard. Psicologo della salute. 2014; 33 (9): 938-947. [PubMed]
32. Kroenke K, Spitzer RL, Williams JBW, Löwe B. Il questionario sulla salute del paziente Somatica, ansia e scala dei sintomi depressivi: una revisione sistematica. Gen Hosp Psychiatry. 2010; 32 (4): 345-359. [PubMed]
33. Lamb SE, Hansen Z, Lall R, Castelnuovo E, Withers EJ, Nichols V, Potter R, Underwood MR. Trattamento cognitivo comportamentale di gruppo per il dolore lombare nelle cure primarie: uno studio randomizzato controllato e analisi costo-efficacia. Lancetta. 2010; 375 (9718): 916-923. [PubMed]
34. Lauwerier E, Caes L, Van Damme S, Goubert L, Rosseel Y, Crombez G. Accettazione: cosa c'è in un nome? Un'analisi del contenuto degli strumenti di accettazione negli individui con dolore cronico. J Pain. 2015; 16: 306-317. [PubMed]
35. Litt MD, Shafer DM, Ibanez CR, Kreutzer DL, Tawfik-Yonkers Z. Dolore momentaneo e coping nel dolore del disturbo temporo-mandibolare: meccanismi esplorativi del trattamento cognitivo comportamentale per il dolore cronico. DOLORE. 2009; 145 (1-2): 160-168. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
36. Moreno S, Gili M, Magallón R, Bauzá N, Roca M, del Hoyo YL, Garcia-Campayo J. Efficacia del gruppo contro la terapia cognitivo-comportamentale individuale nei pazienti con disturbo somatizzato ridotto: uno studio controllato randomizzato. Psychosom Med. 2013; 75 (6): 600-608. [PubMed]
37. Morone NE, Greco CM, Moore CG, Rollman BL, Lane B, Morrow LA, Glynn NW, Weiner DK. Un programma mente-corpo per gli anziani con lombalgia cronica: uno studio clinico randomizzato. JAMA Internal Medicine. 2016; 176: 329-337. [PubMed]
38. Morone NE, Greco CM, Weiner DK. Meditazione consapevole per il trattamento della lombalgia cronica negli adulti più anziani: uno studio pilota controllato randomizzato. Dolore. 2008; 134 (3): 310-319. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
39. Nicholas MK. Il questionario sull'efficacia del dolore: prendere in considerazione il dolore. Eur J Pain. 2007; 11 (2): 153-163. [PubMed]
40. Nicholas MK, Asghari A, Blyth FM, Wood BM, Murray R, McCabe R, Brnabic A, Beeston L, Corbett M, Sherrington C, Overton S. Intervento di autogestione per il dolore cronico negli adulti più anziani: uno studio controllato randomizzato. DOLORE. 2013; 154: 824-835. [PubMed]
41. Otis JD. Gestione del dolore cronico - un approccio di terapia cognitivo-comportamentale: guida del terapeuta. La stampa dell'università di Oxford; New York: 2007.
42. Patrick DL, Deyo RA, Atlas SJ, Cantante DE, Chapin A, Keller RB. Valutare la qualità della vita correlata alla salute nei pazienti con sciatica. Colonna vertebrale. 1995; 20 (17): 1899-1909. [PubMed]
43. Amministrazione Sanitaria Pubblica e Amministrazione Sanitaria. Servizio sanitario pubblico; Washington, DC: classificazione internazionale delle malattie, revisione di 9th, modifica clinica. 1980.
44. Reiner K, Tibi L, Lipsitz JD. Gli interventi basati sulla consapevolezza riducono l'intensità del dolore? Una revisione critica della letteratura. Dolore Med 2013; 14 (2): 230-242. [PubMed]
45. Roland M, Morris R. Uno studio sulla storia naturale del mal di schiena. Parte 1: sviluppo di una misura affidabile e sensibile della disabilità nel dolore lombare. Colonna vertebrale. 1983; 8 (2): 141-144. [PubMed]
46. Schütze R, Rees C, Preece M, Schütze M. La scarsa consapevolezza predice il dolore catastrofico in un modello che evita la paura del dolore cronico. Dolore. 2010; 148 (1): 120-127. [PubMed]
47. Scott W, Wideman T, Sullivan M. punteggi clinicamente significativi sul dolore catastrofico prima e dopo la riabilitazione multidisciplinare: uno studio prospettico di individui con dolore subacuto dopo ferita da colpo di frusta. Clin J Pain. 2014; 30: 183-190. [PubMed]
48. Smores RJEM Vlaeyen JWS, Kester ADM Knottnerus JA. La riduzione del dolore catastrofico media l'esito del trattamento sia fisico che cognitivo-comportamentale nella lombalgia cronica. J Pain. 2006; 7: 261-271. [PubMed]
49. Sullivan M. Il manuale utente di scala catastrofica del dolore. 2009 http://sullivan-painresearch.mcgill.ca/pdf/pcs/PCSManual_English.pdf.
50. Sullivan MJL, Bishop SR, Pivik J. La scala catastrofica del dolore: sviluppo e validazione. Psychol Assess. 1995; 7 (4): 524-532.
51. Thorn BE. Terapia cognitiva per il dolore cronico: una guida passo-passo. The Guilford Press; New York: 2004.
52. Thorn BE, Burns JW. Meccanismi di trattamento comuni e specifici negli interventi di dolore psicosociale: la necessità di un nuovo programma di ricerca. DOLORE. 2011; 152: 705-706. [PubMed]
53. Turk D, Winter F. The Pain Survival Guide: How to Reclaim Your Life. Associazione Americana di Psicologia; Washington, DC: 2005.
54. Turner JA. Confronto tra allenamento di rilassamento progressivo di gruppo e terapia di gruppo cognitivo-comportamentale per lombalgia cronica. J Consult Clin Psychol. 1982; 50: 757-765. [PubMed]
55. Turner JA, Clancy S. Confronto tra comportamento comportamentale operazionale e trattamento cognitivo-comportamentale di gruppo per lombalgia cronica. J Consult Clin Psychol. 1988; 56: 261-266. [PubMed]
56. Turner JA, Holtzman S, Mancl L. Mediatori, moderatori e predittori di cambiamenti terapeutici nella terapia cognitivo-comportamentale per il dolore cronico. Dolore. 2007; 127: 276-286. [PubMed]
57. Turner JA, Mancl L, Aaron LA. Efficacia a breve ea lungo termine della terapia cognitivo-comportamentale breve per i pazienti con dolore cronico da disturbo temporo-mandibolare: uno studio randomizzato e controllato. Dolore. 2006; 121: 181-194. [PubMed]
58. Turner JA, Romano JM. Terapia cognitivo-comportamentale per il dolore cronico. In: Loeser JD, editor. Gestione del dolore di Bonica. Lippincott Williams e Wilkins; Philadelphia: 2001. pp. 1751-1758.
59. Veehof MM, Oskam MJ, Schreurs KMG, Bohlmeijer ET. Interventi basati sull'accettazione per il trattamento del dolore cronico: una revisione sistematica e una meta-analisi. PAIN® 2011; 152 (3): 533-542. [PubMed]
60. Viane I, Crombez G, Eccleston C, Poppe C, Devulder J, Van Houdenhove B, De Corte W. L'accettazione del dolore è un predittore indipendente del benessere mentale nei pazienti con dolore cronico: evidenza empirica e rivalutazione. Dolore. 2003; 106 (1-2): 65-72. [PubMed]
61. Vitiello M, McCurry S, Shortreed SM, Balderson BH, Baker L, Keefe FJ, Rybarczyk BD, Von Korff M. Trattamento cognitivo-comportamentale per l'insonnia comorbida e il dolore dell'osteoartrite nelle cure primarie: lo stile di vita randomizzato e controllato. JAGS. 2013; 61: 947-956. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
62. Wang M, Fitzmaurice GM. Un metodo di imputazione semplice per studi longitudinali con non risposte non ignorabili. Biom J. 2006; 48: 302-318. [PubMed]
63. Wells RE, Burch R, Paulsen RH, Wayne PM, Houle TT, Loder E. Meditazione per emicranie: uno studio pilota randomizzato controllato. Mal di testa. 2014; 54 (9): 1484-1495. [PubMed]
64. Wetherell JL, Afari N, Rutledge T, Sorrell JT, Stoddard JA, Petkus AJ, Solomon BC, Lehman DH, Liu L, Lang AJ, Hampton Atkinson J. Uno studio randomizzato e controllato di terapia di accettazione e impegno e terapia cognitivo-comportamentale per dolore cronico. Dolore. 2011; 152 (9): 2098-2107. [PubMed]
65. Wong SY-S, Chan FW-K, Wong RL-P, Chu MC, Kitty Lam YY, Mercer SW, Ma SH. Confrontando l'efficacia della riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e programmi di intervento multidisciplinare per il dolore cronico: uno studio comparativo randomizzato. Clin J Pain. 2011; 27 (8): 724-734. [PubMed]
66. Yamadera W, Sato M, Harada D, Iwashita M, Aoki R, Obuchi K, Ozono M, Itoh H, Nakayama K. Confronto dell'efficacia a breve termine tra terapia cognitivo-comportamentale individuale e di gruppo per l'insonnia primaria. Sleep Biol Rhythms. 2013; 11 (3): 176-184. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
67. Zeger SL, Liang JK-Y. analisi di dati longitudinali per i risultati discreti e continui. Biometrica. 1986; 42: 121-130. [PubMed]

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Secondo le statistiche, circa il 80% delle persone avverte i sintomi del mal di schiena almeno una volta nel corso della vita. Il mal di schiena è un disturbo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Spesso, la degenerazione naturale della colonna vertebrale con l'età può causare mal di schiena. Ernia discale si verificano quando il centro morbido, simile ad un gel di un disco intervertebrale, spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno della cartilagine, comprimendo e irritando le radici nervose. Le ernie del disco si verificano più comunemente lungo la parte inferiore della schiena, o colonna vertebrale lombare, ma possono anche verificarsi lungo la colonna cervicale o collo. L'incidenza dei nervi che si trovano nella regione lombare a causa di lesioni e / o di una condizione aggravata può portare a sintomi di sciatica.

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: A Healt You!

ALTRI IMPORTANTI ARGOMENTI: EXTRA: infortuni sportivi? | Vincent Garcia | Paziente | Chiropratico di El Paso, TX

Post Recenti

Goditi gli hobby che ami senza dolore alla schiena e al collo

Abbiamo tutti i nostri hobby che ci appassionano, che amiamo fare e che potremmo vedere ... Leggi di più

October 5, 2020

I supercibi possono aiutare a raggiungere una salute ottimale

I supercibi sono alimenti ricchi di nutrienti che possono essere incorporati nella dieta di un individuo per ottenere un ... Leggi di più

October 2, 2020

Malformazione del tessuto cerebrale di Chiari e canale spinale

La malformazione di Chiari è una condizione che fa sì che il tessuto cerebrale si estenda e si stabilisca in ... Leggi di più

October 1, 2020

Perdita di massa muscolare sarcopenia con mal di schiena cronico

Per sarcopenia si intende la perdita di tessuto / massa muscolare dovuta al naturale processo di invecchiamento. Qualcosa che tutto ... Leggi di più

30 settembre 2020

Assumere un ruolo attivo nella salute della colonna vertebrale personale

Assumere un ruolo attivo nella salute personale della colonna vertebrale potrebbe fare la differenza tra il dover ... Leggi di più

29 settembre 2020

Farmaci per alleviare i sintomi del dolore analgesici

Gli analgesici sono farmaci antidolorifici, noti anche come antidolorifici. Questi possono essere farmaci da banco e da prescrizione. ... Leggi di più

28 settembre 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘