Sforzi e distorsioni: una sindrome, patologie non separate

Condividi

Ceppi e distorsioni

Secondo l'Istituto Nazionale di Salute, Istituto Nazionale di Artrite e Disturbi Muscoloscheletrici e della Pelle:

Un distorsione è una lesione al legamento (tessuto che collega due o più ossa ad un giunto). In un disturbo, uno o più legamenti sono allungati o strappati. Un ceppo è una lesione per un muscolo o un tendine (tessuto che collega muscolo all'osso). In un ceppo, un muscolo o un tendine è allungato o strappato.

Storicamente, i medici di tutte le discipline nell'ambiente clinico e gli avvocati dell'arena medico-legale hanno erroneamente tentato di separarli in lesioni distinte 2 permettendo una falsa conclusione da derivare in una prognosi o in argomenti legali quando si considera la patologia del tessuto connettivo come sequela a trauma .

Anatomia delle distorsioni e dei ceppi

Solomonow ha scritto:

Ci sono diversi legamenti in ogni giuntura nello scheletro umano e sono considerati come i tratti primari delle ossa che costituiscono il giunto. I legamenti sono anche organi sensoriali e hanno un significativo contributo alla sensazione e all'attivazione riflessiva / sinergica dei muscoli. I muscoli associati ad ogni congiunto dato, hanno pertanto anche un ruolo significativo come limitazioni. In alcune articolazioni, come le articolazioni intervertebrali della spina dorsale, il ruolo dei muscoli come restrizioni è amplificato. Il ruolo dei legamenti come connessioni congiunte è piuttosto complesso quando si considera la moltitudine di attività fisiche svolte da individui nelle funzioni giornaliere quotidiane, nel lavoro e nello sport, nella complessità dell'anatomia delle diverse articolazioni e nell'ampia gamma di grandezza e velocità dei carichi esterni . Mentre le articolazioni attraversano la loro gamma di movimenti, con o senza carico esterno, i legamenti garantiscono che le ossa associate al movimento delle giunture nelle loro tracce anatomiche prescritte mantengano la piena e anche la pressione di contatto delle superfici articolari, impediscono la separazione delle ossa da ciascuna altri aumentando la loro tensione, come è necessario e assicurando un movimento stabile. La stabilità del giunto è quindi il ruolo generale dei legamenti senza i quali il giunto può subclassare, causare danni alla capsula, alla cartilagine, ai tendini, ai nervi vicini e ai vasi sanguigni, ai dischi (se si considerano le articolazioni spinali) e ai legamenti stessi. Tale pregiudizio può debilitare l'individuo prevenendo o limitando l'uso del giunto e la perdita di funzione. Pgs. 136-137

Mentre i legamenti sono conosciuti principalmente come strutture meccaniche o di supporto che sono responsabili della stabilità dell'articolazione, esse hanno altrettanto importanti funzioni neurologiche. Studi anatomici hanno dimostrato che i legamenti nelle estremità e nella colonna vertebrale sono dotati di nervi chiamati meccanoreceptori. La presenza di tale senso e l'invio di informazioni neurologiche alla colonna vertebrale e al cervello nei legamenti conferma che contribuiscono alla propriocuzione (sensazione e analisi della positività fisica nello spazio e nel tempo) e della kinestesia (simile alla propriocezione ma può mantenere la sensazione in questi nervi anche con imputa neurologica aberrante altrove) e ha anche un ruolo distinto nell'attivazione reflex o nell'inibizione delle attività muscolari.

In poche parole, i nervi dei legamenti tentano di alterare l'attività muscolare per impedire ulteriori insuccessi e patologie biomeccaniche (lesioni corporee) che influenzano la capacità di muoversi in modo equilibrato homeostatico, portando ad una ulteriore perdita funzionale in breve tempo. La presenza di tali nervi nei legamenti conferma che contribuiscono alla propriocuzione e alla kinestesia e hanno un ruolo distinto nell'attivazione riflessiva o nell'inibizione delle attività muscolari. Pertanto, i muscoli ei tendini (che sono inerenti all'attività muscolare) sono reattivi e dipendenti dall'attività legamentosa in funzione con attività sia normali che patologiche (incluse traumatismi).

Solomonow (2009) ha anche riferito che fin dal primo decennio, che un riflesso può esistere dai recettori sensoriali nei legamenti ai muscoli che possono modificare direttamente o indirettamente il carico imposto al legamento. Una dimostrazione chiara di una attivazione reflex dei muscoli finalmente fornite in 1987 e riconfermata più volte da allora. E 'stato inoltre dimostrato che tale riflesso legamento-muscolare esiste nella maggior parte delle articolazioni dell'estremità e nella colonna vertebrale.

Meccanismo di infortunio

Un singolo trauma secondo Panjabi (2006) può causare una lacrima nel legamento chiamato la lassità o un subfailure lesioni dei legamenti spinali e lesioni ai meccanoreceptori incorporati nei legamenti e la seguente cascata di eventi si verificano: pgs. 669-670

NOTA: La lesione subfailura del legamento spinale è definita come un infortunio causato dall'estensione del tessuto al di fuori del suo limite fisiologico, ma inferiore al suo punto di rottura.

  1. Quando la spina danneggiata esegue un'attività o viene sfidata da un carico esterno, i segnali del trasduttore generati dai meccanoreceptori sono danneggiati.
  2. L'unità di controllo neuromuscolare ha difficoltà a interpretare i segnali del trasduttore corrotti in quanto vi è disallineamento spaziale e temporale tra i segnali normalmente attesi e quelli corrotti ricevuti.
  3. Il pattern di risposta muscolare generato dall'unità di controllo neuromuscolare è danneggiato, influenzando il coordinamento spaziale e temporale e l'attivazione di ciascun muscolo spinale.
  4. Il pattern di risposta muscolare corrotto porta a feedback corrotti all'unità di controllo tramite organi tendinici dei muscoli e dei meccanoreceptori feriti, corromando ulteriormente il pattern di risposta muscolare.
  5. Il pattern di risposta muscolare corrotto produce grandi sollecitazioni e ceppi nei componenti spinali che portano ad ulteriori subfailure lesioni dei legamenti spinale, dei meccanoreceptori e dei muscoli e il sovraccarico delle articolazioni delle facce.
  6. Le sollecitazioni e le tensioni anomale producono infiammazione dei tessuti spinali, che presentano abbondanti quantità di sensori nociceptivi e strutture neurali.
  7. Di conseguenza, nel tempo, si verifica un guasto biomeccanico cronico che conduce alla degenerazione precoce e al dolore a lungo termine.

Semplicemente spiegato, quando vi è un infortunio o distorsione del legamento, i nervi dei segnali di fuoco ligamentali che vanno al sistema nervoso centrale e provoca i muscoli a reagire come compenso alla lesione fisica per stabilizzare la struttura. Che a sua volta crea un'altra cascata di problemi se non viene compensata o riparata poiché la spasticità muscolare non può mantenere se stessa per lunghi periodi di tempo e entra in una postura di tetano o spasmo perpetuo fino all'adempimento dell'acido lattico. Questo è seguito dal fallimento del muscolo e mettendo l'intera struttura in una posizione biomeccanicamente instabile cronica e causando l'osso per rimodellare o diventare artritico.

Secondo Hauser ET. L'instabilità del legamento di Al (2013) nelle subfailure o nella lassità sono una chiara causa di osteoartrosi. Questo non è speculativo in quanto il malato svilupperà l'artrite in 100% del tempo ed è coerente con la legge di Wolff che è stata e continua ad essere accettata dalla 18 ritardatath secolo.

Pertanto, come per il precedente scenario, la distensione della tensione è una sindrome intrecciata che non può essere separata meccanicamente o neurologicamente e causerà l'artrite in 100% dell'istanza post-trauma. Quanto l'artrite e quanto rapidamente si svilupperà dipende da quanti danni ligamentosi ci sono.

La portata delle nostre informazioni è limitata a lesioni e condizioni di chiropratica e spinale. Per discutere di opzioni sul tema, si prega di contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900 .

Riferimenti:

  1. Quali sono distorsioni e sforzi? Istituto nazionale di salute, Istituto nazionale di artrite e disturbi muscoloscheletrici e della pelle (2016) Estratto da :(https://www.niams.nih.gov/health_info/sprains_strains/sprains_and_strains_ff.asp)
  2. Solomonow, M. (2009). Legamenti: una fonte di disturbi muscolo-scheletrici.Journal of Bodywork e terapie di movimento,13(2), 136-154.
  3. Panjabi, MM (2006). Un'ipotesi di dolore cronico: le lesioni subfailure del legamento portano alla disfunzione del controllo muscolare.European Spine Journal,15(5), 668-676.
  4. Hauser R., Dolan E., Phillips H., Newlin A., Moore R., Woldin B., Legamenti e lesioni di guarigione: una revisione della diagnosi clinica corrente e delle terapie, Il Journal di riabilitazione aperta, 2013, 6, 1-20

Argomenti aggiuntivi: Prevenzione della degenerazione spinale

Degenerazione spinale può manifestarsi naturalmente nel tempo a causa dell'età e della costante usura delle vertebre e di altre strutture complesse della colonna vertebrale, che si sviluppano generalmente nelle persone di età superiore a 40. A volte, la degenerazione spinale può anche verificarsi a causa di danni o lesioni spinali, che possono causare ulteriori complicazioni se non trattata. La cura chiropratica può aiutare a rafforzare le strutture della colonna vertebrale, contribuendo a prevenire la degenerazione spinale.

.video-container {posizione: relativa; imbottitura inferiore: 63%; imbottitura: 35px; altezza: 0; overflow: nascosto;}. video contenitore iframe {posizione: assoluto; top: 0; a sinistra: 0; larghezza: 100%; altezza: 100%; confine: nessuno; max-width: 100%;}

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘