Prenotazione online 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX

Smettila di soffrire!

  • Quick n' Easy Appuntamento online
  • Prenota un appuntamento 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX
  • Chiamaci 915-850-0900.
Lunedi9: 00 AM - 7: 00 PM
Martedì9: 00 AM - 7: 00 PM
Mercoledì9: 00 AM - 7: 00 PM
Giovedi9: 00 AM - 7: 00 PM
Venerdì9: 00 AM - 7: 00 PM
Sabato8: 30 AM - 1: 00 PM
DomenicaChiuso

Doctor Cell (Emergenze) 915-540-8444

PRENOTA ONLINE 24/7

Valutazione Functional Medicine®

🔴 Avviso: Come parte del nostro Trattamento per lesioni acute pratica, ora offriamo Integratore di medicina funzionale Valutazioni e trattamenti dentro il nostro ambito clinico per i disturbi degenerativi cronici.  Per prima cosa valutare la storia personale, l'alimentazione corrente, i comportamenti di attività, le esposizioni tossiche, i fattori psicologici ed emotivi, in tandem genetica.  Poi può offrire Trattamenti di Medicina Funzionale insieme ai nostri protocolli moderni.  Per saperne di più

Spiegazione della medicina funzionale

Arrestare la crisi opioide nel grembo

Share

Dai un'occhiata a questa storia su CNN: http://www.cnn.com/2017/05/05/health/opioid-detox-during-pregnancy/index.html

 

Riuniti sono il suo medico, infermiera e migliore amica.
Sono tutti desiderosi, ansiosi, eccitati e preoccupati per la salute del bambino. In questo modo, questa ecografia è come la maggior parte.

Ma quello che sta succedendo in questa stanza è tutt'altro che di routine: Jessica, 28, è legata agli oppiacei e disintossicante durante la gravidanza. Il dottor Craig Towers è l'ostetrico pionieristico - e controverso - che frantuma la comune convinzione medica che questo approccio potrebbe portare alla morte del feto.
Qualche tempo prima, la bambina di Jessica ha subito uno stress test per vedere come stava progredendo, un modo per assicurarsi che lo stress della disintossicazione non danneggi il bambino. "Non le è affatto piaciuto", dice Jessica, che è nella sua 35 settimana di gravidanza.
Raccontaci la tua storia
Raccontaci la tua storia di come tu o una persona cara lavorate attraverso la dipendenza da oppioidi o altri farmaci antidolorifici, dai successi alle lotte. Testo / WhatsApp a + 1-347-322-0415

"Significa che sta prestando attenzione a ciò che sta accadendo", afferma Towers, specializzato in gravidanze ad alto rischio presso il centro medico dell'Università del Tennessee.
Jessica ammette di aver fatto molti errori, ma qui, sta facendo quello che lei dice è la scelta migliore della sua vita: pulirsi per il suo bambino. Ha anche un figlio di 8 che è stato cresciuto da sua madre. Spera che la disintossicazione migliorerà ulteriormente la loro relazione.
Un tatuaggio sopra il suo cuore dice "Dal dolore arriva la forza".
Vorrebbe potersi appoggiare sulla pancia, mettere le labbra sulla testa di sua figlia e sussurrarle le lezioni di vita. “Sto lavorando per costruire la nostra relazione e provarci così tanto. Voglio principalmente che sappia che non farò più queste scelte. "
Jessica si meraviglia dello schermo. "È quella la sua piccola faccia?"
"Sì, è una guancia", dice Towers.
"Ha le guance paffute", risponde Jessica.
Jessica Hill, 28, è stata agganciata agli oppiacei e voleva essere pulita, ma le è stato detto che la detossicazione avrebbe ucciso il suo feto.
Jessica Hill, 28, è stata agganciata agli oppiacei e voleva essere pulita, ma le è stato detto che la detossicazione avrebbe ucciso il suo feto.
Quando Jessica è arrivata per la prima volta a Towers quattro mesi fa, stava assumendo un farmaco di mantenimento standard basato sugli oppioidi, chiamato Subutex, destinato a impedirle di ottenere la sua correzione dalla strada. Le era stato detto in una clinica di medicinali che la detossicazione avrebbe ucciso il suo feto.
Quando andò da un dottore che sperava potesse liberare suo figlio, Jessica fu umiliata. Aveva informato il medico che stava assumendo Subutex per ridurre la sua voglia di antidolorifici. Il dottore, dice, le ha detto che non "prendono pazienti irresponsabili".
Il rapporto rileva un aumento vertiginoso dei bambini che vanno in astinenza da oppiacei
Il rapporto rileva un aumento vertiginoso dei bambini che vanno in astinenza da oppiacei
"Ero così arrabbiato, perché ci hanno semplicemente evitato", dice.
La clinica di manutenzione l'ha quindi indirizzata al centro medico dell'Università del Tennessee. Jessica ha visitato per la prima volta un medico presso la clinica prenatale dell'ospedale a dicembre ed è stata presentata a Emily Katz, coordinatrice dell'abuso di sostanze nell'ufficio di Towers. Katz vide una giovane donna che aveva bisogno di aiuto - ma, cosa più importante, voleva aiuto.
"L'abbiamo afferrata," dice. “C'era solo una scintilla in lei. Quando ho detto a Jessica, "Penso che possiamo aiutarti", le lacrime le scorrevano sul viso. "
Ora è metà marzo. Towers ha lentamente pianto Jessica dal trattamento, con Jessica che fa il viaggio di un'ora da casa sua a Morristown nel suo ufficio ogni due settimane, quasi sempre accompagnata dalla sua migliore amica, Stephanie Moore. Oggi Stephanie interviene con allegre battute sulla testardaggine del bambino, simile a quella di sua madre.
Tra una visita e l'altra, Jessica invia messaggi e telefona a Katz, motivato ad aiutare gli altri dopo la morte di suo fratello per overdose. I due sono diventati così vicini nel corso dei mesi che entrambi dicono che sono come gemelli separati alla nascita. Jessica ha soprannominato Katz "Nurse Barbie" per la sua bellezza e i suoi capelli biondi e lisci.

In questo giorno, Katz osserva silenziosamente durante l'ecografia, facendo il suo show di supporto semplicemente rimanendo lì.
Jessica ha completamente eliminato gli oppiacei la scorsa settimana, un momento critico durante qualsiasi disintossicazione. Soffriva di diarrea e altri disturbi. Solo una volta ha ceduto al suo bisogno, prendendo una pillola Subutex. "Fa schifo", dice.
In quei momenti negativi, Stephanie e Katz le ricordano perché sta attraversando questo: che la lotta vale la pena.
Ma anche con tutto ciò che Jessica ha sopportato, non c'è garanzia che il suo bambino sarà libero dai tremori violenti e dal dolore lancinante che contraddistingue le persone nate da madri dipendenti. Circa una donna su cinque che detox nel programma di Towers vede ancora il suo bambino soffrire di astinenza dopo la nascita, a seconda di quanto all'inizio della gravidanza le madri sono state in grado di diventare prive di droghe e di come i loro corpi metabolizzano gli oppioidi ancora nei loro sistemi.
Il dottor Craig Towers ha aiutato più di 500 donne a disintossicarsi durante la gravidanza: "È la cosa giusta da fare".
La dott.ssa Craig Towers ha aiutato più della disintossicazione delle donne 500 durante la gravidanza: "È la cosa giusta da fare".
Towers assicura a Jessica che il suo bambino sarà al sicuro se continua a non usarlo. Con la data di scadenza di un mese, dice che vuole iniziare a vederla due volte a settimana per assicurarsi che rimanga sulla buona strada.
La sua gravidanza non è stata pianificata, e Jessica si preoccupa che i servizi per l'infanzia possano portare via sua figlia a causa della sua storia di abuso di droghe.
"L'unico modo in cui ti prenderebbero da te è se stavi usando qualcosa fuori strada o se c'è qualcosa nella tua schermata della droga che non ti è stato prescritto", dice Towers. "Ecco perché voglio solo vederti molto, assicurarti che tu stia bene, e se ci sono problemi, impediamo una ricaduta."
Le prossime settimane si dimostreranno critiche. Jessica si appoggerà a questo cast di supporto: il dottore, la sua migliore amica e "Nurse Barbie".
Towers sa fin troppo bene cosa c'è in ballo. Tre giorni prima, una donna incinta che sperava potesse iscriversi al suo programma è stata trovata morta per overdose, la prima morte di questo tipo quest'anno nella contea di Knox.
Preoccupazioni per il rischio di recidiva
Ogni minuto 25 in America, un bambino nasce in astinenza dagli oppioidi. Si stringono violentemente, vomitano costantemente e urlano incessantemente. All'arrivo in questo mondo, una delle prime cose che viene data ai neonati è un oppiaceo per ridurre l'intensità dei loro frullati.
Questa è l'America sulla droga: una guida visiva
Questa è l'America sulla droga: una guida visiva
Le sale di consegna sono state travolte, specialmente lungo il corridoio dell'Appalachia che si estende dall'Ohio e dalla Virginia dell'Ovest nel Kentucky e giù fino all'angolo nord-est del Tennessee. La degenza media in ospedale per un bambino che soffre di astinenza dura circa 17 giorni, con un costo superiore a $ 66,000 per bambino, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.
Il Tennessee da solo ha sperimentato un aumento di 15 volte nei bambini che passavano attraverso il prelievo da 2002 a 2012. E i numeri hanno continuato a salire.
Come trattare questi bambini è diventato una questione di urgenza tra medici, medici, ricercatori e assistenti sociali. Stiamo fallendo questi neonati? Cosa stiamo facendo non dovremmo? Si può fare di più sulla parte anteriore per prevenire l'agitazione e il vomito?
Il centro medico dell'Università del Tennessee si trova nel cuore dell'epidemia di oppiacei d'America.
Il centro medico dell'Università del Tennessee si trova nel cuore dell'epidemia di oppiacei d'America.
Quasi tutti concordano sul fatto che la nazione deve affrontare questo problema con un approccio globale. Ma le opinioni su cosa fare variano. La guida di lunga data dell'American College of Obstetricians and Gynecologists sulla disintossicazione durante la gravidanza è stata questa: “Il ritiro dall'uso di oppioidi durante la gravidanza è associato a scarsi esiti neonatali, tra cui nascite prematuri precoci o morte fetale e con tassi di ricaduta più elevati tra le donne. ”

Ad un summit su abuso di farmaci e eroina ad Atlanta ad aprile, i partecipanti provenienti da tutto il paese hanno discusso del numero crescente di bambini che hanno subito il ritiro e di come prendersi cura di loro e delle loro madri. Gli esperti hanno sottolineato la necessità di programmi di trattamento migliori per le donne incinte, specialmente nell'America rurale.
Disintossicazione durante la gravidanza non è stato considerato un approccio politico praticabile durante la conferenza. Alcuni esperti hanno detto che sarebbe stato disinteressato, persino sconsiderato. Anche se la disintossicazione era sicura dal punto di vista medico, hanno detto, il rischio di ricaduta era troppo grande, mettendo in pericolo i neonati non appena sono tornati a casa.
Il dott. Stephen Patrick della Vanderbilt University ha detto che gli piace Towers e ammira il suo lavoro, ma che ci sono troppe domande.
"La mia più grande preoccupazione per la disintossicazione in gravidanza sono i tassi di ricaduta", afferma Patrick, assistente professore di pediatria e politica sanitaria presso Vanderbilt e un neonatologo presente.
Recenti studi hanno scoperto che le donne che usano oppioidi hanno un tasso di recidiva di 40% rispetto a 70%, ha detto Patrick.
"Non direi mai che la disintossicazione potrebbe non essere la cosa giusta per una singola donna, nella giusta cornice con i giusti supporti", ha aggiunto Patrick. "È proprio questo nel complesso, lo trovo preoccupante a causa dei tassi di ricaduta."
Non si può fare a meno di chiedersi: perché un dottore dovrebbe puntare la sua carriera su qualcosa di così rischioso?
'Possiamo vincere'
Towers, 62, non si sarebbe mai aspettato di essere un pioniere in questo campo. Aveva seguito il protocollo per quasi quattro decenni: non disintossicare mai una donna incinta a causa della possibilità di "morte fetale", il termine clinico per un parto morto.
Ma all'epoca in cui arrivò al Centro medico dell'Università del Tennessee sette anni fa, l'epidemia di oppioidi colpì. Le donne continuavano a chiedere perché non potevano disintossicarsi durante la gravidanza.
Jessica dice che fare le pulizie per il suo bambino è una delle migliori decisioni che abbia mai preso. "Spero che il nostro rapporto rimanga sempre forte."
Jessica dice che fare le pulizie per il suo bambino è una delle migliori decisioni che abbia mai preso. "Spero che la nostra relazione rimanga sempre forte".
Ha esaminato la ricerca, aspettandosi di confermare tutto ciò che aveva seguito per anni. "Con mia sorpresa", dice, "ho scoperto che proveniva da due casi clinici".
Questi due casi negli 1970 aprono la strada ai medici per sconsigliare la disintossicazione. Le torri scavarono ulteriormente e scoprirono che altri cinque studi, per lo più trascurati, riguardanti donne 300 erano stati condotti in un periodo di 23 a partire dagli 1990. Ciascuno indicava che la disintossicazione non rappresentava un rischio per il feto.
Si imbarcò nel suo studio e trovò la disintossicazione sicura. "Negli ultimi sei anni, ho disintossicato più delle donne 500 senza alcuna perdita", afferma. "In realtà non ci sono dati in letteratura per sostenere che la disintossicazione ucciderà il bambino. Come ho detto, proveniva da una propagazione di due casi singoli riportati in letteratura negli 1970 ".
Disintossicazione, ammette, non è per ogni donna. I suoi pazienti hanno orribili storie secondarie che troppo spesso includono stupri, abusi fisici e dipendenza generazionale. "Ogni caso è complicato", afferma. “Non costringiamo mai nessuno o li vergogniamo a disintossicarci. Il paziente deve essere interessato a questo. Altrimenti, non ci riusciranno. "
I medici devono condurci fuori dalla nostra epidemia di abuso di oppiacei
I medici devono condurci fuori dalla nostra epidemia di abuso di oppiacei
Come gli altri, Towers si preoccupa delle ricadute. Quando ha iniziato il suo programma di disintossicazione, il tasso di recidiva tra le madri partecipanti era più di 70%, rispetto a 40% e 60% per tutte le persone nel trattamento delle dipendenze a livello nazionale.
Quattro anni fa, ha assunto Katz in modo che le donne potessero rimanere in costante contatto con il suo ufficio durante le loro gravidanze e per otto settimane dopo la loro partenza dall'ospedale. Spera di aumentare il tempo di supervisione da sei mesi a un anno. Ma già, dice, il tasso di recidive dall'aggiunta del componente di salute comportamentale è sceso intorno a 17%.

Nessuna donna single ha fatalmente overdose dopo aver seguito il suo programma. "Bussa al legno", dice.
Dà discorsi in tutto il paese per diffondere la notizia della sua ricerca, e incontra compagnie assicurative nella speranza che paghino per questo. Negare alle donne che vogliono essere pulite l'opportunità di farlo è sbagliato, dice, soprattutto quando entrano nel ruolo cruciale di diventare madre.
"Questo è un disturbo curabile e possiamo vincere", dice. “Spero che, uno di questi giorni, cambieremo il protocollo per il Paese. Non ci resta che continuare a collegarci. "
E la comunità medica non dovrebbe cercare di fermare la dipendenza generazionale nell'utero, si chiede, piuttosto che permettere al ciclo di continuare?
Towers non ha mai voluto essere un pioniere, ma dice che niente è meglio di quando un paziente gli dice: "Mi hai salvato la vita".
Le torri non hanno mai voluto essere un pioniere, ma dice che niente è meglio di quando un paziente gli dice: "Mi hai salvato la vita".
La CNN ha chiesto di seguire uno dei pazienti delle Torri durante il processo di disintossicazione. Jessica ha accettato di condividere la sua storia, ma solo nei confini del suo ufficio. Non voleva attirare l'attenzione nella sua piccola città e voleva proteggere suo figlio dalle telecamere.
"La cosa principale che voglio che la gente sappia è portare la mia testimonianza di dove fossi e dove sono ora", dice. "E forse se può aiutare una persona a prendere una decisione migliore, allora ne varrebbe la pena."
Chiama l'ufficio di Towers una "manna dal cielo" per averla portata sulla strada della sobrietà, qualcosa che dice di non poter mai fare da sola. Quando è venuta per la prima volta nel suo ufficio, prendeva 8 milligrammi al giorno di Subutex. Alcuni giorni, ha preso il doppio di tale importo.
Le era stato detto che il suo bambino sarebbe morto se avesse cercato di disintossicarsi, quindi stava seguendo il programma di terapia di mantenimento che le era stato prescritto dalla precedente clinica. Pianse quando Towers le disse che se fosse rimasta su quel livello di Subutex, il suo bambino avrebbe potuto subire un ritiro nelle settimane successive alla nascita.
"Gli ho detto che volevo essere fuori da esso, ma non sapevo proprio come esserlo", dice. "Questo è ciò che ha dato il via a tutto ciò che mi ha aiutato."
Perché le morti da overdose da oppioidi sembrano accadere a scatti
Perché le morti da overdose da oppioidi sembrano accadere a scatti
Jessica lavora in una comunità che vive assistita. Le piace aiutare gli anziani, parlare con loro e ascoltare le loro storie di vita. Ha attraversato giorni in cui si sentiva orribile e la terribile solitudine causata dalla disintossicazione.
“È sempre quel salario di guerra nella tua mente - che ti senti così schifoso. È così difficile provare a fare la cosa giusta ", dice. "Hai questi pensieri di 'perché l'ho fatto?' ”
La sua amica Stephanie l'ha allontanata dal cornicione in momenti di disperazione. "Quando voglio prendere una decisione stupida", dice Jessica, "mi urla contro".
"Ho un ottimo sistema di supporto, ma ho dovuto scegliere di allontanarmi da tutte le persone negative della mia vita".
Jessica ha perso più degli amici di 10 a causa di overdose negli ultimi anni, un forte richiamo alla necessità di rimanere sobri.
Due "grandi infanzia" divergevano
Jessica e Stephanie si sono conosciute in chiesa 21 anni fa. Jessica era 8; Stephanie era 9. Stephanie rubò immediatamente la Bibbia di Jessica, iniziando la loro relazione con una rissa.
Ma presto, un'amicizia sbocciata. Hanno cantato in un coro nella loro città natale di Morristown e assunto posizioni di comando in chiesa. Attraverso il gruppo giovanile, sono andati in vacanza in posti come Destin, Florida e Dollywood.
La migliore amica di Jessica, Stephanie Moore, l'ha accompagnata a quasi tutti gli appuntamenti.
La migliore amica di Jessica, Stephanie Moore, l'ha accompagnata a quasi tutti gli appuntamenti.
Stephanie, la piccola, finiva spesso sotto il suo amico addormentato sul sedile posteriore durante i viaggi. "Era sempre così", dice Stephanie, sollevando prove fotografiche.
Morristown è un pittoresco paesaggio americano nell'angolo nord-orientale del Tennessee, dove le cime delle montagne danzano con le nuvole e dove le bandiere degli Stati Uniti e del Tennessee volano sui pali del telefono lungo la Main Street.
Luoghi come la sala da tè Elegance senza tempo occupano spazio vicino al centro di Jersey Girl Diner. A pochi passi, il negozio di pistole Village Gunsmith fissa un angolo. Un'insegna posta lungo una strada di campagna pubblicizza "Angus bull in vendita".
È stata una gioventù piacevole. "Abbiamo fatto tutto insieme", afferma Stephanie.

Aggiunge Jessica, "Abbiamo avuto davvero un'infanzia fantastica."
Ma le loro vite hanno percorso strade diverse. Quando Jessica è stata 14, suo padre è morto, mandandola a spirale. Ha iniziato a frequentare gli utenti di meth 30. Senza nemmeno rendersene conto, aveva iniziato una dipendenza.
Stephanie ricorda di aver visitato la casa di Jessica, osservandola zoomare intorno alla casa con un aspirapolvere, sudare una tempesta, scappare via dalla sua mente. Stephanie ha aperto uno dei kit per il trucco di Jessica e ha trovato una pipa meth.
Nella capitale americana della morte per droga: come l'eroina sta sfregiando la prossima generazione
Nella capitale americana della morte per droga: come l'eroina sta spaventando la prossima generazione
"È allora che ho capito che probabilmente non siamo sulla stessa strada", ricorda Stephanie.
Sono andati alla deriva a scuola. Jessica divenne irriconoscibile. Era manipolatrice, astuta, ingannevole. Ha allontanato tutti quelli che l'amavano.
Sua madre era sempre stata la sua roccia. Ma Jessica ha distrutto quella relazione. Ha avuto una gravidanza non pianificata quando era 20. Sua madre ha essenzialmente cresciuto il ragazzo. Per 22, la relazione di Jessica con sua madre "era sparita".
"Era così spaventata che avrebbe ricevuto quella telefonata", dice Jessica, piangendo.
La sua dipendenza da meth era cresciuta. Prenderebbe qualsiasi cosa su cui possa mettere le mani.
Jessica e Stephanie sono amici da anni 21. Sperano che le droghe non possano mai più ostacolare la loro amicizia.
Jessica e Stephanie sono amici da anni 21. Sperano che le droghe non possano mai più ostacolare la loro amicizia.
Tre anni fa, ha subito un intervento chirurgico alla schiena e si è appassionata di oppioidi a velocità di curvatura. Passava le pillole di prescrizione per un mese in una settimana e si affrettava a nutrire le sue abitudini per il resto del mese. Non riusciva a trattenere un lavoro.
"Non potevo fare altro che essere espulso, praticamente", dice. "Ti afferra e ti perde di vista la realtà - e prima che tu lo sappia, è troppo tardi."
Gli oppiacei hanno fornito un picco come non aveva mai provato. Come molti che si appassionano agli antidolorifici, alla fine si è laureata in eroina, overdose due volte.
“Non ero solo io. Potresti guardarmi e vedere che non ero lì ", dice. “Mi hanno portato via la vita. Mi hanno portato via l'anima. "
È finita senza tetto e, ad un certo punto, è stata violentata. "È stato semplicemente orribile", piange.
Jessica ha lavorato per riparare il suo rapporto con sua madre - qualcosa che “mi manca da quando avevo 16 anni.” Sua madre è favorevole alla gravidanza e dice che è eccitata per la nascita di sua nipote. "È la mia n. 1", dice Jessica.
Jessica ha ripristinato la sua relazione con suo figlio. Indossa una collana che le ha dato; su di esso è appeso un segno di infinito e la parola "mamma".
“L'ho messo così tanto, così tanto. Mia madre ha praticamente dovuto allevarlo perché non potevo fare un passo avanti. "
Spera che non accadrà mai con sua figlia.
Durante una delle prove calcistiche di suo figlio, l'estate scorsa, ha incontrato Stephanie. Si sono resi conto di quanto si sono persi. La loro vecchia amicizia è stata riaccesa.
Jessica era nel giardino di Stephanie quando ha saputo di essere incinta. Jessica pianse, pensando che non avrebbe potuto prendersi cura del bambino. Stephanie, che ha un figlio della stessa età di Jessica, la rassicurò che la bambina sarebbe stata la sua più grande benedizione.
Stephanie ha accompagnato Jessica alla prima ecografia. Quando i due hanno sentito il battito del cuore, hanno saputo che non potevano abbandonare la gravidanza. Lei e Stephanie avrebbero viaggiato insieme. "Vedo anche questo bambino come mio", dice Stephanie.
Jessica dice che la sua dipendenza ha distrutto le sue relazioni più intime. Ha lavorato per riparare la sua amicizia con sua madre. "Per così tanto tempo non l'ho avuta, quindi mi sentivo come se non avessi nessuno".
Jessica dice che la sua dipendenza ha distrutto le sue relazioni più strette. Ha lavorato per riparare la sua amicizia con sua madre. "Per così tanto tempo, non l'ho avuta, quindi mi è sembrato di non avere nessuno."
Stephanie afferma che il lavoro di Towers è stato trasformativo: "Ho la mia migliore amica e vorrei solo tenerla".
I due hanno tatuaggi in piedi non molto tempo dopo che Jessica ha iniziato il suo viaggio per pulirsi. Le loro scelte rivelano lo yin e lo yang della loro amicizia.
"Mi tieni al sicuro", dice il tatuaggio di Stephanie.
E Jessica: "Mi mantieni selvaggio."
"Devi volerlo anche tu"
Jessica si siede in un piccolo ufficio con Katz per parlare a cuore aperto.
L'infermiera rimane in contatto quasi costante con le donne 80 nell'unità ad alto rischio. Loro mandano messaggi, e-mail e parlano al telefono cellulare a tutte le ore.
"Non li giudicheremo per il loro passato", afferma.
Katz racconta a ogni donna di suo fratello, morto a 2009 per overdose di metadone e altre droghe. Si è lasciato alle spalle un ragazzo di 18 di un mese. Il dolore di quel ricordo porta ancora lacrime otto anni dopo. Ha promesso al suo giovane nipote che qualcosa di buono sarebbe venuto dalla morte di suo padre.
Emily Katz ha dimostrato di essere la chiave per mantenere le donne in carreggiata durante la disintossicazione. I tassi di ricaduta sono precipitati da quando è entrata nell'ufficio di Towers.
Emily Katz ha dimostrato di essere la chiave per tenere le donne in pista durante la disintossicazione. I tassi di ricaduta sono precipitati da quando è entrata nell'ufficio delle Torri.
Quando ha sentito che Towers aveva bisogno di aiuto, sapeva che aveva un nuovo scopo nella vita.
"Tratto ognuna di queste ragazze come se fossero mia sorella, come se fossero la mia migliore amica, come se fossero mia figlia", dice, "perché abbiamo un denominatore comune.
“Ogni giorno, questa è la mia passione che mi siedo davanti a queste ragazze. Condivido la mia testimonianza e loro condividono la loro. Quella relazione costruisce la fiducia più della semplice infermiera per paziente. È più di questo. "
Jessica confida di aver preso 2 milligrammi di Subutex il giorno prima. "Vorrei che non mi sarei nemmeno rotto ieri, ma non ci sono riuscito", dice.
Katz la guarda negli occhi. "Lo so, è difficile", dice.
Oppioidi: antidolorifici avvincenti
Foto: oppioidi: antidolorifici avvincenti
Il ragazzo di Jessica è stato il guardiano delle sue pillole Subutex. Katz suggerisce di somministrare il farmaco a Stephanie in modo che possa intervenire quando Jessica inizia a scivolare e chiedere alla sua amica, "Cosa sta succedendo?"
"Questo ti dà anche un po 'più di supporto - per assicurarti che quella persona capisca cosa stai attraversando, che stai cercando di diminuire e che stai cercando di non usare", dice Katz.
Durante quei punti bassi, dice, scrivi in ​​un diario sul perché lo stai facendo. Mantieni tua figlia nei tuoi pensieri in ogni momento.
“Stai andando alla grande. Voglio dire, siamo così orgogliosi di te. Lo siamo davvero ”, afferma Katz. "Potrei volerlo tutto il giorno per te, ragazza, ma devi volerlo anche tu."
Nel segno di quanto vuole essere libera dalle prese della dipendenza, Jessica dice che spera che gli antidolorifici non oppioidi vengano usati per il suo cesareo. Preferirebbe il dolore alla ricaduta.
Prepararsi per la nascita
L'eccitazione trabocca nella stanza del lavoro e del parto. È giovedì, aprile 20. Il giorno è finalmente arrivato. Ad accompagnare Jessica ci sono sua madre, Kathy Hill; Il ragazzo di Jessica 31, Jason Smith; e Stephanie.
Jessica è stata completamente disintossicata per i giorni 17.
Jessica è circondata da amici, familiari e personale ospedaliero poco prima del suo C-section ad aprile 20.
Jessica è circondata da amici, familiari e personale ospedaliero poco prima del suo C-section ad aprile 20.
Stephanie intreccia i capelli di Jessica per passare il tempo. Dicono all'infermiera di essere stata amica per più di 20 anni, con alti e bassi. "Ora va bene", dice Jessica.
Sperava di evitare un taglio cesareo, ma alla fine una nascita vaginale non era un'opzione. Il taglio cesareo è stato pianificato per poco dopo mezzogiorno. Jessica non può contenere la sua vertigine. "Ho immaginato come potrebbe essere", dice.
"Io sono nervoso. Sono solo pronto a vederla ”, dice Jessica. “È stato difficile, ma è probabilmente una delle cose migliori che abbia fatto. Di sicuro."
C'è una confusione nella stanza. Jessica discute di sua madre: su quale squadra di calcio dovrebbe giocare suo figlio?
Ci sono anche molte scartoffie da firmare.
Katz salta nella stanza. Jessica la saluta scherzando: “Dov'è il dottor Towers? Stavo per urlargli contro se non ti avesse lasciato venire. ”
I due ridono. La sera prima non stavano ridendo. Consumato da un travolgente senso di imminente maternità, Jessica impazzì. Chiamò Katz da un telefono diverso dal solito. Katz era a cena e lasciò suonare perché non riconosceva il numero. Immediatamente, un messaggio fece un rumore metallico al telefono di Katz: “Questa è Jessica. Chiamami."
Sapendo che uno stato fragile può portare alla ricaduta, Katz ha fermato quello che stava facendo. "Non posso farlo", le disse Jessica. "Non sono pronto."
Katz parlò gentilmente e la discusse. Disse a Jessica che era pronta e che poteva farlo. Era principalmente una paura dell'ignoto - una futura mamma in attesa che aveva bisogno di qualcuno con cui parlare in quel momento.
Dice Katz: "Le ho detto, 'Non hai intenzione di tornare indietro ora.' ”
Un flusso di infermieri e professionisti medici va e viene nella stanza di Jessica. Aveva sperato che sia Stephanie che il suo ragazzo potessero essere entrambi in sala operatoria per la consegna. Ma Towers dà la cattiva notizia: deve sceglierne solo una. "Ci ho provato, ma non c'è abbastanza spazio", le dice. "Puoi essere arrabbiato con me."
La incoraggia a scegliere la persona più favorevole. Sorridendo, Jessica dice: "Se litigano troppo, mia madre se ne andrà."
Jessica sceglie il suo fidanzato, Jason Smith, per essere nella sala parto, ma lei gli insegna a non svenire durante la nascita.
Jessica sceglie il suo fidanzato, Jason Smith, per essere nella sala parto, ma lei gli insegna a non svenire durante la nascita.
Alla fine lei sceglie il suo ragazzo, dicendo che non può negargli il diritto di vedere il momento in cui sua figlia è nata. Presto papà sarà una palla di nervi. Deve lasciare la stanza quando viene inserita la sua flebo; come gestirà quando la sua pancia sarà aperta?
"È meglio non svenire", avverte Jessica.
L'infermiera gli dice che un drappo bloccherà la vista. "Basta sedersi lì e guardarla, non a sinistra o a destra", consiglia.
Annuisce, si arrampica nel letto di Jessica e la bacia. Mamma e Stephanie si affollano intorno e viene scattato un selfie finale.
A 12: 44 pm, Jessica apprende che è ora.
"Ci vediamo tra un minuto", dice Towers. "Farai del bene."
Sua madre dice "Hai capito, tesoro."
"Buona fortuna", aggiunge Stephanie.
Jessica viene portata in sala operatoria lungo il corridoio. Su una lavagna bianca c'è un messaggio che indica l'obiettivo di oggi: "Mamma e bambino sani!"
Benvenuto, Jayda Jewel
Le torri camminano fuori dalla sala operatoria, vestite con scrub blu e un berretto chirurgico. Si toglie la fede nuziale e la lega attorno al laccio sui pantaloni. Si mette la maschera chirurgica sul viso in modo che gli occhiali non si appannino.
All'interno, a Jessica è stato dato un colpetto spinale per intorpidire il dolore. Le tende chirurgiche coprono il corpo di Jessica e la stanza è piena di caos organizzato.
L'infermiera Kirby Ginn spinge Jessica verso la sala operatoria.
L'infermiera Kirby Ginn spinge Jessica verso la sala operatoria.
Katz si ferma fuori dalla stanza. Prega Dio di essere con Towers e di dare a Jessica la forza per superare l'operazione e per far nascere il bambino sano. Quindi si dirige nella stanza.
"Stai andando alla grande, Jessica", afferma la dott.ssa Kim Fortner, un membro del team medico. “Siamo tutti qui. È quasi finita, ok?
Un'espressione di dolore lancinante si diffonde sul viso di Jessica.
"Pensa alle sue dolci guance, Jessica", dice l'infermiera Kirby Ginn.
Qualche istante dopo, a 1: 32 pm, emerge una bellissima bambina con le guance paffute e una chiazza di capelli marroni. Jayda Jewel Hill emette due forti urla.
Towers e il suo team la puliscono velocemente e la avvolgono in una coperta adornata con orsetti di peluche. Pesa a 6 sterline e allunga 17 pollici.
“Sei pronto a vederla?” Chiede l'infermiera.
"Sì, signora", risponde Jessica.
Sua figlia è posta sul suo petto. Jessica la culla con entrambe le mani, la sua mano destra le dà una pacca sulla schiena.
"Oh," dice Jessica.
"Sta benissimo", dice Towers.
Il bambino tossisce un paio di volte, preoccupando Jessica.
"Perché sta tossendo così?" Dice.
Jayda Jewel Hill è nata a 1: 32 pm April 20. È nata con un liquido nei polmoni, che le ha richiesto di essere monitorato per gran parte della serata nell'unità di terapia intensiva neonatale.
Jayda Jewel Hill è nata a 1: 32 pm April 20. È nata con un liquido nei polmoni, che le ha richiesto di essere monitorato per gran parte della serata nell'unità di terapia intensiva neonatale.
Preso nel momento, il padre sembra mancare la domanda, chiedendo a un'infermiera di fargli una foto con sua figlia.
Stringe il neonato fasciato e si appoggia accanto al viso di Jessica, la stanza del parto nell'era dei social media. “Ciao, un po 'stupendo. Ciao, bellissima. Guarda, c'è tua mamma », dice il padre allegro.
Il bambino tossisce ancora qualche volta. “Sta bene?” Chiede Jessica.
Towers spiega che il bambino ha succhiato il liquido amniotico durante l'intervento chirurgico. Il fluido verrà rimosso dai suoi polmoni; non è nulla di cui preoccuparsi, le assicura.
Katz si sporge e tiene la mano destra di Jessica. Le dice di rimanere forte, che sua figlia è sana. Le dice che il bambino verrà portato via per essere osservato nell'unità di terapia intensiva neonatale.
Poco prima di ricucire Jessica, Towers usa un farmaco non oppiaceo simile alla novocaina per attenuare il dolore per le ore 24. Jessica riceve anche Tylenol IV e un farmaco antinfiammatorio, Toradol.
"Spera di non aver bisogno di pillole per il dolore", dice. “È un intervento chirurgico importante. Il tuo addome è aperto, quindi fa male. "
Qualsiasi cosa per evitare la ricaduta.
Bucking the trend
Meno di 24 ore dopo la nascita, più di medici 150, infermieri e altri funzionari sanitari di tutto il Tennessee orientale si riuniscono in un auditorium presso il centro medico UT.
Sul palco, Towers passa attraverso una presentazione di disturbo da uso di oppioidi in gravidanza. Svolge le statistiche del CDC: da 2000 a 2015, più di mezzo milione di persone sono morte per overdose di droga, comprese le persone 183,000 per oppioidi da prescrizione. "Sfortunatamente, stiamo solo peggiorando", dice.
Nel Tennessee, osserva, tre persone muoiono ogni giorno per overdose. Parla delle sue scoperte, delle donne che si sono disintossicate nel suo programma. "Stiamo contrastando la tendenza", afferma Towers.
Come da tradizione, le impronte del neonato sono state impresse poco dopo la nascita. Jayda Jewel pesava 6 libbre e allungava 17 pollici.
Come è tradizione, le impronte del neonato sono state stampate poco dopo la nascita. Jayda Jewel pesava in chili di 6 e allungava i pollici di 17.
"Sono appassionato perché credo solo che sia il modo giusto di fare medicina", dice. “Non sempre ci riusciamo. Non conosco nessuno che riesca continuamente quando ha a che fare con la dipendenza. Ma la mia passione proviene da quelle che abbiamo consegnato che non hanno (ritiro) e dallo sguardo negli occhi della madre quando dicono: "Mi hai salvato la vita".
"Non credo che tu possa ottenere una risposta migliore da un paziente."
Poco dopo il discorso, prende un ascensore per il terzo piano e visita Jessica e il suo bambino. Jessica sfoggia una maglietta rosa che dice "Non voglio essere qui".
"Vogliamo essere a casa", dice.
Jayda Jewel, soprannominata JJ, sembra la bambina perfetta, con grandi occhi, contenta tra le braccia di sua madre. Non mostra segni di astinenza, anche se i sintomi possono richiedere un paio di giorni per apparire.
Jessica abbraccia il dottore. "Non avrei potuto farlo senza di te ed Emily", dice.
Fuori dalla presenza delle Torri, Stephanie ripete quel sentimento, dicendo a Jessica: "Sei così fortunato che l'hai preso."
"Se non fosse per questo bambino, potresti non essere mai uscito da Subutex."
Nel corso dei prossimi giorni, Jayda Jewel non mostra segni di ritiro, ma il dolore di Jessica si intensifica. Le hanno dato tre pillole Vicodin, un antidolorifico oppioide. Il tipico paziente con taglio cesareo riceve 10, afferma Towers.
Jessica aveva sperato di ricevere un bloccante degli oppioidi chiamato Vivitrol, che può resistere all'impulso di usare fino a un mese. Ma per ottenerlo, il suo sistema deve essere libero dagli oppioidi per sette giorni. Towers si aspetta di poterle dare la medicina nel suo appuntamento di follow-up. "Si è sentita male per questo", dice.
La porta della stanza di recupero di Jessica celebra la vita della sua nuova figlia. Jayda Jewel, soprannominata JJ, non ha sofferto di astinenza.
La porta della sala di risveglio di Jessica celebra la vita della sua nuova figlia. Jayda Jewel, soprannominato JJ, non ha subito il ritiro.
Ma comunque, ci riuscì. Il suo bambino è nato sano.
Quattro giorni dopo la nascita, Jessica mette in cintura Jayda Jewel in un seggiolino auto nella sua stanza d'ospedale e poi si arrampica su una sedia a rotelle per essere scortato fuori dalla struttura. Mamma e figlia scendono dall'ascensore e dalla porta principale.
Partecipa alla conversazione
Guarda le ultime notizie e condividi i tuoi commenti con CNN Health su Facebook e Twitter.

Towers e Katz li incontrano alla loro auto. Jessica mette il suo bambino dentro e si gira verso di loro.
"Ce l'abbiamo fatta", dice Jessica, avvolgendo le braccia attorno alla sua "Infermiera Barbie". "Ti amo."
"Anche io ti amo", risponde Katz.
Poi Jessica abbraccia di nuovo Towers.
L'auto scompare presto dietro l'angolo, sull'autostrada e via verso la loro città natale. Insieme, madre e figlia iniziano nuove vite

Post Recenti

Tecnologia di screening negli squilibri intestinali

Il nostro tratto gastrointestinale ospita più di 1000 specie di batteri che lavorano in simbiosi con noi ... Leggi di più

25 Novembre 2020

Neuro-diagnostica

Abbiamo parlato della neuroinfiammazione e delle sue cause e di come gli effetti della neuroinfiammazione influiscono sul nostro ... Leggi di più

25 Novembre 2020

La scienza della neuroinfiammazione

Cos'è la neuroinfiammazione? La neuroinfiammazione è una risposta infiammatoria che coinvolge le cellule cerebrali come i neuroni ... Leggi di più

24 Novembre 2020

Gestione nutrizionale: reazioni avverse al cibo

Come paziente, andrai (e devi) vedere un medico se mai ti presenti ... Leggi di più

20 Novembre 2020

Rottura del tessuto cicatriziale con chiropratica, mobilità e flessibilità ripristinate

Il tessuto cicatriziale se non trattato / non gestito potrebbe portare a problemi di mobilità e dolore cronico. Individui che ... Leggi di più

20 Novembre 2020

Diabesità

    La diabete è un termine che lega il diabete di tipo II e l'obesità. È questo… Leggi di più

20 Novembre 2020

Specialista in lesioni, traumi e riabilitazione spinale

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘