L'esercizio di resistenza può aiutare a evitare il cuore, i rischi di diabete - El Paso, TX Doctor of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

L'esercizio di resistenza può aiutare a sconfiggere il cuore, i rischi del diabete

Gli adolescenti di mezza età che fanno addirittura una piccola quantità di esercitazione costante di addestramento di forza possono ridurre il loro rischio di sindrome metabolica cosiddetta - è un fattore di rischio sia per le malattie cardiache che per il diabete, suggerisce un recente studio.

Si dice che abbiano almeno tre statistiche di salute sfavorevoli da un elenco che include grandi dimensioni della vita, alta pressione sanguigna o trigliceridi, elevato livello di zucchero nel sangue o un basso livello di "buon" colesterolo e hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete , malattie cardiache o entrambe.

Ma i ricercatori hanno scoperto che quando persone generalmente sane hanno fatto esercizi di forza-building per meno di un'ora alla settimana avevano probabilità inferiori di 29 di sviluppare sindrome metabolica rispetto ai loro coetanei che non hanno fatto esercizio di resistenza.

"Hai già benefici per la salute anche con un basso esercizio di resistenza alla settimana, che è una buona notizia per le persone con uno stile di vita molto affollato", ha dichiarato l'autore principale Esmee Bakker del Radboud University Medical Center di Nijmegen, Paesi Bassi.

Circa un terzo degli adulti statunitensi ha una sindrome metabolica, gli autori scrivono Mayo Clinic Proceedings. Anche se studi precedenti hanno riportato come l'esercizio aerobico, come l'esecuzione, il camminare e il nuoto, riducono la sindrome metabolica, pochi studi hanno esaminato solo l'esercizio di resistenza.

Le linee guida di attività fisica del governo statunitense per gli americani suggeriscono che gli adulti dovrebbero fare "attività di rafforzamento muscolare che sono moderate o ad alta intensità e coinvolgono tutti i gruppi muscolari più importanti su 2 o più giorni alla settimana" e l'esercizio aerobico 150 o più minuti ogni settimana.

"Una modesta quantità di esercizi di resistenza, come due sessioni 30 a settimana, hanno effetti positivi", ha detto Bakker a Reuters Health via email. "Pensiamo che l'esercizio di resistenza, oltre all'esercizio aerobico, debba essere incluso nelle raccomandazioni mediche standard per prevenire la sindrome metabolica".

Bakker e colleghi hanno analizzato i dati su più persone 7,400 che hanno partecipato a esami medici presso la Cooper Clinic di Dallas, Texas, tra 1987 e 2006. Sono andati in età da metà 30s a mid-50s al momento dei loro esami.

Il gruppo di ricerca ha scoperto che i partecipanti di 1,147, o 15 per cento, avevano sviluppato una sindrome metabolica durante il periodo di follow-up. L'incontro con l'orientamento dell'esercizio di resistenza di due o più giorni alla settimana ha ridotto il rischio di sindrome metabolica da 17 per cento in generale, rispetto a non fare esercizio di resistenza. Coloro che hanno incontrato entrambe le linee guida aerobica e di resistenza ha avuto un rischio percentuale di 25 inferiore a sviluppare la sindrome metabolica.

"Questo risultato era indipendente da altri comportamenti sani, come ad esempio non fumare", ha detto Bakker. "Inoltre ha fatto poca differenza se la gente ha fatto resistenza esercitare solo nei fine settimana o diffuso per tutta la settimana".

Bakker e colleghi intendono studiare l'effetto della formazione di resistenza su altri risultati di salute, come i benefici per la salute del cuore di un programma di formazione di esercizi di resistenza di un anno. Vogliono anche esaminare gli effetti a lungo termine di diversi tipi e intensità di addestramento di forza sulla sindrome metabolica.

"Il vero passo successivo consiste nel vedere come facciamo le persone ad esercitare", ha dichiarato Paul Thompson dell'Università di Connecticut a Hartford, che non era coinvolto nello studio.

"Possiamo parlare della giusta dose e intensità, ma è chiaro che nella maggior parte degli studi, fare qualcosa è migliore di niente", ha detto a Reuters Health per telefono. "La maggior parte delle persone non fa nulla, e la chiave è farle fare qualcosa".

Una limitazione dello studio è che si basa su dati di rilevazione auto-segnalati, che potrebbero bias i risultati. Thompson avverte inoltre che alcuni pazienti della clinica di Dallas sono relativamente più ricchi del resto del paese, per cui i risultati potrebbero non essere più in generale.

"La crescente circonferenza americana ha aumentato la sindrome metabolica, che porta alla resistenza all'insulina e rende più difficile lavorare l'insulina", ha osservato.

Thompson sta studiando come l'esercizio colpisce persone che hanno una tendenza verso la sindrome metabolica e i modi in cui possono lavorare contro una disposizione genetica verso il diabete e l'ipertensione, ad esempio.

"Tutti dovrebbero avere qualche esercizio", ha detto. "Gioca con il cane o le nipote, faccia il giardino o vai a fare una passeggiata. Basta fare qualcosa per 30 minuti ogni giorno ".