Anatomia rilevante della fasciite plantare, dolore al tallone

Condividi

La fasciite plantare è una comune afflizione che colpisce molti atleti, in particolare corridori. Adam Smith ha scritto un grande pezzo nel numero di settembre di Bollettino d'Infortunio Sportivo descrivendo l'anatomia rilevante, come si verifica la lesione, come distinguersi da altre patologie simili, come l'irritazione neurale nel tunnel tarsale e, infine, come gestirla.

Parlando dall'esperienza come un ex malato di fasciite plantare, può essere una condizione frustrante recalcitrante e ho sentito parlare di alcune misure estreme per gestirlo. Leggere su una storia sulle misure drastiche che un giocatore AFL ha preso per superare il problema e per capire di più la condizione.

Molti anni fa un giocatore AFL a livello elitario aveva subito una storia 2 di fasciite plantare senza alcun sollievo da alcuna forma di trattamento. Alla fine il medico sportivo presso il club coinvolse iniettato l'origine fascia plantare con un'iniezione corticosteroide il giorno prima di un gioco.

La speranza era che quando la fascia plantare si indebolì a causa dell'iniezione di steroidi, il giocatore lo avrebbe rottura, passava attraverso il protocollo di riabilitazione settimanale e quindi sarebbe più doloroso per sempre.

E sì, il giocatore ha rottura la fascia plantare durante il gioco ed è stato quindi posizionato in un boot per circa 10 giorni. Presto stava camminando, poi correndo e stava riprendendo in quattro settimane senza più problemi. Il podiatrist ha fatto un'ortica per controllare l'arco caduto e tutti i problemi sono andati via.

Quello che è successo a quel giocatore ora è indovinato da chiunque. Egli può ora soffrire di problemi a lungo termine a causa di un arco scarsamente controllato che ha causato altri problemi come tendine di Achille, dolore al ginocchio e / o dolore all'anca.

Quindi abbiamo davvero bisogno della fascia plantare e perché è un problema di questo quando si è ferito?

Essendo bipedali (a piedi su due zampe), la fascia plantare dà il supporto naturale dell'arcitura plantare in posizioni di peso. Si tratta di una struttura passiva che agisce come un filo ad alta tensione per mantenere le ossa arcuate supinate mentre ci spingiamo.

Senza una fascia plantare in atto, avremmo bisogno di un sistema più efficace per creare il supporto dell'arco, come i muscoli arborei intrinseci, e anche i muscoli estrinseci di sostegno arco lungo come il posteriore del tibiale, l'alluccio longitudinale flexor (FHL) e il flexor digitorum longus (FDL). Questi muscoli avrebbero bisogno di un lavoro extra per migliorare le proprie capacità di controllo dell'arco. In alternativa, potremmo utilizzare un meccanismo di supporto passivo sotto forma di ortotica per controllare la posizione dell'arco.

La maggior parte dei problemi di fascia plantare nasce da un accumulo di forze di trazione e compressione che degenerano l'origine fascia plantare contro l'osso del tallone. La combinazione della forza di trazione a causa della sovrapronazione e della forza compressiva aggiunta come la fascia plantare viene spinta contro l'osso del tallone porta ad uno stato patologico in cui la fascia plantare degenera e crea disfunzioni e dolori.

Pertanto come altri problemi di tendine degenerative (come i tendini dell'Achilles) una volta che il paziente inizia a sentire il dolore spesso la ferita è in fase di costruzione da mesi a anni. Ciò spiega perché diventa così problematico affrontare.

Una corretta gestione richiede tempo per non solo correggere gli squilibri muscolari che lo causano - come i vitelli stretti, il controllo dell'ipo povero, il controllo della pronazione povera - ma a causa della sua natura degenerativa richiede una quantità enorme di tempo per addirittura leggermente modificare la patologia esistente.

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900 .

Argomenti supplementari: Che cosa è Chiropratica?

La cura chiropratica è una ben nota opzione di trattamento alternativa utilizzata per prevenire, diagnosticare e trattare una serie di lesioni e condizioni associate alla colonna vertebrale, principalmente subluxazioni o disallineamenti spinali. Chiropratica si concentra sul ripristino e mantenimento della salute e del benessere complessivo dei sistemi muscolo-scheletrici e nervosi. Attraverso l'uso di regolazioni spinali e manipolazioni manuali, un chiropratico o un medico di chiropratica può re-allineare con cura la colonna vertebrale, migliorando la resistenza, la mobilità e la flessibilità del paziente.

.video-containerposition: relativo; imbottitura-fondo: 63%; padding-top: 35px; altezza: 0; overflow: hidden; iframeposition di .video-container: absolute; top: 0; a sinistra: 0; larghezza: 100%; altezza: 100%; confine: nessuno; max-width: 100%;

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Nuovo centro fitness PUSH 24 / 7®</s>

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘