Categorie: DieteFitness

L'esercizio regolare può rallentare la progressione dei Parkinson

Condividi

La malattia di Parkinson può causare tremori, rigidità e problemi nel camminare. Ma un nuovo studio suggerisce che l'esercizio fisico regolare può rallentare la progressione della malattia.

Anche quelli con Parkinson avanzato possono trarre beneficio dall'attività, hanno detto gli autori dello studio.

La ricerca comprendeva più di 3,400 pazienti in Nord America, Paesi Bassi e Israele che sono stati seguiti per più di due anni. Durante questo periodo, i cambiamenti relativi alla mobilità del Parkinson sono stati valutati con il tempo di quanto tempo ci sono voluti i pazienti a salire da una sedia, a piedi circa i piedi 10, a girare e tornare in posizione seduta.

I risultati sono stati pubblicati online recentemente in Journal of Parkinson's Disease.

"Abbiamo scoperto che le persone con malattia di Parkinson che hanno mantenuto gli esercizi 150 minuti a settimana hanno registrato un calo minore della qualità della vita e della mobilità in due anni rispetto a quelli che non hanno esercitato o esercitato meno", ha dichiarato Miriam Rafferty, dell'Università Northwestern Istituto di Riabilitazione di Chicago.

"Il declino più piccolo è stato significativo per le persone che hanno iniziato lo studio come esercitatori regolari, così come per le persone che hanno iniziato a esercitare 150 minuti alla settimana dopo la loro prima visita legata allo studio", ha detto in un comunicato stampa.

Lo studio non ha esaminato quali specifici esercizi potrebbero essere migliori per le persone con malattia di Parkinson. Ma i risultati suggeriscono che almeno 150 minuti a settimana di qualsiasi tipo di esercizio offre vantaggi.

"Le persone con malattia di Parkinson dovrebbero sentirsi autorizzate a trovare il tipo di esercizio fisico, anche quelli con sintomi più avanzati", ha aggiunto Rafferty.

Lo studio ha anche scoperto che le persone con una malattia di Parkinson più avanzata hanno visto il maggior beneficio degli aumenti 30-minuti-a-settimana dell'esercizio fisico. Questo risultato potrebbe rivelarsi importante per rendere l'esercizio più accessibile a queste persone. Attualmente, la loro maggiore disabilità può limitare la loro partecipazione indipendente a programmi di esercitazione di comunità e di gruppo, secondo i ricercatori.

"La parte più importante dello studio è che suggerisce che le persone che non stanno attualmente raggiungendo i livelli di esercizio raccomandati potrebbero iniziare ad esercitare oggi per diminuire i declini della qualità della vita e della mobilità che possono verificarsi con questa malattia progressiva", ha detto Rafferty.

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘