Recettori, vie cerebrali e tratti del midollo spinale | El Paso, TX. | Parte I

Condividi

El Paso, TX. Chiropratico, il dott. Alexander Jimenez discute l'anatomia delle fibre nervose, i recettori, i tratti spinali e le vie cerebrali. Regioni del Sistema nervoso centrale (CNS) coordinare vari processi somatici utilizzando input sensoriali e uscite motorie dei nervi periferici. Aree importanti del sistema nervoso centrale che svolgono un ruolo nei processi somatici sono separate nel tronco cerebrale del midollo spinale. I percorsi sensoriali che trasportano le sensazioni periferiche al cervello sono riferiti a un percorso ascendente, o tratto. Varie modalità sensoriali seguono percorsi specifici attraverso il sistema nervoso centrale. Stimoli somatosensoriali attivare i recettori nel pelle, muscoli, tendini e articolazioni in tutto il corpo. Le vie somatosensoriali sono divise in due sistemi separati basati sulla posizione dei neuroni recettori. Stimoli somatosensoriali da sotto il collo correre lungo i percorsi sensoriali del midollo spinale e gli stimoli somatosensoriali dal testa e collo viaggiare attraverso i nervi cranici.

ANATOMIA DEI RECETTORI, DELLE FIBRE NERVE, DEI TRACCE DEL CAVO SPINALE E DEI PERCORSI DEL BRAINSTEM

TERAPIA DEI RECETTORI E DEI RECETTORI

I NEURONI HANNO BISOGNO DI TRE COSE DA SOPRAVVIVERE!

CONCETTI CHIAVE DI NEUROLOGIA FUNZIONALE

La cellula ha bisogno di tre cose per sopravvivere.

  • Ossigeno, glucosio e stimolazione.
  • Stimolazione = Chiropratica, esercizio fisico, ecc.
  • La stimolazione porta alla crescita neuronale
  • La crescita neuronale porta alla plasticità
  • Le sublussazioni alterano la frequenza di sparo dei neuroni
  • L'attivazione di un lato stimolerà il cervelletto ipsilaterale e la corteccia controlaterale (di solito)
  • Una stimolazione adeguata può ridurre il dolore.

LA CHIROPRATICA È LA TERAPIA BASATA SU RECEPTOR

INTRODUZIONE

  • L'attività e l'output in corso del sistema nervoso centrale sono fortemente influenzati, e talvolta più o meno determinati, dalle informazioni sensoriali in entrata.
  • La base di questa informazione sensoriale in arrivo è una serie di recettori sensoriali, cellule che rilevano vari stimoli e producono potenziali di recettori in risposta, spesso con sorprendente efficacia.

  • La salute del neurone, tuttavia, gioca un ruolo enorme nel modo in cui i neuroni possono produrre potenziali recettori, la resistenza del neurone e la capacità di creare plasticità.
  • "I neuroni che sparano insieme, legano insieme". Teoria di Hebbian

TIPI DI RECETTORI

  • chemocettori
  • Odore, gusto, interocettori
  • termorecettori
  • Temperatura
  • meccanorecettori
  • Recettori cutanei per contatto, uditivo, vestibolare, propriocettori
  • nocicettori
  • Dolore

PARTI DEI RECETTORI

Sebbene le loro morfologie siano molto variabili, tutti i recettori hanno tre parti generali:

1. Area Ricettiva
2. Area ricca di mitocondri

  • La salute dei neuroni all'interno dei recettori determinerà la sua risposta alla stimolazione

3. Area sinaptica per passare messaggi al CNS

CAMPI RICETTIVI

  • Queste sono aree particolari nella periferia in cui l'applicazione di uno stimolo adeguato causa la risposta dei recettori.
  • I neuroni nei livelli successivi di percorsi sensoriali (neuroni di secondo ordine, neuroni talamici e corticali) hanno anche campi recettivi, sebbene possano essere considerevolmente più elaborati di quelli dei recettori.

TRASDUZIONE

I recettori sensoriali usano meccanismi ionotropici e metabotropici per produrre potenziali recettori

  • I recettori sensoriali trasducono alcuni stimoli fisici in un segnale elettrico - un potenziale recettore - che il sistema nervoso può comprendere.
  • I recettori sensoriali sono simili alle membrane postsinaptiche poiché i loro stimoli adeguati sono analoghi ai neurotrasmettitori.

IL DIAMETRO DI UNA FIBRA NERVE È CORRELATO CON LA SUA FUNZIONE

GRANDE = PIÙ VELOCE

Le fibre più grandi conducono i potenziali di azione più velocemente rispetto alle fibre più piccole.

  • Le fibre Aα sono le fibre mielinizzate più grandi e più rapidamente conduttive.
  • Le fibre conduttive più lente del corpo sono le fibre C

I RECETTORI NEI MUSCOLI ED I GIUNTI RILEVANO LO STATO MUSCOLARE E LA POSIZIONE DELL'ARCO

MANDOLI MUSCOLARI

I fusi muscolari (Fig. 9-14) sono recettori a stiramento lungo e sottile sparsi in quasi tutti i muscoli striati del corpo.

  • Questi fusi muscolari avvertono la lunghezza dei muscoli e la propriocezione (percezione "propria").
  • Sono piuttosto semplici in linea di principio, costituiti da poche piccole fibre muscolari con una capsula che circonda il terzo medio delle fibre.
  • Queste fibre sono chiamate fibre muscolari intrafusali (il fusus è latino per "fuso", così intrafusal significa "all'interno del fuso"), incontrastato rispetto alle normali fibre muscolari extrafusali ("al di fuori del fuso").
  • Le estremità delle fibre intrafusali sono attaccate alle fibre extrafusali, quindi ogni volta che il muscolo viene teso, le fibre intrafusali vengono anche allungate.
  • La regione centrale di ciascuna fibra intrafusale ha pochi miofilamenti ed è non contrattabile, ma ha una o più terminazioni sensoriali ad essa applicate.
  • Quando il muscolo è teso, la parte centrale della fibra intrafusal viene allungata, i canali meccanicamente sensibili sono distorti, il potenziale recettore risultante si diffonde in una zona di trigger vicina, e ad ogni fine sensoriale segue un treno di impulsi.

ORGANI DA TENDONE GOLGI

  • Gli organi tendinei del Golgi sono recettori a forma di fuso trovati al giunzioni tra muscoli e tendini. Sono simili alle terminazioni Ruffini nella loro organizzazione di base, costituita da fasci di collagene intrecciati circondati da una capsula sottile (Fig. 9-16).
  • Le grandi fibre sensoriali entrano nella capsula e si ramificano in processi sottili che vengono inseriti tra i fasci di collagene. La tensione sulla capsula lungo il suo asse lungo schiaccia questi processi sottili e la distorsione risultante li stimola.

  • Se la tensione viene generata in un tendine facendo contrarre il muscolo, gli organi tendinei sono molto più numerosi sensibile e può effettivamente rispondere alla contrazione di poche fibre muscolari.
  • Quindi gli organi tendinei del Golgi controllano in modo specifico la tensione generata dalla contrazione muscolare e entrano in gioco
  • n devono essere fatte regolazioni fini della tensione muscolare (ad es. quando si maneggia un uovo crudo).

  • Quindi la modalità di azione degli organi tendinei del Golgi è molto diversa da quella dei fusi muscolari (Fig. 9-17). Se un muscolo si contrae isometricamente, la tensione è generata attraverso i suoi tendini, e gli organi tendine lo segnalano; tuttavia, i fusi muscolari non segnalano nulla perché la lunghezza del muscolo non è cambiata (assumendo che l'attività dei motoneuroni gamma rimanga invariata).
  • Al contrario, un rilassato muscolo può essere allungato facilmente, e il muscolo spindles fuoco; gli organi tendinei, tuttavia, sperimentano poca tensione e rimangono in silenzio. Un muscolo, in virtù di questi due tipi di recettori, può avere simultaneamente la sua lunghezza e tensione monitorate.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4668288/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23709641

By RYAN CEDERMARK, DC DACNB RN BSN MSN

Post Recenti

Alcuni modi per gestire il mal di schiena cronico durante l'estate

Il mal di schiena cronico non deve rovinare la stagione estiva. L'approccio migliore è ... Leggi di più

Giugno 26, 2020

Bretelle al collo, collari cervicali: tipi di rinforzi spinali

Un individuo potrebbe aver bisogno di indossare un tutore per il collo o un collo cervicale dopo la colonna cervicale ... Leggi di più

Giugno 25, 2020

La meningite spinale può colpire la colonna vertebrale: cosa sapere

La meningite spinale non colpisce solo il cervello. La maggior parte pensa alla meningite come a un cervello ... Leggi di più

Giugno 24, 2020