Reazioni avverse al cibo | El Paso, TX Dottore in chiropratica
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Reazioni avverse al cibo

L'abbiamo già detto, tutti abbiamo reazioni al cibo e ai disturbi del cibo. Le reazioni avverse al cibo erano diventate una delle visite mediche più comuni. In uno studio condotto nel Regno Unito, il 20% della popolazione ha riferito di avere un'intolleranza alimentare e in Germania un terzo della popolazione studiata ha riferito di avere reazioni al cibo. Quando sono state eseguite le prove controllate con placebo, si è scoperto che meno del 2% della popolazione britannica studiata ha provocato intolleranze alimentari. Allo stesso modo, solo il 3.6% nello studio tedesco ha presentato una reazione avversa al cibo. Le informazioni attuali mostrano che le donne sono più comuni alle reazioni avverse al cibo auto-percepite rispetto agli uomini. Potrebbe essere possibile che non sappiamo a cosa reagiscono i nostri corpi? Immergiamoci e scopriamo le reazioni avverse al cibo, i loro sintomi e le differenze.

La classificazione delle reazioni avverse al cibo:

Reazioni avverse non immuni:

Queste reazioni includono l'effetto tossico del cibo quando si deteriora e la reazione metabolica del paziente al cibo o ai medicinali che il suo corpo non è in grado di elaborare.

Reazioni metaboliche:

L'incapacità di metabolizzare o digerire completamente un determinato alimento e quindi reagire negativamente è ciò che conosciamo come intolleranza alimentare. Generalmente, le intolleranze alimentari sono legate a una carenza di enzimi digestivi seguita da un'incapacità di digerire determinati alimenti e comunemente alla quantità di cibo. Tuttavia, l'intolleranza alimentare è spesso confusa dal paziente con un'avversione alimentare, correlata al disagio psicologico causato dal mangiare quel cibo e che provoca sintomi come nausea e vomito.

  • L'intolleranza alimentare è una reazione non minacciosa, non immuno-mediata.
  • I sintomi gastrointestinali più comuni sono:
    • Disagio gastrointestinale, gonfiore.
    • Flatulenza.
    • Diarrea
    • Dolore addominale.
    • Crampi
  • Altri sintomi possono includere:
    • Mal di testa ed emicrania.
    • Problemi muscoloscheletrici.
    • Cambiamenti comportamentali

Intolleranza al lattosio:

Il lattosio è uno zucchero contenuto negli alimenti e nei suoi prodotti; è composto da galattosio e glucosio. Quindi è un disaccaride. Successivamente, quando il lattosio entra nel nostro intestino, l'enzima lattasi separa il lattosio in galattosio e glucosio prima del suo assorbimento. Quando la lattasi diventa non disponibile, il lattosio indigeribile si sposta attraverso l'intestino entrando nell'intestino dove inizia la fermentazione batterica. Questo, portando alla produzione di gas, e il liquido viene attirato nell'intestino con conseguente diarrea osmotica.

La prevalenza dell'intolleranza al lattosio varia tra gli studi, riportando evidenze dal 7% al 20% negli adulti. Si ritiene che i neonati abbiano una quantità funzionale di lattosio, ma questo enzima tende a diminuire dopo lo svezzamento.

Inoltre, la diagnosi di intolleranza al lattosio potrebbe essere effettuata tramite un test di provocazione alimentare. In questo test, il paziente consuma 50 g di una carica di lattosio. Successivamente, i sintomi legati al gonfiore e alla presenza di diarrea osmotica o flatulenza confermano la diagnosi. Allo stesso modo, l'intensità dei sintomi è correlata al tipo di prodotto e alla quantità consumata dal paziente. Inutile dire che l'intolleranza al lattosio è considerata una variante del metabolismo umano piuttosto che una malattia.

Deficit di alcol deidrogenasi:

In breve, la carenza di alcol deidrogenasi causa l'incapacità di metabolizzare l'alcol. Comunemente riscontrato in pazienti di origine asiatica. Vampate e vomito sono i sintomi più comuni di questo tipo di carenza.

G6PD:

La glucosio-6-fosfato deidrogenasi è un enzima metabolico primario; la sua carenza è causata da e da una malattia genetica. Questa carenza porta al danno ossidativo ai globuli rossi a causa dell'emolisi acuta causata dall'ingestione di farmaci o cibo.

Intolleranza al fruttosio:

A differenza del lattosio, il fruttosio viene assorbito per diffusione nel nostro intestino con l'aiuto di un trasportatore GLUT5 e di un co-trasportatore dipendente dal glucosio, GLUT2. Quindi, la diffusione passiva del fruttosio dipende da una grande questione della concentrazione di glucosio. Di conseguenza, con l'intolleranza al lattosio, le molecole rimanenti del fruttosio entrano nell'intestino, dove la fermentazione del colon provoca gas e infiammazione.

Regolarmente, i sintomi gastrointestinali delle carenze enzimatiche sono correlati a quelli presentati dai pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Intolleranze come lattosio, alcol e fruttosio possono essere presentate quando il paziente sperimenta cambiamenti nel proprio microbioma o un'infezione virale. Pertanto, la diagnosi medica potrebbe essere facilmente interpretata male.

Inoltre, in uno studio descrittivo condotto sui bambini, si è concluso che le ragazze sono più consapevoli dei sintomi legati alle reazioni avverse al cibo e tendevano a evitare più cibi rispetto ai loro omologhi maschi. È interessante notare che, quando gli alimenti che inducono sintomi sono stati inclusi nella loro dieta, i sintomi erano raramente correlati a sintomi gravi causati dall'ingestione di tali alimenti. Infine, lo studio supporta l'idea che i bambini con IBS i sintomi e il dolore gastrointestinale auto-percepito hanno maggiori probabilità di avere una qualità della vita ridotta e un disagio psicologico.

In conclusione, come paziente è essenziale essere consapevoli dei propri sintomi e del proprio corpo. È fondamentale conoscere le differenze delle reazioni avverse al cibo; le ultime informazioni ci consentono di avere una migliore qualità della vita e una migliore comprensione di ciò che sta accadendo. Inoltre, come paziente, migliorerà la qualità della diagnosi e del trattamento su prescrizione. Infine, devi sapere che ognuna di queste intolleranze deve essere trattata con un approccio dietetico adeguato. Il eliminazione di uno specifico gruppo di alimenti rischia di causare una carenza nutrizionale.

Chumpitazi, Bruno P., et al. "Le intolleranze alimentari auto-percepite sono comuni e associate alla gravità clinica nella sindrome dell'intestino irritabile infantile". Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics 116.9 (2016): 1458-1464.

Yu, Linda Chia-Hui. "Disfunzione della barriera epiteliale intestinale nell'ipersensibilità alimentare". Giornale di allergia 2012 (2012).

Turnbull, JL, HN Adams e DA Gorard. "La diagnosi e la gestione delle allergie alimentari e delle intolleranze alimentari". Farmacologia alimentare e terapie 41.1 (2015): 3-25.

Cox, Amanda L. e Scott H. Sicherer. "Classificazione delle reazioni avverse al cibo." Giornale di allergia alimentare 2.1 (2020): 3-6.

Storia funzionale online di Medicince
ESAME DI MEDICINA FUNZIONALE ONLINE 24 • 7

Storia in linea
STORIA ONLINE 24 /7
PRENOTA ONLINE 24/7