Condividi

Terapia psicologica, anche conosciuta come psicoterapia, si riferisce all'uso di metodi psicologici per aiutare a cambiare il modo di pensare di un individuo, nonché a migliorare le proprie capacità di coping, al fine di imparare come affrontare al meglio lo stress. Le terapie psicologiche sono state ampiamente utilizzate come parte della gestione multidisciplinare del dolore cronico. Le psicoterapie più comuni comprendono la terapia cognitivo-comportamentale, la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e persino la cura chiropratica. La connessione tra la mente e il corpo in relazione a malattia e malattia è stata a lungo discussa in molti studi di ricerca.

Studi di ricerca basati sull'evidenza hanno dimostrato che una corretta gestione dello stress attraverso l'uso della terapia psicologica e gli interventi di mindfulness possono effettivamente aiutare i pazienti con dolore cronico. A titolo di esempio, la cura chiropratica può contribuire in modo sicuro ed efficace a ridurre stress, ansia e depressione correggendo disallineamenti spinali o sublussazione. Una colonna vertebrale equilibrata può migliorare l'umore e la salute mentale. La cura chiropratica può includere modifiche dello stile di vita, come consigli nutrizionali, attività fisica e raccomandazioni sugli esercizi, e promuovere migliori abitudini del sonno, per migliorare ulteriormente i benefici del trattamento. Lo scopo del seguente articolo è dimostrare come le terapie psicologiche influiscono sulla gestione del dolore cronico.

Terapie psicologiche per la gestione del dolore cronico

Astratto

Il dolore è un fattore di stress complesso che presenta una sfida significativa alla maggior parte degli aspetti del funzionamento e contribuisce a sostanziali costi fisici, psicologici, occupazionali e finanziari, in particolare nella sua forma cronica. Poiché spesso l'intervento medico non può risolvere completamente il dolore, è necessario un approccio gestionale al dolore cronico, compreso l'intervento psicologico. La psicoterapia per il dolore cronico mira principalmente a migliorare il funzionamento fisico, emotivo, sociale e occupazionale piuttosto che concentrarsi sulla risoluzione del dolore stesso. Tuttavia, le terapie psicologiche per il dolore cronico differiscono nella portata, nella durata e negli obiettivi, e quindi mostrano modelli distinti di efficacia del trattamento. Queste terapie si dividono in quattro categorie: terapia operante comportamentale, terapia cognitivo-comportamentale, terapia basata sulla consapevolezza e terapia di accettazione e impegno. L'articolo attuale esplora la distinzione teorica, gli obiettivi terapeutici e l'efficacia di questi approcci, nonché i meccanismi e le differenze individuali che influenzano la risposta al trattamento e la disfunzione e il disagio correlati al dolore. Vengono inoltre discusse le implicazioni per la ricerca futura, la diffusione del trattamento e l'integrazione dei principi psicologici con altre modalità di trattamento.

parole chiave: gestione del dolore, trattamento del dolore multidisciplinare, terapia psicologica

Insight di Dr. Alex Jimenez

La cura chiropratica è un'opzione di trattamento alternativo che utilizza aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali per trattare lesioni e / o condizioni associate al sistema muscolo-scheletrico e nervoso. Il trattamento chiropratico si concentra principalmente sulla salute spinale, tuttavia, poiché la colonna vertebrale è la radice del sistema nervoso, la cura chiropratica può anche essere efficacemente utilizzata per trattare una varietà di problemi di salute mentale. Come chiropratico, mi impegno a concentrarmi sul corpo nel suo complesso, piuttosto che trattare i sintomi di una singola ferita e / o condizione. La verità è che il trattamento chiropratico deve anche affrontare la componente emotiva di ogni problema di salute al fine di fornire sollievo generale. Disturbi psicosomatici, si riferisce a una malattia fisica causata o aggravata da un fattore mentale, come lo stress. La cura chiropratica può essere utilizzata come terapia psicologica, in cui un chiropratico può raccomandare una serie di modifiche dello stile di vita per aiutare a ridurre lo stress, l'ansia e la depressione, insieme alle regolazioni spinali e alle manipolazioni manuali per ridurre i sintomi associati a problemi di salute mentale. Inoltre, la comprensione della connessione tra mente e corpo è essenziale nel trattamento chiropratico verso la salute e il benessere generale.

Introduzione al trattamento non farmacologico del dolore

Il dolore è una funzione biologica essenziale che segnala disturbi o danni nel corpo, previene ulteriori danni attraverso l'uso eccessivo dell'area afflitta e promuove l'omeostasi fisiologica. [1] Sia che si tratti di una guarigione anomala, di un danno fisico aggiuntivo o di un intervento medico fallito, il dolore può diventare cronica. Il dolore cronico non indica più danni all'organismo ed è invece un danno al benessere fisico e psicologico del sofferente. Sfortunatamente, l'intervento medico spesso non può risolvere il dolore cronico, con conseguente aumento della necessità di approcci gestionali al dolore, come l'approccio ad altre condizioni mediche croniche [2] Negli ultimi anni, il modello biopsicosociale ha informato la ricerca e l'intervento sulla psicologia del dolore, in cui fattori fisici, cognitivi, affettivi e interpersonali sono usati per informare il trattamento. [2] Attualmente, gli interventi psicologici per il dolore cronico mirano a una varietà di domini, compreso il funzionamento fisico, l'uso di farmaci antidolorifici, l'umore, i modelli cognitivi e la qualità della vita, mentre i cambiamenti nell'intensità del dolore possono essere secondari. [3] Come tali, gli interventi psicologici per il dolore sono idealmente adatti come trattamenti complementari al trattamento medico. [4] Al fine di articolare le distinte filosofie e gli effetti di ciascun intervento psicologico, è importante prima considera la varietà di modi in cui il dolore influisce sul funzionamento psicologico.

Reazioni psicologiche al dolore

Il dolore ricorrente può contribuire allo sviluppo di cognizioni e comportamenti disadattivi che peggiorano il funzionamento quotidiano, aumentano l'angoscia psichiatrica o prolungano l'esperienza del dolore [5] Gli individui che soffrono di dolore cronico tendono a mostrare una maggiore vulnerabilità a una varietà di condizioni psichiatriche, compresi i disturbi depressivi , [6] disturbi d'ansia, [7] e disturbo da stress post-traumatico [7] Tuttavia, la relazione tra depressione e dolore è probabilmente bidirezionale, in quanto la presenza di un disturbo depressivo maggiore è stata identificata come un fattore di rischio chiave nella transizione da dolore acuto al dolore cronico [8] Inoltre, gli individui con dolore possono soffrire di ansia significativa e sintomatologia depressiva che non raggiunge la gravità di una diagnosi clinica. [9] Inoltre, il dolore cronico influenza negativamente la qualità della vita [10] e contribuisce a livelli più alti di disabilità. [10] Gli individui con dolore cronico sono anche vulnerabili a più alti tassi di obesità, [11] disturbi del sonno, [12] e affaticamento, [13] mostrano maggiori tassi di utilizzo medico, [10] e sono vulnerabili all'uso problematico di farmaci antidolorifici. [14] Date le conseguenze psicologiche negative del dolore cronico, vale la pena di considerare tre meccanismi psicologici correlati all'angoscia correlata al dolore che si sono dimostrati obiettivi adatti per l'intervento: dolore catastrofico, paura del dolore e accettazione del dolore.

Il dolore catastrofico è definito come un insieme mentale cognitivo e affettivo negativo correlato all'esperienza del dolore attesa o effettiva. [15] Il dolore catastrofico è caratterizzato dall'ingrandimento degli effetti negativi del dolore, dalla ruminazione sul dolore e dai sentimenti di impotenza nel far fronte al dolore [ 16] Il dolore catastrofico è stato associato a varie forme di disfunzione, tra cui aumento dei tassi di depressione [17] e ansia, [16] maggiore compromissione funzionale e disabilità dovuta al dolore, [17] e minore qualità della vita complessiva. [18] Individui chi è catastrofico riguardo al proprio dolore riporta livelli inferiori di controllo percepito sul dolore, [19] peggiore funzionamento emotivo e sociale, [20] e risposte più povere all'intervento medico. [21] Il dolore catastrofico contribuisce anche a ridurre il dolore e il funzionamento complessivo, rendendo il dolore catastrofare un obiettivo praticabile per l'intervento psicologico. Affrontare pensieri catastrofici sul dolore migliora il funzionamento fisico e psicologico a breve termine [22] e migliora la probabilità di tornare al lavoro nonostante la presenza di dolore persistente. [23]

La paura correlata al dolore è un altro meccanismo psicologico che ha implicazioni significative per il funzionamento fisico e psicologico nel dolore cronico. La paura correlata al dolore riflette la paura di lesioni o il peggioramento delle proprie condizioni fisiche attraverso attività che possono scatenare il dolore. [24] La paura correlata al dolore è associata ad una maggiore intensità del dolore [25] e maggiore disabilità. [26] La paura correlata al dolore contribuisce alla disabilità promuovendo comportamenti passivi o evitanti del dolore che contribuiscono al decondizionamento fisico e al dolore. [27] Se lasciata senza indirizzo, la paura del dolore può compromettere i guadagni in ambito di riabilitazione fisica. [28] L'evidenza suggerisce che il dolore catastrofico precede la paura correlata al dolore [24] ma entrambi questi meccanismi contribuiscono in modo unico al dolore e alla disabilità fisica. [5,29]

Recentemente, c'è stata una maggiore attenzione al modello di flessibilità psicologica, che estende il modello di paura cronica del dolore cronico e propone di migliorare i risultati del trattamento attraverso l'adozione di atteggiamenti verso il dolore. [30] La flessibilità psicologica è stata definita come una capacità di impegnarsi nel momento presente in un modo che permetta all'uomo di mantenere o adattare il suo comportamento nel modo che è più coerente con obiettivi e valori interni, [31] questa idea è particolarmente importante nei momenti di maggiore dolore, data la restringimento di messa a fuoco che è comune durante i periodi di dolore. [32] Simile all'accettazione psicologica, che favorisce un approccio non giudicante ai pensieri e alle emozioni dolorose, l'accettazione del dolore è definita come un processo di riconoscimento non giudicante del dolore, arresto dei tentativi di maladaptive per controllare il dolore, e imparare a vivere una vita più ricca nonostante il dolore. [33] L'accettazione del dolore influenza il funzionamento emotivo attraverso due distini Meccanismi di ct: la volontà di provare dolore, che attenua le reazioni emotive negative al dolore e il coinvolgimento continuo in attività valutate nonostante la presenza di dolore, che rafforza le emozioni positive. [34] L'accettazione del dolore è teorizzata per disgiungere il verificarsi di pensieri catastrofici sul dolore derivante dalla successiva sofferenza emotiva [35] e riduce la dipendenza da coping basato sul controllo o sull'evasione, [36] liberando risorse cognitive ed emotive per scopi più significativi. [33] L'accettazione del dolore ha dimostrato associazioni positive con cognitive, emotive, sociali e il funzionamento professionale nelle popolazioni di dolore cronico [36] L'accettazione del dolore prevede livelli più bassi di dolore catastrofico [37] e maggiori livelli di affetti positivi, che a loro volta riducono l'associazione tra intensità del dolore ed emozioni negative. [38] L'accettazione del dolore è un obiettivo particolarmente saliente per l'intervento in terapie di consapevolezza e accettazione per cronica p ain, che sarà discusso più avanti (vedi Tabella 1).

Tabella 1: Descrizioni di terapie psicologiche per il dolore.

Intervento psicologico come approccio alla gestione del dolore

Approcci comportamentali operanti

Fordyce [39] ha proposto un modello comportamentale di adattamento del dolore in cui le risposte comportamentali maladattative al dolore si sviluppano attraverso un sollievo contingente dal dolore o dalla paura correlata al dolore. Secondo questa teoria, una spinta comportamentale per evitare il dolore porta le persone a evitare comportamenti dolorosi ma a mantenere la loro salute fisica ed emotiva; questa evitamento contribuisce allo sviluppo e al mantenimento della cronicità, del decondizionamento e della depressione del dolore. [40] La terapia operante per il dolore cronico utilizza contingenze di rinforzo e punizione per ridurre i comportamenti correlati al dolore e favorire comportamenti più adattivi, inclusi schemi di attività gradualizzati, stimolazione dell'attività e la gestione del trattamento tempo-contingente. [40] La terapia comportamentale per il dolore ha mostrato effetti positivi su una varietà di domini, tra cui esperienza del dolore, umore, valutazioni cognitive negative e funzionamento in ruoli sociali. [3]

Una recente applicazione della teoria dell'apprendimento al dolore cronico comporta il trattamento dell'esposizione in vivo per la paura correlata al dolore, che si concentra sulla riduzione della nocività percepita dell'attività fisica. [41] La teoria dell'apprendimento presuppone che il segnale avversivo del dolore possa essere trasmesso a stimoli neutri ( come i comportamenti del movimento fisico), che contribuisce al comportamento evitante. La terapia di esposizione in vivo estingue la minaccia, la paura e l'evitamento comportamentale aumentando progressivamente l'impegno nei comportamenti dolorosi in assenza di esiti catastrofici; quando questi comportamenti vengono eseguiti senza gravi conseguenze negative, i pazienti possono rendersi conto che le loro aspettative sulle conseguenze del movimento fisico e del dolore non sono realistiche. [24,42] Coerentemente con i trattamenti di esposizione per fobie e altri disturbi d'ansia, il trattamento dell'esposizione in vivo per la paura del dolore coinvolge sviluppo di una gerarchia personalizzata e graduata di attività che susciti una risposta paurosa, psicoeducazione correlata al dolore, alla paura e al comportamento e, infine, esposizione lenta e sistematica alle attività correlate alla gerarchia della paura individuale. [41] Trattamento dell'esposizione in vivo per il dolore la paura correlata ha dimostrato efficacia nel migliorare il dolore, il dolore catastrofico e la disabilità funzionale, [41] e nel diminuire la paura e l'ansia, la depressione e l'ansia legati al dolore. [43] Gli approcci comportamentali al dolore sono stati meno prevalenti negli ultimi anni ma hanno dimostrato efficacia nei campioni di dolore lombare, tra gli altri (vedi Tabella 2). Gli effetti dell'esposizione in vivo sulla disabilità funzionale sembrano essere mediati dalla diminuzione della nocività catastrofica e percepita dell'attività [41] ma possono essere differenzialmente efficaci per i pazienti con livelli di funzionalità di base diversi. [40]

Tabella 2: Efficacia dimostrata degli interventi psicologici da parte della popolazione del dolore.

Terapia comportamentale cognitiva

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) adotta un approccio biopsicosociale al trattamento del dolore cronico mirando a risposte comportamentali e cognitive maladattative al dolore e alle contingenze sociali e ambientali che modificano le reazioni al dolore. [44] I principi CBT hanno dimostrato efficacia per una varietà di psichiatria disturbi e malattie fisiche, oltre al dolore. [45] CBT per il dolore sviluppa abilità di coping volte a gestire il dolore e migliorare il funzionamento psicologico, incluso il rilassamento strutturato, l'attivazione comportamentale e la programmazione di eventi piacevoli, la comunicazione assertiva e il ritmo del comportamento al fine di evitare il prolungamento o l'esacerbazione delle riacutizzazioni del dolore. A differenza degli approcci comportamentali operanti, la CBT per il dolore affronta anche le convinzioni disadattive sul dolore e il dolore catastrofici attraverso l'uso formale della ristrutturazione cognitiva: identificazione e sostituzione di pensieri non realistici o inutili sul dolore con pensieri orientati al comportamento adattivo e al funzionamento positivo. [44] La CBT per il dolore è stata ampiamente implementata come trattamento standard per il dolore e costituisce l'attuale "gold standard" per l'intervento psicologico per il dolore. [44]

Secondo recenti studi meta-analitici, [45] CBT per il dolore dimostra dimensioni dell'effetto piccolo-medio in una varietà di domini e mostra effetti sul dolore e sul funzionamento paragonabile all'assistenza medica standard per il dolore. [3] CBT migliora significativamente la disabilità e il dolore è catastrofico dopo il trattamento e produce miglioramenti a lungo termine della disabilità, al di là degli effetti delle normali cure mediche, [3] e minori effetti sul dolore, sulla catastrofe e sull'umore rispetto a nessun trattamento. [3] CBT-related cambiamenti nell'impotenza e nella catastrofe sono predittivi in ​​modo univoco delle successive variazioni dell'intensità del dolore e delle interferenze correlate al dolore nel funzionamento quotidiano. [22] La CBT è anche un prezioso trattamento aggiuntivo nei programmi di riabilitazione fisica. [46] I benefici della CBT per il dolore sono stati notati in molte popolazioni di dolore cronico (vedi Tabella 2) ma potrebbe non essere così robusta in alcune popolazioni, inclusa la fibromialgia. [47] Inoltre, alcuni hanno suggerito che gli effetti della CBT ar e al meglio moderatamente dimensionato e non mantenuto a lungo termine. [30] La natura intrattabile del dolore cronico può rendere difficile l'adattamento poiché i tentativi di controllare il dolore possono rivelarsi inefficaci, contribuendo infine a un maggiore disagio psicologico. [36] modello cognitivo-comportamentale di intervento del dolore per affrontare questi problemi, che ha prodotto due nuove modalità di trattamento: riduzione dello stress basata sulla consapevolezza (MBSR) e terapia di accettazione e impegno (ACT). A differenza della CBT, questi approcci si concentrano sulla promozione dell'accettazione del dolore cronico piuttosto che sull'enfatizzazione delle strategie per il controllo del dolore, migliorando così il benessere emotivo e un maggiore coinvolgimento in attività non legate alla sfera. Sebbene questi interventi mirino entrambi all'accettazione del dolore, differiscono nella loro attuazione terapeutica e nell'approccio alla meditazione e alla pratica quotidiana.

Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza

L'approccio basato su interventi di consapevolezza cerca di slegare gli aspetti sensoriali del dolore dagli aspetti valutativi ed emotivi del dolore [48] e promuove la consapevolezza distaccata delle sensazioni somatiche e psicologiche all'interno del corpo. [48] Poiché il segnale del dolore cronico spesso non può essere estinto, questo distacco può migliorare le risposte individuali al dolore cronico [48] Attraverso la consapevolezza consapevole e la meditazione, i pensieri sul dolore possono essere visti come eventi discreti piuttosto che come un'indicazione di un problema sottostante che richiede risposte immediate e possibilmente disadattive. [49] An l'individuo può quindi riconoscere queste sensazioni o pensieri come qualcosa di familiare, che può servire a migliorare le risposte comportamentali emozionali o disadattive al dolore.

MBSR è una forma di meditazione sviluppata nella filosofia orientale e successivamente adattata all'intervento occidentale che migliora la consapevolezza e l'accettazione degli stati fisici, cognitivi ed emotivi e disconnette le reazioni psicologiche dall'esperienza incontrollabile dei razzi del dolore. [44] Gli interventi MBSR sono stati strutturati tradizionalmente come sessioni di 2 ore che si verificano settimanalmente su 10 settimane che sviluppano la consapevolezza del corpo e dei segnali propriocettivi, la consapevolezza del respiro e le sensazioni fisiche e lo sviluppo di attività mentali (come mangiare, camminare e stare in piedi). [48] MBSR promuove la consapevolezza attraverso la meditazione quotidiana, che è una componente necessaria del trattamento. [50] I meccanismi alla base dell'intervento MBSR efficace possono essere simili alla desensibilizzazione al dolore, poiché le meditazioni coinvolgono pratiche di seduta senza movimento che espongono i partecipanti a sensazioni dolorose in assenza di conseguenze catastrofiche [ 48,50] In questo modo, gli interventi MBSR potrebbero funzionare simil a esposizione in vivo per il dolore ma servono allo scopo addizionale di aumentare la tolleranza per le emozioni negative, favorendo così risposte più adattive al dolore. [50] MBSR riduce anche la ruminazione [51] e l'interferenza di segnali fisici angoscianti [52] e aumenta la consapevolezza consapevole [51] e accettazione del dolore. [53] MBSR richiede la coltivazione di pratiche quotidiane di mindfulness, [48] ma è stato trovato che i tassi di conformità di MBSR sono comparabili con le tecniche di gestione del dolore comportamentale. [54] Tuttavia, prove sull'importanza del quotidiano la pratica è mista; la quantità di tempo dedicata a queste attività mentali è correlata al miglioramento dei sintomi in alcuni studi, [55] eppure i tassi di compliance sembrano essere correlati solo modestamente con il miglioramento negli altri. [54] A differenza della CBT, che identifica i pensieri come distorti e bisognosi di cambiamento, i praticanti della consapevolezza adottano un approccio non giudicante ai pensieri come "eventi discreti" che incoraggiano la distanza emotiva dai pensieri. [44,50] Inoltre, la CBT è una modalità di trattamento orientata all'obiettivo, mirata ad una maggiore risposta di rilassamento o ad una alterata risposta comportamentale o di pensiero, mentre consapevolezza non prescrive obiettivi specifici, basandoci invece sull'osservazione non giudicante. [50] Inoltre, ci si aspetta che gli istruttori della consapevolezza si impegnino nelle loro pratiche quotidiane di mindfulness, mentre i praticanti della CBT non hanno necessariamente bisogno della pratica quotidiana nella CBT per insegnarla in modo efficace. [50]

MBSR ha dimostrato efficacia nell'affrontare la gravità dei sintomi medici e dei sintomi psicologici, [48] intensità del dolore, [56] e far fronte allo stress e al dolore; [54] questi guadagni di trattamento possono durare fino a 4 anni dopo l'intervento in molti domini [ 54] MBSR è stato efficace in diversi campioni di dolore, [48,54,56] e in individui con sindrome dell'intestino irritabile, dolore al collo [52], [57] emicrania, [57] fibromialgia, [58] e dolore muscoloscheletrico cronico. [59] , MBSR affronta i sintomi concomitanti di depressione in individui con alcune condizioni di dolore cronico come la fibromialgia [60] e migliora gli effetti del trattamento multidisciplinare su disabilità, ansia, depressione e catastrofismo. [61] Studi meta-analitici di MBSR nel dolore cronico hanno mostrato effetti da lieve a moderato di MBSR su ansia, depressione e disagio psicologico in pazienti con malattie croniche incluso il dolore, [62] e questi benefici tendono ad essere robusti negli studi. [63] Come mai, come con CBT, MBSR può essere differenzialmente efficace tra le popolazioni; un recente studio longitudinale ha rilevato miglioramenti maggiori nel dolore, qualità della vita correlata alla salute e benessere psicologico per il dolore alla schiena o al collo rispetto alla fibromialgia, all'emicrania cronica o al mal di testa. [57]

Accettazione e terapia di impegno

ACT adotta un approccio teorico in base al quale i pensieri non devono essere mirati o modificati; invece, le risposte ai pensieri possono essere alterate in modo che le loro conseguenze negative siano ridotte al minimo. [31] Gli interventi ACT migliorano il benessere attraverso il riconoscimento non giudicante e mirato di eventi mentali (cioè pensieri ed emozioni), favorendo l'accettazione di questi eventi e aumentando il capacità dell'individuo di rimanere presente e consapevole dei fattori psicologici e ambientali personalmente rilevanti; in tal modo, gli individui sono in grado di adattare il loro comportamento in modo coerente con i loro obiettivi o valori, piuttosto che concentrarsi sul sollievo immediato dai pensieri e dalle emozioni. [31] Nel trattamento del dolore, ACT promuove la consapevolezza e l'accettazione dolore, riducendo al minimo l'attenzione sulla riduzione del dolore o del contenuto del pensiero e indirizzando invece gli sforzi verso il compimento del funzionamento comportamentale. 44 ACT condivide la somiglianza concettuale con MBSR a causa di obiettivi condivisi di promuovere la consapevolezza e l'accettazione del dolore ma, a differenza di MBSR, ACT non utilizza meditazione mentale quotidiana e invece si concentra sull'identificazione dei valori e degli obiettivi dell'individuo, che servono al comportamento diretto. [64] Gli interventi basati sull'ACT hanno dimostrato benefici su vari aspetti della salute mentale nelle popolazioni di dolore cronico, inclusa la qualità della salute mentale della vita , auto-efficacia, depressione e ansia. [65] Alcuni studi sugli interventi ACT per dolore cronico hanno riportato medie o maggiori dimensioni dell'effetto per miglioramenti dell'ansia e dell'angoscia legati al dolore, disabilità, numero di visite mediche, stato attuale del lavoro e prestazioni fisiche, [66,67] con effetti minori di questo intervento annotati su dolore e depressione. [64] Tuttavia, meta-analitica gli studi sulle terapie basate sull'accettazione per il dolore hanno rivelato che l'ACT non mostra un'efficacia incrementalmente maggiore rispetto ad altri trattamenti psicologici consolidati per il dolore cronico. [64]

Direzioni future e domande restanti

La letteratura esistente suggerisce che ciascuno degli interventi psicologici precedentemente esaminati ha conservato il valore per il trattamento del dolore cronico. Allo stato attuale, ci sono poche prove della superiorità di qualsiasi approccio terapeutico, con una eccezione: la CBT ha dimostrato un beneficio incrementalmente maggiore in molte aree rispetto agli effetti della terapia comportamentale. [3] Come precedentemente notato, tuttavia, i principi comportamentali operanti sono stati adottato per approcci terapeutici più recenti come l'esposizione in vivo per paura del dolore, che ha dimostrato buoni benefici nel trattamento multidisciplinare con alcune popolazioni di dolore. [41] Recenti revisioni hanno concluso che MBSR e ACT sono promettenti ma producono effetti generalmente paragonabili a CBT, nonostante il loro distinti metodi di intervento. [64] La capacità di trarre conclusioni sulla superiorità del trattamento è ulteriormente limitata dal minor numero di studi di alta qualità di ACT o MBSR rispetto alla letteratura CBT più solida. [64]

Restano alcune domande critiche riguardo l'efficacia comparativa di questi interventi. In primo luogo, gli effetti della CBT sono significativi a breve termine ma non sono mantenuti coerentemente nel tempo, probabilmente a causa della minore aderenza. [3] È plausibile che gli approcci basati sull'accettazione, che si basano meno sulle strategie di coping meccanicistico e invece favoriscano l'accettazione atteggiamenti verso il dolore, può mostrare maggiori tassi di aderenza a lungo termine e benefici a lungo termine rispetto alla CBT, anche se è necessario uno studio futuro di questa domanda. Inoltre, alcuni disturbi del dolore (come la fibromialgia) hanno mostrato una risposta al trattamento relativamente più bassa alla CBT rispetto ad altri disturbi del dolore in alcuni studi, il che evidenzia il possibile beneficio di interventi alternativi in ​​tali popolazioni. Infatti, ACT e MBSR hanno anche mostrato efficacia nelle popolazioni di fibromialgia, anche se rimane la necessità di identificare i predittori della risposta al trattamento differenziale. [65]

Sicurezza e tollerabilità delle terapie psicologiche

Si presume che le terapie psicologiche per il dolore siano a basso rischio di effetti avversi per il ricevente; di conseguenza, c'è una carenza di evidenza empirica riguardo ai rischi degli interventi psicologici. [68] Alcuni hanno suggerito che i pazienti che entrano nel trattamento psicologico corrono rischi di diagnosi psicologica errata, dipendenza psicologica, minando la capacità del paziente di prendere le proprie decisioni o manipolazione da parte del terapeuta per raggiungere obiettivi non terapeutici. [69,70] Tuttavia, queste preoccupazioni sono alleviate da una corretta formazione clinica ed etica dei professionisti e non sono in genere considerati rischi salienti delle terapie psicologiche quando vengono somministrate correttamente. [70] Recentemente, lì è stata una richiesta di ulteriori ricerche per affrontare la possibilità di effetti psicoterapeutici avversi [71] e un metodo più sistematico di monitoraggio e identificazione degli eventi avversi correlati alla psicoterapia. [68] Anche se i tassi di effetti avversi della psicoterapia sono ancora in gran parte sconosciuti , è incoraggiante che studi recenti abbiano iniziato a rappresentare in modo specifico o l'incidenza degli eventi avversi direttamente. [72]

Fattori che influenzano i risultati dell'intervento psicologico

I praticanti devono essere avvertiti dell'ipotesi di omogeneità tra i pazienti con disturbi del dolore, poiché una varietà di fattori può predire la risposta al trattamento. [69,71] Turk [73] ha proposto che le persone che affrontano livelli comparabili di dolore mostrano modelli di risposta distinti che potrebbero essere raggruppati in sottoclassi riconoscibili: pazienti "disfunzionali", che segnalano alti livelli di interferenza e sofferenza legati al dolore; Pazienti "angosciati per via interpersonale", che riferiscono di mancare del sostegno dei propri cari nel far fronte al loro dolore; e "copers adattativi", che riportano in particolare livelli più alti di funzione e supporto sociale percepito e bassi livelli di disfunzione correlata al dolore. Turk ha proposto che questi sottogruppi di pazienti rispondano in modo diverso all'intervento psicologico, e le scoperte successive hanno sostenuto questa idea: i pazienti "disfunzionali" hanno dimostrato una maggiore risposta al trattamento interdisciplinare che coinvolge i pazienti "interpersonalmente angosciati". [74] L'identificazione dei sottogruppi di pazienti può essere realizzato utilizzando strumenti come l'Inventario del dolore multidisciplinare [75] e attraverso la valutazione dettagliata dell'intensità e della disabilità del dolore cronico [76] Inoltre, la disponibilità dei pazienti ad adottare un approccio autogestito al proprio dolore cronico sembra avere implicazioni significative per la risposta al trattamento ; [77] pazienti che si trovano nella fase di precontemplazione della prontezza del trattamento possono trarre maggior beneficio dalla terapia focalizzata sull'intelligenza, rispetto a quelli in una fase di azione, che possono trarre maggior beneficio dall'elaborazione di strategie di coping attive basate sul rilassamento e altre attive. [77] Prontezza del paziente il dolore autogestito può essere valutato noi il questionario Pain Stages of Change. [77] Inoltre, la risposta al trattamento può essere soggetta alle convinzioni del paziente sull'importanza dei comportamenti specifici dell'intervento e sulla propria capacità di eseguire tali azioni. [78]

Inoltre, ci possono essere differenze demografiche, psicologiche e mediche tra i pazienti che sono rilevanti per la risposta al trattamento, compresa l'eziologia delle condizioni del dolore, lo stato socioeconomico e il background culturale ed etnico; questi fattori richiedono ulteriori ricerche empiriche per ottimizzare gli esiti clinici ma non hanno ancora ricevuto un'adeguata attenzione nella letteratura clinica. [79] Ad esempio, i livelli basali di funzionamento fisico sembrano predire la risposta a certe modalità di trattamento psicologico come l'esposizione in vivo per paura [40] Inoltre, i livelli basali di dolore, depressione e ansia sono stati trovati per prevedere i tassi di abbandono in alcuni campioni, [80,81] anche se questi effetti non sono evidenti in tutti i campioni. [3] Oltre ad essere un importante meccanismo di trattamento, vi è evidenza che i livelli basali di paura del dolore possono anche prevedere una risposta differenziale al trattamento; gli individui più timorosi del dolore all'inizio di un programma di trattamento del dolore multidisciplinare hanno mostrato una maggiore reattività all'esposizione in vivo per questo problema. [28] È anche importante considerare la presenza di comorbidità mediche che potrebbero avere un impatto sul funzionamento futuro; recentemente sono stati sviluppati interventi psicologici che affrontano i sintomi comorbili del sonno, l'obesità [82], [29] e la fatica [83] che possono accompagnare il dolore cronico. I trattamenti ibridi possono essere più importanti nella pratica clinica indipendente, in cui la comorbilità è più comune. [82] In particolare, vi sono poche prove che le variabili della personalità influenzino significativamente la risposta al trattamento; la maggior parte delle connessioni tra i tratti della personalità e le variabili rilevanti per l'intervento psicologico per il dolore sono teoriche e non sono emerse coerentemente nella ricerca empirica. [84,85]

L'età del paziente è anche una considerazione importante nell'esame delle risposte agli interventi per il dolore. Gli anziani hanno aumentato il rischio di vari disturbi legati al dolore, tra cui l'artrite e l'osteoporosi, ma possono avere una scarsa tolleranza ai farmaci per queste condizioni. [86] Inoltre, l'età può alterare le reazioni psicologiche al dolore; gli aspetti emotivi del dolore sono più fortemente correlati con il dolore catastrofico negli adulti più giovani rispetto agli adulti più anziani, mentre gli aspetti sensoriali del dolore appaiono più fortemente correlati al dolore catastrofico negli adulti anziani. [87] Inoltre, i protocolli di trattamento possono richiedere un alloggio per le popolazioni anziane; affrontare la paura del movimento di un paziente anziano può essere complicata da una paura di cadere che è assente nelle popolazioni più giovani. [88] Poiché i problemi di memoria sono più comuni nella maggiore età adulta, i protocolli di trattamento possono essere migliorati se riducono al minimo la richiesta di attività memorizzate. [ 89] Purtroppo, mancano ricerche per specifici interventi psicologici nelle popolazioni anziane. [86] In generale, si presume che gli interventi psicologici siano a basso rischio per gli anziani, [90] e CBT per il dolore hanno ricevuto un supporto empirico comparativamente maggiore per gli anziani [88] Complessivamente, l'efficacia dell'intervento psicologico per il dolore negli anziani è un'area che merita ulteriori studi in futuro.

La disponibilità del trattamento è una considerazione chiave per l'intervento psicologico, specialmente per i pazienti in povertà o che vivono in località geografiche remote. Sebbene sia al di là degli obiettivi di questo documento esaminare i contributi etnici e socioeconomici alla salute, il basso status socioeconomico è un fattore di rischio significativo per lo sviluppo del dolore cronico e influisce pesantemente sulle disparità razziali nei risultati sanitari. [91] Poiché le sfide finanziarie possono limitare accesso a interventi psicologici tradizionali, l'importanza di modalità alternative per la fornitura di interventi di salute mentale per il dolore cronico è fondamentale. Teleinterventi [92] e interventi basati su Internet [93] possono essere fattibili per il trattamento psicologico del dolore cronico; I programmi basati su Internet che forniscono ACT, [94] CBT, [46] e gli interventi di mindfulness [95] hanno dimostrato benefici nel funzionamento psicosociale, nell'umore e nella gestione del dolore. Tuttavia, sono necessari studi clinici e prove metodologiche rigorose per l'implementazione massima ed efficace di questi programmi, poiché molti interventi hanno mostrato effetti modesti e tassi di abbandono relativamente alti. [96]

Combinare le modalità di trattamento psicologico tra loro e con altri interventi medici può costituire il prossimo passo logico nel migliorare i risultati del trattamento. L'istituzione di un approccio flessibile e orientato all'obiettivo, simile all'ACT, può migliorare l'impegno e l'aderenza alla CBT. [97] Inoltre, una combinazione di esposizione in vivo e ACT variata può mostrare un beneficio incrementale nell'affrontare la paura e l'ansia legate al dolore [ 98] Gli effetti della CBT possono anche essere migliorati in concomitanza con trattamenti come il biofeedback [99] e l'ipnosi. [100] Una parola di cautela: la presentazione del trattamento psicologico da parte di operatori non tradizionali può mostrare un'efficacia variabile a meno che gli approcci terapeutici siano adattati in modo appropriato. [101] Se adeguatamente addestrati, tuttavia, gli interventi cognitivo-comportamentali opportunamente progettati possono essere gestiti efficacemente da fisioterapisti, terapisti [102], infermiere [103] e terapisti occupazionali. [104]

Conclusione

La psicoterapia costituisce una modalità preziosa per affrontare i fattori comportamentali, cognitivi, emotivi e sociali che derivano da e contribuiscono alla disfunzione e al disagio legati al dolore attraverso il potenziamento delle strategie di autogestione. Ci sono diversi interventi psicologici distinti che differiscono nei loro approcci teorici, obiettivi terapeutici e aree di efficacia, ma CBT, ACT, MBSR e approcci comportamentali operanti al dolore possono tutti svolgere ruoli importanti per migliorare le capacità di autogestione di individui con dolore. Tuttavia, rimane la necessità di identificare i predittori della risposta al trattamento differenziale e dei sottogruppi salienti dei pazienti per ottimizzare i risultati del trattamento, nonché i mezzi aggiuntivi e alternativi alla fornitura di servizi psicologici per coloro che non vogliono o non sono in grado di impegnarsi nella psicoterapia tradizionale. Una maggiore ricerca empirica sui fattori che contribuiscono alla diversa risposta al trattamento e sulla diffusione del trattamento psicologico per il dolore può comportare un notevole risparmio sui costi fisici, emotivi e finanziari del dolore cronico.

Le note

Disclosure: L'autore non segnala conflitti di interesse in questo lavoro.

In conclusione, terapie psicologiche, come la terapia cognitivo-comportamentale, la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e anche la cura chiropratica, sono state dimostrate per contribuire efficacemente a trattare il dolore cronico, secondo studi di ricerca. La connessione tra la mente e il corpo è stata precedentemente citata come causa di una varietà di problemi di salute, tra cui il dolore cronico. Infine, l'articolo sopra ha dimostrato gli effetti della terapia psicologica per la gestione del dolore cronico. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Craig AD. Una nuova visione del dolore come emozione omeostatica. Tendenze neurosci. 2003; 26 (6): 303-307. [PubMed]
2. Gatchel RJ. Comorbidità del dolore cronico e disturbi della salute mentale: la prospettiva biopsicosociale. Am Psychol. 2004; 59 (8): 795-805. [PubMed]
3. Williams AC, Eccleston C, Morley S. Terapie psicologiche per la gestione del dolore cronico (escluso il mal di testa) negli adulti. Database Cochrane Syst Rev. 2012; 11: CD007407. [PubMed]
4. Turk DC, Audette J, Levy RM, Mackey SC, Stanos S. Valutazione e trattamento delle comorbidità psicosociali in pazienti con dolore neuropatico. Mayo Clin Proc. 2010; 85 (Suppl 3): S42-S50. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
5. Thibault P, Loisel P, Durand MJ, Catchlove R, Sullivan MJ. Predittori psicologici di espressione del dolore e intolleranza all'attività in pazienti con dolore cronico. Dolore. 2008; 139 (1): 47-54. [PubMed]
6. Bair MJ, Robinson RL, Katon W, Kroenke K. Depressione e comorbidità del dolore: una revisione della letteratura. Arch Intern Med. 2003; 163 (20): 2433-2445. [PubMed]
7. McWilliams LA, Cox BJ, Enns MW. Disturbi dell'umore e dell'ansia associati al dolore cronico: un esame in un campione rappresentativo a livello nazionale. Dolore. 2003; 106 (1-2): 127-133. [PubMed]
8. Young Casey C, Greenberg MA, Nicassio PM, Harpin RE, Hubbard D. Transizione dal dolore acuto a quello cronico e disabilità: un modello che comprende fattori cognitivi, affettivi e traumatici. Dolore. 2008; 134 (1-2): 69-79. [PubMed]
9. Geenen R, Newman S, Bossema ER, Vriezekolk JE, Boelen PA. Interventi psicologici per pazienti con malattie reumatiche e ansia o depressione. Best Pract Res Clin Rheumatol. 2012; 26 (3): 305-319. [PubMed]
10. Winkelmann A, Perrot S, Schaefer C, et al. Impatto della severità della fibromialgia sui costi economici della salute: risultati di uno studio trasversale europeo. Politiche sanitarie di Econ Health Appl. 2011; 9 (2): 125-136. [PubMed]
11. Wright LJ, Schur E, Noonan C, Ahumada S, Buchwald D, Afari N. Dolore cronico, sovrappeso e obesità: risultati di un registro gemello basato sulla comunità. J Pain. 2010; 11 (7): 628-635. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
12. Smith MT, Haythornthwaite JA. In che modo si intrecciano disturbi del sonno e dolore cronico? Approfondimenti dalla letteratura sulla sperimentazione clinica longitudinale e cognitivo-comportamentale. Sleep Med Rev. 2004; 8 (2): 119-132. [PubMed]
13. Kato K, Sullivan PF, Evengård B, Pedersen NL. Dolore diffuso cronico e sue comorbilità: uno studio basato sulla popolazione. Arch Intern Med. 2006; 166 (15): 1649-1654. [PubMed]
14. Richardson LP, Russo JE, Katon W, et al. Disturbi della salute mentale e uso a lungo termine di oppiacei tra adolescenti e giovani adulti con dolore cronico. J Adolescente. 2012; 50 (6): 553-558. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
15. Sullivan MJ, Thorn B, Haythornthwaite JA, et al. Prospettive teoriche sulla relazione tra catastrofismo e dolore. Clin J Pain. 2001; 17 (1): 52-64. [PubMed]
16. Sullivan MJL, Bishop SR, Pivik J. La scala catastrofica del dolore: sviluppo e validazione. Psychol Assess. 1995; 7 (4): 524-532.
17. Keefe FJ, Brown GK, Wallston KA, Caldwell DS. Far fronte al dolore da artrite reumatoide: catastrofico come strategia disadattativa. Dolore. 1989; 37 (1): 51-56. [PubMed]
18. Wollaars MM, Post MW, van Asbeck FW, dolore alla ferita del marchio N. Spinal cord: l'influenza dei fattori psicologici e l'impatto sulla qualità della vita. Clin J Pain. 2007; 23 (5): 383-391. [PubMed]
19. Crisson JE, Keefe FJ. La relazione tra il locus of control e le strategie per affrontare il dolore e il disagio psicologico nei pazienti con dolore cronico. Dolore. 1988; 35 (2): 147-154. [PubMed]
20. Hamilton NA, Karoly P, Zautra AJ. Cognizione degli obiettivi di salute e regolazione nelle donne con fibromialgia. J Behav Med. 2005; 28 (5): 455-466. [PubMed]
21. Mankovsky T, Lynch M, Clark A, Sawynok J, Sullivan MJ. Il dolore catastrofico prevede una scarsa risposta agli analgesici topici nei pazienti con dolore neuropatico. Pain Res Manag. 2012; 17 (1): 10-14. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
22. Burns JW, Glenn B, Bruehl S, Harden RN, Lofland K. I fattori cognitivi influenzano l'esito dopo il trattamento multidisciplinare del dolore cronico: una replica e un'estensione di un'analisi panel cross-lagged. Behav Res Ther. 2003; 41 (10): 1163-1182. [PubMed]
23. Sullivan MJL, Adams H, Ellis T. Mirando al pensiero catastrofico per promuovere il ritorno al lavoro in individui con fibromialgia. J Cogn Psychother. 2012; 26 (2): 130-142.
24. Leeuw M, Goossens ME, Linton SJ, Crombez G, Boersma K, Vlaeyen JW. Il modello per evitare la paura del dolore muscolo-scheletrico: stato attuale delle prove scientifiche. J Behav Med. 2007; 30 (1): 77-94. [PubMed]
25. Demmelmaier I, Asenlöf P, Lindberg P, Denison E. Predittori biopsicosociali di dolore, disabilità, consumo dell'assistenza sanitaria e congedi per malattia nel primo episodio e nel mal di schiena a lungo termine: uno studio longitudinale nella popolazione generale. Int J Behav Med. 2010; 17 (2): 79-89. [PubMed]
26. Zale EL, Lange KL, Fields SA, Ditre JW. La relazione tra paura legata al dolore e disabilità: una meta-analisi. J Pain. 2013; 14 (10): 1019-1030. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
27. Samwel HJ, Evers AW, Crul BJ, Kraaimaat FW. Il ruolo dell'impotenza, della paura del dolore e del dolore passivo che affronta i pazienti con dolore cronico. Clin J Pain. 2006; 22 (3): 245-251. [PubMed]
28. Werneke MW, Hart DL, George SZ, Stratford PW, Matheson JW, Reyes A. Esiti clinici per pazienti classificati da credenze che evitano la paura e fenomeno di centralizzazione. Arch Phys Med Rehabil. 2009; 90 (5): 768-777. [PubMed]
29. Somers TJ, Keefe FJ, Pells JJ, et al. Dolore catastrofico e paura correlata al dolore nei pazienti con osteoartrite: rapporti con dolore e disabilità. J Pain Symptom Manage. 2009; 37 (5): 863-872. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
30. Pincus T, McCracken LM. Fattori psicologici e opportunità di trattamento nella lombalgia. Best Pract Res Clin Rheumatol. 2013; 27 (5): 625-635. [PubMed]
31. Hayes SC, Luoma JB, Bond FW, Masuda A, Lillis J. Accettazione e terapia di impegno: modello, processi e risultati. Behav Res Ther. 2006; 44 (1): 1-25. [PubMed]
32. Eccleston C, Crombez G, Aldrich S, Stannard C. Preoccupazione e pazienti con dolore cronico: una descrizione e un'analisi delle differenze individuali. Eur J Pain. 2001; 5 (3): 309-318. [PubMed]
33. McCracken LM. Imparare a convivere con il dolore: l'accettazione del dolore prevede l'aggiustamento nelle persone con dolore cronico. Dolore. 1998; 74 (1): 21-27. [PubMed]
34. Kranz D, Bollinger A, Nilges P. Accettazione dolorosa cronica e benessere affettivo: una prospettiva di coping. Eur J Pain. 2010; 14 (10): 1021-1025. [PubMed]
35. Vowles KE, McCracken LM, Eccleston C. Funzionamento paziente e catastrofico nel dolore cronico: gli effetti di mediazione dell'accettazione. Psicologo della salute. 2008; 27 (Suppl 2): S136-S143. [PubMed]
36. McCracken LM, Eccleston C. Uno studio prospettico sull'accettazione del dolore e sul funzionamento del paziente con dolore cronico. Dolore. 2005; 118 (1-2): 164-169. [PubMed]
37. Vowles KE, McCracken LM, Eccleston C. Processi di cambiamento nel trattamento del dolore cronico: il contributo del dolore, dell'accettazione e della catastrofe. Eur J Pain. 2007; 11 (7): 779-787. [PubMed]
38. Kratz AL, Davis MC, Zautra AJ. L'accettazione del dolore modera la relazione tra dolore e affetto negativo nell'osteoartrite e nei pazienti con fibromialgia. Ann Behav Med. 2007; 33 (3): 291-301. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
39. Fordyce WE. Metodi comportamentali per il dolore e la malattia cronici. St Louis, MO: Mosby; 1976. p. 1.
40. Gatzounis R, Schrooten MG, Crombez G, Vlaeyen JW. Teoria dell'apprendimento operante nella riabilitazione del dolore e del dolore cronico. Curr Pain Head Rep. 2012; 16 (2): 117-126. [PubMed]
41. Leeuw M, Goossens ME, van Breukelen GJ, et al. Esposizione in vivo rispetto all'attività classificata operante in pazienti con lombalgia cronica: risultati di uno studio controllato randomizzato. Dolore. 2008; 138 (1): 192-207. [PubMed]
42. den Hollander M, de Jong JR, Volders S, Goossens ME, Smeets RJ, Vlaeyen JW. Riduzione della paura nei pazienti con dolore cronico: una prospettiva della teoria dell'apprendimento. Esperto Rev Neurother. 2010; 10 (11): 1733-1745. [PubMed]
43. MP di Woods, Asmundson GJ. Valutazione dell'efficacia dell'esposizione classificata in vivo per il trattamento della paura nei pazienti con dolore cronico alla schiena: uno studio clinico controllato randomizzato. Dolore. 2008; 136 (3): 271-280. [PubMed]
44. Day MA, Thorn BE, Burns JW. La continua evoluzione degli interventi biopsicosociali per il dolore cronico. J Cogn Psychother. 2012; 26 (2): 114-129.
45. Hofmann SG, Asnaani A, Vonk IJ, Sawyer AT, Fang A. L'efficacia della terapia cognitivo comportamentale: una revisione delle meta-analisi. Cognit Ther Res. 2012; 36 (5): 427-440. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
46. Buhrman M, Fredriksson A, Edström G, et al. Terapia comportamentale cognitiva fornita da Internet guidata per pazienti con dolore cronico che presentano sintomi residui dopo il trattamento riabilitativo: studio randomizzato controllato. Eur J Pain. 2013; 17 (5): 753-765. [PubMed]
47. Bennett R, Nelson D. Terapia comportamentale cognitiva per fibromialgia. Pratica di Nat Clin Rheumatol. 2006; 2 (8): 416-424. [PubMed]
48. Kabat-Zinn J. Un programma ambulatoriale in medicina comportamentale per pazienti con dolore cronico basato sulla pratica della meditazione di consapevolezza: considerazioni teoriche e risultati preliminari. Gen Hosp Psychiatry. 1982; 4 (1): 33-47. [PubMed]
49. Lauwerier E, Van Damme S, Goubert L, Paemeleire K, Devulder J, Crombez G. Da controllare o no? Una prospettiva motivazionale per affrontare il dolore. Acta Neurol Belg. 2012; 112 (1): 3-7. [PubMed]
50. Baer RA. Addestramento alla consapevolezza come intervento clinico: una revisione concettuale ed empirica. Clin Psychol: Sci Pract. 2003; 10 (2): 125-143.
51. Campbell TS, Labelle LE, Bacon SL, Faris P, Carlson LE. Impatto della riduzione dello stress basata sulla consapevolezza (MBSR) sull'attenzione, sulla ruminazione e sulla pressione sanguigna a riposo nelle donne con cancro: uno studio controllato dalla lista d'attesa. J Behav Med. 2012; 35 (3): 262-271. [PubMed]
52. Garland EL, Gaylord SA, Palsson O, Faurot K, Douglas Mann J, Whitehead WE. Meccanismi terapeutici di un trattamento basato sulla consapevolezza per l'IBS: effetti sulla sensibilità viscerale, catastrofismo e trattamento affettivo delle sensazioni del dolore. J Behav Med. 2012; 35 (6): 591-602. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
53. Kabat-Zinn J. Full Catastrophe Living: il programma della clinica per la riduzione dello stress presso il Medical Center dell'Università del Massachusetts. New York, NY: Delta; 1990.
54. Kabat-Zinn J, Lipworth L, Burney R, Sellers W. Quattro anni di follow-up di un programma basato sulla meditazione per l'autoregolamentazione del dolore cronico: esiti del trattamento e compliance. Clin J Pain. 1986; 2 (3): 159-173.
55. Carmody J, Baer RA. Relazioni tra pratica di consapevolezza e livelli di consapevolezza, sintomi medici e psicologici e benessere in un programma di riduzione dello stress basato sulla consapevolezza. J Behav Med. 2008; 31 (1): 23-33. [PubMed]
56. Randolph P, Caldera YM, Tacone AM, Greak BL. Gli effetti combinati a lungo termine del trattamento medico e un programma comportamentale basato sulla consapevolezza per la gestione multidisciplinare del dolore cronico nel Texas occidentale. Pain Digest. 1999; 9: 103-112.
57. Rosenzweig S, Greeson JM, Reibel DK, Green JS, Jasser SA, Beasley D. Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza per le condizioni di dolore cronico: variazione dei risultati del trattamento e ruolo della pratica della meditazione domestica. J Psychosom Res. 2010; 68 (1): 29-36. [PubMed]
58. Grossman P, Tiefenthaler-Gilmer U, Raysz A, Kesper U. Addestramento alla consapevolezza come intervento per la fibromialgia: evidenza di postintervento e benefici del follow-up di 3 anno nel benessere. Psychotherom Psychotherom. 2007; 76 (4): 226-233. [PubMed]
59. Plews-Ogan M, Owens JE, Goodman M, Wolfe P, Schorling J. Uno studio pilota che valuta la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e il massaggio per la gestione del dolore cronico. J Gen Intern Med. 2005; 20 (12): 1136-1138. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
60. Sephton SE, Salmon P, Weissbecker I, et al. La meditazione di consapevolezza allevia i sintomi depressivi nelle donne con fibromialgia: risultati di uno studio clinico randomizzato. Artrite Rheum. 2007; 57 (1): 77-85. [PubMed]
61. Cassidy EL, Atherton RJ, Robertson N, Walsh DA, Gillett R. Consapevolezza, funzionamento e catastrofismo dopo la gestione multidisciplinare del dolore per la lombalgia cronica. Dolore. 2012; 153 (3): 644-650. [PubMed]
62. Bohlmeijer E, Prenger R, Taal E, Cuijpers P. Gli effetti della terapia di riduzione dello stress basata sulla consapevolezza sulla salute mentale degli adulti con una malattia medica cronica: una meta-analisi. J Psychosom Res. 2010; 68 (6): 539-544. [PubMed]
63. Merkes M. Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza per le persone con malattie croniche. Aust J Prim Health. 2010; 16 (3): 200-210. [PubMed]
64. Veehof MM, Oskam MJ, Schreurs KM, Bohlmeijer ET. Interventi basati sull'accettazione per il trattamento del dolore cronico: una revisione sistematica e una meta-analisi. Dolore. 2011; 152 (3): 533-542. [PubMed]
65. Wicksell RK, Kemani M, Jensen K, et al. Accettazione e terapia di impegno per la fibromialgia: uno studio controllato randomizzato. Eur J Pain. 2013; 17 (4): 599-611. [PubMed]
66. McCracken LM, MacKichan F, Eccleston C. Terapia cognitivo-comportamentale contestuale per chi soffre di dolore cronico gravemente disabile: efficacia e cambiamento clinicamente significativo. Eur J Pain. 2007; 11 (3): 314-322. [PubMed]
67. Vowles KE, McCracken LM. Accettazione e azione basata sui valori nel dolore cronico: uno studio sull'efficacia e sul processo del trattamento. J Consult Clin Psychol. 2008; 76 (3): 397-407. [PubMed]
68. Dimidjian S, Hollon SD. Come potremmo sapere se la psicoterapia fosse dannosa? Am Psychol. 2010; 65 (1): 21-33. [PubMed]
69. Berk M, Parker G. L'elefante sul divano: effetti collaterali della psicoterapia. Aust NZJ Psychiatry. 2009; 43 (9): 787-794. [PubMed]
70. Green B. Effetti collaterali della psicoterapia. Progressi nel trattamento psichiatrico. 2011; 17 (6): 476.
71. Barlow DH. Effetti negativi da trattamenti psicologici: una prospettiva. Am Psychol. 2010; 65 (1): 13-20. [PubMed]
72. Shadick NA, Sowell NF, Frits ML, et al. Uno studio randomizzato e controllato di un intervento psicoterapeutico basato sui sistemi familiari interni sui risultati dell'artrite reumatoide: uno studio proof-of-concept. J Rheumatol. 2013; 40 (11): 1831-1841. [PubMed]
73. Turk DC. Il potenziale di adattamento del trattamento per sottogruppi di pazienti con dolore cronico: lumping versus splitting. Clin J Pain. 2005; 21 (1): 44-55. discussione 69-72. [PubMed]
74. Turk DC, Okifuji A, Sinclair JD, Starz TW. Risposte differenziali da parte di sottogruppi psicosociali di pazienti con sindrome fibromialgica a un trattamento interdisciplinare. Artrite Care Res. 1998; 11 (5): 397-404. [PubMed]
75. Kerns RD, Turk DC, Rudy TE. L'inventario del dolore multidimensionale di West Haven-Yale (WHYMPI). 1985; 23 (4): 345-356. [PubMed]
76. Von Korff M, Ormel J, Keefe FJ, Dworkin SF. Valutare la gravità del dolore cronico. Dolore. 1992; 50 (2): 133-149. [PubMed]
77. Kerns RD, Rosenberg R, Jamison RN, Caudill MA, Haythornthwaite J. Disponibilità ad adottare un approccio autogestito al dolore cronico: il Pain Stages of Change Questionnaire (PSOCQ) Pain. 1997; 72 (1-2): 227-234. [PubMed]
78. Kratz AL, Molton IR, Jensen MP, Ehde DM, Nielson WR. Ulteriore valutazione del modello motivazionale dell'autogestione del dolore: affrontare il dolore cronico nella sclerosi multipla. Ann Behav Med. 2011; 41 (3): 391-400. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
79. Reese C, Mittag O. Interventi psicologici nella riabilitazione di pazienti con lombalgia cronica: evidenze e raccomandazioni da revisioni sistematiche e linee guida. Int J Rehabil Res. 2013; 36 (1): 6-12. [PubMed]
80. Kraaimaat F, Brons MR, Geenen R, Bijlsma JW. L'effetto della terapia cognitivo-comportamentale nei pazienti con artrite reumatoide. Behav Res Ther. 1995; 33 (5): 487-495. [PubMed]
81. Wetherell JL, Afari N, Rutledge T, et al. Uno studio randomizzato e controllato di terapia di accettazione e impegno e terapia cognitivo-comportamentale per il dolore cronico. Dolore. 2011; 152 (9): 2098-2107. [PubMed]
82. Tang NK, Goodchild CE, Salkovskis PM. Terapia cognitivo-comportamentale ibrida per soggetti con insonnia e dolore cronico: uno studio pilota randomizzato controllato. Behav Res Ther. 2012; 50 (12): 814-821. [PubMed]
83. Knoop H, Stulemeijer M, Prins JB, Van der Meer JW, Bleijenberg G. La terapia cognitivo-comportamentale per la sindrome da stanchezza cronica è efficace anche per i sintomi del dolore? Behav Res Ther. 2007; 45 (9): 2034-2043. [PubMed]
84. Vescovo SR. Cosa sappiamo veramente della riduzione dello stress basata sulla consapevolezza? Psychosom Med. 2002; 64 (1): 71-83. [PubMed]
85. Turner JA, Holtzman S, Mancl L. Mediatori, moderatori e predittori di cambiamenti terapeutici nella terapia cognitivo-comportamentale per il dolore cronico. Dolore. 2007; 127 (3): 276-286. [PubMed]
86. Park J, Hughes AK. Approcci non farmacologici per la gestione del dolore cronico negli anziani in età abitativa in comunità: una revisione delle evidenze empiriche. J Am Geriatr Soc. 2012; 60 (3): 555-568. [PubMed]
87. Kraaij V, Pruymboom E, Garnefski N. Coping cognitivo e sintomi depressivi negli anziani: uno studio longitudinale. Invecchiamento salute mentale. 2002; 6 (3): 275-281. [PubMed]
88. Keefe FJ, Porter L, Somers T, Shelby R, Wren AV. Interventi psicosociali per la gestione del dolore negli anziani: risultati e implicazioni cliniche. Br J Anaesth. 2013; 111 (1): 89-94. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
89. Nicholson NL, Blanchard EB. Una valutazione controllata del trattamento comportamentale del mal di testa cronico negli anziani. Behav Ther. 1993; 24 (3): 395-408.
90. Morone NE, Greco CM. Interventi mente-corpo per il dolore cronico negli anziani: una revisione strutturata. Dolore Med 2007; 8 (4): 359-375. [PubMed]
91. Fuentes M, Hart-Johnson T, Green CR. L'associazione tra stato socioeconomico di vicinato, razza e dolore cronico negli adulti in bianco e nero. J Natl Med Assoc. 2007; 99 (10): 1160-1169. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
92. Naylor MR, Naud S, Keefe FJ, Helzer JE. Risposta vocale interattiva terapeutica (TIVR) per ridurre l'uso di farmaci analgesici per la gestione del dolore cronico. J Pain. 2010; 11 (12): 1410-1419. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
93. Hoch DB, Watson AJ, Linton DA, et al. La fattibilità e l'impatto del fornire un intervento corpo-mente in un mondo virtuale. PLoS One. 2012; 7 (3): e33843. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
94. Buhrman M, Skoglund A, Husell J, et al. Accettazione guidata da Internet e terapia di impegno per pazienti con dolore cronico: uno studio controllato randomizzato. Behav Res Ther. 2013; 51 (6): 307-315. [PubMed]
95. Davis MC, Zautra AJ. Un intervento di mindfulness online finalizzato alla regolazione socio-emotiva della fibromialgia: risultati di uno studio controllato randomizzato. Ann Behav Med. 2013; 46 (3): 273-284. [PubMed]
96. Macea DD, Gajos K, Daglia Calil YA, Fregni F. L'efficacia degli interventi cognitivi comportamentali basati sul web per il dolore cronico: una revisione sistematica e una meta-analisi. J Pain. 2010; 11 (10): 917-929. [PubMed]
97. Schrooten MG, Vlaeyen JW, Morley S. Interventi psicologici per il dolore cronico: esaminati nel contesto del perseguimento degli obiettivi. Gestione del dolore. 2012; 2 (2): 141-150. [PubMed]
98. Bailey KM, Carleton RN, Vlaeyen JW, Asmundson GJ. Trattamenti che affrontano la paura e l'ansia legate al dolore nei pazienti con dolore muscoloscheletrico cronico: una revisione preliminare. Cogn Behav Ther. 2010; 39 (1): 46-63. [PubMed]
99. Glombiewski JA, Sawyer AT, Gutermann J, Koenig K, Rief W, Hofmann SG. Trattamenti psicologici per la fibromialgia: una meta-analisi. Dolore. 2010; 151 (2): 280-295. [PubMed]
100. Castel A, Cascón R, Padrol A, Sala J, Rull M. Terapia cognitivo-comportamentale multicomponente di gruppo con ipnosi per il trattamento della fibromialgia: esito a lungo termine. J Pain. 2012; 13 (3): 255-265. [PubMed]
101. Gross AR, Kaplan F, Huang S, et al. Assistenza psicologica, educazione del paziente, plantari, ergonomia e strategie di prevenzione per il dolore al collo: una panoramica sistematica aggiornata come parte del Progetto ICON. Apri Orthop J. 2013; 7: 530-561. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
102. Hunt MA, Keefe FJ, Bryant C, et al. Intervento di formazione per fisioterapisti, esercizi combinati e allenamento per affrontare il dolore per le persone con osteoartrite del ginocchio: uno studio pilota. Ginocchio. 2013; 20 (2): 106-112. [PubMed]
103. Bruflat AK, Balter JE, McGuire D, Fethke NB, Maluf KS. Gestione dello stress in aggiunta alla terapia fisica per il dolore cronico al collo. Fisico 2012; 92 (10): 1348-1359. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
104. Lamb SE, Mistry D, Lall R, et al. Gruppo di prova sulla formazione delle abilità di schiena Interventi cognitivi comportamentali di gruppo per la lombalgia in cure primarie: follow-up esteso del dolore alla prova di allenamento di back skill (ISRCTN54717854). 2012; 153 (2): 494-501. [PubMed]

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Secondo le statistiche, circa il 80% delle persone avverte i sintomi del mal di schiena almeno una volta nel corso della vita. Mal di schiena è un reclamo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Spesso, la degenerazione naturale della colonna vertebrale con l'età può causare mal di schiena. Ernia discale si verificano quando il centro morbido, simile ad un gel di un disco intervertebrale, spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno della cartilagine, comprimendo e irritando le radici nervose. Le ernie del disco si verificano più comunemente lungo la parte inferiore della schiena, o colonna vertebrale lombare, ma possono anche verificarsi lungo la colonna cervicale o collo. L'incidenza dei nervi che si trovano nella regione lombare a causa di lesioni e / o di una condizione aggravata può portare a sintomi di sciatica.

ARGOMENTO PIÙ IMPORTANTE: Gestione dello stress sul posto di lavoro

ARGOMENTI PIÙ IMPORTANTI: EXTRA EXTRA: Trattamento lesioni da incidente stradale El Paso, TX Chiropractor

Post Recenti

Alcuni modi per gestire il mal di schiena cronico durante l'estate

Il mal di schiena cronico non deve rovinare la stagione estiva. L'approccio migliore è ... Leggi di più

Giugno 26, 2020

Bretelle al collo, collari cervicali: tipi di rinforzi spinali

Un individuo potrebbe aver bisogno di indossare un tutore per il collo o un collo cervicale dopo la colonna cervicale ... Leggi di più

Giugno 25, 2020

Salute e benessere: stress ossidativo

Lo stress ossidativo rappresenta uno squilibrio nel corpo. Questo squilibrio è tra le specie reattive dell'ossigeno ... Leggi di più

Giugno 24, 2020

La meningite spinale può colpire la colonna vertebrale: cosa sapere

La meningite spinale non colpisce solo il cervello. La maggior parte pensa alla meningite come a un cervello ... Leggi di più

Giugno 24, 2020