Inattività fisica collegata alla perdita di indipendenza | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Inattività fisica legata alla perdita di indipendenza

Essere fisicamente inattivi aumenta il rischio di perdere la capacità di svolgere attività quotidiane - sia prima che dopo un ictus - in base ai risultati di uno studio statunitense a lungo termine.

"L'attività fisica ha ridotto il rischio di dipendenza in entrambe le attività di base della vita quotidiana (ad esempio, vestirsi e attraversare una stanza) e attività strumentali della vita quotidiana (ad esempio, gestire denaro o fare la spesa), che sono considerati più cognitivamente impegnativo ", ha detto l'autrice principale Pamela M. Rist di Brigham e Women's Hospital e Harvard TH Chan School of Public Health a Boston.

"Queste attività strumentali della vita quotidiana possono essere determinanti importanti della qualità della vita tra i pazienti colpiti da ictus, quindi è importante trovare fattori che riducano il rischio di dipendenza in queste attività così come nelle attività di base della vita quotidiana", ha detto a Reuters Health per e-mail.

Il team di Rist ha studiato gli individui 18,117 che hanno partecipato allo studio nazionale sulla salute e sul pensionamento nel tentativo di scoprire se l'attività fisica e l'indice di massa corporea (BMI), una misura comune di sovrappeso e obesità, possano prevedere la disabilità.

Durante gli anni di follow-up di 12, la quantità di attività fisica che le persone facevano non era associata al rischio di ictus, ma era associata alla probabilità di essere indipendente tre anni dopo un ictus.

Coloro che erano fisicamente inattivi al basale erano significativamente meno probabilità di essere indipendenti a quel punto, rispetto a quelli che erano fisicamente attivi al basale.

Sorprendentemente, questa differenza tra sopravvissuti inattivi e inattivati ​​è stata evidente anche tre anni prima del loro ictus, i ricercatori riportano sul diario Neurologia.

L'obesità, al contrario, era associata ad un aumentato rischio di ictus, ma non era associato alla perdita di indipendenza durante il periodo di follow-up, indipendentemente dal fatto che un individuo abbia subito un ictus.

"Gli individui possono ridurre il loro rischio di dipendenza prima e dopo gli eventi di ictus essendo fisicamente attivi, che nel nostro studio è stato definito come la partecipazione a un'attività fisica vigorosa almeno tre volte a settimana", ha detto Rist.

I ricercatori raccomandano ulteriori studi per chiarire se l'aumento dell'attività fisica potrebbe anche migliorare i risultati dopo un ictus.