Categorie: Anti AgingBenessere

Omega-3 e Omega-6 Acidi grassi possono lentamente invecchiare

Condividi

Nuova ricerca statunitense ha trovato prove che includere omega-3 e omega-6 acidi grassi nella dieta può aiutare a promuovere l'invecchiamento sano del cervello.

Condotto da Marta Zamroziewicz dell'Università dell'Illinois, il gruppo di ricerca ha condotto due studi che hanno esaminato gli acidi grassi polinsaturi omega-3 e omega-6 nel sangue degli adulti di età compresa tra 65 e 75 e una possibile relazione tra questi acidi grassi e il struttura del cervello dei partecipanti e prestazioni cognitive.

Poiché il cervello è costituito da parti interconnesse che invecchiano al proprio ritmo, alcune strutture del cervello e la loro funzione si deteriorano prima di altri.

Il primo studio, pubblicato nella rivista Neuroscienze nutrizionali, focalizzata sulla rete frontoparietale. Questa parte del cervello svolge un ruolo importante nell'intelligenza fluida, che è la capacità di risolvere nuovi problemi che non sono stati incontrati prima.

Il team ha cercato un collegamento tra la dimensione di questa rete, le prestazioni sui test di intelligenza fluida e i livelli di diversi acidi grassi omega-3 nel sangue.

I risultati hanno mostrato che quelli con livelli ematici più alti di tre acidi grassi omega-3 - ALA, acido stearidonico e acido ecosatrienoico - tendevano anche ad avere una corteccia frontale più ampia, che predisse le prestazioni dei soggetti nei test di intelligenza fluida.

Il secondo studio, pubblicato nella rivista Invecchiamento e malattia, guardò la struttura della materia bianca del fornice, che si trova al centro del cervello ed è importante per la memoria. Ricerche precedenti hanno anche scoperto che il fornice è una delle prime regioni del cervello ad essere colpite nella malattia di Alzheimer.

Nella nuova ricerca la squadra ha anche scoperto che la dimensione del fornix è stata associata ad un livello equilibrato di omega-3 e omega-6 acidi grassi nel sangue e che un fornix più grande è stato collegato con una migliore memoria negli adulti più anziani.

Sebbene il team abbia osservato che sono necessarie ulteriori ricerche per testare la loro ipotesi, Zamroziewicz ha aggiunto che "Queste scoperte hanno importanti implicazioni per la dieta occidentale, che tende ad essere squilibrata con elevate quantità di acidi grassi omega-6 e basse quantità di grassi omega-3 acidi “.

"Un sacco di ricerche ci dicono che le persone hanno bisogno di mangiare pesce e olio di pesce per ottenere effetti neuroprotettivi da questi particolari grassi, ma questa nuova scoperta suggerisce che anche i grassi che otteniamo da noci, semi e oli possono anche fare la differenza il cervello ", ha aggiunto.

Post Recenti

Alcuni modi per gestire il mal di schiena cronico durante l'estate

Il mal di schiena cronico non deve rovinare la stagione estiva. L'approccio migliore è ... Leggi di più

Giugno 26, 2020

Bretelle al collo, collari cervicali: tipi di rinforzi spinali

Un individuo potrebbe aver bisogno di indossare un tutore per il collo o un collo cervicale dopo la colonna cervicale ... Leggi di più

Giugno 25, 2020

La meningite spinale può colpire la colonna vertebrale: cosa sapere

La meningite spinale non colpisce solo il cervello. La maggior parte pensa alla meningite come a un cervello ... Leggi di più

Giugno 24, 2020