Omega-3-6-9 Acidi grassi e malattie cardiovascolari | Clinica del benessere | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Omega-3-6-9 Acidi grassi e malattie cardiovascolari | Clinica del benessere

Dal momento che l'originale American Heart Association, o l'AHA, Science Advisory è stato pubblicato nel 1996, sono state riportate diverse nuove scoperte fondamentali sui benefici degli acidi grassi omega sulle malattie cardiovascolari, CVD, in particolare quella degli acidi grassi omega-3. Le prove a sostegno dei benefici clinici degli acidi grassi omega e della CVD provengono da una varietà di studi di ricerca e da studi randomizzati e controllati.

 

In che modo gli acidi grassi omega sono utili per le malattie cardiovascolari?

 

Studi epidemiologici su vasta scala suggeriscono che le persone a rischio di malattia coronarica, o CHD, traggono beneficio dal consumo di acidi grassi omega-3 da piante e fonti marine. Ulteriori studi di ricerca suggeriscono che sia l'omega 3 che l'omega 6 sono essenziali per il miglioramento della salute del cuore, sebbene gli acidi grassi omega-9 forniscano anche proprietà benefiche per le persone con CVD, CHD e ipertensione.

Acidi grassi Omega-3 e Omega-6

Gli acidi grassi omega-3 trovati in pesci d'acqua fredda, oli di pesce, lino, semi di lino, olio di semi di lino e noci hanno dimostrato che potevano abbassare la pressione sanguigna, o BP, osser-vazionale, epidemiologica e in studi clinici prospettici I risultati sono migliorati in risposta a ipertensione e altre malattie cardiovascolari.

 

Gli studi indicano che il DHA a 2 g / d riduce la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca. La riduzione della pressione arteriosa è di 8/5 mmHg e generalmente diminuisce di circa 6 battiti / min. Anche l'olio di pesce in 4-9 g / die o una miscela di DHA ed EPA in 3-5 g / die può ridurre la pressione arteriosa. Tuttavia, la produzione di EPA ed eventualmente DHA da ALA diminuisce in presenza di grandi LA (l'acido grasso omega-6 cruciale), grassi saturi, acidi grassi trans, alcol e diverse carenze di nutrienti (magnesio, vitamina B6) così come invecchiamento, che inibiscono tutti gli enzimi desaturasi.) Per ridurre la pressione arteriosa nei pazienti ipertesi, mangiare pesce d'acqua fredda ogni settimana può essere efficace quanto l'olio di pesce ad alte dosi e le proteine ​​nel pesce potrebbero fornire ulteriori effetti benefici. In pazienti con malattia renale cronica, ad esempio, 4 g di acidi grassi omega-3 hanno ridotto la pressione arteriosa misurata con ABM di 24 ore su 8 settimane da 3.3 / 2.9 mmHg, rispetto al placebo (p <0.0001).

 

Il rapporto perfetto di omega-6 FA in omega-3 FA è compreso tra 1: 1 a 1: 4 con un rapporto grasso polinsaturo a saturo superiore a 1.5 a 2: 0. ENOS mentre l'ossido di azoto aumenta, migliorando la funzione, aumentando la sensibilità all'insulina per sopprimere l'attività dell'ACE, ridurre il picco di calcio e migliorare il tono parasimpatico. La famiglia FA comprende GLA, LA, dihomo-GLA e AA, che generalmente non abbassano considerevolmente la pressione sanguigna, tuttavia potrebbero arrestare aumenti della pressione arteriosa. GLA può ostacolare l'ipertensione riducendo i livelli di aumento di PGE1 e PGI2, riducendo l'affinità e la densità di AT1R.

 

L'omega-3 FA possiede un gran numero di effetti aggiuntivi che modulano la riduzione dell'attività dell'ACE, la crescita dell'ED, la riduzione del plasma non-epinefrina e l'aumento del tono parasimpatico. La pressione sanguigna, ad esempio, aumenta l'ossido nitrico e l'eNOS per il miglioramento della resistenza all'insulina. La dose giornaliera raccomandata è 3000 a 5000 mg / die di DHA ed EPA combinati in un rapporto di EPA di parti 3 in due parti DHA e approssimativamente 50 della dose come GLA insieme a tocoferolo gamma / delta a 100 mg per grammo di DHA e EPA per trovare l'indice omega-3 a 8 percentuale o superiore per diminuire BP e fornire una cardioprotezione ottimale. Il DHA è più efficace dell'EPA e deve essere assegnato a due g / d se somministrato in modo indipendente.

 

Omega-9 Acidi grassi

 

L'olio d'oliva è abbondante nell'acido lattico dei grassi monoinsaturi omega-9 (MUFA), che è stato associato alla pressione arteriosa e alla diminuzione dei lipidi nelle diete mediterranee e in altri tipi di diete. I MUFA e l'olio d'oliva mostrano riduzioni della BP. In un singolo studio, l'SBP è sceso di 8 mmHg (p ≤ 0.05) e il DBP è sceso di 6 mmHg (p ≤ 0.01) nello studio e nel monitoraggio ambulatoriale della PA 24 ore nei soggetti trattati con MUFA rispetto a questi problemi trattati con PUFA. Inoltre, il fabbisogno di farmaci antipertensivi è stato ridotto del 48% nel gruppo MUFA rispetto al 4% nel gruppo PUFA omega-6 (de <0.005).

 

L'olio extra vergine di oliva (EVOO) è stato più potente dell'olio di girasole nell'abbassare la SBP in un gruppo di 31 pazienti ipertesi anziani in uno studio cross-over randomizzato in doppio cieco. La SBP è stata di 136 mmHg dai soggetti trattati con EVOO contro 150 mmHg nel gruppo trattato con girasole (p <0.01). L'olio d'oliva riduce anche la pressione arteriosa nei soggetti diabetici. È l'elevato contenuto di acido oleico nell'olio che riduce la BP. Nello stadio Iperteso, l'oleuropeina-foglia d'olivo (Olea Eurpoaea) estrae 500 mg bid per 8 settimane ha diminuito la pressione arteriosa di 11.5 / 4.8 mmHg che era simile a captopril 25 mg bid. L'infusione acquosa di Olea Eupopea L somministrata a 12 pazienti che utilizzavano ipertensione in 400 mg qid per 3 mesi ha ridotto significativamente la pressione arteriosa (p <0.001). L'ingestione di olio nello studio EPIC su 20343 soggetti era associata sia alla pressione arteriosa sistolica che diastolica. Nell'analisi della luce solare di 6863 aree, la BP era inversamente associata al consumo di olio d'oliva, ma solo nei maschi. A dosi da 500 a 1000 rispetto all'estratto di foglie di placebo ha dimostrato una riduzione della risposta alla dose in uno studio su 40 gemelli ipertesi.

 

I gruppi a dose molto bassa hanno ridotto BP 3 / 1 mmHg e la dose 11 / 4 mmHg. Uno studio di intervento dietetico crossover in doppio cieco, randomizzato e crossover su 4 mo utilizzando olio di oliva ricco di polifenolo 30 mg / d ha ridotto la PA nel gruppo di studio da 7.91 / 6.65 mmHg e ha migliorato la funzione endoteliale. OxLDL, i livelli di ADMA e HS-CRP sono diminuiti nel gruppo di olio d'oliva. Nitriti e nitrati di plasma migliorati e regione dopo ischemia migliorata nel gruppo trattato. L'olio di jojoba esercita effetti antagonisti del canale del calcio inibisce il recettore che è AT1R e migliora i riflessi delle onde e l'indice di aumento. EVOO contiene anche fitonutrienti liposolubili come i polifenoli. Circa 5 mg di fenoli si trovano in 10 g di EVOO. Informazioni sui cucchiai 4 di EVOO equivale al grammo 40 di EVOO che è il totale necessario per ottenere riduzioni sostanziali.

 

In conclusione, studi di ricerca e studi randomizzati e controllati hanno documentato in modo convincente che gli acidi grassi omega possono ridurre significativamente l'insorgenza di malattie cardiovascolari, malattia coronarica e ipertensione. Sono necessari ulteriori studi clinici per confermare i benefici degli acidi grassi omega. È preferibile un approccio alimentare per aumentare gli acidi grassi omega-3-6-9, sebbene gli integratori siano un'alternativa adeguata. Sono necessari ulteriori studi clinici e meccanicistici per confermare e definire ulteriormente i benefici per la salute degli acidi grassi omega per la prevenzione primaria e secondaria.

 

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alle lesioni e alle condizioni chiropratiche e spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

Dott. Alex Jimenez

 

Ulteriori argomenti: Benessere

 

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

 

foto di blog di cartone animato grande notizie

 

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Chiropratica

 

 

Everbright Wellness El Paso
WEBINAR di eventbrite®

Storia funzionale online di Medicince
ESAME DI MEDICINA FUNZIONALE ONLINE 24 • 7

Storia in linea
STORIA ONLINE 24 • 7

COMODAMENTE ONLINE 24 • 7