Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Nutrigenomica: la nostra produzione e genetica di energia cellulare

Abbiamo migliaia di cellule che svolgono costantemente compiti in tutto il nostro corpo. Tuttavia, per funzionare correttamente, ognuna di queste cellule deve ricavare la sua energia da qualche parte. Per ottenere correttamente l'energia necessaria, si verificano una serie di reazioni chimiche dipendenti dall'energia. L'energia a cui ci si riferisce è l'adenosina trifosfato, meglio conosciuta come ATP. Il corpo umano crea ATP così abbondantemente che è stato detto che ogni individuo trasforma il proprio peso corporeo in ATP ogni giorno.

Dove viene creata l'energia?

Quasi tutto l'ATP è prodotto nei mitocondri alloggiati nel muscolo, nel cervello, nel fegato, nel cuore e nel tratto gastrointestinale. I mitocondri sono un organello che si trova all'interno di una cellula. Sebbene molti conoscano i mitocondri con il loro soprannome, `` la centrale elettrica della cellula '' ha più doveri della semplice produzione di energia. Ad esempio, i mitocondri svolgono anche un ruolo nell'apoptosi, nel metabolismo e nella sintesi dei cluster ferro-zolfo. Per produrre energia, il corpo richiede proteine, carboidrati e lipidi. Questi macronutrienti sono tutti in grado di essere catabolizzati e immagazzinati in legami chimici convertiti in ATP

Il ciclo di Krebs

Il ciclo di Krebs prende il nome da Hans Krebs che scoprì questo processo nel 1937. Allo stesso modo, il ciclo di Krebs è anche indicato come ciclo dell'acido citrico e TCA (ciclo dell'acido tricarbossilico). Lo scopo del ciclo di Krebs è collegare le fasi anaerobica e aerobica del metabolismo al fine di massimizzare la risintesi di ATP. Tuttavia, il ciclo di Krebs fa molto di più che generare ATP. Il ciclo di Krebs riduce anche gli equivalenti sotto forma di NADH. Ciò è essenziale in quanto la riduzione di equivalenti come NADH e FADH2 è essenziale affinché le nostre cellule mantengano uno stato redox appropriato.

Come funziona il ciclo di Krebs?

Passo 1: L'introduzione di 2 atomi di carbonio presentati come acetil-CoA. Da qui, un protone viene perso dal carbonio metilico dell'acetil-CoA. Questa reazione genera citroil-CoA. Citroyl-CoA è un intermedio instabile. Questo intermedio viene idrolizzato dall'enzima e produce citrato

Passo 2: Questo passaggio prevede la modifica del citrato in isocitrato. Viene prima disidratato. Successivamente l'acqua viene nuovamente aggiunta alla reazione e l'isocitrato viene rilasciato dall'enzima

Passo 3: L'isocitrato è disidratato e perde uno ione idrogeno e idruro. Questo è il trasferimento di elettroni dall'isocitrato al NAD + che viene successivamente ridotto per formare la prima molecola di NADH. Questo ci dà un intermedio legato all'enzima, l'oxalosuccinato. L'oxalosuccinato quindi decarbossila e viene rilasciato dall'enzima. Alcuni atomi si perdono qui e diventano anidride carbonica. Il NADH che si è formato in questa fase essenziale trasporta gli elettroni all'ETC

Passo 4: Un complesso multienzimatico viene utilizzato qui e richiede cinque coenzimi. Questi coenzimi includono pirofosfato di tiamina, acido lipoico, coenzima A, FAD e NAD +. Il prodotto di questa reazione è succinil-CoA. Infine, il succinil-CoA a 4 atomi di carbonio verrà riorganizzato portando a una molecola a bassa energia. L'energia rilasciata viene sfruttata per la creazione di NADH, GADH2 e ATP

Passo 5: Questo passaggio utilizza l'energia potenziale del succinil-CoA per guidare la formazione di guanosina trifosfato. Il GTP è isoenergetico con l'ATP e può essere utilizzato per risintetizzare l'ATP con l'aiuto di un gruppo fosfato.

Passo 6: Il succinato è ora deidrogenato per formare fumarato. Questa reazione dipende dalla FAD. FAD è più potente per l'ossidazione rispetto a NAD +. L'acqua viene aggiunta al fumarato ed elimina un doppio legame che forma L-malato

Passo 7: La perdita di H + e H- consente all'ossalacetato di unirsi con l'acetil-CoA per formare una molecola di citrato a sei atomi di carbonio e ricominciare il ciclo.

Il ciclo di Krebs si svolge nella matrice mitocondriale. È essenziale per il metabolismo catturando l'energia chimica nei legami dell'acetil-CoA e portando l'energia alla catena di trasporto degli elettroni (ETC) tramite i coenzimi. L'ETC mantiene l'energia per la risintesi. Una volta che il ciclo di Krebs ha generato i coenzimi ridotti NADH e FADH2, questi si trasferiscono dalla matrice mitocondriale alla membrana mitocondriale.

Generazione di superossido e contrattempi genetici

Per avviare la generazione e la produzione di superossido, l'ETC inizia con l'estrazione di NADH e FADH2. Questi elettroni sono creati dal ciclo di Krebs a cui si fa riferimento sopra. Questi elettroni vengono trasmessi con conseguente riduzione di O2 in acqua. Durante questo processo, i protoni vengono pompati nello spazio intermembrana e si forma un gradiente elettrochimico. L'ATP sintasi viene utilizzato per guidare l'ATP da ADP. Se durante questa fase si verifica una `` perdita '' di elettroni, si verifica la formazione di anione superossido

La generazione del radicale superossido ha il potenziale per generare una serie di specie ossidative reattive. È molto importante che le nostre cellule regolino l'attività e si proteggano. Il gene SOD2 codifica per la sintesi dell'enzima MnSOD. Alcuni ricercatori ritengono che il ruolo che svolge sia il `` guardiano della centrale elettrica ''

Per ulteriori informazioni sul manganese superossido dismutasi, consultare questo articolo:

"Manganese Superoxide Dismutase: Guardian of The Powerhouse".

Un test specifico che utilizziamo nella nostra clinica per valutare i pazienti e il loro ciclo di Krebs insieme ad altri fattori di micronutrienti è il test dei micronutrienti di SpectraCell. Di seguito è possibile visualizzare un report di esempio:

Fattori e geni ambientali

Nell'ultimo decennio è emersa una ricerca che ora mostra scientificamente i dati tra i nostri geni e fattori ambientali. Abbiamo la capacità di influenzare i nostri geni in modo positivo e alterare il nostro futuro. Lo sappiamo infiammazione è collegato a oltre 100 disturbi degenerativi della salute, può influire sul ciclo di Krebs ed è correlato neurodegenerativa e malattie autoimmuni. Il sistema nervoso è direttamente influenzato dall'infiammazione e dall'energia prodotta dal ciclo di Krebs. I fattori ambientali che influenzano non solo i nostri geni ma anche il nostro sistema nervoso e il modo in cui rispondiamo / reagiamo agli incidenti includono tossine, sostanze chimiche, plastica e infiammazioni causate dalla sensibilità alimentare.

Si pensava che il sistema nervoso fosse `` fisso '', simile ai nostri geni. Tuttavia, ora vediamo che utilizzando neurologia funzionale chiropratica e aggiustamenti manuali, possiamo innescare e modificare specifiche esperienze sensoriali, motorie e cognitive. Attivando ripetutamente un paio di neuroni, produciamo la comunicazione tra i neurotrasmettitori. Questo rimanda indietro i fattori di crescita neurotrofici e alla fine promuove una connessione stabile

In un simile treno di pensieri, possiamo alterare l'espressione dei nostri geni e la produzione del ciclo di Krebs riducendo l'infiammazione e controllando il cibo e le sostanze che ingeriamo. A partire dalla cucina, se nutriamo i nostri corpi con fattori antinfiammatori a cui i nostri geni rispondono bene, vedremo un cambiamento significativo nella nostra salute. Abbiamo la capacità di valutare i tuoi specifici fattori genetici e quali linee guida dietetiche è meglio seguire. Un test che usiamo viene da Vita nel DNA detto Dieta del DNA. Di seguito è riportato un esempio di questo rapporto:

Per ulteriori informazioni sugli SNP e le varianti genetiche, rivedere questo studio eseguito:

ï ¿½ Le varianti genetiche nei geni degli enzimi chiave del ciclo dell'acido tricarbossilico sono associate alla prognosi dei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule

Sta diventando sempre più prevalente che il nostro ambiente e i nostri stili di vita influenzino pesantemente la persona che siamo. Molti anni fa pensavamo che se tu fossi malato di una condizione autoimmune, questo fosse codificato nella tua genetica. Tuttavia, ora stiamo vedendo il ruolo intenso che il cibo che mangiamo e le cure preventive che forniamo ai nostri corpi, come gli aggiustamenti chiropratici stanno alterando i nostri geni e il nostro futuro in meglio. La riduzione dell'infiammazione deve avvenire internamente e fisicamente. Iniziando dalla cucina e seguendo questi fattori influenti fino ai geni, vediamo che siamo in grado di avere un impatto fino al nostro livello mitocondriale, solo dalle proteine, dai grassi e dai carboidrati che mangiamo e come aiutiamo sintetizziamo noi stessi la produzione di energia. -Kenna Vaughn, Senior Health Coach

 

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento sopra, non esitate a chiedere Il dottor Alex Jimenez o contattaci al 915-850-0900.

 

Riferimenti:

Holley AK, Bakthavatchalu V, Velez-Roman JM, St Clair DK. Superossido di manganese dismutase: custode della centrale elettrica. Int J Mol Sci. 2011;12(10):7114?7162. doi:10.3390/ijms12107114

Margach RW (2017). Neurologia funzionale chiropratica: un'introduzione. Medicina integrativa (Encinitas, California), 16(2), 44-45.

Guo X, Li D, Wu Y, et al. Le varianti genetiche nei geni degli enzimi chiave del ciclo dell'acido tricarbossilico sono associate alla prognosi di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule. Lung Cancer. 2015;87(2):162?168. doi:10.1016/j.lungcan.2014.12.005