Nomenclatura del disco lombare: versione 2.0 | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Nomenclatura del disco lombare: versione 2.0

Che cos'è un disco erniato?

La colonna vertebrale è costituita da ossa 24, chiamate vertebre, che sono impilate l'una sull'altra. Queste ossa del midollo spinale sono infine collegate, creando un canale per proteggere il midollo spinale. Tra ogni vertebra sono dischi intervertebrali pieni di liquido che agiscono come ammortizzatori per la colonna vertebrale. Nel tempo, tuttavia, questi i dischi flessibili a forma di ciambella possono iniziare a erniare, dove il nucleo del disco intervertebrale spinge contro il suo anello esterno, causando lombalgia. Di seguito, dimostreremo i vari tipi di ernie discali e discuteremo le loro cause, i sintomi e le opzioni di trattamento.

Astratto

Sfondo CCONTESTO

Il documento '' Nomenclatura e classificazione dei dischi patologie lombari, raccomandazioni dei gruppi di lavoro combinate del North American Spine Society, l'American Society of Spine Radiology e della Società Americana di Neuroradiologia, '' è stato pubblicato nel 2001 a Spine (© Lippincott, Williams e Wilkins). È stato creato da David Fardon, MD, e Pierre Milette, MD, e formalmente approvato dall'American Society of Spine Radiology (ASSR), dall'American Society of Neuroradiology (ASNR) e dalla North American Spine Society (NASS). Il suo scopo era quello di promuovere una maggiore chiarezza e coerenza dell'uso della terminologia spinale, ed è servito a questo scopo per oltre un decennio. Dal momento che 2001, c'è stata un'evoluzione sufficiente nella nostra comprensione del disco lombare per suggerire la necessità di revisione e aggiornamento del documento originale. Il documento revisionato è presentato qui e rappresenta le raccomandazioni di consenso delle task force contemporanee combinate di ASSR, ASNR e NASS. Questo articolo riflette i cambiamenti coerenti con i concetti attuali di cura radiologica e clinica.

Scopo

Fornire una risorsa che promuova una chiara comprensione della terminologia del disco lombare tra clinici, radiologi e ricercatori. Tutti gli interessati hanno bisogno di termini standard per le patologie normali e patologiche dei dischi lombari che possono essere utilizzati in modo accurato e coerente e quindi meglio servire i pazienti con disturbi del disco.

Studio Design

Questo articolo comprende una revisione della letteratura.

Metodi

Una ricerca PubMed è stata eseguita per la letteratura relativa al disco lombare. I membri della task force hanno esaminato individualmente e collettivamente la letteratura e rivisto il documento 2001. Il documento revisionato è stato quindi sottoposto per la revisione ai consigli di amministrazione di ASSR, ASNR e NASS. Dopo un'ulteriore revisione basata sul feedback dei consigli di amministrazione, l'articolo è stato approvato per la pubblicazione dai consigli di amministrazione delle tre società, in quanto rappresentativo delle raccomandazioni di consenso delle società.

risultati

L'articolo fornisce una discussione sulle categorie diagnostiche raccomandate relative al disco lombare: normale; variazione congenita / evolutiva; degenerazione; trauma; infezione / infiammazione; neoplasia; e / o variante morfologica di significato incerto. L'articolo fornisce un glossario dei termini relativi al disco lombare, una discussione dettagliata di questi termini e il loro uso raccomandato. I termini sono descritti come preferiti, non preferiti, non standard e colloquiali. Le illustrazioni aggiornate ritraggono pittoricamente alcuni termini chiave. Sono inclusi riferimenti bibliografici che hanno fornito le basi per le raccomandazioni della task force.

Conclusioni

Abbiamo rivisto e aggiornato un documento che, dal momento che 2001, ha fornito ampiamente accettabile nomenclatura che aiuta a mantenere la coerenza e l'accuratezza nella descrizione delle proprietà anatomiche e fisiologiche del disco lombare normale e anormale e che funge da sistema per la classificazione e il reporting basato su tale nomenclatura.

parole

Fessura anulare, Lacerazione anulare, Rigonfiamento disco (disco rigonfiamento), Degenerazione disco, Estrusione disco, Erosione del disco, Nomenclatura disco, Sporgenza disco, Zona ad alta intensità, Disco intervertebrale lombare

Prefazione

La nomenclatura e classificazione del disco lombare patologia consenso, pubblicato nel 2001, dagli sforzi di collaborazione della North American Spine Society (NASS), l'American Society of Spine Radiology (ASSR) e la Società Americana di Neuroradiologia (ASNR), ha guidato radiologi , medici e pubblico interessato da oltre un decennio [1]. Questo documento ha superato la prova del tempo. Rispondendo a un'iniziativa dell'ASSR, una task force di medici della colonna vertebrale di ASSR, ASNR e NASS ha esaminato e modificato il documento. Questo documento revisionato conserva il formato e la maggior parte della lingua dell'originale, con cambiamenti coerenti con i concetti attuali in ambito radiologico e clinico. Le modifiche riguardano principalmente: l'aggiornamento e l'espansione di testi, glossari e riferimenti per soddisfare le esigenze contemporanee; revisione dei dati per fornire una maggiore chiarezza; enfasi del termine "fessura anulare" al posto di "lacrima anulare"; raffinamento delle definizioni di ernia del disco "acuta" e "cronica"; revisione della distinzione tra ernia del disco e disco rigonfio asimmetricamente; eliminazione delle tabelle a favore di una maggiore chiarezza dal testo e dalle figure rivisti; e cancellazione della sezione di Reporting e Coding a causa di frequenti cambiamenti in quelle pratiche, che sono meglio affrontate da altre pubblicazioni. Sono stati apportati diversi altri emendamenti minori. Questa revisione aggiornerà una nomenclatura standard praticabile, accettata e utilizzata universalmente da medici generici e clinici.

Introduzione e Htoria

I medici hanno bisogno di termini standard per condizioni normali e patologiche dei dischi lombari [2, 3, 4, 5]. Termini che possono essere interpretati in modo accurato, coerente e con ragionevole precisione sono particolarmente importanti per comunicare le impressioni ottenute dall'imaging per il processo decisionale clinico diagnostico e terapeutico. Sebbene pulire campo la comprensione della terminologia del disco tra radiologi e medici è al centro di questo lavoro, tale comprensione può essere critica, anche per i pazienti, le famiglie, i datori di lavoro, gli assicuratori, i giuristi, i pianificatori sociali e i ricercatori.

In 1995, una task force multidisciplinare del NASS ha affrontato le carenze nei termini comunemente usati che definiscono le condizioni del disco lombare. Ha citato diverse documentazioni del problema [6, 7, 8, 9, 10, 11] e ha formulato raccomandazioni dettagliate per la standardizzazione. Il suo lavoro è stato pubblicato in una copubblicazione del NASS e dell'American Academy of Orthopaedic Surgeons [9]. Il lavoro non era stato approvato da organizzazioni importanti e non era stato riconosciuto come autorevole dalle organizzazioni di radiologia. Molti precedente [3, 7, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19] e alcuni successivi [20, 21, 22, 23, 24, 25] sforzi affrontati i problemi, ma erano di portata più limitata e nessuno aveva ottenuto un'accettazione diffusa.

Sebbene lo sforzo di NASS 1995 fosse il più completo al momento, rimase carente nel chiarire alcuni argomenti controversi, mancando nel suo trattamento di alcuni problemi, e non fornì raccomandazioni per la standardizzazione della classificazione e del reporting. Per affrontare i restanti bisogni e nella speranza di ottenere un appoggio sufficiente a dar luogo a standardizzazioni universali, le task forces congiunte (Co-Chairs David Fardon, MD e Pierre Milette, MD) sono state formate da NASS, ASNR e ASSR, con il risultato di la prima versione del documento "Nomenclatura e classificazione della patologia del disco lombare" [1]. Da allora, il tempo e l'esperienza hanno suggerito la necessità di revisioni e aggiornamenti del documento originale. Il documento revisionato è presentato qui.

I principi generali che hanno guidato il documento originale rimangono invariati in questa revisione. Le definizioni sono basate sull'anatomia e sulla patologia, principalmente come visualizzate sugli studi di imaging. Riconoscendo che alcuni criteri, in alcune circostanze, possono essere inconoscibili per l'osservatore, le definizioni dei termini non dipendono o implicano il valore di test specifici. Le definizioni di diagnosi non intendono implicare eventi eziologici esterni come un trauma, non implicano una relazione con i sintomi e non definiscono né implicano la necessità di un trattamento specifico.

Le task force, sia attuali che precedenti, hanno funzionato da un modello che potrebbe essere ampliato da uno scopo primario di fornire la comprensione delle relazioni di studi di imaging. Il risultato fornisce una semplice classificazione dei termini diagnostici, che può essere ampliata, senza contraddizioni, in sottoclassifiche più precise. Nel riferire la patologia, i gradi di incertezza sarebbero etichettati come tali piuttosto che compromettere le definizioni dei termini.

Tutti i termini usati nelle classificazioni e sottoclassifiche sono definiti e quelle definizioni sono rispettate in tutto il modello. Per uno scopo pratico, alcuni termini inglesi esistenti hanno significati diversi da quelli trovati in alcuni dizionari contemporanei. Le task force forniscono un elenco e una classificazione dei termini raccomandati, ma, riconoscendo la natura delle pratiche linguistiche, discutono e includono nel Glossario, termini usati e usati non utilizzati comunemente e definizioni non standard.

Sebbene i principi e la maggior parte delle definizioni di questo documento possano essere facilmente estrapolati alla colonna vertebrale cervicale e dorsale, l'attenzione è concentrata sulla colonna lombare. Sebbene sia necessario chiarire i termini relativi agli elementi posteriori, le dimensioni del canale spinale e lo stato dei tessuti neurali, questo lavoro è limitato alla discussione del disco. Sebbene non sia sempre possibile discutere in modo completo la definizione di termini anatomici e patologici senza alcun riferimento a sintomi ed eziologia, le definizioni stesse sono la prova dell'indipendenza dall'eziologia, dai sintomi o dal trattamento. A causa del focus su anatomia e patologia, questo lavoro non definisce alcune sindromi cliniche che possono essere correlate alla patologia del disco lombare [26].

Guidati da questi principi, abbiamo rivisto e aggiornato un documento che, dal momento che 2001, ha fornito una nomenclatura ampiamente accettabile che è praticabile per tutte le forme di osservazione, che affronta il contorno, il contenuto, l'integrità, l'organizzazione e le relazioni spaziali del disco lombare; e questo serve un sistema di classificazione e reporting basato su tale nomenclatura.

Categoria diagnostica e raccomandazioni sottocategorie

Queste raccomandazioni presentano categorie diagnostiche e sottocategorie intese per la classificazione e la segnalazione di studi di imaging. La terminologia utilizzata in queste categorie e sottocategorie raccomandate rimane coerente con le spiegazioni dettagliate fornite nella Discussione e con le definizioni preferite presentate nel Glossario.

Le categorie diagnostiche sono basate sulla patologia. Ogni disco lombare può essere classificato in termini di uno, e occasionalmente più di uno, delle seguenti categorie diagnostiche: normale; variazione congenita / evolutiva; degenerazione; trauma; infezione / infiammazione; neoplasia; e / o variante morfologica di significato incerto. Ogni categoria diagnostica può essere sottocategorizzata a vari gradi di specificità in base alle informazioni disponibili e allo scopo da servire. I dati disponibili per la categorizzazione possono indurre il reporter a caratterizzare l'interpretazione come "possibile", "probabile", "o" definito ".

Si noti che alcuni termini e definizioni discussi di seguito non sono raccomandati come terminologia preferita, ma sono inclusi per facilitare l'interpretazione del volgare e, in alcuni casi, l'uso improprio. I termini possono essere definiti come preferiti, non preferiti o non standard. I termini non standard per consenso delle task force organizzative non dovrebbero essere usati nel modo descritto.

pelle Normale

Normale definisce i dischi che sono morfologicamente normale, senza la considerazione del contesto clinico e non include cambiamenti degenerativi, sviluppo, o di adattamento che potrebbero, in alcuni contesti (ad esempio, invecchiamento normale, scoliosi, spondilolistesi), essere considerati clinicamente normale (Fig. 1).

Figura 1: normale disco lombare. (In alto a sinistra) Assiale, (in alto a destra) sagittale e (in basso) le immagini coronali dimostrano che il disco normale, composto da NP centrale e AF periferica, è interamente entro i limiti dello spazio del disco, come definito, craniad e caudale dal piastre terminali del corpo vertebrale e perifericamente dai piani dei bordi esterni delle apofisi vertebrali, esclusive degli osteofiti. NP, nucleo polposo; AF, annulus fibrosus.

Congenito / Sviluppo Variazione

La categoria di variazione congenita / evolutiva include dischi che sono congenitamente anormali o che hanno subito cambiamenti nella loro morfologia come adattamento della crescita anormale della colonna vertebrale, ad esempio da scoliosi o spondilolistesi.

Degenerazione

I cambiamenti degenerativi nei dischi sono inclusi in una vasta categoria che include le sottocategorie ragade anulare, degenerazione ed ernia.

Le fessure anulari sono separazioni tra le fibre anulari o le separazioni delle fibre anulari dai loro attaccamenti all'osso vertebrale. Le fenditure sono talvolta classificate in base al loro orientamento. Una "fessura concentrica" ​​è una separazione o delaminazione di fibre anulari parallele al contorno periferico del disco (figura 2). Una "fessura radiale" è una separazione verticalmente, orizzontale o obliqua di fibre anulari (o in affitto) che si estende dal nucleo verso l'esterno o attraverso l'anello. Una "fessura trasversale" è una fessura radiale orientata orizzontalmente, ma il termine è talvolta usato in senso stretto per riferirsi a una fessura orientata orizzontalmente limitata all'anello periferico che può includere la separazione di fibre anulari dall'osso apofisario. Fessure anulari relativamente larghe, con allungamento del margine anulare residuo, a volte compresa l'avulsione di un frammento anulare, sono state talvolta definite "lacune anulari", un termine relativamente nuovo e non accettato come standard [27]. Il termine "fessure" descrive lo spettro di queste lesioni e non implica che la lesione sia una conseguenza della lesione.

Figura 2: Fessure dell'anulus fibroso. Fessure dell'anulus fibroso si verificano come separazioni radiali (R), trasversali (T) e / o concentriche (C) delle fibre dell'anulus. La fessura trasversale rappresentata è una fessura radiale completamente sviluppata, orientata orizzontalmente; il termine "fessura trasversale" viene spesso applicato a una separazione meno estesa limitata all'annulus periferico e ai suoi attaccamenti ossei.

L'uso del termine '' lacrima '' può essere frainteso perché l'analogia con altre lacrime ha una connotazione di ferita, che è inappropriata in questo contesto. Il termine "fessura" è il termine corretto. L'uso del termine "lacrima" dovrebbe essere scoraggiato e, quando appare, dovrebbe essere riconosciuto che di solito è inteso come sinonimo di "fessura" e non riflette il risultato di una lesione. La versione originale di questo documento indicava la preferenza per il termine "fessura", ma considerava i due termini quasi come sinonimi. Tuttavia, in questa revisione, consideriamo il termine "strappo" come un uso non standard.

Degenerazione può includere qualsiasi o tutti i seguenti: essiccazione, fibrosi, restringimento dello spazio discale, rigonfiamento diffusa dell'anulus oltre lo spazio del disco, fessurazione (cioè, fessure anulari), degenerazione mucinoso dell'annulus, gas intradiscale [28], osteofiti delle apofisi vertebrali, difetti, alterazioni infiammatorie, e sclerosi delle piastre di estremità [15, 29, 30, 31, 32, 33, 34].

L'ernia è generalmente definita come uno spostamento localizzato o focale del materiale discale oltre i limiti dello spazio discale intervertebrale. Il materiale discale può essere il nucleo, la cartilagine, l'osso apofisario frammentato, il tessuto anulare o qualsiasi combinazione di questi. Lo spazio discale è definito craniad e caudad dalle placche terminali del corpo vertebrale e, perifericamente, dai bordi esterni delle apofisi ad anello vertebrali, esclusive degli osteofiti. Il termine '' localizzato '' o '' focale '' si riferisce all'estensione del materiale discale inferiore a 25% (90 °) della periferia del disco, vista nel piano assiale.

La presenza di tessuto discale che si estende oltre i bordi delle apofisi ad anello, lungo tutta la circonferenza del disco, è chiamata '' rigonfiamento '' e non è considerata una forma di erniazione (Fig. 3, in alto a destra). Il rigonfiamento asimmetrico del tessuto discale superiore al 25% della circonferenza del disco (Fig. 3, Bottom), spesso visto come un adattamento alla deformità adiacente, non è, inoltre, una forma di ernia. Nel valutare la forma del disco per un'ernia in un piano assiale, la forma delle due vertebre adiacenti deve essere considerata [15, 35].

Figura 3: disco rigonfio. (In alto a sinistra) Disco normale (per il confronto); nessun materiale discale si estende oltre la periferia dello spazio del disco, qui rappresentato dalla linea tratteggiata. (In alto a destra) Disco sporgente simmetrico; il tessuto anulare si estende, solitamente di meno di 3 mm, oltre i bordi delle apofisi vertebrali simmetricamente lungo la circonferenza del disco. (Inferiore) disco rigonfiabile asimmetrico; il tessuto anulare si estende oltre i margini dell'apofisi vertebrale, asimmetricamente maggiore di 25% della circonferenza del disco.

I dischi erniati possono essere classificati come protrusione o estrusione, in base alla forma del materiale spostato.

La protrusione è presente se la maggiore distanza tra i bordi del materiale discale che si presenta all'esterno dello spazio del disco è inferiore alla distanza tra i bordi della base del materiale del disco che si estende all'esterno dello spazio discale. La base è definita come la larghezza del materiale discale sul margine esterno dello spazio di origine del disco, dove il materiale del disco spostato oltre lo spazio del disco è continuo con il materiale del disco all'interno dello spazio del disco (Figura 4). L'estrusione è presente quando, in almeno un piano, una qualsiasi distanza tra i bordi del materiale discale oltre lo spazio del disco è maggiore della distanza tra i bordi della base del materiale discale oltre lo spazio discale o quando non c'è continuità tra il materiale del disco oltre lo spazio del disco e quello all'interno dello spazio del disco (Figura 5). Quest'ultima forma di estrusione è meglio specificata o sottoclassificata come sequestro se il materiale del disco spostato ha perso completamente la continuità con il disco genitore (Fig. 6). Il termine migrazione può essere usato per indicare lo spostamento del materiale discale lontano dal sito di estrusione. I dischi erniati nella direzione craniocaudale (verticale) attraverso una fessura nella piastra terminale del corpo vertebrale sono indicati come ernie intravertebrali (nodi di Schmorl) (Fig. 7).

Figura 4: ernia del disco: protrusione. (Sinistra) Le immagini assiali e (Destra) sagittali mostrano materiale discale spostato che va oltre il 25% dello spazio discale, con la misura più grande, in qualsiasi piano, del materiale del disco spostato inferiore alla misura della base del disco spostato materiale nello spazio di origine del disco, misurato nello stesso piano.
Figura 5: ernia del disco: estrusione. (Sinistra) Le immagini sagittali assiali e (a destra) dimostrano che la misura più grande del materiale discale spostato è maggiore della base del materiale discale spostato nello spazio di origine del disco, quando misurato nello stesso piano.
Figura 6: ernia del disco: sequestro. (Sinistra) Le immagini assiali e (a destra) sagittali mostrano che un disco sequestrato è un disco estruso in cui il materiale del disco spostato ha perso tutta la connessione con il disco di origine.
Figura 7: erniazione intravertebrale (nodo di Schmorl). Il materiale del disco è spostato oltre lo spazio del disco attraverso la piastra vertebrale nel corpo vertebrale, come mostrato qui nella proiezione sagittale

Le ernie del disco possono essere ulteriormente categorizzate in modo specifico come contenute, se la porzione spostata è coperta da fibre dell'annulus esterno e / o dal legamento longitudinale posteriore, o non è contenuta in assenza di tale copertura. Se i margini della protrusione del disco sono lisci sulla tomografia computerizzata assiale (CT) o sulla risonanza magnetica (MRI), il materiale del disco spostato è probabilmente contenuto dal legamento longitudinale posteriore e forse alcune fibre anulari posteriori superficiali [21, 35, 36, 37]. Se il margine posteriore della sporgenza del disco è irregolare, l'ernia è probabilmente non contenuta. Il tessuto del disco spostato viene in genere descritto in base alla posizione, al volume e al contenuto, come discusso più avanti in questo documento.

Uno schema alternativo per distinguere la protrusione dall'estrusione è discusso nella sezione Discussione.

Trauma

La categoria di trauma include la rottura del disco associata a prove fisiche e / o di imaging di frattura violenta e / o dislocazione e non include lesioni ripetitive, contributo di meno di traumi violenti al processo degenerativo, frammentazione dell'apofisi anulare in concomitanza con ernia del disco o anomalie del disco in associazione con sublussazioni degenerative. Se una lesione '' meno che violenta '' abbia contribuito o sia stata sovrapposta a un cambiamento degenerativo è un giudizio clinico che non può essere fatto basandosi solo sulle immagini; pertanto, dal punto di vista della descrizione delle immagini, tali dischi, in assenza di significative prove di imaging associate a lesioni violente, dovrebbero essere classificati come degenerazione piuttosto che come trauma.

L'infiammazione / infezione

La categoria dell'infiammazione / infezione comprende l'infezione, la discitis infiammatoria simile a un'infezione e la risposta infiammatoria alla spondiloartropatia. Comprende anche la spondilite infiammatoria della piastra terminale subcondrale e del midollo osseo manifestata dai cambiamenti di RM di Modic Type I [29, 30, 38] e solitamente associata a alterazioni patologiche degenerative del disco. Per semplificare lo schema di classificazione, la categoria comprende condizioni disparate; pertanto, quando i dati lo consentono, la diagnosi deve essere sottocategorizzata per la specificità appropriata.

Neoplasia

Le modificazioni morfologiche primarie o metastatiche dei tessuti del disco causate da neoplasia sono classificate come neoplasie, con sottocategorizzazione per specificità appropriata.

Varie masse paradisiache di origine incerta

Sebbene la maggior parte delle cisti intraspinali sia di origine meningea o sinoviale, una minoranza deriva dal disco e crea una paradiscal massa che non contiene materiale nucleare. Sanguinamento e / o edema epidurale, non correlato a traumi o altra origine conosciuta può creare a paradiscal massa o può aumentare le dimensioni del materiale del disco erniato. Tali cisti ed ematomi possono essere visti acutamente e non accompagnati da altre patologie o possono essere una componente della patologia cronica del disco.

morfologico Variante di sconosciuta Significance

Le istanze in cui i dati suggeriscono una morfologia anomala del disco, ma in cui i dati non sono sufficienti per supportare una categorizzazione diagnostica possono essere classificate come una variante morfologica di significato sconosciuto.

Discussione sulla nomenclatura in Detail

Questo documento fornisce una nomenclatura che facilita la descrizione dei risultati chirurgici, endoscopici o cadaverici, nonché i risultati delle immagini; e inoltre, con l'avvertimento che riguarda solo la morfologia del disco, facilita la comunicazione per pazienti, famiglie, datori di lavoro, assicuratori e autorità legali e sociali e consente l'accumulo di dati più affidabili per la ricerca.

Normale Dè c

La categorizzazione di un disco come "normale" indica che il disco è completamente e normalmente sviluppato e privo di qualsiasi cambiamento di malattia, trauma o invecchiamento. Viene considerata solo la morfologia e non il contesto clinico. Le persone clinicamente "normali" (asintomatiche) possono avere una varietà di risultati di imaging innocuo, incluse variazioni congenite o di sviluppo dei dischi, piccoli rigonfiamenti degli anuli, essiccazione correlata all'età, osteofiti marginali anteriori e laterali del corpo vertebrale, prominenza del materiale del disco oltre una piastra terminale come risultato della lussazione di un corpo vertebrale rispetto al corpo vertebrale adiacente (soprattutto comune a L5-S1), e così via [39]. Con la nomenclatura e la classificazione basate sulla morfologia di questo articolo, tuttavia, tali singoli dischi non sono considerati '' normali '', ma piuttosto sono descritti dalle loro caratteristiche morfologiche, indipendentemente dalla loro importazione clinica se non diversamente specificato.

Disco con Fessure dell'Annulus

C'è un accordo generale sulle varie forme di perdita di integrità dell'anulus, come le fessure radiali, trasversali e concentriche. Yu et al. [40] hanno dimostrato che le fessure anulari, inclusi i tipi radiali, concentrici e trasversali, sono presenti in quasi tutti i dischi degenerati [41]. Se il disco è disidratato su una scansione MRI, è probabile che vi sia almeno una o più piccole fessure nell'anello. Fessure anulari relativamente larghe, dirette radialmente, con allungamento del margine anulare residuo, a volte con avulsione di un frammento anulare, sono state talvolta definite "lacune anulari", sebbene il termine sia relativamente nuovo e non accettato come standard [27 ].

I termini "fessura anulare" e "lacrima anulare" sono stati applicati ai risultati di scansioni MRI pesate con T2 di zone ad alta intensità localizzate (HIZ) all'interno dell'anello [30, 42, 43, 44]. Le zone ad alta intensità rappresentano il tessuto fluido e / o granuloso e possono migliorare con il gadolinio. Le fessure si verificano in tutti i dischi degenerativi ma non sono tutte visualizzate come HIZ. La Discografia rivela alcune crepe non viste dalla risonanza magnetica, ma non tutte le fessure sono visualizzate dalla discografia. La descrizione dei risultati di imaging è più accurata se limitata all'osservazione di un HIZ o di una fessura discograficamente dimostrata, con l'avvertenza capita che esiste una concordanza incompleta con gli HIZ, le immagini dei discogrammi e le fessure anatomicamente osservate.

Fin dal documento 1995 NASS, gli autori hanno raccomandato che tali lesioni venissero definite "fessure" piuttosto che "lacrime", principalmente per la preoccupazione che la parola "strappo" potesse essere interpretata come implicante un'eziologia traumatica [9, 30, 45, 46]. A causa del potenziale fraintendimento del termine "anulare lacrimale" e la conseguente presunzione che il ritrovamento di una fessura anulare indica che vi è stato un pregiudizio, il termine "lacrima anulare" dovrebbe essere considerato non standard e "fessura anulare" 'essere il termine preferito. L'osservazione di immagini di una fessura anulare non implica una lesione o sintomi correlati, ma semplicemente definisce il cambiamento morfologico nell'annulus.

D degeneratoè c

Poiché c'è una confusione nella differenziazione dei cambiamenti dei processi patologici degenerativi nel disco da quelli del normale invecchiamento [17, 31, 47, 48, 49], la classificazione '' disco degenerato '' include tutti questi cambiamenti, quindi non costringere l'osservatore a differenziare il patologico dalla normale conseguenza dell'invecchiamento.

Le percezioni di ciò che costituisce il normale processo di invecchiamento della colonna vertebrale sono state fortemente influenzate da studi anatomici post mortem che hanno coinvolto un numero limitato di esemplari, raccolti da cadaveri di diverse fasce di età, con anamnesi sconosciute e presunzione di assenza di sintomi lombari [23, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57]. Con tali metodi, il cambiamento patologico è facilmente confuso con le conseguenze del normale invecchiamento. Resnick e Niwayama [31] hanno sottolineato le caratteristiche di differenziazione di due processi degenerativi che coinvolgono il disco intervertebrale precedentemente descritti da Schmorl e Junghanns [58]; '' spondilosi deformante '' che interessa essenzialmente l'anulus fibrosus e l'adiacente apofisi (Fig. 8, Sinistra) e '' osteocondrosi intervertebrale '', che colpisce principalmente il nucleo polposo e le placche terminali del corpo vertebrale e può includere un'estesa fissurazione del annulus fibrosus che può essere seguito da atrofia (Fig. 8, Destra). Sebbene Resnick e Niwayama affermassero che la causa delle due entità era sconosciuta, altri studi suggeriscono che la spondilosi deformante è la conseguenza del normale invecchiamento, mentre l'osteocondrosi intervertebrale, talvolta definita anche "disco deteriorato", risulta chiaramente patologica, sebbene non necessariamente sintomatico, processo [29, 31, 42, 59, 60].

Figura 8: tipi di degenerazione del disco secondo criteri radiografici. (Sinistra) La spondilosi deformante è manifestata da osteofiti apofisici, con relativa conservazione dello spazio discale. (Destra) L'osteocondrosi intervertebrale è caratterizzata da restringimento dello spazio discale, grave fissurazione e erosione della cartilagine della piastra terminale.

Gradi di degenerazione del disco sono stati valutati in base alla morfologia grossolana delle sezioni sagittali della colonna lombare (schema Thompson) [19]; osservazioni TC postdiscografia dell'integrità dell'interno del disco (classificazione Dallas) (Fig. 9) [42]; Le osservazioni RM del midollo vertebrale cambiano adiacenti al disco (classificazione Modica) [30], (Fig. 10); e la risonanza magnetica hanno rivelato cambiamenti nel nucleo (classificazione di Pfirrmann) [61]. Varie modifiche di questi schemi sono state proposte per soddisfare esigenze cliniche e di ricerca specifiche [17, 35, 62, 63].

Figura 9: integrità del disco interno. L'estensione della fissurazione radiale, come visualizzato sulla TC postdiscografica, è stata classificata da 0 a 5 dalla classificazione Modified Dallas Discogram, come illustrato.
Figura 10: cambiamenti reattivi del midollo vertebrale del corpo. Questi segnali del midollo osseo cambiano adiacenti a un disco degenerato su imaging a risonanza magnetica. Le sequenze pesate T1 e T2 sono frequentemente classificate come (in alto a sinistra) Modic I, (In alto a destra) Modic II o (In basso) Modic III.

Ernia Dè c

Le esigenze delle pratiche comuni rendono necessario un termine diagnostico che descriva il materiale discale al di là dello spazio discale intervertebrale. Il disco erniato, il nucleo erniato polposo (HNP), il disco rotto, il disco prolasso (usato in modo non specifico), il disco sporgente (usato in modo non specifico) e il disco rigonfio (usato in modo non specifico) sono stati tutti usati in letteratura in vari modi per denotare spostamenti definiti in modo impreciso di materiale discale oltre l'interspazio. L'assenza di una chiara comprensione del significato di questi termini e la mancanza di definizione di limiti che dovrebbero essere posti su un termine generale ideale hanno creato una grande confusione nella pratica clinica e nei tentativi di fare confronti significativi di studi di ricerca.

Per la diagnosi generale di spostamento del materiale discale, il singolo termine che è più comunemente usato e crea meno confusione è "ernia del disco". "L'ernia del nucleo polposo" è inaccurata perché materiali diversi dal nucleo (cartilagine, osso apofisario frammentato e l'anulus frammentato) sono componenti comuni del materiale discale spostato [64]. '' La rottura '' proietta un'immagine di lacerazione e quindi comporta più implicazioni di eziologia traumatica che '' erniazione '', che trasmette un'immagine di dislocamento piuttosto che rottura.

Sebbene la "protrusione" sia stata utilizzata da alcuni autori in un senso generale non specifico per indicare qualsiasi spostamento, il termine ha un significato specifico più comunemente usato per il quale è meglio riservarlo. '' Prolasso '', che è stato usato come termine generale, come sinonimo del significato specifico di protrusione, o per indicare la migrazione inferiore del materiale del disco estruso, non è usato frequentemente in un modo per fornire un significato specifico ed è meglio considerato come non standard, in ossequio ai termini più specifici '' protrusione '' e '' estrusione ''.

Con l'esclusione di altri termini, e per ragioni di semplicità e uso comune, "l'ernia del disco" è il termine generico migliore per indicare lo spostamento del materiale discale. Il termine è appropriato per indicare la categoria diagnostica generale quando si fa riferimento a un disco specifico e per includere diversi tipi di spostamenti quando si parla di gruppi di dischi. Il termine include dischi che possono essere adeguatamente caratterizzati da termini più specifici, come "disco sporgente" o "disco estruso". Il termine "ernia del disco", come definito in questo lavoro, si riferisce allo spostamento localizzato di nucleo, cartilagine, osso apofisario frammentato o tessuto anulare frammentato oltre lo spazio discale intervertebrale. '' Localizzato '' è definito come meno di 25% della circonferenza del disco. Lo spazio discale è definito, craniad e caudano, dalle placche terminali del corpo vertebrale e, perifericamente, dai bordi delle apofisi ad anello vertebrali, esclusive della formazione dell'osteofita. Questa definizione è stata ritenuta più pratica, soprattutto per l'interpretazione degli studi di imaging, rispetto a una definizione patologica che richiede l'identificazione di materiale discale forzato fuori dalla posizione normale attraverso un difetto anulare. Lo spostamento del materiale del disco, attraverso una frattura o un difetto nella piastra terminale ossea o in congiunzione con frammenti spostati di pareti fratturate del corpo vertebrale, può essere descritto come disco "erniato", sebbene tale descrizione dovrebbe accompagnare la descrizione della frattura in modo da evitare confusione con l'erniazione primaria del materiale del disco. Lo spostamento dei materiali del disco da una posizione all'altra all'interno dell'interspazio, come con la migrazione intraannulare del nucleo senza spostamento oltre l'interspazio, non è considerato ernia.

Per essere considerato "erniato", il materiale del disco deve essere spostato dalla sua posizione normale e non rappresentare semplicemente una crescita acquisita oltre i bordi dell'apofisi, come avviene quando i tessuti connettivi si sviluppano negli spazi tra gli osteofiti o quando il tessuto anulare è spostato dietro una vertebra come adattamento alla sublussazione. L'erniazione, quindi, può avvenire solo in associazione con la rottura dell'anello normale o, come nel caso dell'ernia intravertebrale (nodo di Schmorl), un difetto nella placca terminale del corpo vertebrale.

I dettagli dell'architettura interna dell'anello sono spesso non visualizzati nemmeno dalla migliore qualità di risonanza magnetica [21]. La distinzione dell'ernia è fatta dall'osservazione dello spostamento del materiale discale oltre i bordi dell'apofisi dell'anello che è "focale" o "localizzata", cioè inferiore all'25% della circonferenza del disco. La linea di taglio 25% viene stabilita per convenzione per conferire precisione alla terminologia e non designa l'eziologia, la relazione con i sintomi o le indicazioni di trattamento.

I termini "rigonfiamento" o "rigonfiamento" si riferiscono a un'estensione generalizzata del tessuto discale oltre i bordi dell'apofisi [65]. Tale rigonfiamento coinvolge più del 25% della circonferenza del disco e tipicamente si estende su una distanza relativamente breve, solitamente inferiore a 3 mm, oltre i bordi dell'apofisi (figura 3). '' Bulge '' o '' bulging '' descrivono una caratteristica morfologica di varie possibili cause. Bulging a volte è una variante normale (di solito a L5-S1), può derivare da una degenerazione avanzata del disco o da un rimodellamento del corpo vertebrale (come conseguenza di osteoporosi, trauma o deformità della struttura adiacente), può verificarsi con lassità legamentosa in risposta al carico o movimento angolare, può essere un'illusione causata dalla sporgenza posteriore del disco subligamentale centrale, o può essere un'illusione dalla media del volume (in particolare con le immagini assiali CT).

Bulging, per definizione, non è un'ernia. L'applicazione del termine "rigonfiamento" a un disco non implica alcuna conoscenza di eziologia, prognosi o necessità di trattamento o implica la presenza di sintomi.

Un disco può avere, simultaneamente, più di un'ernia. Un'ernia del disco può essere presente insieme ad altre alterazioni degenerative, fratture o anomalie del disco. Il termine "ernia del disco" non implica alcuna conoscenza dell'eziologia, della relazione con i sintomi, della prognosi o della necessità di trattamento.

Quando i dati sono sufficienti per fare la distinzione, un disco erniato può essere più specificamente caratterizzato come '' protruso '' o '' estruso ''. Queste distinzioni sono basate sulla forma del materiale spostato. Non implicano la conoscenza del meccanismo con cui sono avvenute le modifiche.

Dischi sporgenti

Le protrusioni del disco sono anomalie focali o localizzate del margine del disco che coinvolgono meno di 25% della circonferenza del disco. Un disco è "sporgente" se la dimensione maggiore tra i bordi del materiale discale che si trova oltre lo spazio del disco è inferiore alla distanza tra i bordi della base del materiale del disco che si estende all'esterno dello spazio del disco. La base è definita come la larghezza del materiale discale sul margine esterno dello spazio di origine del disco, dove il materiale del disco spostato oltre lo spazio del disco è continuo con il materiale del disco all'interno dello spazio del disco (Figura 4). Il termine "protrusione" è appropriato solo nel descrivere il materiale del disco erniato, come discusso in precedenza.

Dischi estrusi

Il termine '' estruso '' è coerente con il significato del linguaggio laico di materiale forzato da un dominio all'altro attraverso un'apertura [37, 64]. Con riferimento a un disco, il test di estrusione è il giudizio che, in almeno un piano, una qualsiasi distanza tra i bordi del materiale discale oltre lo spazio del disco è maggiore della distanza tra i bordi della base misurati nello stesso piano o quando non esiste continuità tra il materiale del disco oltre lo spazio del disco e quello all'interno dello spazio del disco (Figura 5). Il materiale del disco estruso che non ha continuità con il disco di origine può essere caratterizzato come "sequestrato" [53, 66] (Fig. 6). Un disco sequestrato è un sottotipo di '' disco estruso '' ma, per definizione, non può mai essere un '' disco sporgente ''. Il materiale del disco estruso che viene spostato lontano dal sito di estrusione, indipendentemente dalla continuità con il disco, può si chiama "migrato", un termine che è utile per l'interpretazione degli studi di imaging perché è spesso impossibile dalle immagini sapere se esiste continuità.

Le suddette distinzioni tra protrusione ed estrusione e tra contenuti e non contenuti si basano su pratiche comuni e ampia accettazione delle definizioni nella versione originale di questo documento. Un'altra serie di criteri, sostenuta da alcuni professionisti rispettati, definisce l'estrusione come non contenuta e la protrusione come una persistenza del contenimento, indipendentemente dalle dimensioni relative della base alla porzione spostata del materiale discale. Secondo questi criteri, l'estrusione di un disco può essere identificata dalla presenza di una linea continua di bassa intensità del segnale che circonda l'ernia del disco. Essi affermano che l'attuale imaging avanzato consente questa base di distinzione e che la presenza o l'assenza di contenimento ha una rilevanza clinica maggiore della morfologia del materiale spostato [35].

Se il loro metodo si dimostrerà superiore al metodo attualmente raccomandato sarà determinato da uno studio futuro. L'uso della distinzione tra "protrusione" ed "estrusione" è facoltativo e alcuni osservatori potrebbero preferire utilizzare, in tutti i casi, il termine più generale "ernia". "Ulteriori distinzioni possono spesso essere fatte per quanto riguarda il contenimento, continuità, volume, composizione e posizione del materiale del disco spostato.

Contenimento, continuità e Migration

Il materiale del disco erniato può essere '' contenuto '' o '' non trattato ''. Il test del contenimento è se i tessuti del disco spostati sono interamente trattenuti all'interno intatto anello esterno e / o fibre longitudinali posteriori del legamento. Non ci si aspetta che fluido o qualsiasi contrasto iniettato in un disco con ernia "contenuta" possa penetrare nel canale vertebrale. Sebbene il legamento longitudinale posteriore e / o la membrana peridurale possano parzialmente coprire i tessuti del disco estruso, tali dischi non sono considerati "contenuti" a meno che il legamento longitudinale posteriore non sia intatto. I limiti tecnici delle modalità di imaging non invasive attualmente disponibili (TC e MRI) spesso precludono la distinzione di a contenute da una ernia discale non contenuta. La discografia CT non sempre consente di distinguere se le componenti erniate di un disco sono contenute, ma solo se esiste una comunicazione tra lo spazio discale e il canale vertebrale.

I frammenti di dischi spostati sono talvolta caratterizzati come '' liberi ''. Un '' frammento libero '' è sinonimo di '' frammento sequestrato '', ma non è sinonimo di '' non trattato ''. Un frammento di disco dovrebbe essere considerato '' libero '' o '' sequestrato '' solo se non vi è continuità residua del materiale discale tra esso e il disco di origine. Un disco può essere "incolto", con la perdita di integrità del legamento longitudinale posteriore e dell'anello esterno, ma ha ancora continuità tra il materiale discale erniato / spostato e il disco di origine.

Il termine disco o frammento '' migrato '' si riferisce allo spostamento della maggior parte del materiale del disco spostato lontano dall'apertura nell'anulus attraverso il quale il materiale è stato estruso. Alcuni frammenti migrati verranno sequestrati, ma il termine "migrato" si riferisce solo alla posizione e non alla continuità.

I termini "capsula" e "sottocapsulare" sono stati usati per riferirsi al contenimento mediante una combinazione non specificata di anulus e legamento. Questi termini non sono vietati.

Riferendosi in modo specifico al legamento longitudinale posteriore, alcuni autori hanno distinto il materiale discale spostato come "subligamentous", "extraligamentous", "transligamentous" o "perforato". Il termine "subligamentous" è favorito come equivalente a "contenuto".

Volume e composizione dello sfollato Materiale

Uno schema per definire il grado di compromissione del canale prodotto dallo spostamento del disco dovrebbe essere pratico, obiettivo, ragionevolmente preciso e clinicamente rilevante. Uno schema semplice che soddisfa i criteri utilizza misurazioni bidimensionali prese da una sezione assiale nel sito del compromesso più grave. Il compromesso di Canal di meno di un terzo del canale in quella sezione è "mite", tra uno e due terzi è "moderato" e più alto di due terzi è "grave". Lo stesso grading può essere applicato per il coinvolgimento del foraminal.

Tali caratterizzazioni di volume descrivono solo l'area della sezione trasversale in una sezione e non tengono conto del volume totale di materiale spostato; prossimità a, compressione e distorsione delle strutture neurali; o altre caratteristiche potenzialmente significative, che l'osservatore può approfondire ulteriormente con la descrizione narrativa.

La composizione del materiale spostato può essere caratterizzata da termini come nucleare, cartilagineo, osseo, calcificato, ossificato, collageno, sfregiato, essiccato, gassoso o liquefatto.

Il significato clinico relativo all'osservazione del volume e della composizione dipende dalla correlazione con i dati clinici e non può essere dedotto dai soli dati morfologici.

Indirizzo

Bonneville ha proposto un sistema alfanumerico utile e semplice per classificare, in base alla posizione, la posizione dei frammenti del disco migrati nel piano orizzontale o sagittale [6, 13]. Usando i confini anatomici familiari ai chirurghi, Wiltse propose un altro sistema [14, 67]. "Zone" e "livelli" anatomici sono definiti utilizzando i seguenti punti di riferimento: bordo mediale delle faccette articolari; bordi mediali, laterali, superiori e inferiori dei peduncoli; e piani coronali e sagittali al centro del disco. Sul piano orizzontale (assiale), questi punti di riferimento determinano i confini della zona centrale, della zona subarticolare (recesso laterale), della zona foraminale, della zona extraforaminale e della zona anteriore, rispettivamente (Fig. 11). Sul piano sagittale (craniocaudale), determinano i confini del livello del disco, il infrapedicular livello, il livello peduncolare e il suprapedicular livello, rispettivamente (Fig. 12). Il metodo non è preciso come mostrano i disegni perché i bordi come i bordi mediali delle faccette e le pareti dei peduncoli sono curvi, ma il metodo è semplice, pratico e di uso comune.

Figura 11: zone anatomiche rappresentate nelle proiezioni assiali e coronali.
Figura 12: livelli anatomici raffigurati in proiezioni sagittali e coronali.

Spostandosi dal lato centrale a quello destro nel piano assiale (orizzontale), la posizione può essere definita centrale, destra centrale, destra subarticolare, destra foraminale o destra extraforaminale. Il termine "paracentrale" è meno preciso della definizione di "centro destro" o "centro sinistra", ma è utile per descrivere gruppi di dischi che includono entrambi, o quando parlano in modo informale, quando il lato non è significativo. Per la segnalazione di osservazioni di immagini di un disco specifico, "centro destro" o "centro sinistra" dovrebbe sostituire l'uso del termine "paracentrale". Il termine "molto laterale" è talvolta usato come sinonimo di " 'extraforaminal.''

Nel piano sagittale, la posizione può essere definita come discale, infrapedicolare, suprapedicolare o peduncolare. Nel piano coronale, anteriore, in relazione al disco, significa ventrale al piano mediano del centro.

Glossario

Nota: alcuni termini e definizioni inclusi in questo Glossario non sono raccomandati come terminologia preferita ma sono inclusi per facilitare l'interpretazione del volgare e, in alcuni casi, l'uso improprio. Le definizioni preferite sono elencate per prime. Le definizioni non standard sono poste tra parentesi e, per consenso delle forze operative dell'organizzazione, non devono essere utilizzate nella maniera descritta. Alcuni termini sono anche etichettati come colloquiali, con un'ulteriore designazione se sono considerati non preferiti o non standard.

Ernia del disco acuta: ernia del disco di un evento relativamente recente. Nota: la reazione infiammatoria paradiscale e il segnale relativamente brillante del materiale del disco su immagini pesate con T2 suggeriscono un'acutezza relativa. Tali cambiamenti possono persistere per mesi, tuttavia. Pertanto, assenza di correlazione clinica e / o studi seriali, non è possibile datare con precisione con l'imaging quando si è verificata un'ernia. Un materiale discale acutamente erniato può avere un segnale più luminoso sulle sequenze MRI pesate con T2 rispetto al disco da cui proviene il materiale del disco [46, 59, 64, 68]. Si noti che un'erniazione relativamente acuta può essere sovrapposta a un'ernia preesistente. Un'ernia del disco acuta può regredire spontaneamente senza un trattamento specifico. Vedi: ernia cronica del disco.

Disco di invecchiamento: disco che mostra uno qualsiasi dei vari effetti dell'invecchiamento sul disco. La perdita di contenuto di acqua dal nucleo si verifica prima delle variazioni di risonanza magnetica, seguita dalla progressione della RM che manifesta cambiamenti coerenti con la progressiva perdita di contenuto di acqua e aumento di collagene e aggregazione dei proteoglicani. Vedi la classificazione di Pfirrmann.

Fessura anulare: separazioni tra fibre anulari, separazioni di fibre dalle loro inserzioni del corpo vertebrale o separazioni di fibre che si estendono radialmente, trasversalmente o concentricamente, coinvolgendo uno o più strati delle lamelle anulari. Si noti che i termini "fessura" e "strappo" sono stati spesso utilizzati come sinonimi in passato. Il termine "strappo" non è appropriato per descrivere i reperti di imaging e non deve essere utilizzato (strappo: non standard). Nessuno dei due termini suggerisce lesioni o implica alcuna conoscenza dell'eziologia, né i termini implicano alcuna relazione con i sintomi o il fatto che il disco sia un probabile generatore di dolore, e nessuno dei due termini implica alcuna necessità di trattamento. Vedi anche: gap anulare, rottura anulare, rottura anulare, fessura concentrica, HIZ, fessura radiale, fessura trasversale.

Gap anulare (non standard): anormalità dell'attenuazione focale (CT) o del segnale (MRI), spesso di forma triangolare, nell'aspetto posteriore del disco, che probabilmente rappresenta l'allargamento di una fessura anulare diretta radialmente, fessure anulari bilaterali con un'avulsione del frammento anulare intermedio o una avulsione di una zona focale dell'anulus macerato.

Rottura anulare: interruzione delle fibre della corona da improvvisa lesione violenta. Questa è una diagnosi clinica; l'uso del termine è inappropriato per una pura descrizione di imaging, che dovrebbe invece concentrarsi su una descrizione dettagliata dei risultati. L'anulus rotto è non sinonimo di "fessura anulare" o "disco rotto".

Lacrima anulare, anello strappato (non standard): vedere la fessura dell'anulus e la rottura dell'anulus.

Spostamento anteriore: spostamento dei tessuti discali oltre lo spazio discale nella zona anteriore.

Zona anteriore: zona peridiscale che è anteriore al piano midcoronale del corpo vertebrale.

Anulus, anulus (forma abbreviata di anulus fibrosus): tessuto fibroso multilaminato che forma la periferia di ogni spazio discale, attaccando, craniad e caudano, alla cartilagine della piastra terminale e un osso apofisario ad anello e si fondono centralmente con il nucleo polposo. Nota: l'anulus o l'anulus è ortografia corretta. Nomina Anatomica usa entrambe le forme, mentre Terminologia Anatomica afferma "anulus fibrosus" [22]. Fibrosus non ha una corretta ortografia alternativa; la fibrosi ha un significato diverso e non è corretta in questo contesto.

Rigonfiamento asimmetrico: presenza di più di 25% dell'anulus esterno oltre il perimetro delle vertebre adiacenti, più evidente in una sezione della periferia del disco rispetto ad un'altra, ma non sufficientemente focale da essere caratterizzata come una protrusione. Nota: il rigonfiamento del disco asimmetrico è un'osservazione morfologica che può avere varie cause e non implica né eziologia né associazione con i sintomi. Vedi rigonfiamento.

Disco a palloncino (colloquiale, non standard): allargamento apparente diffuso del disco in estensione superiore-inferiore a causa dell'incurvamento delle placche vertebrali a causa dell'indebolimento dell'osso come nell'osteoporosi grave.

Base (del disco spostato): l'area della sezione trasversale del materiale del disco al margine esterno dello spazio di origine del disco, dove il materiale del disco oltre lo spazio del disco è continuo con il materiale del disco all'interno dello spazio del disco. Nella direzione craniocaudale, la lunghezza della base non può superare, per definizione, l'altezza dello spazio intervertebrale. Nell'immagine assiale, la base si riferisce alla larghezza sul margine esterno dello spazio del disco, dell'origine di qualsiasi materiale discale che si estende oltre lo spazio del disco.

Disco nero (colloquiale, non standard): vedere disco scuro.

Disco rigonfiamento, rigonfiamento (nome [n]), rigonfiamento (verbo [v])

  1. Un disco in cui il contorno dell'anello esterno si estende, o sembra estendersi, nel piano orizzontale (assiale) oltre i bordi dello spazio discale, solitamente maggiore di 25% (90 °) della circonferenza del disco e solitamente meno di 3 mm oltre i margini dell'apofisi del corpo vertebrale.
  2. (Non standard) Un disco in cui il margine esterno si estende su una base ampia oltre i bordi dello spazio del disco.
  3. (Non standard) Dislocazione lieve, diffusa, uniforme di disco.
  4. (Non standard) Qualsiasi spostamento del disco a livello discale.

Nota: rigonfiamento è un'osservazione del contorno del disco esterno e non è una diagnosi specifica. Il rigonfiamento è stato variamente attribuito alla ridondanza dell'anulus, secondaria alla perdita di altezza dello spazio discale, lassità legamentosa, risposta al carico o movimento angolare, rimodellamento in risposta alla patologia adiacente, ernia atipica e non riconosciuta, e illusione dalla media del volume su assiale CT immagini. Un leggero rigonfiamento del disco posteriore simmetrico può essere un reperto normale presso L5-S1. Il rigonfiamento può o non può rappresentare un cambiamento patologico, una variante fisiologica o una normalità. Il rigonfiamento non è una forma di ernia; i dischi noti per essere erniati dovrebbero essere diagnosticati come ernia o, quando appropriato, come tipi specifici di ernia. Vedi: ernia del disco, disco sporgente, disco estruso.

Disco calcificato: calcificazione all'interno dello spazio del disco, non inclusiva degli osteofiti alla periferia dello spazio del disco.

Cavitazione: spazi, cisti, crepacci o cavità formati all'interno del nucleo e dell'anulus interno dalla degenerazione del disco.

Vedi il disco del vuoto.

Zona centrale: zona all'interno del canale vertebrale tra i piani sagittali attraverso i bordi mediali di ogni sfaccettatura. Nota: il centro della zona centrale è un piano sagittale attraverso il centro del corpo vertebrale. Le zone su entrambi i lati del piano centrale sono giusto centrale ed a sinistra centrale, che sono i termini preferiti quando il lato è noto, come quando si riportano i risultati di imaging di un disco specifico. Quando il lato non è specificato, o raggruppato con entrambi rappresentati da destra e sinistra, il termine paracentrale è appropriato.

Ernia del disco cronico: una distinzione clinica che un'ernia del disco è di lunga durata. Non ci sono definizioni universalmente accettabili degli intervalli che distinguono tra erniazioni acute, subacute e croniche del disco. Le MRI seriali che rivelano ernie del disco che sono immutate nell'aspetto nel tempo possono essere caratterizzate come croniche. Le ernie del disco associate alla calcificazione o al gas sulla TC possono essere suggerite come croniche. Anche così, la presenza di calcificazione o gas non esclude un disco acutamente erniato. Si noti che un'ernia del disco acuta può essere sovrapposta a un'ernia discale cronica. Le caratteristiche del segnale di risonanza magnetica possono, in rare occasioni, consentire la differenziazione delle ernie del disco acute e croniche [16, 59, 64]. In tali casi, il materiale del disco con ernia acuta può apparire più luminoso del disco di origine su sequenze pesate con T2 [46, 59, 61]. Inoltre, vedi complesso disco-osteofito.

Osteofita dell'artiglio: escrescenza ossea che si verifica molto vicino al margine del disco, dall'apofisi del corpo vertebrale, diretta, con una configurazione radicale, verso la parte corrispondente del corpo vertebrale opposto al disco.

Disco o nucleo collagenizzato: un disco in cui il mucopolisaccaride del nucleo è stato sostituito da tessuto fibroso.

Comunicare disco, comunicazione (n), comunicare (v) (non standard): la comunicazione si riferisce all'interruzione nella periferia dell'anello del disco, consentendo il libero passaggio del fluido iniettato all'interno del disco all'esterno del disco, come si può osservare durante la discografia. Non è sinonimo di "incolto". Vedi "disco contenuto" e "disco non trattato".

Fessura concentrica: fessura dell'anello caratterizzata dalla separazione di fibre anulari in un piano approssimativamente parallelo alla curva della periferia del disco, creando spazi pieni di fluido tra le lamelle anulari adiacenti. Vedi: ragadi radiali, fessure trasversali, HIZ.

Ernia contenuta, contenimento (n), contenere (v)

  1. Tessuto del disco spostato esistente interamente entro un perimetro esterno di ininterrotto anello esterno o legamento longitudinale posteriore.
  2. (Non standard) Un disco con il suo contenuto principalmente, ma non interamente, all'interno dell'annulus o della capsula.
  3. (Non standard) Un disco con elementi spostati contenuti in qualsiasi investitura del canale vertebrale.

Un disco che è meno che interamente contenuto nell'annulus, ma sotto un distinto legamento longitudinale posteriore, è contenuto. La designazione come "contenuta" o "non contenuta" definisce l'integrità delle strutture legamentose che circondano il disco, una distinzione spesso non sempre possibile con l'imaging avanzato. Sulle scansioni TC e MRI, le ernie contenute hanno tipicamente un margine liscio, mentre le ernie non trattate hanno più spesso margini irregolari perché l'anulus esterno e il legamento longitudinale posteriore sono stati penetrati dal materiale del disco [35, 37]. La discografia CT non sempre consente di distinguere se le componenti erniate di un disco sono contenute, ma solo se esiste una comunicazione tra lo spazio discale e il canale vertebrale.

Continuità: connessione del tessuto discale spostato da un ponte di tessuto discale, per quanto sottile, al tessuto all'interno del disco di origine.

Classificazione di Dallas (di imaging postdiscografico): sistema di classificazione comunemente utilizzato per il grado di fissurazione anulare visto su imaging TC di dischi dopo discografia. Dallas Grade 0 è normale; Grado 1: perdita di contrasto nell'interno di un terzo dell'anello; Grado 2: perdita di contrasto nei due terzi interni dell'anello; Grado 3: perdita attraverso l'intero spessore dell'anello; Grado 4: il contrasto si estende circonferenzialmente; Grado 5: il contrasto si diffonde nello spazio epidurale (vedi discografia, discografia).

Disco scuro (colloquiale, non standard): disco con nucleo che mostra una diminuzione dell'intensità del segnale su immagini pesate con T2 (scuro), solitamente a causa dell'essiccamento del nucleo secondario alla degenerazione. Inoltre: disco nero (colloquiale, non standard). Vedi: degenerazione del disco, classificazione di Pfirrmann.

Disco degenerato, degenerazione (n), degenerazione (v)

  1. Cambiamenti in un disco caratterizzato a vari gradi da uno o più dei seguenti: disidratazione, formazione di fessura, fibrosi e degradazione gassosa del nucleo; degradazione delle mucose, fessurazioni e perdita di integrità dell'anulus; difetti nella e / o sclerosi delle placche terminali; e osteofiti alle apofisi vertebrali.
  2. Manifestazione di immagini di tali cambiamenti, tra cui [35] risultati roentgenografici standard, come il restringimento dello spazio su disco e peridiscal osteofiti, reperti del disco MRI (vedi classificazione Pfirrmann [61]), Reperti del disco CT (vedi discogrammazione / discografia e classificazione di Dallas [42]), e / o risultati RMN di vertebrali piastra terminale e cambiamenti reattivi del midollo adiacenti ad un disco (vedi classificazione Modica [38]).

Malattia degenerativa del disco (termine non standard quando usato come descrizione di imaging): una condizione caratterizzata da manifestazioni di degenerazione del disco e sintomi ritenuti correlati a quelli di alterazioni degenerative. Nota: le connessioni causali tra cambiamenti degenerativi e sintomi sono spesso distinzioni cliniche difficili. Il termine "malattia degenerativa del disco" comporta implicazioni di malattia che potrebbero non essere appropriate se gli unici o gli indicatori primari di malattia derivano da studi di imaging e pertanto questo termine non dovrebbe essere utilizzato nella descrizione dei risultati di imaging. Il termine preferito per la descrizione delle manifestazioni di imaging è "disco degenerato" o "degenerazione del disco", piuttosto che "malattia del disco degenerativo".

La delaminazione: separazione delle fibre anulari circonferenziali lungo i piani paralleli alla periferia del disco, che caratterizzano una fessura concentrica dell'anulus.

Disco essiccato

  1. Disco con contenuto d'acqua ridotto, di solito principalmente di tessuti nucleari.
  2. Manifestazioni di imaging di ridotto contenuto di acqua del disco, ad esempio intensità del segnale diminuita (scura) su immagini pesate con T2 o di apparente contenuto d'acqua ridotto, come da alterazioni nella concentrazione di glicosaminoglicani idrofili. Vedi anche: disco scuro (colloquiale, non standard).

Disco (disco): struttura complessa composta da nucleo polposo, anulus fibroso, placche terminali cartilaginee e attacchi apofisari ad anello del corpo vertebrale di anulus. Nota: la maggior parte delle pubblicazioni in lingua inglese utilizzano il "disco" ortografico più spesso di "disco" [1, 20, 22, 69, 70]. Nomina Anatomica designa le strutture come '' disci intervertebrales '' e Terminologia Anatomica come '' discus intervertebralis / disco intervertebrale '' [22, 70]. (Vedi '' livello disco '' per la denominazione e la numerazione di un particolare disco).

Altezza del disco: La distanza tra i piani delle piastre terminali dei corpi vertebrali craniad e caudad al disco. L'altezza del disco deve essere misurata al centro del disco, non alla periferia. Se misurato sul margine posteriore o anteriore del disco su un'immagine sagittale della colonna vertebrale, questo dovrebbe essere chiaramente specificato come tale.

Livello del disco: Livello del disco e del canale vertebrale tra i piani assiali attraverso le placche ossee delle vertebre craniad e caudale al disco descritto.

  1. Un particolare disco si chiama meglio nominando la regione della colonna vertebrale e la vertebra sopra e sotto di essa; per esempio, il disco tra il quarto e il quinto corpo vertebrale lombare è chiamato '' lombare 4-5 '' comunemente abbreviato come L4-L5, e il disco tra il quinto corpo vertebrale lombare e il primo corpo vertebrale sacrale è chiamato '' disco lombosacrale '' o '' L5-S1. '' Le anomalie comuni includono pazienti con sei vertebre lombari o vertebre transizionali alla giunzione lombosacrale che richiedono, per chiarezza, narrazione spiegazione della denominazione dei dischi.
  2. (Non standard) Un disco è talvolta etichettato dal corpo vertebrale sopra di esso; per esempio, il disco tra L4 e L5 può essere etichettato come "il disco L4".
  3. Nota: '' un segmento di movimento '', numerato allo stesso modo, è un'unità funzionale della colonna vertebrale, comprendente il corpo vertebrale sopra e sotto, il disco, le faccette articolari e i tessuti molli di collegamento e viene più spesso referenziato con riguardo alla stabilità della colonna vertebrale.

Disco di origine: disco da cui è originato un frammento spostato. Sinonimo: disco principale. Nota: poiché i frammenti spostati contengono spesso tessuti diversi dal nucleo, il disco di origine è preferito al nucleo di origine. Il disco principale è anche, ma più colloquiale e non preferito.

Spazio disco: spazio limitato, craniad e caudano, dalle placche terminali delle vertebre e perifericamente dai bordi delle apofisi ad anello del corpo vertebrale, esclusive degli osteofiti. Sinonimo: spazio discale intervertebrale. Vedi livello '' disco '' per la denominazione e la numerazione dei dischi.

Sclerosi vertebrale discogenica: aumento della densità ossea e della calcificazione adiacente alle placche terminali delle vertebre, craniad e caudale, a un disco degenerato, talvolta associato a osteocondrosi intervertebrale. Manifestato su RM come Modic di tipo III.

Discogram, discography: una procedura diagnostica in cui il materiale di contrasto viene iniettato nel nucleo del disco con guida e osservazione radiografica, spesso seguita da CT / discogramma. La procedura è spesso accompagnata da misurazioni della pressione e valutazione della risposta al dolore (discografia provocatoria). Il grado di fissurazione anulare identificato dalla discografia può essere definito dalla classificazione di Dallas e dalle sue modifiche (vedi classificazione di Dallas).

Complesso disco-osteofiti: spostamento del disco intervertebrale, sia rigonfiamento, protrusione o estrusione, associato a creste calcifiche o ossificazione. A volte chiamato un disco rigido o ernia del disco cronica (non preferita). Dovrebbe essere fatta una distinzione tra "ernia del disco spondilotico" o "ernia del disco calcificato" (non preferita), i resti di una vecchia ernia del disco; e '' disco rigonfiante spondilotico '', una cresta ossea a base ampia presumibilmente correlata al disco rigonfiamento cronico.

Disco spostato (non standard): un disco in cui il materiale discale si trova oltre i bordi esterni dell'apofisi dell'anello del corpo vertebrale (escluso gli osteofiti) delle cranie e delle vertebre caudali, o, come nel caso dell'ernia intravertebrale, è penetrato attraverso il corpo vertebrale piatto.

Nota: il disco spostato è un termine generico che non implica la conoscenza della patologia, della causa, della relazione con i sintomi o della necessità di trattamento. Il termine include, ma non è limitato a, ernia del disco e migrazione del disco. Vedi: ernia del disco, disco migrato.

Membrana epidurale: Vedi membrana peridurale.

Zona extraforaminale: la zona peridiscale oltre il piano sagittale dei bordi laterali dei peduncoli, non avendo un bordo laterale ben definito, ma decisamente posteriore alla zona anteriore. Sinonimo: '' zona laterale lontana '', anche '' zona remota '' (non standard).

Extraligamentous: posteriore o laterale al legamento longitudinale posteriore. Nota: il disco extraligamentoso si riferisce al tessuto del disco spostato che si trova posteriormente o lateralmente al legamento longitudinale posteriore. Se il disco è stato estruso attraverso il legamento longitudinale posteriore, a volte viene chiamato "transligamentoso" o "perforato" e se attraverso la membrana peridurale, a volte viene raffinato per "transmembranoso".

Disco estruso, estrusione (n), estrusione (v): un disco erniato nel quale, in almeno un piano, una qualsiasi distanza tra i bordi del materiale discale oltre lo spazio del disco è maggiore della distanza tra i bordi della base del materiale discale oltre lo spazio discale nello stesso piano o quando non esiste continuità tra il materiale del disco oltre lo spazio del disco e quello all'interno dello spazio del disco. Nota: la definizione preferita è coerente con l'immagine comune dell'estrusione, come un'espulsione di materiale da un contenitore attraverso e oltre un'apertura. Lo spostamento oltre l'anello esterno del materiale del disco con qualsiasi distanza tra i suoi bordi maggiore della distanza tra i bordi della base distingue l'estrusione dalla sporgenza. Distinguere l'estrusione dalla protrusione mediante imaging è meglio fare misurando i bordi del materiale spostato e la continuità residua con il disco di origine, mentre la relazione della porzione spostata verso l'apertura attraverso cui è passata è più facilmente osservata chirurgicamente. Le caratteristiche di protrusione ed estrusione possono coesistere, nel qual caso il disco deve essere sottocategorizzato come estruso. I dischi estrusi in cui si perde ogni continuità con il disco di origine possono essere ulteriormente caratterizzati come "sequestrati". Il materiale del disco spostato lontano dal sito di estrusione può essere caratterizzato come "migrato". Vedere: ernia del disco, disco migrato , disco sporgente.

Nota: uno schema alternativo è esposto da alcuni radiologi rispettati che ritengono che abbia un'applicazione clinica migliore. Questo schema definisce il disco estruso come sinonimo di "disco non protetto" e non utilizza misurazioni comparative della base rispetto al materiale spostato. Per questa definizione, l'estrusione di un disco può essere identificata dalla presenza di una linea continua di bassa intensità del segnale che circonda l'ernia del disco. Lo studio futuro determinerà ulteriormente la validità di questa definizione alternativa. Vedi: disco contenuto.

Zona laterale lontana: la zona peridiscale oltre il piano sagittale del bordo laterale del peduncolo, non avendo un bordo laterale ben definito, ma decisamente posteriore alla zona anteriore. Sinonimo: "zona extraforaminale".

Fenditura dell'anello: vedere la fessura anulare.

Zona foraminale: la zona tra i piani che passa attraverso i bordi mediale e laterale dei peduncoli. Nota: la zona foraminale è talvolta denominata '' zona peduncolare '' (non standard), che può essere fonte di confusione perché la zona peduncolare potrebbe anche riferirsi a misurazioni nel piano sagittale tra le superfici superiore e inferiore di un dato peduncolo che è propriamente chiamato '' livello del peduncolo. '' La zona foraminale è talvolta chiamata anche '' zona laterale '' (non standard), che può essere confusa perché la '' zona laterale '' può essere confusa con '' recesso laterale '' (zona subarticolare ) e può anche significare zona extraforaminale o un'area che comprende sia le zone foraminali che extraforaminali.

Frammento gratuito

  1. Un frammento di disco che si è separato dal disco di origine e non ha un ponte continuo di tessuto discale con tessuto discale all'interno del disco di origine. Sinonimo: disco sequestrato.
  2. (Non standard) Un frammento che non è contenuto nel perimetro esterno dell'anello.
  3. (Non standard) Un frammento che non è contenuto nell'anulus, nel legamento longitudinale posteriore o nella membrana peridurale.

Nota: '' sequestrated disc '' e '' free framment '' sono praticamente sinonimi. Quando si fa riferimento alla condizione del disco, è preferita la categorizzazione come estrusa con sottocategorizzazione come sequestrata, mentre quando si fa riferimento specificamente al frammento, si preferisce il frammento libero.

Gap of annulus: vedere gap anulare.

Disco rigido (colloquiale): spostamento del disco in cui la porzione spostata ha subito calcificazione o ossificazione e può essere intimamente associata ad osteofiti apofisari. Nota: il termine '' disco rigido '' viene spesso usato in riferimento al rachide cervicale per distinguere i cambiamenti ipertrofici cronici e quelli reattivi alla periferia del disco dall'estrusione più acuta di tessuto molle, prevalentemente nucleare. Vedi: ernia del disco cronico, complesso disco-osteofita.

Ernia del disco, ernia (n), erniata (v): spostamento localizzato o focale del materiale discale oltre il normale margine dello spazio discale intervertebrale. Nota: '' localizzato '' o '' focale '' significa, per convenzione, inferiore a 25% (90 °) della circonferenza del disco.

Il materiale del disco erniato può comprendere il nucleo polposo, la cartilagine, l'osso apofisario frammentato o il tessuto fibroso dell'annulus. I margini normali dello spazio discale intervertebrale sono definiti, craniad e caudano, dalle placche terminali del corpo vertebrale e perifericamente dai bordi delle apofisi ad anello del corpo vertebrale, esclusive delle formazioni osteofitiche. L'ernia del disco generalmente si riferisce allo spostamento dei tessuti del disco attraverso una rottura dell'anulus, ad eccezione delle ernie intravertebrali (nodi di Schmorl) in cui lo spostamento avviene attraverso la piastra terminale vertebrale. I dischi erniati possono essere ulteriormente sottocategorizzati come sporgenti o estrusi. L'ernia del disco viene talvolta indicata come HNP, ma il termine "ernia del disco" è preferito perché i tessuti del disco spostati includono spesso cartilagine, frammenti ossei o tessuti anulari. I termini "prolasso" e "rottura" quando si riferiscono alle ernie del disco sono non standard e il loro uso deve essere interrotto. Nota: "ernia del disco" è un termine che non implica la conoscenza della patologia, della causa, della relazione con i sintomi o della necessità di trattamento.

Ernia del nucleo polposo (HNP, non preferito): vedere l'ernia del disco.

Zona ad alta intensità (HIZ): area ad alta intensità su risonanza magnetica T2 del disco, localizzata comunemente nell'anello esterno. Nota: gli HIZ all'interno della sostanza anulare posteriore possono indicare la presenza di una fessura anulare all'interno dell'anulus, ma questi termini non sono sinonimi. Uno HIZ stesso può rappresentare l'effettiva fessura anulare o, in alternativa, può rappresentare un tessuto fibroso vascolarizzato (tessuto di granulazione) all'interno della sostanza del disco in un'area adiacente a una fessura. La visualizzazione di un HIZ non implica un'eziologia traumatica o il fatto che il disco sia fonte di dolore.

Livello infrapedico: il livello tra i piani assiali dei bordi inferiori dei peduncoli craniad al disco in questione e la piastra terminale inferiore del corpo vertebrale sopra il disco in questione. Sinonimo: tacca vertebrale superiore.

Interruzione del disco interno: disorganizzazione delle strutture all'interno del disco. Vedi spostamento intraannulare

Intercapedine: vedere lo spazio sul disco.

Condrosi intervertebrale: vedere osteocondrosi intervertebrale.

Disco intervertebrale: vedere il disco.

Spazio discale intervertebrale: vedere lo spazio sul disco.

Osteocondrosi intervertebrale: processo degenerativo del disco e piastre terminali del corpo vertebrale che è caratterizzato da restringimento dello spazio del disco, fenomeno del vuoto e cambiamenti reattivi del corpo vertebrale. Sinonimo: osteocondrosi (non standard).

Spostamento intra-anulare: spostamento del tessuto centrale, prevalentemente nucleare, verso un sito più periferico all'interno dello spazio discale, solitamente in una fessura nell'annulus. Sinonimo: ernia intraannulare (non standard), ernia intradiscale. Nota: lo spostamento intraannulare si distingue dall'ernia del disco, cioè l'ernia del disco si riferisce allo spostamento dei tessuti discali oltre lo spazio discale. Lo spostamento intra-anulare è una forma di rottura interna. Quando si fa riferimento allo spostamento intra-anulare, è meglio non usare il termine "ernia" per evitare confusione con l'ernia del disco.

Ernia intrarannulare (non standard): vedere spostamento intra-anulare.

Ernia intradiscale (non standard): vedere spostamento intra-anulare.

Ernia intradurale: materiale discale che è penetrato nella dura madre in modo che giace in una posizione extramidollare intradurale.

Ernia intervertebrale: uno spostamento del disco in cui una parte del disco si proietta attraverso la piastra terminale vertebrale nel centro del corpo vertebrale. Sinonimo: nodo di Schmorl.

Recinzione laterale: quella porzione della zona subarticolare che è mediale rispetto al margine mediale del peduncolo. Si riferisce all'intera regione cefalica-caudale che esiste medialmente al peduncolo, dove la stessa radice del nervo toracico o lombare si sposta caudalmente prima di uscire dal forame della radice nervosa sotto il margine caudale del peduncolo. Non si riferisce al foramen della radice nervosa stessa. Vedi anche la zona subarticolare.

Zona laterale (non standard): vedi zona foraminale.

Perdita del disco (non standard): vedere il disco di comunicazione.

Verbo del Limbus: separazione di un segmento di apofisi ad anello vertebrale. Nota: la vertebra limbus può essere un'anomalia dello sviluppo causata dal fallimento dell'integrazione dell'apofisi ossificante nel corpo vertebrale; un'ernia cronica (estrusione) del disco nel corpo vertebrale alla giunzione dell'anello apofisario di fusione, con separazione di una parte dell'anello con spostamento osseo; o una frattura attraverso l'anello apofisario associato a ernia del disco intrabody. Ciò si verifica nei bambini prima che l'anello apofisario si fonde con il corpo vertebrale. Negli adulti, una vertebra limbus non deve essere confusa con una frattura acuta. Una vertebra limbus non implica che ci sia stata una lesione al disco o alla piastra terminale apofisaria adiacente.

Osteofita marginale: osteofito che sporge da e oltre il perimetro esterno dell'apofisi della piastra terminale vertebrale.

Cambiamenti del midollo (del corpo vertebrale): vedi classificazione Modica.

Disco migrato, migrazione (n), migrazione (v)

  • 1.Il disco erniato nel quale una porzione del materiale del disco estruso viene spostata dalla fessura nell'anello esterno attraverso il quale è stata estrusa sul piano sagittale o assiale.
  • 2. (Non standard) Un disco erniato con un frammento o sequestro libero oltre il livello del disco.

Nota: la migrazione si riferisce alla posizione del materiale del disco spostato, piuttosto che alla sua continuità con il tessuto del disco all'interno del disco di origine; quindi, non è sinonimo di sequestro.

Classificazione modica (tipo I, II e III) [30]: una classificazione dei cambiamenti degenerativi che coinvolgono le placche vertebrali e i corpi vertebrali adiacenti associati con l'infiammazione del disco e la malattia degenerativa del disco, come si è visto sulla risonanza magnetica. Il tipo I si riferisce alla diminuzione dell'intensità del segnale su immagini di spin echo pesate T1 e all'intensità del segnale aumentata su immagini pesate con T2, che rappresentano la penetrazione della placca terminale da tessuto fibrovascolare, alterazioni infiammatorie e forse edema. I cambiamenti di tipo I possono essere cronici o acuti. Il tipo II si riferisce all'aumento dell'intensità del segnale su immagini pesate T1 e isointense o intensità del segnale aumentata su immagini pesate con T2, che indicano la sostituzione del midollo osseo normale da parte del grasso. Il tipo III si riferisce alla riduzione dell'intensità del segnale su entrambe le immagini ponderate T1 e T2, indicando osteosclerosi reattiva (vedi: sclerosi vertebrale discogenica).

Segmento di movimento: l'unità funzionale della colonna vertebrale. Vedi il livello del disco.

Osteofito non genitale: un osteofito che si verifica in siti diversi dall'apofisi della piastra terminale vertebrale. Vedi: osteofita marginale.

Disco normale: un disco completamente e normalmente sviluppato senza variazioni attribuibili a traumi, malattie, degenerazione o invecchiamento. Nota: molte variazioni congenite e di sviluppo possono essere clinicamente normali; cioè, non sono associati ai sintomi e alcune modifiche adattive nel disco potrebbero essere normali considerando la patologia adiacente; tuttavia, la classificazione e la segnalazione per scopi medici è meglio fornita se tali dischi non sono considerati normali. Si noti, tuttavia, che una rilevazione del disco considerata non normale non implica necessariamente una causa per i segni clinici o la sintomatologia; la descrizione di qualsiasi variazione del disco è indipendente dal giudizio clinico su ciò che è normale per un dato paziente.

Nucleo di origine (non preferito): la parte centrale, nucleare del disco di riferimento, usata solitamente per fare riferimento al disco dal quale il tessuto è stato spostato. Nota: poiché i frammenti spostati contengono spesso tessuti diversi dal nucleo, il disco di origine è preferito al nucleo di origine. Sinonimo: disco di origine (preferito), nucleo genitore (non preferito).

osteocondrosi: vedere osteocondrosi intervertebrale.

osteophyte: ipertrofia focale della superficie ossea e / o ossificazione dell'attaccamento del tessuto molle all'osso.

paracentrale: nella zona centrale destra o sinistra del canale vertebrale. Vedi la zona centrale. Nota: i termini "centro destra" o "centro sinistra" sono preferibili quando si parla di un singolo sito quando è possibile specificare il lato, come quando si riportano i risultati delle procedure di imaging. '' Paracentrale '' è appropriato se il lato non è significativo o quando si parla di siti misti.

Disco principale (non preferito): vedere il disco di origine.

Nucleo genitore (non preferito): vedi il nucleo di origine, il disco di origine.

Livello pedicolare: lo spazio tra i piani assiali attraverso i bordi superiore e inferiore del peduncolo. Nota: il livello pedicolare può essere ulteriormente designato con riferimento al disco in questione come '' livello pedicolare sopra '' o '' livello pedicolare sotto '' il disco in questione.

Perforato (non standard): vedi transligamentous.

Membrana peridurale: una membrana delicata e traslucida che si attacca alla superficie inferiore dello strato profondo del legamento longitudinale posteriore, e si estende lateralmente e posteriormente, circondando il canale spinale osseo al di fuori della dura. Le vene del plesso di Batson si trovano sulla superficie dorsale della membrana peridurale e le perforano ventralmente. Sinonimo: membrana laterale, membrana epidurale.

Classificazione Pfirrmann: un sistema di classificazione per la gravità dei cambiamenti degenerativi all'interno del nucleo del disco intervertebrale. Un disco Pfirrmann Grade I ha un segnale alto uniforme nel nucleo su MRI pesata T2; Grade II mostra una linea orizzontale centrale di bassa intensità del segnale su immagini sagittali; Il grado III mostra un'intensità elevata nella parte centrale del nucleo con intensità inferiore nelle regioni periferiche del nucleo; Il Grado IV mostra una bassa intensità del segnale centralmente e la sfocatura della distinzione tra nucleo e anulus; e Grade V mostra un segnale basso omogeneo senza distinzione tra nucleo e anello. [61]

Disco prolasso, prolasso (n, v) (non standard): il termine è variamente usato per riferirsi ai dischi erniati. Il suo uso non è standardizzato e il termine non aggiunge alla precisione della descrizione del disco, quindi è considerato non standard in riferimento a "protrusione" o "estrusione".

Disco sporgente, protrusione (n), protrusione (v): 1. Una delle due sottocategorie di un '' ernia del disco '' (l'altro è un '' disco estruso '') in cui il tessuto del disco si estende oltre il margine dello spazio del disco, coinvolgendo meno di 25% della circonferenza del margine del disco come visto nel piano assiale. Il test di protrusione è che deve essere localizzato (meno di 25% della circonferenza del disco) lo spostamento del tessuto del disco e la distanza tra i corrispondenti bordi della porzione spostata non deve essere maggiore della distanza tra i bordi della base del materiale del disco spostato nello spazio di origine del disco (vedere la base del disco spostato). Mentre a volte viene usato come termine generale nel modo in cui viene definita l'ernia, l'uso del termine "protrusione" è meglio riservato alla sottocategorizzazione dell'ernia che soddisfa i criteri sopra indicati. 2. (non standard) Qualsiasi o non specificato tipo di ernia del disco.

Fessura radiale: interruzione di fibre anulari estendentesi dal nucleo verso l'esterno verso la periferia dell'anello, solitamente nel piano craniad-caudale (verticale), sebbene, a volte, con componenti assiali orizzontali (trasversali). '' Fessura '' è il termine preferito per il termine non standard '' strappo ''. Nessun termine implica la conoscenza della ferita o altra eziologia. Nota: Occasionalmente, una fessura radiale si estende nel piano trasversale per includere un'avulsione degli strati esterni dell'anello dall'anello apofisario. Vedi ragadi concentrici, fessure trasversali.

Lesione del bordo (non standard): vedere limbus vertebra.

Rottura di anulus, rotture dell'anulus: vedere la rottura anulare.

Disco rotto, rottura (non standard): un ernia del disco. Il termine "disco rotto" è un sinonimo improprio per ernia del disco, da non confondere con la violenta distruzione dell'anello correlato alla lesione. Il suo uso dovrebbe essere sospeso.

Nodo di Schmorl: vedere ernia intravertebrale.

Disco sequestrato, sequestro (n), sequestrato (v); (variante: disco sequestrato): un disco estruso in cui una porzione del tessuto discale è spostata oltre l'anello esterno e non mantiene alcuna connessione dal tessuto discale con il disco di origine. Nota: un disco estruso può essere sottocategorizzato come "sequestrato" se nessun tessuto discale collega la porzione spostata e i tessuti del disco di origine. Se anche una tenue connessione dal tessuto del disco rimane tra un frammento e un disco di origine spostati, il disco non viene sequestrato. Se un frammento spostato non ha alcuna connessione con il disco di origine, ma è contenuto all'interno della membrana peridurale o sotto una porzione del legamento longitudinale posteriore che non è strettamente legato all'anello di origine, il disco è considerato sequestrato. Sequestrato e sequestrato sono usati in modo intercambiabile. Nota: '' sequestrated disc '' e '' free framment '' sono praticamente sinonimi. Vedi: frammento libero. Quando si fa riferimento alla condizione del disco, è preferita la categorizzazione come estrusa con sottocategorizzazione come sequestrata, mentre quando si fa riferimento specificamente al frammento, si preferisce il frammento libero. Vedi il sequestro.

Sequestrum (non preferito): si riferisce al tessuto discale che si è spostato dallo spazio di origine del disco e non ha alcuna continuità con il materiale del disco all'interno dello spazio di origine del disco. Sinonimo: frammento libero (preferito). Vedi disco sequestrato. Nota: '' sequestrum '' (non preferito) si riferisce al frammento libero isolato stesso, mentre il disco sequestrato definisce le condizioni del disco.

anchilosante: malattia infiammatoria della colonna vertebrale, diversa dalla malattia degenerativa. Nota: la spondilite di solito si riferisce a spondiloartropatie infiammatorie noninfettive.

spondilosi: 1. Termine comune non specifico usato per descrivere gli effetti generalmente attribuiti a cambiamenti degenerativi della colonna vertebrale, in particolare quelli che coinvolgono cambiamenti ipertrofici alle placche terminali apofisarie e alle articolazioni zigapofisarie. 2. (non standard) Spondilosi deformante, per il quale la spondilosi è una forma accorciata.

Spondilosi deformante: processo degenerativo della colonna vertebrale che coinvolge l'anulus fibrosus e l'apofisi del corpo vertebrale, caratterizzato da osteofiti marginali anteriori e laterali derivanti dalle apofisi del corpo vertebrale, mentre l'altezza del disco intervertebrale è normale o solo leggermente diminuita. Vedi degenerazione, spondilosi.

Zona subarticolare: la zona, all'interno del canale vertebrale, sagittamente tra il piano dei bordi mediali dei peduncoli e il piano dei bordi mediali delle faccette e coronalmente tra i piani delle superfici posteriori dei corpi vertebrali e le superfici anteriori delle sfaccettature superiori . Nota: la zona subarticolare non può essere delineata con precisione nelle rappresentazioni bidimensionali poiché le strutture che definiscono i piani della zona sono irregolari. La rientranza laterale è quella porzione della zona subarticolare definita dalla parete mediale del peduncolo, in cui la stessa radice nervosa numerata attraversa prima di girare sotto il muro inferiore del foruncolo.

sottolegamentose: sotto il legamento longitudinale posteriore. Nota: sebbene la distinzione tra annulus esterno e legamento longitudinale posteriore possa non essere sempre identificabile, subligamentous ha un significato distinto da subannulare quando la distinzione può essere fatta. Quando la distinzione non può essere fatta, subligamentous è appropriato. Contrasti subligamentali a extraligamentosi, transligamentosi o perforati. Vedi extraligamentous, transligamentous.

Submembranous: racchiuso all'interno della membrana peridurale. Nota: con riferimento al materiale del disco spostato, la caratterizzazione di un'ernia come sottombrosa di solito indica che la porzione spostata viene estrusa oltre l'anulus e il legamento longitudinale posteriore in modo che solo la membrana peridurale lo investa.

Livello superrapedico: il livello all'interno del canale vertebrale tra i piani assiali della piastra terminale superiore della vertebra caudale allo spazio discale in questione e il margine superiore del peduncolo di quella vertebra. Sinonimo: tacca vertebrale inferiore.

syndesmophytes: escrescenze ossee sottili e verticalmente orientate che si estendono da un corpo vertebrale all'altro e che rappresentano l'ossificazione all'interno della porzione esterna dell'anulus fibroso.

Lacrima di anulus, anulus strappato (non standard): vedi rottura anulare.

Classificazione Thompson: una scala di valutazione a cinque punti dei cambiamenti degenerativi nel disco intervertebrale umano, da 0 (normale) a 5 (grave degenerazione), basata sulla morfologia patologica macroscopica delle sezioni midsagittali della colonna lombare.

Osteofiti di trazione: esofagea ossea derivante dall'apofisi del corpo vertebrale, da 2 a 3 mm sopra o sotto il bordo del disco intervertebrale, proiettando in direzione orizzontale.

Transligamentous: spostamento, di solito estrusione, di materiale discale attraverso il legamento longitudinale posteriore. Sinonimo: (non standard) (perforato). Vedi anche extraligamentoso, transmembranoso.

transmembrana: spostamento del materiale del disco estruso attraverso la membrana peridurale.

Fessura trasversale: fessura dell'anello nel piano assiale (orizzontale). Quando si riferisce a una grande fessura sul piano assiale, il termine è sinonimo di una fessura radiale orientata orizzontalmente. Spesso la "fessura trasversale" si riferisce a una separazione periferica più limitata delle fibre anulari, compresi gli attacchi all'apofisi. Queste fessure periferiche più strettamente definite possono contenere gas visibili su radiografie o immagini TC e possono rappresentare manifestazioni precoci di spondilosi deformante. Vedere fessura anulare, fessura concentrica, fessura radiale.

Disco non contenuto: materiale del disco spostato che non è contenuto dall'anello esterno e / o dal legamento longitudinale posteriore. Vedi la discussione sotto il disco contenuto.

Disco a vuoto: un disco con risultati di imaging caratteristici del gas (prevalentemente azoto) nello spazio discale, di solito una manifestazione di degenerazione del disco.

Cambiamenti del midollo vertebrale del corpo: cambiamenti reattivi del segnale del corpo vertebrale associati all'infiammazione del disco e alla degenerazione del disco, come mostrato sulla risonanza magnetica. Vedi classificazione Modic.

Tacca vertebrale (inferiore): incisura della superficie superiore del peduncolo corrispondente alla parte inferiore del forame (livello suprapedicolare).

Tacca vertebrale (superiore): incisura della superficie inferiore del peduncolo corrispondente alla parte superiore del forame (livello infrapedicolare).

Supplementare Appendice

appendice

L'ernia del disco si sviluppa più comunemente a causa dell'usura o della degenerazione legata all'età sulla colonna vertebrale. Nei bambini e nei giovani adulti, i dischi intervertebrali hanno un contenuto d'acqua molto più alto. Con l'età, tuttavia, il contenuto di acqua dei dischi intervertebrali diminuisce e questi iniziano a ridursi mentre gli spazi tra le vertebre si restringono, diventando in ultima analisi meno flessibili e diventando più inclini all'ernia del disco. Corretta diagnosi e trattamento impianti completi per la produzione di prodotti da forno essenziale per evitare ulteriori sintomi di lombalgia. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

Referenze

  1. Fardon, DF e Milette, PC Nomenclatura e classificazione della patologia del disco lombare: raccomandazioni delle task force combinate della North American Spine Society, della American Society of Spine Radiology e della American Society of Neuroradiology. Spina dorsale. 2001; 26: E93-E113
  2. Stadnik, TW, Lee, RR, Coen, HL et al. Rottura anulare e ernia del disco: prevalenza e miglioramento del contrasto sulle immagini RM in assenza di lombalgia o sciatica. Radiologia. 1998; 206: 49-55
  3. Visone, JH Terminologia dei disturbi della colonna vertebrale lombare, il problema ... e una soluzione. Pubblicazione del gruppo medico di imaging gestito in California, Burlingame, CA; 1993
  4. Murtagh, FR L'importanza di essere Ernest sulla nomenclatura del disco. Am J Neuroradiol. 2007; 28: 1-2
  5. in: EJ Nordby, MD Brown, ED Dawson, (a cura di) Un glossario sulla terminologia spinale. American Academy of Orthopedic Surgeons, Chicago; 1985: 31-32
  6. Bonneville, JF e Dietemann, JL L'imagerie in il sciatiques. Rev Prat (Parigi). 1992; 42: 554-566
  7. Brant-Zawadzki, MN e Jensen, MC Angolo di imaging: nomenclatura spinale. Variabilità inter- e intra-osservatore nell'interpretazione delle anomalie del disco lombare: un confronto di due nomenclature. Spina dorsale. 1995; 20: 388-390
  8. Bretone, G. È un disco sporgente, una piccola ernia o una protrusione moderata? Può Assoc Radiol J. 1991; 42: 318
  9. Fardon, DF, Herzog, RJ e Mink, JH Nomenclatura dei disturbi del disco lombare. in: SR Garfin, AR Vaccaro (Eds.) Aggiornamento della conoscenza ortopedica: colonna vertebrale. American Academy of Orthopaedic Surgeons, Rosemont, I L; 1997: A3-A14
  10. Milette, PC La terminologia corretta per la segnalazione dei disturbi del disco intervertebrale lombare. Am J Neuroradiol. 1997; 18: 1859-1866
  11. Fardon DF, White AH, Wiesel S. Termini diagnostici e trattamenti conservativi favorivano i disordini lombari da parte dei chirurghi spinali in Nord America. Presentato al primo incontro annuale, North American Spine Society, Lake George, New York, 1986.
  12. Arana, E., Royuela, A., Kovacs, FM et al. Colonna vertebrale lombare: accordo nell'interpretazione delle immagini MR 1.5T utilizzando il modulo di classificazione del gruppo di consenso Nordic Modic. Radiologia. 2010; 254: 809-817
  13. Bonneville, JF Plaidoyer pour un classificazione par immagine des hernies discales lombaires: la carte-image. Rev Im Med. 1990; 2: 557-560
  14. Fardon, DF, Pinkerton, S., Balderston, R. et al. Termini usati per la diagnosi da chirurghi della spina dorsale di lingua inglese. Spina dorsale. 1993; 18: 1-4
  15. Farfan, HF, Huberdeau, RM e Dubow, HI Degenerazione del disco intervertebrale lombare: l'influenza delle caratteristiche geometriche sul modello di degenerazione del disco: uno studio post-mortem. J Bone Joint Surg [Am]. 1972; 54: 492-510
  16. Milette, PC, Fontaine, S., Lepanto, L. et al. Differenziando sporgenze del disco lombare, rigonfiamenti del disco e dischi con contorno normale ma intensità del segnale anormale. Spina dorsale. 1999; 24: 44-53
  17. Milette, PC, Melancon, D., Dupuis, P. et al. Una terminologia semplificata per le anomalie del disco lombare. Può Assoc Radiol J. 1991; 42: 319-325
  18. Taveras, JM Disco intervertebrale erniato. Un appello per una terminologia più uniforme. Am J Neuroradiol. 1989; 10: 1283-1284
  19. Thompson, JP, Pearce, RH, Schechter, MT et al. Valutazione preliminare di uno schema per la classificazione della morfologia grossolana del disco intervertebrale umano. Spina dorsale. 1990; 15: 411-415
  20. Fardon, DF, Balderston, RA, Garfin, SR et al. Disturbi della colonna vertebrale, un sistema di codifica per le diagnosi. Hanley e Belfus, Philadelphia; 1991: 20-22
  21. Herzog, RJ La valutazione radiologica per un'ernia del disco lombare. Spina dorsale. 1996; 21: 19S-38S
  22. Comitato internazionale di nomenclatura anatomica approvato dall'undicesimo congresso internazionale di anatomisti. Nomina anatomica. 5th ed. Waverly Press, Baltimore, MD; 1983: A23
  23. Jarvik, JG, Haynor, DR, Koepsell, TD et al. Affidabilità Interreader per una nuova classificazione delle anomalie del disco lombare. Acad Radiol. 1996; 3: 537-544
  24. Ketler, A. e Wilke, HJ Revisione dei sistemi di classificazione esistenti per il disco cervicale o lombare e la degenerazione delle faccette articolari. (con la nota Erratum in Eur Spine J 15 (6); 729)Eur Spine J. 2006; 15: 705-718
  25. Kieffer, SA, Stadlan, EM, Mohandas, A. e Peterson, HO Correlazione anatomico-discografica dei cambiamenti dello sviluppo con l'età nel disco intervertebrale. Acta Radiol [Diagn] (Stoccolma). 1969; 9: 733-739
  26. Bundschuh, CV Imaging della colonna lombosacrale postoperatoria. Neuroimaging Clin N Am. 1993; 3: 499-516
  27. Bartynski, WS, Rothfus, WE e Kurs-Lasky, M. Caratteristiche del CT post-diskogramma dei dischi severamente dolorosi sensibili alla lidocaina e alla lidocaina alla discografia lombare provocatoria. AJNR. 2008; 29: 1455-1460
  28. Ford, LT, Gilula, LA, Murphy, WA e Gado, M. Analisi del gas nel disco lombare sottovuoto. AJR. 1977; 128: 1056-1057
  29. Modic, MT e Herfkens, RJ Disco intervertebrale: normali cambiamenti legati all'età nell'intensità del segnale MR. Radiologia. 1990; 177: 332-334
  30. Modic, MT, Masaryk, TJ, Ross, JS e Carter, JR Imaging della malattia degenerativa del disco.Radiologia. 1988; 168: 177-186
  31. Resnick, D. e Niwayama, G. Malattia degenerativa della colonna vertebrale in: D. Resnick (a cura di) Diagnosi di disturbi ossei e articolari. 3rd ed. WB Saunders, Philadelphia; 1995: 1372-1462
  32. Eckert, C. e Decker, A. Studi patologici di dischi intervertebrali. J Bone Joint Surg. 1947; 29: 447-454
  33. Marinelli, NL, Haughton, VM e Anderson, PA I tempi di rilassamento di T2 sono correlati alla degenerazione del disco lombare e all'età del paziente. AJNR. 2010; 31: 1278-1282
  34. Yasuma, T., Koh, S., Okamura, T. et al. Cambiamenti istologici nei dischi intervertebrali lombari invecchiati. J Bone Joint Surg [Am]. 1990; 72: 220-229
  35. Oh, K.-J., Lee, JW, Kwon, ET et al. Confronto di reperti di imaging RM tra ernia del disco extraligamentosa e suondamentosa nella colonna lombare. AJNR. 2013; 34: 683-687
  36. Dipartimento per la salute e i servizi umani degli Stati Uniti. Pubblicazione no (PHS) 91-1260, Classificazione internazionale delle malattie Nona revisione, quinta edizione della modifica clinica, Washington, DC, 1998; Adattato e pubblicato da Practice Management Information Corporation, Los Angeles, e dalla St. Anthony's Publishing Company, Alexandria, Virginia, 1999.
  37. Williams, AL, Haughton, VM, Daniels, DL e Grogan, JP Diagnosi differenziale CT del nucleo polposo estruso. Radiologia. 1983; 148: 141-148
  38. Modico, MT Disturbi degenerativi della colonna vertebrale. in: Imaging a risonanza magnetica della colonna vertebrale. Annuario Medical, New York; 1989: 83-95
  39. Boden, SD, Davis, DO, Dina, TS et al. Scansioni anormali di risonanza magnetica della colonna lombare in soggetti asintomatici. Un'indagine prospettica J Bone Joint Surg. 1990; 72: 403-408
  40. Yu, S., Haughton, VM, Sether, LA e Wagner, M. anulus fibroso in dischi intervertebrali sporgenti.Radiologia. 1988; 169: 761-763
  41. Yasuma, T., Makino, E., Saito, S. e Inui, M. Sviluppo istologico dell'erniazione del disco intervertebrale. J Bone Joint Surg. 1986; 68A: 1066-1073
  42. Sachs, BL, Vanharanta, H., Spivey, MA et al. Descrizione del discogramma di Dallas. Una nuova classificazione di CT / discografia nei disturbi lombari. Spina dorsale. 1987; 12: 287-294
  43. Carragee, EJ, Paragioudakis, SJ e Khurana, S. Zona lombare ad alta intensità e discografia in soggetto senza problemi di lombare. Spina dorsale. 2000; 25: 2987-2992
  44. Schellhas, KP, Pollei, SR, Gundry, CR et al. Disco ad alta intensità del disco lombare. Correlazione tra risonanza magnetica e discografia. Spina dorsale. 1996; 21: 79-86
  45. Munter, FM, Wasserman, BA, Wu, HM e Yousem, DM Imaging RM seriale di rotture anulari in dischi intervertebrali lombari. Am J Neuroradiol. 2002; 23: 1105-1109
  46. Quencer, RM L'anulus anulus fibrosus: possiamo desumere l'acutezza di una ferita anulare?Am J Neuroradiol. 2002; 23: 1069
  47. Czervionke, LF Malattia del disco intervertebrale lombare. Neuroimaging Clin N Am. 1993; : 465-485
  48. Rothman, SLG e Chafetz, NI Una spiegazione anatomica per la lettura di ernie del disco su studi di imaging RM della colonna lombare: presentazione del poster. American Society of Neuroradiology, Chicago, Illinois; 1995
  49. Twomey, LT e Taylor, JR Variazioni di età nelle vertebre lombari e nei dischi intervertebrali. Clin Orthop. 1987; 224: 97-104
  50. Coventry, MB, Ghormley, RK e Kernohan, JW Il disco intervertebrale: la sua anatomia e patologia microscopica. (233-7)J Bone Joint Surg. 1945; 27: 105-112
  51. Farfan, HF Disturbi meccanici della regione lombare Lea e Febiger,; 1973: 141
  52. Hirsch, C. e Schajowicz, F. Studi sui cambiamenti strutturali nell'annulus fibrosus lombare. Acta Orthop Scand. 1952; 22: 184-231
  53. Ito, T., Yamada, M., Ikuta, F. et al. Prova istologica dell'assorbimento di ernia del tipo sequestrante. Spina dorsale. 1996; 21: 230-234
  54. Liebscher, T., Haefeli, M., Wuertz, K. et al. Variazione legata all'età nella densità cellulare del disco intervertebrale lombare umano. Spina dorsale. 2011; 36: 153-159
  55. Nathan, H. Osteofiti della colonna vertebrale. Uno studio anatomico del loro sviluppo in base all'età, alla razza e al sesso, con considerazione della loro eziologia e significato. J Bone Joint Surg Am. 1962; 44: 243-268
  56. Sether, LA, Yu, S., Haughton, VM e Fischer, ME Disco intervertebrale: normali cambiamenti legati all'età nell'intensità del segnale MR. Radiologia. 1990; 177: 385-388
  57. Twomey, LT e Taylor, JR Variazioni di età nei dischi intervertebrali lombari. Acta Orthop Scand. 1985; 56: 496-499
  58. Schmorl, G. e Junghanns, H. (American Ed, 1971. Transl. Di EF Besemann) (186-98) in: La colonna vertebrale umana in salute e malattia. 2nd. Grune e Stratton, New York; 1971: 141-148
  59. Pritzker, KPH Invecchiamento e degenerazione nel disco intervertebrale lombare. Orthop Clin North Am. 1977; 8: 65-77
  60. Ross, JS Babel 2.0. Radiologia. 2010; 254: 640-641
  61. Pfirrmann, CW, Metzdorf, A., Zanetti, M. et al. Classificazione della risonanza magnetica della degenerazione del disco intervertebrale lombare. Spina dorsale. 2001; 26: 1873-1878
  62. Griffith, JF, Wang, WX e Antonio, GE Sistema di classificazione Pfirrmann modificato per la degenerazione del disco intervertebrale lombare. Spina dorsale. 2007; 32: E708-E712
  63. Yu, S., Haughton, VM, Sether, LA et al. Criteri per la classificazione dei dischi intervertebrali lombari normali e degenerati. Radiologia. 1989; 170: 323-326
  64. Brock, M., Patt, S. e Mayer, HM La forma e la struttura del disco estruso. Spina dorsale. 1992; 17: 1457-1461
  65. Williams, AL Diagnosi TC della malattia degenerativa del disco. L'annulus sporgente. Radiol Clin North Am. 1983; 21: 289-300
  66. Masaryk, TJ, Ross, JS, Modic, MT et al. Imaging RM ad alta risoluzione di dischi intervertebrali lombari sequestrati. Am J Neuroradiol. 1988; 9: 351-358
  67. Wiltse, LL, Berger, PE e McCulloch, JA Un sistema per segnalare la dimensione e la posizione delle lesioni nella colonna vertebrale. Spina dorsale. 1997; 22: 1534-1537
  68. Saal, JA, Saal, JS e Herzog, RJ La storia naturale delle estrusioni di dischi intervertebrali lombari è stata trattata in modo non operatorio. Spina dorsale. 1990; 15: 683-686
  69. Fardon DF. Nomenclatura del disco: pratiche correnti del giornale. Presentazione di poster, incontro annuale dell'Associazione ortopedica americana 110th, Boca Raton, FL, 1997.
  70. Comitato federativo sulla terminologia anatomica. Terminologia anatomica. George Thieme Verlag,Struttgart; 1998: 27
Pulsante Green Call Now H .png

Argomenti aggiuntivi: mal di schiena acuto

Mal di schiena è una delle più diffuse cause di disabilità e giorni persi al lavoro in tutto il mondo. Il dolore alla schiena è il secondo motivo più comune per le visite di un medico, superate solo dalle infezioni delle alte vie respiratorie. Circa il 80 percento della popolazione subirà un dolore alla schiena almeno una volta nella vita. La colonna vertebrale è una struttura complessa composta da ossa, articolazioni, legamenti e muscoli, tra gli altri tessuti molli. A causa di ciò, lesioni e / o condizioni aggravate, come dischi erniciati, può eventualmente portare a sintomi di mal di schiena. Le lesioni sportive o gli incidenti automobilistici sono spesso la causa più frequente di mal di schiena, tuttavia a volte il più semplice dei movimenti può avere risultati dolorosi. Fortunatamente, le opzioni di trattamento alternative, come la cura chiropratica, possono aiutare ad alleviare il mal di schiena attraverso l'uso di aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali, in definitiva migliorando il sollievo dal dolore.

foto di blog del fumetto carta ragazzo

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE: Terapia chiropratica per dolore alla sciatica