MechanoReceptive Pain: meccanismi periferici e centrali

Condividi

Dolore meccanorecettivo: Secondo il CDC, "più del 50% degli adulti statunitensi (125 milioni) aveva un disturbo del dolore muscoloscheletrico in 2012."

"Più di 40% di adulti con un disturbo del dolore muscolo-scheletrico ha utilizzato un approccio sanitario complementare per qualsiasi motivo in 2012. Questo era significativamente più alto dell'uso tra le persone senza disturbi del dolore muscoloscheletrico (24.1%). L'uso di approcci di salute complementari per qualsiasi motivo tra persone con dolore al collo o problemi era più del doppio rispetto all'uso di persone senza questi problemi ".

Estratto da: https://www.cdc.gov/nchs/data/nhsr/nhsr098.pdf

COMPRENDERE IL DOLORE È IMPORTANTE

"Tra gli adulti affetti da disturbo del dolore muscolo-scheletrico, l'uso di qualsiasi approccio complementare alla salute era più alto tra quelli con dolore o problemi al collo (50.6%), seguito da persone con altri problemi muscolo-scheletrici (46.2%)."

"L'uso di approcci di salute complementari per qualsiasi motivo tra persone con dolore al collo o problemi era più del doppio rispetto all'uso di persone senza questi problemi".

Estratto da: https://www.cdc.gov/nchs/data/nhsr/nhsr098.pdf

CHE COSA È UN MECCANORECETTORE?

  • I meccanocettori sono recettori sensoriali che rispondono alla pressione o alla distorsione meccanica.
  • Questi includono recettori cutanei per il tatto, recettori che monitorano la lunghezza e la tensione muscolare, i recettori uditivi e vestibolari e altri.

GATE CONTROL THEORY OF DOLORE

  • L'input non doloroso chiude le porte a input dolorosi.
  • Ciò impedisce alle sensazioni del dolore di spostarsi a livelli corticali più elevati
  • Afferenze di piccolo diametro (dolore) impediscono l'inibizione del dolore
  • Afferenti di grande diametro (vibrazione) tendono ad eccitare l'inibizione del dolore.

  • Questa teoria afferma che le fibre non nocicettive possono interferire con i segnali delle fibre del dolore, quindi, inibendo il dolore.
  • Le fibre Aβ di grande diametro non sono nocicettive (non trasmettono stimoli dolorosi) e inibiscono gli effetti della cottura delle fibre Aδ e C.

PERCORSO LEMNISCALE DELLA MEDIA DELLA COLONNA DORSALE

UTILIZZO DI MECCANORECETTORI PERIFERICI PER ALTERA PERCEZIONE DEL DOLORE

Come possiamo aiutare?

RIFLESSO DI RECESSO

  • Un neurone afferente eccitato stimola gli interneuroni eccitatori che a loro volta stimolano i motoneuroni efferenti che forniscono i bicipiti, il muscolo nel braccio che si piega (si piega) l'articolazione del gomito. La contrazione del bicipite allontana la mano dalla stufa calda.
  • Il neurone afferente stimola anche gli interneuroni inibitori che a loro volta inibiscono i neuroni efferenti che forniscono i tricipiti per impedirne la contrazione. Questo tipo di connessione neuronale che coinvolge la stimolazione del rifornimento nervoso di un muscolo e l'inibizione simultanea dei nervi al suo muscolo antagonista è nota come inibizione reciproca.
  • Il neurone afferente stimola ancora altri interneuroni che trasportano il segnale sul midollo spinale al cervello attraverso un percorso ascendente. Solo quando l'impulso raggiunge l'area sensoriale della corteccia è la persona consapevole del dolore, della sua posizione e del tipo di stimolo. Inoltre, quando l'impulso raggiunge il cervello, l'informazione può essere archiviata come memoria e la persona può pensare a quello che è successo.

TERAPIA BASATA SU RECETTORI

Regolazioni
  • L'attivazione dei meccanorecettori articolari attraverso aggiustamenti chiropratici può modulare e "oscurare" la percezione dei cervelli delle fibre di diametro più piccolo.
  • La ripetizione dell'attivazione dei meccanocettori articolari può creare plasticità positiva nei percorsi afferenti.
  • La plasticità positiva può fermare il dolore

vibrazione
  • La stimolazione vibratoria a frequenze specifiche può alterare la percezione del dolore
  • La ripetizione dell'attivazione dei dischi di Merkel e dei corpuscoli di Meissner può creare plasticità positiva nei percorsi afferenti.
  • Ancora una volta, la plasticità positiva può arrestare il dolore

VIBRAZIONI

  • "Questo tipo di dispositivo applica vibrazioni sinusoidali e offre un'ampiezza selezionabile continua di 0-5.2mm a seconda della posizione del piede e di una frequenza selezionabile di 5-30Hz."
  • "L'allenamento WBV sembra essere un intervento efficace, sicuro e adatto per i lavoratori che lavorano seduti con dolore cronico alla schiena".

  • "La stimolazione vibro-tattile omotopica ha portato a riduzioni del dolore termico 40% in tutti i gruppi di soggetti. La distrazione non sembra influenzare le valutazioni del dolore sperimentale. "
  • "La stimolazione vibrotattile ha efficacemente reclutato meccanismi analgesici non solo in NC ma anche in pazienti con dolore muscoloscheletrico cronico, inclusa la FM".

TOCCO LEGGERO

  • "In totale, i volontari sani di 44 hanno sperimentato il dolore da calore e gli stimoli TC ottimali (spazzolatura lenta) e CT sub-ottimale (spazzolatura veloce o vibrazione). Sono stati utilizzati tre diversi paradigmi sperimentali: applicazione concomitante di stimolazione del dolore termico e tattile (spazzolamento lento o vibrazione); Spazzolatura lenta, applicata per durata e intervalli variabili, precedente al dolore termico; Lento contro il veloce spazzolamento che precede il dolore di calore. "

  • Negli esseri umani, le principali aree del cervello che ricevono informazioni C-LTMR appartengono al sistema somatosensoriale e influenzano l'elaborazione delle reti cerebrali come la corteccia insulare posteriore controlaterale o la corteccia prefrontale mediale. L'intensità del tocco TAC è codificata nella corteccia somatosensoriale primaria e secondaria (S1 controlaterale, S2 bilaterale), mentre la piacevolezza è codificata nella corteccia cingolata anteriore. Le C-LTMR attivano anche regioni coinvolte nell'elaborazione della ricompensa (putamen e corteccia orbitofrontale) e nell'elaborazione di stimoli sociali (solco temporale posteriore superiore).

TUTTO IL PERIFERICO HA UNA CONSEGUENZA CENTRALE

CASI DI STUDIO

  • 47-year-old male ha sofferto di CVA a sinistra nel mese di ottobre di 2017.
  • Non ha spostato il lato destro del suo corpo dall'incidente.
  • Presentato alla nostra clinica perché vuole "tornare indietro".

PUNTI SALIENTI DELL'ESAME DI FISICA

  • Disartria
  • Percezione del dolore alterata
  • Difficoltà con la matematica semplice
  • Flaccido su RUE e RLE

PUNTI SALIENTI DELL'ESAME DI FISICA

  • Il paziente non ha avuto movimento fino a quando non abbiamo iniziato a testare sensazioni e riflessi:

allodinia: Si riferisce alla sensibilizzazione al dolore centrale (aumento della risposta dei neuroni) seguendo una stimolazione normalmente non dolorosa, spesso ripetitiva.

  • L'allodinia può causare l'innesco di una risposta al dolore da stimoli, che normalmente non provoca dolore.
  • La temperatura o gli stimoli fisici possono provocare allodinia, che può sembrare una sensazione di bruciore e spesso si verifica dopo una lesione a un sito.
  • L'alldinia è diversa dall'iperalgesia, una reazione estrema ed esagerata a uno stimolo, che è normalmente doloroso.

INTERVENTI TERAPEUTICI

  • vibrazione
  • Tocco leggero
  • agopressione
  • Frequenze acustiche
  • Regolazioni!

DOPO DUE GIORNI

Terapia basata sul dolore e sul recettore Mechanecective

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘