Chiropratica

Lesioni del disco e del legamento: Documentazione della causa

LinkedIn

"La diagnosi clinica mostra un rigonfiamento del disco nel collo e alcune artriti, quindi i sintomi del collo non sono associati allo schianto. Molte persone hanno quelle e non hanno dolore anche se potrebbe essere un'ernia minimale. È la nostra diagnosi che era lì prima dello schianto. "Questa affermazione da parte di un regolatore è un argomento che è stato fatto per molti anni, consentendo alle compagnie di assicurazione di ridurre in modo inappropriato gli insediamenti ai propri clienti in base all'incapacità del cliente di dimostrare quando o come il danno o infortunio si è verificato. Per contrastare fattivamente questo tipo di affermazione, un individuo deve utilizzare l'imaging e l'età per discutere della causalità. Senza gli esperti medici che utilizzano l'attuale ricerca medica e accademica disponibile, continuerà a essere difficile per qualsiasi argomentazione essere fatta spiegando gli effetti di queste lesioni e il loro meccanismo basato sul fatto contro retorica.

L'imaging della colonna vertebrale è di fondamentale importanza nella maggior parte dei casi dei clienti feriti. Nei casi, l'imaging è necessario per una corretta diagnosi e una futura gestione delle lesioni. L'imaging deve essere eseguito secondo criteri accademici e moderni per garantire una diagnosi accurata. Le lesioni più comuni in caso di incidenti automobilistici sono spinali e la semplice imaging disponibile include i raggi x, le scansioni CAT e la risonanza magnetica (MRI), consentendo ai medici di effettuare una diagnosi accurata, quando indicato medico.

Ogni medico ha il permesso di vedere e curare le lesioni automobilistiche. Tuttavia una "licenza" non è la stessa di "specializzazione". A titolo di esempio, sebbene gli psichiatri possano avere una licenza per fare interventi al cuore e siano MD, non sarebbe nell'interesse del paziente. Né andrei da un chirurgo della colonna vertebrale per preoccupazioni psicologiche anche se sono autorizzati a trattare le condizioni mediche. Nel trauma spinale, alcuni fornitori si specializzano nelle lesioni del tessuto connettivo della colonna vertebrale, permettendoci di fare un ulteriore passo avanti nella diagnosi, nella prognosi e nella gestione, inclusi gli "appuntamenti per l'età" che queste lesioni del disco e del legamento generalmente riscontrano.

Comprensione dell'età-incontro di lesioni

Per capire l'età, uno vuole avere una conoscenza medica di base dell'anatomia e della fisiologia, e quale tessuto è comunemente danneggiato e il probabile "generatore di dolore". Poiché le lesioni al collo sono le lesioni più comuni, le articolazioni cervicali saranno il nostro obiettivo. In relazione all'anatomia, ogni serie di due vertebre nel collo è collegata con tre articolazioni; due faccette articolari e un disco singolo. Queste articolazioni consentono il normale movimento della colonna vertebrale (mobilità). Ci sono legamenti multipli che sono responsabili della stabilità e tengono insieme queste articolazioni. Il corretto equilibrio tra mobilità e stabilità è fondamentale quando si osserva la parte delle lesioni del paziente, il che significa che un movimento troppo piccolo o eccessivo nelle articolazioni spinali può portare a dolore, secondario al tessuto danneggiato. Il tessuto più comunemente ferito in un incidente d'auto è nervo, legamento, disco, sfaccettatura e muscoli / tendini. Le lesioni del midollo spinale e delle ossa si verificano anche se meno frequentemente. Per determinare la causalità, il fornitore deve commentare quale tessuto è danneggiato e utilizzare anche l'imaging per determinare se si è verificato questo infortunio (età).

Ci sono due problemi fondamentali che devono essere affrontati. Fardon e Milette (2001) hanno riferito: "La frase" ernia del disco "non deduce la conoscenza della causa, la relazione con il trauma o l'attività, la concordanza con i sintomi, o la necessità di trattamento" (P. E108). Avere semplicemente una presenza di ernia del disco, senza un esame fisico o senza una documentazione dei sintomi appropriata, non consente di commentare la causa della lesione. In caso di collisione con impatto posteriore a titolo di esempio, anche se la diagnosi è confermata, dovranno essere soddisfatti ulteriori criteri per rispondere alla domanda "C'era una forza sufficiente generata nel veicolo e l'occupante per indurre l'ernia cervicale / lombare?" Il Fardon, in uno studio di follow-up (2014) ha riportato che la lesione del disco "in assenza di significative prove di imaging associate a lesioni violente, dovrebbe essere classificata come degenerazione piuttosto che trauma." (P. 2531). Quindi, dobbiamo definire più obiettivamente le connotazioni soggettive di "ferita violenta" e affrontare il problema della "degenerazione in opposizione al trauma". Anche se questa affermazione può essere spesso fuorviante, fornisce al trauma esperto medico un punto di partenza per comprendere che la fisiologia di ogni paziente è unica e non soggetta a retorica, ma risultati clinici.

Lesioni violente per l'occupante possono verificarsi quando vengono generate improvvise forze di accelerazione e decelerazione (g) generate al collo e alla testa che travolgono il tessuto connettivo o li trascinano oltre il loro limite fisiologico. Per determinare la forza di accelerazione si utilizza ?V (delta V). ?V è la variazione di velocità del veicolo occupante quando viene colpito da dietro (cioè, passando da una posizione ferma a sette mph in 0.5 secondi a causa delle forze spostate dal veicolo "proiettile" al veicolo "bersaglio"). Utilizzando questi dati, la ricerca ci consente di fare commenti specifici relativi a lesioni violente. Poiché il rachide cervicale è soggetto a forze di taglio e compressione, stiamo semplificando eccessivamente la tensione. Insieme alle forze g e alla natura elastica della maggior parte degli incidenti con impatto posteriore, è quasi impossibile scoprire una soglia minima effettiva per le lesioni anche se la letteratura ci ha fornito molti esempi di incidenti a bassa velocità che non dipendono semplicemente dalla velocità, ma la massa (peso) dei veicoli in questione. La suscettibilità di ogni individuo alle lesioni è unica. Sebbene le sole forze g non siano sufficienti per prevedere il danno, Krafft et al. (2002) hanno riportato che nelle collisioni a bassa velocità c'è una soglia di infortunio di 4.2 g per i maschi e 3.6 g per le femmine. L'analisi di Krafft è unica in quanto ha accesso a dati assicurativi inaccessibili ai ricercatori. Panjabi (2004) ha rivelato che forze a partire da 3.5 g di impatto porterebbero a danni alla parte anteriore del disco e impatti di 6.5 g e 8 g porterebbero a danni al disco posteriormente dove si trovano i componenti neurologici.

Diagnosi per lesioni del disco e del legamento

Un esperto di biomeccanismi spinali può cercare prove conclusive per disco e patologia, secondo due fenomeni. Innanzitutto, è riconosciuto che il corpo è elettrico. Stiamo misurando l'attività per diagnosticare quando un EMG è finito. In secondo luogo, ci sono campi bioelettrici in tutti i tessuti. Questo tipico campo viene interrotto quando si verifica una lesione e, nel caso delle articolazioni, il calcio viene attratto dal tessuto danneggiato. Issacson e Bloebaum (2010) hanno riferito che "Il particolare pattern di caricamento dell'osso è stato documentato come un significativo parametro piezoelettrico poiché è noto che potenziali lacune nell'osso sono dovute allo spostamento di carica durante il periodo di deformazione" (P. 1271). Per il paziente, abbiamo la capacità di dire quanto di questo processo si sia verificato prima o dopo il crash, specialmente se prendiamo in considerazione il danno tissutale e i segni di deposito di osso / calcio.

Inoltre, il corpo inizia un processo di guarigione che include la rigenerazione e il rimodellamento del tessuto molle e duro come riportato da Issacson e Bloebaum (2010). Le vertebre spinali hanno una struttura ossea unica che gli consente di adattarsi alla mobilità e alla stabilità anomale (lesioni) cambiando la forma, che può essere trovata nelle radiografie o nella risonanza magnetica. Inoltre, la forma cambierà secondo i modelli basati sulla pressione o sul carico che subisce dopo il trauma. Issacson e Bloebaum hanno dichiarato che "Le forze fisiche esercitate su un osso cambiano la struttura ossea ed è un principio ben consolidato ..." (P. 1271). Questa è un'ulteriore comprensione di un principio scientifico chiamato legge di Wolff stabilito negli 1800. Poiché sappiamo cosa sia "normale", quando vediamo risultati "anormali" come risultato di stress meccanico, potremmo affrontare l'argomento di una lesione acuta rispetto a un processo degenerativo che è la causa dell'anomalia e creare di conseguenza previsioni mediche specifiche.

Lui e Xinghua (2006) hanno studiato la prevedibilità del processo di rimodellamento osseo e sono stati in grado di fare previsioni sui cambiamenti patologici che si verificano nell'osso, in particolare l'osteofita (sperone osseo) sul bordo di una struttura ossea. Significativamente, hanno notato che le loro scoperte "hanno confermato che la formazione degli osteofiti era un processo adattativo in risposta a questo cambiamento di ambiente meccanico". Hanno notato che i fattori sono cruciali per la morfologia delle ossa, in particolare le ossa come il femore e le vertebre.

Per i lettori che hanno familiarità con la corrente nomenclatura accademica e medica accettata per lesioni al disco, riconosciuta dalle forze di lavoro combinate della Società americana delle spine (NASS), della Società americana di radiologia spinale (ASSR) e della American Society of Neuroradiology (ASNR) le ernie devono avere una componente direzionale. Quando ciò si verifica, la pressione aggiuntiva e anormale a livello del danno del disco corrisponde alla direzione dell'eraia causerà quella sezione delle vertebre.

Quindi, se c'è un'ernia del lato destro (protrusione / estrusione) C5 / 6 secondaria a una lesione accelerazione / decelerazione cervicale, solo quel lato delle vertebre cambierà forma, creando un osteofita. L'artrite della faccetta è inoltre causata da questo carico composto sulla faccetta articolare. Questo processo è molto simile alla formazione di un calloso sulla mano o sul piede. La callosità è una risposta tissutale riconosciuta e attesa per l'aumento dell'esposizione a carico / attrito. Allo stesso modo, un osteofita è una risposta ossea conosciuta e anticipata a un aumento dell'esposizione di carico / attrito.

A livello di base, il corpo ha una risposta elettrica e meccanica alla lesione che porta ad ulteriori stress che porta al calcio (osso) per fluire nella regione di lesioni per sostenere ulteriormente il giunto. La congiunzione allora cresce anormalmente, sviluppando una ipertrofia chiamata, degenerazione, complesso osteofito del disco, o artrite / artropatia, termini comuni che si vedono nei rapporti di medico e radiologia.

Tutti sono soggetti a questi cambiamenti morfologici (strutturali), sempre e prevedibilmente determinati da squilibri meccanici nella colonna vertebrale. Lui e Xinghua (2006) hanno concluso che "... in realtà ci vorrà circa mezzo anno per scoprire i cambiamenti morfologici dell'osso ..." (P. 101). Ciò indica che occorrono circa sei mesi per ottenere un osteofita (sperone osseo) che possa essere dimostrato da una rottura o un cedimento post-meccanico. Ciò fornisce di nuovo un quadro temporale per capire meglio se la patologia del disco intervertebrale è stata presente per un lungo periodo di tempo (preesistente) o è stata prodotta come risultato diretto dello specifico evento traumatico per carenza dell'esistenza di un osteofita. , significa che la patologia del disco ha meno di sei mesi, dipende dalla posizione e dalla gestione della patologia.

Conclusione

In conclusione, per definizione, un disco è un legamento che collega un osso a un osso e ha la responsabilità strutturale delle vertebre sopra e sotto di mantenere il sistema spinale in equilibrio. Danni al disco a causa di una lacrima (ernia o fessura anulare) o un rigonfiamento creeranno forze anormali portanti nel sito della lesione. Questi presentano differentemente in base a [1] se l'insuccesso traumatico sul lato della lesione del disco, o [2] se correlato all'età, come complesso generale. Dal momento che altre ricerche e crash test su soggetti umani hanno definito il termine "trauma violento" come non dipendente dalla quantità di danno arrecato al veicolo ma piuttosto dalle forze a cui sono esposti il ​​collo e la testa, ora possiamo prevedere con precisione in un modo dimostrabile i tempi di causalità di questa lesione del disco. Questo dipende dalla sintomatologia della morfologia della struttura ed è un argomento che può essere predicato sulla speculazione o retorica.

La portata delle nostre informazioni è limitata a lesioni e condizioni di chiropratica e spinale. Per discutere di opzioni sul tema, si prega di contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900

Riferimenti:

  1. Fardon, DF e Milette, PC (2001). Nomenclatura e classificazione della patologia del disco lombare: raccomandazioni delle task force combinate della North American Spine Society, American Society of Spine Radiology e American Society of Neuroradiology. Spina dorsale, 26(5), E93-E113.
  2. Fardon, DF, Williams, AL, Dohring, EJ, Murtagh, FR, Rothman, SLG e Sze, GK (2014). Nomenclatura del disco lombare: versione 2.0: raccomandazioni delle task force combinate della North American Spine Society, American Society of Spine Radiology e American Society of Neuroradiology. Colonna vertebrale, 14(11), 2525-2545.
  3. Krafft, M., Kullgren, A., Malm, S. e Ydenius, A. (2002). Influenza della gravità degli incidenti su vari sintomi di lesioni da colpo di frusta: uno studio basato su incidenti posteriori reali con impulsi di impatto registrati. Nel Proc. 19th Int. Techn. Conf. su ESV, carta No. 05-0363, 1-7
  4. Batterman, SD, Batterman, SC (2002). Delta-V, trauma spinale e il mito del minimo incidente di danno. Journal of Whiplash & Related Disorders, 1: 1, 41-64.
  5. Panjabi, MM et al. (2004). Meccanismo delle lesioni del disco intervertebrale cervicale durante il colpo di frusta simulato. Spina 29 (11): 1217-25.
  6. Issacson, BM e Bloebaum, RD (2010). Elettricità ossea: cosa abbiamo imparato negli ultimi 160 anni? Journal of Biomedical Research, 95A(4), 1270-1279.
  7. Studin, M., Peyster R., Owens W., Sundby P. (2016) Lesioni del disco dell'età: Herniations and bulges, Causally Relating Traumatic Discs.
  8. Frost, HM (1994). Legge di Wolff e adattamenti strutturali dell'osso all'utilizzo meccanico: una panoramica per i medici. L'ortodontista dell'angolo, 64(3), 175-188.
  9. Lui, G. e Xinghua, Z. (2006). La simulazione numerica della formazione di osteofiti sul bordo del corpo vertebrale utilizzando la teoria quantitativa del rimodellamento osseo. Spina dorsale dell'osso 73(1), 95-101.

 

Argomenti aggiuntivi: Legamenti deboli dopo la frustata

Il whiplash è un pregiudizio comunemente segnalato dopo che un individuo è stato coinvolto in un incidente automobilistico. Durante un incidente automobilistico, la forza pura dell'impatto causa spesso la testa e il collo della vittima ad agitare improvvisamente, avanti e indietro, causando danni alle strutture complesse che circondano la colonna cervicale. La cura chiropratica è un'opzione di trattamento alternativa sicura ed efficace utilizzata per contribuire a ridurre i sintomi del colpo di frusta.

.video-container {posizione: relativa; imbottitura inferiore: 63%; imbottitura: 35px; altezza: 0; overflow: nascosto;}. video contenitore iframe {posizione: assoluto; top: 0; a sinistra: 0; larghezza: 100%; altezza: 100%; confine: nessuno; max-width: 100%;}

 

ARGOMENTO DI TENDENZA: EXTRA EXTRA: Nuovo PUSH 24 / 7®? Centro fitness

 

 

Disclaimer post

Ambito professionale *

Le informazioni qui riportate su "Lesioni del disco e del legamento: Documentazione della causa" non intende sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato o un medico autorizzato e non è un consiglio medico. Ti incoraggiamo a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e della collaborazione con un operatore sanitario qualificato .

Informazioni sul blog e discussioni sull'ambito

Il nostro ambito informativo è limitato a chiropratica, muscolo-scheletrico, medicine fisiche, benessere, contributo eziologico disturbi viscerosomatici all'interno di presentazioni cliniche, dinamiche cliniche associate ai riflessi somatoviscerali, complessi di sublussazione, problemi di salute sensibili e/o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale.

Forniamo e presentiamo collaborazione clinica con specialisti di una vasta gamma di discipline. Ogni specialista è regolato dal proprio ambito professionale di pratica e dalla propria giurisdizione di licenza. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura delle lesioni o dei disturbi del sistema muscolo-scheletrico.

I nostri video, post, argomenti, argomenti e approfondimenti coprono questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano, direttamente o indirettamente, il nostro ambito clinico di pratica.*

Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio o gli studi di ricerca pertinenti a sostegno dei nostri incarichi. Forniamo copie degli studi di ricerca di supporto a disposizione degli organi di regolamentazione e del pubblico su richiesta.

Comprendiamo che copriamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può essere d'aiuto in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere Dr. Alex Jimenez DC o contattaci al 915-850-0900.

Siamo qui per aiutare te e la tua famiglia.

Blessings

Il dottor Alex Jimenez DC MSACP, CCST, IFMCP*, CIFM*, ATN*

e-mail: coach@elpasofunctionalmedicine.com

Licenza in: Texas & Nuovo Messico*

Dr. Alex Jimenez DC, MSACP, CIFM*, IFMCP*, ATN*, CCST
Il mio biglietto da visita digitale

Post Recenti

Punti trigger che colpiscono i muscoli della parte superiore del braccio

Introduzione Le estremità superiori del corpo, che includono la testa, il collo, le spalle, il torace e... Continua a leggere...

26 settembre 2022

Tendini e legamenti lesioni Team chiropratico

Tendini e legamenti: un tendine è un tessuto fibroso, flessibile e resistente, simile a una corda... Continua a leggere...

23 settembre 2022

Lavorare con un nutrizionista: team di medicina funzionale chiropratica

I nutrizionisti sono professionisti medici nel campo dell'alimentazione e della nutrizione e lavorano individualmente per sviluppare una nutrizione ottimale... Continua a leggere...

22 settembre 2022

Muscoli deltoidi interessati dai punti trigger

Introduzione Le spalle aiutano a stabilizzare le estremità superiori del corpo e forniscono un'ampia gamma di... Continua a leggere...

22 settembre 2022

Chiropratico con fianchi irregolari

I fianchi irregolari possono disorientare la schiena dall'allineamento naturale e causare rigidità alla schiena, senso di oppressione,... Continua a leggere...

21 settembre 2022

Mal di schiena superficiali e spalle rotonde

Introduzione Molte persone non si rendono conto di provare dolore finché non iniziano a sentire... Continua a leggere...

21 settembre 2022