La scienza basilare del ginocchio umano: struttura, composizione e funzione | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

La scienza basilare del ginocchio umano Struttura, composizione e funzione dei menischi

The ginocchio è una delle articolazioni più complesse del corpo umano, costituita dal femore, dal femore, dallo stinco o dalla tibia e dalla rotula o dalla rotula, tra gli altri tessuti molli. I tendini collegano le ossa ai muscoli mentre i legamenti connettono le ossa dell'articolazione del ginocchio. Due pezzi di cartilagine a forma di cuneo, conosciuti come il menisco, forniscono stabilità all'articolazione del ginocchio. Lo scopo dell'articolo qui sotto è quello di dimostrare e discutere l'anatomia dell'articolazione del ginocchio e dei suoi tessuti molli circostanti.

astratto

Background: Le informazioni riguardanti la struttura, la composizione e la funzione dei menischi del ginocchio sono state distribuite su più fonti e campi. Questa recensione contiene una descrizione concisa e dettagliata dei menischi del ginocchio, tra cui anatomia, etimologia, filogenesi, ultrastruttura e biochimica, anatomia vascolare e neuroanatomia, funzione biomeccanica, maturazione e invecchiamento e modalità di imaging.

Acquisizione di prove: Una ricerca bibliografica è stata eseguita da una revisione di articoli PubMed e OVID pubblicati da 1858 a 2011.

risultati: Questo studio evidenzia le caratteristiche strutturali, compositive e funzionali dei menischi, che possono essere rilevanti per le presentazioni cliniche, la diagnosi e le riparazioni chirurgiche.

Conclusioni: Una comprensione della normale anatomia e della biomeccanica dei menischi è un prerequisito necessario per comprendere la patogenesi dei disturbi che coinvolgono il ginocchio.

parole chiave: ginocchio, menisco, anatomia, funzione

Introduzione

Una volta descritto come un residuo embrionale privo di funzione, 162 ora è noto che i menischi sono vitali per la normale funzione e la salute a lungo termine dell'articolazione del ginocchio.§ I menischi aumentano la stabilità per l'articolazione femorotibiale, distribuiscono il carico assiale, assorbono lo shock e forniscono lubrificazione e nutrizione per l'articolazione del ginocchio.4,91,152,153

Le lesioni ai menischi sono riconosciute come causa di una significativa morbidità muscolo-scheletrica. La struttura unica e complessa del menisco rende il trattamento e la riparazione impegnativi per il paziente, il chirurgo e il fisioterapista. Inoltre, il danno a lungo termine può portare a cambiamenti degenerativi delle articolazioni come la formazione di osteofiti, la degenerazione della cartilagine articolare, il restringimento dello spazio articolare e l'osteoartrite sintomatica.36,45,92 La conservazione del menisco dipende dal mantenimento della loro composizione e organizzazione distintive.

Anatomia dei Menisci

Etimologia meniscale

La parola menisco deriva dalla parola greca mēniskos, che significa "mezzaluna", diminutivo di mēnē, che significa "luna".

Filogenesi meniscale e anatomia comparata

Gli ominidi presentano caratteristiche anatomiche e funzionali simili, tra cui un femore distale bicondilare, legamenti crociato intra-articolari, menischi e collaterali asimmetrici.40,66 Queste caratteristiche morfologiche simili riflettono un lignaggio genetico condiviso che può essere ricondotto a più di 300 milioni di anni.40,66,119

Nel lignaggio dei primati che porta agli umani, gli ominidi si sono evoluti in posizione bipede da circa 3 a 4 milioni di anni fa, e da 1.3 milioni di anni fa, è stata stabilita la moderna articolazione femoro-rotulea (con una faccetta patellare laterale più lunga e corrispondente troclea femorale laterale) .164 Tardieu ha studiato il passaggio dal bipedalismo occasionale al bipedalismo permanente e ha osservato che i primati contengono un menisco fibrocartilaginoso mediale e laterale, con il menisco mediale morfologicamente simile in tutti i primati (a forma di mezzaluna con inserzioni tibiali 2) .163 Al contrario, il menisco laterale era osservato essere più variabile nella forma Unico in Homo sapiens è la presenza di inserzioni tibiali 2 - 1 anteriore e 1 posteriore - che indicano una pratica abituale di movimenti di estensione completa dell'articolazione del ginocchio durante la fase di stance e l'oscillazione del deambulatore bipede. 20,134,142,163,168

Embriologia e sviluppo

La forma caratteristica dei menischi laterale e mediale è raggiunta tra la 8th e la 10th settimana di gestazione. 53,60 Derivano da una condensazione dello strato intermedio di tessuto mesenchimale per formare attaccamenti alla capsula articolare circostante. 31,87,110 I menisco in via di sviluppo sono altamente cellulari e vascolare, con l'apporto di sangue che entra dalla periferia e si estende attraverso l'intera larghezza dei menischi.31 Mentre il feto continua a svilupparsi, vi è una graduale diminuzione della cellularità dei menischi con un concomitante aumento del contenuto di collagene in una circonferenziale disposizione.30,31 Il movimento articolare e lo stress postnatale del peso sono fattori importanti nel determinare l'orientamento delle fibre di collagene. Dall'età adulta, solo il 10% periferico a 30% ha un apporto di sangue.12,31

Nonostante questi cambiamenti istologici, la proporzione del plateau tibiale coperta dal corrispondente menisco è relativamente costante durante lo sviluppo fetale, con i menischi mediale e laterale che coprono approssimativamente 60% e 80% delle aree superficiali, rispettivamente.31

Corso di anatomia

Esame lordo del menisco del ginocchio rivela un tessuto liscio e lubrificato (Figura 1). Si tratta di cunei a forma di mezzaluna di fibrocartilagine situati sugli aspetti mediale e laterale dell'articolazione del ginocchio (Figura 2A). Il bordo periferico, vascolare (noto anche come zona rossa) di ciascun menisco è spesso, convesso e attaccato alla capsula articolare. Il bordo più interno (noto anche come zona bianca) si assottiglia verso un sottile bordo libero. Le superfici superiori dei menischi sono concave, consentendo un'articolazione efficace con i rispettivi condili femorali convessi. Il inferiore le superfici sono piatte per accogliere il piatto tibiale (Figura 1) .28,175

Menisco mediale Il menisco mediano semicircolare misura circa 35 mm di diametro (anteriore a posteriore) ed è significativamente più ampio posteriormente di quanto non sia anteriormente. 175 Il corno anteriore è attaccato all'altopiano della tibia vicino alla fossa intercondilare anteriore al legamento crociato anteriore (LCA). Vi è una variabilità significativa nella posizione di attacco del corno anteriore del menisco mediale. Il corno posteriore è attaccato alla fossa intercondiloidea posteriore della tibia tra il menisco laterale e il legamento crociato posteriore (PCL; Figure 1 e and2B) .2B). Johnson e altri hanno riesaminato i siti di inserzione tibiale dei menischi e le loro relazioni topografiche ai punti di riferimento anatomici circostanti del ginocchio. 82 Hanno scoperto che i siti di inserimento del corno anteriore e posteriore del menisco mediale erano più grandi di quelli del menisco laterale. L'area del sito di inserzione del corno anteriore del menisco mediale era la più ampia in assoluto, misurando 61.4 mm2, mentre il corno posteriore del menisco laterale era il più piccolo, a 28.5 mm2.82

La porzione tibiale dell'attaccatura capsulare è il legamento coronarico. Al suo punto medio, il menisco mediale è più saldamente attaccato al femore attraverso una condensazione nella capsula articolare nota come legamento collaterale mediale profondo. 175 Il legamento trasversale o "intermeniscal" è una fascia fibrosa di tessuto che collega il corno anteriore del menisco mediale al corno anteriore del menisco laterale (Figure 1 e and2A2A).

Menisco laterale. Il menisco laterale è quasi circolare, con una larghezza approssimativamente uniforme da anteriore a posteriore (Figure 1 e and2A) .2A). Occupa una porzione maggiore (~ 80%) della superficie articolare rispetto al menisco mediale (~ 60%) ed è più mobile.10,31,165 Entrambe le corna del menisco laterale sono attaccate alla tibia. L'inserzione del corno anteriore del menisco laterale si trova anteriormente all'eminenza intercondiloidea e adiacente all'ampio sito di attacco dell'ACL (Figura 2B) .9,83 Il corno posteriore del menisco laterale si inserisce posteriormente alla colonna tibiale laterale e appena anteriore a l'inserimento del corno posteriore del menisco mediale (Figura 2B) .83 Il menisco laterale è attaccato vagamente al legamento capsulare; tuttavia, queste fibre non si attaccano al legamento collaterale laterale. Il corno posteriore del menisco laterale si attacca all'aspetto interno del condilo mediale del femore attraverso i legamenti meniscofemoral anteriore e posteriore di Humphrey e Wrisberg, rispettivamente, che hanno origine vicino all'origine del PCL (Figure 1 e and22) .75

Legamenti meniscofemoral. La letteratura riporta significative incongruenze nella presenza e dimensione di meniscofemoral legamenti del menisco laterale. Non ci possono essere, 1, 2 o 4.‖ Quando presenti, questi legamenti accessori trasversali dal corno posteriore del menisco laterale all'aspetto laterale del condilo femorale mediale. Inseriscono immediatamente adiacenti all'attacco femorale del PCL (Figure 1 e and22).

In una serie di studi, Harner et al. Hanno misurato l'area della sezione trasversale dei legamenti e hanno rilevato che il legamento meniscofemorale mediava il 20% della dimensione del PCL (range, 7% -35%). 69,70 Tuttavia, la dimensione del la sola area inserzionale senza conoscenza dell'angolo inserzionale o della densità del collagene non indica la loro forza relativa. 115 La funzione di questi legamenti rimane sconosciuta; possono tirare il corno posteriore del menisco laterale in una direzione anteriore per aumentare la congruità della fossa meniscotibiale e il condilo femorale laterale.75

Ultrastruttura e biochimica

Matrice extracellulare

Il menisco è una densa matrice extracellulare (ECM) composta principalmente da acqua (72%) e collagene (22%), interposto con le cellule.9,55,56,77 I proteoglicani, le proteine ​​non collagene e le glicoproteine ​​rappresentano il rimanente peso secco. Le cellule meniscali sintetizzano e mantengono l'ECM, che determina le proprietà del materiale del tessuto.

Le cellule dei menischi sono indicate come fibrocondrociti perché sembrano essere una miscela di fibroblasti e condrociti.111,177 Le cellule nello strato più superficiale dei menischi sono fusiformi o fusiformi (più fibroblastici), mentre le cellule si trovano più in profondità nel il menisco è ovoidale o poligonale (più condrocitario) .55,56,178 La morfologia cellulare non differisce tra le posizioni periferiche e centrali nei menischi.56

Entrambi i tipi di cellule contengono abbondante reticolo endoplasmatico e complesso di Golgi. I mitocondri vengono solo occasionalmente visualizzati, suggerendo che la via principale per la produzione di energia dei fibrocondrociti nel loro ambiente avascolare è probabilmente la glicolisi anaerobica.112

Acqua

Nei normali menischi sani, il fluido tissutale rappresenta 65% a 70% del peso totale. La maggior parte dell'acqua viene trattenuta all'interno del tessuto nei domini solventi dei proteoglicani. Il contenuto di acqua del tessuto meniscale è più alto nelle aree posteriori rispetto alle aree centrale o anteriore; campioni di tessuto da strati superficiali e più profondi hanno contenuti simili.135

Sono necessarie grandi pressioni idrauliche per superare la resistenza di attrito di forzare il flusso di fluido attraverso il tessuto meniscale. Pertanto, le interazioni tra l'acqua e la struttura macromolecolare della matrice influenzano significativamente le proprietà viscoelastiche del tessuto.

collageni

I collageni sono i principali responsabili della resistenza alla tensione dei menischi; essi contribuiscono fino al 75% del peso secco dell'ECM.77 L'ECM è composto principalmente da collagene di tipo I (90% peso secco) con quantità variabili di tipi II, III, V e VI.43,44,80,112,181 La predominanza del tipo I il collagene distingue la fibrocartilagine dei menischi dalla cartilagine articolare (ialina). I collageni sono fortemente reticolati da hydroxylpyridinium aldehydes.44

La disposizione delle fibre di collagene è ideale per trasferire un carico verticale di compressione in sollecitazioni circolari "a telaio" (Figura 3). Le fibre di collagene di tipo I di tipo I sono orientate circonferenzialmente negli strati più profondi del menisco, parallelamente al bordo periferico. Queste fibre mescolano le connessioni legamentose delle corna meniscali alla superficie articolare tibiale (Figura 57). 3 Nella regione più superficiale dei menischi, le fibre di tipo I sono orientate in una direzione più radiale. Le fibre "leganti" radialmente orientate sono anche presenti nella zona profonda e sono intercalate o intrecciate tra le fibre circonferenziali per fornire integrità strutturale (Figura 10,27,49,156). is detriti lipidici e corpi calcificati nell'ECM dei menischi umani.54 I corpi calcificati contengono lunghi, sottili cristalli di fosforo, calcio e magnesio su analisi radiografica con sonda elettronica. 54 La funzione di questi cristalli in non completamente compreso, ma si ritiene che possano avere un ruolo nell'infiammazione acuta delle articolazioni e nelle artropatie distruttive.

Le proteine ​​a matrice non collagena, come la fibronectina, contribuiscono con 8% a 13% del peso secco organico. La fibronectina è coinvolta in molti processi cellulari, tra cui la riparazione dei tessuti, l'embriogenesi, la coagulazione del sangue e la migrazione / adesione cellulare. L'elastina forma meno del 0.6% del peso secco del menisco; la sua localizzazione ultrastrutturale non è chiara. È probabile che interagisca direttamente con il collagene per fornire resilienza al tessuto. **

proteoglicani

Situato all'interno di una sottile rete di fibrille di collagene, i proteoglicani sono molecole idrofiliche di grandi dimensioni caricate negativamente, che contribuiscono con 1% a 2% di peso secco. 58 Sono costituite da una proteina centrale con 1 o più catene di glicosaminoglicani associate in modo covalente (Figura 4) .122 La dimensione di queste molecole è ulteriormente aumentata dall'interazione specifica con l'acido ialuronico. 67,72 La quantità di proteoglicani nel menisco è di un ottavo rispetto alla cartilagine articolare, 2,3 e ci possono essere variazioni considerevoli a seconda del sito del campione e dell'età di il paziente.49

Grazie alla loro struttura specializzata, all'elevata densità di carica fissa e alle forze di repulsione di carica, i proteoglicani nell'ECM sono responsabili dell'idratazione e forniscono al tessuto un'elevata capacità di resistere ai carichi di compressione. ‡ Il profilo glicosaminoglicano del normale adulto il menisco consiste di condroitina-6-solfato (40%), condroitina-4-solfato (10% in 20%), dermatan solfato (20% in 30%) e cheratina solfato (15%; Figura 4) .65,77,99,159 Il più alto le concentrazioni di glicosaminoglicano si trovano nelle corna meniscali e nella metà interna dei menischi nelle aree di carico principali. 58,77

Aggrecan è il principale proteoglicano trovato nei menischi umani ed è in gran parte responsabile delle loro proprietà viscoelastiche compressive (Figura 5). I proteoglicani più piccoli, come decorin, biglycan e fibromodulina, si trovano in quantità minori.124,151 L'esosamina contribuisce 1% al peso secco di ECM.57,74 Le funzioni precise di ciascuno di questi piccoli proteoglicani sul menisco non sono state ancora completamente chiarite.

Glicoproteine ​​a matrice

La cartilagine meniscale contiene una gamma di glicoproteine ​​a matrice, le identità e le cui funzioni devono ancora essere determinate. Elettroforesi e successiva colorazione dei gel di poliacrilammide rivela bande con pesi molecolari variabili da pochi kilodaltoni a più di 200 kDa.112 Queste molecole di matrice includono le proteine ​​di collegamento che stabilizzano gli aggregati dell'acido proteoglicano-ialuronico e una proteina 116-kDa di funzione sconosciuta.46 Questa proteina risiede nella matrice nella forma di disolfuro-bonded complesso di alto peso molecolare.46 Studi di immunolocalizzazione indicano che è localizzato prevalentemente attorno ai fasci di collagene nella matrice interterritoriale.47

Le glicoproteine ​​adesive costituiscono un sottogruppo delle glicoproteine ​​della matrice. Queste macromolecole sono parzialmente responsabili del legame con altre molecole e / o cellule della matrice. Tali molecole di adesione intermolecolari sono quindi componenti importanti nell'organizzazione supramolecolare delle molecole extracellulari del menisco.150 Sono state identificate tre molecole all'interno del menisco: collagene di tipo VI, fibronectina e trombospondina.112,118,181

Anatomia vascolare

Il menisco è una struttura relativamente avascolare con un limitato apporto di sangue periferico. Le arterie mediali, laterali e mediamente geniculate (che si diramano MENO l'arteria poplitea) forniscono la vascolarizzazione maggiore agli aspetti inferiori e superiori di ciascun menisco (Figura 5). 9,12,33-35,148 L'arteria geniculata media è un piccolo ramo posteriore che perfora il legamento poplitea obliquo all'angolo posteromediale dell'articolazione tibiofemorale. UN premeniscal La rete capillare che si origina dai rami di queste arterie origina all'interno dei tessuti sinoviali e capsulari del ginocchio lungo la periferia dei menischi. Il 10% periferico a 30% del margine del menisco mediale e il 10% a 25% del menisco laterale sono relativamente ben vascolarizzati, con importanti implicazioni per la guarigione del menisco (Figura 6) .12,33,68 I vasi endoligamentosi delle corna anteriori e posteriori viaggiano a breve distanza nella sostanza dei menischi e forma dei cappi terminali, fornendo una via diretta per il nutrimento.33 La porzione rimanente di ciascun menisco (65% a 75%) riceve nutrimento dal liquido sinoviale tramite diffusione o pompaggio meccanico (cioè, movimento articolare) .116,120

Bird e Sweet esaminarono i menischi di animali e umani usando l'elettronica a scansione e la microscopia ottica. 23,24 Osservarono strutture simili a canali che si aprivano in profondità nella superficie dei menischi. Questi canali possono svolgere un ruolo nel trasporto di liquidi all'interno del menisco e possono trasportare nutrienti dal liquido sinoviale e dai vasi sanguigni alle sezioni avascolari del menisco.23,24 Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per chiarire l'esatto meccanismo con cui fornisce il movimento meccanico nutrizione alla porzione avascolare dei menischi.

Neuroanatomy

L'articolazione del ginocchio è innervata dal ramo articolare posteriore del nervo tibiale posteriore e dai rami terminali dell'otturatore e dei nervi femorali. La porzione laterale della capsula è innervata dal ricorrente ramo peroneo del nervo peroneo comune. Queste fibre nervose penetrano nella capsula e seguono l'apporto vascolare alla porzione periferica dei menischi e le corna anteriori e posteriori, dove è concentrata la maggior parte delle fibre nervose.52,90 Il terzo esterno del corpo del menisco è più densamente innervato rispetto al Terzo medio. 183,184 Durante gli estremi di flessione e estensione del ginocchio, le corna meniscali sono stressate e l'input afferente è probabilmente maggiore in queste posizioni estreme.183,184

I meccanorecettori all'interno dei menischi funzionano come trasduttori, convertendo lo stimolo fisico di tensione e compressione in uno specifico impulso nervoso elettrico. Gli studi sui menischi umani hanno identificato 3 meccanocettori morfologicamente distinti: terminazioni Ruffini, corpuscoli paciniani e organi tendinei del Golgi. I meccanocettori di tipo I (Ruffini) sono a soglia bassa e si adattano lentamente ai cambiamenti nella deformazione e nella pressione articolare. I meccanocettori di tipo II (Paciniano) sono a soglia bassa e si adattano rapidamente alle variazioni di tensione. § I tipi III (Golgi) sono meccanocettori ad alta soglia, che segnalano quando l'articolazione del ginocchio si avvicina al range di movimento terminale e sono associati all'inibizione neuromuscolare. Questi elementi neurali sono stati trovati in maggiore concentrazione nelle corna meniscali, in particolare il corno posteriore.

I componenti asimmetrici del ginocchio agiscono di concerto come un tipo di trasmissione biologica che accetta, trasferisce e dissipa carichi lungo il femore, la tibia, la rotula e il femore. I legamenti 41 agiscono come un collegamento adattivo, con i menischi che rappresentano i cuscinetti mobili. Diversi studi hanno riportato che vari componenti intraarticolari del ginocchio sono sensati, in grado di generare segnali neurosensoriali che raggiungono livelli spinali, cerebellari e superiori del sistema nervoso centrale. ‖‖ Si ritiene che questi segnali neurosensoriali determinino la percezione cosciente e siano importanti per la normale funzione dell'articolazione del ginocchio e il mantenimento dell'omeostasi tissutale. 42

Dr Jimenez White Coat

Il menisco è la cartilagine che fornisce integrità strutturale e funzionale al ginocchio. I menischi sono due cuscinetti di tessuto fibrocartilagineo che diffondono l'attrito nell'articolazione del ginocchio quando subiscono tensioni e torsioni tra lo stinco osso, o tibia e femore o femore. La comprensione dell'anatomia e della biomeccanica dell'articolazione del ginocchio è essenziale per la comprensione delle lesioni e / o delle condizioni del ginocchio.

Dr. Alex Jimenez DC, CCST Insight

Funzione biomeccanica

La funzione biomeccanica del menisco è un riflesso dell'anatomia grossolana e ultrastrutturale e della sua relazione con le strutture intra-articolari ed extra-articolari circostanti. Gli menischi servono molte importanti funzioni biomeccaniche. Contribuiscono alla trasmissione del carico, assorbimento degli urti, stabilità 10,49,94,96,170, nutrizione 51,100,101,109,155, lubrificazione delle articolazioni 23,24,84,141, 102-104,141 e propriocezione.5,15,81,88,115,147 Servono anche a ridurre lo stress da contatto e aumentare l'area di contatto e la congruità del ginocchio.91,172

Cinematica meniscale

In uno studio sulla funzione legamentosa, Brantigan e Voshell riportarono il menisco mediale per spostarsi a media 2 mm, mentre il menisco laterale era marcatamente più mobile con circa 10 mm di spostamento anteriore-posteriore durante la flessione.25 Allo stesso modo, DePalma ha riferito che il menisco mediale subisce 3 mm di spostamento antero-posteriore, mentre il menisco laterale muove 9 mm durante la flessione .37 In uno studio con ginocchia cadaveriche 5, Thompson et al hanno riportato l'escursione media mediana di 5.1 mm (media delle corna anteriori e posteriori) e l'escursione laterale media, 11.2 mm, lungo la superficie articolare tibiale (Figura 7) .165 I risultati di questi studi confermano una differenza significativa nel movimento segmentale tra il menisco mediale e laterale. Il rapporto del menisco laterale anteriore e posteriore del corno è più piccolo e indica che il menisco si muove più come una singola unità.165 In alternativa, il menisco mediale (nel suo complesso) si muove meno del menisco laterale, mostrando un'escursione differenziale anteriore maggiore rispetto al corno posteriore. Thompson et al. Hanno trovato che l'area del movimento meniscale minimo è l'angolo mediale posteriore, dove il menisco è vincolato dal suo attaccamento all'altopiano tibiale da parte meniscotibial porzione del legamento obliquo posteriore, che è stato segnalato per essere più incline al danno.143,165 Una riduzione del movimento del corno posteriore del menisco mediale è un potenziale meccanismo per le lacrime meniscali, con un conseguente "intrappolamento" della fibrocartilagine tra il condilo femorale e il piatto tibiale durante la flessione completa. La maggiore differenza tra escursione del corno anteriore e posteriore può collocare il menisco mediale a un maggior rischio di lesioni.165

Il differenziale del corno anteriore rispetto al movimento del corno posteriore consente ai menischi di assumere un raggio decrescente con flessione, che è correlato al raggio di curvatura dei condili femorali posteriori.165 Questo cambiamento di raggio consente al menisco di mantenere il contatto con la superficie articolata di sia il femore che la tibia durante la flessione.

Carica trasmissione

La funzione dei menischi è stata inferita clinicamente dai cambiamenti degenerativi che accompagnano la sua rimozione. Fairbank ha descritto l'aumentata incidenza e prevedibili alterazioni degenerative delle superfici articolari in ginocchio completamente meniscectomizzate.45 Da questo primo lavoro, numerosi studi hanno confermato questi risultati e hanno ulteriormente stabilito l'importante ruolo del menisco come struttura protettiva e portante.

L'allungamento del peso produce forze assiali su tutto il ginocchio, che comprimono i menischi, determinando sollecitazioni "circonferenziali". Gli stress del cerchio di 170 vengono generati come forze assiali e convertiti in tensioni di trazione lungo le fibre circolanti di collagene del menisco (Figura 8). Gli attaccamenti costanti dei legamenti inserzionali anteriore e posteriore impediscono al menisco di estrudere perifericamente durante il carico. 94 Studi di Seedhom e Hargreaves hanno riportato che 70% del carico nel compartimento laterale e 50% del carico nel compartimento mediale viene trasmesso attraverso il menisci.153 I menischi trasmettono 50% di carico di compressione attraverso le trombe posteriori in estensione, con trasmissione 85% alla flessione 90 °. 172 Radin et al hanno dimostrato che questi carichi sono ben distribuiti quando i menischi sono intatti.137 Tuttavia, la rimozione del il menisco mediale determina una riduzione di 50% in 70% nell'area di contatto del condilo femorale e un aumento di 100% nello stress da contatto.4,50,91 La meniscectomia totale laterale determina una diminuzione di 40% in 50% nell'area di contatto e aumenta lo stress da contatto nel componente laterale 200% a 300% di normal.18,50,76,91 Aumenta in modo significativo il carico per unità di area e può contribuire alla cartilagine articolare accelerata danno e degenerazione.45,85

Assorbimento di urti

I menischi svolgono un ruolo fondamentale nell'attenuare le onde d'urto intermittenti generate dal carico impulsivo del ginocchio con normale gait.94,96,153 Voloshin e Wosk hanno dimostrato che il ginocchio normale ha una capacità di assorbimento degli shock di 20% superiore alle ginocchia sottoposte a meniscectomia. 170 Poiché l'incapacità di un sistema articolare di assorbire lo shock è stata implicata nello sviluppo dell'osteoartrosi, il menisco sembrerebbe svolgere un ruolo importante nel mantenimento della salute dell'articolazione del ginocchio.138

Stabilità congiunta

La struttura geometrica dei menischi fornisce un ruolo importante nel mantenimento della congruità e della stabilità articolare. La superficie superiore di ciascun menisco è concava, consentendo un'articolazione efficace tra i condili femorali convessi e il piatto piatto tibiale. Quando il menisco è intatto, il carico assiale del ginocchio ha una funzione di stabilizzazione multidirezionale, che limita il movimento in eccesso in tutte le direzioni.9

Markolf e colleghi hanno affrontato l'effetto della meniscectomia sulla lassità del ginocchio antero-posteriore e rotazionale. La meniscectomia mediale nel ginocchio ACL-intatto ha scarso effetto sul movimento antero-posteriore, ma nel ginocchio con deficienza di ACL, si ha un aumento della traslazione tibiale antero-posteriore fino a 58% a 90o di flessione.109 Shoemaker e Markolf ha dimostrato che il corno posteriore del menisco mediale è la struttura più importante che resiste ad una forza tibiale anteriore nel ginocchio carente di ACL. 155 Allen et al ha mostrato che la forza risultante nel menisco mediale del ginocchio con deficienza di ACL è aumentata di 52% in piena estensione e da 197% a 60 ° di flessione sotto un carico tibiale anteriore 134-N.7 I grandi cambiamenti nella cinematica dovuti alla meniscectomia mediale nel ginocchio con deficit di ACL confermano l'importante ruolo del menisco mediale nella stabilità del ginocchio. Recentemente, Musahl et al hanno riferito che il menisco laterale ha un ruolo nella traslazione tibiale anteriore durante la manovra di rotazione del perno. 123

Nutrizione e lubrificazione articolari

I menischi possono anche svolgere un ruolo nella nutrizione e nella lubrificazione dell'articolazione del ginocchio. La meccanica di questa lubrificazione rimane sconosciuta; i menischi possono comprimere il liquido sinoviale nella cartilagine articolare, che riduce le forze di attrito durante weightbearing. 13

Esiste un sistema di microcanali all'interno del menisco situato vicino ai vasi sanguigni, che comunica con la cavità sinoviale; questi possono fornire un trasporto fluido per la nutrizione e la lubrificazione articolare. 23,24

propriocezione

La percezione del movimento e della posizione articolari (propriocezione) è mediata da meccanocettori che trasducono la deformazione meccanica in segnali neurali elettrici. Meccanorecettori sono stati identificati nelle corna anteriore e posteriore dei menischi.I meccanocettori ad adattamento rapido, come i corpuscoli Paciniani, sono pensati per mediare la sensazione di movimento articolare e recettori ad adattamento lento, come le terminazioni Ruffini e il tendine del Golgi si ritiene che gli organi mediano la sensazione di posizione articolare. 140 L'identificazione di questi elementi neurali (localizzati principalmente nel terzo medio ed esterno del menisco) indica che i menischi sono in grado di rilevare le informazioni propriocettive nell'articolazione del ginocchio, giocando così un importante ruolo afferente nel meccanismo di feedback sensoriale del ginocchio.61,88,90,158,169

Maturazione e invecchiamento del menisco

La microanatomia del menisco è complessa e certamente dimostra cambiamenti senescenti. Con l'avanzare dell'età, il menisco diventa più rigido, perde elasticità e diventa giallo.78,95 Microscopicamente, vi è una graduale perdita di elementi cellulari con spazi vuoti e un aumento del tessuto fibroso rispetto al tessuto elastico.74 Queste aree cistiche possono iniziare una lacrima e con una forza di torsione dal condilo femorale, gli strati superficiali del menisco possono staccarsi dallo strato profondo all'interfaccia del cambiamento degenerativo cistico, producendo una rottura orizzontale della scissione. Il taglio tra questi strati può causare dolore. Il menisco lacerato può ferire direttamente la cartilagine articolare soprastante. 74,95

Ghosh e Taylor hanno scoperto che la concentrazione di collagene aumentava dalla nascita agli anni 30 ed è rimasta costante fino agli anni 80, dopo di che si è verificato un declino.58 Le proteine ​​della matrice non collagene hanno mostrato i cambiamenti più profondi, diminuendo da 21.9% ± 1.0% (peso secco) nei neonati a 8.1% ± 0.8% tra l'età di 30 a 70 anni.80 Dopo gli anni 70, i livelli di proteina a matrice non collagenica sono aumentati a 11.6% ± 1.3%. Peters e Smillie hanno osservato un aumento di esosamina e acido uronico con l'età.131

McNicol e Roughley hanno studiato la variazione dei proteoglicani meniscali nell'invecchiamento113; sono state osservate piccole differenze di estraibilità e dimensioni idrodinamiche. Le proporzioni di cheratina solfato rispetto a condroitina-6-solfato aumentavano con l'invecchiamento.146

Petersen e Tillmann hanno studiato i menischi umani immunoistochimicamente (che vanno da 22 settimane di gestazione a 80 anni), osservando la differenziazione dei vasi sanguigni e dei vasi linfatici nei cadaveri umani 20. Al momento della nascita, quasi l'intero menisco era vascolarizzato. Nel secondo anno di vita, un'area avascolare si è sviluppata nella circonferenza interna. Nella seconda decade, i vasi sanguigni erano presenti nel terzo periferico. Dopo gli anni 50, solo il quarto periferico della base meniscale era vascolarizzato. Il tessuto connettivo denso dell'inserzione era vascolarizzato ma non la fibrocartilagine dell'inserzione. I vasi sanguigni erano accompagnati da vasi linfatici in tutte le aree. †††

Arnoczky ha suggerito che il peso corporeo e il movimento articolare del ginocchio possono eliminare i vasi sanguigni negli aspetti interiori e mediani del menisco.9 La nutrizione del tessuto meniscale avviene attraverso la perfusione dai vasi sanguigni e attraverso la diffusione dal liquido sinoviale. Un requisito per la nutrizione attraverso la diffusione è il carico intermittente e il rilascio sulle superfici articolari, stressato dal peso corporeo e dalle forze muscolari. 130 Il meccanismo è paragonabile alla nutrizione della cartilagine articolare. 22

Imaging a risonanza magnetica del menisco

La risonanza magnetica (MRI) è uno strumento diagnostico non invasivo utilizzato nella valutazione, nella diagnosi e nel monitoraggio dei menischi. La risonanza magnetica è ampiamente accettata come modalità di imaging ottimale grazie al contrasto dei tessuti molli superiore.

Sulla risonanza magnetica trasversale, il menisco normale appare come una struttura triangolare uniforme a basso segnale (scuro) (Figura 9). Una lacrima meniscale è identificata dalla presenza di un aumento intrameniscal segnale che si estende alla superficie di questa struttura.

Diversi studi hanno valutato l'utilità clinica della risonanza magnetica per le lacrime del menisco. In generale, la risonanza magnetica è altamente sensibile e specifica per le lacrime del menisco. La sensibilità della risonanza magnetica nella rilevazione delle lesioni meniscali varia da 70% a 98% e la specificità, da 74% a 98% .48,62,105,107,117 La risonanza magnetica dei pazienti 1014 prima di un esame artroscopico ha avuto un'accuratezza di 89% per patologia del menisco mediale e 88% per il menisco laterale.48 Una meta-analisi di pazienti 2000 con una risonanza magnetica e un esame artroscopico ha rilevato 88% di sensibilità e 94% di precisione per le lesioni meniscali.105,107

Vi sono state discrepanze tra le diagnosi di MRI e la patologia identificata durante l'esame artroscopico. Giustizia e Quinn hanno riportato discrepanze nella diagnosi di 66 dei pazienti 561 (12%). 86 In uno studio su pazienti 92, discrepanze tra RM e sono state notate diagnosi artroscopiche in 22 dei casi 349 (6%). 106 Miller ha condotto uno studio prospettico in singolo cieco confrontando gli esami clinici e la risonanza magnetica negli esami del ginocchio 57. 117 Non ha trovato differenze significative nella sensibilità tra l'esame clinico e la risonanza magnetica (80.7 % e 73.7%, rispettivamente). Shepard ed altri hanno valutato l'accuratezza della risonanza magnetica nel rilevare lesioni clinicamente significative del corno anteriore del menisco nel ginocchio consecutivo 947 MRI154 e hanno trovato un tasso di falsi-positivi di 74%. L'aumento dell'intensità del segnale nel corno anteriore non indica necessariamente una lesione clinicamente significativa.154

Conclusioni

I menischi dell'articolazione del ginocchio sono cunei a forma di mezzaluna di fibrocartilagine che forniscono maggiore stabilità all'articolazione femorotibiale, distribuiscono assiale caricare, assorbire gli urti e lubrificare l'articolazione del ginocchio. Le lesioni ai menischi sono riconosciute come causa di una significativa morbidità muscolo-scheletrica. La conservazione dei menischi dipende fortemente dal mantenimento della sua composizione e organizzazione distintive.

Ringraziamenti

Ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3435920/

Le note

Ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3435920/

In conclusione, il ginocchio è l'articolazione più grande e più complessa del corpo umano. Tuttavia, poiché il ginocchio può essere comunemente danneggiato a seguito di una lesione e / o condizione, è essenziale comprendere l'anatomia dell'articolazione del ginocchio per consentire ai pazienti di ricevere un trattamento adeguato. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato ai problemi di salute chiropratica e spinale. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Adams ME, Hukins DWL. La matrice extracellulare del menisco. In: Mow VC, Arnoczky SP, Jackson DW, editori. eds. Menisco del ginocchio: basi e basi cliniche. New York, NY: Raven Press; 1992: 15-282016
2. Adams ME, McDevitt CA, Ho A, Muir H. Isolamento e caratterizzazione di proteoglicani ad alta densità di galleggiamento da menischi semilunari. J Bone Joint Surg Am. 1986; 68: 55-64 [PubMed]
3. Adams ME, Muir H. I glicosaminoglicani dei menis canini. Biochem J. 1981; 197: 385-389 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
4. Ahmed AM, Burke DL. Misurazione in vitro della distribuzione della pressione statica nelle articolazioni sinoviali: parte I. Superficie tibiale del ginocchio. J Biomech Eng. 1983; 185: 290-294 [PubMed]
5. Akgun U, Kogaoglu B, Orhan EK, Baslo MB, Karahan M. Possibile via riflessa tra menisco mediale e muscolo semi-membranoso: uno studio sperimentale su conigli. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc. 2008; 16 (9): 809-814 [PubMed]
6. Alberts B, Johnson A, Lewis J, Raff M, Roberts K, Walter P. Biologia molecolare della cellula. 4th ed. Bethesda, MD: Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie; 2002
7. Allen CR, Wong EK, Livesay GA, Sakane M, Fu FH, Woo SL. Importanza del menisco mediale nel ginocchio anteriore carente di legamenti crociati. J Orthop Res. 2000; 18 (1): 109-115 [PubMed]
8. Arnoczky SP. Costruire un menisco: considerazioni biologiche. Clin Orthop Relat Res. 1999; 367S: 244-253 [PubMed]
9. Arnoczky SP. Anatomia macroscopica e vascolare del menisco e suo ruolo nella guarigione, rigenerazione e rimodellamento del menisco. In: Mow VC, Arnoczky SP, Jackson DW, editori. , eds. Menisco del ginocchio: basi e basi cliniche. New York, NY: Raven Press; 1992: 1-14
10. Arnoczky SP, Adams ME, DeHaven KE, Eyre DR, Mow VC. Il menisco In: Woo SL-Y, Buckwalter J, editori. , eds. Lesioni e riparazioni di tessuti molli muscolo-scheletrici. Park Ridge, IL: American Academy of Orthopaedic Surgeons; 1987: 487-537
11. Arnoczky SP, Warren RF. Anatomia dei legamenti crociati. In: Feagin JA, editore. , ed. I legamenti cruciali. New York, NY: Churchill Livingstone; 1988: 179-195
12. Arnoczky SP, Warren RF. Microvasculatura del menisco umano. Am J Sports Med. 1982; 10: 90-95 [PubMed]
13. Arnoczky SP, Warren RF, Spivak JM. Riparazione del menisco mediante coagulazione di fibrina esogena: uno studio sperimentale sui cani. J Bone Joint Surg Am. 1988; 70: 1209-1217 [PubMed]
14. Aspden RM, Yarker YE, Hukins DWL. Orientamenti del collagene nel menisco dell'articolazione del ginocchio. J Anat. 1985; 140: 371. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
15. Assimakopoulos AP, Katonis PG, Agapitos MV, Exarchou EI. Le innervazioni del menisco umano. Clin Orthop Relat Res. 1992; 275: 232-236 [PubMed]
16. Atencia LJ, McDevitt CA, Nile WB, Sokoloff L. Contenuto di cartilagine di un cane immaturo. Connect Tissue Res. 1989; 18: 235-242 [PubMed]
17. Athanasiou KA, Sanchez-Adams J. Engineering the Knee Meniscus. San Rafael, CA: Morgan & Claypool Publishers; 2009
18. Baratz ME, Fu FH, Mengato R. Lacrime meniscali: l'effetto della meniscectomia e della riparazione delle aree di contatto intraarticolare e dello stress nel ginocchio umano. Un rapporto preliminare Am J Sports Med. 1986; 14: 270-275 [PubMed]
19. Barrack RL, Skinner HB, Buckley SL. Propriocezione nel ginocchio carente del crociato anteriore. Am J Sports Med. 1989; 17: 1-6 [PubMed]
20. Beaufils P, Verdonk R, editori. , eds. Il menisco Heidelberg, Germania: Springer-Verlag; 2010
21. Beaupre A, Choukroun R, Guidouin R, Carneau R, Gerardin H. Knee menisci: correlazione tra microstruttura e biomeccanica. Clin Orthop Relat Res. 1986; 208: 72-75 [PubMed]
22. Benninghoff A. Form und Bau der Gelenkknorpel in ihren Beziehungen zur Funktion. Erste Mitteilung: Die models des chalets und exhalthalten Faktoren des Knorpelreliefs. Z Anat Entwickl Gesch. 1925; 76: 4263
23. Bird MDT, Sweet MBE. Canali del menisco semilunare: breve relazione. J Bone Joint Surg Br. 1988; 70: 839. [PubMed]
24. Bird MDT, Sweet MBE. Un sistema di canali nei menischi semilunari. Ann Rheum Dis. 1987; 46: 670-673 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
25. Brantigan OC, Voshell AF. La meccanica dei legamenti e dei menischi dell'articolazione del ginocchio. J Bone Joint Surg Am. 1941; 23: 44-66
26. Brindle T, Nyland J, Johnson DL. Il menisco: revisione dei principi di base con applicazione alla chirurgia e alla riabilitazione. J Athl Train. 2001; 32 (2): 160-169 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
27. Bullough PG, Munuera L, Murphy J, et al. La forza dei menischi del ginocchio in relazione alla loro struttura fine. J Bone Joint Surg Br. 1979; 52: 564-570 [PubMed]
28. Bullough PG, Vosburgh F, Arnoczky SP, et al. I menischi del ginocchio. In: Insall JN, editor. , ed. Chirurgia del ginocchio. New York, NY: Churchill Livingstone; 1984: 135-149
29. Burr DB, Radin EL. La funzione meniscale e l'importanza della rigenerazione meniscale nella prevenzione dell'osteoartrosi compartimentale tardiva. Clin Orthop Relat Res. 1982; 171: 121-126 [PubMed]
30. Carney SL, Muir H. Struttura e funzione dei proteoglicani cartilaginei. Physiol Rev. 1988; 68: 858-910 [PubMed]
31. Clark CR, Ogden JA. Sviluppo dei menischi dell'articolazione del ginocchio umano. J Bone Joint Surg Am. 1983; 65: 530 [PubMed]
32. Clark FJ, Horsh KW, Bach SM, Larson GF. Contributi dei recettori cutanei e articolari al senso statico di posizione del ginocchio nell'uomo. J Neurophysiol. 1979; 42: 877-888 [PubMed]
33. Danzig L, Resnik D, Gonsalves M, Akeson WH. Rifornimento di sangue al menisco normale e anormale del ginocchio umano. Clin Orthop Relat Res. 1983; 172: 271-276 [PubMed]
34. Davies D, Edwards D. La fornitura vascolare e nervosa del menisco umano. Am R Coll Surg Engl. 1948; 2: 142-156
35. Giorno B, Mackenzie WG, Shim SS, Leung G. La fornitura vascolare e nervosa del menisco umano. Artroscopia. 1985; 1: 58-62 [PubMed]
36. DeHaven KE. Meniscectomia versus riparazione: esperienza clinica. In: Mow VC, Arnoczky SP, Jackson DW, editori. , eds. Menisco del ginocchio: basi e basi cliniche. New York, NY: Raven Press; 1992: 131-139
37. DePalma AF. Malattie del ginocchio. Philadelphia, PA: JB Lippincott Co; 1954
38. De Smet AA, Graf BK. Lacerazioni del menisco mancate durante l'imaging RM: rapporto con gli schemi del menisco meniscale e le lacrime del legamento crociato anteriore. AJR Am J Roentgenol. 1994; 162: 905-911 [PubMed]
39. De Smet AA, Norris MA, Yandow DR, et al. Diagnosi RM delle lesioni meniscali del ginocchio: importanza dell'elevato segnale nel menisco che si estende alla superficie. AJR Am J Roentgenol. 1993; 161: 101-107 [PubMed]
40. Colorante SF. Caratteristiche morfologiche funzionali del ginocchio umano: una prospettiva evolutiva. Clin Orthop Relat Res. 2003; 410: 19-24 [PubMed]
41. Colorante SF. Il ginocchio come una trasmissione biologica con un involucro di funzione: una teoria. Clin Orthop Relat Res. 1996; 325: 10-18 [PubMed]
42. Dye SF, Vaupel GL, Dye CC. Mappatura neurosensoriale cosciente delle strutture interne del ginocchio umano senza anestesia intraarticolare. Am J Sports Med. 1998; 26 (6): 773-777 [PubMed]
43. Eyre DR, Koob TJ, Chun LE. Biochimica del menisco: profilo unico dei tipi di collagene e variazioni nella composizione dipendenti dal sito. Orthop Trans. 1983; 8: 56
44. Eyre DR, Wu JJ. Collagene di fibrocartilagine: un fenotipo molecolare distintivo nel menisco bovino. FEBS Lett. 1983; 158: 265. [PubMed]
45. Fairbank TJ. Cambiamenti alle articolazioni del ginocchio dopo la meniscectomia. J Bone Joint Surg Br. 1948; 30: 664-670 [PubMed]
46. Fife RS. Identificazione delle proteine ​​di collegamento e una proteina della matrice 116,000-dalton nel menisco canino. Arch Biochem Biophys. 1985; 240: 682. [PubMed]
47. Fife RS, Hook GL, Brandt KD. Localizzazione topografica di una proteina 116,000 dalton nella cartilagine. J Histochem Cytochem. 1985; 33: 127. [PubMed]
48. Fischer SP, Fox JM, Del Pizzo W, et al. Precisione delle diagnosi da risonanza magnetica del ginocchio: un'analisi multicentrica su mille e quattordici pazienti. J Bone Joint Surg Am. 1991; 73: 2-10 [PubMed]
49. Fithian DC, Kelly MA, Mow VC. Proprietà materiali e relazioni struttura-funzione nei menischi. Clin Orthop Relat Res. 1990; 252: 19-31 [PubMed]
50. Fukubayashi T, Kurosawa H. L'area di contatto e la distribuzione della pressione del ginocchio: uno studio sulle articolazioni del ginocchio normali e osteoartritiche. Acta Orthop Scand. 1980; 51: 871-879 [PubMed]
51. Fukubayashi T, Torzilli PA, Sherman MF, Warren RF. Un'analisi biomeccanica in vivo del movimento antero-posteriore del ginocchio, rotazione e coppia di spostamento tibiale. J Bone Joint Surg Am. 1982; 64: 258-264 [PubMed]
52. Gardner E. Le innervazioni dell'articolazione del ginocchio. Anat Rec. 1948; 101: 109-130 [PubMed]
53. Gardner E, O'Rahilly R. Lo sviluppo precoce dell'articolazione del ginocchio negli embrioni umani in scena. J Anat. 1968; 102: 289-299 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
54. Ghadially FN, LaLonde JMA. Detriti lipidici intramatrici e bodes calcificati nelle cartilagini semilunari umane. J Anat. 1981; 132: 481. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
55. Ghadially FN, LaLonde JMA, Wedge JH. Ultrastruttura di menischi normali e lacerati dell'articolazione del ginocchio umano. J Anat. 1983; 136: 773-791 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
56. Ghadially FN, Thomas I, Yong N, LaLonde JMA. Ultrastruttura della cartilagine di coniglio semilunare. J Anat. 1978; 125: 499. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
57. Ghosh P, Ingman AM, Taylor TK. Variazioni di collagene, proteine ​​non collagene ed esosamina in menischi derivati ​​da articolazioni artritiche artritiche osteoartritiche e reumatoidi. J Rheumatol. 1975; 2: 100-107 [PubMed]
58. Ghosh P, Taylor TKF. Il menisco dell'articolazione del ginocchio: una fibrocartilagine di qualche distinzione. Clin Orthop Relat Res. 1987; 224: 52-63 [PubMed]
59. Ghosh P, Taylor TKF, Pettit GD, Horsburgh BA, Bellenger CR. Effetto dell'immobilizzazione postoperatoria sulla cartilagine semilunare della ricrescita del ginocchio: uno studio sperimentale. J Orthop Res. 1983; 1: 153. [PubMed]
60. Gray DJ, Gardner E. Sviluppo prenatale del ginocchio umano e articolazioni del perone tibiale superiore. Am J Anat. 1950; 86: 235-288 [PubMed]
61. Gray JC. Anatomia neurale e vascolare dei menischi del ginocchio umano. J Orthop Sports Phys Ther. 1999; 29 (1): 23-30 [PubMed]
62. Gray SD, Kaplan PA, Dussault RG. Imaging of the knee: stato attuale. Orthop Clin North Am. 1997; 28: 643-658 [PubMed]
63. Greis PE, Bardana DD, Holmstrom MC, Burks RT. Lesione meniscale: I. Scienza di base e valutazione. J Am Acad Orthop Surg. 2002; 10: 168-176 [PubMed]
64. Gronblad M, Korkala O, Liesi P, Karaharju E. Innervazione della membrana sinoviale e del menisco. Acta Orthop Scand. 1985; 56: 484-486 [PubMed]
65. Habuchi H, Yamagata T, Iwata H, Suzuki S. La presenza di un'ampia varietà di copolimeri di dermatan solfato-condroitina solfato nella cartilagine fibrosa. J Biol Chem. 1973; 248: 6019-6028 [PubMed]
66. Haines RW. L'articolazione del ginocchio tetrapode. J Anat. 1942; 76: 270-301 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
67. Hardingham TE, Muir H. Legatura di oligosaccaridi dell'acido ialuronico ai proteoglicani. Biochem J. 1973; 135 (4): 905-908 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
68. Harner CD, Janaushek MA, Kanamori A, Yagi AKM, Vogrin TM, Woo SL. Analisi biomeccanica di una ricostruzione del legamento crociato posteriore a doppio fascio. Am J Sports Med. 2000; 28: 144-151 [PubMed]
69. Harner CD, Kusayama T, Carlin G, et al. Proprietà strutturali e meccaniche del legamento crociato posteriore umano e legamenti meniscofemoral. In: Transazioni della 40th Annual Meeting della Orthopedic Research Society; 1992
70. Harner CD, Livesgay GA, Choi NY, et al. Valutazione delle dimensioni e forme dei legamenti crociati anteriori e posteriori umani: uno studio comparativo. Trans Orthop Res Soc. 1992; 17: 123
71. Hascall VC. Interazione di proteoglicani cartilaginei con acido ialuronico. J Supramol Struct. 1977; 7: 101-120 [PubMed]
72. Hascall VC, Heinegård D. Aggregazione di proteoglicani cartilaginei: I. Il ruolo dell'acido ialuronico. J Biol Chem. 1974; 249 (13): 4205-4256 [PubMed]
73. Heinegard D, Oldberg A. Struttura e biologia delle macromolecole non collagene della matrice cartilaginea e ossea. FASEB J. 1989; 3: 2042-2051 [PubMed]
74. Helfet AJ. Artrosi del ginocchio e suo arresto precoce. Corso istruttivo Lect. 1971; 20: 219-230
75. Heller L, Langman J. I legamenti meniscofemoral del ginocchio umano. J Bone Joing Surg Br. 1964; 46: 307-313 [PubMed]
76. Henning CE, Lynch MA, Clark JR. Vascolarizzazione per la guarigione delle riparazioni meniscali. Artroscopia. 1987; 3: 13-18 [PubMed]
77. Herwig J, Egner E, Buddecke E. Cambiamenti chimici dell'articolazione del ginocchio umano in vari stadi di degenerazione. Ann Rheum Dis. 1984; 43: 635-640 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
78. Höpker WW, Angres G, Klingel K, Komitowksi D, Schuchardt E. Cambiamenti del compartimento di elastina nel menisco umano. Virchows Arch A Pathol Anat Histopathol. 1986; 408: 575-592 [PubMed]
79. Humphry GM. Un trattato sullo scheletro umano Compreso i giunti. Cambridge, Regno Unito: Macmillan; 1858: 545-546
80. Ingman AM, Ghosh P, Taylor TKF. Variazione delle proteine ​​collagene e non collagene dell'articolazione dell'articolazione del ginocchio umano con età e degenerazione. Gerontologia. 1974; 20: 212-233 [PubMed]
81. Jerosch J, Prymka M, Castro WH. Propriocezione delle articolazioni del ginocchio con una lesione del menisco mediale. Acta Orthop Belg. 1996; 62 (1): 41-45 [PubMed]
82. Johnson DL, Swenson TD, Harner CD. Trapianto meniscale artroscopico: considerazioni anatomiche e tecniche. Presentato a: XIX incontro annuale della American Orthopedic Society for Sports Medicine; Luglio 12-14, 1993; Sun Valley, ID
83. Johnson DL, Swenson TM, Livesay GA, Aizawa H, Fu FH, Harner CD. Anatomia del sito di inserzione dei menischi umani: anatomia grossolana, artroscopica e topografica come base per il trapianto del menisco. Artroscopia. 1995; 11: 386-394 [PubMed]
84. Johnson RJ, Pope MH. Anatomia funzionale del menisco. In: Simposio sulla ricostruzione del ginocchio dell'American Academy of Orthopaedic Surgeons. St Louis, MO: Mosby; 1978: 3
85. Jones RE, Smith EC, Reisch JS. Effetti della meniscectomia mediale in pazienti di età superiore ai quarant'anni. J Bone Joint Surg Am. 1978; 60: 783-786 [PubMed]
86. Giustizia WW, Quinn SF. Modelli di errore nella valutazione dell'imaging RM dei menischi del ginocchio. Radiologia. 1995; 196: 617-621 [PubMed]
87. Kaplan EB. L'embriologia dei menischi dell'articolazione del ginocchio. Bull Hosp Joint Dis. 1955; 6: 111-124 [PubMed]
88. Karahan M, Kocaoglu B, Cabukoglu C, Akgun U, Nuran R. Effetto della meniscectomia mediale parziale sulla funzione propriocettiva del ginocchio. Arch Orthop Trauma Surg. 2010; 130: 427-431 [PubMed]
89. Kempson GE, Tuke MA, Dingle JT, Barrett AJ, Horsfield PH. Gli effetti degli enzimi proteolitici sulle proprietà meccaniche della cartilagine articolare umana adulta. Biochim Biophys Acta. 1976; 428 (3): 741-760 [PubMed]
90. Kennedy JC, Alexander IJ, Hayes KC. Fornitura nervosa del ginocchio umano e sua importanza funzionale. Am J Sports Med. 1982; 10: 329-335 [PubMed]
91. Kettelkamp DB, Jacobs AW. Area di contatto tibiofemorale: determinazione e implicazioni. J Bone Joint Surg Am. 1972; 54: 349-356 [PubMed]
92. Re D. La funzione delle cartilagini semilunari. J Bone Joint Surg Br. 1936; 18: 1069-1076
93. Kohn D, Moreno B. Anatomia dell'inserzione del menisco come base per la sostituzione del menisco: uno studio cadaverico morfologico. Artroscopia. 1995; 11: 96-103 [PubMed]
94. Krause WR, Pope MH, Johnson RJ, Wilder DG. Cambiamenti meccanici nel ginocchio dopo la meniscectomia. J Bone Joint Surg Am. 1976; 58: 599-604 [PubMed]
95. Kulkarni VV, Chand K. Anatomia patologica del menisco d'invecchiamento. Acta Orthop Scand. 1975; 46: 135-140 [PubMed]
96. Kurosawa H, Fukubayashi T, Nakajima H. ​​Modalità portante dell'articolazione del ginocchio: comportamento fisico dell'articolazione del ginocchio con o senza menisco. Clin Orthop Relat Res. 1980; 149: 283-290 [PubMed]
97. LaPrade RF, Burnett QM, II, Veenstra MA, et al. La prevalenza di reperti anormali di risonanza magnetica nelle ginocchia asintomatiche: correlazione tra risonanza magnetica e reperto artroscopico nelle ginocchia sintomatiche. Am J Sports Med. 1994; 22: 739-745 [PubMed]
98. Ultimo RJ. Alcuni dettagli anatomici dell'articolazione del ginocchio. J Bone Joint Surg Br. 1948; 30: 368-688 [PubMed]
99. Lehtonen A, Viljanto J, Kärkkäinen J. I mucopolisaccaridi dei dischi intervertebrali umani erniati e delle cartilagini semilunari. Acta Chir Scand. 1967; 133 (4): 303-306 [PubMed]
100. Levy IM, Torzilli PA, Warren RF. L'effetto della meniscectomia laterale sul movimento del ginocchio. J Bone Joint Surg Am. 1989; 71: 401-406 [PubMed]
101. Levy IM, Torzilli PA, Warren RF. L'effetto della meniscectomia mediale sul movimento antero-posteriore del ginocchio. J Bone Joint Surg Am. 1982; 64: 883-888 [PubMed]
102. MacConaill MA. La funzione delle fibrocartilagie intra-articolari con particolare riferimento al ginocchio e alle articolazioni radio-ulnari inferiori. J Anat. 1932; 6: 210-227 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
103. MacConaill MA. I movimenti di ossa e articolazioni: III. Il liquido sinoviale e i suoi assistenti. J Bone Joint Surg Br. 1950; 32: 244. [PubMed]
104. MacConaill MA. Studi nella meccanica delle articolazioni sinoviali: II. Spostamenti sulle superfici articolari e significato delle articolazioni della sella. Ir J Med Sci. 1946; 6: 223-235 [PubMed]
105. Mackenzie R, Dixon AK, Keene GS, et al. Imaging a risonanza magnetica del ginocchio: valutazione dell'efficacia. Clin Radiol. 1996; 41: 245-250 [PubMed]
106. Mackenzie R, Keene GS, Lomas DJ, Dixon AK. Errori alla risonanza magnetica del ginocchio: vero o falso? Br J Radiol. 1995; 68: 1045-1051 [PubMed]
107. Mackenzie R, Palmer CR, Lomas DJ, et al. Imaging a risonanza magnetica del ginocchio: studi prestazionali diagnostici. Clin Radiol. 1996; 51: 251-257 [PubMed]
108. Markolf KL, Bargar WL, Shoemaker SC, Amstutz HC. Il ruolo del carico articolare nell'instabilità del ginocchio. J Bone Joint Surg Am. 1981; 63: 570-585 [PubMed]
109. Markolf KL, Mensch JS, Amstutz HC. Rigidità e lassità del ginocchio: i contributi delle strutture di supporto. J Bone Joint Surg Am. 1976; 58: 583-597 [PubMed]
110. McDermott LJ. Sviluppo dell'articolazione del ginocchio umano. Arch Surg. 1943; 46: 705-719
111. McDevitt CA, Miller RR, Sprindler KP. L'interazione tra cellule e matrice cellulare del menisco. In: Mow VC, Arnoczky SP, Jackson DW, editori. , eds. Menisco del ginocchio: basi e basi cliniche. New York, NY: Raven Press; 1992: 29-36
112. McDevitt CA, Webber RJ. Ultrastruttura e biochimica della cartilagine meniscale. Clin Orthop Relat Res. 1990; 252: 8-18 [PubMed]
113. McNicol D, Roughley PJ. Estrazione e caratterizzazione del proteoglicano dal menisco umano. Biochem J. 1980; 185: 705. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
114. Merkel KHH. La superficie dei menischi umani e le sue alterazioni dell'invecchiamento durante l'età: un esame microscopico elettronico a scansione e trasmissione (SEM, TEM). Arch Orthop Trauma Surg. 1980; 97: 185-191 [PubMed]
115. Messner K, Gao J. I menischi dell'articolazione del ginocchio: caratteristiche anatomiche e funzionali e un razionale per il trattamento clinico. J Anat. 1998; 193: 161-178 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
116. Meyers E, Zhu W, Mow V. Proprietà viscoelastiche della cartilagine articolare e del menisco. In: Nimni M, editore. , ed. Collagene: chimica, biologia e biotecnologia. Boca Raton, FL: CRC; 1988
117. Miller GK. Uno studio prospettico che confronta l'accuratezza della diagnosi clinica della rottura del menisco con la risonanza magnetica e il suo effetto sull'esito clinico. Artroscopia. 1996; 12: 406-413 [PubMed]
118. Miller GK, McDevitt CA. La presenza di trombospondina nel legamento, menisco e disco intervertebrale. Glicoconiugato J. 1988; 5: 312
119. Mossman DJ, Sargeant WAS. Le orme di animali estinti. Sci Am. 1983; 250: 78-79
120. Mow V, Fithian D, Kelly M. Fondamentali della cartilagine articolare e della biomeccanica del menisco. In: Ewing JW, editore. , ed. Funzione articolare della cartilagine e del ginocchio: scienza di base e artroscopia. New York, NY: Raven Press; 1989: 1-18
121. Mow VC, Holmes MH, Lai WM. Trasporto fluido e proprietà meccaniche o cartilagine articolare: una revisione. J Biomech. 1984; 17: 377. [PubMed]
122. Muir H. La struttura e il metabolismo dei mucopolisaccaridi (glicosaminoglicani) e il problema delle mucopolisaccaridosi. Am J Med. 1969; 47 (5): 673-690 [PubMed]
123. Musahl V, Citak M, O'Loughlin PF, Choi D, Bedi A, Pearle AD. L'effetto della meniscectomia mediale rispetto a quella laterale sulla stabilità del ginocchio carente del legamento crociato anteriore. Am J Sports Med. 2010; 38 (8): 1591-1597 [PubMed]
124. Nakano T, Dodd CM, Scott PG. Glicosaminoglicani e proteoglicani da diverse zone del menisco del ginocchio porcino. J Orthop Res. 1997; 15: 213-222 [PubMed]
125. Newton RA. Contributi del recettore congiunto alle risposte riflessive e cinestetiche. Fisico 1982; 62: 22-29 [PubMed]
126. O'Connor BL. La struttura istologica del ginocchio cane menischi con commenti sul suo possibile significato. Am J Anat. 1976; 147: 407-417 [PubMed]
127. O'Connor BL, McConnaughey JS. La struttura e l'innervazione dei menischi del ginocchio del gatto e la loro relazione con una "ipotesi sensoriale" della funzione meniscale. Am J Anat. 1978; 153: 431-442 [PubMed]
128. Oretorp N, Gillquist J, Liljedahl SO. Risultati a lungo termine di chirurgia per instabilità rotatoria anteromediale non acuta del ginocchio. Acta Orthop Scand. 1979; 50: 329-336 [PubMed]
129. Pagnani MJ, Warren RF, Arnoczky SP, Wickiewicz TL. Anatomia del ginocchio. In: Nicholas JA, Hershman EB, editori. , eds. The Lower Extremity and Spine in Sports Medicine. 2nd ed. St Louis, MO: Mosby; 1995: 581-614
130. Pauwels F. [Effetti sullo sviluppo dell'adattamento funzionale dell'osso]. Anat Anz. 1976; 139: 213-220 [PubMed]
131. Peters TJ, Smillie IS. Studi sulla composizione chimica dei menischi dell'articolazione del ginocchio con particolare riferimento alla lesione orizzontale del clivaggio. Clin Orthop Relat Res. 1972; 86: 245-252 [PubMed]
132. Petersen W, Tillmann B. Trama fibrillare collagena dell'articolazione del ginocchio umano. Anat Embryol (Berl). 1998; 197: 317-324 [PubMed]
133. Poynton AR, Javadpour SM, Finegan PJ, O'Brien M. I legamenti meniscofemoral del ginocchio. J Bone Joint Surg Br. 1997; 79: 327-330 [PubMed]
134. Preuschoft H, Tardieu C. Motivi biomeccanici della morfologia divergente dell'articolazione del ginocchio e della sutura distale epifisaria negli ominoidi. Folia Primatol (Basel). 1996; 66: 82-92 [PubMed]
135. Proctor CS, Schmidt MB, Whipple RR, Kelly MA, Mow VC. Proprietà del materiale del normale menisco bovino mediale. J Orthop Res. 1989; 7: 771-782 [PubMed]
136. Proske U, Schaible H, Schmidt RF. Recettori articolari e kinanestesia. Exp Brain Res. 1988; 72: 219-224 [PubMed]
137. Radin EL, de Lamotte F, Maquet P. Ruolo dei menischi nella distribuzione dello stress nel ginocchio. Clin Orthop Relat Res. 1984; 185: 290-294 [PubMed]
138. Radin EL, Rose RM. Ruolo dell'osso subcondrale nell'iniziazione e nella progressione del danno cartilagineo. Clin Orthop Relat Res. 1986; 213: 34-40 [PubMed]
139. Raszeja F. Untersuchungen Bber Entstehung und feinen Bau des Kniegelenkmeniskus. Bruns Beitr klin Chir. 1938; 167: 371-387
140. Reider B, Arcand MA, Diehl LH, et al. Propriocezione del ginocchio prima e dopo la ricostruzione del legamento crociato anteriore. Artroscopia. 2003; 19 (1): 2-12 [PubMed]
141. Renstrom P, Johnson RJ. Anatomia e biomeccanica dei menischi. Clin Sports Med. 1990; 9: 523-538 [PubMed]
142. Retterer E. De la forme et des connexions que presentment les fibro-cartilages du genou chez quelques singes d'Afrique. Cr Soc Biol. 1907; 63: 20-25
143. Ricklin P, Ruttimann A, Del Bouno MS. Diagnosi, diagnosi differenziale e terapia. 2nd ed. Stoccarda, Germania: Verlag Georg Thieme; 1983
144. Rodkey WG. Biologia di base del menisco e risposta alla ferita. In: Prezzo CT, editore. , ed. Conferenze del corso di istruzione 2000. Rosemont, IL: American Academy of Orthopaedic Surgeons; 2000: 189-193 [PubMed]
145. Rosenberg LC, Buckwalter JA, Coutts R, Hunziker E, Mow VC. Cartilagine articolare. In: Woo SLY, Buckwalter JA, editori. , eds. Lesioni e riparazioni dei tessuti molli muscolo-scheletrici. Park Ridge, IL: American Academy of Orthopedic Surgeon; 1988: 401
146. Roughley PJ. Cambiamenti nella struttura del proteoglicano cartilagine durante l'invecchiamento: origine ed effetti: una revisione. Azioni degli agenti. 1986; 518: 19 [PubMed]
147. Saygi B, Yildirim Y, Berker N, Ofluoglu D, Karadag-Saygi E, Karahan M. Valutazione della funzione neurosensoriale del menisco mediale nell'uomo. Artroscopia. 2005; 21 (12): 1468-1472 [PubMed]
148. Scapinelli R. Studi sulla vascolarizzazione dell'articolazione del ginocchio umano. Acta Anat. 1968; 70: 305-331 [PubMed]
149. Schutte MJ, Dabezius EJ, Zimny ​​ML, Happe LT. Anatomia neurale del legamento crociato anteriore umano. J Bone Joint Surg Am. 1987; 69: 243-247 [PubMed]
150. Scott JE. Organizzazione sovramolecolare di glicosaminoglicani a matrice extracellulare, in vitro e nei tessuti. FASEB J. 1992; 6: 2639-2645 [PubMed]
151. Scott PG, Nakano T, Dodd CM. Isolamento e caratterizzazione di piccoli proteoglicani da diverse zone del menisco del ginocchio porcino. Biochim Biophys Acta. 1997; 1336: 254-262 [PubMed]
152. BB di Seedhom. Funzione portante dei menischi. Fisioterapia. 1976; 62 (7): 223. [PubMed]
153. Seedhom BB, Hargreaves DJ. Trasmissione del carico nell'articolazione del ginocchio con particolare riferimento al ruolo nei menischi: parte II. Risultati sperimentali, discussioni e conclusioni. Eng Med. 1979; 8: 220-228
154. Shepard MF, Hunter DM, Davies MR, Shapiro MS, Seeger LL. Il significato clinico delle lesioni meniscali del corno anteriore diagnosticate su immagini di risonanza magnetica. Am J Sports Med. 2002; 30 (2): 189-192 [PubMed]
155. Shoemaker SC, Markolf KL. Il ruolo del menisco nella stabilità antero-posteriore del ginocchio carportato anteriore con carenza di crociato: effetti dell'escissione parziale rispetto a quella totale. J Bone Joint Surg Am. 1986; 68 (1): 71-79 [PubMed]
156. Skaags DL, Mow VC. Funzione delle fibre del legame radiale nel menisco. Trans Orthop Res Soc. 1990; 15: 248
157. Skinner HB, Barrack RL. Rilevamento della posizione articolare nell'articolazione del ginocchio normale e patologica. J Electromyogr Kinesiol. 1991; 1 (3): 180-190 [PubMed]
158. Skinner HB, Barrack RL, Cook SD. Declino legato all'età nella propriocezione. Clin Orthop Relat Res. 1984; 184: 208-211 [PubMed]
159. Solheim K. Glicosaminoglicani, idrossiprolina, calcio e fosforo nelle fratture di guarigione. Acta Univ Lund. 1965; 28: 1-22
160. Spilker RL, Donzelli PS. Un modello bifasico ad elementi finiti del menisco per analisi sforzo-deformazione. In: Mow VC, Arnoczky SP, Jackson DW, editori. , eds. Menisco del ginocchio: basi e basi cliniche. New York, NY: Raven Press; 1992: 91-106
161. Spilker RL, Donzelli PS, Mow VC. Un modello ad elementi finiti bifasico trasversalmente isotropico del menisco. J Biomeccanica. 1992; 25: 1027-1045 [PubMed]
162. Sutton JB. Legamenti: la loro natura e morfologia. 2nd ed. Londra: HK Lewis; 1897
163. Tardieu C. Ontogenesi e filogenesi dei caratteri femoro-tibiali negli umani e fossili di ominidi: influenza funzionale e determinismo genetico. Am J Phys Anthropol. 1999; 110: 365-377 [PubMed]
164. Tardieu C, Dupont JY. L'origine della displasia trocleare femorale: anatomia comparativa, evoluzione e crescita dell'articolazione femoro-rotulea. Rev Chir Orthop Reparatrice Appar Mot. 2001; 87: 373-383 [PubMed]
165. Thompson WO, Thaete FL, Fu FH, Dye SF. Dinamica del menisco tibiale mediante ricostruzione tridimensionale della risonanza magnetica. Am J Sports Med. 1991; 19: 210-216 [PubMed]
166. Tissakht M, Ahmed AM. Caratteristiche tensio-deformazione tensionale del materiale meniscale umano. J Biomech. 1995; 28: 411-422 [PubMed]
167. Tobler T. Zur normalen und pathologischen Histologie des Kniegelenkmeniscus. Arch Klin Chir. 1933; 177: 483-495
168. Vallois H. Etude anatomique de l'articulation du genou chez les primates. Montpelier, Francia: L'Abeille; 1914
169. Verdonk R, Aagaard H. Funzione del menisco normale e conseguenze della resezione meniscale. Scand J Med Sci Sports. 1999; 9 (3): 134-140 [PubMed]
170. Voloshin AS, Wosk J. Assorbimento degli shock delle ginocchia meniscectomizzate e dolorose: uno studio comparativo in vivo. J Biomed Eng. 1983; 5: 157-161 [PubMed]
171. Wagner HJ. Die kollagenfaserarchitecktur der menisken des menschlichen kniegelenkes. Z Mikrosk Anat Forsch. 1976; 90: 302. [PubMed]
172. Walker PS, Erkman MJ. Il ruolo del menisco in forza di trasmissione attraverso il ginocchio. Clin Orthop Relat Res. 1975; 109: 184-192 [PubMed]
173. Wan ACT, Felle P. I legamenti menisco-femorali. Clin Anat. 1995; 8: 323-326 [PubMed]
174. Warren PJ, Olanlokun TK, Cobb AG, Bentley G. Propriocezione dopo artroplastica del ginocchio: l'influenza della progettazione protesica. Clin Orthop Relat Res. 1993; 297: 182-187 [PubMed]
175. Warren RF, Arnoczky SP, Wickiewiez TL. Anatomia del ginocchio. In: Nicholas JA, Hershman EB, editori. , eds. The Lower Extremity and Spine in Sports Medicine. St Louis: Mosby; 1986: 657-694
176. Watanabe AT, Carter BC, Teitelbaum GP, et al. Trappole comuni nella risonanza magnetica del ginocchio. J Bone Joint Surg Am. 1989; 71: 857-862 [PubMed]
177. Webber RJ, Norby DP, Malemud CJ, Goldberg VM, Moskowitz RW. Caratterizzazione di proteoglicani recentemente sintetizzati da menisco di coniglio in coltura d'organo. Biochem J. 1984; 221 (3): 875-884 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
178. Webber RJ, York JL, Vanderschildren JL, Hough AJ. Un modello di coltura d'organo per l'analisi della riparazione della ferita del menisco dell'articolazione del ginocchio fibrocartilagineo. Am J Sports Med. 1989; 17: 393-400 [PubMed]
179. Wilson AS, Legg PG, McNeu JC. Studi sulle innervazioni del menisco mediale nell'articolazione del ginocchio umano. Anat Rec. 1969; 165: 485-492 [PubMed]
180. Wirth CJ. Il menisco: struttura, morfologia e funzione. Ginocchio. 1996; 3: 57-58
181. Wu JJ, Eyre DR, Slayter HS. Collagene di tipo VI del disco intervertebrale: caratterizzazione microscopica biochimica ed elettronica della proteina nativa. Biochem J. 1987; 248: 373. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
182. Yasui K. Architettura tridimensionale dei normali menischi umani. J Jpn Ortho Assoc. 1978; 52: 391
183. Zimny ​​ML. Meccanocettori nei tessuti articolari. Am J Anat. 1988; 64: 883-888
184. Zimny ​​ML, Albright DJ, Dabezies E. Meccanorecettori nel menisco mediale umano. Acta Anat. 1988; 133: 35-40 [PubMed]
185. Zivanovic S. Menisco-legamenti meniscali dell'articolazione del ginocchio umano. Anat Anz. 1974; 145: 35-42 [PubMed]

Pulsante Green Call Now H .png

Discussione aggiuntiva sull'argomento: alleviare il dolore al ginocchio senza chirurgia

Il dolore al ginocchio è un sintomo ben noto che può verificarsi a causa di una varietà di lesioni al ginocchio e / o condizioni, tra cui lesioni sportive. Il ginocchio è una delle articolazioni più complesse del corpo umano in quanto è costituito dall'intersezione di quattro ossa, quattro legamenti, vari tendini, due menischi e cartilagine. Secondo l'American Academy of Family Physicians, le cause più comuni di dolore al ginocchio sono la sublussazione patellare, la tendinite rotulea o il ginocchio del saltatore e la malattia di Osgood-Schlatter. Anche se il dolore al ginocchio è più probabile che si verifichi nelle persone sopra 60 anni, il dolore al ginocchio può verificarsi anche nei bambini e negli adolescenti. Il dolore al ginocchio può essere trattato a casa seguendo i metodi del RISO, tuttavia, gravi lesioni al ginocchio possono richiedere cure mediche immediate, inclusa la cura chiropratica.

foto di blog del fumetto carta ragazzo

EXTRA EXTRA | ARGOMENTO IMPORTANTE: El Paso, TX Chiropratico consigliato