La relazione tra l'asse intestino-cervello nella salute e nelle malattie | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

La relazione tra l'asse intestino-cervello in salute e malattia

L'asse intestino-cervello in salute e malattia

A cura del Dr. Alexander Jimenez

Il cervello è uno degli organi più potenti e più nutrienti dipendenti, dipendenti dall'energia e dalle tossine e dallo stress. L'intestino e il cervello sono strettamente collegati. Nell'asse intestino-cervello, il danno a uno è spesso danno all'altro. Un primo esempio della connessione tra l'intestino e il cervello può essere visto in una commozione cerebrale. Quando un colpo alla testa o una scossa grave causano una commozione cerebrale, il danno ai neuroni ha un parallelo nel danno al rivestimento intestinale. Per questo motivo, le giunzioni strette del rivestimento si aprono quasi immediatamente e diventano permeabili. Questo produce citochine infiammatorie che possono penetrare nella barriera emato-encefalica, portando a un'ulteriore infiammazione del cervello. In altre parole, quando l'intestino è in fiamme, lo è anche il cervello. Uso più strumenti diagnostici per determinare la gravità dell'infiammazione dei miei pazienti.

Se l'improvvisa permeabilità intestinale causata da una commozione cerebrale non viene curata, i sintomi della commozione cerebrale peggioreranno a causa dell'ulteriore infiammazione. La permeabilità intestinale potrebbe non risolversi da sola, il che contribuisce a far persistere i sintomi di commozione cerebrale per settimane anziché giorni. La permeabilità intestinale svolge anche un ruolo in quei pazienti che continuano a sviluppare la sindrome post-commozione cerebrale causando un'infiammazione cerebrale in corso.

Oltre a trattare la commozione cerebrale stessa con la nutrizione, la permeabilità intestinale, in particolare il rilascio di occludina e zonulina, deve essere immediatamente affrontata.
La permeabilità intercellulare del rivestimento intestinale può essere trattata mediante riparazione e rigenerazione con xanthumol. Derivato fenolico naturale del luppolo, lo xanthumol ha una storia molto estesa (più di 250 pubblicazioni in scienze precliniche) di efficacia e sicurezza. Nel cervello, lo xanthumol agisce come antiossidante e antinfiammatorio; aiuta anche con la biogenesi dei mitocondri nei neuroni danneggiati. Nell'intestino, i polifenoli sono fortemente antinfiammatori. Modificano le chinasi infiammatorie a favore delle vie antiossidanti e, altrettanto importante, bloccano le chinasi nelle vie infiammatorie dannose per le cellule per il fattore di necrosi tumorale, COX-2 e altri.

A livello cronico, sappiamo che le malattie neurodegenerative come l'Alzheimer, la depressione e l'ansia potrebbero non essere scatenate esclusivamente nel cervello. Quando viene violata la barriera intestinale, lo è anche la barriera emato-encefalica. L'infiammazione da lipopolisaccaridi derivati ​​dall'intestino circolante (LPS) passa attraverso la barriera emato-encefalica e sono stati collegati a una serie di disturbi neurodegenerativi. In particolare, LPS stimola la produzione di anticorpi IgA, IgG e IgM che possono reagire in modo crociato con i tessuti e indurre malattie autoimmuni e neurodegenerazione.

Il trattamento dell'infiammazione cerebrale causata dall'infiammazione intestinale inizia con la rimozione della causa attraverso un piano alimentare di eliminazione modificato e la rimozione di agenti patogeni. Uso i test di laboratorio sul siero sui miei pazienti per determinare le loro sensibilità alimentari e altre sensibilità che interferiscono con l'intestino. Gli integratori antinfiammatori, come la berberina e gli enzimi digestivi, come la lipasi e l'amilasi, aiutano a ripristinare il rivestimento intestinale. Il prossimo passo è quello di ripristinare e rigenerare l'intestino con un integratore alimentare in polvere, se necessario, la continuazione della dieta di eliminazione modificata, ripetere i laboratori e l'aggiunta di probiotici, vitamina D, acido alfa-lipoico e mediatori specializzati pro-risoluzione (SPM) . Lo xantumolo è anche molto utile per rigenerare la mucosa intestinale.
Una volta avviato il processo, è importante eseguire nuovamente il test per vedere i guadagni e apportare le modifiche necessarie al piano di trattamento. Man mano che la guarigione avanza, mantenere i guadagni con una dieta migliore e integratori appropriati diventa il centro del trattamento.

Guarire la barriera intestinale è solo metà dell'equazione. Anche l'infiammazione del cervello deve essere trattata. La terapia laser di basso livello (LLLT) è uno strumento prezioso per migliorare la funzione neurologica. Nei pazienti con commozione cerebrale, è stato dimostrato che aiuta a ridurre l'infiammazione, modulare lo stress ossidativo e la produzione di ossido nitrico e ridurre l'espressione delle citochine microgliali pro-infiammatorie.

LLLT è anche utile per ridurre l'infiammazione del nervo vago. Il più lungo dei nervi cranici, il vago è spesso chiamato il grande vagabondo per il modo in cui vaga attraverso gli organi viscerali. Una delle principali funzioni del nervo vago è prevenire l'infiammazione. Nell'intestino, le terminazioni del nervo vago avvertono i segnali chimici dell'infiammazione, come citochine e fattore di necrosi tumorale, e inviano messaggi al cervello dicendogli di rilasciare neurotrasmettitori antinfiammatori attraverso il percorso colinergico antinfiammatorio. Quando l'asse dell'intestino cerebrale viene interrotto, il nervo vago viene colpito e i messaggi avanti e indietro vengono confusi o non riescono affatto. La ridotta attività del nervo vagale ha alcuni effetti gravi sull'intestino. L'acido cloridrico e la secrezione di enzimi pancreatici è ridotta, così come la secrezione biliare. Le cellule parietali nello stomaco, che sono responsabili della produzione del fattore intrinseco, non funzionano altrettanto bene, portando a un ridotto assorbimento delle vitamine del gruppo B.

Sappiamo che la stimolazione del nervo vagale post-infortunio (VNS) dopo una commozione cerebrale può aiutare a prevenire la rottura delle cellule epiteliali nell'intestino e impedire l'apertura delle giunzioni strette. Tuttavia, funziona solo se somministrato entro 90 minuti dalla lesione. In seguito, la stimolazione del nervo vago con LLLT usando il lightcan viola a 405 nm aiuta a ripristinare le comunicazioni e ridurre l'infiammazione.

Modalità di trattamento come quelle qui discusse aiutano a riparare l'integrità del rivestimento intestinale e la barriera emato-encefalica. Sono un nuovo approccio fiducioso per ripristinare la funzionalità dell'asse intestino-cervello e riportare il corpo in armonia.

Comprendere la connessione tra l'intestino e il cervello è essenziale per trattare adeguatamente l'infiammazione e lesioni aggiuntive. L'infiammazione con moderazione è necessaria ma se non trattata, specialmente per un lungo periodo di tempo, inizia a causare scompiglio in tutto il corpo. L'intestino è molto importante e deve sempre essere considerato e considerato con qualsiasi tipo di lesione o sintomi insoliti che i pazienti stanno vivendo. - Dr. Alexander Jimenez

Per maggiori informazioni per favore visita www.FunctionalMedicineUniversity.com