La connessione intestino-cervello | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

La connessione intestino-cervello è essenziale nel corpo. Se un individuo ha un intestino che causa infiammazione, può inviare il segnale al cervello e può creare problemi come la disfunzione del neurotrasmettitore a sistemi che non si connettono. L'intestino che perde può portare a disfunzione cerebrale o disfunzione cerebrale può portare a perdita di intestino. A volte una malattia autoimmunitaria nello stomaco può portare a un'interruzione della mente. Quindi, l'interruzione del cervello può anche portare a infiammazione dell'intestino. È un ciclo infinito che il cervello e l'intestino possono andare avanti per sempre. Gli studi hanno dichiarato quel microbiota intestinale sembra influenzare lo sviluppo di comportamenti emotivi come stress, sistemi di modulazione del dolore e sistemi di neurotrasmettitori cerebrali.

Il sistema cerebrale al sistema intestinale

Il cervello è la principale sala di controllo che controlla il sistema del corpo e come dovrebbe comportarsi il corpo. Il cervello umano contiene anche cellule neuronali che si trovano nel sistema nervoso centrale. Con la connessione intestino-cervello, due sistemi critici aiutano a inviare il segnale al cervello e all'intestino; questi sono noti come nervo vago e neurotrasmettitori.

Il nervo vago

Ci sono circa 100 miliardi di neuroni nel cervello, mentre l'intestino contiene circa 500 milioni di neuroni, che è collegato al cervello attraverso i nervi nel sistema nervoso. Il nervo vago è uno dei nervi più significativi che inviano segnali avanti e indietro al cervello e all'intestino. Quando il corpo è stressato, il segnale di stress inibisce il nervo vago e può causare problemi alla connessione intestino-cervello. Studi sugli animali hanno dimostrato che qualsiasi stress presente nel corpo dell'animale può causare problemi gastrointestinali e PTSD. Mentre un altro studio ha dichiarato che gli individui che hanno IBS (sindrome dell'intestino irritabile) hanno una funzione ridotta del nervo vago.

Esistono modi per ridurre l'ormone dello stress in modo che il nervo vago possa funzionare correttamente e inviare i segnali giusti all'intestino e al cervello. Alimenti probiotici può aiutare a ridurre la quantità di ormone dello stress nel flusso sanguigno. Quando ciò accade, il corpo può iniziare a guarire naturalmente quando lo stress è ridotto; tuttavia, se il nervo vago è danneggiato, il probiotico non ha alcun effetto.

Neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori sono prodotti chimicamente nel cervello controllando i sentimenti e le emozioni nel corpo. Poiché il cervello e l'intestino sono collegati ai neurotrasmettitori, i neurotrasmettitori possono creare questi composti che aiutano a contribuire al corpo. Nel cervello, il neurotrasmettitore può produrre serotonina per rendere la persona felice e aiutare a controllare l'orologio biologico del proprio corpo.

elettrici impulsi-in-the-brain

Nell'intestino ci sono trilioni di microbi che vivono lì, e in modo interessante ricercatori hanno dichiarato che la serotonina viene prodotta principalmente dal sistema intestinale. Un altro neurotrasmettitore fornito nell'intestino si chiama GABA (acido gamma-aminobutirrico), che aiuta a controllare la sensazione di paura e ansia. Quando il cervello si sente eccessivamente ansioso o ha vissuto un'esperienza traumatica che li ha resi spaventosi, può causare ipersensibilità e può causare uno squilibrio chimico all'intestino, causando infiammazione o perdita di liquido intestinale se grave.

Il sistema intestinale al sistema cerebrale

I microbi intestinali può produrre neurotrasmettitori da inviare al cervello, proteggere la barriera intestinale e l'integrità della giunzione stretta, regolare il sistema immunitario della mucosa e modulare le afferenze sensoriali enteriche. Il microbo intestinale produce molti SCFA (acidi grassi a catena corta) che formano una barriera tra il cervello e il flusso sanguigno chiamato la barriera emato-encefalica. La barriera emato-encefalica protegge il sistema nervoso centrale (sistema nervoso centrale) da tossine, agenti patogeni, infiammazione, lesioni e malattie.

Schermata 2019-10-02 11.12.03

I microbi intestinali metabolizzano anche la bile e gli aminoacidi per aiutare a produrre altre sostanze chimiche che colpiscono il cervello. Quando il corpo è stressato, può ridurre la produzione di acido biliare da parte dei batteri intestinali e alterare i geni coinvolti. Quando lo stress sta ancora creando problemi in mente, l'intestino può sviluppare problemi gastrointestinali che distruggeranno la barriera di permeabilità che protegge l'intestino.

Gut-brain-connection-photo-dreamstime_s_46581324-760x675

La connessione intestino-cervello gioca un ruolo essenziale ruolo nel sistema immunitario del corpo in quanto controlla l'infiammazione e ciò che passa nel corpo. Dal momento che il sistema immunitario controlla l'infiammazione, se presente è acceso per troppo tempo possono verificarsi infiammazioni e diversi disturbi cerebrali come la depressione e il morbo di Alzheimer. Lo stress può persino interrompere l'intestino causando contrazioni al tratto gastrointestinale, peggiorare l'infiammazione nella permeabilità intestinale e rendere il corpo più a rischio di infezioni.

Quando il corpo inizia ad alleviare lo stress, può naturalmente guarire se stesso e la connessione intestino-cervello può iniziare a funzionare normalmente. Con i cambiamenti nelle abitudini alimentari e nello stile di vita di una persona, può cambiare drasticamente l'umore di una persona e riprendersi dai disturbi intestinali che possono avere. Se il cervello si sente bene, anche l'intestino si sente bene. Lavorano insieme fianco a fianco per assicurarsi che il corpo funzioni correttamente. Quando uno dei due viene interrotto, il corpo non funziona correttamente.

Conclusione

Pertanto, la connessione intestino-cervello è vitale per il corpo. I neurotrasmettitori e altri componenti che si trovano in entrambi i sistemi lavorano insieme per assicurarsi che il corpo funzioni correttamente. Quando una delle connessioni viene interrotta, tuttavia, il corpo può sviluppare molte malattie croniche anche se la persona sembra stare bene. Modificando piccole cose come cambiare la dieta e lo stile di vita di una persona, può aiutare a migliorare il corpo e riportare l'equilibrio alla connessione intestino-cervello.

In onore del proclama del Governatore Abbott, ottobre è il mese della salute chiropratica. Per saperne di più la proposta sul nostro sito.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa, nonché a articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi cronici del sistema muscolo-scheletrico. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900 .


Riferimenti:

Anguelova, M, et al. "Una revisione sistematica degli studi di associazione che studiano la codifica dei geni per i recettori della serotonina e il trasportatore della serotonina: I. Disturbi affettivi." Molecular Psychiatry, US National Library of Medicine, giugno 2003, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12851635.

Bravo, Javier A, et al. "L'ingestione del ceppo di Lactobacillus regola il comportamento emotivo e l'espressione del recettore GABA centrale in un topo attraverso il nervo vago." Proceedings of the National Academy of Sciences, National Academy of Sciences, 20 settembre 2011, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21876150.

Carabotti, Marilia, et al. "L'asse intestino-cervello: interazioni tra microbiota enterico, sistema nervoso centrale ed enterico." Annali di Gastroenterologia, Hellenic Society of Gastroenterology, 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4367209/.

Daneman, Richard e Alexandre Prat. "La barriera emato-encefalica". Prospettive di Cold Spring Harbor in biologia, Pressa da laboratorio Cold Spring Harbor, 5 Jan. 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4292164/.

Herculano-Houzel, Suzana. "Il cervello umano in numeri: un cervello primato in scala lineare". Frontiere nella neuroscienza umana, Frontiers Research Foundation, 9 Nov. 2009, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2776484/.

Lucas, Sian-Marie, et al. "Il ruolo dell'infiammazione nelle lesioni e nelle malattie del sistema nervoso centrale". British Journal of Pharmacology, Nature Publishing Group, gennaio 2006, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1760754/.

Mayer, Emeran A, et al. "Gut / Brain Axis and the Microbiota." Il Journal of Clinical Investigation, American Society for Clinical Investigation, 2 Mar. 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4362231/.

Mayer, Emeran A. "Gut Feelings: the Emerging Biology of Gut-Brain Communication". Recensioni sulla natura Neuroscienza, US National Library of Medicine, 13 July 2011, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3845678/.

Mazzoli, Roberto ed Enrica Pessione. "Il ruolo neuro-endocrinologico del glutammato microbico e della segnalazione GABA." Frontiere in microbiologia, Frontiers Media SA, 30 Nov. 2016, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5127831/.

Pellissier, Sonia, et al. "Relazione tra tono vagale, cortisolo, TNF-alfa, epinefrina e affetti negativi nella malattia di Crohn e nella sindrome dell'intestino irritabile". PloS One, Biblioteca pubblica della scienza, 10 settembre 2014, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25207649.

Rooks, Michelle G e Wendy S Garrett. "Microbiota intestinale, metaboliti e immunità dell'ospite." Recensioni sulla natura. Immunologia, US National Library of Medicine, 27 May 2016, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27231050.

Sahar, T, et al. "Modulazione vagale delle risposte alla sfida mentale nel disturbo post-traumatico da stress". Biological Psychiatry, Biblioteca nazionale americana di medicina, 1 aprile 2001, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11297721.

Yano, Jessica M, et al. "I batteri indigeni del microbiota intestinale regolano la biosintesi della serotonina ospite." Cella, Biblioteca nazionale americana di medicina, 9 aprile 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4393509/.