Il digiuno intermittente può aumentare la qualità della vita Specialista scientifico

Condividi

Gli studi hanno dimostrato che la riduzione del consumo calorico tipico, di solito da 30 a 40 per cento, prolunga la durata di vita di un terzo o più in molti animali, tra cui mosche di frutta, nematodi e roditori. Ma la giuria rimane fuori, quando si tratta di restrizione calorica nei primati e negli individui.

Anche se alcuni studi hanno suggerito che i primati che mangiano meno vivono più a lungo, la ricerca ha concluso che la restrizione non estende la durata media di alcune specie di scimmie. Una sezione dei dati conferma l'idea che la limitazione dell'assunzione di cibo riduce i pericoli delle malattie comuni in età avanzata e allunga il periodo di vita trascorso in buona salute, anche se la ricerca conclude che la restrizione non aiuta la gente a vivere più a lungo.

Se solo uno potesse rivendicare questi vantaggi senza essere affamati per tutto il tempo. Negli ultimi anni i ricercatori si sono concentrati su una strategia conosciuta come il digiuno intermittente come opzione promettente alla restrizione calorica continua.

Il digiuno intermittente, incluso tutto ciò dai regolari fastidi di più giorni a saltando un pasto o 2 in particolari giorni della settimana, può incoraggiare un certo numero di benefici di salute identici che promettono la restrizione ininterrotta di calorie. L'idea del digiuno intermittente è gradevole per le persone poiché qualcuno non ha bisogno di rinunciare alle gioie di mangiare. Gli studi suggeriscono che i roditori vivano fino a quando i ratti mangiano cibi ogni momento che consumano meno calorie rispetto a quelle normalmente.

In un'analisi del mouse 2003 controllata da Mark Mattson, capo del laboratorio di neuroscienza del National Institute on Aging, i topi che digiunavano regolarmente erano più sani con alcune misure rispetto ai topi sottoposti a costante limitazione calorica; avevano ridotto i livelli di glucosio e insulina nel sangue, ad esempio, il che significava maggiore sensibilità all'insulina e un ridotto rischio di diabete.

I primi fasts

Le religioni hanno a lungo affermato che il digiuno è un bene per l'anima, ma i suoi benefici corporei non erano noti fino ai primi 1900, quando i medici iniziarono a raccomandarlo per trattare diversi disturbi, come il diabete, l'obesità e l'epilessia.

La ricerca associata sulla restrizione calorica è decollata negli 1930, dopo che il nutrizionista della Cornell University Clive McCay ha scoperto che i ratti esposti a una dieta quotidiana rigorosa in tenera età vivevano più a lungo e avevano meno probabilità di sviluppare cancro e altri disturbi mentre erano anziani, rispetto agli animali che mangiavano a volontà. La ricerca sulla restrizione calorica e il digiuno periodico si sono intersecati in 1945, quando gli scienziati dell'Università di Chicago hanno riferito che un'alimentazione di giorno alterno ha esteso la durata della vita dei ratti tanto quanto l'esercizio negli esperimenti di McCay. Inoltre, il digiuno intermittente "sembra ritardare lo sviluppo dei disturbi che causano la morte", che i ricercatori di Chicago hanno scritto.

Nei prossimi decenni lo studio delle diete anti-invecchiamento ha assunto un ruolo secondario rispetto a progressi clinici più potenti, come il continuo sviluppo di antibiotici e operazioni di bypass delle arterie coronarie. Tuttavia, i ricercatori hanno anche resistito all'idea che il digiuno intermittente riduce i rischi di malattie degenerative del cervello in età avanzata. Mattson ei suoi colleghi hanno dimostrato che il digiuno protegge i neuroni da diversi tipi di stress dannoso, almeno nei roditori. Tra i primi studi ha dimostrato che l'alimentazione di giorno alterno ha fatto il cervello dei ratti con l'età, che inducono danni simili alle cellule di tipo resistenti. Nella ricerca sui roditori di follow-up, il suo team ha scoperto che il digiuno rallenta il declino cognitivo nei topi geneticamente modificati per mimare i segni dell'Alzheimer, sopprime i deficit motori in un modello murino del morbo di Parkinson e protegge dai danni da ictus. Il ricercatore di 55, che ha un dottorato di ricerca. in biologia anche se non in medicina, ha scritto o scritto insieme su post 700.

Mattson crede che il digiuno intermittente funzioni in parte come una sorta di stress moderato che aumenta continuamente le difese mobili contro i danni molecolari. Ad esempio, il digiuno occasionale aumenta i gradi di "proteine ​​chaperone", che vietano il corretto assemblaggio di altre molecole nella cellula. Inoltre, i topi a digiuno hanno livelli maggiori di fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF), una proteina che impedisce ai nervi nervosi di morire. Bassi livelli di BDNF sono legati all'Alzheimer, sebbene non sia ancora chiaro se questi risultati riflettano la causa e l'effetto. Il digiuno aumenta anche una sorta di sistema nelle cellule che elimina le molecole danneggiate, l'autofagia, comprese quelle che sono state legate al morbo di Parkinson, all'Alzheimer e ad altre malattie neurologiche.

Uno degli effetti principali del digiuno intermittente sembra aumentare la reattività del corpo all'insulina, l'ormone che regola la glicemia. La sensibilità all'insulina accompagna e l'obesità è stata associata a diabete e insufficienza cardiaca; le persone e gli animali a vita lunga tendono ad avere un'insulina insolitamente bassa perché le loro cellule sono più sensibili all'endocrino e quindi ne richiedono meno. Un recente studio presso il Salk Institute for Biological Studies di La Jolla, in California, ha rivelato che i topi che si nutrivano di cibi grassi per 2 ogni giorno e che successivamente digiunavano per il resto di ogni giorno non diventavano obesi o mostravano livelli pericolosamente alti di insulina.

L'idea che il digiuno periodico possa offrire alcuni degli stessi benefici per la salute della restrizione calorica continua - e consente un po 'di banalità, ha persuaso un numero crescente di persone a tentarlo, dice Steve Mount, professore di genetica dell'Università del Maryland che ha moderato un gruppo di discussione di Yahoo sul digiuno intermittente per più di sette decenni. Il digiuno intermittente "non è una panacea, è sempre difficile perdere peso", aggiunge Mount, che ha digiunato tre giorni alla settimana da 2004. "Ma il concetto [che attiva le identiche vie di segnalazione nelle cellule come restrizione calorica] ha un senso."

Ulteriori ricerche ancora necessarie

Nonostante la crescente eccitazione per il digiuno intermittente, gli scienziati hanno condotto numerosi e potenti studi clinici, ei suoi effetti a lungo termine sulle persone rimangono poco chiari. Tuttavia, uno studio di 1956 spagnolo fa luce, afferma il medico con sede in Louisiana James B. Johnson, che è coautore di una valutazione 2006 dei risultati della ricerca. Nello studio, gli uomini e le donne 60 hanno digiunato e festeggiato a giorni alterni per gli anni 3. I partecipanti 60 hanno trascorso in infermeria e sei sono morti. Nel frattempo, gli anziani non pericolosi di 60 hanno accumulato 219 giorni in infermeria e 13 è morto.

In 2007 Johnson, Mattson ei loro colleghi hanno pubblicato una ricerca clinica che dimostra una rapida e significativa riduzione dei sintomi di asma e varie indicazioni di infiammazione in nove asmatici in sovrappeso che si avvicinavano un altro giorno per le settimane 2.

Distaccando da questi risultati promettenti, tuttavia, la letteratura sul digiuno intermittente include anche numerose bandiere rosse. Uno studio 2011 nei ratti suggerisce che il digiuno a lungo termine aumenta i livelli di tessuto e zucchero nel sangue di composti che possono danneggiare le cellule. In uno studio 2010 il tessuto cardiaco rigido, che successivamente affretta la capacità dell'organo di pompare il sangue, è stato sviluppato da ratti a digiuno occasionalmente.

E alcuni esperti di perdita di peso sono scettici sul digiuno, menzionano i suoi morsi della fame e i possibili rischi di abbuffate compensative. In verità, l'ultimo studio sui primati sulla restrizione calorica - quello che non è riuscito a estendere la durata della vita - sottolinea la necessità di cautela quando altera il modo in cui le persone mangiano.

Tuttavia, da una prospettiva evoluzionistica, tre pasti al giorno sono una peculiare invenzione moderna. La volatilità delle scorte alimentari dei nostri antenati portava il digiuno, per non parlare della fame e della malnutrizione. Eppure Mattson ritiene che le pressioni che sono così selezionate per i geni che coinvolgono le aree cerebrali nell'apprendimento e nella memoria, aumentano la probabilità di trovare cibo e sopravvivere. Il digiuno intermittente può essere sia intelligente che saggio, se è corretto.

La portata delle nostre informazioni è limitata a lesioni e condizioni di chiropratica e spinale. Per discutere di opzioni sul tema, si prega di contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900 .

Dott. Alex Jimenez

Ulteriori argomenti: Benessere

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

.video-container {position: relative; imbottitura inferiore: 63%; imbottitura: 35px; altezza: 0; overflow: nascosto;}. video-container iframe {posizione: assoluto; top: 0; sinistra: 0; larghezza: 100%; altezza: 90%; border = none; max-width: 100%;}

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Nuovo centro fitness PUSH 24 / 7®</s>

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘