Impatto del metodo McKenzie con MET per la lombalgia | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Impatto del metodo McKenzie con MET per la lombalgia

Le tecniche di energia muscolare, o MET, sono considerate alcuni degli strumenti più preziosi che un operatore sanitario può avere e ci sono diverse ragioni per questo. I MET hanno una vasta gamma di applicazioni e possono essere apportate modifiche essenziali per ognuna di esse per una serie di infortuni e / o condizioni. Le tecniche di energia muscolare rappresentano anche un aspetto importante della riabilitazione. Inoltre, i MET sono sia delicati che efficaci. Ma, cosa più importante, i MET coinvolgono attivamente il paziente nel processo di recupero. A differenza di altri tipi di terapie di trattamento, il paziente è coinvolto in ogni fase, contraendosi al momento opportuno, rilassandosi al momento opportuno, coinvolgendo il movimento degli occhi e persino respirando quando istruito dal professionista sanitario.

Le tecniche di energia muscolare sono state utilizzate con altre modalità di trattamento, come il metodo McKenzie, per migliorare le misure di esito di lesioni o condizioni. Il seguente studio di ricerca dimostra prove cliniche e sperimentali sull'impatto del metodo McKenzie con i MET per la lombalgia, uno dei disturbi più comuni che interessano la salute della colonna vertebrale. Lo scopo dell'articolo è quello di educare e consigliare i pazienti con lombalgia sull'uso dei MET con il metodo McKenzie.

Impatto della terapia del metodo McKenzie arricchita da tecniche di energia muscolare su parametri soggettivi e oggettivi correlati alla funzione della colonna vertebrale in pazienti con lombalgia cronica

astratto

  • Sfondo: L'elevata incidenza e le incoerenze nel processo diagnostico e terapeutico della lombalgia (LBP) stimolano la continua ricerca di modalità di trattamento più efficienti. L'integrazione delle informazioni ottenute con vari metodi terapeutici e un approccio olistico al paziente sembrano essere associate a esiti positivi. Lo scopo di questo studio era di analizzare l'efficacia del trattamento combinato con il metodo McKenzie e Muscle Energy Technique (MET), e di confrontarlo con i risultati del trattamento con il metodo McKenzie o la fisioterapia standard in specifici dolori lombari cronici.
  • Materiale / Metodi: Lo studio ha incluso uomini e donne 60 con LBP (età media 44 anni). I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 1 dei gruppi terapeutici 3, che sono stati ulteriormente trattati con: 1) metodo McKenzie e MET, 2) metodo standard di McKenzie da solo o 3) per i giorni 10. L'estensione dei movimenti spinali (elettrogoniometria), il livello di dolore sperimentato (Visual Analogue Scale e Revised Oswestry Pain Questionnaire) e la struttura dei dischi spinali (MRI) sono stati esaminati prima dell'intervento, immediatamente dopo, e 3 mesi dopo l'intervento.
  • risultati: Il metodo McKenzie arricchito con MET ha avuto i migliori risultati terapeutici. La mobilità del rachide cervicale, toracica e lombare è normalizzata a livelli corrispondenti a 87.1%, 66.7% e 95% dei rispettivi valori normativi medi. L'implementazione del metodo McKenzie, sia da sola che in combinazione con MET, è stata associata a una significativa riduzione dell'indice di disabilità di Oswestry, alleviamento significativo del dolore (VAS) e dimensioni significativamente ridotte dell'ernia del disco spinale.
  • Conclusioni: Il metodo combinato può essere efficacemente utilizzato nel trattamento del LBP cronico.
  • Parole chiave di MeSH: Lombalgia, Manipolazione, Chiropratica, Manipolazione, Spinale

sfondo

Lombalgia (LBP) è la forma più diffusa di disturbo muscolo-scheletrico. Secondo i dati statistici pubblicati, 70-85% di persone sperimenta LBP in qualche fase della loro vita [1-7]. Solo il 39-76% dei pazienti guarisce completamente dopo un episodio acuto di dolore, suggerendo che una considerevole frazione di essi sviluppa una condizione cronica [8].

Gli obiettivi della fisioterapia nei pazienti con LBP cronica comprendono l'eliminazione del dolore, il ripristino della dimensione perduta dei movimenti, il miglioramento funzionale e il miglioramento della qualità della vita. Questi obiettivi sono raggiunti da vari protocolli di esercizio, manipolazione, massaggio, tecniche di rilassamento e consulenza. Sebbene numerosi studi precedentemente pubblicati abbiano trattato diverse modalità terapeutiche del LBP, l'evidenza della loro efficacia è altamente inconcludente [9-12]. Attualmente la gestione del LBP cronico solleva ancora molte controversie. Incoerenza delle diagnosi stabilite e protocolli implementati dei punti di gestione sull'importanza del problema in questione. Nonostante la ricerca approfondita, il problema della gestione del dolore spinale rappresenta ancora una sfida per medici, fisioterapisti e ricercatori [8,13].

Impatto del metodo McKenzie con MET per la lombalgia | Chiropratico di El Paso, TX

Il metodo McKenzie è 1 di molte modalità di trattamento del LBP. Si tratta di un sistema di diagnosi meccanica e gestione delle sindromi da dolore spinale, basato su una valutazione completa e riproducibile, sulla conoscenza dei modelli di sintomi, sulla preferenza direzionale e sui fenomeni di centralizzazione. Questo metodo è focalizzato sui disturbi del disco spinale [14]. Il metodo McKenzie si basa sul fenomeno del movimento del nucleo polposo all'interno del disco intervertebrale, a seconda della posizione adottata e della direzione dei movimenti della colonna vertebrale. Il nucleo polposo che è esposto alla pressione da entrambe le superfici dei corpi vertebrali assume la forma di un'articolazione sferica. Ciò significa che ha la capacità di eseguire movimenti rotatori 3 in tutte le direzioni e ha gradi di libertà di movimento 6. Il nucleo polposo esegue i movimenti di flessione, estensione, piegatura laterale (sinistra e destra), rotazione (destra e sinistra), spostamento lineare (slittamento) lungo l'asse sagittale, spostamento lineare lungo l'asse trasversale e separazione o approssimazione lungo la verticale asse [15]. Numerosi studi hanno dimostrato che durante la piega in avanti della colonna vertebrale è possibile osservare l'estensione della superficie posteriore dell'anello fibroso, la compressione della parte anteriore del disco intervertebrale e lo spostamento del nucleo polposo sul lato dorsale . Quando si estende, il meccanismo è il contrario [16].

Il sistema muscolo-scheletrico è vitale per il mantenimento della tensione equilibrata del corpo. I disturbi muscolofasciali possono essere associati a vari problemi, dolore o perdita di alcune funzioni motorie. Muscle Energy Techniques (MET) sono tra le più popolari modalità terapeutiche volte al miglioramento dell'elasticità nei tessuti contrattili e non contrattili [17].

L'alta incidenza, le incoerenze nei processi diagnostici e terapeutici e gli enormi costi associati alla gestione dei disturbi spinali cronici stimolano la continua ricerca di modalità di trattamento più efficienti. Ciò richiede la conoscenza dei processi neurofisiologici, la corretta interpretazione del dolore, l'identificazione di modelli motori e posturali sfavorevoli, l'approccio olistico al paziente e l'integrazione delle informazioni ottenute con vari metodi terapeutici [18].

Impatto del metodo McKenzie con MET per la lombalgia | Chiropratico di El Paso, TX

Lo scopo di questo studio era di analizzare l'efficacia del trattamento combinato con il metodo McKenzie e MET, e di confrontarlo con gli esiti del trattamento con il metodo McKenzie o la fisioterapia standard nel dolore lombare cronico. Abbiamo valutato l'effetto esercitato da ciascuno degli interventi sull'entità dei movimenti, sul livello di dolore sperimentato e sulla struttura dei dischi vertebrali come valutato mediante l'imaging a risonanza magnetica.

Materiali e Metodi

pazienti

Lo studio randomizzato includeva uomini e donne 60 con età media di 44 anni. Tutti gli individui sono stati diagnosticati da un medico specialista e inviati per la riabilitazione. Il protocollo dello studio è stato approvato dal comitato bioetico locale dell'Università di Scienze Mediche di Poznan (decisione n. 368 / 0). A tutti i pazienti è stato diagnosticato un dolore spinale cronico persistente per un periodo più lungo rispetto a quello di 1. I criteri di inclusione dello studio erano: 1) risonanza magnetica documentata (MRI) della colonna vertebrale, 2 confermato protrusione o rigonfiamento della colonna vertebrale lombosacrale, 3) dolore lombosacrale intermittente, 4) proiezione del dolore al gluteo o alla coscia, 5 ) carattere unilaterale dei sintomi. I criteri di esclusione erano: 1) confermata estrusione o sequestro del nucleo polposo del disco spinale, 2) sintomi che manifestano sotto il ginocchio, 3) storia della chirurgia spinale, 4) disturbi strutturali dei dischi spinali in più di 2 segmenti spinali, 5) evidente stenosi del canale spinale, 6) lesioni focali del midollo spinale e 7) spondilolistesi.

I pazienti hanno mostrato grande interesse e tutti hanno completato lo studio.

Protocollo

I seguenti test sono stati utilizzati per determinare i parametri di riferimento (cioè pre-intervento) dei pazienti studiati: 1) determinazione elettrogoniometrica dell'ampiezza del movimento in tutti i segmenti spinali e valori angolari di curvature fisiologiche, 2) Questionario Oswestry e 3) Visual Scala analogica (VAS). Successivamente, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 1 dei gruppi terapeutici 3 (persone 20 ciascuno), che sono stati ulteriormente trattati con: 1) metodo McKenzie e MET, 2) metodo standard di McKenzie da solo, 3). Ciascuno dei protocolli terapeutici 3 includeva sessioni giornaliere 10, eseguite durante i giorni della settimana consecutivi di 5. 24 ore dopo l'ultima sessione terapeutica, gli stessi parametri della linea di base sono stati determinati dallo sperimentatore in cieco rispetto all'assegnazione del trattamento. Inoltre, tutti i pazienti sono stati sottoposti a ripetuta risonanza magnetica.

Intervento terapeutico

Gruppo McKenzie Una sessione è durata 30 minuti. Sulla base della classificazione del dolore spinale McKenzie, la sindrome da derangement è stata diagnosticata in tutti i pazienti [14]. La terapia comprendeva tecniche di iperestensione, iperestensione con auto-pressione o pressione da parte del terapeuta e mobilizzazione iperestensiva. Queste tecniche sono state applicate sul piano sagittale, seguendo la regola della progressione della forza [14]. Inoltre, ai pazienti è stato chiesto di eseguire autonomamente la procedura terapeutica a casa (cicli 5 al giorno con intervalli 2-ore, ripetizioni 15 ciascuno).

Gruppo McKenzie + MET È stato implementato il classico metodo McKenzie arricchito con Muscle Energy Technique. Il protocollo McKenzie in entrambi i gruppi (McKenzie McKenzie + MET) era lo stesso. Tutti i pazienti in questo gruppo terapeutico sono stati anche diagnosticati con la sindrome da derangement. Una tecnica di rilassamento postisometrica è stata utilizzata alla fine di ogni sessione terapeutica. È stato caratterizzato dai seguenti parametri: 1) tempo di contrazione uguale a 7-10 secondi, 2) intensità di contrazione corrispondente a 20-35%, 3) a partire dall'estensione intermedia del movimento per un dato paziente, 4) 3 secondi di intervallo tra le fasi di contrazione consecutive, 5) 3 ripetizioni, 6) contrazione del muscolo antagonista nella fase terminale della procedura, 7) ritorno passivo alla posizione di partenza. La procedura prevedeva il rilassamento del gruppo muscolare erettore spinae e veniva eseguita in posizione seduta. L'esercizio è stato eseguito in una flessione anteriore e laterale e in rotazione. La terapia prevedeva parti bilaterali dell'erettore delle spine per bilanciare la tensione muscolare [17]. La durata della sessione combinata 1 era di 40 minuti. Ai pazienti trattati con il metodo combinato è stato inoltre chiesto di allenarsi a casa (cicli 5 al giorno con intervalli 2-ore, ripetizioni 15 ciascuno).

Gruppo di trattamento standard Gli individui randomizzati a questo gruppo terapeutico sono stati trattati con massaggio classico, terapia laser e stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) applicata alla regione lombosacrale. Inoltre, ai pazienti è stato chiesto di eseguire esercizi generali per rafforzare i muscoli spinali e addominali (una volta al giorno a casa). Gli esercizi dovevano essere eseguiti per i minuti 15, in posizione prona, supina e laterale. Lo scopo dell'allenamento era quello di rafforzare i muscoli che stabilizzano la cintura pelvica, cioè i muscoli dell'erector spinae, del quadratus, del retto dell'addome, dell'addome obliquo, del gluteo e dell'ileopsoas. Il classico massaggio è durato 20 minuti. La terapia laser è stata condotta con una tecnica di contatto con il dispositivo Lasertronic LT-2S. La durata della terapia laser è stata di 80 secondi (2 × 40 s). Il trattamento è stato applicato su entrambi i lati dei processi spinosi della colonna lombare. I parametri della procedura erano i seguenti: energia 32 J, potenza della radiazione 400 mW, lunghezza d'onda 810 nm, modalità continua. L'elettroterapia TENS è stata eseguita con il dispositivo Diatronic DT-10B. Gli elettrodi sono stati posizionati su entrambi i lati della colonna vertebrale lombosacrale. I parametri della procedura TENS erano i seguenti: durata 15 minuti, frequenza 50 Hz, corrente 20-30 mA (soggettivamente regolata), durata di un singolo impulso 50 microsecondi. Il tempo totale per sessione = 36 min 20 sec + 15 min come esercizi a casa una volta al giorno.

Valutazione dell'effetto terapeutico

Electrogoniometry L'estensione dei movimenti e gli angoli delle curvature spinali sono stati determinati con l'elettrogonometro tensiometrico Penny & Giles nella modifica di Boocok [19], che impedisce potenziali bias di misurazione associati al cambiamento di pelle e tessuti molli in relazione alle ossa. L'elettrogoniometro consente la misurazione lineare con una polarizzazione non superiore a 1 °. Le misurazioni sono state effettuate secondo la metodologia di Lewandowski [20]. L'affidabilità di queste misurazioni è stata precedentemente verificata da Szulc et al.21 I valori di riferimento utilizzati nel nostro studio sono stati calcolati sulla base delle misurazioni di Lewandowski effettuate in un gruppo di individui 20 000 [20].

Revisionato questionario sul dolore Oswestry Il grado in cui la disfunzione della colonna lombare limita le prestazioni delle attività della vita quotidiana è stata determinata con il Revised Oswestry Pain Questionnaire [22,23]. Abbiamo usato la versione rivista del questionario poiché è l'unica variante di questo strumento che esamina i cambiamenti nel livello del dolore lombare. Il sondaggio è stato condotto due volte, prima e dopo la terapia.

Scala analogica visiva (VAS) Per verificare l'efficacia della terapia, i partecipanti sono stati esaminati con la scala analogica visiva (VAS) alla linea di base (prima dell'intervento) e 24 ore dopo aver completato il trattamento [24].

Risonanza magnetica Il grado di degenerazione dei dischi spinali e l'esito terapeutico sono stati verificati sulla risonanza magnetica eseguita prima e dopo l'intervento, alla stessa ora del giorno. L'esame è stato condotto su piani sagittali e assiali e utilizzato immagini pesate T1 e T2. Lo spostamento del nucleo polposo era espresso in mm. La metodologia di esame è stata precedentemente descritta da Fazey et al. [25].

Analisi statistica

L'analisi statistica è stata condotta con il software Statistica 10.0. L'analisi bivariata della varianza (AVOVA) con fattore di intergruppo 1 (tipo di intervento) e fattore intragruppo 1 (misurazione prima dell'intervento, 24 ore e 3 mesi dopo l'intervento) è stata utilizzata per analizzare le differenze nei parametri studiati risultanti dal tipo di implementato la terapia e per verificare l'efficacia di vari protocolli terapeutici. L'importanza delle differenze nei confronti multipli è stata verificata con il test post-hoc di Scheffé.

Insight di Dr. Alex Jimenez

La lombalgia è un sintomo comune che può essere trattato in diversi modi. La cura chiropratica è una delle opzioni di trattamento alternative più comuni per il LBP, tuttavia, i professionisti del settore sanitario hanno iniziato ad utilizzare altre modalità di trattamento per aiutare a migliorare i sintomi della lombalgia. La terapia fisica e l'esercizio fisico sono stati comunemente usati insieme, insieme a modalità di trattamento ben note, per accelerare il processo di recupero del paziente. Lo studio di ricerca mira a determinare come il metodo McKenzie e le tecniche di energia muscolare possono migliorare la lombalgia e promuovere la salute e il benessere generale. Come medico chiropratico, gli effetti positivi della terapia fisica e dell'esercizio fisico si riflettono sul recupero dei pazienti.

risultati

Gli effetti significativi dell'interazione bivariata (metodo × tempo) suggeriscono che i metodi terapeutici implementati esercitavano un effetto variabile dipendente dal tempo sui parametri funzionali della colonna vertebrale, i punteggi del questionario Oswestry, i valori della scala analogica visiva ei risultati della risonanza magnetica nei pazienti con lombalgia cronica.

I dati sulla mobilità di vari segmenti spinali prima dell'intervento e le ore 24 e 3 mesi dopo l'intervento suggeriscono che l'implementazione del metodo McKenzie arricchito con MET è stata riflessa da risultati terapeutici migliori rispetto al metodo McKenzie classico e alla fisioterapia standard. La mobilità dei vari segmenti spinali su tutti gli assi e gli aerei è migliorata significativamente come risultato della terapia con il metodo McKenzie arricchito in MET. Al contrario, il miglioramento meno pronunciato della mobilità spinale è stato documentato nel caso della fisioterapia standard (Tabelle 1 -3).

Tabella 1 Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari della mobilità della colonna cervicale | Chiropratico di El Paso, TX
Tabella 1: Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari della mobilità della colonna cervicale in base alla fase dello studio e al tipo di metodo terapeutico implementato.

Tabella 2 Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari della mobilità della colonna toracica | Chiropratico di El Paso, TX
Tabella 2: Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari della mobilità della colonna vertebrale toracica in base alla fase dello studio e al tipo di metodo terapeutico implementato.

Tabella 3 Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari della mobilità della colonna lombare | Chiropratico di El Paso, TX
Tabella 3: Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari della mobilità della colonna lombare in base alla fase dello studio e al tipo di metodo terapeutico implementato.

L'analisi della flessione anteriore della colonna cervicale ha rivelato che il miglioramento della mobilità era più pronunciato nel gruppo McKenzie + MET (Δ% = 42.02). La mancanza di una differenza significativa tra la misurazione presa immediatamente dopo l'intervento e i mesi 3 successivi suggerisce che l'effetto terapeutico fosse persistente. Un lieve miglioramento, anche se significativo, della mobilità è stato documentato anche nel caso del metodo McKenzie da solo (Δ% = 14.79); anche questo effetto persiste dopo i mesi 3. Al contrario, nessun cambiamento significativo nell'estensione della flessione anteriore del rachide cervicale è stato documentato nel gruppo sottoposto a fisioterapia standard (Figura 1).

Figura 1 Valori angolari medi della flessione anteriore della colonna cervicale determinata a varie fasi dello studio | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 1: Valori angolari medi della flessione anteriore del rachide cervicale determinati in varie fasi dello studio in pazienti trattati con tre diversi metodi terapeutici (metodo McKenzie + MET, solo metodo McKenzie, fisioterapia standard).

Inoltre, l'analisi dei cambiamenti nel grado di flessione anteriore della colonna vertebrale toracica e lombare ha rivelato una variabilità nei risultati dei metodi studiati (Figure 2, 3).

Figura 2 Valori angolari medi della flessione anteriore della colonna toracica determinata in varie fasi dello studio | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 2: Valori angolari medi della flessione anteriore della colonna vertebrale toracica determinati in varie fasi dello studio in pazienti trattati con tre diversi metodi terapeutici (metodo McKenzie + MET, solo metodo McKenzie, fisioterapia standard).

Figura 3 Valori angolari medi della flessione anteriore della colonna lombare determinata in varie fasi dello studio | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 3: Valori angolari medi della flessione anteriore della colonna lombare determinata in varie fasi dello studio in pazienti trattati con tre diversi metodi terapeutici (metodo McKenzie + MET, solo metodo McKenzie, fisioterapia standard).

Il più grande miglioramento della mobilità, pari a Δ% = 80.34 e Δ% = 40.43 nel segmento toracico e lombare, rispettivamente, è stato documentato nel gruppo McKenzie + MET. La mancanza di una differenza significativa tra le misurazioni di entrambi i segmenti prelevati immediatamente dopo l'intervento e i mesi 3 successivi suggerisce che l'effetto terapeutico fosse persistente (Tabelle 2, 3). Le modifiche nei restanti parametri spinali funzionali seguivano un modello simile e sono riassunte nelle Tabelle 1 -3.

Il grado di mobilità in vari segmenti spinali osservato dopo l'implementazione di metodi terapeutici studiati è stato confrontato con i rispettivi valori normativi medi pubblicati da Lewandowski [20 [(Figure 4 -6). L'implementazione del metodo McKenzie arricchito con MET è stato riflesso dal miglioramento più pronunciato della mobilità spinale, che si adatta ai rispettivi intervalli normativi. I parametri funzionali del rachide cervicale, toracico e lombare sono normalizzati a livelli corrispondenti a 87.1%, 66.7% e 95% dei rispettivi valori normativi medi.

Figura 4 Parametri funzionali della colonna cervicale | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 4: Parametri funzionali del rachide cervicale (CL - lordosi cervicale; CAF - flessione anteriore cervicale; CPF - flessione posteriore cervicale; CRF - flessione destra cervicale; CLF - flessione cervicale sinistra; CRR - rotazione destra cervicale; CLR - rotazione cervicale sinistra) - confronto tra valori determinati in pazienti trattati con tre diversi metodi terapeutici e rispettivi valori normativi pubblicati da Lewandowski.

Figura Parametri funzionali 5 della colonna toracica | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 5: Parametri funzionali della colonna vertebrale toracica (ThK - cifosi toracica; ThAF - flessione anteriore toracica; ThPF - flessione posteriore toracica; ThRF - flessione destra toracica; ThLF - flessione sinistra toracica; ThRR - rotazione destra toracica; ThLR - rotazione sinistra toracica) - confronto tra valori determinati in pazienti trattati con tre diversi metodi terapeutici e rispettivi valori normativi pubblicati da Lewandowski.

Figura Parametri funzionali 6 della colonna lombare | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 6: Parametri funzionali della colonna lombare (LL - lordosi lombare, LAF - flessione anteriore lombare; LPF - flessione posteriore lombare; LRF - flessione destra lombare; LLF - flessione sinistra lombare; LRR - rotazione destra lombare; LLR - rotazione lombare sinistra) - confronto tra valori determinati in pazienti trattati con tre diversi metodi terapeutici e rispettivi valori normativi pubblicati da Lewandowski.

Indipendentemente dal metodo terapeutico e dai tempi di misurazione, i valori angolari di tutte le curvature spinali si adattano ai rispettivi valori normativi e non sono state documentate differenze significative inter-e intragroup (Tabella 4).

Tabella 4 Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari delle curvature fisiologiche della colonna vertebrale | Chiropratico di El Paso, TX
Tabella 4: Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i valori angolari delle curvature fisiologiche spinali in base alla fase dello studio e al tipo di metodo terapeutico implementato.

Anche i punteggi del questionario Oswestry differivano a seconda del tipo di intervento implementato. L'implementazione del metodo McKenzie, sia da sola che in combinazione con MET, è stata riflessa da una significativa riduzione dell'indice di disabilità di Oswestry. Nessuna differenza significativa è stata documentata tra i risultati di questi metodi 2. Al contrario, la fisioterapia standard ha avuto l'effetto meno pronunciato sull'Independent Disability Index (Tabella 5).

Tabella 5 | Chiropratico di El Paso, TX
Tabella 5: Caratteristiche statistiche di base e significato delle differenze tra i punteggi del questionario Oswestry, i valori della scala analogica visiva e i risultati della risonanza magnetica a seconda della fase dello studio e del tipo di metodo terapeutico implementato.

L'analisi dei valori di scala analogici visivi suggerisce che sia il metodo McKenzie arricchito con MET sia il metodo McKenzie classico hanno prodotto i più forti effetti terapeutici, cioè l'alleviamento del dolore. L'implementazione di entrambi questi metodi è stata riflessa dall'aumento marcato del dolore sperimentato, senza differenze significative tra i gruppi. Al contrario, la fisioterapia standard ha ridotto il dolore in misura minima e non sono state osservate differenze significative tra i punteggi VAS ottenuti prima e dopo questo intervento (Tabella 5).

La risonanza magnetica eseguita prima e dopo l'intervento ha confermato che il metodo McKenzie arricchito con MET ha prodotto il miglior risultato terapeutico manifestato da una ridotta dimensione dell'ernia del disco spinale. Il più piccolo, anche se significativo, miglioramento di questo parametro è stato documentato anche nel caso del metodo McKenzie classico. Questi metodi terapeutici 2 non differivano significativamente in termini di dimensioni post-intervento dell'ernia del disco spinale. Al contrario, nessuna riduzione delle dimensioni dell'ernia del disco spinale è stata documentata dopo l'implementazione della fisioterapia standard (Tabella 5).

Discussione

Il numero di studi che convalidano l'efficacia dei metodi terapeutici combinati e delle tecniche è scarso [3,21,26,27]. Wilson et al. [26] ha concluso che MET è una tecnica aggiuntiva ottimale per altre modalità terapeutiche [26].

Molti studi hanno confermato gli effetti positivi del metodo McKenzie [28-36]. Allo stesso modo, un insieme di prove conferma il valore terapeutico di MET [37-44]. Inoltre, i risultati positivi di entrambe queste tecniche sono stati documentati in pazienti con dolore alla colonna vertebrale, tra cui LBP [45,46]. Tuttavia, per quanto a nostra conoscenza, nessuno degli studi precedenti ha verificato se la combinazione di questi metodi migliora l'esito terapeutico.

Notevolmente, entrambe le terapie si basano su concetti diversi e coinvolgono diverse tecniche terapeutiche. Il metodo McKenzie è orientato alla gestione di tutte le anomalie strutturali dei dischi spinali. Lo scopo di questa terapia è di eliminare il dolore e normalizzare la funzione del segmento spinale interessato [14]. Pertanto, il metodo McKenzie si concentra sul trattamento delle patologie del disco spinale come principale causa di dolore. Takasaki et al. [35] ha documentato cambiamenti positivi nel disco spinale, ovvero la risoluzione dell'ernia, nel paziente trattato con il metodo McKenzie.

Tuttavia, varie lesioni e altre condizioni mediche, nonché un pattern motorio negativo ripetitivo, si riflettono anche nei disturbi del sistema muscolofasciale. Questo può essere riflesso dallo sviluppo di alcuni meccanismi compensatori, accumulo di tensione muscolare, limitazione motoria e disturbi funzionali [17,40,42]. Al contrario, il trattamento del sistema muscolofasciale non è incluso nel concetto del metodo McKenzie. Pertanto, l'obiettivo di includere le tecniche di energia muscolare nel protocollo proposto di terapia combinata era potenziare il suo effetto terapeutico attraverso il rilassamento e lo stretching della muscolatura contratta, il rafforzamento dei muscoli indeboliti, la riduzione della tensione muscolare passiva, il miglioramento della mobilità articolare e la normalizzazione della funzione del motore [26,43].

Le differenze osservate per quanto riguarda la mobilità di vari segmenti spinali prima e dopo l'intervento indicano un migliore esito terapeutico dei metodi combinati. Notevolmente, la mobilità migliorata è stata documentata non solo nella colonna lombare ma anche nel segmento cervicale e toracico. Pertanto, l'attuazione del TEM ha migliorato l'ambito del metodo combinato (McKenzie + MET) rispetto al metodo classico McKenzie. I nostri risultati suggeriscono che i disturbi muscolofasciali possono essere in larga misura responsabili della limitata mobilità spinale in pazienti con LBP cronica. Nei loro articoli sugli effetti terapeutici della terapia manuale, Pool et al. [12] e Zaproudina et al. [47] sottolinea l'importanza delle limitazioni nella mobilità spinale come un marcatore sensibile di cambiamenti patologici.

I risultati della risonanza magnetica documentati in pazienti trattati con metodo combinato McKenzie e MET suggeriscono che questa combinazione non ha effetti negativi sulla dimensione dell'ernia del disco spinale (Figura 7). Ciò conferma la sicurezza del TEM e la plausibilità della sua applicazione in pazienti con patologie del disco spinale [26]. Da notare che sono stati raggiunti miglioramenti relativamente soggettivi e oggettivi nonostante la breve durata del trattamento, che includeva solo sessioni 10 durante un periodo 2-settimana.

Figura 7 Immagini a risonanza magnetica dei cambiamenti strutturali di L5 - disco spinale S1 | Chiropratico di El Paso, TX
Figura 7: Immagini di risonanza magnetica dei cambiamenti strutturali del disco spinale L5-S1: (A) prima e (B) dopo la terapia combinata (metodo McKenzie + MET).

Inoltre, l'elettrogoniometria di controllo condotta 3 mesi dopo l'intervento ha confermato l'effetto persistente del trattamento combinato. Inoltre, un leggero miglioramento è stato documentato nel caso di alcuni parametri funzionali esaminati immediatamente dopo l'intervento e di 3 mesi dopo. Forse, questo fenomeno rifletteva la corretta educazione dei nostri pazienti e un ulteriore auto-esercizio profilattico secondo il metodo McKenzie.

La lombalgia cronica (CLBP) ha un'eziologia multifattoriale [18] e, come tale, richiede un trattamento multimodale. L'evidenza degli effetti terapeutici non dovrebbe essere limitata alla diagnostica per immagini, ma principalmente si rifletterà sulla funzionalità di un paziente, sul livello di dolore sperimentato, sull'estensione dei movimenti e sulla normalizzazione della funzione motoria.

Conclusioni

Le seguenti conclusioni possono essere formulate sulla base dei nostri risultati:

  1. Il confronto tra i risultati soggettivi e oggettivi dei metodi terapeutici 3 - fisioterapia standard, metodo McKenzie da solo e metodo McKenzie combinato con MET - in pazienti con lombalgia cronica suggerisce che il metodo combinato è il più efficace.
  2. L'uso del metodo combinato (McKenzie + MET) esercita un effetto positivo sulla struttura (risoluzione dell'ernia del disco spinale documentata sulla risonanza magnetica) e sui parametri funzionali (miglioramento della mobilità dei vari segmenti spinali), migliora la qualità della vita e riduce il livello di dolore provato

Ringraziamenti

Lo studio è stato condotto sotto l'egida della Scuola universitaria di educazione fisica a Poznan. Gli autori esprimono la loro gratitudine ai proprietari della pratica privata di riabilitazione "Antidoto" per il consenso a svolgere lo studio nella loro struttura.

Le note

  • Fonte di supporto: Lo studio è stato supportato dalle risorse del Ministero della Scienza e dell'Istruzione Superiore per l'attività statutaria del Dipartimento di Anatomia della Scuola Universitaria di Educazione Fisica di Poznan
  • Conflitto d'interesse: Nessuno dichiarato.

In conclusione, lo studio di ricerca che dimostrava prove cliniche e sperimentali sull'impatto del metodo McKenzie con MET per la lombalgia, uno dei disturbi più comuni che interessano la salute della colonna vertebrale, ha concluso che le modalità di trattamento combinate sono state effettivamente utilizzate nel miglioramento della cronica bassa mal di schiena. Lo scopo dell'articolo era di educare e consigliare i pazienti con lombalgia sull'uso dei MET con il metodo McKenzie. Inoltre, l'uso delle modalità di trattamento combinate ha dimostrato un effetto positivo sui parametri strutturali e funzionali, migliorando la qualità della vita del paziente e riducendo il livello di dolore che hanno subito. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Drozda K, Lewandowski J, Górski P. Mal di schiena negli alunni della scuola secondaria inferiore e superiore che vivono nelle aree urbane della Polonia. Il caso di Poznan. Ortopedia, Traumatologia, Rehabilitacja. 2011; 13 (5 (6)): 489-503. [PubMed]
2. Drozda K, Lewandowski J. Epidemiologia del mal di schiena tra gli alunni della scuola secondaria di Poznan. Fizjoterapia Polska. 2011; 4 (1): 31-40.
3. Dunsford A, Kumar S, Clarke S. Integrazione delle prove in pratica: uso del trattamento basato su McKenzie per la lombalgia meccanica. J Multidiscip Healthc. 2011; 4: 393-402. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
4. Joud A, Petersson IF, Englund M. Lombalgia: epidemiologia delle consultazioni. Arthritis Care Res (Hoboken) 2012; 64: b1084-88. [PubMed]
5. Lewandowski J, Szulc P, Boch-Kmieciak J, et al. Epidemiologia della lombalgia negli studenti di educazione fisica e fisioterapia. Studi in cultura fisica e turismo. 2011; 18 (3): 265-69.
6. Pereira LM, Obara K, Dias JM, et al. Confronto del metodo Pilates senza esercizio o stabilizzazione lombare per dolore e funzionalità nei pazienti con lombalgia cronica: revisione sistematica e meta-analisi. Clin Rehabil. 2012; 26: 10-20. [PubMed]
7. Werneke MW, Hart D, Oliver D, et al. Prevalenza dei metodi di classificazione per i pazienti con compromissione lombare utilizzando le sindromi di McKenzie, il pattern di dolore, la manipolazione e le regole di previsione clinica di stabilizzazione. J Man Manip Ther. 2010; 18: 197-204. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
8. da C Menezes Costa L, Maher CG, Hancock MJ, et al. La prognosi del dolore lombare acuto e persistente: una meta-analisi. CMAJ. 2012; 184: E613-24. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
9. Borges TP, Greve JM, Monteiro AP, et al. Applicazione di massaggi per lombalgia professionale nel personale infermieristico. Rev Lat Am Enfermagem. 2012; 20: 511-19. [PubMed]
10. Cherkin DC, Sherman KJ, Kahn J, et al. Un confronto degli effetti dei tipi di massaggio 2 e delle solite cure sulla lombalgia cronica: uno studio randomizzato e controllato. Ann Intern Med. 2011; 155: 1-9. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
11. Kilpikoski S, Alèn M, Paatelma M, et al. Confronto dei risultati tra gli adulti che lavorano con la lombalgia centralizzata: analisi secondaria di uno studio controllato randomizzato con follow-up di 1-anno. Adv Physiother. 2009; 11: 210-17.
12. Pool JJ, Ostelo RW, Knol DL, et al. Un programma di attività comportamentale è più efficace della terapia manuale nei pazienti con dolore al collo subacuto? Risultati di uno studio clinico randomizzato. Colonna vertebrale. 2010; 35: 1017-24. [PubMed]
13. Frankel BS, Moffett JK, Keen S, et al. Linee guida per la lombalgia: cambiamenti nella gestione della GP. Fam Pract. 1999; 16: 216-22. [PubMed]
14. McKenzie R, maggio S. La colonna vertebrale lombare: diagnosi meccanica e terapia. 2nd ed. Waikanae: pubblicazioni spinale; 2003.
15. Kanpandji AI. Anatomia funkcjonalna stawów. Tom 3.6 ed. Breslavia: Elsevier Urban & Partners; 2010. [in polacco]
16. Alexander LA, Hancock E, Agouris I, et al. La risposta del nucleo polposo dei dischi intervertebrali lombari a posizioni funzionalmente caricate. Colonna vertebrale. 2007; 32 (14): 1508-12. [PubMed]
17. Chaitow L. Tecniche energetiche muscolari. 3rd ed. Edimburgo: Churchill Livingstone; 2006.
18. O'Sullivan P. È tempo di cambiare con la gestione della lombalgia cronica aspecifica. Br J Sports Med. 2012; 46: 224-27. [PubMed]
19. Boocock MG, Jackson JA, Burton AK, et al. Misura continua della postura lombare mediante elettrogoniometri flessibili. Ergonomia. 1994; 37: 175-85. [PubMed]
20. Lewandowski J. Formazione di curvature fisiologiche e mobilità segmentale della colonna vertebrale umana invecchiata da 3 a 25 negli studi elettrogoniometrici. 1st ed. Poznan: AWF Poznan; 2006.
21. Szulc P, Lewandowski J, Marecki B. Verifica di punti di riferimento anatomici selezionati usati come punti di riferimento per il posizionamento universale del goniometro durante le misurazioni della gamma di mobilità delle articolazioni del ginocchio. Med Sci Monit. 2001; 7: 312-15. [PubMed]
22. Fairbank JC, Pynsent PB. L'indice di disabilità di Oswestry. Colonna vertebrale. 2000; 25: 2940-52. [PubMed]
23. Hicks GE, Manal TJ. Proprietà psicometriche dei questionari di disabilità lombare comunemente usati: sono utili per gli anziani con lombalgia? Dolore Med 2009; 10: 85-94. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
24. Mudgalkar N, Bele SD, Valsangkar S, et al. Utilità di scale analogiche numeriche e visive per la valutazione del dolore post-operatorio nei pazienti rurali. Indian J Anaesth. 2012; 56: 553-57. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
25. Fazey PJ, Takasaki H, Singer KP. Deformazione del nucleo polposo in risposta alla flessione laterale della colonna vertebrale lombare: un'indagine MRI in vivo. Eur Spine J. 2010; 19 (11): 1115-20. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
26. Wilson E, Payton O, Donegan-Shoaf L, et al. Tecnica ad energia muscolare in pazienti con lombalgia acuta: una sperimentazione clinica pilota. J Orthop Sports Phys Ther. 2003; 33: 502-12. [PubMed]
27. Bronfort G, Goldsmith CH, Nelson CF, et al. Esercizio del tronco combinato con la terapia spinale manipolativa o FANS per la lombalgia cronica: uno studio clinico randomizzato, in cieco con l'osservatore. J Manipolative Physiol Ther. 1996; 19: 570-82. [PubMed]
28. Bybee RF, Olsen DL, Cantu-Boncser G, et al. Centralizzazione dei sintomi e gamma di movimento lombare nei pazienti con lombalgia. Pratica di teoria fisica. 2009; 25: 257-67. [PubMed]
29. Chen J, Phillips A, Ramsey M, et al. Un caso studio che esamina l'efficacia della diagnosi meccanica e della terapia in un paziente che ha raggiunto la regola di previsione clinica per la manipolazione spinale. J Man Manip Ther. 2009; 17: 216-20. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
30. Garcia AN, Gondo FL, Costa RA, et al. Effetti di due interventi di fisioterapia in pazienti con lombalgia cronica aspecifica: fattibilità di uno studio controllato randomizzato. Rev Bras Fisioter. 2011; 15: 420-27. [PubMed]
31. Hosseinifar M, Akbari M, Behtash H, et al. Gli effetti della stabilizzazione e degli esercizi di Mckenzie sull'addome trasversale e sullo spessore del muscolo multifidico, dolore e disabilità: uno studio randomizzato controllato in lombalgia cronica non specifica. J Phys Ther Sci. 2012; 25: 1541-45. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
32. Mbada CE, Ayanniyi O, Ogunlade SO, et al. Influenza del protocollo Mckenzie e due modalità di esercizi di resistenza sulla qualità della vita correlata alla salute dei pazienti con dolore lombare meccanico a lungo termine. Pan Afr Med J. 2014; 17 (Supp 1): 5. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
33. Garcia AN, da Cunha Menezes Costa L, Hancock MJ, et al. Efficacia del metodo McKenzie nei pazienti con lombalgia non specifica cronica: un protocollo di studio randomizzato controllato con placebo. Fisico 2015; 95: 267-73. [PubMed]
34. Schenk RJ, Jozefczyk C, Kopf A. Uno studio randomizzato che confronta gli interventi in pazienti con derangement posteriore lombare. J Man Manip Ther. 2003; 11: 95-102.
35. Takasaki H, May S, Fazey PJ, et al. Deformazione del nucleo polposo in seguito all'applicazione della diagnosi meccanica e della terapia: un singolo caso clinico con risonanza magnetica. J Man Manip Ther. 2010; 18: 153-58. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
36. Williams B, Vaughn D, Holwerda T. Un approccio di diagnosi meccanica e trattamento (MDT) per un paziente con lombalgia discogenica e una componente laterale rilevante: un caso clinico. J Man Manip Ther. 2011; 19: 113-18. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
37. Chugh R, Kalra S, Sharma N, et al. Effetti delle tecniche di energia muscolare e il suo confronto con l'autoestensione dei riflessi plantari bilaterali alla caviglia sull'esecuzione dei punteggi di equilibrio in soggetti anziani sani. Physiother Occup Ther J. 2011; 4: 61-71.
38. Friggitrice G, Ruszkowski W. L'influenza della durata della contrazione nella tecnica dell'energia muscolare applicata all'articolazione atlanto-assiale. J Osteopath Med. 2004; 7: 79-84.
39. Friggitrice G, Pearce AJ. L'effetto della tecnica dell'energia muscolare sull'eccitabilità del riflesso corticospinale e spinale nei partecipanti asintomatici. J Bodyw Mov Ther. 2013; 17 (4): 440-47. [PubMed]
40. Gugliotti M. L'uso della mobilizzazione, la tecnica dell'energia muscolare e la mobilizzazione dei tessuti molli dopo una dissezione radicale del collo modificata di un paziente con tumore della testa e del collo. Riabilitazione Oncol. 2011; 29: 3-8.
41. Kűčűkşen S, Yilmaz H, Sallı A, Uğurlu H. Tecnica energetica muscolare contro iniezione di corticosteroidi per la gestione dell'epicondilite cronica laterale: studio randomizzato controllato con follow-up di 1-anno. Arch Phys Med Rehabil. 2013; 94: 2068-74. [PubMed]
42. Moore SD, Laudner KG, McLoda TA, et al. Gli effetti immediati della tecnica di energia muscolare sulla tensione della spalla posteriore: uno studio controllato randomizzato. J Orthop Sports Phys Ther. 2011; 41: 400-7. [PubMed]
43. Rajadurai V. L'effetto della tecnica dell'energia muscolare sulla disfunzione dell'articolazione temporomandibolare: una traccia clinica randomizzata. Asian J Sci Res. 2011; 4: 71-77.
44. Shadmehr A, Hadian MR, Naiemi SS, et al. Flessibilità del cordone ombelicale nelle giovani donne dopo l'allungamento passivo e la tecnica di energia muscolare. J Back Musculoschelet Rehabil. 2009; 22: 143-48. [PubMed]
45. Day JM, McKeon P, Nitz A. L'efficacia del range di movimento attivo cervicale / toracico per rilevare i cambiamenti associati agli individui che ricevono tecniche di energia muscolare. Phys Ther Rev. 2010; 15: 453-61.
46. Day JM, Nitz AJ. L'effetto delle tecniche di energia muscolare sui punteggi di disabilità e dolore negli individui con lombalgia. J Sport Rehabil. 2012; 21: 194-98. [PubMed]
47. Zaproudina N, Hietikko T, Hanninen OO, et al. Efficacia della regolazione ossea tradizionale nel trattamento della lombalgia cronica: uno studio pilota randomizzato. Complemento Ther Med. 2009; 17: 23-28. [PubMed]

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

La sciatica è indicata come una raccolta di sintomi piuttosto che un singolo tipo di lesione o condizione. I sintomi sono caratterizzati da dolore radiante, intorpidimento e sensazioni di formicolio dal nervo sciatico nella parte bassa della schiena, giù per i glutei e le cosce e attraverso una o entrambe le gambe e nei piedi. La sciatica è comunemente il risultato di irritazione, infiammazione o compressione del nervo più grande del corpo umano, generalmente a causa di un'ernia del disco o dello sperone osseo.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: Trattamento del dolore della sciatica