Come una corretta alimentazione può alleviare il dolore cronico Chiropratico centrale

Share

Madre Natura è il miglior farmacista e il cibo è facilmente il farmaco più efficace sul pianeta ", ha scritto Mark Hyman, MD, in un articolo sul declino della moderna dieta americana. Il problema oggi, ha osservato, è che la maggior parte del cibo che consumiamo non è "naturale", ma invece "industriale:", è troppo salato, zuccherato, trasformato e ricco di carboidrati.

 

Come può la nutrizione influenzare il dolore cronico?

 

Perché questo riguarda i professionisti del dolore? È importante perché ciò che mangiamo equivale a come combustiamo il nostro corpo e quando qualcuno mangia una dieta cattiva, tutto il corpo comincia a rompersi. Questo deterioramento comprende un aumento dei tassi di disturbi metabolici, inclusi ipertensione, diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e obesità, problemi muscolo-scheletrici e malattie autoimmuni.

 

Pertanto, la tabella di marcia verso la salute è semplice, ha osservato il dott. Hyman, "mangia cibo vero, pratica l'amor proprio, immagina te stesso in maniera positiva, dormi abbastanza e incorpora movimento nella tua vita." Nell'esempio di pazienti con dolore, mangiare una dieta sana può diminuire la progressione del proprio dolore e della loro malattia.

 

Come influisce il peso sul dolore cronico?

 

L'America sta attualmente combattendo un'epidemia di obesità. Secondo i centri di controllo e prevenzione delle malattie (CDC), quasi un terzo dei bambini americani e circa i due terzi degli adulti statunitensi sono in sovrappeso o obesi e presentano un rischio maggiore per la malattia muscolo-scheletrica.

 

Negli ultimi due decenni, la maggior parte degli americani ha visto un passaggio a una norma più grande per quanto riguarda il peso. Ad esempio, il primo guardalinee di una squadra di football americano a pesare più di 300 è stato William "The Refrigerator" Perry (355 lbs.), Che ha giocato nella National Football League (NFL) negli 1980-90. Al giorno d'oggi, il peso medio di ogni lineman nella NFL è di 355 sterline, e i giocatori hanno la tendenza a ottenere un'aspettativa di vita di circa 57 anni rispetto agli anni 78.8 per il pubblico in generale. Riconoscendo questa tendenza, l'American Medical Association (AMA) ha ufficialmente proclamato l'obesità per un disturbo in 2013.

 

Le affermazioni dell'assistenza sanitaria hanno dimostrato che la co-prevalenza del dolore e dell'obesità è pari a quella di 30. Questi alti livelli di co-occorrenza sono associati a uno stile di vita sedentario che porta a qualità della vita, disagio emotivo, disabilità più elevata e durata della vita ridotta. La letteratura medica indica che esiste una relazione lineare tra frequenza e peso del dolore muscolo-scheletrico. Le percentuali di dolore alla schiena, al collo, all'anca, al ginocchio e alla caviglia si sono dimostrate notevolmente più elevate nelle persone obese. Ma una relazione causale non è chiara.

 

Oltre a creare lo stress meccanico, il grasso agisce molto come un organo che secerne le sostanze chimiche, che influenza la pressione sanguigna e il colesterolo. Infatti, il tessuto adiposo è una fonte significativa di mediatori infiammatori come le citochine e le chemochine. I marcatori infiammatori come l'interleuchina (IL) -6 e la proteina C-reattiva (CRP) sono significativamente associati con la percentuale di grasso corporeo e sensibilità all'insulina. Matters, dove anche il grasso viene depositato. Il tessuto connettivo addominale viscerale è più metabolicamente attivo e rilascia maggiori quantità di sostanze insulino-resistenti e proinfiammatorie.

 

L'obesità è stata anche associata a dolore alla spina dorsale, al collo e alle estremità superiori. Quando è presente in condizioni come la fibromialgia, l'emicrania e il mal di testa, l'obesità esacerba anche il dolore a causa del suo stato. Il dolore cronico può anche portare all'obesità perché porta all'inattività fisica, specialmente negli anziani. Il reciproco dovrebbe essere accurato: la perdita di peso può aiutare a ridurre il dolore. Ad esempio, uno studio ha rilevato che più di una perdita di 10% di peso corporeo ha provocato un calo percentuale di 50 nell'artrite del ginocchio nei pazienti.

 

Come influisce la nutrizione sul dolore cronico?

 

Un approccio nutrizionale alla gestione del dolore comporta modifiche alla dieta del paziente per prevenire il dolore o promuovere il sollievo dell'infiammazione come parte di un piano globale di gestione del dolore.

 

Dolori alla schiena e alle articolazioni, artrite reumatoide, fibromialgia e osteoartrite sono influenzati dalla dieta. Il dolore alle articolazioni può essere causato dalla gotta, che è il risultato finale della deposizione di cristalli negli Stati Uniti. L'artrite reumatoide si verifica quando il sistema immunitario attacca le articolazioni, causando una reazione infiammatoria e il conseguente dolore.

 

I pazienti che soffrono di dolore cronico potrebbero essersi imbattuti in una varietà di diete "che abbassano il dolore" mentre navigano in rete. Inclusi in questi sono la dieta anti-infiammatoria, la dieta e le diete vegetariane. Tuttavia, non esiste ancora alcuna linea guida per un piano di salute nutrizionale per affrontare il dolore, e una dieta potrebbe non adattarsi a tutte le condizioni di dolore.

 

La portata delle nostre informazioni è limitata a lesioni e condizioni di chiropratica e spinale. Per discutere di opzioni sul tema, si prega di contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900

 

Dott. Alex Jimenez

 

Ulteriori argomenti: Benessere

 

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

.video-container {position: relative; imbottitura inferiore: 63%; imbottitura: 35px; altezza: 0; overflow: nascosto;}. video-container iframe {posizione: assoluto; top: 0; sinistra: 0; larghezza: 100%; altezza: 90%; border = none; max-width: 100%;}

 

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Chiropratica

 

 

Post Recenti

Iperostosi scheletrica idiopatica diffusa

L'iperostosi scheletrica idiopatica diffusa, nota anche come DISH, è una fonte fraintesa e spesso mal diagnosticata ... Leggi

30 Marzo 2021

Cause di incidenti motociclistici, lesioni e trattamento chiropratico

Gli incidenti in moto sono molto diversi dagli incidenti automobilistici. Nello specifico è quanto i ciclisti ... Leggi

29 Marzo 2021

Marcatori ad angolo di fase e infiammatori

Valutazione antropometrica La misurazione antropometrica gioca un ruolo fondamentale nella valutazione dello stato di salute del paziente. Misure antropometriche ... Leggi

29 Marzo 2021

Perché la tendinite non dovrebbe essere lasciata non trattata Una prospettiva chiropratica

La tendinite può verificarsi in qualsiasi area del corpo in cui un tendine viene utilizzato in modo eccessivo. ... Leggi

26 Marzo 2021

Massaggio sportivo chiropratico per lesioni, distorsioni e stiramenti

Un massaggio sportivo chiropratico ridurrà il rischio di lesioni, migliorerà la flessibilità e la circolazione ... Leggi

25 Marzo 2021

L'importanza di BIA e TMAO

Il mondo della medicina sta avanzando e crescendo continuamente. La ricerca viene pubblicata ogni giorno ... Leggi

25 Marzo 2021

Specialista in lesioni, traumi e riabilitazione spinale

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘