Gestione nutrizionale: reazioni avverse al cibo | El Paso, TX Dottore in chiropratica
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Gestione nutrizionale: reazioni avverse al cibo

Come paziente, andrai (e devi) vedere un medico se dovessi presentare un sintomo associato a un reazione avversa al cibo. In effetti, questa sarà la cosa corretta da fare e il tuo medico prescriverà il modo giusto per trattare e gestire i sintomi, a seconda della loro gravità. È interessante notare che è più probabile che il medico consigli di evitare il cibo che potrebbe aver causato i sintomi in primo luogo. Inoltre, ti indirizzeranno a un dietista o nutrizionista per gestire tale evitamento del cibo.

Potrebbe sembrare strano, potresti pensare. Evito solo uno o due cibi. Perché vengo indirizzato a un nutrizionista? Devo perdere peso?

La prevenzione degli allergeni, infatti, è una parte fondamentale del trattamento e della gestione di allergie, intolleranze e sensibilità alimentari. Considerando che gli allergeni studiati più comuni sono il latte vaccino, le uova di gallina, la soia, il pesce e i crostacei, il grano e, ultimo ma non meno importante, arachidi e / o noci. Sapevi che è più probabile che tu abbia una dieta squilibrata se prendi da 2 a 3 di questi alimenti? In definitiva, una dieta squilibrata ti porterà a carenze nutrizionali, che influiranno ulteriormente sulla qualità della vita e sulla salute.

Poiché è più probabile che tu finisca per avere una consulenza nutrizionale, ecco alcune delle domande che dovrebbe porsi lo specialista della nutrizione.

Domande

Esiste un antecedente di malattie come l'asma, l'eczema o la rinite allergica?
Hai familiari con allergie alimentari?
Ci sono cibi che eviti? Perché?
Anamnesi di sintomi associati all'ingestione di allergeni alimentari:

§ Età del paziente quando sono iniziati i sintomi.

§ Quanto tempo ci è voluto per la comparsa dei sintomi?

§ Quanto sono durati?

§ Quanto è stata grave la reazione?

§ Frequenza della reazione.

§ Dove è successo? (scuola, casa un ristorante)

§ La reazione si è ripetuta con lo stesso alimento?

§ Qual è stata la quantità di cibo che ha causato la reazione?

§ C'è del cibo che viene evitato a causa di fattori culturali o religiosi?

§ Qual è l'allergene sospetto?

§ Storia di allattamento al seno e alimentazione complementare.

§ Hai già fatto una dieta di eliminazione?

§ Cosa è successo quando hai reintrodotto gli alimenti?

§ Che tipo di farmaco è stato prescritto in precedenza?

Hai avuto reazioni durante l'ingestione dei seguenti alimenti?

§ arachidi o frutta a guscio.

§ semi di sesamo.

§ sedano.

§ latte.

§ uovo.

§ Grano.

§ pesce e molluschi.

§ soia.

§ mostarda.

Hai avuto reazioni avverse ai pollini?
Dove mangi comunemente il tuo cibo?
Chi prepara il tuo cibo?

Nel complesso, un nutrizionista dovrebbe considerare la rilevanza dei risultati positivi dei test ed essere informato sui comuni reattori incrociati tra alimenti e allergeni ambientali. Inoltre, alcuni fattori potrebbero influenzare la presenza di reazioni avverse al cibo, come farmaci, introduzione a integratori vitaminici, stress, cambiamenti ormonali o squilibrio, infezioni, esercizio fisico e farmaci a base di erbe.

Un intervento nutrizionista o dietista dovrebbe essere fondamentale per evitare carenze nutrizionali e favorire un normale tasso di crescita nei bambini. È particolarmente raccomandato a quei pazienti che sono incoraggiati a evitare più di un alimento nella loro dieta, inoltre per evitare inutili evitamenti di cibo. La fornitura di alternative al cibo evitato garantirà una dieta nutrizionalmente densa e preverrà l'esposizione ad alimenti allergenici.

In conclusione, la consulenza e la gestione nutrizionale sono essenziali per il trattamento di allergie o intolleranze alimentari. L'elusione di vari alimenti può favorire carenze nutrizionali e influire sulla qualità della vita del paziente. Avere una gestione nutrizionale delle allergie e intolleranze alimentari fornirà supporto psicologico al paziente, eviterà il rischio di esposizione agli allergeni citati, promuoverà una migliore qualità della vita attraverso una dieta sana e nutriente.

Venter, Carina, Kirsi Laitinen e Berber Vlieg-Boerstra. "Aspetti nutrizionali nella diagnosi e nella gestione dell'ipersensibilità alimentare: il ruolo del dietista". Giornale di allergia 2012 (2012).

Storia funzionale online di Medicince
ESAME DI MEDICINA FUNZIONALE ONLINE 24 • 7

Storia in linea
STORIA ONLINE 24 /7
PRENOTA ONLINE 24/7