Fitness funzionale e cura chiropratica per il mal di schiena | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Fitness funzionale e cura chiropratica per il mal di schiena

In associazione con l'esperienza professionale nel campo del fitness e dell'assistenza chiropratica, i sintomi del mal di schiena sono stati determinati a migliorare nelle persone che partecipano all'attività fisica e all'esercizio fisico, come indicato da un fisioterapista, un fisioterapista o qualsiasi altro operatore sanitario, come un chiropratico. Diverse opzioni di trattamento complementare e alternativo per il mal di schiena riguardano anche l'uso della terapia fisica funzionale, tuttavia sono ancora necessari studi di ricerca basati sull'evidenza sull'efficacia dell'attività fisica e dell'esercizio.

Su una nota personale, la cura chiropratica utilizza regolazioni spinali e manipolazioni manuali per correggere accuratamente i disallineamenti sulla colonna vertebrale, o sublussazioni spinali. Insieme al trattamento chiropratico, un medico chiropratico può anche raccomandare una serie di esercizi ed esercizi per aumentare la flessibilità, la forza e la mobilità, migliorando la funzione generale della colonna vertebrale. L'attività fisica per la lombalgia è stata valutata nello studio controllato randomizzato di seguito.

astratto

Obiettivo

Valutare l'efficacia di un programma di esercizi in un contesto comunitario per i pazienti con lombalgia per incoraggiare un ritorno alle normali attività.

Design

Studio randomizzato controllato del programma di esercizi progressivi rispetto alla normale gestione delle cure primarie. Le preferenze dei pazienti per il tipo di gestione sono state indotte indipendentemente dalla randomizzazione.

Partecipanti

Pazienti con 187 di età 18-60 con lombalgia meccanica di 4 settimane alla durata di 6 mesi.

interventi

Lezioni di ginnastica condotte da un fisioterapista che comprendeva esercizi di potenziamento per tutti i principali gruppi muscolari, esercizi di stretching, sessioni di rilassamento e una breve formazione sul back-care. È stato utilizzato un approccio cognitivo-comportamentale.

Principali misure di esito

Valutazioni degli effetti debilitanti del mal di schiena prima e dopo l'intervento ea 6 mesi e 1 anno dopo. Le misure includevano il questionario sulla disabilità di Roland, la scala di mal di schiena di Aberdeen, i diari del dolore e l'uso dei servizi sanitari.

risultati

A 6 settimane dopo la randomizzazione, il gruppo di intervento è migliorato marginalmente rispetto al gruppo di controllo sul questionario sulla disabilità e ha riportato un dolore meno doloroso. A 6 months e 1 year, il gruppo di intervento ha mostrato un miglioramento significativamente maggiore nel punteggio del questionario sulla disabilità (differenza media nei cambiamenti 1.35, 95% intervallo di confidenza 0.13 in 2.57). All'anno 1, il gruppo di intervento ha anche mostrato un miglioramento significativamente maggiore nella scala di dolore alla schiena di Aberdeen (4.44, 1.01 a 7.87) e ha riferito solo 378 giorni di assenza dal lavoro rispetto a 607 nel gruppo di controllo. Il gruppo di intervento ha utilizzato meno risorse sanitarie. Il risultato non è stato influenzato dalle preferenze dei pazienti.

Conclusioni

La classe di esercizio era più efficace dal punto di vista clinico della tradizionale gestione del medico di base, indipendentemente dalle preferenze del paziente ed era economicamente vantaggiosa.

Messaggi chiave

  • I pazienti con dolore alla schiena devono tornare alle normali attività il più presto possibile ma spesso hanno paura che movimento o attività possano essere dannosi
  • Un programma di esercizi guidato da un fisioterapista nella comunità e basato su principi cognitivo-comportamentali ha aiutato i pazienti a far fronte meglio al loro dolore e a funzionare meglio anche un anno dopo
  • Le preferenze dei pazienti per il tipo di gestione non hanno influenzato l'esito
  • I pazienti nel gruppo di intervento tendevano a utilizzare meno risorse sanitarie e hanno impiegato meno giorni di lavoro
  • Questo tipo di programma di esercizi dovrebbe essere più ampiamente disponibile

Introduzione

La lombalgia è comune e, sebbene possa stabilizzarsi rapidamente, i tassi di recidiva sono di circa 50% nei seguenti mesi 12. Le linee guida di gestione recenti raccomandano di incoraggiare un ritorno precoce alle attività fisiche, ma i pazienti hanno spesso paura dei movimenti dopo l'insorgenza acuta del mal di schiena. Prove di specifici programmi di esercizio per il mal di schiena acuto non hanno dimostrato che siano efficaci, ma un programma di esercizi specifici potrebbe dover essere adattato al singolo paziente e quindi è meno probabile che sia efficace per un gruppo eterogeneo di pazienti.

Tuttavia, vi sono alcune prove del fatto che un programma di esercizi generali, che mira ad aumentare la fiducia degli individui nell'uso della colonna vertebrale e superare la paura dell'attività fisica, può essere efficace per i pazienti con mal di schiena cronico (di durata superiore a sei mesi ). Un recente trial randomizzato di un programma di esercizio supervisionato in un contesto ospedaliero ha riportato risultati significativamente migliori a sei mesi e due anni per il gruppo di esercizi rispetto al gruppo di controllo. Non è noto se questo approccio sia efficace e conveniente per i pazienti con lombalgia inferiore a sei mesi di durata in un contesto di assistenza primaria.

Image 1 Esercizi per il mal di schiena

Un importante problema metodologico si verifica quando non è possibile sottoporre i soggetti ciechi al trattamento che ricevono, poiché l'esito è probabilmente direttamente influenzato dalle loro idee preconcette sull'efficacia dell'intervento. Pertanto, nelle prove in cui una procedura in doppio cieco non è fattibile, i partecipanti che non sono randomizzati al loro trattamento di scelta possono essere delusi e soffrire di demoralizzazione risentita, mentre quelli randomizzati al loro trattamento preferito possono avere un risultato migliore indipendentemente dall'efficacia fisiologica di l'intervento. Tuttavia, questo problema può essere in parte migliorato se le preferenze di trattamento dei pazienti sono suscitate prima della randomizzazione, in modo che possano essere utilizzate per informare l'analisi dei costi e dei risultati.

In questo articolo, riportiamo uno studio completamente randomizzato per il trattamento della lombalgia subacuta in cui l'analisi è stata informata dalle preferenze del paziente.

Materie e metodi

Reclutamento di soggetti

Ottantasette medici di medicina generale hanno accettato di partecipare allo studio e l'investigatore principale (JKM) ha visitato ogni pratica per discutere della partecipazione. La selezione dei medici di medicina generale era basata nella zona di York e limitata dalla necessità di fornire un facile accesso per i pazienti alle classi. Solo una pratica invitata ha rifiutato di partecipare. Le pratiche a mani singole non sono state invitate. I medici generici hanno indirizzato i pazienti direttamente al gruppo di ricerca o hanno inviato una lista mensile di pazienti che avevano consultato il mal di schiena. I criteri di inclusione erano pazienti con lombalgia meccanica di almeno quattro settimane ma meno di sei mesi, di età compresa tra 18 e 60, dichiarati medicalmente idonei dal loro medico generico per intraprendere l'esercizio e che avevano consultato uno dei medici generici partecipanti nello studio. Sono stati esclusi i pazienti con patologie potenzialmente gravi, così come chiunque non sarebbe stato in grado di partecipare o partecipare alle lezioni. I criteri di esclusione erano gli stessi descritti da Frost et al, eccetto che la fisioterapia concomitante piuttosto che la precedente fisioterapia era un criterio di esclusione in questo studio.

Valutazione

I pazienti che sembravano idonei sono stati contattati telefonicamente e se erano interessati a partecipare allo studio sono stati invitati a un colloquio iniziale, in cui è stato spiegato lo studio e le sue implicazioni per i partecipanti. I pazienti che hanno soddisfatto tutti i criteri di ammissibilità e hanno acconsentito a partecipare hanno partecipato a una prima valutazione una settimana dopo.

Immagine 2 Esame fisico per il mal di schiena

Ciò includeva un esame obiettivo (per escludere possibili patologie spinali gravi) e la raccolta di dati di riferimento mediante misure convalidate dello stato di salute. Le principali misure di esito erano il questionario sulla disabilità per il mal di schiena di Roland, che misura i limiti funzionali dovuti al mal di schiena e la scala di mal di schiena di Aberdeen, che è più una misura dello stato clinico. Il questionario sulla disabilità di Roland consiste in una scala di punti 24: un paziente che segna tre punti sulla scala significa che lui o lei riferisce, ad esempio: "A causa della mia schiena non sto facendo nessuno dei lavori che faccio abitualmente in casa, Uso un corrimano per salire al piano di sopra e mi sdraio per riposare più spesso. "Abbiamo anche gestito l'indice di salute EuroQoL (EQ-5D) e il questionario sulle convinzioni della paura e dell'evitamento (FABQ).

La seconda valutazione è stata condotta nello studio generale dei pazienti sei settimane dopo la randomizzazione al trattamento. Il breve esame fisico è stato ripetuto e ai pazienti è stato chiesto di completare gli stessi questionari di esito.

Inoltre, ai pazienti è stato chiesto di completare i diari del dolore nella settimana prima della loro prima valutazione e nella settimana prima della loro seconda valutazione. I diari sono stati utilizzati per valutare i rapporti sul dolore soggettivo e hanno chiesto "Quanto è forte il dolore?" E "Quanto è angosciante il dolore?"

Abbiamo anche valutato i pazienti a sei mesi e il follow-up di 12 inviando loro questionari di esito da completare e restituire.

Randomizzazione e trattamenti

Una lista di randomizzazione pre-preparata è stata generata da una tabella di numeri casuali e i partecipanti sono stati stratificati con la pratica in blocchi di sei. Il coordinatore dello studio ha assicurato l'occultamento dell'assegnazione dei ricercatori clinici fornendo al fisioterapista di ricerca una busta sigillata per un paziente nominato prima della valutazione di base. Una nota all'interno della busta ha invitato il partecipante a frequentare corsi di ginnastica o a continuare con i consigli o le terapie attuali offerti dal proprio medico di famiglia. (Uno dei medici generici di riferimento usava la manipolazione come trattamento abituale sulla maggior parte dei suoi pazienti, così che anche i pazienti 37 in ogni braccio dello studio potevano ricevere una manipolazione.) Ogni paziente aveva le stesse possibilità di essere assegnato all'intervento o alla gruppo di controllo. Prima che i pazienti ricevessero la loro busta, gli è stato chiesto se avessero qualche preferenza per l'incarico di trattamento. I partecipanti hanno aperto la busta dopo aver lasciato l'intervento.

Gruppo di intervento-Il programma di allenamento consisteva in otto sessioni, ognuna della durata di un'ora, distribuite su quattro settimane, con partecipanti 10 in ogni classe. Il programma era simile al programma di fitness di Oxford e includeva esercizi di stretching, esercizi aerobici a basso impatto e esercizi di potenziamento rivolti a tutti i principali gruppi muscolari. L'obiettivo generale era quello di incoraggiare il normale movimento della colonna vertebrale. Non era necessaria alcuna attrezzatura speciale. I partecipanti sono stati scoraggiati dal considerarsi come invalidi e dal seguire il precetto di "Lascia che il dolore sia la tua guida". Sono stati incoraggiati a migliorare il loro record individuale e sono stati selettivamente premiati con attenzione e lode. Sebbene in parte basato su un approccio fisioterapico tradizionale, il programma utilizzava principi cognitivo-comportamentali. Un semplice messaggio educativo che incoraggiava la fiducia in se stessi è stato consegnato in ogni classe. Ai partecipanti è stato detto che dovrebbero considerare le classi come un trampolino di lancio per aumentare i propri livelli di attività.

Controls-I pazienti assegnati al gruppo di controllo sono continuati sotto la cura del loro medico e in alcuni casi sono stati riferiti alla fisioterapia come al solito. Nessun tentativo è stato fatto per regolare il trattamento che hanno ricevuto, ma è stato registrato.

Analisi economica

Abbiamo registrato l'uso dei servizi sanitari da parte dei pazienti utilizzando una combinazione di questionari retrospettivi e diario futuro, che hanno restituito al follow-up di 6 e 12 mesi. Da queste informazioni abbiamo stimato il costo del trattamento di ogni paziente. Abbiamo confrontato i costi medi di trattamento per i due gruppi utilizzando i test t di Student e gli intervalli di confidenza standard. Tuttavia, dal momento che i dati sui costi sono stati altamente positivamente distorti, questi risultati sono stati controllati con un "bootstrap" non parametrico. La valutazione economica ha riguardato sia i costi per il servizio sanitario nazionale sia i costi per la società. I partecipanti non sono stati accusati per le lezioni, in linea con qualsiasi trattamento attualmente disponibile sul NHS.

Analisi statistica

La nostra intenzione originaria era quella di reclutare pazienti 300, che, data una deviazione standard di 4, avrebbero fornito 90% di potenza al livello di significatività 5% per rilevare una differenza punti 1.5 tra i due gruppi nella variazione media del questionario di disabilità Roland. Tuttavia, il reclutamento di pazienti nello studio si è rivelato molto più lento del previsto e, a causa delle limitazioni delle risorse dello studio, il reclutamento è stato interrotto dopo che i pazienti 187 erano stati inclusi nello studio. Questo campione più piccolo ha ridotto la potenza per rilevare una differenza simile a 72%, ma c'era ancora il potere 90% per rilevare una differenza di punto 2 nel risultato.

La nostra analisi era basata sull'intenzione di trattare. Abbiamo valutato gli effetti del trattamento sulle misure di esito mediante l'analisi della covarianza, con il cambiamento dei punteggi come variabile dipendente e aggiustamento per il punteggio di base e la preferenza del paziente. Abbiamo usato gli studenti t test per analizzare i dati dei diari del dolore in quanto i punteggi di base erano abbastanza simili.

Insight di Dr. Alex Jimenez

In considerazione dello studio di ricerca relativo a uno studio controllato randomizzato coordinato per determinare l'efficacia dell'idoneità funzionale verso il miglioramento della lombalgia, integriamo le nostre filosofie di salute generale e benessere per i nostri pazienti e ci assicuriamo di portare il loro recupero e la riabilitazione al livello successivo. Il nostro trattamento di fitness e chiropratica va oltre altri metodi medicalmente avanzati. I metodi di trattamento proprietari offerti nella nostra clinica promuovono il vero pratiche di benessere e fitness con un obiettivo primario sulla calibrazione del corpo umano. Le misure di esito dello studio randomizzato controllato sull'esercizio per la lombalgia hanno coinvolto due gruppi di partecipanti, un gruppo di intervento e un gruppo di controllo. I risultati sono registrati di seguito.

risultati

Popolazione di studio

Tra i pazienti 187 inclusi nello studio, 89 è stato randomizzato all'intervento e 98 al gruppo di controllo. La figura mostra i loro progressi attraverso il processo. In entrambi i gruppi quelli con il dolore alla schiena più grave alla randomizzazione avevano meno probabilità di restituire questionari di follow-up: il punteggio medio del questionario di disabilità di Roland per i responder a un anno di follow-up era 5.80 (SD 3.48) rispetto a un punteggio medio di 9.06 (4.58) per non responder rispettivamente (P = 0.002).

Caratteristiche di base

Le caratteristiche cliniche e demografiche dei pazienti nei due gruppi erano abbastanza bilanciate alla randomizzazione (Tabella 1), sebbene quelle assegnate al gruppo di intervento tendessero a segnalare una maggiore disabilità nel questionario sulla disabilità di Roland rispetto al gruppo di controllo. La maggior parte dei pazienti (118, 63%), quando richiesto, avrebbe preferito essere allocata al programma di esercizi. La frequenza delle lezioni è stata considerata abbastanza buona, con 73% del gruppo di intervento che frequentava da sei a otto delle classi. Quattro persone non hanno partecipato a nessuna classe e sono state incluse nell'intenzione di trattare l'analisi. Nessun paziente assegnato al gruppo di controllo ha preso parte al programma di esercizi.

Tabella 1 Caratteristiche di base dei pazienti con lombalgia meccanica inclusa nello studio
Tabella 1: Le caratteristiche di base dei pazienti con lombalgia meccanica inclusa nello studio. I valori sono medie (deviazioni standard) se non diversamente specificato.

Risultati clinici

La tabella 2 mostra i cambiamenti medi delle misure di outcome nel tempo, dalla randomizzazione al follow up finale a un anno. Dopo aggiustamento per i punteggi basali, il gruppo di intervento ha mostrato maggiori diminuzioni in tutte le misure di dolore alla schiena e disabilità rispetto ai controlli. A sei settimane dalla randomizzazione, i pazienti nel gruppo di intervento hanno riportato meno dolore angosciante rispetto al gruppo di controllo (P = 0.03) e una differenza marginalmente significativa nei punteggi del questionario di disabilità Roland. Altre variabili non erano significativamente differenti, ma le differenze di cambiamento erano tutte a favore del gruppo di intervento. A sei mesi la differenza tra i punteggi del cambiamento medio del questionario sulla disabilità di Roland era significativa, e ad un anno le differenze nei cambiamenti sia del questionario di disabilità Roland sia della scala di dolore alla schiena di Aberdeen erano significative (Tabella 2). La maggior parte del gruppo di intervento è migliorata di almeno tre punti nel questionario di disabilità di Roland: 53% (95% intervallo di confidenza 42% a 64%) lo aveva fatto a sei settimane, 60% (49% a 71%) a sei mesi, e 64% (54% a 74%) a un anno. Una percentuale minore del gruppo di controllo ha raggiunto questo miglioramento clinicamente importante: 31% (22% a 40%) a sei settimane, 40% (29% a 50%) a sei mesi e 35% (25% a 45%) a un anno.

Tabella 2 Modifiche nei punteggi di dolore alla schiena dai valori di riferimento nei gruppi di intervento e di controllo
Tabella 2: Cambiamenti nei punteggi del mal di schiena rispetto ai valori basali nei gruppi di intervento e di controllo nelle settimane 6, nei mesi 6 e nel follow-up dell'anno 1.

Preferenza dei pazienti

Abbiamo esaminato l'effetto della preferenza di base dei pazienti per il trattamento sull'outcome dopo l'aggiustamento per i punteggi di base e gli effetti principali. La preferenza non ha influenzato significativamente la risposta al trattamento. L'intervento ha avuto effetti simili su entrambi i costi e gli esiti indipendentemente dalle preferenze di base. Ad esempio, il cambiamento nel punteggio del questionario di disabilità di Roland a 12 mesi nel gruppo di controllo era -1.93 per i pazienti che preferivano l'intervento e -1.18 per quelli che erano indifferenti (intervallo di confidenza 95% della differenza -1.05 a 2.55), e nel gruppo di intervento il cambiamento nel punteggio era -3.10 per coloro che preferivano l'intervento e -3.15 per quelli che erano indifferenti ((95% intervallo di confidenza della differenza -1.47 a 3.08). Poiché il termine di interazione (preferenza per allocazione casuale) era non significativo , i risultati mostrati in Tabella 2 escludono il termine di preferenza.

Valutazione economica

I pazienti nel gruppo di intervento tendevano a utilizzare meno risorse sanitarie e altre risorse rispetto a quelle del gruppo di controllo (Tabella 3). Tuttavia, la differenza media, per un totale di £ 148 per paziente, non era significativa: l'intervallo di confidenza 95% suggerisce che ci potrebbe essere stato un risparmio di fino a £ 442 per paziente nel gruppo di intervento o un costo aggiuntivo fino a £ 146. I pazienti nel gruppo di controllo hanno impiegato un totale di 607 giorni di assenza dal lavoro durante i mesi 12 dopo la randomizzazione rispetto ai giorni 378 decollati dal gruppo di intervento.

Tabella 3 Uso dei servizi e dei relativi costi associati al mal di schiena nei due gruppi di studio
Tabella 3: Uso dei servizi e dei relativi costi associati al mal di schiena nei due gruppi di studio al follow-up di 12 mesi.

Discussione

I nostri risultati supportano l'ipotesi che una semplice lezione di esercizio può portare a miglioramenti a lungo termine per chi soffre di mal di schiena. Gli studi hanno dimostrato che un programma simile per i pazienti con mal di schiena cronico può essere efficace in ambito ospedaliero. In questo studio mostriamo l'efficacia clinica per i pazienti con lombalgia subacuta o recidiva che sono stati indirizzati dal loro medico di famiglia a un programma comunitario.

Le attuali linee guida per la gestione della lombalgia raccomandano un ritorno all'attività fisica e all'esercizio fisico. In particolare, raccomandano che i pazienti che non stanno migliorando a sei settimane dall'esordio del mal di schiena, che può essere una percentuale maggiore di quanto realizzato in precedenza, dovrebbero essere indirizzati a un programma di riattivazione. Il programma che abbiamo valutato soddisfa bene questo requisito. Mostra ai partecipanti come possono iniziare a muoversi in sicurezza e ad aumentare i loro livelli di attività fisica. È semplice e meno costoso del trattamento individuale.

Sembrava avere effetti benefici anche un anno dopo, come misurato dalla disabilità funzionale (questionario sulla disabilità Roland) e dallo stato clinico (scala del dolore alla schiena di Aberdeen). I cambiamenti medi nei punteggi di questi strumenti erano piccoli, con molti pazienti che riportavano sintomi lievi il giorno dell'ingresso nello studio. Tuttavia, una percentuale notevolmente maggiore di partecipanti alle classi di esercizi ha ottenuto aumenti di oltre tre punti nel questionario sulla disabilità di Roland a sei settimane, sei mesi e un anno, che potrebbe essere clinicamente importante. A sei settimane, i partecipanti alle classi di esercizio hanno riportato un dolore angosciante significativamente inferiore rispetto al gruppo di controllo, sebbene l'intensità del dolore non fosse significativamente diversa. Ciò è coerente con i risultati di uno studio condotto su pazienti di mal di schiena cronici a Oxford, in cui i cambiamenti nel dolore angosciante erano molto maggiori di quelli che erano i cambiamenti di intensità del dolore.

Le persone con mal di schiena che usano strategie di coping che non evitano il movimento e il dolore hanno meno disabilità. Nel nostro studio i partecipanti alle classi di esercizio sono stati in grado di funzionare meglio secondo i punteggi del questionario di disabilità Roland rispetto al gruppo di controllo a sei mesi e un anno dopo la randomizzazione al trattamento, e ad un anno hanno anche mostrato un miglioramento significativamente maggiore dello stato clinico come misurato dalla scala di dolore alla schiena di Aberdeen. Questo aumento delle differenze di effetti tra l'intervento e i gruppi di controllo nel tempo è coerente con i risultati del follow-up a lungo termine in studi comparabili di dolore alla schiena.

disegno dello studio

Il progetto di questo studio era un trial controllato randomizzato convenzionale in quanto tutti i pazienti eleggibili erano randomizzati. Tuttavia, ai partecipanti è stato chiesto di indicare il trattamento preferito prima che sapessero della loro assegnazione. Uno studio sui servizi prenatali ha mostrato che le preferenze possono essere un importante fattore determinante dell'esito, ma non abbiamo riscontrato alcun effetto di preferenza sull'esito, anche se sarebbe stata necessaria una dimensione del campione molto più ampia per escludere con sicurezza qualsiasi modesta interazione tra preferenza ed esito. Questa informazione può essere utile ai clinici in quanto suggerisce che le lezioni di ginnastica sono efficaci anche in pazienti che non sono altamente motivati. La nostra progettazione sperimentale, di chiedere ai pazienti le loro preferenze all'inizio, presenta notevoli vantaggi rispetto al solito disegno delle preferenze del paziente, in cui i costi e gli esiti non possono essere controllati in modo affidabile per confondimento di preferenza.

Conclusioni

Il nostro programma di esercizi non sembra influenzare l'intensità del dolore, ma ha influito sulla capacità dei partecipanti di far fronte al dolore a breve termine e ancor più a lungo termine. Ha usato un modello cognitivo-comportamentale, spostando l'enfasi da un modello di malattia a un modello di comportamento umano normale, e con un addestramento extra minimo un fisioterapista può eseguirlo. Le preferenze dei pazienti non sembrano influenzare il risultato.

Figura Diagramma di flusso 1 che descrive il progresso del paziente attraverso la prova
Figura 1: Diagramma di flusso che descrive i progressi dei pazienti attraverso lo studio.

Le note

finanziamento: Questa ricerca è stata finanziata dalla Arthritis Research Campaign, dalla Northern and Yorkshire Regional Health Authority e dalla National Back Pain Association.

Interessi conflittuali: Nessuno dichiarato.

In conclusione, la partecipazione dei pazienti a fitness funzionale e / o all'esercizio fisico come raccomandato da un fisioterapista, da un fisioterapista o da qualsiasi altro operatore sanitario, come un chiropratico, è essenziale per il miglioramento dei sintomi della lombalgia. Il programma di esercizi ha aiutato i pazienti ad affrontare meglio i loro sintomi di mal di schiena in cui il gruppo di intervento ha dimostrato di utilizzare meno risorse sanitarie e ha impiegato meno giorni di assenza dal lavoro, secondo le misure di esito dello studio di ricerca. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

La sciatica è indicata come una raccolta di sintomi piuttosto che un singolo tipo di lesione o condizione. I sintomi sono caratterizzati da dolore radiante, intorpidimento e sensazioni di formicolio dal nervo sciatico nella parte bassa della schiena, giù per i glutei e le cosce e attraverso una o entrambe le gambe e nei piedi. La sciatica è comunemente il risultato di irritazione, infiammazione o compressione del nervo più grande del corpo umano, generalmente a causa di un'ernia del disco o dello sperone osseo.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: Trattamento del dolore della sciatica

Referenze

1. Croft P, editore. Lombalgia. Oxford: Radcliffe Medical Press; 1997.
2. Gruppo consultivo sugli standard clinici. Mal di schiena. Londra: HMSO; 1994.
3. Waddell G, Feder G, McIntosh A, Lewis M, Hutchinson A. Revisione delle prove di lombalgia. Londra: Royal College of General Practitioners; 1996.
4. Malmivaara A, Hakkinen U, Aro T, Heinrichs M, Koskenniemi L, Kuosma E, et al. Il trattamento del dolore acuto lombare, degli esercizi o dell'attività ordinaria? N Engl J Med. 1995;332: 351-355.[PubMed]
5. Faas A, Chavannes A, van Eijk JTM, Gubbels J. Uno studio randomizzato, controllato con placebo, di terapia fisica in pazienti con lombalgia acuta. Spine. 1993;18: 1388-1395. [PubMed]
6. Frost H, Klaber Moffett J, Moser J, Fairbank J. Valutazione di un programma di fitness per pazienti con lombalgia cronica. BMJ. 1995;310: 151-154. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
7. Frost H, Lamb S, Klaber Moffett J, Fairbank J, Moser J. Un programma di fitness per pazienti con lombalgia cronica: follow-up di 2 anno di uno studio controllato randomizzato. Dolore. 1998;75: 273-279. [PubMed]
8. McPherson K, Britton A, Wennberg J. Gli studi controllati randomizzati sono controllati? Preferenze del paziente e prove in chiaro. JR Soc Med. 1997;90: 652-656. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
9. Bradley C. Progettazione di studi medici ed educativi. Cura del diabete 1993;16: 509-518. [PubMed]
10. Clement S, Sikorski J, Wilson J, Candy B. I meriti delle strategie alternative per incorporare le preferenze dei pazienti negli studi clinici devono essere considerati attentamente [lettera] BMJ. 1998;317: 78. [PubMed]
11. Torgerson D, Klaber Moffett J, Russell I. Le preferenze dei pazienti negli studi randomizzati: minaccia o opportunità? Norme sulla politica di J Health Serv. 1996;1(4): 194-197. [PubMed]
12. Roland M, Morris R. Uno studio sulle cause naturali del mal di schiena. Parte 1: sviluppo di una misura affidabile e sensibile della disabilità nel dolore lombare. Spine. 1983;8: 141-144. [PubMed]
13. Ruta D, Garratt A, Wardlaw D, Russell I. Sviluppo di una misura valida e affidabile di risultati sulla salute per i pazienti con lombalgia. Spine. 1994;19: 1887-1896. [PubMed]
14. Brooks R.con EuroQoL Group. EuroQoL: lo stato attuale del gioco Politica sanitaria 19963753-72.[PubMed]
15. Waddell G, Newton M, Henderson I, Somerville D, Main C. Un questionario sulle convinzioni per evitare la paura (FABQ) e il ruolo delle credenze per evitare la paura nella lombalgia cronica e nella disabilità. Dolore. 1993;52: 157-168. [PubMed]
16. Jensen M, McFarland C. Aumentando l'affidabilità e la validità della misurazione dell'intensità del dolore nei pazienti con dolore cronico. Dolore. 1993;55: 195-203. [PubMed]
17. Efron B, Tibshirani R. Un'introduzione al bootstrap. New York: Chapman and Hall; 1993.
18. Williams D, Keefe F. Credenze dolorose e uso di strategie di coping cognitivo-comportamentali. Dolore. 1991;46: 185-190. [PubMed]
19. Estlander A, Harkapaa K. Rapporti tra strategie di coping, disabilità e livelli di dolore in pazienti con lombalgia cronica. Scand J Behav Ther. 1989;18: 56-69.
20. Holmes J, Stevenson C. Effetti differenziali delle strategie di coping evitanti e attenzionali sull'adattamento al dolore cronico e di recente insorgenza. Psicologia della salute. 1990;9: 577-584. [PubMed]
21. Rosenstiel A, Keefe F. L'uso di strategie di coping nei pazienti cronici di lombalgia: relazione alle caratteristiche del paziente e aggiustamenti correnti. Dolore. 1983;17: 33-44. [PubMed]
22. Slade P, Troup J, Lethem J, Bentley G. Il modello per evitare la paura della percezione esagerata del dolore II Studi preliminari sulle strategie di coping per il dolore. Behav Res Ther. 1983;21: 409-416. [PubMed]
23. Meade T, Dyer S, Browne W, Frank A. Confronto randomizzato di gestione ambulatoriale chiropratica e ospedaliera per la lombalgia: risultati da follow up esteso. BMJ. 1995;311: 349-351.[Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
24. Cherkin D, Deyo R, Battie M, Street J, Barlow W. Un confronto tra terapia fisica, manipolazione chiropratica e fornitura di un opuscolo educativo per il trattamento di pazienti con lombalgia. N Engl J Med. 1998;339: 1021-1029. [PubMed]