Neurologia funzionale: la connessione intestino-cervello nella malattia di Parkinson

Condividi

Hai problemi di salute cronica intestinale? Studi di ricerca hanno scoperto che la malattia di Parkinson (MdP) può essere associata alla connessione intestino-cervello. Le prove in un gruppo di topi hanno dimostrato che il PD può effettivamente iniziare nell'intestino, il che può spiegare perché i pazienti con PD hanno costipazione e altri problemi di salute dell'intestino. Gli scienziati hanno anche scoperto che i pazienti con malattia di Parkinson riferiscono di avere problemi di salute intestinale fino a 10 anni prima di provare tremori e altri sintomi. Secondo altri studi di ricerca, i pazienti con PD possono persino avere una biodiversità dei batteri intestinali diversa rispetto ad altri adulti sani.

Le misure di esito nel gruppo di topi hanno mostrato che le fibre "dannose" di alfa-sinucleina che si accumulano nelle terminazioni delle cellule nervose dei pazienti con malattia di Parkinson possono influenzare immediatamente i neuroni nel cervello. Gli scienziati hanno scoperto questo identificando la diffusione delle fibre alfa-sinucleiniche nelle terminazioni delle cellule nervose dei neuroni colpiti nel cervello dei pazienti con malattia di Parkinson. L'alfa-sinucleina è una sostanza liposolubile, generalmente presente nei neuroni sani, tuttavia le molecole dell'alfa-sinucleina possono aggregarsi e danneggiare le cellule cerebrali. Gli scienziati hanno anche scoperto che i pazienti possono avere un accumulo di fibre alfa-sinucleina nell'intestino.

La connessione intestino-cervello

Si ritiene che una raccolta di fibre, nota come nervo vago, che inizia nel tronco encefalico e si estende agli organi principali, compreso l'intestino, è la principale fonte di PD associata alla connessione intestino-cervello. Recenti studi di ricerca su pazienti con vagotomia hanno dimostrato un rischio ridotto di sviluppare il morbo di Parkinson. Gli scienziati hanno anche scoperto che le fibre alfa-sinuclein iniettate nel sistema digestivo di un gruppo di topi possono raggiungere il cervello attraverso il nervo vago. Se le molecole dell'alfa-sinucleina possono raggiungere il cervello dall'intestino, perché la sostanza liposolubile si accumula nell'intestino in primo luogo?

Gli scienziati ritengono che l'alfa-sinucleina si sviluppi nel tratto gastrointestinale (GI) per aiutare a combattere i patogeni e altri componenti "dannosi". Michael Zasloff, professore alla Georgetown University, e i suoi colleghi hanno riferito che le molecole di alfa-sinucleina si sono sviluppate in bambini sani dopo avere un'infezione e che alfa-sinucleina sembra scatenare le cellule immunitarie. Gli scienziati ritengono inoltre che l'alfa-sinucleina possa accumularsi nel tratto gastrointestinale a causa del microbioma intestinale stesso. Le prove in un gruppo di topi hanno dimostrato che i batteri possono in definitiva attivare lo sviluppo dell'alfa-sinucleina nell'intestino e nel cervello.

Studi di ricerca hanno iniziato a capire come il microbioma intestinale possa essere associato al morbo di Parkinson. Gli scienziati hanno scoperto che i pazienti con malattia di Parkinson hanno una biodiversità unica di batteri intestinali e gli scienziati hanno anche scoperto che i trapianti di microbi fecali da pazienti in un gruppo di topi possono aumentare l'alfa-sinucleina nel cervello e peggiorare i sintomi nei pazienti con malattia di Parkinson. Altri studi di ricerca hanno anche dimostrato che le molecole alfa-sinucleina sembrano scatenare le cellule della microglia. Questa sostanza può inviare un segnale attraverso il nervo vago o penetrarlo completamente attraverso il flusso sanguigno.

Infiammazione e morbo di Parkinson

Secondo diversi studi di ricerca, l'infiammazione causata da un microbioma intestinale anormale può anche causare lo sviluppo del morbo di Parkinson. In uno studio di ricerca, Inga Peter, epidemiologa genetica della Icahn School of Medicine del Monte Sinai, e i suoi colleghi hanno analizzato la relazione tra sindrome infiammatoria intestinale (IBS) e morbo di Parkinson. L'analisi ha confrontato 144,018 partecipanti con colite ulcerosa o morbo di Crohn e 720,090 controlli sani in cui il PD era superiore del 28% nelle persone con IBS rispetto a quelle nel gruppo di controllo, supportando i risultati di precedenti studi di ricerca.

Si ritiene che l'infiammazione aumenti il ​​rischio di sviluppare il morbo di Parkinson perché può aumentare l'alfa-sinucleina e aumentare la permeabilità intestinale e della barriera emato-encefalica (BBB). L'infiammazione può anche aumentare le citochine, molecole che possono aumentare l'infiammazione nel corpo. Inoltre, un microbioma intestinale anormale può anche causare infiammazione. Tuttavia, poiché non tutti i pazienti con malattia di Parkinson presenteranno una sindrome infiammatoria intestinale o qualsiasi altro problema di salute intestinale, sono ancora necessarie ulteriori prove per determinare in che modo la connessione intestino-cervello può in definitiva essere associata alla malattia di Parkinson.

Se questo è davvero vero, tuttavia, consentirà agli scienziati di sviluppare nuovi interventi per il trattamento del morbo di Parkinson che colpisce l'intestino anziché il cervello. Diversi studi di ricerca hanno già iniziato ad analizzare gli effetti di questi nuovi interventi. Nel 2015, Michael Zasloff e i suoi colleghi hanno avviato una società, nota come Enterin, che sta attualmente testando una sostanza che riduce lo sviluppo di molecole alfa-sinucleine nel tratto gastrointestinale (GI). Sebbene il trattamento abbia lo scopo di ridurre la costipazione, gli scienziati sperano che saranno in grado di prevenire o addirittura ripristinare gli effetti del PD.

Sebbene molti studi di ricerca e prove supportino l'ipotesi che la malattia di Parkinson possa essere strettamente associata all'asse intestino-cervello di quanto pensassimo, la domanda su quanto presto possano verificarsi i cambiamenti del sistema digestivo è ancora sconosciuta. Inoltre, altri scienziati suggeriscono ancora che la PD può iniziare altrove nel corpo. "Credo che forse ci siano vari siti di origine per la malattia di Parkinson", ha dichiarato Viviane Labrie, neuroscienziata presso il Van Andel Research Institute in Michigan. "Per molte persone, potrebbe essere l'intestino, mentre per diverse persone, potrebbe semplicemente essere qualcosa che si verifica nel cervello."

Il morbo di Parkinson (MdP) è un disturbo del movimento che colpisce il sistema nervoso centrale. La PD può causare vari sintomi ben noti, tra cui tremori, movimenti rallentati, rigidità e perdita di equilibrio, tra gli altri. Studi di ricerca hanno dimostrato che il danno alle cellule nervose nel cervello può ridurre la dopamina, un neurotrasmettitore e / o ormone, che può causare il morbo di Parkinson. Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che la connessione intestino-cervello può in definitiva essere associata alla PD. Si ritiene inoltre che l'infiammazione causata da un microbioma intestinale anormale e problemi di salute intestinale come la sindrome dell'intestino irritabile (IBS) siano uno dei principali fattori di PD associati alla connessione intestino-cervello. - Dr. Alex Jimenez DC, CCST Insight

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.

A cura di Dr. Alex Jimenez

Riferimenti:

  • Johns Hopkins University School of Medicine. "Una nuova ricerca mostra le origini della malattia di Parkinson nell'intestino." Medical Xpress - Progressi nella ricerca medica e notizie sulla salute, Medical Xpress, 26 giugno 2019, medicalxpress.com/news/2019-06-parkinson-disease-gut.html.
  • CureParkinsonsTrust. "Le nuove prove suggeriscono che il Parkinson potrebbe non iniziare nel cervello." The Cure Parkinson's Trust, 28 novembre 2019, www.cureparkinsons.org.uk/news/parkinsons-starts-in-gut.
  • Kwon, Diana. "Il Parkinson inizia nell'intestino?" Scientific American, Scientific American, 8 maggio 2018, www.scientificamerican.com/article/does-parkinsons-begin-in-the-gut/.


Modulo di valutazione neurotrasmettitore

Il seguente modulo di valutazione dei neurotrasmettitori può essere compilato e presentato al Dr. Alex Jimenez. I seguenti sintomi elencati in questo modulo non sono intesi per essere utilizzati come diagnosi di alcun tipo di malattia, condizione o altro tipo di problema di salute.


Discussione argomento aggiuntiva: dolore cronico

Il dolore improvviso è una risposta naturale del sistema nervoso che aiuta a dimostrare possibili lesioni. Ad esempio, i segnali del dolore viaggiano da una regione lesa attraverso i nervi e il midollo spinale al cervello. Il dolore è generalmente meno grave poiché la lesione guarisce, tuttavia, il dolore cronico è diverso dal tipo medio di dolore. Con dolore cronico, il corpo umano continuerà a inviare segnali di dolore al cervello, indipendentemente dal fatto che la lesione sia guarita. Il dolore cronico può durare da alcune settimane a persino diversi anni. Il dolore cronico può influenzare enormemente la mobilità di un paziente e può ridurre la flessibilità, la forza e la resistenza.


Zoomer Plus neuronale per la malattia neurologica

Il dottor Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare le malattie neurologiche. Lo zoom neuraleTM Plus è una gamma di autoanticorpi neurologici che offre un riconoscimento specifico anticorpo-antigene. Il vibrante Neural ZoomerTM Plus è progettato per valutare la reattività di un individuo agli antigeni neurologici 48 con connessioni a una varietà di malattie neurologicamente correlate. Il vibrante Neural ZoomerTM Plus mira a ridurre le condizioni neurologiche dando ai pazienti e ai medici una risorsa vitale per la diagnosi precoce del rischio e una maggiore attenzione alla prevenzione primaria personalizzata.

Sensibilità alimentare per la risposta immunitaria di IgG e IgA

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare i problemi di salute associati alle sensibilità alimentari. Lo zoom per la sensibilità alimentareTM è una gamma di antigeni alimentari 180 comunemente consumati che offre un riconoscimento anticorpo-antigene molto specifico. Questo pannello misura la sensibilità di IgG e IgA di un individuo agli antigeni alimentari. Essere in grado di testare gli anticorpi IgA fornisce ulteriori informazioni agli alimenti che potrebbero causare danni alla mucosa. Inoltre, questo test è ideale per i pazienti che potrebbero soffrire di reazioni ritardate a determinati alimenti. L'utilizzo di un test di sensibilità alimentare a base di anticorpi può aiutare a stabilire le priorità degli alimenti necessari per eliminare e creare un programma dietetico personalizzato in base alle esigenze specifiche del paziente.

Zoomer intestinale per crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO)

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare la salute dell'intestino associata alla crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO). Lo Zoomer dell'intestino vibranteTM offre un rapporto che include raccomandazioni dietetiche e altre integrazioni naturali come prebiotici, probiotici e polifenoli. Il microbioma intestinale si trova principalmente nell'intestino crasso e ha più di 1000 specie di batteri che svolgono un ruolo fondamentale nel corpo umano, dal modellare il sistema immunitario e influenzare il metabolismo dei nutrienti al rafforzamento della barriera mucosa intestinale (barriera intestinale ). È essenziale capire come il numero di batteri che vivono simbioticamente nel tratto gastrointestinale umano (GI) influenza la salute dell'intestino perché gli squilibri nel microbioma intestinale possono in definitiva portare a sintomi del tratto gastrointestinale (GI), condizioni della pelle, disturbi autoimmuni, squilibri del sistema immunitario e disturbi infiammatori multipli.




Formule per il supporto alla metilazione

XYMOGEN di Le formule professionali esclusive sono disponibili tramite professionisti sanitari selezionati. La vendita e lo sconto su Internet delle formule XYMOGEN sono severamente vietati.

Con orgoglio, Il dottor Alexander Jimenez rende le formule XYMOGEN disponibili solo per i pazienti sotto la nostra cura.

Si prega di chiamare il nostro ufficio in modo da poter assegnare una consulenza medica per l'accesso immediato.

Se sei un paziente di Injury Medical & Chiropractic Clinic, puoi chiedere informazioni su XYMOGEN chiamando 915-850-0900.

Per vostra comodità e revisione del XYMOGEN prodotti si prega di rivedere il seguente link. *XYMOGEN-Catalog-Scaricare

* Tutte le precedenti politiche XYMOGEN rimangono rigorosamente in vigore.



Medicina integrata moderna

La National University of Health Sciences è un'istituzione che offre una varietà di professioni gratificanti ai partecipanti. Gli studenti possono esercitare la loro passione per aiutare le altre persone a raggiungere la salute e il benessere generale attraverso la missione dell'istituzione. La National University of Health Sciences prepara gli studenti a diventare leader nella moderna medicina integrata, compresa la cura chiropratica. Gli studenti hanno l'opportunità di acquisire un'esperienza senza precedenti presso l'Università Nazionale di Scienze della Salute per essere in grado di aiutare a ripristinare la naturale integrità del paziente e definire il futuro della moderna medicina integrata.

Post Recenti

Dieta e autoimmunità: il protocollo Wahls

Dr. Terry Wahls è il creatore e autore del protocollo Wahls. Dopo un personale ... Leggi di più

Maggio 15, 2020

Cancro: integratori olistici e cambiamenti nello stile di vita dopo il trattamento

Dopo la diagnosi e il completamento del trattamento del cancro, molte persone sono fortemente motivate a rimanere ... Leggi di più

Maggio 15, 2020

Depressione: una visione olistica

La depressione è abbastanza comune, infatti l'11% degli americani è attualmente in trattamento con un antidepressivo. Antidepressivi ... Leggi di più

Maggio 14, 2020

Aiuta a proteggerti dal cancro naturalmente

Il cancro è quando un gruppo di cellule inizia a crescere fuori mano. Apoptosi cellulare ... Leggi di più

Maggio 14, 2020

Sensibilità alimentari

Il modo in cui i nostri corpi reagiscono al cibo che mangiamo è ciò che determina l'antigene ... Leggi di più

Maggio 14, 2020

Come i test possono aiutarti

Il sistema immunitario funziona meglio quando è in grado di ripararsi e difendersi correttamente ... Leggi di più

Maggio 13, 2020