Neurologia funzionale: diagnosi e trattamento di un cervello che perde

Condividi

Il nostro cervello è un organo complesso che controlla molte funzioni essenziali nel nostro corpo. Pertanto, la salute del cervello è vitale per la nostra sopravvivenza. È qui che entra in gioco la barriera emato-encefalica. La barriera emato-encefalica (BBB) ​​è costituita da un gruppo di cellule tenute insieme da "giunzioni strette" che proteggono il cervello da componenti potenzialmente dannosi nel flusso sanguigno. Questo sistema di sicurezza consente solo il passaggio a determinate molecole e mantiene fuori la maggior parte delle altre sostanze chimiche o sostanze.

Capire un cervello che perde

Se si verificano danni dovuti a lesioni o condizioni sottostanti, possono iniziare a svilupparsi piccoli spazi vuoti nelle giunzioni strette del gruppo di cellule nel cervello e alla fine componenti potenzialmente dannosi nel flusso sanguigno possono penetrare nel BBB ed entrare nell'organo complesso. Questo è noto come un "cervello che perde". Diverse sostanze chimiche o sostanze possono comunemente causare infiammazione al cervello. Studi di ricerca hanno dimostrato una connessione tra la salute dell'intestino e la salute del cervello. È un dato di fatto, gli scienziati hanno anche determinato che il nostro microbioma intestinale, o i batteri nel nostro tratto gastrointestinale (GI), possono influenzare il nostro cervello.

Lo stomaco e l'intestino tenue sono costituiti da un gruppo di cellule come la barriera emato-encefalica che protegge anche l'intestino da componenti potenzialmente dannosi nel tratto gastrointestinale (GI). Fattori simili che causano una perdita di intestino possono causare una perdita di cervello, tra cui cattiva alimentazione, sensibilità o intolleranze alimentari, infezioni e tossine. Studi di ricerca hanno dimostrato che una proteina presente nel grano e nel glutine, nota come gliadina, può aumentare la produzione di un'altra proteina nota come zonulina. La zonulina può causare allentamenti o rotture delle giunzioni strette dell'intestino e del BBB, con conseguente perdita di cervello e intestino.

Diagnosi di un cervello che perde

Se sospetti di avere un cervello che perde a seguito di cause e sintomi comuni associati alla rottura della barriera emato-encefalica, assicurati di parlare con un operatore sanitario qualificato ed esperto per ricevere una diagnosi adeguata e seguire il trattamento. Gli operatori sanitari possono ricevere una varietà di test di screening per essere in grado di scoprire il rischio complessivo di un cervello che perde. Questi possono includere uno o più dei seguenti test:

Occludin e Zonulin

Le proteine ​​note come occludina e zonulina possono aiutare a determinare sia la permeabilità della barriera emato-encefalica in un intestino che perde e un cervello che perde. Secondo studi di ricerca, l'aumento dei livelli di anticorpi che combattono contro l'occludina e le proteine ​​di zonulina sono un altro modo comune per diagnosticare un cervello che perde.

test genetici

Un cervello che perde può anche essere diagnosticato mediante test genetici. I cambiamenti in uno qualsiasi dei geni che regolano le cellule delle giunzioni strette nel cervello, lo stress ossidativo, l'infiammazione o la risposta immunitaria possono causare una perdita di cervello. La diagnosi di questi geni può anche aiutare ulteriormente a determinare il trattamento per un cervello che perde.

GABA-EEG

L'acido gamma-aminobutirrico (GABA) è un neurotrasmettitore che aiuta a controllare i segnali nel cervello. Recenti studi di ricerca hanno dimostrato che il GABA può penetrare nel BBB ed entrare nel cervello. Un GABA-ELETTROENCEFALOGRAMMA può aiutare a determinare la quantità di acido gamma-aminobutirrico che passa attraverso il BBB per provocare una perdita di cervello.

Valutazione del livello MMP9

Le metalloproteinasi della matrice, note anche come MMP, sono enzimi che distruggono i legami peptidici che tengono insieme le proteine. Questi, tuttavia, possono alla fine causare la perdita e la rottura delle cellule delle giunzioni strette nel cervello, abbattendo il BBB. Gli MMP possono anche aumentare dopo danni, lesioni o condizioni sottostanti nel fegato o nel cervello, come un ictus o una lesione cerebrale traumatica. Il test per un aumento degli MMP nel flusso sanguigno può aiutare a diagnosticare il rischio di un paziente di sviluppare un cervello che perde. Come trattamento iniziale, diversi pazienti possono iniziare a prendere un inibitore MMP per ridurre la permeabilità al BBB.

Spettrofotometria e imaging ottico

La proteina nota come albumina fluisce nel flusso sanguigno, tuttavia, non può penetrare nel BBB o entrare nel cervello in condizioni sane. Per diagnosticare un cervello che perde usando spettrofotometria e imaging ottico, le professioni sanitarie possono iniettare albumina con un colorante chiamato Evans Blue che lega e tinge solo le proteine ​​nel flusso sanguigno. La spettrofotometria e l'imaging ottico possono dimostrare la quantità di colorante Evans Blue che si è accumulata nel cervello.

Trattamento di un cervello che perde

Secondo molti operatori sanitari, il trattamento di un cervello che perde in ultima analisi inizia con il trattamento di un intestino che perde. Ridurre e / o eliminare tutti i fattori che causano una perdita di intestino e un cervello che perde, nonché l'inclusione di modifiche alla dieta e allo stile di vita può aiutare a promuovere la salute generale dell'intestino e del cervello. I seguenti passaggi possono aiutare a trattare un cervello che perde, diminuendo l'infiammazione nel cervello e nel corpo, aumentando l'ossigeno, il glucosio e altri nutrienti nel cervello, migliorando la rimozione di componenti dannosi nel cervello, riducendo lo stress ossidativo e ripristinando il BBB di alla fine riparare le cellule nelle giunzioni strette del cervello.

  • Tratta le infezioni batteriche e virali
  • Disintossicazione da metalli pesanti e pesticidi
  • Prevenire l'esposizione alle tossine ambientali nell'aria, nell'acqua e negli alimenti
  • Ridurre o eliminare le sensibilità e le intolleranze alimentari
  • Evita lo zucchero e gli alimenti trasformati
  • Ridurre l'infiammazione attraverso la dieta
  • Mangia acidi grassi essenziali, tra cui avocado, olio di cocco, semi di lino, semi di canapa, pesce azzurro, semi di zucca e noci
  • Prendi i probiotici per aiutare a mantenere un intestino sano
  • Cerca integratori che aiutano a riparare il BBB
  • Smetti di bere alcolici in eccesso
  • Esercita e pratica lo yoga o la meditazione consapevole
  • Gestire lo stress
  • Riposare bene e dormire di qualità

Troppa infiammazione può causare una varietà di problemi di salute del cervello e malattie neurologiche associate alla rottura della barriera emato-encefalica (BBB), nota anche come cervello che perde. Poiché molti studi di ricerca hanno suggerito la connessione tra un intestino che perde e un cervello che perde, mantenere un microbioma intestinale sano può essere un trattamento efficace per problemi di salute del cervello e malattie neurologiche. Gli scienziati hanno iniziato a lavorare per sviluppare metodi efficaci per consentire a farmaci e / o farmaci, nonché ad altri trattamenti di penetrare ed entrare nel cervello attraverso la barriera emato-encefalica e dal flusso sanguigno. Un cervello che perde può essere causato da una varietà di fattori e vari sintomi possono manifestarsi comunemente. - Dr. Alex Jimenez DC, CCST Insight

Il nostro cervello è un organo complesso che controlla molte funzioni essenziali nel nostro corpo. Pertanto, la salute del cervello è vitale per la nostra sopravvivenza. È qui che entra in gioco la barriera emato-encefalica. La barriera emato-encefalica (BBB) ​​è costituita da un gruppo di cellule tenute insieme da "giunzioni strette" che proteggono il cervello da componenti potenzialmente dannosi nel flusso sanguigno. Questo sistema di sicurezza consente solo il passaggio a determinate molecole e mantiene fuori la maggior parte delle altre sostanze chimiche o sostanze.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.

A cura di Dr. Alex Jimenez

Riferimenti:

  • Fondazione Mindd. “Quali sono le cause del cervello che perde? Riparare la barriera emato-encefalica. " Mindd, 11 giugno 2019, mindd.org/leaky-brain/.


Modulo di valutazione neurotrasmettitore

Il seguente modulo di valutazione dei neurotrasmettitori può essere compilato e presentato al Dr. Alex Jimenez. I seguenti sintomi elencati in questo modulo non sono intesi per essere utilizzati come diagnosi di alcun tipo di malattia, condizione o altro tipo di problema di salute.


Discussione argomento aggiuntiva: dolore cronico

Il dolore improvviso è una risposta naturale del sistema nervoso che aiuta a dimostrare possibili lesioni. Ad esempio, i segnali del dolore viaggiano da una regione lesa attraverso i nervi e il midollo spinale al cervello. Il dolore è generalmente meno grave poiché la lesione guarisce, tuttavia, il dolore cronico è diverso dal tipo medio di dolore. Con dolore cronico, il corpo umano continuerà a inviare segnali di dolore al cervello, indipendentemente dal fatto che la lesione sia guarita. Il dolore cronico può durare da alcune settimane a persino diversi anni. Il dolore cronico può influenzare enormemente la mobilità di un paziente e può ridurre la flessibilità, la forza e la resistenza.


Zoomer Plus neuronale per la malattia neurologica

Il dottor Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare le malattie neurologiche. Lo zoom neuraleTM Plus è una gamma di autoanticorpi neurologici che offre un riconoscimento specifico anticorpo-antigene. Il vibrante Neural ZoomerTM Plus è progettato per valutare la reattività di un individuo agli antigeni neurologici 48 con connessioni a una varietà di malattie neurologicamente correlate. Il vibrante Neural ZoomerTM Plus mira a ridurre le condizioni neurologiche dando ai pazienti e ai medici una risorsa vitale per la diagnosi precoce del rischio e una maggiore attenzione alla prevenzione primaria personalizzata.

Sensibilità alimentare per la risposta immunitaria di IgG e IgA

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare i problemi di salute associati alle sensibilità alimentari. Lo zoom per la sensibilità alimentareTM è una gamma di antigeni alimentari 180 comunemente consumati che offre un riconoscimento anticorpo-antigene molto specifico. Questo pannello misura la sensibilità di IgG e IgA di un individuo agli antigeni alimentari. Essere in grado di testare gli anticorpi IgA fornisce ulteriori informazioni agli alimenti che potrebbero causare danni alla mucosa. Inoltre, questo test è ideale per i pazienti che potrebbero soffrire di reazioni ritardate a determinati alimenti. L'utilizzo di un test di sensibilità alimentare a base di anticorpi può aiutare a stabilire le priorità degli alimenti necessari per eliminare e creare un programma dietetico personalizzato in base alle esigenze specifiche del paziente.

Zoomer intestinale per crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO)

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare la salute dell'intestino associata alla crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO). Lo Zoomer dell'intestino vibranteTM offre un rapporto che include raccomandazioni dietetiche e altre integrazioni naturali come prebiotici, probiotici e polifenoli. Il microbioma intestinale si trova principalmente nell'intestino crasso e ha più di 1000 specie di batteri che svolgono un ruolo fondamentale nel corpo umano, dal modellare il sistema immunitario e influenzare il metabolismo dei nutrienti al rafforzamento della barriera mucosa intestinale (barriera intestinale ). È essenziale capire come il numero di batteri che vivono simbioticamente nel tratto gastrointestinale umano (GI) influenza la salute dell'intestino perché gli squilibri nel microbioma intestinale possono in definitiva portare a sintomi del tratto gastrointestinale (GI), condizioni della pelle, disturbi autoimmuni, squilibri del sistema immunitario e disturbi infiammatori multipli.




Formule per il supporto alla metilazione

XYMOGEN di Le formule professionali esclusive sono disponibili tramite professionisti sanitari selezionati. La vendita e lo sconto su Internet delle formule XYMOGEN sono severamente vietati.

Con orgoglio, Il dottor Alexander Jimenez rende le formule XYMOGEN disponibili solo per i pazienti sotto la nostra cura.

Si prega di chiamare il nostro ufficio in modo da poter assegnare una consulenza medica per l'accesso immediato.

Se sei un paziente di Injury Medical & Chiropractic Clinic, puoi chiedere informazioni su XYMOGEN chiamando 915-850-0900.

Per vostra comodità e revisione del XYMOGEN prodotti si prega di rivedere il seguente link. *XYMOGEN-Catalog-Scaricare * Tutte le precedenti politiche XYMOGEN rimangono rigorosamente in vigore.


Post Recenti

Alcuni modi per gestire il mal di schiena cronico durante l'estate

Il mal di schiena cronico non deve rovinare la stagione estiva. L'approccio migliore è ... Leggi di più

Giugno 26, 2020

Bretelle al collo, collari cervicali: tipi di rinforzi spinali

Un individuo potrebbe aver bisogno di indossare un tutore per il collo o un collo cervicale dopo la colonna cervicale ... Leggi di più

Giugno 25, 2020

Salute e benessere: stress ossidativo

Lo stress ossidativo rappresenta uno squilibrio nel corpo. Questo squilibrio è tra le specie reattive dell'ossigeno ... Leggi di più

Giugno 24, 2020

La meningite spinale può colpire la colonna vertebrale: cosa sapere

La meningite spinale non colpisce solo il cervello. La maggior parte pensa alla meningite come a un cervello ... Leggi di più

Giugno 24, 2020