L'esercizio fisico è un bene per i sopravvissuti al cervello, specialmente per gli ictus | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

L'esercizio è buono per i sopravvissuti del cervello soprattutto colpiti

L'analisi degli studi clinici 13 lo ha scoperto esercizio fisico la terapia era generalmente buona per la "cognizione" dei pazienti colpiti da ictus.

La cognizione si riferisce a processi mentali vitali come pensare, imparare, capire e ricordare. Un ictus, che interrompe il flusso di sangue al cervello, può comprometterne le capacità.

I risultati rafforzano ciò che gli esperti hanno creduto da tempo: l'esercizio può aiutare il recupero dell'ictus in diversi modi.

"Questo non è nuovo", ha detto Daniel Lackland, portavoce dell'American Stroke Association che non è stato coinvolto nella ricerca. "Abbiamo saputo che l'esercizio è buono dopo un ictus".

Ma, ha detto, i risultati offrono maggiore chiarezza su ciò che funziona esattamente. Suggeriscono, per esempio, che una combinazione di esercizio aerobico moderato e allenamento di forza ed equilibrio è più efficace per migliorare l'acuità mentale dei pazienti colpiti da ictus.

Lauren Oberlin, uno studente laureato presso l'Università di Pittsburgh, ha guidato lo studio. Ha detto che i risultati confermano il valore di esercizio fisico dopo un ictus.

Un programma di esercizi strutturati può aiutare i sopravvissuti a un ictus a riprendersi fisicamente e mentalmente

 

L'esercizio è buono per i sopravvissuti del cervello soprattutto colpiti

 

Può migliorare la mobilità, la forza, la qualità della vita e la cognizione

Disse Oberlin. E quel vantaggio mentale, ha osservato, può dare ai pazienti colpiti da ictus "ulteriore motivazione" per iniziare un programma di esercizi.

Per lo studio, Oberlin e le sue colleghe hanno riunito i risultati degli studi clinici 13 che hanno coinvolto un totale di pazienti 639 guariti da un ictus.

Gli studi differivano in molti modi, incluso il tipo di esercizio che hanno testato e la durata del programma.

Ma in generale, il team di Oberlin ha scoperto che i pazienti che esercitavano mostravano maggiori guadagni in certe abilità mentali - cioè attenzione e velocità di elaborazione - rispetto a quelli che non praticavano.

E non ci è voluto molto tempo, disse Oberlin. Anche i programmi di allenamento che duravano da quattro a settimane 12 erano efficaci.

Sembra anche che l'esercizio aiuti anche quando i pazienti iniziano più di tre mesi dopo l'ictus. In effetti, ha detto Oberlin, quei pazienti erano, in media, circa 2.5 anni dopo il loro ictus.

I programmi più efficaci offrivano ai pazienti esercizi mirati alla forza, all'equilibrio, allo stretching e alla forma fisica - il tipo, osserva Oberlin, che "aumenta la frequenza cardiaca e fa sudare".

Ma questo non deve significare un allenamento intenso, osserva Oberlin. Camminare su un tapis roulant fa il lavoro. E per le persone con problemi di equilibrio o altri limiti fisici, ha detto, ci sono opzioni come cyclette stazionarie e vogatori.

Richiede necessariamente un programma di allenamento formale? Forse no, disse Oberlin. Finché i pazienti colpiti da ictus sono stati autorizzati a fare esercizio fisico da soli, potrebbero essere in grado di fare qualcosa di semplice come fare una passeggiata quotidiana.

"Ma se hai problemi di mobilità, potresti aver bisogno di un programma supervisionato", ha detto Oberlin. "La cosa fondamentale è che parli prima con il tuo medico, per assicurarti che qualsiasi attività tu voglia fare sia sicura."

Lackland è d'accordo, e ha anche osservato che l'esercizio è solo una parte del recupero di ictus. Ha detto che i pazienti devono prendere "misure globali" per migliorare la loro salute e ridurre la probabilità di subire un altro ictus.

"Questo include un buon controllo della pressione arteriosa, controllo del peso, non fumare e limitare il sale nella dieta", ha detto Lackland.

Perché l'attività fisica dovrebbe beneficiare dell'intensità mentale dopo un ictus?

Altre ricerche puntano a diverse possibili ragioni, Oberlin ha detto: L'esercizio fisico può migliorare il flusso di sangue al cervello, promuovere la crescita di nuove cellule cerebrali e connessioni tra quelle cellule e ridurre l'infiammazione, per citarne alcuni.

Oberlin avrebbe presentato i risultati mercoledì all'International Stroke Conference di Houston. La ricerca presentata alle riunioni è considerata preliminare fino alla pubblicazione in una rivista peer-reviewed.

 

Olive Green Chiama il dott
Chiamata oggi!

 

FONTI: Lauren Oberlin, MS, studente universitario, psicologia, Università di Pittsburgh; Daniel Lackland, Dr.PH, portavoce, American Stroke Association, e professore, medicina, Medical University of South Carolina, Charleston; Febbraio 22, 2017, presentazione, International Stroke Conference, Houston

Storie di notizie sono scritte e fornite da HealthDay e non riflettono la politica federale, le opinioni di MedlinePlus, la Biblioteca Nazionale di Medicina, gli Istituti Nazionali di Salute o il Dipartimento di Salute e Servizi Umani degli Stati Uniti.

Everbright Wellness El Paso
WEBINAR di eventbrite®

Storia funzionale online di Medicince
ESAME DI MEDICINA FUNZIONALE ONLINE 24 • 7

Storia in linea
STORIA ONLINE 24 • 7

COMODAMENTE ONLINE 24 • 7