Categorie: Medicina funzionale

Ruolo del cibo nell'autoimmunità | El Paso, TX.

Condividi

Cibo: i geni che determinano la malattia sono innescati da ciò che mettiamo nei nostri corpi, letteralmente ciò che mangiamo. Le nostre cellule sono letteralmente create dai cibi che mettiamo nei nostri corpi. Come la maggior parte delle persone, probabilmente mangiamo cibi poveri di nutrienti che creano cellule disfunzionali danneggiate. Quando impariamo a mangiare cibi che nutrono il corpo, le nostre cellule si riparano e le nuove cellule create saranno cellule funzionanti ottimali.

I cibi malsani creano un'infiammazione cronica, che è dannosa per l'organismo. L'infiammazione è normalmente la risposta sana del corpo a lesioni o infezioni. Tuttavia, quando l'infiammazione diventa cronica, dall'assalto costante all'intestino consumando cibi sbagliati, l'infiammazione diventa la causa di malattie distruttive, come il lupus, l'artrite reumatoide, la colite e altre malattie infiammatorie.

Rivelazione

Terry Wahls, MD non ha rivelato relazioni finanziarie rilevanti con alcun interesse commerciale.

Fattori ambientali nelle malattie autoimmuni e negli Stati Uniti

Fattori ambientali nelle malattie autoimmuni e loro ruolo nella sclerosi multipla. Cell Mol Life Sci. 2016; 73 (24): 4611-4622.

Dieta

Autoimmune

  • 1999 - 36
  • 2002-57
  • 2008 - 78
  • 2013 - 125
  • 2016 - 150

Sclerosi multipla

  • 1999 - 9 papers (supplemento)
  • 2002 - 2 papers (supplemento)
  • 2008 - Carte 26
  • 2013 - Carte 48
  • Carte 2016 -54

Fattori dietetici associati all'autoimmunità

Nat Rev Rheumatol. 2017 Jun; 13 (6): 348-358.

Le due vie attraverso le quali la dieta può influenzare la nostra salute:

(A) il metabolismo delle nostre cellule e

(B) la popolazione del nostro microbiota intestinale.

Paolo Riccio e Rocco Rossano ASN Neuro
2015; 7: 1759091414568185
Copyright © di SAGE Publications Inc o della American Society for Neurochemistry, se non diversamente specificato.
Il contenuto del manoscritto su questo sito è concesso sotto licenza Creative Commons.

Lo studio MS in America, 2013
http://multiplesclerosis.net/ms-in-america-2013/use-of-remedies-in-ms/

La dieta Swank

  • N = 144 ha seguito 50 anni
  • 20 grammi
  • Il più grande beneficio in precedenza nel decorso della malattia
  • Più probabile rimanere ambulatoriale

1. Revisione della sopravvivenza dei pazienti con SM su una dieta a basso contenuto di grassi saturi. Nutrizione. 2003 Feb; 19 (2): 161-2. Revisione.
2. Effetto della dieta a basso contenuto di grassi saturi nei casi precoci e tardivi della sclerosi multipla. Lancetta. 1990 Jul 7; 336 (8706): 37-9.
3. Sclerosi multipla: vent'anni di dieta a basso contenuto di grassi. Arch Neurol. 1970 Nov; 23 (5): 460-74

Dieta a basso contenuto di grassi, a base vegetale nella sclerosi multipla: una randomizzata
Prova controllata

  • Questo è stato uno studio randomizzato controllato, valutato in cieco, lungo un anno
  • N = 61
  • Nessuna modifica in EDSS, MRI
  • Affaticamento ridotto moderatamente (MFIS)
  • Tendenza ridotta all'affaticamento (FFS)

Dieta a basso contenuto di grassi e vegetale nella sclerosi multipla: uno studio controllato randomizzato Mult Scler Relat Disord. 2016 Sep; 9: 80-90.

Dieta Elementale

  • Formula predigerita invece di cibo
  • Permeabilità intestinale ridotta
  • Equivalente agli steroidi nell'ambiente di
  • Malattia di Crohn
  • Artrite reumatoide

1. Voitk AJ, Echave V, Feller JH, et al: esperienza con la dieta elementare nel trattamento della malattia infiammatoria intestinale. È questa terapia primaria? Arch Surg, 1973; 107: 329-333.
2. Tim LO, Odes HS, Duys PJ, et al. L'uso di una dieta elementare nelle malattie gastrointestinali. S Afr Med J, 1976; 50: 1752-1756
3. Zoli G, Carè M, Parazza M et al. Uno studio randomizzato controllato che confronta dieta elementare e trattamento con steroidi nella malattia di Crohn. alimento
Pharmacol Ther. 1997 ago; 11 (4): 735-40.
4. Zachos M, Tondeur M, Griffiths AM. Terapia nutrizionale enterale per l'induzione della remissione nella malattia di Crohn. Database Cochrane Syst Rev, 2007
24 di gennaio; (1)
5. Podas T, Nightingale JM, Oldham R, e altri, l'artrite reumatoide è una malattia che inizia nell'intestino? Uno studio pilota che confronta una dieta elementale con
prednisolone orale. Postgrad Med J. 2007 Feb; 83 (976): 128-31
6. Podas T, Nightingale JM, Oldham R, e altri, l'artrite reumatoide è una malattia che inizia nell'intestino? Uno studio pilota che confronta una dieta elementale con
prednisolone orale. Postgrad Med J. 2007 Feb; 83 (976): 128-31

Diete di esclusione

  • Eliminate fonti proteiche specifiche - RA Sx ↓
  • Vegano crudo vegano, vegano e senza glutine
  • Revisione sistematica di 14 RCT
  • Benefici dietetici incerti
  • Piccoli studi con rischio di parzialità

1. Kjeldsen-Kragh J, Haugen M, Borchgrevink CF, Laerum E, Eek M, Mowinkel P, Hovi K, Førre O. Sperimentazione controllata del digiuno e dieta vegetariana di un anno nell'artrite reumatoide. Lancetta. 1991 Oct 12; 338 (8772): 899-902.
2. Kjeldsen-Kragh J, Haugen M, Borchgrevink CF, Førre Dieta vegetariana per pazienti con artrite reumatoide: due anni dopo l'introduzione della dieta. Clin Rheumatol. 1994 Sep; 13 (3): 475-82
3. McDougall J, Bruce B, Spiller G, et al, Effetti di una dieta vegana molto povera di grassi in soggetti con artrite reumatoide. J Complemento alternativo Med. 2002 Feb; 8 (1): 71-5
4. Hafström I, Ringertz B, Spångberg A, et. al, Una dieta vegana priva di glutine migliora i segni e i sintomi dell'artrite reumatoide: gli effetti sull'artrite sono correlati con una riduzione degli anticorpi contro gli antigeni alimentari. Reumatologia (Oxford). 2001 Oct; 40 (10): 1175-9.
5. Hagen KB, Byfuglien MG, Falzon L, et al. Interventi dietetici per l'artrite reumatoide. Database Cochrane Syst Rev. 2009 Jan 21; (1):
6. Smedslund G, Byfuglien MG, Olsen SU, et. al, efficacia e sicurezza degli interventi dietetici per l'artrite reumatoide: una revisione sistematica di
studi randomizzati e controllati. J Am Diet Assoc. 2010 maggio; 110 (5): 727-35

Diete di esclusione

  • La dermatite atopica è migliorata n = 20
  • UC: meno sintomi n = 18
  • La sensibilità alimentare di Crohn identificata nella metà n = 42

1. J Tanaka T, Kouda K, Kotani M, et. al, la dieta vegetariana migliora i sintomi della dermatite atopica attraverso la riduzione del numero di eosinofili periferici e della sintesi di PGE2 da parte dei monociti. J Physiol Anthropol Appl Human Sci. 2001 Nov; 20 (6): 353-61.
2. Candy S et. al .. Il valore di una dieta di eliminazione nella gestione dei pazienti con colite ulcerosa. S Afr Med J. 1995 Nov; 85 (11): 1176-9
3. Pearson M Intolleranza alimentare e morbo di Crohn., Gut. 1993 Jun; 34 (6): 783-7.

Il latte può essere un problema

  • Reattività crociata degli anticorpi tra la glicoproteina oligodendrocitaria della mielina e la butirrofilina della proteina del latte nella SM - Induzione degli anticorpi che reagiscono con la glicoproteina oligodendrocitaria della mielina (MOG) e i peptidi cerebellari
  • Il latte vaccino liquido (non il formaggio) e la prevalenza della SM erano altamente correlati (rho = 0.836) tra i paesi 27 e le popolazioni 29.

1. Reattività crociata degli anticorpi tra la glicoproteina oligodendrocita della mielina e la butirrofilina della proteina del latte nella sclerosi multipla J Immunol. 2004 Jan 1; 172 (1): 661-8.
2. Correlazione tra consumo di latte e prodotti lattiero-caseari e prevalenza di sclerosi multipla: uno studio a livello mondiale. Neuroepidemiologia. 1992; 11 (4-6): 304-12.

Le lectine

  • "Eliminando le lectine, che influenzano negativamente sia la struttura e la funzione degli enterociti e dei linfociti, si propone che lo stimolo antigenico periferico (sia patogeno che dietetico) sia ridotto e quindi si traduca in una diminuzione dei sintomi della malattia in alcuni pazienti con AR".

Cordain L, Toohey L, Smith MJ, Hickey MS. Modulazione della funzione immunitaria mediante lectine dietetiche nell'artrite reumatoide. British Journal of Nutrition. 2000; 83 (03): 207-217.

Le lectine

  • Portare a danni barriera e perdita di budello aumentando il rischio di autoimmunità.
  • Sono ricchi di cereali (specialmente grano), latticini, legumi e verdure di belladonna (melanzane, pomodori, peperoni, patate bianche).
  • L'ammollo, la fermentazione, la cottura, la cottura ad alta pressione ridurranno il contenuto di lectina.

1. de Punder K, Pruimboom L. L'apporto dietetico di grano e altri cereali e il loro ruolo nell'infiammazione. Nutrienti. 2013 Mar 12; 5 (3): 771-87.
2. Cordain L, Toohey L, Smith MJ, Hickey MS. Modulazione della funzione immunitaria mediante lectine dietetiche nell'artrite reumatoide. British Journal of Nutrition. 2000; 83 (03): 207-217.

Studi sulla dieta Paleo e biomarcatori migliorati

  • Miglioramento del controllo glicemico, sensibilità all'insulina, a1c, BP e sazietà superiore
  • Più perdita di peso
  • Migliori lipidi -
  • - Lower TC, Trigs & ApoB,
  • - HDL più alto
  • Diminuzione del grasso del fegato

Efficacia della dieta del protocollo autoimmune per la malattia infiammatoria dell'intestino

  • N = 15
  • 6 settimana eliminazione di cereali, legumi, nightshades, latticini, uova, caffè, etoh, noci, zuccheri, olii, additivi alimentari seguiti da 5 settimane di manutenzione
  • Endoscopia prima e dopo - erosioni o calprotectina elevata

Konijeti GG1 Efficacia della dieta del protocollo autoimmune per la malattia infiammatoria dell'intestino
Inflamm intestinale dis. 2017 Aug 29.

Dieta e psoriasi N = Risposte al questionario 1206

Diete specifiche con la maggior parte dei pazienti che hanno riportato una risposta cutanea favorevole sono state:

  • Pagano (72.2%),
  • Vegano (70%),
  • Paleolitico (68.9%).
  • Inoltre, il 41.8% degli intervistati di psoriasi ha riferito che una motivazione per tentare cambiamenti nella dieta era migliorare la salute generale.

Alimenti biologici di dieta di Pagano

  • 80% alimenti alcalini verdure e frutta
  • 20% acido - carne e cereali integrali
  • Evita le tinte notturne, lo zucchero, la carne rossa, la farina bianca

Rimozione dietetica N = Risposte al questionario 1037

  • Alimenti spazzatura: 66.7%
  • Sodio / sale: 34.5%
  • Farina bianca: 55.7%
  • Ombrelloni: 28.8%
  • Alimenti ad alto contenuto di grassi: 50.4%
  • Caffeina: 27%
  • Carni rosse: 49.5%
  • Alcol: 45%
  • Maiale: 26.8%
  • Crostacei: 18%
  • Glutine: 44.6%
  • Latticini: 41.3%
  • Tabacco: 36.1%
  • Altro: 9.2%

Aggiunte dietetiche N = Risposte 988

  • Verdure: 58.8%
  • Olio di pesce / omega - 3: 56.8%
  • Vitamina D orale: 55.6%
  • Frutta: 54.7%
  • Probiotici: 44.4%
  • Alimenti biologici: 39.6%

Comportamenti dietetici nella psoriasi: risultati riferiti dal paziente da un'indagine nazionale degli Stati Uniti. Dermatol Ther (Heidelb). 2017 Jun; 7 (2): 227-242.

1. Lindeberg, S., Jönsson, T., Granfeldt, Y. et al. Diabetologia (2007) 50: 1795. doi: 10.1007 / s00125-007-0716-y
2. Österdahl M, Kocturk T, Koochek A, Wändell PE. Effetti di un intervento a breve termine con una dieta paleolitica in volontari sani. Rivista europea di
Clinical Nutrition. 2007;62(5):682–685. doi:10.1038/sj.ejcn.1602790.
3. Jönsson T, Granfeldt Y, Ahrén B, et al. Effetti benefici di una dieta paleolitica sui fattori di rischio cardiovascolare nel diabete tipo 2: uno studio pilota randomizzato cross-over. Diabetologia cardiovascolare. 2009; 8: 35. doi: 10.1186 / 1475-2840-8-35.
4. Frassetto LA, Schloetter M, Mietus-Synder M, Morris RC, Sebastian A. Metabolico e miglioramenti fisiologici dal consumo di una dieta tipo paleolitico, cacciatore-raccoglitore. European Journal of Clinical Nutrition. 2009; 63 (8): 947-955. doi: 10.1038 / ejcn.2009.4.
5. Halberg N, Henriksen M, Söderhamn N, et. al, Effetto del digiuno intermittente e rialimentazione sull'azione dell'insulina negli uomini sani. J Appl Physiol (1985). 2005 Dec; 99 (6): 2128-36.
6. Ryberg M, Sandberg S, Mellberg C, et al. Una dieta tipo paleolitico provoca forti effetti tissutali sulla deposizione di grasso ectopico in donne obese in postmenopausa. Journal of Internal Medicine. 2013; 274 (1): 67-76. doi: 10.1111 / joim.12048.
7. Ruiz-Núñez B, Dijck-Brouwer DAJ, Muskiet FAJ. La relazione degli acidi grassi saturi con infiammazione di basso grado e malattie cardiovascolari. Il Journal of Nutritional Biochemistry. Gennaio 2016. doi: 10.1016 / j.jnutbio.2015.12.007.
8. Otten J, Stomby A, Waling M, et al. Vantaggi di una dieta paleolitica con e senza esercizio controllato su massa grassa, sensibilità all'insulina e controllo glicemico: uno studio randomizzato controllato in individui con diabete tipo 2. Ricerca e recensioni sul diabete / metabolismo. Gennaio 2016. doi: 10.1002 / dmrr.2828.
9. Konijeti GG1, Kim N, Lewis JD, Groven S, Chandrasekaran A. Efficacia della dieta del protocollo autoimmune per la malattia infiammatoria intestinale. Inflamm intestinale dis. 2017 Aug 29. doi: 10.1097 / MIB.0000000000001221.
10. Spreadbury I. Il confronto con diete ancestrali suggerisce che i densi carboidrati acellulari promuovono un microbiota infiammatorio e possono essere la causa principale della resistenza alla leptina e dell'obesità. Diabete Metab Syndr Obes. 2012; 5: 175-89.
11. Eaton SB, Konner MJ, Cordain L. Carico acido dipendente dalla dieta, nutrizione paleolitica e promozione della salute evolutiva. Am J Clin Nutr. 2010; 91: 295-7. Andersson A, et al. I cibi integrali non influiscono sulla sensibilità all'insulina o sui marcatori di perossidazione lipidica e infiammazione in soggetti sani e moderatamente sovrappeso. J Nutr.2007 Jun; 137 (6): 1401-7.
12. Tighe P, et al. Effetto dell'aumento del consumo di alimenti integrali sulla pressione sanguigna e di altri indicatori di rischio cardiovascolare nelle persone di mezza età in buona salute: uno studio controllato randomizzato. Am J Clin Nutr. 2010 Oct; 92 (4): 733-40.
13. Brownlee IA, et al. I marker di rischio cardiovascolare non vengono modificati dall'aumento dell'apporto di cereali integrali: lo studio WHOLEheart, un intervento dietetico controllato e randomizzato. Br J Nutr. 2010 Jul; 104 (1): 125-34.
14. Master RC, et al. Assunzioni di cereali intere e raffinate sono correlate alle concentrazioni di proteine ​​infiammatorie nel plasma umano. J Nutr. 2010 Mar; 140 (3): 587-94.
15. Katcher HI, et al. Gli effetti di una dieta ipocalorica arricchita di cereali integrali sui fattori di rischio di malattie cardiovascolari negli uomini e nelle donne con sindrome metabolica. Am J Clin Nutr. 2008 Jan; 87 (1): 79-90.

Triage nutriente

Un basso apporto di micronutrienti può accelerare le malattie degenerative dell'invecchiamento attraverso l'assegnazione di scarsi micronutrienti mediante triage.

  • - Zn, Mg, biotina, vitamina K, D, A
  • - Acido lipoico, acetil carnitina

Un basso apporto di micronutrienti può accelerare le malattie degenerative dell'invecchiamento attraverso l'assegnazione di scarsi micronutrienti mediante triage.
Proc Natl Acad Sci US A. 2006 Nov 21; 103 (47): 17589-94.

Cosa mangiare?

  • Consumo di frutta e verdura e mortalità per tutte le cause, malattie cardiovascolari e cancro: revisione sistematica e meta-analisi dose-risposta di studi di coorte prospettici.
  • Studi 16 - Partecipanti 833,234

Rischio di tutte le cause di mortalità associate a porzioni / giorno di frutta e verdura

Consumo di frutta e verdura e mortalità per tutte le cause, malattie cardiovascolari e cancro: revisione sistematica e meta-analisi dose-risposta di studi di coorte prospettici. BMJ. 2014; 349: g4490

Relazione dose-risposta tra consumo di frutta e verdura e rischio di mortalità per tutte le cause

BMJ. 2014; 349: g4490.

1. Effetto neuroprotettivo di Brassica oleracea Germogliare Succo grezzo in un modello cellulare di malattia di Alzheimer. Med Cell Longev.2015; 2015: 781938
2. Effetti di apprendimento e di promozione della memoria dell'estratto di aglio crudo. Indian J Exp Biol.2013 Dec; 51 (12): 1094-100.
3. Miglioramento dell'attività neuroprotettiva di Hericium erinaceus micelio co-coltivato con estratto di Allium sativum. Arch Physiol Biochem.2015 Feb; 121 (1): 19-25.
4. Mori K, Obara Y, Hirota M, Azumi Y, Kinugasa S, Inatomi S, Nakahata N. Attività di induzione del fattore di crescita di Hericium erinaceus nelle cellule di astrocitoma umano 1321N1. Biol Pharm Bull. 2008 Sep; 31 (9): 1727-32.
5. Lee DH, Kim HW. Immunità innata indotta da β-glucani fungini attraverso la via di segnalazione dectin-1. Funghi Int J Med. 2014; 16 (1): 1-16.
6. Akramiene D, Kondrotas A, Didziapetriene J, Kevelaite E Effetti dei beta-glucani sul sistema immunitario. Medicina (Kaunas) .2007; 43 (8): 597-606.
7. Lai PL, Naidu M, Sabaratnam V, Wong K, DaviP, Kuppusamy UR, Abdullah N, Malek SN. Proprietà neurotrofiche del fungo della criniera del leone, Hericium erinaceus (Basidiomiceti superiori) dalla Malesia Funghi Int J Med.2013; 15 (6): 539-54.
8. Phan CW, David P, Naidu M, Wong KH, Sabaratnam V. Potenziale terapeutico dei funghi medicinali-culinari per la gestione delle malattie neurodegenerative: diversità, metaboliti e meccanismo. Crit Rev Biotechnol.2015; 35 (3): 355-68.
9. Scientifica (Cairo) .2016; 2016: 3109254.
10. Antiossidanti alla bacca: piccoli frutti che offrono grandi benefici. J Sci Food Agric.2014 Mar 30; 94 (5): 825-33
11. I polifenoli alimentari e vegetali esercitano effetti neuroprotettivi e migliorano la funzione cognitiva nell'ischemia cerebrale. Recentemente Pat Food Nutr Ag. 2013 ago; 5 (2): 128-43.
12. L'impatto dei flavonoidi alla frutta sulla memoria e sulla cognizione. Br J Nutr.2010 Oct; 104 Suppl 3: S40-7. d
13. Succo d'uva, bacche e noci influenzano l'invecchiamento e il comportamento del cervello. J Nutr. 2009 Sep; 139 (9): 1813S-7S.
14. Polifenoli di frutta e invecchiamento cerebrale: interventi nutrizionali mirati ai deficit neuronali e comportamentali legati all'età. Ann NY Acad Sci.2002 Apr; 959: 128-32.
15. Inversione degli effetti deleteri dell'invecchiamento sulla comunicazione e sul comportamento neuronale: proprietà benefiche dei composti polifenolici della frutta. Am J Clin Nutr.2005 Jan; 81 (1 Suppl): 313S-316S.
16. Krikorian R, Shidler MD, Nash TA, Kalt W, Vinqvist-Tymchuk MR, Shukitt-Hale B, Joseph JA. L'integrazione di mirtilli migliora la memoria negli anziani. J Agric Food Chem.2010 Apr 14; 58 (7): 3996-4000.
17. Il finanziamento per gli studi è stato fornito dagli Stati Uniti Highbush Blueberry Council, National Institute on Aging e Wild Blueberries del Nord America. Dr. Krikorian non ha rivelato relazioni finanziarie rilevanti.
18. Lobo GP Amengual J, Baus D, Shivdasani RA La genetica e la dieta regolano la produzione di vitamina A attraverso il fattore di trascrizione dell'isobox ISX. J Biol Chem.2013 Mar 29; 288 (13): 9017-27


Il β-carotene non è retinolo (vitamina A)

  • Il β-carotene viene convertito in vitamina A dall'intestino β-carotene-15,15'-monoossigenasi (BCMO1) per supportare la visione, la riproduzione, la funzione immunitaria e la differenziazione cellulare.
  • Esiste una considerevole variabilità in BCMO1 e può influenzare lo stato individuale della vitamina A

Lobo GP Amengual J, Baus D, Shivdasani RA La genetica e la dieta regolano la produzione di vitamina A attraverso il fattore di trascrizione dell'isobox ISX. J Biol Chem.2013 Mar 29; 288 (13): 9017-27.

Leung WC, Hessel S, Méplan C, Flint J, Oberhauser V, Tourniaire F, Hesketh JE, von Lintig J, Lietz G. Due comuni polimorfismi a singolo nucleotide nel gene codificante il beta-carotene 15,15'-monoossigenasi alterano il metabolismo del beta-carotene in volontarie FASEB J. 2009 Apr; 23 (4): 1041-53. doi: 10.1096 / fj.08-121962. Epub 2008 Dec 22.

Studio di fattibilità e sicurezza N = 20

Dieta di studio

Adeguatezza nutrizionale (% RDA) Dieta americana vs. Dieta di studio

L'intervento multimodale migliora la qualità della vita

Umore e Cognizione

Nel setting della progressiva SM Capacità di pensiero migliorata e riduzione dell'ansia e riduzione della depressione

Dose media giornaliera della dieta dello studio raccomandata (verdura / frutta) ed escluso (glutine / latticini / uova) p

Punteggi medi sulle misure dell'umore ad ogni visita di studio

Punteggi medi delle sottoscale DKEFS e WAIS ad ogni visita di studio.

SM recidivante remittente

Ridurre la fatica

↑ QoL mentale e fisico 16% (> punti 5)

Miglioramento della funzione del motore

Un modello semplificato di effetti mediati da afta epizootica su glucocorticoidi, soppressione immunitaria e rigenerazione e differenziazione degli oligodendrociti nella SM

N = 60 6 Mese Clinical Trial

  • FMD 100 ml brodo, 1 T olio di lino tid, 200 - 350 Kcal, Plus clistere se necessario 7 giorni Dieta mediterranea
  • Ketogenic (KD) 160gmfatm
  • Dieta abituale

Cambiamento al mese 3 di (k) qualità generale della vita, (l) cambiamento di salute, (m) composito di salute fisica e (n) composito di salute mentale. La linea tratteggiata rappresenta una soglia ritenuta clinicamente importante

Una dieta che imita il digiuno favorisce la rigenerazione e riduce i sintomi dell'autoimmunità e della sclerosi multipla. Cell Rep. 2016 Jun 7; 15 (10): 2136-2146

meccanismi

  • Triage nutriente
  • Adeguatezza nutrizionale
  • - Metabolismo e riparazione
  • Fitonutrienti
  • - Migliorare la biotrasformazione (disintossicazione)
  • - Modifica dell'espressione genica - ad es. NfkappaB, Nrf2
  • Microbioma intestinale mobile

Le due vie con cui la dieta può influenzare la nostra salute:

(A) il metabolismo delle nostre cellule e
(B) la popolazione del nostro microbiota intestinale.

Paolo Riccio e Rocco Rossano ASN Neuro
2015; 7: 1759091414568185
Copyright © di SAGE Publications Inc, o American Society for Neurochemistry, se non diversamente
notato. Il contenuto del manoscritto su questo sito è concesso sotto licenza Creative Commons.

Gut Brain Immune Axis

  • Il microbiota intestinale influenza il cervello e l'equilibrio del sistema immunitario
  • La dieta influenza fortemente il microbioma
  • Esercizio, sonno, livello di stress anche importanti
  • Cambiamenti nella mucosa del colon all'inizio del processo patologico

Il Gut Microbiota influenza l'immunità e l'infiammazione nella fisiopatologia della sclerosi multipla? J Immunol Res. 2017; 2017: 790482 Il microbioma della sclerosi multipla? Ann Transl Med. 2017 Feb; 5 (3): 53.
Asse microbiota-intestino-cervello e sistema nervoso centrale. Exp Mol Med. 2017 può 26; 49 (5): e339
Asse microbiota-intestino-cervello e sistema nervoso centrale. Oncotarget. 2017 può 10
Microbiota nell'omeostasi delle cellule T e malattie infiammatorie Exp Mol Med. 2017 maggio; 49 (5): e340.
La biopsia della mucosa mostra alterazioni immunologiche del colon in pazienti con Neurol Neuroimmunol Neuroinflamm. 2017 Jun 14; 4 (4): e362.

La composizione del microbiota intestinale è influenzata da molteplici fattori, come la dieta e il genotipo ospite. All'interno dell'intestino, avvengono processi ecologici come la selezione e l'evoluzione. L'uso di antibiotici riduce il numero e la diversità del microbiota intestinale.

8 studia i campioni fetali per il paziente 250

van den Hoogen WJ1, Laman JD2, 't Hart BA2,3.Modulazione della sclerosi multipla e del suo modello animale Encefalomielite autoimmune sperimentale da cibo e intestino Microbiota anteriore Immunol. 2017; 8: 1081.

Verdure e microbiota in RRMS

  • N = 20 alto contenuto di verdure / basso contenuto proteico vs. SAD
  • 1year
  • Cambiamento nel microbiota
  • Cambiamento di citochine infiammatorie, microbiota
  • Recide 9 / 10 nella dieta occidentale vs. 3 / 10 nell'alimentazione ad alta verdura

Effetto immunologico e clinico della modulazione dietetica del microbioma intestinale nei pazienti con sclerosi multipla: uno studio pilota. Anteriore Immunol. 2017 ott 25; 8: 1391.

  • 2014 Paleo è la ricerca google più frequente sulla dieta
  • 2017 US News e World Report La dieta Paleo classifica 38 delle diete 38 riviste a causa della mancanza di RCT
  • Articoli dietetici sottoposti a revisione tra pari da 1985 - Paleo 180
    - Vegan 525
    - Atkins 1478
    - vegetariano 3020
    - 4834 mediterraneo

Dieta e cibo

  • Basso contenuto di grassi saturi
  • Diete elementali / diete di esclusione
  • Vegano crudo
  • Vegano a basso contenuto di grassi
  • Autoimmune paleo
  • Paleo modificato (Wahls)
  • Digiuno che imita la dieta
  • Dieta chetogenica
  • Dieta di qualità superiore (cibo), riduzione dello stress, movimento - sono relativamente sicuri con grandi benefici favorevoli per tutte le cause di mortalità
  • 3 mese di prova di una dieta ricca di cereali, senza latticini, senza zucchero (o senza glutine vegetariano) è relativamente sicura con il potenziale per molti benefici favorevoli

Dr. Terry Wahls

Università di Iowa Dipartimenti di Medicina Interna / Neurologia Dr. Terry Wahls LLC

Il PLC di Wahls Institute

Approcci dietetici al trattamento dell'affaticamento correlato alla SM Studio RRMS & Fatica finanziato da NMSS MSDietStudy@healthcare.uiowa.edu Vivere all'interno delle miglia 500 di Iowa City, Iowa
info@wahlsinstitute.com

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘