Categorie: Medicina funzionale

Cibo e autoimmunità

Condividi

autoimmunità

Una malattia autoimmune è a condizione in cui il sistema immunitario attacca erroneamente il tuo corpo. Esistono oltre 80 diverse forme di malattie autoimmuni. Alcune malattie autoimmuni innescano un tessuto specifico mentre altre prendono di mira il multiplo. Negli Stati Uniti, ci sono circa 53 milioni o 1 su 6 individui che soffrono di una qualche forma di autoimmunità.

I sintomi dell'autoimmunità possono comparire nel cervello, negli organi interni, nei tessuti connettivi ed essenzialmente possono avere un impatto su ogni area del corpo. La chiave per le malattie autoimmuni è individuarle il prima possibile. La diagnosi precoce consente di monitorare più facilmente la malattia con la possibilità di rallentare la progressione e migliorare la gestione generale della malattia.

A partire da ora, ci sono due principali forme di trattamento. Uno è indicato come "medicina tradizionale della vecchia scuola" e comporta una diagnosi, depressione immunitaria e farmaci immunoterapici, mentre l'altro è indicato come "medicina funzionale della nuova scuola" che comporta la diagnosi precoce utilizzando il lavoro di laboratorio e la rimozione dei grilletti per riparare il danno. Inoltre, due componenti che dobbiamo aiutare a proteggerci naturalmente dalle malattie autoimmuni sono la tolleranza orale e centrale.

Tolleranza orale e centrale

Il fallimento della tolleranza orale è direttamente correlato alla maggiore permeabilità intestinale, consentendo alle grandi molecole di penetrare aumentando il rischio di malattie autoimmuni. La tolleranza centrale è associata ai linfociti. La tolleranza orale viene a contatto con molti antigeni. La reattività immunitaria alimentare è uno dei componenti principali. Quando si tratta di malattie autoimmuni, la genetica gioca un ruolo minore. In effetti, solo il 30% circa delle malattie autoimmuni prende in considerazione la genetica, mentre l'altro ⅔ è associato a componenti alimentari e dietetici.

Diete per Autoimmune oltre 50 anni fa. Le influenze nutrizionali svolgono un ruolo nei fattori di rischio ma la percentuale non è ancora supportata. Il primo passo, tuttavia, è la diagnosi precoce. Ho raccomandato un lavoro di laboratorio dettagliato eseguito per valutare la permeabilità intestinale, la sensibilità alimentare e i fattori di infiammazione. Imparando questi numeri e ciò che influenza il tuo microbioma, sei in grado di vedere a quali malattie autoimmuni sei più suscettibile e il tuo medico è in grado di creare un piano di trattamento più specifico.

Esistono diete create per ridurre l'infiammazione e tenere a bada i sintomi. La dieta AIP (protocollo autoimmune) è stata creata per ridurre l'infiammazione e alleviare i sintomi associati alle malattie autoimmuni. Alcune ottime fonti di alimenti includono verdure (a parte quelle della famiglia della belladonna), omega-3 o frutti di mare di alta qualità che contengono alti livelli di omega, carni magre, piccole quantità di frutta e l'utilizzo di oli come cocco, olive extra vergini, e avocado.

L'infiammazione è necessaria ma vogliamo limitare un'infiammazione eccessiva in quanto ciò provoca danni estremi al corpo. Con la diagnosi precoce e le precauzioni corrette, abbiamo la capacità di trasformare la vita e rallentare se non prevenire alcune malattie autoimmuni. -Dr. Alexander Jimenez

* L'ambito delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900.

Riferimenti:  

 Berin MC, Sampson HA. Allergia alimentare: un'epidemia enigmatica. Trends Immunol; 34: 390-397, 2013.

 Meulenbroek LA, de Jong RJ, den Hartog Jager CF, et al. Gli anticorpi IgG nell'allergia alimentare influenzano la formazione del complesso allergene-anticorpo e il legame con le cellule B: un ruolo per i recettori del complemento. J Immunol. 191 (7): 3526-33, 2013 .. 

Vojdani A. Un potenziale collegamento tra fattori scatenanti ambientali e autoimmunità. Malattie autoimmuni; Volume 2014, numero dell'articolo 437231, 18 pagine. http://dx.doi.org/10.1155/2014/437231, 2014.

 Vojdani A, Kharrazian D, Mukherjee PS. La prevalenza di anticorpi contro il grano e le proteine ​​del latte nei donatori di sangue e il loro contributo alla reattività neuroautoimune. Nutrienti; 6: 15-36, 2014, doi: 10.3390 / nu6010015.

 Vojdani A. Anticorpi come predittori di malattie autoimmuni e cancro. Parere dell'esperto Med Diag; 2 (6): 593-605, 2008.. Vojdani A. Anticorpi come predittori di malattie autoimmuni complesse. Int J Immunopathol Pharmacol; 21 (2): 267-278, 2008

 Vojdani A. Anticorpi come predittori di malattie autoimmuni complesse e cancro. Int J Immunopathol Pharmacol; 21 (3): 553-566, 2008.

 Vojdani A., Bazargan M., Vojdani E., et al. La proteina da shock termico e il peptide di gliadina promuovono lo sviluppo di anticorpi peptidasi nei bambini con autismo e nei pazienti con malattia autoimmune. Clin Diag Lab Immunol; 11 (3): 515-524, maggio 2004.

Vojdani A., Pangborn JB, Vojdani E., Cooper EL Infezioni, sostanze chimiche tossiche e peptidi dietetici che si legano ai recettori dei linfociti e agli enzimi tissutali sono i principali istigatori di autoimmunità nell'autismo. Int J Immunopathol Pharmacol; 16 (3): 189-199, 2003.

Notkins AL Nuovi predittori di malattia. Sci Am; 296: 72-79, 2007.

Wildner G. Diedrichs-Moehring M. Mimotopi autoantigeni multipli di agenti infettivi inducono artrite autoimmune e uveite nei ratti di Lewis. Clin Diag Lab Immunol; 12: 677-679, 2005.

 Mahdi H., Fisher BA, Källberg H., et al. Interazione specifica tra genotipo, fumo e autoimmunità all'α-enolasi citrullinata nell'eziologia dell'artrite reumatoide. Nat Genet; 41: 1319-1324, 2009.

 Pollard KM Differenze di genere nell'autoimmunità associate all'esposizione a fattori ambientali. J Autoimmun; 38: J177-J186, 2012.

 Vojdani A, Kharrazian D, Mukherjee PS. Livelli elevati di anticorpi contro gli xenobiotici in un sottogruppo di soggetti sani. J Appl Toxicol; (In corso di stampa), 2014.

 Jayapal M., Bhattacharjee RN, Melendez AJ, et al. Tossicogenomica ambientale: un approccio post-genomico all'analisi delle risposte biologiche alle tossine ambientali. Int J Biochem Cell Biol; 42: 230-240, 2010.

 Chang C., Gershwin ME Droghe e autoimmunità: una revisione contemporanea e un approccio meccanicistico. J Autoimmun; 34: J266-J275, 2010.

 Gardner RM, Nyland JF, Silva IA, et al. Esposizione al mercurio, anticorpi sierici antinucleari / antinucleolari e livelli sierici di citochine nelle popolazioni minerarie del Brasile amazzonico: uno studio trasversale. Environ Res; 110: 345-354, 2010.

 Mustafa A., Holladay SD, Witonsky S., et al. Una singola gestazione intermedia verso il TCDD produce una firma autoimmune postnatale, che differisce per sesso, nei topi C57BL / 6 geriatrici precoci. Toxicol; 290 (2-3): 156-168, 2011.

Cooper GS, Makris SL, Nietert PJ, et al. Evidenza di effetti autoimmuni correlati all'esposizione al tricloroetilene da studi su topi e umani. Environ Health Perspect; 117: 696-702, 2009.

 Vaishnav R, Liu R, Chapman J, et al. Mimetismo molecolare dell'acquaporina 4 e implicazioni per la neuromielite ottica. J Neuroimmunol, 260: 92-98, 2013.

Obbligazioni RS, Midoro-Horiuti T, Goldblum R. Una base strutturale per l'allergia alimentare: il ruolo della cross-reattività. Curr Opin Allergy Clin Immunol, 8 (1): 82-86, 2008.

Manzel, A., Muller, DN, Hafler, DA, Erdman, SE, Linker, RA e Kleinewietfeld, M. (2014). Ruolo della "dieta occidentale" nelle malattie infiammatorie autoimmuni. Rapporti attuali di allergia e asma, 14 (1), 404. https://doi.org/10.1007/s11882-013-0404-6

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘