Condividi

Dolore all'anca è un problema di salute ben noto che può essere causato da una vasta gamma di problemi, tuttavia, il sito del dolore dell'anca del paziente può fornire informazioni preziose sulla causa alla base di questo problema di salute comune. Il dolore all'interno dell'anca o dell'inguine può essere dovuto a problemi nell'articolazione dell'anca stessa, mentre il dolore sulla parte esterna dell'anca, della parte superiore della coscia e dei glutei esterni può essere dovuto a problemi con legamenti, tendini e muscoli, tra gli altri tessuti molli , che circonda l'articolazione dell'anca. Inoltre, il dolore all'anca può essere dovuto ad altre lesioni e condizioni, incluso il mal di schiena.

Astratto

Il dolore all'anca è una condizione comune e invalidante che colpisce i pazienti di tutte le età. La diagnosi differenziale del dolore dell'anca è ampia e presenta una sfida diagnostica. I pazienti spesso esprimono che il loro dolore all'anca è localizzato in una delle tre regioni anatomiche: anca e inguine anteriore, anca e gluteo posteriore o anca laterale. Il dolore anteriore dell'anca e dell'inguine è comunemente associato alla patologia intra-articolare, come l'artrosi e le lacrime del labbro dell'anca. Il dolore all'anca posteriore è associato alla sindrome piriforme, alla disfunzione dell'articolazione sacroiliaca, alla radicolopatia lombare e, meno comunemente, al conflitto ischiofemorale e alla claudicatio vascolare. Il dolore laterale all'anca si manifesta con una maggiore sindrome da dolore trocanterico. I test di esame clinico, sebbene utili, non sono altamente sensibili o specifici per la maggior parte delle diagnosi; tuttavia, può essere utilizzato un approccio razionale all'esame dell'anca. La radiografia deve essere eseguita se si sospetta una frattura acuta, lussazioni o fratture da stress. La radiografia iniziale dell'anca deve includere una visione anteroposteriore del bacino e la vista laterale della coscia rana dell'anca sintomatica. La risonanza magnetica deve essere eseguita se la storia e i risultati della radiografia normale non sono diagnostici. La risonanza magnetica è preziosa per la rilevazione di fratture traumatiche occulte, fratture da stress e osteonecrosi della testa del femore. L'artrografia a risonanza magnetica è il test diagnostico di scelta per le lacrime labiali.

Introduzione

Il dolore all'anca è una presentazione comune nelle cure primarie e può colpire pazienti di tutte le età. In uno studio, 14.3% degli adulti 60 di anni e più anziani ha riportato dolore all'anca significativo nella maggior parte dei giorni delle precedenti sei settimane.1 Il dolore all'anca presenta spesso una sfida diagnostica e terapeutica. La diagnosi differenziale del dolore dell'anca (eTable A) è ampia, includendo sia la patologia intra-articolare che quella extra-articolare e varia in base all'età. Una storia e un esame fisico sono essenziali per diagnosticare con precisione la causa del dolore all'anca.

Anatomia

L'articolazione dell'anca è un'articolazione sinoviale ball-and-socket progettata per consentire il movimento multiassiale durante il trasferimento di carichi tra il corpo superiore e quello inferiore. Il bordo acetabolare è rivestito da fibrocartilagine (labrum), che aggiunge profondità e stabilità all'articolazione femoroacetabolare. Le superfici articolari sono coperte da cartilagine ialina che dissipa le forze di taglio e di compressione durante il carico e il movimento dell'anca. I principali nervi innervosi dell'anca hanno origine nella regione lombosacrale, che può rendere difficile la distinzione tra dolore dell'anca primario e dolore lombare radicolare.

L'ampia gamma di movimenti dell'articolazione dell'anca è seconda solo a quella dell'articolazione gleno-omerale ed è abilitata dal gran numero di gruppi muscolari che circondano l'anca. I muscoli flessori comprendono i muscoli ileopsoas, retto femorale, pectineo e sartorio. Il gruppo dei glutei massimus e dei muscoli posteriori della coscia consente l'estensione dell'anca. Muscoli più piccoli, come gluteo medio e minimo, piriforme, otturatore esterno e interno, e muscoli quadratus femoris, si inseriscono attorno al grande trocantere, consentendo abduzione, adduzione e rotazione interna ed esterna.

Nelle persone che sono scheletricamente immature, ci sono diversi centri di crescita del bacino e del femore in cui possono verificarsi lesioni. I potenziali siti di lesioni apofisarie nella regione dell'anca includono l'ischio, la spina iliaca anteriore anteriore, la spina iliaca inferiore anteriore, la cresta iliaca, il piccolo trocantere e il grande trocantere. L'apofisi della colonna iliaca superiore matura per ultima ed è suscettibile di lesioni fino agli anni 25.2

L'articolazione dell'anca è una delle articolazioni più grandi che si trovano nel corpo umano e serve nella locomozione quando la coscia si muove in avanti e all'indietro. L'articolazione dell'anca ruota anche quando si è seduti e con cambi di direzione mentre si cammina. Una varietà di strutture complesse circondano l'articolazione dell'anca. Quando una lesione o una condizione colpisce questi, può alla fine portare al dolore all'anca.

Dr. Alex Jimenez DC, CCST

Valutazione del dolore dell'anca

La Nostra Storia

L'età da sola può restringere la diagnosi differenziale del dolore dell'anca. Nei pazienti in età prepuberale e adolescenziale, devono essere prese in considerazione le malformazioni congenite dell'articolazione femoroacetabolare, delle fratture da avulsione e delle lesioni apofisarie o epifisarie. In coloro che sono scheletricamente maturi, il dolore all'anca è spesso il risultato di ceppo muscolotendineo, distorsione legamentosa, contusione o borsite. Negli anziani, l'osteoartrosi e le fratture degenerative devono essere considerate per prime.

I pazienti con dolore all'anca dovrebbero essere interrogati sul trauma o sull'incitazione antecedente, sui fattori che aumentano o diminuiscono il dolore, il meccanismo di lesione e il tempo di esordio. Le domande relative alla funzione dell'anca, come la facilità di entrare e uscire da una macchina, indossare scarpe, correre, camminare e salire e scendere le scale, possono essere utili. 3 La localizzazione del dolore è informativa perché spesso il dolore dell'anca si localizza in una delle tre regioni anatomiche di base: anca e inguine anteriore, anca e gluteo posteriore e anca laterale (figura E).

Esame fisico

L'esame dell'anca dovrebbe valutare l'anca, la schiena, l'addome e i sistemi vascolari e neurologici. Dovrebbe iniziare con un'analisi dell'andamento e una valutazione di posizione (Figura 1), seguita dalla valutazione del paziente in posizioni sedute, supine, laterali e prono (Figure da 2 a 6 e eFigure B). I test di esame fisico per la valutazione del dolore dell'anca sono riassunti in Tabella 1.

Imaging

Radiografia. La radiografia dell'anca deve essere eseguita se si sospetta una frattura acuta, lussazione o frattura da stress. La radiografia iniziale dell'anca deve includere una visione antero-posteriore del bacino e una vista laterale della coscia di rana dell'anca sintomatica.4

Imaging a risonanza magnetica e artrografia. La risonanza magnetica (MRI) convenzionale dell'anca può rilevare molte anomalie dei tessuti molli ed è la modalità di imaging preferita se la radiografia normale non identifica una patologia specifica in un paziente con dolore persistente. La risonanza magnetica convenzionale 5 ha una sensibilità di 30% e un'accuratezza di 36% per la diagnosi di lacrime labiali dell'anca, mentre l'artrografia a risonanza magnetica fornisce una maggiore sensibilità di 90% e accuratezza di 91% per la rilevazione di lesioni labiali. 6,7

Ecografia. L'ecografia è una tecnica utile per valutare i singoli tendini, confermando la sospetta borsite e identificando le effusioni articolari e le cause funzionali del dolore all'anca.8 L'ecografia è particolarmente utile per eseguire iniezioni e aspirazioni guidate da imaging in modo sicuro e accurato intorno all'anca.9 È ideale per un esperto ultrasonografo per eseguire lo studio diagnostico; tuttavia, evidenze emergenti suggeriscono che i medici meno esperti con una formazione adeguata possono fare diagnosi con affidabilità simile a quella di un esperto ultrasonografo muscolo-scheletrico.10,11

Queste sono numerose cause per il dolore dell'anca. Sebbene alcuni dolori all'anca possano essere temporanei, altre forme di dolore all'anca possono diventare croniche se non trattate per un lungo periodo di tempo. Diverse cause comuni di dolore all'anca sono: artrite, frattura, distorsione, necrosi avascolare, malattia di Gaucher, sciatica, affaticamento muscolare, sindrome della banda ileotibiale o sindrome della banda IT ed ematoma, tra le altre descritte di seguito.

Dr. Alex Jimenez DC, CCST

Diagnosi differenziale del dolore anca anteriore

Il dolore all'anca o all'inguine anteriore suggerisce il coinvolgimento dell'articolazione dell'anca stessa. I pazienti spesso localizzano il dolore coppiando l'anca anterolaterale con il pollice e l'indice nella forma di una "C". Questo è noto come il segno C (Figura 1A).

L'osteoartrite

L'osteoartrosi è la diagnosi più probabile negli anziani con movimento limitato e insorgenza graduale dei sintomi. I pazienti hanno un dolore, una rigidità costante, profondo e doloroso che sono peggiori in caso di prolungamento della posizione eretta e di carico. L'esame rivela una ridotta gamma di movimento e gli estremi del movimento dell'anca spesso causano dolore. Le radiografie semplici dimostrano la presenza di restringimento dello spazio articolare asimmetrico, osteofitosi e sclerosi subcondrale e formazione di cisti.12

Impatto femoro-acetabolare

I pazienti con conflitto femoroacetabolare sono spesso giovani e fisicamente attivi. Descrivono insidiosa insorgenza di dolore che è peggiore quando si è seduti, si alza da un sedile, si sale o si esce dall'auto o si protende in avanti. 13 Il dolore si trova principalmente all'inguine con radiazioni occasionali all'anca laterale e alla coscia anteriore.14 Il test FABER (flessione, abduzione, rotazione esterna, Figura 3) ha una sensibilità di 96% a 99%. Il test FADIR (flessione, adduzione, rotazione interna, Figura 4), log roll test (Figura 5) e il sollevamento della gamba tesa contro il test di resistenza (Figura 6) sono anche efficaci, con sensibilità di 88%, 56% e 30% , rispettivamente. 14,15 Oltre alle viste della radiografia anteroposteriore e laterale, è necessario ottenere una vista Dunn per aiutare a rilevare lesioni sottili. 16

Hip Labral Tear

Le lacrime del labbro dell'anca causano dolore all'inguine opaco o acuto, e la metà dei pazienti con lacerazione labrale ha dolore che si irradia all'anca laterale, alla coscia anteriore e al gluteo. Il dolore di solito ha un esordio insidioso, ma occasionalmente inizia acutamente dopo un evento traumatico. Circa la metà dei pazienti con questo infortunio ha anche sintomi meccanici, come l'attivazione o il clic doloroso dell'attività. 17 I test FADIR e FABER sono efficaci per la rilevazione della patologia intra-articolare (la sensibilità è 96% rispetto a 75% per il test FADIR ed è 88% per il test FABER), sebbene nessuno dei due test abbia un'elevata specificità. 14,15,18 L'artrografia a risonanza magnetica è considerata il test diagnostico di scelta per le lacerazioni labiali. 6,19 Tuttavia, se non si sospetta una lesione labiale, altre modalità di imaging meno invasive, come come semplice radiografia e risonanza magnetica convenzionale, dovrebbe essere usato prima per escludere altre cause di dolore all'anca e all'inguine.

Iliopsoas Bursitis (Hip Snapping interno)

I pazienti con questa condizione soffrono di dolore all'anca anteriore quando si estende l'anca da una posizione flessa, spesso associata a cattura, schiocco o schiocco intermittente dell'anca.20 L'ecografia dinamica in tempo reale è particolarmente utile per valutare le varie forme di anca che si spezzano.8

Frattura occulta o da stress

La frattura occulta o da stress dell'anca deve essere considerata se sono coinvolti traumi o esercizi ripetitivi di peso, anche se i risultati radiografici medi sono negativi. 21 Clinicamente, queste lesioni causano dolore all'anca o all'inguine anteriore che è peggiore con l'attività. 21 Il dolore può essere presente con movimenti estremi, sollevamento della gamba tesa attiva, test del rotolo di registro o saltellamento. 22 MRI è utile per la rilevazione di fratture traumatiche occulte e fratture da stress non osservate su radiografie semplici. 23

Sinovite transitoria e artrite settica

L'insorgenza acuta di dolore antraceale anteriore all'anca che si traduce in una riduzione del carico di peso dovrebbe far sorgere il sospetto di sinovite transitoria e artrite settica. I fattori di rischio per l'artrite settica negli adulti includono età maggiore degli anni 80, diabete mellito, artrite reumatoide, recente chirurgia articolare e protesi dell'anca o del ginocchio.24 Febbre, emocromo completo, velocità di eritrosedimentazione e livello di proteina C-reattiva devono essere utilizzati per valutare il rischio di artrite settica.25,26 La risonanza magnetica è utile per differenziare l'artrite settica da sinovite transitoria.27,28 Tuttavia, si consiglia l'aspirazione dell'anca mediante imaging guidato come fluoroscopia, tomografia computerizzata o ecografia se si sospetta un'articolazione settica. 29

osteonecrosi

La malattia di Legg-Calvé-Perthes è un'osteonecrosi idiopatica della testa del femore nei bambini da due a 12 di anni, con un rapporto maschio-femmina di 4: 1.4 Negli adulti, i fattori di rischio per l'osteonecrosi includono il lupus eritematoso sistemico, anemia falciforme , infezione da virus dell'immunodeficienza umana, fumo, alcolismo e uso di corticosteroidi. 30,31 Il dolore è il sintomo di presentazione ed è solitamente insidioso. La gamma di movimento è inizialmente preservata, ma può diventare limitata e dolorosa man mano che la malattia progredisce. 32 La risonanza magnetica è preziosa nella diagnosi e nella prognosi dell'osteonecrosi della testa del femore.30,33

Diagnosi differenziale dell'anca posteriore e del dolore ai glutei

Sindrome piriforme e conflitto ischiofemorale

La sindrome di Piriformis causa dolore ai glutei aggravato dalla posizione seduta o camminando, con o senza radiazione omolaterale lungo la parte posteriore della coscia dalla compressione del nervo sciatico. 34,35 Il dolore con il test del rotolo è il test più sensibile, ma la tenerezza con la palpazione della tacca sciatica può aiutare con la diagnosi.35

Il conflitto ischiofemorale è una condizione meno conosciuta che può portare a dolore nativo non specifico con radiazioni alla parte posteriore della coscia. 36,37 Si ritiene che questa condizione sia il risultato del conflitto del muscolo quadratus femorale tra il piccolo trocantere e l'ischio.

A differenza della sciatica da ernia del disco, la sindrome piriforme e il conflitto ischiofemorale sono esacerbati dalla rotazione dell'anca esterna attiva. La risonanza magnetica è utile per diagnosticare queste condizioni.38

Altro

Altre cause di dolore all'anca posteriore comprendono disfunzione dell'articolazione sacroiliaca, radicolopatia lombare 39, 40 e claudicatio vascolare.41 La presenza di un dolore all'inguine, all'inguine e una rotazione interna limitata dell'anca è più predittiva dei disturbi dell'anca rispetto ai disturbi originati dalla parte bassa della schiena .42

Diagnosi differenziale del dolore dell'anca laterale

Sindrome del dolore trocanterico maggiore

Il dolore laterale dell'anca influenza 10% a 25% della popolazione generale. 43 La sindrome del dolore trocanterico superiore si riferisce al dolore nel grande trocantere. Numerosi disturbi dell'anca laterale possono portare a questo tipo di dolore, tra cui l'ispessimento della fascia ileotibiale, la borsite e le lacrime del muscolo gluteo medio e il minimo di attacco muscolare. 43-45 I pazienti possono avere una lieve rigidità mattutina e possono non essere in grado di dormire lato. Il piccolo gluteo e le lesioni mediocri si presentano con dolore all'aspetto laterale posteriore dell'anca a causa della lacerazione parziale o totale dell'inserzione glutea. La maggior parte dei pazienti ha un inizio atraumatico e insidioso dei sintomi da un uso ripetitivo. 43,45,46

In conclusione, il dolore all'anca è un disturbo comune che può verificarsi a causa di un'ampia varietà di problemi di salute. Inoltre, l'esatta localizzazione del dolore dell'anca del paziente può fornire preziose informazioni agli operatori sanitari sulla causa alla base del problema. Lo scopo dell'articolo sopra era di dimostrare e discutere la valutazione del paziente con dolore all'anca. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

Origine dei dati: Abbiamo cercato articoli su patologia d'anca in American Family Physician, insieme ai loro riferimenti. Abbiamo anche cercato l'Agenzia per la ricerca sanitaria e le relazioni sulla qualità, le prove cliniche, l'Istituto per il miglioramento dei sistemi clinici, le linee guida della Task Force dei servizi preventivi statunitensi, la National Guideline Clearinghouse e UpToDate. Abbiamo eseguito una ricerca PubMed utilizzando le parole chiave maggiore sindrome del dolore trocanterico, esame fisico del dolore all'anca, imaging fratture femorali dell'anca, imaging lacrimale labrale dell'anca, imaging osteomielite, sindrome da impingement ischiofemorale, revisione parestetica meralgia, artroscopia dell'anca artroscopia MRI, revisione sistematica dell'artrite settica, e dolore all'anca ad ultrasuoni. Cerca date: marzo e aprile 2011 e agosto 15, 2013.

Informazioni sull'autore: Aafp.org

1. Natale C, Crespo CJ, Franckowiak SC, et al. Quanto è comune il dolore dell'anca tra gli anziani? Risultati della terza indagine nazionale sulla salute e la valutazione degli esami nutrizionali. J Fam Pract. 2002; 51 (4): 345-348.
2. Rossi F, Dragoni S. Fratture di avulsione acuta del bacino in atleti competitivi adolescenti. Radiol scheletrico. 2001; 30 (3): 127-131.

3. Martin HD, Shears SA, Palmer IJ. Valutazione dell'anca. Sports Med Arthrosc. 2010; 18 (2): 63-75.

4. Gough-Palmer A, McHugh K. Studio del dolore all'anca in un bambino benestante. BMJ. 2007; 334 (7605): 1216-1217.

5. Bencardino JT, Palmer WE. Imaging dei disturbi dell'anca negli atleti. Radiol Clin North Am. 2002; 40 (2): 267-287.

6. Czerny C, Hofmann S, Neuhold A, et al. Lesioni del labbro acetabolare: accuratezza della RM e artrografia MR nella rilevazione e stadiazione. Radiologia. 1996; 200 (1): 225-230.

7. Czerny C, Hofmann S, Urban M, et al. MR artrografia del complesso acetabolare capsulo-labrale adulto. AJR Am J Roentgenol. 1999; 173 (2): 345-349.

8. Deslandes M, Guillin R, Cardinal E, et al. Il tendine deliopsoas che si agita: nuovi meccanismi che utilizzano l'ecografia dinamica. AJR Am J Roentgenol. 2008; 190 (3): 576-581.

9. Blankenbaker DG, De Smet AA. Lesioni dell'anca negli atleti. Radiol Clin North Am. 2010; 48 (6): 1155-1178.

10. Balint PV, Sturrock RD. Ripetibilità intraosservativa e riproducibilità interosservatore nelle misurazioni dell'imaging ecografico muscolo-scheletrico. Clin Exp Rheumatol. 2001; 19 (1): 89-92.

11. Ramwadhdoebe S, Sakkers RJ, Uiterwaal CS, et al. Valutazione di un programma di formazione per lo screening ecografico generale per la displasia dello sviluppo dell'anca nella prevenzione della salute infantile. Pediatr Radiol. 2010; 40 (10): 1634-1639.

12. Altman R, Alarcón G, Appelrouth D, et al. I criteri dell'American College of Rheumatology per la classificazione e la segnalazione dell'osteoartrosi dell'anca. Artrite Rheum. 1991; 34 (5): 505-514.

13. Banerjee P, McLean CR. Impatto femoro-acetabolare. Curr Rev Musculoskelet Med. 2011; 4 (1): 23-32.

14. Clohisy JC, Knaus ER, Hunt DM, et al. Presentazione clinica di pazienti con impingement dell'anca anteriore sintomatica. Clin Orthop Relat Res. 2009; 467 (3): 638-644.

15. Ito K, Leunig M, Ganz R. Caratteristiche istopatologiche del labbro acetabolare nel conflitto femoroacetabolare. Clin Orthop Relat Res. 2004; (429): 262-271.

16. Beall DP, Sweet CF, Martin HD, et al. Risultati di imaging della sindrome da impingement femoroacetabolare. Radiol scheletrico. 2005; 34 (11): 691-701.

17. Burnett RS, Della Rocca GJ, Prather H, et al. Presentazione clinica di pazienti con lacrime del labbro acetabolare. J Bone Joint Surg Am. 2006; 88 (7): 1448-1457.

18. Leunig M, Werlen S, Ungersböck A, et al. Valutazione del labbro acetabolare mediante artrografia MR [correzione pubblicata in J Bone Joint Surg Br. 1997; 79 (4): 693]. J Bone Joint Surg Br. 1997; 79 (2): 230-234.

19. Groh MM, Herrera J. Una recensione completa delle lacrime anca labral. Curr Rev Musculoskelet Med. 2009; 2 (2): 105-117.

20. DG Blankenbaker, De Smet AA, Keene JS. Sonografia del tendine di ileopsoas e iniezione della borsa ileopsoas per la diagnosi e la gestione dell'anca dolorante. Radiol scheletrico. 2006; 35 (8): 565-571.

21. Egol KA, Koval KJ, Kummer F, et al. Fratture da sforzo del collo del femore. Clin Orthop Relat Res. 1998; (348): 72-78.

22. Fullerton LR Jr, Snowdy HA. Fratture del collo femorale. Am J Sports Med. 1988; 16 (4): 365-377.

23. Newberg AH, Newman JS. Immaginando l'anca dolorosa. Clin Orthop Relat Res. 2003; (406): 19-28.

24. Margaretten ME, Kohlwes J, Moore D, et al. Questo paziente adulto ha l'artrite settica? JAMA. 2007; 297 (13): 1478-1488.

25. Eich GF, Superti-Furga A, Umbricht FS, et al. L'anca dolorosa: valutazione dei criteri per il processo decisionale clinico. Eur J Pediatr. 1999; 158 (11): 923-928.

26. Kocher MS, Zurakowski D, Kasser JR. Differenziazione tra artrite settica e sinovite transitoria dell'anca nei bambini. J Bone Joint Surg Am. 1999; 81 (12): 1662-1670.

27. Learch TJ, Farooki S. Imaging a risonanza magnetica dell'artrite settica. Clin Imaging. 2000; 24 (4): 236-242.

28. Lee SK, Suh KJ, Kim YW, et al. Artrite settica contro sinovite transitoria alla RM. Radiologia. 1999; 211 (2): 459-465.

29. Leopold SS, Battista V, Oliverio JA. Sicurezza ed efficacia dell'iniezione dell'anca intraarticolare utilizzando i riferimenti anatomici. Clin Orthop Relat Res. 2001; (391): 192-197.

30. Mitchell DG, Rao VM, Dalinka MK, et al. Necrosi avascolare della testa del femore: correlazione tra RM, staging radiografico, imaging con radionuclidi e reperti clinici. Radiologia. 1987; 162 (3): 709-715.

31. Mont MA, Zywiel MG, Marker DR, et al. La storia naturale dell'osteonecrosi asintomatica non trattata della testa del femore. J Bone Joint Surg Am. 2010; 92 (12): 2165-2170.

32. Assouline-Dayan Y, Chang C, Greenspan A, et al. Patogenesi e storia naturale dell'osteonecrosi. Artrite di Semin Rheum. 2002; 32 (2): 94-124.

33. Totty WG, Murphy WA, Ganz WI, et al. Imaging a risonanza magnetica della testa femorale normale e ischemica. AJR Am J Roentgenol. 1984; 143 (6): 1273-1280.

34. Kirschner JS, Foye PM, Cole JL. Sindrome di Piriforme, diagnosi e trattamento. Nervo muscolare. 2009; 40 (1): 10-18.

35. Hopayian K, Song F, Riera R, et al. Le caratteristiche cliniche della sindrome piriforme. Eur Spine J. 2010; 19 (12): 2095-2109.

36. Torriani M, Souto SC, Thomas BJ, et al. Sindrome da impingement ischiofemorale. AJR Am J Roentgenol. 2009; 193 (1): 186-190.

37. Ali AM, Whitwell D, Ostlere SJ. Caso clinico: imaging e trattamento chirurgico dell'anca che si spezza a causa del conflitto ischiofemorale. Radiol scheletrico. 2011; 40 (5): 653-656.

38. Lee EY, Margherita AJ, Gierada DS, et al. Risonanza magnetica della sindrome piriforme. AJR Am J Roentgenol. 2004; 183 (1): 63-64.

39. Slipman CW, Jackson HB, Lipetz JS, et al. Zone di riferimento per dolori dell'articolazione sacroiliaca. Arch Phys Med Rehabil. 2000; 81 (3): 334-338.

40. Moore KL, Dalley AF, Agur AM. Anatomia clinicamente orientata. 6th ed. Philadelphia, Pa .: Lippincott Williams & Wilkins; 2010.

41. Adlakha S, Burket M, Cooper C. Intervento percutaneo per occlusione totale cronica dell'arteria iliaca interna per claudicatio gluteo implacabile. Catetere Cardiovasc Interv. 2009; 74 (2): 257-259.

42. Brown MD, Gomez-Marin O, Brookfield KF, et al. Diagnosi differenziale della malattia dell'anca rispetto alla malattia della colonna vertebrale. Clin Orthop Relat Res. 2004; (419): 280-284.

43. Segal NA, Felson DT, Torner JC, et al .; Gruppo di studio per osteoartrite multicentrica. Sindrome del dolore trocanterico maggiore. Arch Phys Med Rehabil. 2007; 88 (8): 988-992.

44. Strauss EJ, Nho SJ, Kelly BT. Sindrome del dolore trocanterico maggiore. Sports Med Arthrosc. 2010; 18 (2): 113-119.

45. Williams BS, Cohen SP. Sindrome del dolore trocanterico maggiore. Anesth Analg. 2009; 108 (5): 1662-1670.

46. Tibor LM, Sekiya JK. Diagnosi differenziale del dolore intorno all'articolazione dell'anca. Artroscopia. 2008; 24 (12): 1407-1421.

Argomenti aggiuntivi: mal di schiena acuto

Mal di schiena è una delle più diffuse cause di disabilità e giorni persi al lavoro in tutto il mondo. Il dolore alla schiena è il secondo motivo più comune per le visite di un medico, superate solo dalle infezioni delle alte vie respiratorie. Circa il 80 percento della popolazione subirà un dolore alla schiena almeno una volta nella vita. La colonna vertebrale è una struttura complessa composta da ossa, articolazioni, legamenti e muscoli, tra gli altri tessuti molli. A causa di ciò, lesioni e / o condizioni aggravate, come dischi erniciati, può eventualmente portare a sintomi di mal di schiena. Le lesioni sportive o gli incidenti automobilistici sono spesso la causa più frequente di mal di schiena, tuttavia a volte il più semplice dei movimenti può avere risultati dolorosi. Fortunatamente, le opzioni di trattamento alternative, come la cura chiropratica, possono aiutare ad alleviare il mal di schiena attraverso l'uso di aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali, in definitiva migliorando il sollievo dal dolore.

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE: Trattamento chiropratico del dolore all'anca

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘