Prenotazione online 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX

Smettila di soffrire!

  • Quick n' Easy Appuntamento online
  • Prenota un appuntamento 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX
  • Chiamaci 915-850-0900.
Lunedi9: 00 AM - 7: 00 PM Aperto adesso
Martedì9: 00 AM - 7: 00 PM
Mercoledì9: 00 AM - 7: 00 PM
Giovedi9: 00 AM - 7: 00 PM
Venerdì9: 00 AM - 7: 00 PM
Sabato8: 30 AM - 1: 00 PM
DomenicaChiuso

Doctor Cell (Emergenze) 915-540-8444

PRENOTA ONLINE 24/7

Valutazione Functional Medicine®

🔴 Avviso: Come parte del nostro Trattamento per lesioni acute pratica, ora offriamo Integratore di medicina funzionale Valutazioni e trattamenti dentro il nostro ambito clinico per i disturbi degenerativi cronici.  Per prima cosa valutare la storia personale, l'alimentazione corrente, i comportamenti di attività, le esposizioni tossiche, i fattori psicologici ed emotivi, in tandem genetica.  Poi può offrire Trattamenti di Medicina Funzionale insieme ai nostri protocolli moderni.  Scopri di più

Spiegazione della medicina funzionale

Assunzione di vitamine essenziali per le malattie cardiovascolari | Clinica del benessere

Share

L'American Heart Association, o AHA, ha avuto un obiettivo costante e di lunga data nel fornire al pubblico le informazioni necessarie sul ruolo della nutrizione che riduce il rischio di malattie cardiovascolari. Le linee guida dietetiche periodiche AHA supportano un modello dietetico che promuove il consumo di frutta, verdura, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi o senza grassi, pesce, legumi, pollame e carni magre. Una cattiva alimentazione composta da cibi ricchi di grassi saturi e trans, può aumentare i livelli di colesterolo “cattivo” del corpo umano, aumentando il rischio di malattie cardiovascolari.

 

In che modo le vitamine possono migliorare il rischio di malattie cardiovascolari?

 

Le linee guida dietetiche dell'American Heart Association possono aiutare con il controllo del peso e fornire un'elevata densità di nutrienti per soddisfare tutte le esigenze nutrizionali. Come esaminato nel primo AHA Science Advisory, studi epidemiologici e sulla popolazione hanno riportato che alcune vitamine, come la vitamina C, la vitamina E, la vitamina D e la vitamina B6 (piridossina), possono avere effetti benefici sulle malattie cardiovascolari. La riduzione del rischio complessivo di malattie cardiovascolari può essere ottenuta attraverso il consumo a lungo termine di schemi dietetici coerenti con le linee guida dietetiche AHA. La vitamina C, la vitamina E, la vitamina D e la vitamina B6 (piridossina) svolgono ciascuna una funzione specifica nella prevenzione e nel miglioramento delle malattie cardiovascolari. Quanto segue è descritto in dettaglio, di seguito.

 

Vitamina C

 

La vitamina C è un potente donatore di elettroni solubile in acqua. A livelli fisiologici, è un antiossidante, sebbene alle dosi sopra-fisiologiche come quelle ottenute con la vitamina C per via endovenosa, dona elettroni a diversi enzimi in un effetto pro-ossidativo. A dosi fisiologiche, la vitamina C ricicla la vitamina E, migliora l'ED e produce una diuresi. L'assunzione di vitamina C e la concentrazione di ascorbato plasmatico nell'uomo è correlata alla frequenza cardiaca, DBP e SBP.

 

Una revisione degli studi clinici suggerisce che la somministrazione di vitamina C in 250 mg due volte al giorno ridurrà SBP 5-7 mmHg e diastolica BP 2-4 mmHg in più di 8 settimane. La vitamina C può dare origine ad una diuresi dell'acqua di sodio, migliorare l'ossido nitrico, migliorare la funzione endoteliale, aumentare l'ossido nitrico e PGI2, diminuire la produzione di ormoni surrenali, migliorare l'equilibrio simpatico-vagale, aumentare l'ATPasi Na / K RBC, aumentare la SOD, migliorare l'elasticità e l'elasticità aortica, migliorare la circolazione della vaso-dilatazione, ridurre la velocità dell'onda del polso e l'indice di aumento, aumentare GMP ciclico, innescare i canali del potassio, ridurre il calcio citosolico e ridurre le aldeidi sieriche. La vitamina C previene l'ED, diminuendo l'affinità di legame del recettore AT 1 per l'angiotensina II interrompendo i ponti disolfuro, arricchisce gli effetti antipertensivi di farmaci e farmaci negli anziani con ipertensione. Nei pazienti con ipertensione già in terapia farmacologica massima, 600 mg di vitamina C ha abbassato la PA in 20 / 16 mmHg. Più bassa è la quantità di siero di ascorbato, maggiore è la risposta della pressione arteriosa. Si consiglia un livello sierico di 100 μmol / L. SBP e 24 ABM rivelano le riduzioni più importanti con la somministrazione orale cronica di vitamina C. Block et al. All'interno di un elegante studio di esaurimento della vitamina C hanno rivelato una correlazione inversa tra livelli di ascorbato plasmatico, SBP e DBP. In una meta-analisi di tredici studi clinici congiuntamente a pazienti 284, la vitamina C in 500 mg / die in più di 6 settimane ha ridotto SBN 3.9 mmHg e DBP 2.1 mmHg. Individui ipertesi hanno mostrato livelli di ascorbato plasmatico significativamente più bassi rispetto ai soggetti normotesi (40 μmol / L vs 57 μmol / L rispettivamente) e l'ascorbato plasmatico è inversamente correlato con la PA anche in individui normotesi sani.

 

Vitamina E

 

La maggior parte degli studi non ha mostrato riduzioni della pressione arteriosa con la maggior parte delle forme di tocoferoli o tocotrienoli .. Pazienti con T2DM e ipertensione controllata (130/76 mmHg) su prescrizione di farmaci e farmaci con una pressione sanguigna media di 136/76 mmHg sono stati somministrati tocoferoli misti contenenti 60 percentuale gamma, 25% delta e 15% alfa tocoferoli. La pressione arteriosa è aumentata davvero di 6.8 / 3.6 mmHg nei pazienti di ricerca (de <0.0001) ma è stata significativamente inferiore rispetto a questa crescita con alfa tocoferolo di 7 / 5.3 mmHg (p <0.0001). Questo potrebbe essere un riflesso delle interazioni farmacologiche con i tocoferoli tramite il citocromo P 450 (3A4 e 4F2) e la riduzione dei livelli sierici dei trattamenti di terapia farmacologica che venivano concretamente concessi ai pazienti. Il gamma tocoferolo potrebbe avere effetti natriuretici inibendo questo canale del potassio nell'ampio arto ascendente dell'ansa di Henle e riducendo la pressione arteriosa. La sensibilità all'insulina migliora e potenzia l'espressione dell'adiponectina attraverso procedure gamma dipendenti, che hanno il potenziale per il glucosio sierico e abbassare la PA. Quando la vitamina E ha un effetto, è molto probabilmente piccolo e potrebbe essere limitato a quelli con malattie cardiovascolari o pazienti ipertesi non trattati o problemi psichiatrici, come iperlipidemia o diabete.

 

Vitamina D

 

La vitamina D3 può avere un ruolo indipendente e immediato nella regolazione del metabolismo dell'insulina e della BP. La pressione del sangue, con le sue conseguenze, influenza il sistema RAA, il controllo delle ghiandole surrenali, il sistema immunitario, il metabolismo del calcio fosfato e l'ED. Le quantità di PRA circolanti sono più elevate e aumenta l'angiotensina II se il grado di vitamina D è inferiore a 30 ng / mL, aumenta la pressione sanguigna e blunt il flusso ematico renale plasmatico. Più basso è il livello di vitamina D, maggiore è la probabilità di ipertensione, con il quartile più basso di vitamina D del siero con un'incidenza di ipertensione oltre al quartile massimo. La vitamina D3 sopprime marcatamente la trascrizione della renina. La sua funzione in quantità, elettroliti e omeostasi BP indica che la vitamina D3 è importante per il miglioramento dell'ipertensione. La vitamina D abbassa l'ADMA, sopprime le citochine proinfiammatorie ad esempio il TNF-α, solleva l'ossido nitrico, migliora la funzione endoteliale e l'elasticità arteriosa, diminuisce l'ipertrofia vascolare della muscolatura liscia, modula gli elettroliti e la glicemia, aumenta la sensibilità all'insulina, riduce la concentrazione di acidi grassi liberi, regola l'espressione del recettore del peptide natriuretico riduce ulteriormente l'HS-CRP.

 

L'effetto ipotensivo della vitamina D è stato inversamente correlato ai livelli sierici pretrattamento di 1,25 (OH) 2D3 e additivo a farmaci e farmaci antipertensivi. Pfeifer et al hanno rivelato che l'integrazione con vitamina D3 e calcio è più efficace nel ridurre la SBP. In uno studio, 148 donne con bassi livelli di 25 (OH) 2D3, la gestione di 1200 mg di calcio e 800 UI di vitamina D3 ha ridotto la SBP del 9.3% in più (p <0.02) rispetto a 1200 mg di calcio da solo. L'HR è sceso del 5.4% (p = 0.02), ma il DBP non è stato modificato. L'ambito della riduzione della PA era compreso tra 3.6 / 3.1 e 13.1 / 7.2 mmHg. La riduzione della pressione arteriosa riguarda il livello sierico di vitamina D3, la dose di vitamina D3 e il livello di vitamina D3, ma la pressione arteriosa è ridotta solo nei pazienti. Sebbene la carenza di vitamina D sia associata all'ipertensione negli studi osservazionali, la loro meta-analisi e studi clinici randomizzati hanno prodotto risultati inconcludenti. I polimorfismi del gene del recettore della vitamina D possono influenzare il rischio di ipertensione. Si consiglia un livello di 25 idrossivitamina D di 60 ng / mL.

 

Vitamina B6 (piridossina)

 

Bassi livelli sierici di vitamina B6 (piridossina) sono collegati all'ipertensione in diversi individui. Uno studio di ricerca condotto da Aybak et al. Ha dimostrato che la pressione arteriosa è stata significativamente ridotta da una dose elevata di vitamina B6 a 5 mg / kg al giorno per 4 wk da 14 / 10 mmHg. La piridossina (vitamina B6) è un cofattore nel neurotrasmettitore e la sintesi ormonale nel sistema nervoso centrale (norepinefrina, epinefrina, serotonina, GABA e chinurenina), solleva la sintesi di cisteina per neutralizzare le aldeidi, migliora la produzione di glutatione, blocca i canali del calcio, migliora la resistenza all'insulina , riduce il tono simpatico centrale e riduce la reattività dell'organo finale ai glucocorticoidi e ai mineralo-corticoidi. La vitamina B6 viene ridotta usando pyrollactams e terapia cronica. La vitamina B6 ha azioni per diuretici alfa agonisti e CCB. La dose proposta è 200 mg / die per via orale.

 

In conclusione, gli individui con malattie cardiovascolari possono beneficiare di una dieta e un'alimentazione adeguate. Le vitamine essenziali presenti nei modelli dietetici forniti dalle linee guida dietetiche dell'American Heart Association possono in definitiva aiutare a ridurre e prevenire il rischio di malattie cardiovascolari, nonché a migliorare la salute generale del cuore. Una cattiva alimentazione composta da cibi ricchi di grassi saturi e trans può aumentare la prevalenza di malattie cardiovascolari. Mentre diagnosi e farmaci / farmaci possono essere prescritti per trattare le malattie cardiovascolari, un'alimentazione equilibrata può avere effetti simili. L'ambito delle nostre informazioni è limitato a lesioni e condizioni chiropratiche e spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattarci a 915-850-0900 .

 

Dott. Alex Jimenez

 

Ulteriori argomenti: Benessere

 

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

 

 

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Chiropratica

 

 

Post Recenti

Circolazione / comunicazione ottimale dell'energia nervosa con la chiropratica

La funzionalità, la circolazione e la comunicazione del corpo sono significativamente influenzate dalla salute del nervoso ... Leggi di più

15 Gennaio 2021

Valutazione dello spreco muscolare

La deperimento muscolare è un riscontro prevalente in più malattie croniche e colpisce quasi il 70% ... Leggi di più

15 Gennaio 2021

Supporta la disintossicazione di tutto il corpo con la chiropratica

Se si ha a che fare con malattie croniche, condizioni o solo cattive condizioni di salute generale, il supporto disintossicante combinato con ... Leggi di più

14 Gennaio 2021

Effetti della metilcobalamina e neuropatia diabetica

La metilcobalamina è una forma attiva della vitamina B12 ed è stata utilizzata come terapia ... Leggi di più

14 Gennaio 2021

La chiave della vertebra Atlas per mantenere l'equilibrio e l'allineamento della testa

La vertebra dell'Atlante prende il nome dalla figura mitologica che teneva il mondo sulle sue ... Leggi di più

13 Gennaio 2021

Rafforzare i muscoli centrali per alleviare il dolore alla schiena

Il core ei muscoli coinvolti sono un gruppo di muscoli che avvolgono il ... Leggi di più

13 Gennaio 2021

Specialista in lesioni, traumi e riabilitazione spinale

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘