Prenotazione online 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX

Smettila di soffrire!

  • Quick n' Easy Appuntamento online
  • Prenota un appuntamento 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX
  • Chiamaci 915-850-0900.
Lunedi9: 00 AM - 7: 00 PM
Martedì9: 00 AM - 7: 00 PM
Mercoledì9: 00 AM - 7: 00 PM
Giovedi9: 00 AM - 7: 00 PM
Venerdì9: 00 AM - 7: 00 PM
Sabato8: 30 AM - 1: 00 PM
DomenicaChiuso

Doctor Cell (Emergenze) 915-540-8444

PRENOTA ONLINE 24/7

Valutazione Functional Medicine®

🔴 Avviso: Come parte del nostro Trattamento per lesioni acute pratica, ora offriamo Integratore di medicina funzionale Valutazioni e trattamenti dentro il nostro ambito clinico per i disturbi degenerativi cronici.  Per prima cosa valutare la storia personale, l'alimentazione corrente, i comportamenti di attività, le esposizioni tossiche, i fattori psicologici ed emotivi, in tandem genetica.  Poi può offrire Trattamenti di Medicina Funzionale insieme ai nostri protocolli moderni.  Scopri di più

Spiegazione della medicina funzionale

Assunzione Minerale Essenziale per le Malattie Cardiovascolari | Clinica del benessere

Share

Una dieta e un'alimentazione scorrette possono spesso portare a una varietà di problemi di salute, come le malattie cardiovascolari e l'ipertensione. Inoltre, altri fattori di rischio legati all'alimentazione possono includere: pressione alta o pressione arteriosa, obesità e diabete tipo 2. I grassi saturi e trans, ad esempio, possono aumentare il colesterolo nel sangue. È questo accumulo di depositi di grasso nelle arterie coronarie, che può portare a malattie cardiovascolari, ipertensione e persino infarti.

 

Quali vitamine e minerali possono migliorare le malattie cardiovascolari e l'ipertensione?

 

Un sano equilibrio di vitamine e minerali può aiutare a gestire e mantenere la salute del cuore. Secondo studi di ricerca, il giusto apporto di potassio, magnesio, calcio e zinco può migliorare sostanzialmente le malattie cardiovascolari e l'ipertensione. Una corretta dieta e nutrizione possono avere effetti simili a quelli che si assumono farmaci cardiovascolari e ipertensione e farmaci, ma attraverso un approccio molto più naturale.

Potassio

L'apporto alimentare medio di potassio (K +) negli Stati Uniti è di 45 mmol / d con un rapporto potassio / sodio (K + / Na +) inferiore a 1: 2. L'assunzione suggerita di K + è di 4700 mg / d (120 mmol) con un rapporto K + / Na + di circa 4-5 a 1. Diversi studi clinici e osservazionali hanno dimostrato una sostanziale diminuzione della PA con una maggiore assunzione di K + nei pazienti ipertesi. La normale riduzione della pressione sanguigna con un'integrazione K + da 60 a 120 mmol / d è di 4.4 / 2.5 mmHg nei pazienti ipertesi, ma può arrivare fino a 8 / 4.1 mmHg con 120 mmol / d (4700 mg). Nei pazienti ipertesi, la relazione dose-risposta lineare è una riduzione di 1.0 mmHg della pressione arteriosa sistolica, o SBP, e una diminuzione di 0.52 mmHg della pressione diastolica, o DBP, che rappresenta una crescita di 0.6 g / d nell'assunzione di fibre alimentari. La soluzione può comportare l'assunzione di razza (nero> bianco), sodio, magnesio e calcio. Quelli con una maggiore assunzione di sodio hanno una maggiore diminuzione della pressione arteriosa. L'alterazione di questo rapporto K + / Na + è molto importante per i due polinsaturi e i risultati. Un elevato apporto di potassio riduce la prevalenza di malattie cardiovascolari indipendentemente dalla riduzione della pressione arteriosa. Inoltre, se il potassio sierico è inferiore a 4.0 meq / dL, vi è un rischio più elevato di mortalità CVD, tachicardia ventricolare e fibrillazione ventricolare. Il potassio dei globuli rossi è un segno di riserve corporee complessive e rischio di CVD rispetto al potassio sierico. Gu et al hanno scoperto che la supplementazione di potassio in 60 mmol di KCl Daily per 12 settimane riduceva significativamente la SBP -5.0 mmHg (intervallo da -2.13 a -7.88 mmHg) (p <0.001) in 150 uomini e donne cinesi di età compresa tra 35 e 64 decenni.

 

L'insulina aumenta la natriuresi, modula la sensibilità, i vasodilati, riduce la sensibilità alle catecolamine e all'angiotensina II, solleva l'ATPasi dell'ossido nitrico e la sintesi del DNA nelle cellule muscolari lisce vascolari e diminuisce l'attività del sistema nervoso simpatico. Inoltre, il potassio aumenta la bradichinina e la callicreina della prostata, diminuisce la NADPH ossidasi, che riduce lo stress ossidativo e l'infiammazione, migliora la sensibilità all'insulina, riduce l'ADMA, riduce il sodio intracellulare e riduce la produzione di TGF-β.Each 1000 mg aumento di assunzione di potassio al giorno riduce tutto causa la mortalità di circa 20 per cento. Si stima che l'assunzione di potassio di 4.7 g / d diminuisca CVA di 8 percento in 15 percento e MI in 6 percento in 11 percento. Numerosi SNP, come la sottofamiglia del recettore nucleare 3 gruppo C, il recettore dell'angiotensina di tipo II e l'idrossisteroide 11 beta deidrogenasi (HSD11B1 e B2) determinano la reazione di un individuo all'assunzione di potassio nella dieta per la salute e il benessere generale.

 

Ogni riduzione di mg di 1000 nell'assunzione giornaliera di sodio ridurrà tutte le cause di mortalità. Uno studio recente ha indicato una risposta dose-correlata al CVA. C'è stato un RRR di CVA di 23 per cento al grammo 1.5-1.99, 27% a 2.0-2.49 g, 29 per cento a 2.5-3 ge 32 per cento in più rispetto a 3 g / d di escrezione urinaria di potassio. L'assunzione alimentare giornaliera raccomandata per le persone con ipertensione è 4.7 a 5.0 g di potassio e meno di 1500 milligrammi di sodio. Il potassio usato fuori integrazione deve essere ridotto con cautela nei pazienti con insufficienza renale o con gli antagonisti dei recettori ARB, DRI e siero aldosterone.

 

Magnesio

 

Un elevato apporto dietetico di magnesio di almeno 500-1000 mg / d riduce la PA nella maggior parte degli studi clinici epidemiologici e clinici osservati, ma i risultati sono molto meno coerenti di quelli osservati con K + e Na +. C'è una relazione inversa tra BP e l'assunzione di magnesio nella dieta. Un rapporto sui soggetti ipertensivi essenziali 60 trattati con integratori di magnesio ha mostrato una sostanziale riduzione della pressione arteriosa in un intervallo di otto settimane riportato da BP ambulatoriale XN, X ufficio e casa. La massima diminuzione negli studi clinici è stata 24 / 5.6 mmHg ma alcuni studi non hanno mostrato alcun cambiamento nella BP. La miscela di alta potassio e basso apporto di sodio con aumentato apporto di magnesio aveva.

 

Il magnesio aumenta anche l'efficacia di tutti i farmaci anti-ipertensivi e i farmaci, secondo studi di ricerca. Il magnesio compete con il Na + per i siti di legame sulla muscolatura liscia vascolare e funziona anche come vasodilatatore diretto. Il magnesio aumenta la prostaglandina E (PGE), modula il sodio intracellulare, il potassio, il calcio e il pH, aumenta l'ossido nitrico, migliora la funzione surrenale, riduce l'oxLDL, riduce l'HS-CRP, TBxA2, A-II e norepinefrina. Il magnesio aumenta anche l'insulino-resistenza, glucosio e SM, si lega in modo cooperativo con il potassio, provoca riduzione di EDV e PA, riduce CVD e aritmie cardiache, riduce l'IMT carotideo, riduce il colesterolo, riduce la produzione di citochine, inibisce il fattore nucleare Kb, riduce lo stress ossidativo e inibisce l'aggregazione piastrinica per ridurre la trombosi. Il magnesio è un co-fattore essenziale a causa del suo enzima delta-6-desaturasi che per la conversione dell'acido linoleico (LA) in acido gamma linolenico (GLA) necessario per la sintesi di questo vasodilatatore e inibitore piastrinico PGE1.

 

Una meta-analisi di tutti i pazienti 241378 che utilizzavano i colpi di 6477 ha mostrato una relazione inversa tra il magnesio dietetico e l'incidenza di ictus. Per ogni milligrammo 100 di assunzione di magnesio, la corsa è diminuita. Il meccanismo comprende l'inibizione del rilascio di glutammato indotto, il blocco del recettore NMDA, la riduzione delle azioni CCB nella vasodilatazione e la deplezione di ATP delle arterie. Una meta-analisi ha mostrato sconti mmHg negli studi 22 di pazienti 1173. Il livello intracellulare di calcio (RBC) è più indicativo delle carrozzerie generali e dovrebbe essere quantificato insieme al siero e al magnesio urinario. Il magnesio potrebbe essere integrato in dosi di 500. Le formulazioni di magnesio possono migliorare l'assorbimento e ridurre l'incidenza di diarrea. L'aggiunta di taurina in 1000 aumenta le ramificazioni del magnesio. Gli integratori di magnesio devono essere evitati o usati con cautela nei soggetti con insufficienza renale.

 

Calcio

 

Studi di popolazione rivelano un legame tra ipertensione e calcio, ma gli studi clinici che hanno gestito integratori di calcio hanno mostrato conseguenze sulla pressione sanguigna. Le risposte eterogenee all'integrazione di calcio sono state chiarite attraverso studi di ricerca. Questa è davvero l '"ipotesi ionica" dell'ipertensione, delle malattie cardiovascolari e dei disturbi cognitivi, cognitivi e funzionali associati. L'integrazione di calcio non è raccomandata in questo momento come un metodo efficace per ridurre la pressione sanguigna a causa di studi di ricerca insufficienti sul suo utilizzo.

 

Zinco

 

Bassi livelli sierici di zinco nella ricerca osservazionale e ipertensione correlata così come CHD, tipo II DM, iperlipidemia, elevata lipoproteina che un [Lp (a)], aumento dei livelli di glucosio plasmatico post-prandiale 2 h e insulino-resistenza. Lo zinco viene trasportato dai muscoli vascolari e cardiaci e dalle cellule dalla metallotioneina. Le carenze di metallotioneina con deficienze di zinco intramuscolare possono portare a stress ossidativo cardiomiocitario, disfunzione mitocondriale, disfunzione e apoptosi con ipertensione ritmica cardiaca, malattie cardiovascolari, insufficienza cardiaca o fibrosi. Il calcio intracellulare aumenta l'ossidazione.

 

Bergomi e colleghi hanno valutato lo stato di Zinco (Zn ++) nei soggetti ipertensivi 60 rispetto ai soggetti di controllo normotensivo 60. È stata osservata una correlazione inversa tra siero Zn ++ e BP. La PA era inversamente associata all'attività enzimatica della lisil ossidasi Zn ++ dipendente. Zn ++ inibisce l'espressione genica e la trascrizione attraverso NF-κBand proteina attivata-1 ed è ora un co-fattore significativo per SOD. Questi impatti più quelli sulla resistenza all'insulina e sulle conseguenze della SNS, lo scambio ionico della membrana, il RAAS potrebbero spiegare gli effetti antipertensivi di Zn ++. L'assunzione deve essere 50 mg / d.

 

Gli individui con malattie cardiovascolari e ipertensione possono trarre beneficio da una dieta e un'alimentazione adeguate. Le vitamine ei minerali essenziali presenti in un'alimentazione equilibrata e sana, come potassio, magnesio, calcio e zing, tra gli altri, possono aiutare a migliorare la salute del cuore. La loro carenza e una dieta ricca di grassi saturi e trans possono aumentare la prevalenza di malattie cardiovascolari. Mentre diagnosi e farmaci / farmaci possono essere prescritti per trattare malattie cardiovascolari e ipertensione, una dieta e un'alimentazione equilibrate possono avere effetti simili. L'ambito delle nostre informazioni è limitato a lesioni e condizioni chiropratiche e spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattarci a 915-850-0900 .

Dott. Alex Jimenez

 

Ulteriori argomenti: Benessere

 

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

 

 

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Chiropratica

 

 

Post Recenti

Circolazione / comunicazione ottimale dell'energia nervosa con la chiropratica

La funzionalità, la circolazione e la comunicazione del corpo sono significativamente influenzate dalla salute del nervoso ... Leggi di più

15 Gennaio 2021

Valutazione dello spreco muscolare

La deperimento muscolare è un riscontro prevalente in più malattie croniche e colpisce quasi il 70% ... Leggi di più

15 Gennaio 2021

Supporta la disintossicazione di tutto il corpo con la chiropratica

Se si ha a che fare con malattie croniche, condizioni o solo cattive condizioni di salute generale, il supporto disintossicante combinato con ... Leggi di più

14 Gennaio 2021

Effetti della metilcobalamina e neuropatia diabetica

La metilcobalamina è una forma attiva della vitamina B12 ed è stata utilizzata come terapia ... Leggi di più

14 Gennaio 2021

La chiave della vertebra Atlas per mantenere l'equilibrio e l'allineamento della testa

La vertebra dell'Atlante prende il nome dalla figura mitologica che teneva il mondo sulle sue ... Leggi di più

13 Gennaio 2021

Rafforzare i muscoli centrali per alleviare il dolore alla schiena

Il core ei muscoli coinvolti sono un gruppo di muscoli che avvolgono il ... Leggi di più

13 Gennaio 2021

Specialista in lesioni, traumi e riabilitazione spinale

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘