Disco erniato e trattamento non chirurgico Sciatica a El Paso, TX
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Disco erniato e trattamento non chirurgico alla sciatica a El Paso, TX

Un disco erniato, noto anche come disco scivolato o rotto, è una condizione di assistenza sanitaria che si verifica quando una lacrima nell'anello esterno fibroso di un disco intervertebrale fa sì che la sua parte morbida e centrale si espiri dalla cartilagine danneggiata e circostante. Le ernie del disco sono generalmente dovute alla degenerazione dell'anello esterno di un disco intervertebrale, noto come anulus fibrosus. Trauma, lesioni da sollevamento o tensione possono anche causare un'ernia del disco. Una lacerazione del disco intervertebrale può comportare il rilascio di sostanze chimiche che possono causare irritazione e in definitiva diventare il causa diretta di grave dolore alla schiena, anche senza compressione della radice nervosa.

Le ernie del disco si sviluppano anche in seguito a una precedente protrusione discale, una condizione di salute in cui gli strati più esterni dell'anulus fibroso rimangono intatti, tuttavia, questi possono gonfiarsi se il disco viene posto sotto pressione. A differenza dell'ernia del disco, nessuna sezione gelatinosa sfugge al disco intervertebrale. I dischi erniati spesso guariscono da soli entro alcune settimane. Grave ernia del disco può richiedere un intervento chirurgico, tuttavia, una serie di studi di ricerca hanno dimostrato che il trattamento non chirurgico può aiutare a migliorare e gestire il processo di recupero di un'ernia del disco senza la necessità di interventi chirurgici.

Trattamento chirurgico vs non chirurgico per ernia del disco lombare utilizzando la prova di ricerca dei pazienti della colonna vertebrale (SPORT): una prova randomizzata

astratto

  • Background: La discectomia lombare è la procedura chirurgica più comune eseguita per i sintomi della schiena e delle gambe nei pazienti statunitensi, ma l'efficacia della procedura relativa all'assistenza non chirurgica rimane controversa.
  • Obbiettivo: Per valutare l'efficacia della chirurgia per ernia del disco intervertebrale lombare.
  • Design, impostazione e pazienti: Il trial di ricerca sui pazienti della colonna vertebrale, uno studio clinico randomizzato che ha arruolato pazienti tra 2000 di marzo e 2004 di novembre da cliniche polmonari multidisciplinari 13 negli Stati Uniti di 11. I pazienti erano candidati all'501 (età media, 42 anni, 42% donne) con ernia del disco intervertebrale lombare confermata da imaging e segni e sintomi persistenti di radicolopatia per almeno 6 settimane.
  • interventi: Discectomia standard aperta vs trattamento non operatorio individualizzato al paziente.
  • Principali misure di esito: Gli esiti primari erano cambiamenti rispetto al basale per lo studio dei risultati medici 36-item Health Survey salute fisica e scale di funzione fisica e l'Oswestry Disability Index modificato (versione MODEMS di American Academy of Orthopaedic Surgeons) alle settimane 6, 3 mesi, 6 mesi, e 1 e 2 anni dall'iscrizione. Gli esiti secondari includevano la severità della sciatica misurata dall'indice di Sciatica Bothersomeness, la soddisfazione con i sintomi, il miglioramento auto-segnalato e lo stato lavorativo.
  • risultati: L'aderenza al trattamento assegnato è stata limitata: 50% dei pazienti assegnati all'intervento ha ricevuto un intervento chirurgico entro 3 mesi dall'arruolamento, mentre il 30% di quelli assegnati al trattamento non chirurgico ha ricevuto un intervento chirurgico nello stesso periodo. Le analisi intent-to-treat hanno dimostrato miglioramenti sostanziali per tutti gli esiti primari e secondari in entrambi i gruppi di trattamento. Differenze tra i gruppi nei miglioramenti erano coerentemente a favore della chirurgia per tutti i periodi, ma erano piccole e non statisticamente significative per gli esiti primari.
  • Conclusioni: I pazienti in entrambi i gruppi di trattamento chirurgico e non operatorio sono migliorati sostanzialmente nell'arco di un anno 2. A causa dell'elevato numero di pazienti che si sono incrociati in entrambe le direzioni, le conclusioni sulla superiorità o l'equivalenza dei trattamenti non sono giustificate sulla base dell'analisi intent-to-treat.
  • Registrazione di prova: clinicaltrials.gov Identifier: NCT00000410

La discectomia lombare è la procedura chirurgica più comune eseguita negli Stati Uniti per i pazienti con sintomi alla schiena e alle gambe; la stragrande maggioranza delle procedure sono elettive. Tuttavia, l'ernia del disco lombare è spesso vista su studi di imaging in assenza di sintomi [1,2] e può regredire nel tempo senza un intervento chirurgico. [3] Variabile fino a 15 nei tassi di discectomia regionale negli Stati Uniti [4] e tassi più bassi sollevare a livello internazionale domande relative all'opportunità di alcuni di questi interventi chirurgici. [5,6]

Diversi studi hanno confrontato chirurgici e non operativi trattamento di pazienti con ernia del disco, ma le differenze di base tra i gruppi di trattamento, le piccole dimensioni dei campioni o la mancanza di misure di esito convalidate in questi studi limitano le conclusioni basate sull'evidenza riguardo al trattamento ottimale. [7-12] Il trial di ricerca sui pazienti della colonna vertebrale (SPORT) è stato avviato a marzo 2000 per confrontare i risultati del trattamento chirurgico e non chirurgico per ernia del disco intervertebrale lombare, stenosi spinale o spondilolistesi degenerativa. [13] Lo studio comprendeva sia una coorte randomizzata che una coorte osservativa che si rifiutava di essere randomizzata in favore della designazione del proprio trattamento ma altrimenti soddisfatta tutti gli altri criteri per l'inclusione e chi ha accettato di sottoporsi al follow-up secondo lo stesso protocollo. Questo articolo riporta i risultati intent-to-treat attraverso gli anni 2 per la coorte randomizzata.

Metodi

disegno dello studio

SPORT è stato condotto presso le pratiche multidisciplinari della colonna vertebrale 13 negli stati degli Stati Uniti 11 (California, Georgia, Illinois, Maine, Michigan, Missouri, Nebraska, New York, New Hampshire, Ohio, Pennsylvania). Il comitato di soggetti umani di ciascuna istituzione partecipante ha approvato un protocollo standardizzato. Tutti i pazienti hanno fornito il consenso informato. Una scheda indipendente di monitoraggio dei dati e della sicurezza ha monitorato lo studio ad intervalli di 6-mese. [13]

Popolazione del paziente

I pazienti sono stati considerati per l'inclusione se erano 18 di anni e più anziani e diagnosticati dai medici partecipanti durante il periodo di registrazione dello studio con ernia del disco intervertebrale e sintomi persistenti nonostante qualche trattamento non chirurgico per almeno 6 settimane. Il contenuto della cura preoperatoria non chirurgica non era specificato nel protocollo ma includeva istruzione / consulenza (71%), terapia fisica (67%), iniezioni epidurali (42%), terapia chiropratica (32%), farmaci anti-infiammatori (61% ) e analgesici oppiacei (40%).

I criteri di inclusione specifici all'arruolamento erano il dolore radicolare (al di sotto del ginocchio per ernie lombari inferiori, nella coscia anteriore per ernie lombari superiori) e l'evidenza di irritazione delle radici nervose con un segno positivo di tensione della radice nervosa (gamba positiva positiva tra 30 ° e 70 ° o segno di tensione femorale positiva) o un corrispondente deficit neurologico (riflesso depressivo asimmetrico, diminuzione della sensibilità nella distribuzione dermatomale o debolezza nella distribuzione miotomiale). Inoltre, tutti i partecipanti erano candidati chirurgici sottoposti a imaging avanzato vertebrale (97% imaging a risonanza magnetica, 3% tomografia computerizzata) che mostra ernia del disco (protrusione, estrusione o frammento sequestrato) [14] ad un livello e lato corrispondenti ai sintomi clinici . I pazienti con ernie multiple erano inclusi se solo una delle ernie era considerata sintomatica (cioè, se solo una era stata programmata per essere operata).

I criteri di esclusione includevano precedente chirurgia lombare, sindrome di cauda equina, scoliosi maggiore di 15 °, instabilità segmentale (> movimento angolare 10 ° o> traslazione 4-mm), fratture vertebrali, infezione della colonna vertebrale o tumore, spondiloartropatia infiammatoria, gravidanza, condizioni comorbide controindicata chirurgica , o incapacità / riluttanza ad avere un intervento chirurgico entro i mesi 6.

Interventi di studio

L'intervento chirurgico era una discectomia aperta standard con esame della radice nervosa coinvolta. [15,16] La procedura concordata da tutti i centri partecipanti è stata eseguita in anestesia generale o locale, con i pazienti in posizione prona o al ginocchio. I chirurghi sono stati incoraggiati a usare l'ingrandimento della lente o un microscopio. Utilizzando un'incisione mediana che riflette i muscoli paraspinali, lo spazio interlaminare è stato inserito come descritto da Delamarter e McCullough. [15] In alcuni casi il bordo mediale della faccetta superiore è stato rimosso per fornire una chiara visione della radice nervosa coinvolta. Usando una piccola incisione anulare, il frammento del disco è stato rimosso come descritto da Spengler. [16] Il canale è stato ispezionato e il forame è stato rilevato per il disco residuo o patologia ossea. La radice del nervo era decompressa, lasciandola liberamente mobile.

Il gruppo di trattamento non operatorio ha ricevuto "cure usuali", con il protocollo dello studio che raccomandava che il trattamento non chirurgico minimo includesse almeno una terapia fisica attiva, un'educazione / counseling con istruzioni per l'esercizio a casa e farmaci antinfiammatori non steroidei, se tollerati. Sono stati elencati altri trattamenti non chirurgici e i medici sono stati incoraggiati ad individualizzare il trattamento per il paziente; tutti i trattamenti non operativi sono stati monitorati in modo prospettico. [13,17]

Misure di studio

Le misure principali erano lo studio dei risultati medici 36-item Health Survey Short-Form Health (SF-36) e le scale di funzione fisica [18-21] e l'American Academy of Orthopaedic Surgeons MODEMS versione di Oswestry Disability Index (ODI). [22] Come specificato nel protocollo di prova, i risultati primari erano variazioni rispetto al basale in queste scale a 6 settimane, 3 mesi, 6 mesi e 1 e 2 anni dalla registrazione.

Le misure secondarie includevano il miglioramento auto-riferito del paziente, lo stato lavorativo e il soddisfacimento dei sintomi attuali e con cura. [23] La gravità del sintomo è stata misurata dall'Indice di Beatsessia di Sciatica (intervallo 0-24; i punteggi più alti rappresentano sintomi peggiori). [24,25]

Reclutamento, iscrizione e randomizzazione

Un infermiere di ricerca in ciascun sito ha identificato potenziali partecipanti e ha verificato l'idoneità. Per il reclutamento e il consenso informato, videocassette basate su prove descrivevano i trattamenti chirurgici e non operazionali e i benefici attesi, i rischi e le incertezze. [26,27] Ai partecipanti è stato offerto l'arruolamento nello studio randomizzato o in una coorte osservazionale, i cui risultati sono riportati in un articolo associato.

L'iscrizione è iniziata a marzo 2000 e si è conclusa a novembre 2004. Le variabili di base sono state raccolte prima della randomizzazione. I pazienti si sono auto-riferiti razza ed etnia utilizzando le categorie di istituti nazionali di salute.

L'assegnazione al trattamento casuale generata dal computer basata su blocchi permutati (blocchi generati casualmente di 6, 8, 10 e 12) [28] all'interno dei siti si è verificata immediatamente dopo l'iscrizione tramite un sistema automatizzato in ciascun sito, garantendo l'occultamento della corretta allocazione. Le misure di studio sono state raccolte al basale e alle visite di follow-up programmate regolarmente. Le visite di follow-up a breve termine si sono verificate nelle settimane 6 e nei mesi 3. Se la chirurgia è stata ritardata oltre le settimane 6, sono stati ottenuti ulteriori dati di follow-up 6 settimane e 3 mesi dopo l'intervento. Visite di follow-up a più lungo termine si sono verificate a 6 mesi, 1 anno dall'iscrizione e annualmente in seguito.

Analisi statistiche

Inizialmente, abbiamo determinato che la dimensione del campione di pazienti 250 in ciascun gruppo di trattamento fosse sufficiente (con un livello di significatività 2 di .05 e 85% di potenza) per rilevare una differenza di punto 10 nel dolore corporeo e nelle scale di funzionamento fisico di SF-36 o una dimensione dell'effetto simile nell'ODI. Questa differenza corrispondeva alle segnalazioni dei pazienti di essere "un po 'meglio" nel Maine Lumbar Spine Study (MLSS). [29] Il calcolo della dimensione del campione consentiva fino a 20% di dati mancanti, ma non rappresentava alcun livello specifico di non aderenza.

Le analisi per i risultati primari e secondari hanno utilizzato tutti i dati disponibili per ciascun periodo su base intent-to-treat. I punti finali predeterminati per lo studio includevano risultati per ciascuna delle settimane 6, 3 mesi, 6 mesi, 1 anno e 2 anni. Per regolare il possibile effetto dei dati mancanti sui risultati dello studio, l'analisi delle variazioni medie per risultati continui è stata eseguita utilizzando la stima della massima verosimiglianza per i modelli di effetti misti longitudinali con ipotesi "mancanti a caso" e includendo un termine per il centro di trattamento. Le analisi comparative sono state eseguite utilizzando i metodi di imputazione singola del valore di base riportato e l'ultimo valore riportato, nonché un modello misto longitudinale che controlla le covariate associate alle visite mancate. [30]

Per gli esiti secondari binari, i modelli di regressione logistica longitudinale sono stati adattati utilizzando equazioni di stima generalizzate [31] come implementate nel programma PROC GENMOD della versione SAS 9.1 (SAS Institute Inc, Cary, NC). Gli effetti del trattamento sono stati stimati come differenze nelle proporzioni stimate nei gruppi di trattamento 2.

P <.05 (2-lato) è stato utilizzato per stabilire la significatività statistica. Per gli esiti primari, gli intervalli di confidenza% (IC) 95% per gli effetti medi del trattamento sono stati calcolati in ciascun momento temporale designato. I test globali dell'ipotesi congiunta di nessun effetto del trattamento in nessuno dei periodi designati sono stati eseguiti utilizzando i test Wald [32] come implementati in SAS. Questi test spiegano la correlazione intraindividuale dovuta a ripetute misurazioni nel tempo. [32]

La non aderenza al trattamento assegnato in modo casuale può significare che l'analisi intention-to-treat sottovaluta il reale beneficio del trattamento. [33,34] Come analisi di sensibilità pianificata, abbiamo anche stimato un'analisi longitudinale "as-treated" basata sul confronto di quelli effettivamente trattati chirurgicamente e non operativamente. Sono state utilizzate misure ripetute dei risultati come variabili dipendenti e il trattamento ricevuto è stato incluso come covariata variabile nel tempo. Gli aggiustamenti sono stati effettuati per il tempo dell'intervento rispetto alla data di iscrizione originale per approssimare i tempi di follow-up designati. Sono state incluse variabili di base individuate individualmente per prevedere i dati mancanti o il trattamento ricevuto durante l'anno 1 per correggere eventuali confondimenti.

risultati

SPORT ha ottenuto la piena iscrizione, con 501 (25%) dei pazienti eleggibili 1991 arruolati nello studio randomizzato. Un totale di partecipanti 472 (94%) ha completato almeno una visita di follow-up 1 e sono stati inclusi nell'analisi. I dati erano disponibili tra 86% e 73% di pazienti a ciascuno dei tempi di follow-up designati (Figura 1).

Figura Diagramma di flusso 1 dello SPORT RCT di ernia del disco
Figura 1: Diagramma di flusso dello studio controllato randomizzato di ernia del disco: Esclusione, iscrizione, randomizzazione e follow-up.

Caratteristiche del paziente

Le caratteristiche del paziente al basale sono mostrate nella Tabella 1. Complessivamente, la popolazione dello studio aveva un'età media di anni 42, con maggioranze di sesso maschile, bianco, impiegati e avendo frequentato almeno un college; 16% ricevevano un compenso per invalidità. Tutti i pazienti avevano dolore radicolare alla gamba, 97% in una classica distribuzione dermatomale. La maggior parte delle ernie erano a L5-S1, posterolaterale, ed erano estrusioni mediante criteri di imaging. [14] I gruppi randomizzati 2 erano simili al basale.

Tabella Dati demografici di base del paziente 1

Trattamenti non operativi

Durante lo studio è stata utilizzata una varietà di trattamenti non operativi (Tabella 2). La maggior parte dei pazienti ha ricevuto un'istruzione / consulenza (93%) e farmaci anti-infiammatori (61%) (farmaci anti-infiammatori non steroidei, inibitori della cicloossigenasi 2 o steroidi orali); 46% ha ricevuto oppiacei; più del 50% ha ricevuto iniezioni (ad es. steroidi epidurali); e 29% sono stati prescritti limiti di attività. Il quarantaquattro percento ha ricevuto una terapia fisica attiva durante lo studio; tuttavia, 67% lo ha ricevuto prima dell'iscrizione.

Tabella 2 Trattamenti non operativi

Trattamento chirurgico e complicanze

La tabella 3 offre le caratteristiche del trattamento chirurgico e delle complicanze. Il tempo di intervento mediano era di 75 minuti (intervallo interquartile, 58-90), con una perdita di sangue mediana di 49.5 mL (intervallo di piastrine interquar, 25-75). Solo 2% ha richiesto trasfusioni. Non ci sono stati decessi perioperatori; Il paziente 1 è deceduto per complicazioni del parto 11 mesi dopo l'arruolamento. La complicazione intraoperatoria più comune è stata la rottura durale (4%). Non ci sono state complicanze postoperatorie nella percentuale di 95 dei pazienti. La reintervento si è verificata in 4% di pazienti entro l'anno 1 dell'intervento iniziale; più del 50% dei reinterventi erano per ernie ricorrenti allo stesso livello.

Tabella 3 Trattamenti operativi, complicazioni ed eventi

non aderenza

La mancata aderenza all'assegnazione del trattamento ha colpito entrambi i gruppi, cioè, alcuni pazienti nel gruppo operatorio hanno scelto di ritardare o rifiutare l'intervento chirurgico, e alcuni nel gruppo di trattamento non operatorio si sono incrociati per ricevere un intervento chirurgico (Figura 1). Le caratteristiche dei pazienti crossover che erano statisticamente differenti dai pazienti che non hanno attraversato sono mostrate in Tabella 4. Quelli con maggiori probabilità di passare a ricevere un intervento chirurgico tendevano ad avere redditi più bassi, peggiori sintomi di base, più invalidità al basale sull'ODI ed erano più propensi a valutare i loro sintomi come peggiorativi all'arruolamento rispetto agli altri pazienti che ricevevano trattamenti non chirurgici. Quelli più probabili da attraversare per ricevere cure non chirurgiche erano più anziani, avevano redditi più alti, avevano maggiori probabilità di avere un'ernia del disco lombare superiore, meno probabilità di avere un risultato positivo di innalzamento delle gambe, meno dolore, migliore funzione fisica, meno disabilità sull'ODI, ed era più probabile che valutassero i loro sintomi come migliori all'arruolamento rispetto agli altri pazienti operati.

Tabella 4 Dati demografici basali statisticamente significativi

Dati mancanti

Le percentuali di dati mancanti erano equivalenti tra i gruppi in ciascun momento, senza evidenza di abbandono differenziale in base al trattamento assegnato. Le caratteristiche dei pazienti con visite mancate erano molto simili a quelle del resto della coorte tranne che i pazienti con dati mancanti avevano meno probabilità di essere sposati, più probabilità di ricevere un compenso per invalidità, più probabilità di fumare, più probabilità di mostrare debolezza motoria di base e aveva punteggi di sintesi delle componenti mentali di base inferiori su SF-36.

Analisi Intent-to-Treat

La tabella 5 mostra le variazioni medie stimate dal basale e gli effetti del trattamento (differenze nei cambiamenti rispetto al basale tra i gruppi di trattamento) per i mesi 3, 1 anno e 2 anni. Per ogni misura e in ogni punto, l'effetto del trattamento favorisce l'intervento chirurgico. Gli effetti del trattamento per gli esiti primari erano piccoli e non statisticamente significativi in ​​nessuno dei punti. Come mostrato nella Figura 2, entrambi i gruppi di trattamento hanno mostrato forti miglioramenti in ciascuno dei tempi di follow-up designati, con piccoli vantaggi per la chirurgia. Tuttavia, per ogni risultato primario il test globale combinato per qualsiasi differenza in qualsiasi periodo non era statisticamente significativo. Questo test tiene conto delle correlazioni intraindividuali come descritto nella sezione "Metodi".

Figura 2 punteggio medio nel tempo
Figura 2: Punteggi medi nel tempo per SF-36 Dolore corporeo e scale di funzione fisica e indice di disabilità di Oswestry.

Tabella 5 Effetti del trattamento per risultati primari e secondari
Tabella 5: Effetti del trattamento per esiti primari e secondari basati su analisi Intent to Treat *

Per il risultato secondario della sciatalgia, la Tabella 5 e la Figura 3 mostrano che ci sono stati maggiori miglioramenti nell'Indice di Beatsessia Sciatica nel gruppo operatorio a tutti i tempi di follow-up designati: 3 mesi (effetto del trattamento, -2.1; 95% CI, - 3.4 a -0.9), 1 anno (effetto del trattamento, -1.6; 95% CI, -2.9 a -0.4) e 2 anni (effetto del trattamento, -1.6; 95% CI, -2.9 a -0.3), con risultati di il test di ipotesi globale è statisticamente significativo (P = .003). La soddisfazione dei pazienti con i sintomi e il trattamento ha mostrato piccoli effetti a favore della chirurgia mentre lo stato occupazionale ha mostrato piccoli effetti a favore dell'assistenza non chirurgica, ma nessuno di questi cambiamenti era statisticamente significativo. Il progresso auto-valutato ha mostrato un piccolo vantaggio statisticamente significativo per la chirurgia (P = .04).

Figura Misure 3 nel tempo
Figura 3: Misure nel tempo per l'indice di beatsessia di Sciatica, stato di occupazione, soddisfazione con i sintomi, soddisfazione con cura e miglioramento auto-valutato.

Le analisi As-treated basate sul trattamento ricevuto sono state eseguite con aggiustamenti per il tempo dell'intervento chirurgico e fattori che influenzano il trattamento incrociato e dati mancanti. Ciò ha prodotto risultati molto diversi dall'analisi intent-to-treat, con forti vantaggi statisticamente significativi visti per la chirurgia in tutti i periodi di follow-up attraverso gli anni 2. Ad esempio, nell'anno 1 gli effetti del trattamento stimati per il dolore corporeo e la funzione fisica SF-36 si ridimensionano, l'ODI e le misure di sciatica erano 15.0 (95% CI, 10.9 a 19.2), 17.5 (95% CI, 13.6 a 21.5 ), -15.0 (95% CI, -18.3 a -11.7) e -3.2 (95% CI, -4.3 a -2.1), rispettivamente.

L'analisi di sensibilità è stata eseguita per 4 diversi metodi analitici per trattare i dati mancanti. Un metodo era basato su semplici modifiche medie per tutti i pazienti con dati in un dato momento senza alcuna modifica speciale per i dati mancanti. Due metodi hanno utilizzato metodi di imputazione singoli: il valore di base riportato e l'ultimo valore riportato. [32] Il secondo metodo ha utilizzato lo stesso approccio a modelli misti per la stima delle variazioni medie come indicato nella tabella 5, ma anche per i fattori che influiscono sulla probabilità di dati mancanti . Le stime dell'effetto del trattamento nell'anno 1 variavano da 1.6 a 2.9 per la scala del dolore corporeo di SF-36, da 0.74 a 1.4 per la scala della funzione fisica, da -2.2 a -3.3 per l'ODI e -1.1 a -1.6 per le misure di sciatica. Dati questi intervalli, non sembrano esserci differenze sostanziali tra nessuno di questi metodi.

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

I sintomi del disco erniato variano in base alla posizione della condizione e ai tessuti molli circostanti colpiti lungo la colonna vertebrale. Le ernie del disco lombare, una delle aree più comuni per l'ernia del disco, sono caratterizzate dalla compressione delle radici nervose lungo la parte bassa della schiena e possono generalmente causare sintomi di sciatica. La chirurgia è comunemente raccomandata per trattare le ernie del disco, tuttavia, numerosi metodi di trattamento possono aiutare a gestire la condizione senza la necessità di interventi chirurgici. Uno studio di ricerca condotto sulla sciatica causata da ernie discali ha determinato che circa il 73 percentuale di partecipanti ha riscontrato un miglioramento dei sintomi con un trattamento non chirurgico. I risultati di questo articolo hanno concluso che il trattamento non chirurgico può essere efficace quanto la chirurgia nel trattamento dell'ernia dei dischi.

Commento

Sia i pazienti operati che quelli non operati con ernia del disco intervertebrale sono migliorati sostanzialmente nell'arco di un anno 2. L'analisi intent-to-treat in questo studio non ha mostrato effetti di trattamento statisticamente significativi per gli esiti primari; le misure secondarie della gravità della sciatica e il progresso auto-segnalato hanno mostrato vantaggi statisticamente significativi per la chirurgia. Questi risultati devono essere considerati nel contesto dei tassi sostanziali di non aderenza al trattamento assegnato. Il pattern di non aderenza è sorprendente perché, a differenza di molti studi chirurgici, sono stati influenzati sia i gruppi di trattamento chirurgico che quelli non operazionali. [35] Il trial comparativo più simile [8] ha crossover 26% in chirurgia a 1 anno, ma solo 2% crossover out di chirurgia. Ci si può aspettare che la miscelazione dei trattamenti a causa del crossover crei un pregiudizio verso il nulla. [34] I grandi effetti osservati nell'analisi trattata e le caratteristiche dei pazienti crossover suggeriscono che l'analisi intent-to-treat sottovaluta il vero effetto della chirurgia.

I risultati di SPORT sono coerenti con l'esperienza clinica in quanto il sollievo dal dolore alle gambe è stato il miglioramento più sorprendente e costante con la chirurgia. È importante sottolineare che tutti i pazienti in questo studio hanno avuto dolore alle gambe con esame fisico e reperti di imaging che hanno confermato un'ernia del disco. C'era poca evidenza di danno da entrambi i trattamenti. Nessun paziente in entrambi i gruppi ha sviluppato la sindrome della cauda equina; 95% dei pazienti chirurgici non ha avuto complicanze intraoperatorie. La complicazione più comune, la rottura durale, si è verificata nel 4% dei pazienti, simile al 2% al 7% osservato nella meta-analisi di Hoffman et al. 7 2.2% osservata nel MLSS, [29] e 4% nel serie recenti da Stanford. [36]

Una limitazione è la potenziale mancanza di rappresentatività dei pazienti che accettano di essere randomizzati alla chirurgia o all'assistenza non chirurgica; tuttavia, le caratteristiche dei pazienti che hanno accettato di partecipare allo SPORT erano molto simili a quelle di altri studi. [29,36] L'età media degli anni 42 era simile all'età media nel MLSS, [29] alla serie di Spangfort, [37] e il trial randomizzato di Weber, [8] e solo leggermente più vecchio di quelli della recente serie di Stanford (37.5 anni). [36] La proporzione di pazienti che ricevevano un compenso per lavoratori in SPORT (16%) era simile alla proporzione in la popolazione di Stanford (19%) ma inferiore a quella nella popolazione di MLSS (35%), che ha sovracampionato in modo specifico i pazienti che hanno ricevuto un compenso. Anche lo stato funzionale di riferimento era simile, con un ODI di riferimento medio di 46.9 in SPORT vs 47.2 nella serie Stanford e un punteggio medio di funzione fisica di riferimento X-36 di 39 in SPORT vs 37 nel MLSS.

I rigorosi criteri di ammissibilità, tuttavia, possono limitare la generalizzabilità di questi risultati. I pazienti incapaci di tollerare i sintomi per 6 settimane e richiedere un precedente intervento chirurgico non sono stati inclusi, né i pazienti senza chiari segni e sintomi di radicolopatia con imaging di conferma. Non possiamo trarre conclusioni sull'efficacia della chirurgia in questi altri gruppi. Tuttavia, i nostri criteri di ingresso hanno seguito le linee guida pubblicate per la selezione dei pazienti per la discectomia elettiva, ei nostri risultati dovrebbero applicarsi alla maggior parte dei pazienti che devono affrontare una decisione chirurgica. [38,39]

Per comprendere appieno l'effetto del trattamento chirurgico rispetto al trattamento non chirurgico, vale la pena notare come ogni gruppo è andato avanti. I miglioramenti con la chirurgia nello SPORT erano simili a quelli delle serie precedenti dell'anno 1: per gli ODI, i punti 31 rispetto ai punti 34 della serie Stanford; per la scala del dolore corporeo, 40 punta contro 44 nel MLSS; e per la sciatica di entrambe le cose, 10 punti vs 11 nel MLSS. Allo stesso modo, Weber [8] ha riportato 66% risultati "buoni" nel gruppo chirurgico, rispetto al 76% che ha riportato "miglioramento maggiore" e 65% soddisfatto dei loro sintomi nello SPORT.

I miglioramenti osservati con il trattamento non chirurgico nello SPORT erano maggiori rispetto a quelli del MLSS, con il risultato di un piccolo effetto di trattamento stimato. Il miglioramento non chirurgico dei punti 37, 35 e 9 nel dolore corporeo, nella funzione fisica e nella scarsità della sciatica, rispettivamente, erano molto maggiori dei miglioramenti dei punti 20, 18 e 3 riportati nel MLSS. Il maggiore miglioramento con il trattamento non chirurgico in SPORT può essere correlato alla grande percentuale di pazienti (43%) sottoposti a intervento chirurgico in questo gruppo.

La principale limitazione di SPORT è il grado di non aderenza con trattamento randomizzato. Dato questo grado di crossover, è improbabile che l'analisi intent-to-treat possa costituire la base di una stima valida del vero effetto del trattamento chirurgico. L'analisi "as-treated" con aggiustamenti per possibili fattori confondenti ha mostrato effetti molto più grandi a favore del trattamento chirurgico. Tuttavia, questo approccio non ha la forte protezione contro i confondimenti che è offerta dalla randomizzazione. Non possiamo escludere la possibilità che le differenze di base tra i gruppi trattati come, o la scelta selettiva di alcuni ma non di altri pazienti di passare in chirurgia, possano aver influenzato questi risultati, anche dopo aver controllato le covariate importanti. A causa di vincoli pratici ed etici, questo studio non è stato mascherato attraverso l'uso di procedure fittizie. Pertanto, qualsiasi miglioramento osservato con la chirurgia può includere un certo grado di "effetto placebo".

Un'altra possibile limitazione è che la scelta dei trattamenti non operativi era a discrezione del medico curante e del paziente. Tuttavia, date le prove limitate sull'efficacia per la maggior parte dei trattamenti non chirurgici per l'ernia del disco lombare e la variabilità individuale in risposta, la creazione di un protocollo limitato e fisso per il trattamento non chirurgico non era né clinicamente fattibile né generalizzabile. I trattamenti non chirurgici utilizzati erano coerenti con le linee guida pubblicate [17,38,39] Rispetto al MLSS, SPORT aveva un uso inferiore di restrizione di attività, manipolazione spinale, stimolazione elettrica transcutanea del nervo e bretelle e corsetti e tassi più elevati di iniezioni di steroidi epidurali e uso di stupefacenti analgesici. Questo flessibile protocollo non operativo presentava i vantaggi dell'individualizzazione che considerava le preferenze del paziente nella scelta del trattamento non operatorio e di riflettere la pratica corrente tra le pratiche multidisciplinari della colonna vertebrale. Tuttavia, non possiamo trarre alcuna conclusione sull'effetto della chirurgia rispetto a qualsiasi trattamento non chirurgico specifico. Allo stesso modo, non possiamo valutare adeguatamente l'efficacia relativa di eventuali differenze nella tecnica chirurgica.

Conclusione

I pazienti in entrambi i gruppi di trattamento chirurgico e non chirurgico sono migliorati sostanzialmente durante i primi anni 2. Differenze tra i gruppi nei miglioramenti erano coerentemente a favore della chirurgia per tutti i risultati e in tutti i periodi di tempo, ma erano piccole e non statisticamente significative tranne per le misure secondarie di severità sciatica e miglioramento auto-valutato. A causa dell'elevato numero di pazienti che si sono incrociati in entrambe le direzioni, le conclusioni sulla superiorità o l'equivalenza dei trattamenti non sono giustificate sulla base dell'analisi intent-to-treat.

Ringraziamenti e note a piè di pagina

Ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2553805/

Manipolazione o microdiskectomy per sciatica? Uno studio clinico prospettico randomizzato

astratto

Obbiettivo: Lo scopo di questo studio era di confrontare l'efficacia clinica della manipolazione spinale contro microdiskectomy in pazienti con sciatica secondaria a ernia del disco lombare (LDH).

Metodi: Centoventi pazienti che si presentavano tramite referral elettivo da medici di medicina generale a chirurghi spinali neurochirurgici sono stati sottoposti a screening consecutivo per i sintomi di radicolopatia lombare unilaterale secondaria a LDH a L3-4, L4-5 o L5-S1. Quaranta pazienti consenzienti consecutivi che hanno soddisfatto i criteri di inclusione (i pazienti devono aver fallito almeno 3 mesi di gestione non chirurgica incluso trattamento con analgesici, modificazione dello stile di vita, fisioterapia, terapia di massaggio e / o agopuntura) sono stati randomizzati alla microdiscectomia chirurgica o alla manipolazione spinale chiropratica standardizzata. Il crossover al trattamento alternativo è stato autorizzato dopo i mesi 3.

risultati: In tutte le misure di outcome è stato osservato un miglioramento significativo in entrambi i gruppi di trattamento rispetto ai punteggi di base nel tempo. Dopo l'anno 1, l'analisi intent-to-treat di follow-up non ha rivelato una differenza di outcome in base al trattamento originale ricevuto. Tuttavia, i pazienti con 3 sono passati dalla chirurgia alla manipolazione spinale e non sono riusciti a ottenere ulteriori miglioramenti. Otto pazienti sono passati dalla manipolazione spinale alla chirurgia e sono migliorati nella stessa misura delle loro controparti chirurgiche primarie.

Conclusioni: Il sessanta per cento dei pazienti con sciatica che avevano fallito in altre cure mediche ha beneficiato della manipolazione spinale allo stesso grado di come subissero l'intervento chirurgico. Di 40% lasciato insoddisfatto, il successivo intervento chirurgico conferisce un risultato eccellente. I pazienti con LDH sintomatica che non riesce a gestire il trattamento medico dovrebbero prendere in considerazione la manipolazione spinale seguita da un intervento chirurgico se giustificato.

In conclusione, un disco erniato fa sì che la parte morbida e centrale di un disco intervertebrale sporga una lacrima nel suo anello esterno fibroso a causa di degenerazione, trauma, lesioni da sollevamento o tensione. La maggior parte delle ernie del disco può guarire da sole, ma quelle considerate gravi possono richiedere interventi chirurgici per curarle. Studi di ricerca, come quello sopra, hanno dimostrato che il trattamento non chirurgico può aiutare il recupero di un ernia del disco senza la necessità di un intervento chirurgico. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Boden SD, Davis DO, Dina TS, Patronas NJ, Wiesel SW. Scansioni anormali di risonanza magnetica della colonna lombare in soggetti asintomatici: un'indagine prospettica. J Bone Joint Surg Am. 1990; 72: 403-408. [PubMed]
2. Jensen MC, Brant-Zawadzki MN, Obuchowski N, Modic MT, Malkasian D, Ross JS. Imaging a risonanza magnetica della colonna lombare in persone senza dolore alla schiena. N Engl J Med. 1994; 331: 69-73. [PubMed]
3. Saal JA, Saal JS. Trattamento non chirurgico del disco intervertebrale lombare erniato con radicolopatia. Colonna vertebrale. 1989; 14: 431-437. [PubMed]
4. Weinstein JN, Dartmouth Atlas Working Group. Dartmouth Atlas of Musculoskeletal Health Care. American Hospital Association Press; Chicago, Illinois: 2000.
5. Deyo RA, Weinstein JN. Lombalgia. N Engl J Med. 2001; 344: 363-370. [PubMed]
6. Weinstein JN, Bronner KK, Morgan TS, Wennberg JE. Tendenze e variazioni geografiche nella chirurgia maggiore per le malattie degenerative dell'anca, del ginocchio e della colonna vertebrale. Health Aff (Millwood) 2004; (suppl Web exclusive): var81-89. [PubMed]
7. Hoffman RM, Wheeler KJ, Deyo RA. Chirurgia per ernia del disco lombare: una sintesi letteraria. J Gen Intern Med. 1993; 8: 487-496. [PubMed]
8. Ernia del disco di Weber H. Lumbar: uno studio controllato e prospettico con dieci anni di osservazione. Colonna vertebrale. 1983; 8: 131-140. [PubMed]
9. Buttermann GR. Trattamento dell'ernia del disco lombare: iniezione steroidea epidurale rispetto alla discectomia: uno studio prospettico randomizzato. J Bone Joint Surg Am. 2004; 86: 670-679. [PubMed]
10. Gibson JN, Grant IC, Waddell G. La revisione Cochrane della chirurgia per il prolasso del disco lombare e la spondilosi degenerativa lombare. Colonna vertebrale. 1999; 24: 1820-1832. [PubMed]
11. Gibson JN, Grant IC, Waddell G. Surgery per il prolasso del disco lombare. Database Cochrane Syst Rev. 2000; (3): CD001350. [PubMed]
12. Jordan J, Shawver Morgan T, Weinstein J, disco lombare Konstantinou K. Herniated. Clin Evid. 2003 giugno;: 1203-1215.
13. Birkmeyer NJ, Weinstein JN, Tosteson AN, et al. Design della colonna vertebrale (SPORT) dei risultati della ricerca sui pazienti della colonna vertebrale. 2002; 27: 1361-1372. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
14. Fardon DF, Milette PC. Nomenclatura e classificazione della patologia del disco lombare: raccomandazioni delle Task Force combinate della Società nordamericana della colonna vertebrale, Società americana di radiologia della colonna vertebrale e Società americana di neuroradiologia. Colonna vertebrale. 2001; 26: E93-E113. [PubMed]
15. Delamarter R, McCullough J. Microdiscectomy e laminotomia microchirurgica. In: Frymoyer J, editore. The Adult Spine: Principles and Practice. 2nd ed. Lippincott-Raven Publishers; Philadelphia, Pa: 1996.
16. Spengler DM. Discectomia lombare: risultati con escissione discale limitata e foraminotomia selettiva. Colonna vertebrale. 1982; 7: 604-607. [PubMed]
17. Cummins J, Lurie JD, Tosteson T, et al. Epidemiologia descrittiva e utilizzo precedente dell'assistenza sanitaria dei pazienti nelle tre coorti osservative della sperimentazione clinica della ricerca dei risultati della colonna vertebrale (SPINE): ernia del disco, stenosi spinale e spondilolistesi degenerativa. Colonna vertebrale. 2006; 31: 806-814. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
18. Ware JE, Jr, Sherbourne D. Il sondaggio sulla salute in forma breve MOS 36 (SF-36), I: quadro concettuale e selezione degli articoli. Cura medica. 1992; 30: 473-483. [PubMed]
19. Ware JE., Jr. Indagine sulla salute SF-36: manuale e guida all'interpretazione. Nimrod Press; Boston, Mass: 1993.
20. McHorney CA, Ware JE, Jr, Lu JF, Sherbourne CD. L'indagine sulla salute a breve durata MOS 36-item (SF-36), III: test di qualità dei dati, ipotesi di ridimensionamento e affidabilità tra diversi gruppi di pazienti. Cura medica. 1994; 32: 40-66. [PubMed]
21. Stewart AL, Greenfield S, Hays RD, et al. Stato funzionale e benessere dei pazienti con condizioni croniche: risultati dello studio sui risultati medici. JAMA. 1989; 262: 907-913. [PubMed]
22. Daltroy LH, Cats-Baril WL, Katz JN, Fossel AH, Liang MH. Lo strumento di valutazione dei risultati della colonna lombare della North American Spine Society: test di affidabilità e validità. Colonna vertebrale. 1996; 21: 741-749. [PubMed]
23. Deyo RA, Diehl AK. Soddisfazione del paziente con le cure mediche per il dolore lombare. Colonna vertebrale. 1986; 11: 28-30. [PubMed]
24. Atlas SJ, Deyo RA, Patrick DL, Convery K, Keller RB, Singer DE. La classificazione Task Force del Quebec per i disturbi spinali e la gravità, il trattamento e gli esiti della stenosi spinale e della colonna vertebrale lombare. Colonna vertebrale. 1996; 21: 2885-2892. [PubMed]
25. Patrick DL, Deyo RA, Atlas SJ, Cantante DE, Chapin A, Keller RB. Valutare la qualità della vita correlata alla salute nei pazienti con sciatica. Colonna vertebrale. 1995; 20: 1899-1908. [PubMed]
26. Phelan EA, Deyo RA, Cherkin DC, et al. Aiutare i pazienti a decidere sulla chirurgia posteriore: una prova randomizzata di un programma video interattivo. Colonna vertebrale. 2001; 26: 206-211. [PubMed]
27. Weinstein JN. Partnership: medico e paziente: difesa per scelta informata rispetto al consenso informato. Colonna vertebrale. 2005; 30: 269-272. [PubMed]
28. Friedman L, Furberg C, DeMets D. Fondamenti di Prove cliniche. 3rd ed. Springer-Verlag; Cambridge, Mass: 1998. Il processo di randomizzazione; pp. 61-81.
29. Atlas SJ, Deyo RA, Keller RB, et al. The Maine Lumbar Spine Study, II: risultati di 1-year di gestione chirurgica e non chirurgica della sciatica. Colonna vertebrale. 1996; 21: 1777-1786. [PubMed]
30. Little R, Rubin D. Analisi statistica con dati mancanti. 2nd ed. John Wiley & Sons; Philadelphia, Pa: 2002.
31. Diggle P, Haeagery P, Liang K, Zeger S. L'analisi dei dati longitudinali. 2nd ed. La stampa dell'università di Oxford; Oxford, Inghilterra: 2002.
32. Fitzmaurice G, Laird N, Ware J. Analisi longitudinale applicata. John Wiley & Sons; Philadelphia, Pa: 2004.
33. Altman DG, Schulz KF, Moher D, et al. La dichiarazione CONSORT rivista per la segnalazione di studi randomizzati: spiegazione ed elaborazione. Ann Intern Med. 2001; 134: 663-694. [PubMed]
34. Meinert CL. Sperimentazioni cliniche: progettazione, condotta e analisi. La stampa dell'università di Oxford; New York, NY: 1986.
35. Kuppermann M, Varner RE, Summitt RL, Jr, et al. Effetto dell'isterectomia rispetto al trattamento medico sulla qualità della vita correlata alla salute e sul funzionamento sessuale: lo studio randomizzato di medicina o chirurgia (Ms). JAMA. 2004; 291: 1447-1455. [PubMed]
36. Carragee EJ, Han MY, Suen PW, Kim D. Esiti clinici dopo discectomia lombare per sciatica: gli effetti del tipo di frammento e della competenza anulare. J Bone Joint Surg Am. 2003; 85: 102-108. [PubMed]
37. Spangfort EV. L'ernia del disco lombare: un'analisi computerizzata delle operazioni di 2,504. Acta Orthop Scand Suppl. 1972; 142: 1-95. [PubMed]
38. Agenzia per la politica e la ricerca sull'assistenza sanitaria. Problemi lombo-sacrali acuti negli adulti. Dipartimento per la salute e servizi umani degli Stati Uniti; Bethesda, Md: 1994.
39. Società nordamericana della colonna vertebrale. Linee guida cliniche di fase III della Società Spina Nord Americana per specialisti multidisciplinari di cura della colonna vertebrale. NASS; LaGrange, Ill: 2000. Ernia del disco.

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Secondo le statistiche, circa il 80% delle persone avverte i sintomi del mal di schiena almeno una volta nel corso della vita. Il mal di schiena è un disturbo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Spesso, la degenerazione naturale della colonna vertebrale con l'età può causare mal di schiena. I dischi erniati si verificano quando il centro morbido, simile a un gel di un disco intervertebrale, spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno della cartilagine, comprimendo e irritando le radici nervose. Le ernie del disco si verificano più comunemente lungo la parte inferiore della schiena, o colonna vertebrale lombare, ma possono anche verificarsi lungo la colonna cervicale o collo. L'incidenza dei nervi che si trovano nella regione lombare a causa di lesioni e / o di una condizione aggravata può portare a sintomi di sciatica.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: A Healt You!

ALTRI IMPORTANTI ARGOMENTI: EXTRA: infortuni sportivi? | Vincent Garcia | Paziente | Chiropratico di El Paso, TX