Epidemiologia e fisiopatologia delle malattie cardiovascolari | Clinica del benessere

Condividi

Epidemiologia: la biologia vascolare, la muscolatura liscia endoteliale e vascolare e la disfunzione cardiaca svolgono un ruolo primario nell'ipertensione, nelle patologie cardio-vascolari e nei danni agli organi bersaglio. Interazioni di geni nutritivi ed epigenetica sono fattori predominanti nel promuovere effetti positivi e negativi nella salute cardiovascolare e nell'ipertensione. In una serie di studi di ricerca correlati a malattie cardiovascolari e ipertensione, il Dott. Mark C. Houston, MD, ha discusso il ruolo svolto dalla biologia vascolare e dai nutraceutici in relazione al trattamento dell'ipertensione e delle malattie cardiovascolari.

Qual è la causa delle malattie cardiovascolari e ipertensione?

La malattia vascolare può essere appropriatamente descritta come l'equilibrio tra danno vascolare e riparazione vascolare (Figura 1). L'endotelio è strategicamente ritenuto essere strettamente associato al flusso sanguigno e alla muscolatura liscia vascolare ed è anche responsabile della scarica di una varietà di sostanze al fine di preservare l'omeostasi e la salute vascolare (Figure 2 e 3). Numerose irritazioni che possono provocare danni o danni all'endotelio, possono portare a disfunzione endoteliale, o ED, e possono causare ipertensione e altre malattie cardiovascolari.

L'ipertensione potrebbe essere un'indicazione emodinamica di un endotelio danneggiato e lesionato e muscolo liscio vascolare che potrebbe essere collegato a risposte infiammatorie definite, stress ossidativo e disfunzione immunitaria delle arterie che portano a ED, vascolare e disturbi della muscolatura liscia cardiaca, perdita di elasticità arteriosa insieme a riduzione della compliance arteriosa e aumento della resistenza vascolare sistemica. L'ipertensione è un risultato significativo dell'interazione tra fattori ambientali e genetica. Macronutrienti e micronutrienti sono cruciali nella regolazione della pressione sanguigna, o BP, in seguito a danno d'organo bersaglio, o TOD. Interazioni di geni nutritivi, successiva espressione genica, epigenetica, stress ossidativo, infiammazione e disfunzione vascolare autoimmune hanno influenze positive o negative sulla biologia vascolare nell'uomo. L'attivazione endoteliale con disfunzione endoteliale e rottura della muscolatura liscia vascolare, o VSMD, può infine innescare e continuare a stimolare lo sviluppo e la crescita dell'ipertensione.

Le carenze di macronutrienti e di micronutrienti sono estremamente comuni nella popolazione generale e possono essere ancora più comuni nelle persone con ipertensione e malattie cardiovascolari associate a genetica, fattori ambientali e persino all'uso di farmaci e farmaci prescritti. Queste carenze hanno un enorme impatto sui problemi di salute cardiovascolare, come l'ipertensione, infarto del miocardio, o infarto miocardico, ictus e malattia renale. La diagnosi e il trattamento di tali carenze ridurranno la PA e miglioreranno l'ED, la biologia vascolare e la salute, nonché la funzione cardiovascolare.

Epidemiologia

L'epidemiologia, la branca della medicina che si occupa dell'incidenza, della distribuzione e del possibile controllo delle malattie e di altri fattori relativi alla salute, sottolinea il ruolo della dieta e il relativo apporto nutrizionale in termini di ipertensione e malattie cardiovascolari. La transizione dalla dieta paleolitica alla nostra dieta moderna ha prodotto un focolaio di malattie correlate alla nutrizione (Tabella 1). Ipertensione, aterosclerosi, cardiopatia ischemica, o CHD, IM, insufficienza cardiaca congestizia o CHF, incidenti cerebro-vascolari o CVA, malattia renale, tipo 2 diabete mellito, o T2DM, sindrome metabolica, o SM e obesità sono diversi esempi di quelle malattie. Tabella 1 contrasta l'assunzione di nutrienti inclusi durante l'era paleolitica e il tempo moderno, coinvolti nella regolazione della pressione sanguigna, o BP. Un processo di selezione nutrizionale innaturale e malsano è stato stabilito dall'evoluzione da un ambiente pre-agricolo, di cacciatori-raccoglitori a una società agricola e di refrigerazione. In breve, la dieta è cambiata più di quanto la nostra genetica possa adattarsi.

Il patrimonio genetico umano è di circa il 99.9 per cento quello dei nostri antenati paleolitici, tuttavia le nostre prese nutrizionali, vitaminiche e minerali sono notevolmente cambiate. Le variazioni di macronutrienti e micronutrienti, lo stress ossidativo da specie di ossigeno radicale o ROS, e le specie di azoto radicale o RNS e mediatori dell'infiammazione, come le molecole di adesione cellulare o CAM, citochine, molecole di segnalazione e disfunzione vascolare autoimmune delle cellule T e B le cellule, hanno contribuito alla maggiore prevalenza di ipertensione e altre malattie cardiovascolari attraverso complesse interazioni di geni nutrizionali, interazioni epigenetiche e nutrienti-caveole e risposte nutritive con recettori di riconoscimento del modello dall'endotelio (Figura 4). Una diminuzione dell'endotelina accoppiato con l'attivazione endoteliale, l'aumento dell'angiotensina II e la biodisponibilità dell'ossido nitrico possono causare malattia coronarica e malattia vascolare così come l'ipertensione. Una cattiva alimentazione, insieme all'obesità e uno stile di vita sedentario, ha portato ad un aumento esponenziale dei disturbi legati alla nutrizione. In particolare, l'elevato rapporto Na + / K + delle diete contemporanee ha contribuito all'ipertensione, CVA, CHD, MI, CHF e disturbi renali come l'assunzione relativamente bassa di omega-3 PUFA, aumento di omega-6 PUFA, grassi saturi e trans acidi grassi.

fisiopatologia

La biologia vascolare svolge un ruolo importante nell'iniziazione e perpetuazione dell'ipertensione. Lo stress ossidativo (sia ROS che RNS), l'infiammazione e la disfunzione vascolare autoimmune (sia le cellule T che le cellule B) sono i principali meccanismi fisiopatologici e funzionali che causano le malattie cardiovascolari (Figura 5). Tutti e tre sono strettamente interconnessi e forniscono la combinazione assoluta che porta alla malattia cardiovascolare, o CVD, muscolatura liscia vascolare e disfunzione cardiaca, ipertensione, malattia vascolare, aterosclerosi e disfunzione endoteliale, o ED.

L'ipertensione non è una malattia ma è la reazione corretta e continua, non regolata, con un risultato esagerato delle infinite irritazioni al vaso sanguigno che seguono modelli di espressione genetica ambientale e disturbi a valle in cui il sistema vascolare è l'astante innocente. Questo diventa davvero una risposta vascolare disadattativa che inizialmente era pensata per fornire una difesa vascolare agli insulti endoteliali (Figura 6). L'ipertensione è una vasculopatia, caratterizzata da ED, rimodellamento strutturale, infiammazione vascolare, rigidità migliorata, diminuzione della distensibilità e perdita di elasticità. Questi insulti sono biomeccanici (BP, battito cardiaco, circolazione sanguigna, flusso oscillatorio, turbolenza, enhancement, velocità dell'onda del polso e onde riflesse) e bioumorale o biochimico che include tutte le cause non meccaniche come metaboliche, endocrine, nutrizionali, tossiche, infettive e altre eziologie.

Oltre alle connessioni per endocrino e nutritional cause di ipertensione, infezioni e tossine possono aumentare anche la pressione sanguigna. Diverse tossine, come mercurio, policlorobifenili, piombo, cadmio, arsenico e ferro, aumentano anche la BP e la CVD. Numerosi organismi microbici sono stati anche implicati nell'ipertensione e nella CHD. Tutte queste irritazioni portano alla struttura vascolare alterata e alla funzione che si manifesta clinicamente come ipertensione. I pazienti con ipertensione hanno una microvascolarizzazione anomala sotto forma di rimodellamento eutrofico verso l'interno delle minuscole arterie resistenti che portano a ridotta capacità vasodilatatoria, aumento della malattia cardiovascolare, aumento del rapporto tra i media e del lume, diminuzione della perfusione massima dell'organo e diminuzione della riserva di flusso, in particolare nel cuore con diminuzione della coronaropatia riserva di flusso. Significativa compromissione funzionale microvascolare strutturale si verifica anche prima che la pressione arteriosa individuale cominci ad aumentare nella progenie normotensiva dei pazienti con ipertensione, come evidenziato da disfunzione endoteliale, vasodilatazione diminuita, resistenza vascolare all'avambraccio, disfunzione diastolica, aumento dell'indice di massa ventricolare sinistro, aumento del setto e posteriore spessore della parete e ipertrofia non trattata. Pertanto, i processi alla base delle problematiche circolatorie sono associati a un fenotipo vascolare dell'ipertensione che può essere determinato dalla programmazione e dall'imprinting della vita precoce che possono essere aggravati dall'invecchiamento cerebrale.

In conclusione, la biologia vascolare, la muscolatura liscia endoteliale e vascolare e la disfunzione cardiaca giocano un ruolo primario nell'ipertensione, nella malattia cardiovascolare e nel danno dell'organo bersaglio. Quindi, l'epidemiologia, l'incidenza, la distribuzione e il possibile controllo delle malattie e di altri fattori relativi alla salute, sottolinea il ruolo della dieta e il relativo apporto nutrizionale quando si tratta di ipertensione e malattie cardiovascolari. E infine, lo stress ossidativo, l'infiammazione e la disfunzione vascolare autoimmune sono i principali meccanismi fisiopatologici e funzionali che causano le malattie cardiovascolari. L'ipertensione è un'indicazione di problemi cardiovascolari che dovrebbero essere affrontati da un operatore sanitario.

La portata delle nostre informazioni è limitata a lesioni e condizioni di chiropratica e spinale. Per discutere di opzioni sul tema, si prega di contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900 .

Dott. Alex Jimenez

Ulteriori argomenti: Benessere

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Chiropratica

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘