Endocrinologia funzionale: acidi grassi essenziali negli ormoni | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Endocrinologia funzionale: acidi grassi essenziali negli ormoni

Tutti i grassi, compresi gli acidi grassi saturi, hanno ruoli molto importanti nel corpo. I grassi più importanti sono quelli che il corpo non può produrre e devono provenire dai cibi che una persona mangia. Gli acidi grassi essenziali sono lipidi che sono coinvolti in vari processi biologici e producono molti composti quando vengono metabolizzati nel corpo. I due EFA primari (acidi grassi essenziali) sono l'acido linoleico (Omega-6) e l'acido alfa-linolenico (Omega-3). Questi due omega sono essenziali per il corpo poiché sono consumati da fonti alimentari perché il corpo non ha la capacità di sintetizzarli e gli EFA sono sintetizzati in prostaglandine, che sono necessarie per la corretta segnalazione ormonale nel corpo.

Omega-6

oli di oliva

Gli acidi grassi Omega-6 o acido linoleico sono acidi grassi polinsaturi che sono principalmente usati per l'energia e possono essere convertiti in grassi omega-6 più lunghi chiamati ARA (acido arachidonico). Gli ARA sono usati per produrre eicosanoidi, ma sono inclini ad essere più pro-infiammatori. Studi hanno dimostrato che gli eicosanoidi pro-infiammatori sono sostanze chimiche importanti nel sistema immunitario, tuttavia, quando ce ne sono troppi da produrre, possono aumentare l'infiammazione e le malattie infiammatorie nel corpo.

I ricercatori affermano che anche se i grassi omega-6 sono essenziali per un corpo sano, la moderna dieta occidentale sta facendo sì che le persone consumino più acidi grassi omega-6 rispetto alla quantità raccomandata. In una dieta sana regolare, il rapporto tra omega-6 e omega-3 è 4: 1 o inferiore. In una dieta occidentale, tuttavia, il rapporto è tra 10: 1 e 50: 1.

Anche se, un individuo dovrebbe consumare la quantità raccomandata di acidi grassi omega-6, la ricerca ha dimostrato che gli acidi grassi omega-6 possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e trattare i sintomi che causano malattie croniche. In alcuni oli che contengono acidi grassi omega-6, GLA (acido gamma-linolenico), che è un componente antinfiammatorio e quando consumato si converte in DGLA (acidi diomo-gamma-linolenico), che ha proprietà anti-infiammatorie e anti-proliferative contro il cancro.

Uno studio ha dimostrato che quando un individuo prende una dose elevata di GLA nella sua dieta, può ridurre significativamente un numero di sintomi causati dall'artrite reumatoide e un altro studio scoperto che l'assunzione di integratori di GLA con un farmaco per il cancro al seno è più efficace nel ridurre il cancro al seno.

Omega-3

omega3-alimenti

Proprio come gli acidi grassi omega-6, omega-3 acidi grassi sono grassi polinsaturi che svolgono un ruolo importante nel fornire a numero di benefici per la salute per un corpo funzionale. Gli acidi grassi Omega-3 contengono tre importanti composti che si trovano negli alimenti, sono ALA (acido alfa-linolenico); che si converte in energia per il corpo, DHA (Acido docosaesanoico); che è il componente chiave per un cervello e una retina funzionali e, infine, l'EPA (acido eicosapentaenoico); che ha benefici cardiovascolari tra cui l'abbassamento dei trigliceridi sierici e non-HDL-C (colesterolo lipoproteico non ad alta densità) nel corpo.

Quando si tratta di questi tre importanti componenti degli omega-3, l'ALA si trova principalmente nelle piante, mentre il DHA e l'EPA si trovano principalmente nei prodotti di origine animale e nelle alghe. Ciò che fa funzionare bene questi tre componenti negli integratori omega-3 è che sono una parte cruciale della membrana cellulare umana e migliorare la salute del cuore, sostenere la salute mentale, ridurre i grassi del fegato e combattere l'infiammazione.

Con gli acidi grassi omega-3, molte persone non lo consumano tanto quanto gli omega-6, a causa del fatto di non mangiare molto pesce grasso e di consumare omega-6 attraverso cibi fritti cucinati in raffinati oli vegetali. Per bilanciare una dieta sana, gli individui possono assumere un integratore di omega-3 per bilanciare il consumo di omega-6 per assicurarsi che il corpo riceva questi benefici per la salute dei grassi.

Le prostaglandine

Le prostaglandine sono un componente di questo sistema regolatorio, influenzano la sintesi ormonale multipla e le vie di secrezione nell'asse ipotalamo-ipofisi. Sono un gruppo di lipidi acidi che si verificano endogeni svolgere un ruolo nella fisiologia riproduttiva.

gsed_0001_0021_0_img6097

Dal momento che le prostaglandine lo sono lipidi bioattivi, esercitano una funzione autocrina o paracrina legandosi a specifici GPCR (recettori accoppiati a proteine ​​G) per attivare la segnalazione intracellulare e la trascrizione genica. Come regolatori chiave dei processi riproduttivi, le prostaglandine hanno molte funzioni come avere un ruolo nel controllo ipotalamico e ipofisario della secrezione di gonadotropina, dell'ovulazione, nella luteinizzazione e nella regressione del corpo luteo.

Anche le prostaglandine gioca un ruolo chiave nella risposta infiammatoria nel corpo. La loro biosintesi è significativamente aumentata nei tessuti infiammati e può contribuire allo sviluppo dei segni cardinali dell'infiammazione acuta nel corpo.

I ricercatori hanno dichiarato che le prostaglandine hanno una pletora di azioni nel sistema nervoso centrale che possono influenzare diversamente il progresso dell'infiammazione nel corpo, tuttavia, sono in corso ulteriori studi per inibire il ruolo di questi mediatori lipidici.

Conclusione

Tutti i grassi svolgono un ruolo molto importante nel corpo. Gli acidi grassi essenziali producono molti composti nel corpo quando vengono metabolizzati nel corpo. Poiché il corpo non può produrre acidi grassi essenziali, devono essere consumati attraverso il cibo. I due importanti acidi grassi essenziali sono omega-6 e omega-3. Questi due integratori grassi aiutano l'organismo a ottenere i nutrienti di cui il corpo ha bisogno per sintetizzare. Le prostaglandine sono anche un ruolo chiave nel corpo poiché influenzano i percorsi nell'asse ipotalamo-ipofisi e svolgono il ruolo di regolazione della fisiologia riproduttiva. Alcuni prodotti sono formulati per indirizzare il supporto immunitario creando una struttura micronizzata per aumentare il rapporto superficie-volume delle particelle per renderle più disponibili alle azioni enzimatiche.

Ottobre è il mese della salute chiropratica. Per saperne di più, dai un'occhiata L'annuncio del governatore Abbott sul nostro sito Web per ottenere tutti i dettagli su questa dichiarazione.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, salute muscoloscheletrica e nervosa, nonché articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi cronici del sistema muscolo-scheletrico. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900 .


Riferimenti:

Bardin, T P. "Il ruolo delle prostaglandine nella fisiologia riproduttiva." The Ohio State Medical Journal, US National Library of Medicine, ottobre 1970, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/4918753.

Behrman, H R. "Prostaglandine nella funzione ipotalamo-ipofisaria e ovarica." Revisione annuale di fisiologia, Biblioteca nazionale americana di medicina, 1979, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/373605.

Brinton, Eliot A e R Preston Mason. "Prescrizione di acidi grassi Omega-3 contenenti acido eicosapentaenoico altamente purificato (EPA)." Lipidi in salute e malattia, BioMed Central, 31 Jan. 2017, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28137294.

Calder, Philip C. "n-3 Acidi grassi polinsaturi, infiammazione e malattie infiammatorie". The American Journal of Clinical Nutrition, US National Library of Medicine, giugno 2006, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16841861.

Di Pasquale, Mauro G. “Gli elementi essenziali degli acidi grassi essenziali.” Giornale degli integratori alimentari, Biblioteca nazionale americana di medicina, 2009, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22435414.

Dinan, Timothy, et al. "Studio del fenotipo infiammatorio della depressione maggiore: attenzione alle citochine e agli acidi grassi polinsaturi". Journal of Psychiatric Research, US National Library of Medicine, Jan. 2009, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18640689.

Gibson, Robert A, et al. "Conversione di acido linoleico e acido alfa-linolenico in acidi grassi polinsaturi a catena lunga (LCPUFA), con particolare attenzione alla gravidanza, all'allattamento e ai primi 2 anni di vita." Nutrizione materna e infantile, Biblioteca nazionale americana di medicina, aprile 2011, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21366864.

Guesnet, Philippe e Jean-Marc Alessandri. "Acido docosaesaenoico (DHA) e sistema nervoso centrale in via di sviluppo (SNC) - Implicazioni per le raccomandazioni dietetiche." biochimie, US National Library of Medicine, Jan. 2011, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20478353.

Gunnars, Kris. “Cosa sono gli acidi grassi Omega-3? Spiegato in termini semplici. " Healthline, 23 Maggio 2019, www.healthline.com/nutrition/what-are-omega-3-fatty-acids.

Innes, Jacqueline K e Philip C Calder. "Acidi grassi Omega-6 e infiammazione". Prostaglandine, leucotrieni e acidi grassi essenziali, US National Library of Medicine, maggio 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29610056.

Jabbour, HN e KJ Sales. "Segnalazione e funzione dei recettori della prostaglandina nella patologia endometriale umana." Tendenze in endocrinologia e metabolismo: TEM, US National Library of Medicine, ottobre 2004, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15380812.

Kapoor, Rakesh e Yung-Sheng Huang. "Acido gamma linolenico: un acido grasso Omega-6 antiinfiammatorio." Attuale biotecnologia farmaceutica, US National Library of Medicine, X. 2006, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17168669.

Kenny, FS, et al. "Acido gamma linolenico con tamoxifene come terapia primaria nel carcinoma mammario." International Journal of Cancer, Biblioteca nazionale americana di medicina, 1 Mar. 2000, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10699943.

Khanapure, Subhash P, et al. "Eicosanoidi nell'infiammazione: biosintesi, farmacologia e frontiere terapeutiche." Argomenti attuali in chimica farmaceutica, Biblioteca nazionale americana di medicina, 2007, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17305573.

Kim, Kyu-Bong, et al. "Acido α-linolenico: valutazione nutraceutica, farmacologica e tossicologica." Tossicologia alimentare e chimica: un giornale internazionale pubblicato per la British Industrial Biological Research Association, Biblioteca nazionale americana di medicina, agosto 2014, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24859185.

M.Shewchuk, Brian. "Prostaglandine e acidi grassi polinsaturi n-3 nella regolazione dell'asse ipotalamo-ipofisario." Prostaglandine, leucotrieni e acidi grassi essenziali, Churchill Livingstone, 28 settembre 2014, www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0952327814001495.

Parker, Helen M, et al. "Supplemento di Omega-3 e malattia epatica grassa non alcolica: una revisione sistematica e una meta-analisi." Journal of Hepatology, Centre for Reviews and Dissemination (Regno Unito), aprile 2012, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22023985.

Petersen, Martin, et al. "Effetto dell'olio di pesce rispetto alla supplementazione di olio di mais su sottoclassi di LDL e HDL nei pazienti diabetici di tipo 2." Diabetes Care, US National Library of Medicine, ottobre 2002, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12351465.

Dottorato di ricerca, Catharine Paddock. "Gli acidi grassi Omega-6 potrebbero aiutarci a vivere più a lungo?" Medical News Today, MediLexicon International, 20 Mar. 2018, www.medicalnewstoday.com/articles/321266.php.

Robertson, Ruairi. "Acidi grassi Omega-3-6-9: una panoramica completa." Healthline, 15 Jan. 2017, www.healthline.com/nutrition/omega-3-6-9-overview.

Simopoulos, Artemis P. "L'importanza del rapporto tra acidi grassi Omega-6 / Omega-3 nelle malattie cardiovascolari e altre malattie croniche". Biologia Sperimentale e Medicina (Maywood, NJ), US National Library of Medicine, giugno 2008, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18408140.

Wang, Xiaoping, et al. "Ruoli multipli di acido dihomo-γ-linolenico contro le malattie da proliferazione." Lipidi in salute e malattia, BioMed Central, 14 febbraio 2012, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3295719/.

Weylandt, Karsten H, et al. "Acidi grassi polinsaturi Omega-3: la via da seguire in tempi di prove miste." BioMed Research International, Hindawi Publishing Corporation, 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4537707/.

Zurier, RB, et al. “Trattamento con acido gamma-linolenico dell'artrite reumatoide. Una prova randomizzata, controllata con placebo. " Artrite e reumatismi, US National Library of Medicine, Nov. 1996, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8912502.