Trattamento del dolore da emicrania | Dr. Alex Jimenez | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Trattamento del dolore da emicrania | Dr. Alex Jimenez

L'emicrania è caratterizzata da un mal di testa da moderato a grave, spesso accompagnato da nausea e sensibilità alla luce e al suono. Quasi 1 nelle famiglie degli Stati Uniti 4 include qualcuno che soffre di emicrania. In realtà, l'emicrania è considerata la condizione più prevalente di 3rd nel mondo. I ricercatori non hanno identificato una causa definitiva per l'emicrania, tuttavia, si ritiene che diversi fattori attivino il complesso mal di testa, incluso un disallineamento nella colonna cervicale. La cura chiropratica è un'opzione di trattamento alternativa ben nota utilizzata per trattare l'emicrania e migliorare i sintomi. Lo scopo del seguente case study è di dimostrare gli effetti della cura chiropratica sulla gestione del dolore emicranico.

Un caso di remissione cronica dell'emicrania dopo la cura chiropratica

astratto

  • Obiettivo: presentare un caso studio su chi soffre di emicrania che ha avuto un notevole miglioramento dopo la terapia manipolativa spinale chiropratica (CSMT).
  • Caratteristiche cliniche: il caso presentato è una donna di 72 con una storia di emicrania di 60-anno, che includeva nausea, vomito, fotofobia e fonofobia.
  • Intervento ed esito: la frequenza media degli episodi di emicrania prima del trattamento era 1 a 2 a settimana, inclusi nausea, vomito, fotofobia e fonofobia; e la durata media di ciascun episodio era da 1 a 3 giorni. Il paziente è stato trattato con CSMT. Ha riferito che tutti gli episodi sono stati eliminati dopo CSMT. Il paziente era certo che non ci fossero stati altri cambiamenti nello stile di vita che avrebbero potuto contribuire al suo miglioramento. Ha anche notato che l'uso del suo farmaco è stato ridotto da 100%. Un follow-up di 7-anno ha rivelato che la persona non aveva ancora avuto un episodio di emicrania in questo periodo.
  • Conclusione: questo caso evidenzia che un sottogruppo di pazienti con emicrania può rispondere favorevolmente alla CSMT. Sebbene un caso di studio non rappresenti una prova scientifica significativa, nel contesto di altri studi condotti, questo studio suggerisce che un trial di CSMT dovrebbe essere preso in considerazione per l'emicrania cronica non responsiva, specialmente se i pazienti con emicrania non rispondono ai farmaci o preferiscono usare altri trattamenti metodi.
  • Termini di indicizzazione chiave: Emicrania, chiropratica, terapia manipolativa spinale

Introduzione

L'emicrania rimane una condizione comune e debilitante. [1, 2] Ha un'incidenza stimata di 6% nei maschi e 18% nelle femmine. [2] Uno studio in Australia ha rilevato che il costo per l'industria è stimato in $ 750 milioni [ 3] Lipton e altri hanno scoperto che l'emicrania è una delle ragioni più frequenti per le consultazioni con i medici generici, che riguardano tra 12 milioni e 18 milioni di persone ogni anno negli Stati Uniti. [4] Il costo stimato negli Stati Uniti è $ 25 miliardi in perdita di produttività a causa di 156 milione di giorni di lavoro a tempo pieno persi ogni anno. [5] Recenti informazioni hanno suggerito che queste cifre precedenti sono ancora attuali, ma anche sottovalutate, a causa di molti malati che non dichiarano il loro problema a causa di una scarsa percezione stigma sociale. [6]

The Brain Foundation in Australia nota che il 23% delle famiglie contiene almeno un malato di emicrania. Quasi tutti i malati di emicrania e 60% di quelli con cefalea di tipo tensione sperimentano una riduzione delle attività sociali e della capacità lavorativa. I costi diretti e indiretti dell'emicrania da sola sarebbero di circa $ 1 miliardi l'anno. [3]

Il Comitato di classificazione del mal di testa dell'International Headache Society (IHS) definisce l'emicrania come la seguente: posizione unilaterale, qualità pulsante, intensità moderata o grave e aggravata dall'attività fisica di routine. Durante il mal di testa, la persona deve anche provare nausea e / o vomito, fotofobia e / o fonofobia. [7] Inoltre, non vi è alcun suggerimento né per anamnesi né per esame fisico o neurologico che la persona abbia un mal di testa elencato in gruppi 5 a 11 del loro sistema di classificazione. [7] I gruppi da 5 a 11 del sistema di classificazione comprendono cefalea associata a trauma cranico, disturbi vascolari, disordini intracranici non vascolari, sostanze o loro astinenza, infezione non simulata, disordine metabolico o disturbi del cranio , collo, occhi, naso, seni paranasali, denti, bocca o altre strutture facciali o craniche.

Una certa confusione si riferisce alla caratteristica "aura" che distingue l'emicrania con aura (MA) ed emicrania senza aura (MW). Un'aura di solito consiste in omosessuali disturbi visivi, parestesie unilaterali e / o intorpidimento, debolezza unilaterale, afasia o difficoltà di linguaggio non classificabile. [7] Alcuni emicranici descrivono l'aura come un oggetto opaco o una linea a zigzag attorno a una nuvola; sono stati registrati anche casi di allucinazioni tattili. [8] I nuovi termini MA e MW sostituiscono rispettivamente i vecchi termini di emicrania classica e di emicrania comune.

I criteri diagnostici IHS per MA (categoria 1.2) sono almeno 3 di quanto segue:

  1. Uno o più sintomi dell'aura completamente reversibili che indicano la corteccia cerebrale focale e / o la disfunzione del tronco encefalico.
  2. Almeno il sintomo di aura 1 si sviluppa gradualmente su più di 4 minuti o 2 o più sintomi che si verificano in successione.
  3. Nessun sintomo dell'aura dura più di 60 minuti.
  4. Il mal di testa segue l'aura con un intervallo libero inferiore ai minuti 60.

L'emicrania spesso non risponde al trattamento. [9] Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato una riduzione statisticamente significativa delle emicranie dopo la terapia manipolativa spinale chiropratica (CSMT). [10-15]

Questo articolo discuterà un paziente che presenta con MW e la sua risposta dopo CSMT. La discussione delineerà anche i criteri diagnostici specifici per l'emicrania e altri mal di testa rilevanti per i chiropratici, gli osteopati o altri operatori sanitari.

Caso clinico

Una donna bianca 72-kg di 61-anno presentava emicrania che aveva avuto inizio nella prima infanzia (circa 12 anni). Il paziente non poteva riferire nulla all'inizio delle sue emicranie, anche se credeva che ci fosse una storia familiare (padre) della condizione. Durante la storia, la paziente ha dichiarato di soffrire di frequenti mal di testa (1-2 a settimana) con cui ha anche avuto nausea, vomito, vertigini e fotofobia. Aveva bisogno di cessare le attività per alleviare i sintomi, e spesso aveva bisogno di paracetamolo e farmaci codeina (25 mg) o sumatriptan succinato per alleviare il dolore. Il paziente stava assumendo anche verapamil (antagonista degli ioni calcio, per ipertensione essenziale), calcitriolo (assorbimento di calcio, per osteoporosi), pnuemenium su base giornaliera e carbamazipina (farmaci antiepilettici, neurotropici) due volte al giorno.

La paziente ha riferito che un episodio medio è durato da 1 a 3 giorni e che non è stata in grado di svolgere attività quotidiane per un minimo di 12 ore. Inoltre, un punteggio di scala analogico visuale per un episodio medio era 8.5 su un possibile punteggio massimo di 10, corrispondente a una descrizione di dolore "terribile". La paziente notò che lo stress o la tensione avrebbero provocato un'emicrania e che la luce e il rumore peggioravano le sue condizioni. Descriveva l'emicrania come un mal di testa palpitante situato nella regione parietotemporale ed era sempre a sinistra.

Il paziente ha avuto una precedente storia di embolia polmonare (2 anni prima del trattamento) e ha avuto una isterectomia parziale 4 anni prima del trattamento. Ha anche dichiarato di avere un'ipertensione controllata. Era una vedova con bambini 2 e non aveva mai fumato. Il paziente aveva provato l'agopuntura, la fisioterapia, le cure dentistiche sostanziali e numerosi altri farmaci; ma nulla aveva cambiato il suo schema di emicrania. Ha dichiarato di non aver mai avuto un precedente trattamento chiropratico. La paziente ha anche dichiarato di essere stata trattata da un neurologo per "emicranie" per molti anni.

All'esame, è stata rilevata una muscolatura suboccipitale e cervicale molto sensibile e una ridotta gamma di movimento all'articolazione tra occipite e prima vertebra cervicale (Occ-C1), associata a dolore alla flessione e estensione del rachide cervicale. Ha anche avuto una significativa riduzione del movimento della colonna vertebrale toracica e un marcato aumento della sua cifosi toracica.

I test della pressione sanguigna hanno rivelato che era ipertesa (178 / 94), che il paziente riferiva era un risultato medio (ipertensione di stadio 2 utilizzando il Comitato Nazionale congiunto per la prevenzione, la rilevazione, la valutazione e il trattamento delle linee guida 7 per la pressione alta).

Sulla base della classificazione e dei criteri diagnostici del Comitato di classificazione dell'emicrania IHS, il paziente aveva una 1.1 di categoria MW, precedentemente chiamata emicrania comune (Tabella 1). Questo è apparso secondario a moderata disfunzione del segmento cervicale con miofibrosi parapsinoma suboccipitale e cervicale da lieve a moderata.

Classifica 1 Cefalea Classificazioni
Tabella 1: Classificazioni del mal di testa (comitato di classificazione del mal di testa IHS)

Il paziente ha ricevuto CSMT ("aggiustamenti" chiropratici diversificati) alla sua articolazione Occ-C1, alla colonna vertebrale toracica superiore (T2 attraverso T7) e alla muscolatura ipertonica interessata. I muscoli ipertonici sono stati rilasciati attraverso un delicato massaggio e stretching. Un ciclo iniziale di trattamenti 8 è stato condotto a una frequenza di due volte a settimana per le settimane 4. Il programma di trattamento comprendeva anche la registrazione di diverse funzionalità per ogni episodio di emicrania. Ciò includeva la frequenza, i punteggi analogici visivi, la durata degli episodi, i farmaci e il tempo prima che potessero tornare alle normali attività.

La paziente ha riportato un notevole miglioramento dopo il primo trattamento e ha notato una riduzione dell'intensità del dolore alla testa e al collo. Ciò è continuato con la segnalazione del paziente senza emicranie nel corso del mese di trattamento iniziale. È stato raccomandato un ulteriore trattamento per aumentare il suo range di movimento, aumentare il tono muscolare e ridurre la tensione muscolare suboccipitale. Inoltre, il monitoraggio dei suoi sintomi di emicrania è continuato. È stato avviato un programma di trattamento con frequenza di una volta alla settimana per ulteriori settimane 8. Dopo la fase successiva del trattamento, la paziente notò molta meno tensione al collo, movimento migliore e nessuna emicrania. Inoltre, non usava più farmaci antidolorifici (acetaminofene, codeina e sumatriptan succinato) e notava che non aveva avuto nausea, vomito, fotofobia o fonofobia (Tabella 2). Il paziente ha continuato il trattamento a intervalli di 2-settimanali e ha dichiarato che, dopo 6 mesi, i suoi episodi di emicrania erano scomparsi completamente. Inoltre, non avvertiva più dolore al collo. L'esame non ha rivelato dolore sul movimento del collo attivo; tuttavia, una restrizione del movimento passivo al segmento di movimento C1-2 era ancora presente.

Tabella 2 Categoria Emicrania 1
Tabella 2: Categoria 1: emicrania (IHS Headache Classification Committee)

Il paziente sta attualmente sottoponendo a trattamento ogni 4 settimane, e lei continua a non riportare alcun ritorno dei suoi episodi di emicrania o dolore al collo. Il paziente non ha più avuto emicranie per un periodo di più di 7 anni dal suo ultimo episodio, che è stato immediatamente prima del suo primo trattamento chiropratico.

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

Il dolore di emicrania è un sintomo debilitante che può essere efficacemente gestito con cura chiropratica. Il trattamento chiropratico offre una vasta gamma di servizi che possono aiutare i pazienti con una varietà di lesioni e / o condizioni, compresi i sintomi di dolore cronico, gamma limitata di movimento e molti altri problemi di salute. La cura chiropratica può anche aiutare a controllare lo stress associato all'emicrania. Il nostro personale è determinato a curare i pazienti concentrandosi sulla fonte del problema piuttosto che alleviando temporaneamente i sintomi usando farmaci e / o farmaci. Lo scopo dell'articolo è di dimostrare i risultati basati sull'evidenza sul miglioramento dell'emicrania usando la cura chiropratica e di istruire i pazienti sul miglior tipo di trattamento per i loro problemi di salute specifici. Il trattamento chiropratico offre sollievo dal dolore emicranico e dalla salute e dal benessere generale.

Discussione

I casi di studio non costituiscono alti livelli di dati scientifici. Tuttavia, alcuni casi presentano risultati significativi. Ad esempio, i casi con sintomatologia lunga (cronica) e / o grave possono evidenziare opzioni di trattamento alternative. Con studi di casi come questo, c'è sempre la possibilità che i sintomi si risolvano spontaneamente, senza efficacia dal trattamento. Il caso presentato evidenzia una potenziale opzione di trattamento alternativo. Un follow-up di 7-anno ha rivelato che la persona non aveva ancora avuto un episodio di emicrania in questo periodo. Il paziente era certo che non c'erano stati altri cambiamenti nello stile di vita che avrebbero potuto contribuire al suo miglioramento. Ha anche notato che l'emicrania si era fermata dopo il suo primo trattamento.

La frequenza media delle sue emicranie prima del trattamento era 1 a 2 a settimana, con episodi che includevano sempre nausea, vomito, fotofobia e fonofobia. Inoltre, la durata media di ciascun episodio è stata da 1 a 3 giorni prima di ricevere CSMT. La persona ha anche notato che l'uso del suo farmaco per alleviare il dolore è stato ridotto anche da 100% (Tabella 3).

Tabella 3 Riepilogo delle modifiche chiave per questo caso
Tabella 3: riepilogo delle modifiche chiave per questo caso

Le emicranie sono una condizione comune e debilitante; tuttavia, poiché hanno un'eziologia incerta, il regime di trattamento più appropriato è spesso poco chiaro. [16] I precedenti modelli eziologici descrivono le cause vascolari dell'emicrania, dove gli episodi sembrano essere iniziati da una diminuzione del flusso sanguigno al cervello seguito da vasodilatazione extracranica durante il mal di testa fase [8] Tuttavia, altri modelli eziologici sembrano connessi a cambiamenti vascolari correlati a cambiamenti neurologici e disturbi serotoninergici associati. [9] Pertanto, i precedenti trattamenti si sono concentrati sulla modificazione farmacologica del flusso sanguigno o del blocco antagonista della serotonina. [17]

Gli studi che esaminano il ruolo del rachide cervicale nel mal di testa (ad es. "Cefalea cervicogenica") sono stati ben descritti in letteratura. [18-30] Tuttavia, la relazione tra la colonna vertebrale cervicale e l'emicrania è meno documentata. [10-15 ] Studi precedenti di questo autore hanno dimostrato un'apparente riduzione dell'emicrania dopo CSMT. [10, 11] Inoltre, altri studi hanno suggerito che la CSMT può essere un intervento efficace per l'emicrania. [14, 15] Sebbene, gli studi precedenti abbiano alcune limitazioni (diagnosi inaccurata, sintomi sovrapposti, gruppi di controllo inadeguati), il livello di evidenza fornisce supporto per CSMT nel trattamento dell'emicrania. [11] Tuttavia, i professionisti devono essere criticamente consapevoli della potenziale sovrapposizione delle diagnosi quando si esaminano le ricerche emicraniche o studi di caso sull'efficacia di il loro trattamento. [18-22] Ciò è particolarmente importante in confronto ai pazienti con emicrania che potrebbero essere adatti per la terapia manipolativa chiropratica. [23-28]

Tra 40% e 66% di pazienti con emicrania, in particolare quelli con attacchi di emicrania gravi o frequenti, non cercare l'aiuto di un medico. [29] Tra coloro che lo fanno, molti non continuano le visite regolari del medico. [30] Questo può essere a causa della percepita mancanza di empatia da parte del paziente da parte del medico e della convinzione che i medici non possano trattare efficacemente l'emicrania. In un sondaggio britannico 1999, 17% degli emicranici 9770 non aveva consultato un medico perché riteneva che le loro condizioni non sarebbero state prese sul serio; e 8% non aveva visto un medico perché riteneva che i farmaci per l'emicrania esistenti fossero inefficaci. [30] Il motivo più comune per non cercare il parere di un medico (citato da 76% di pazienti) era la convinzione dei pazienti che non avevano bisogno di un medico opinione per trattare i loro attacchi di emicrania.

Il caso è stato presentato per aiutare i professionisti a prendere una decisione più informata sul trattamento della scelta per l'emicrania. L'esito di questo caso è anche rilevante in relazione ad altre ricerche che concludono che la CSMT è un trattamento molto efficace per alcune persone. I praticanti potrebbero prendere in considerazione il CSMT per l'emicrania sulla base di quanto segue:

  1. Limitazione dei movimenti passivi del collo.
  2. Cambiamenti nel contorno del muscolo del collo, nella struttura o nella risposta allo stiramento e alla contrazione attiva e passiva.
  3. Tenerezza anormale dell'area suboccipitale.
  4. Dolore al collo prima o all'inizio dell'emicrania.
  5. Risposta iniziale a CSMT.

Come con tutti i case report, i risultati sono limitati in applicazione a popolazioni più grandi. Quando si applicano questi risultati ad altri pazienti e situazioni cliniche, è necessario adottare decisioni cliniche attente.

Conclusione

Questo caso dimostra che alcuni malati di emicrania possono rispondere bene con terapie manuali, che includono CSMT. Pertanto, i pazienti con emicrania che non hanno ricevuto una sperimentazione di CSMT dovrebbero essere incoraggiati a considerare questo trattamento e valutare qualsiasi potenziale risposta. Dove non ci sono controindicazioni alla CSMT, può essere giustificata una prima sperimentazione di trattamento. Seguendo le linee guida sulla medicina basate sull'evidenza, i medici dovrebbero discutere la CSMT con i pazienti con emicrania come opzione per il trattamento. [31, 32] Gli studi successivi dovrebbero affrontare questo problema e il ruolo che CSMT ha nella gestione dell'emicrania.

In conclusione, il dolore emicranico è una condizione comune che colpisce un gran numero della popolazione. Anche se la causa delle emicranie non è completamente compresa, il trattamento per il complesso mal di testa può alla fine aiutare a gestire i sintomi. La terapia manipolatoria spinale chiropratica, o CSMT, può migliorare l'emicrania nei pazienti e può essere una valida opzione terapeutica da considerare. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi di ricerca per dimostrare ulteriori risultati. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Bigal ME, Lipton RB, Stewart WF L'epidemiologia e l'impatto dell'emicrania. Curr Neurol Rep. 2004; 4 (2): 98-104. [PubMed]
2. Lipton RB, Stewart WF, Diamond ML, Diamond S., Reed M. Prevalenza e carico di emicrania negli Stati Uniti: i dati dello studio americano Emicrania 11. Mal di testa. 2001; 41: 646-657. [PubMed]
3. Alexander L. Emicrania sul posto di lavoro. Onde cerebrali. Australian Brain Foundation; Hawthorn, Victoria: 2003. pp. 1-4.
4. Lipton RB, Bigal ME L'epidemiologia dell'emicrania. Am J Med. 2005; 118 (Suppl 1): 3S-10S. [PubMed]
5. Lipton RB, Bigal ME Emicrania: epidemiologia, impatto e fattori di rischio per la progressione. Mal di testa. 2005; 45 (Suppl 1): S3-S13. [PubMed]
6. Stewart WF, Lipton RB Mal di testa per emicrania: epidemiologia e utilizzo dell'assistenza sanitaria. Cephalalgia. 1993; 13 (suppl 12): 41-46. [PubMed]
7. Comitato di classificazione del mal di testa del cefalea internazionale, società di classificazione e criteri diagnostici per i disturbi di mal di testa, nevralgie craniche e dolore facciale. Cefalea. 2004; 24 (Suppl. 1): 1-151. [PubMed]
8. Goadsby PJ, Lipton RB, Ferrari MD Comprensione e trattamento di emicrania. N Engl J Med. 2002; 346: 257-263. [PMID 11807151] [PubMed]
9. Goadsby PJ La base scientifica della scelta del farmaco nel trattamento sintomatico dell'emicrania. Può J Neurol Sci. 1999; 26 (suppl 3): S20-S26. [PubMed]
10. Tuchin PJ, Pollard H., Bonello R. Uno studio randomizzato controllato di terapia manipolativa spinale chiropratica per l'emicrania. J Manipolative Physiol Ther. 2000; 23: 91-95. [PubMed]
11. Tuchin PJ L'efficacia della terapia manipolativa spinale chiropratica (SMT) nel trattamento dell'emicrania, uno studio pilota. Aust Chiropr Osteopath. 1997; 6: 41-47. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
12. Tuchin PJ, Bonello R. Emicrania classica o non classica emicrania, questa è la domanda. Aust Chiropr Osteopath. 1996; 5: 66-74. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
13. Tuchin PJ, Scwafer T., Brookes M. Un caso studio di cefalee croniche. Aust Chiropr Osteopath. 1996; 5: 47-53. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
14. Nelson CF, Bronfort G., Evans R., Boline P., Goldsmith C., Anderson AV L'efficacia della manipolazione spinale, l'amitriptilina e la combinazione di entrambe le terapie per la profilassi dell'emicrania. J Manipolative Physiol Ther. 1998; 21: 511-519. [PubMed]
15. Parker GB, Tupling H., Pryor DS Uno studio controllato di manipolazione cervicale per l'emicrania. Aust NZ J Med. 1978; 8: 585-593. [PubMed]
16. Dowson AJ, Lipscome S., Sender J. Nuove linee guida per la gestione dell'emicrania nelle cure primarie. Curr Med Res Opin. 2002; 18: 414-439. [PubMed]
17. Ferrari MD, Roon KI, Lipton RB triptani orali (serotonina 5-HT1B / 1D agonisti) nel trattamento dell'emicrania acuta: una meta-analisi degli studi 53. Lancetta. 2001; 358: 1668-1675. [PubMed]
18. Sjasstad O., Saunte C., Hovdahl H., Breivek H., Gronback E. Mal di testa cervicale: un'ipotesi. Cefalea. 1983; 3: 249-256.
19. Vernon HT Manipolazione spinale e mal di testa di origine cervicale. J Manipolative Physiol Ther. 1989; 12: 455-468. [PubMed]
20. Sjasstad O., Fredricksen TA, Stolt-Nielsen A. Mal di testa cervicogenico, rizopatia C2 e nevralgia occipitale: una connessione. Cefalea. 1986; 6: 189-195. [PubMed]
21. Bogduk N. Cervicale cause di mal di testa e vertigini. In: Greive GP, editor. Terapia manuale moderna della colonna vertebrale. 2nd ed. Edimburgo; Churchill Livingstone: 1994. pp. 317-331.
22. Jull GA Mal di testa cervicale: una recensione. In: Greive GP, editor. Terapia manuale moderna della colonna vertebrale. 2nd ed. Edimburgo; Churchill Livingstone: 1994. pp. 333-346.
23. Manipolazioni di bolo PD, Kassak K., Bronfort G. Spinale vs. amitriptilina per il trattamento del mal di testa da tensione cronica: uno studio clinico randomizzato. J Manipolative Physiol Ther. 1995; 18: 148-154. [PubMed]
24. Vernon H., Steiman I., Hagino C. Disfunzione cervicogenica nella cefalea e nell'emicrania da contrazione muscolare: uno studio descrittivo. J Manipolative Physiol Ther. 1992; 15: 418-429. [PubMed]
25. Kidd R., Nelson C. Disfunzione muscoloscheletrica del collo in emicrania e mal di testa tensione. Mal di testa. 1993; 33: 566-569. [PubMed]
26. Whittingham W., Ellis WS, Molyneux TP L'effetto della manipolazione (Toggle recoil technique) per mal di testa con disfunzione dell'articolazione cervicale superiore: un caso studio. J Manipolative Physiol Ther. 1994; 17: 369-375. [PubMed]
27. Jull G., Trott P., Potter H., Zito G., Shirley D., Richardson C. Uno studio randomizzato e controllato di esercizio e manipolazione spinale per mal di testa cervicogenico. Colonna vertebrale. 2002; 27: 1835-1843. [PubMed]
28. Bronfort G, Nilsson N, Assendelft WJJ, Bouter L, Goldsmith C, Evans R, et al. Trattamenti fisici non invasivi per mal di testa cronico (una revisione Cochrane). In: The Cochrane Library Issue 2 2003. Oxford: software di aggiornamento.
29. Dowson A., Jagger S. Indagine sui pazienti con emicrania nel Regno Unito: qualità della vita e trattamento. Curr Med Res Opin. 1999; 15: 241-253. [PubMed]
30. Solomon GD, Price KL Onere di emicrania: una revisione del suo impatto socioeconomico. Farmacoeconomia. 1997; 11 (Suppl 1): 1-10. [PubMed]
31. Bronfort G., Assendelft WJJ, Evans R., Haas M., Bouter L. Efficacia della manipolazione spinale per mal di testa cronico: una revisione sistematica. J Manipolative Physiol Ther. 2001; 24: 457-466. [PubMed]
32. Manipolazione spinale di Vernon HT nella gestione dell'emicrania da tensione e mal di testa cervicogenico: lo stato delle prove. Top Clin Chiropr. 2002; 9: 14-21.

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Dolore al collo

Il dolore al collo è un disturbo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Secondo le statistiche, le lesioni da incidente automobilistico e le lesioni da colpo di frusta sono alcune delle cause più frequenti per il dolore al collo tra la popolazione generale. Durante un incidente automobilistico, l'impatto improvviso dall'incidente può far sobbalzare bruscamente la testa e il collo in qualsiasi direzione, danneggiando le complesse strutture che circondano il rachide cervicale. Il trauma ai tendini e ai legamenti, così come quello di altri tessuti del collo, può causare dolore al collo e irradia sintomi in tutto il corpo umano.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: A Healt You!

ALTRI IMPORTANTI ARGOMENTI: EXTRA: infortuni sportivi? | Vincent Garcia | Paziente | Chiropratico di El Paso, TX