El Paso, TX Stress ossidativo e difesa antiossidante

Condividi

Chiropratico basato sulla scienza Dr. Alexander Jimenez dà un'occhiata lo stress ossidativo, che cosa è, come colpisce il corpo e la difesa antiossidante per rimediare alla situazione.

Esra Birben PhD, 1 Umit Murat Sahiner MD, 1 Cansin Sackesen MD, 1 Serpil Erzurum MD, 2 e Omer Kalayci, MD1

Abstract: Le specie di ossigeno reattivo (ROS) sono prodotte da organismi viventi come risultato di normali metaboliti cellulari e fattori ambientali, come gli inquinanti atmosferici o il fumo di sigarette. ROS sono molecole altamente reattive e possono danneggiare strutture cellulari come i carboidrati, gli acidi nucleici, i lipidi e le proteine ​​e alterarne le funzioni. Il cambiamento nell'equilibrio tra ossidanti e antiossidanti a favore degli ossidanti è chiamato "stress ossidativo". La regolazione dello stato di riduzione e ossidazione (redox) è fondamentale per la vitalità cellulare, l'attivazione, la proliferazione e la funzione dell'organo. Gli organismi aerobici hanno sistemi antiossidanti integrati, che includono antiossidanti enzimatici e non enzimatici che di solito sono efficaci nel bloccare gli effetti nocivi della ROS. Tuttavia, in condizioni patologiche, i sistemi antiossidanti possono essere sopraffatti. Lo stress ossidativo contribuisce a molte condizioni patologiche e malattie, tra cui il cancro, i disturbi neurologici, l'aterosclerosi, l'ipertensione, l'ischemia / perfusione, il diabete, la sindrome da disturbo respiratorio acuto, la fibrosi polmonare idiopatica, la malattia polmonare cronica ostruttiva e l'asma. In questa recensione, riassumiamo gli ossidanti cellulari e sistemi antiossidanti e discutiamo gli effetti cellulari e i meccanismi dello stress ossidativo.

Parole chiave: antiossidante, ossidante, stress ossidativo, specie di ossigeno reattivo, redox

(WAO Journal 2012; 5: 9-19)

Le specie reattive dell'ossigeno (ROS) sono prodotte da organismi viventi come risultato del normale metabolismo cellulare. A concentrazioni da basse a moderate, funzionano in processi cellulari fisiologici, ma ad alte concentrazioni producono modificazioni sfavorevoli dei componenti cellulari, come lipidi, proteine ​​e DNA. 1-6 Lo spostamento dell'equilibrio tra ossidante / antiossidante a favore degli ossidanti è definito "stress ossidativo". Lo stress ossidativo contribuisce a molte condizioni patologiche, tra cui cancro, disturbi neurologici, aterosclerosi 7-10, ipertensione, ischemia / perfusione, diabete 11-14, sindrome da distress respiratorio acuto, fibrosi polmonare idiopatica, broncopneumopatia cronica ostruttiva , 15 e asma.16-21 Gli organismi aerobici hanno sistemi antiossidanti integrati, che includono antiossidanti enzimatici e non enzimatici che sono solitamente efficaci nel bloccare gli effetti dannosi del ROS. Tuttavia, in condizioni patologiche, i sistemi antiossidanti possono essere sopraffatti. In questa recensione, riassumiamo i sistemi cellulari ossidanti e antiossidanti e la regolazione dello stato riducente e ossidante (redox) negli stati di salute e malattia.

OSSIDANTI

Fonti endogene di ROS

I ROS sono prodotti da ossigeno molecolare come risultato di un normale metabolismo cellulare. ROS può essere diviso in gruppi 2: radicali liberi e nonradicali. Molecole contenenti uno o più elettroni sconosciuti e dando così reattività alla molecola sono chiamati radicali liberi. Quando i radicali liberi di 2 condividono i loro elettroni non accoppiati, vengono create forme nonradiche. I principali ROS 3, che sono di significato fisiologico, sono l'anione superossido (O22.), Il radicale idrossile (OH) e il perossido di idrogeno (H2O2). ROS sono riassunti nella Tabella 1.

L'anione superossido è formato dall'aggiunta dell'elettrone 1 all'ossigeno molecolare.22 Questo processo è mediato dalla nicotina adenina dinucleotide fosfato [NAD (P) H] ossidasi o xantina ossidasi o dal sistema di trasporto degli elettroni mitocondriale. Il principale sito per produrre anione superossido è il mitocondrio, il meccanismo della cellula per produrre trifosfato di adenosina. Normalmente, gli elettroni vengono trasferiti attraverso la catena di trasporto degli elettroni mitocondriale per ridurre l'ossigeno all'acqua, ma approssimativamente da 1 a 3% di tutti gli elettroni fuoriescono dal sistema e producono superossido. L'ossidasi NAD (P) H si trova nei leucociti polimorfonucleati, nei monociti e nei macrofagi. Dopo la fagocitosi, queste cellule producono una raffica di superossido che porta all'attività battericida. Il superossido viene convertito in perossido di idrogeno mediante l'azione delle superossido dismutasi (SOD, EC 1.15.1.1). Il perossido di idrogeno si diffonde facilmente attraverso la membrana plasmatica. Il perossido di idrogeno è prodotto anche dalla xantina ossidasi, dall'amminoacido ossidasi e dall'ossidasi NAD (P) H NNXX e nei perossisomi dal consumo di ossigeno molecolare nelle reazioni metaboliche. In una serie di reazioni denominate reazioni Haber-Weiss e Fenton, H23,24O2 può degradare a OH2 in presenza di metalli di trasmissione come Fe2 o Cu21

Fe31 + .O2 → Fe2 + O2 Haber Weiss

Fe2 + H2O2 → Fe3 + OH + .OH Reazione di Fenton

O 2 stesso può anche reagire con H2 O2 e generare OH .26,27 Il radicale idrossile è il più reattivo dei ROS e può danneggiare proteine, lipidi e carboidrati e DNA. Può anche iniziare la perossidazione lipidica prendendo un elettrone da acidi grassi polinsaturi.

Gli enzimi granulocitici espandono ulteriormente la reattività di H2O2 tramite eosinophil peroxidase e myeloperoxidase (MPO). Nei neutrofili attivati, H2O2 viene consumato da MPO. In presenza di ioni di cloruro, H2O2 viene convertito in acido iocloruro (HOCl). HOCl è altamente ossidativo e svolge un ruolo importante nell'uccisione degli agenti patogeni nelle vie aeree.28 Tuttavia, HOCl può anche reagire con il DNA e indurre le interazioni tra proteine ​​del DNA e produrre prodotti di ossidazione della pirimidina e aggiungere cloruro a basi del DNA. 29,30 Eosinofila perossidasi e MPO contribuiscono anche allo stress ossidativo mediante modifica delle proteine ​​per alogenazioni, nitrazione e legami di proteine ​​attraverso i radicali tirosilici. 31-33

Altri radicali liberi derivati ​​dall'ossigeno sono i radicali perossilici (ROO $). La forma più semplice di questi radicali è il radicalo idroperossilico (HOO $) e ha un ruolo nella perossidazione dell'acido grasso. I radicali liberi possono innescare le reazioni a catena della perossidazione lipidica estraggendo un atomo di idrogeno da un carbonio di metilene a catena laterale. Il radicale lipidico quindi reagisce con l'ossigeno per produrre radicali perossilici. Il radical perossilico inizia una reazione a catena e trasforma gli acidi grassi polinsaturi in idroperossidi lipidi. Gli idroperossidi lipidici sono molto instabili e possono facilmente decomporsi a prodotti secondari, quali aldeidi (come 4-idrossi-2,3-nonenali) e malondialdehidi (MDA). Gli isoprostani sono un altro gruppo di prodotti perossidanti lipidi che vengono generati attraverso la perossidazione dell'acido arachidonico e sono stati trovati anche elevati in plasma e respirazione di condensati degli asmatici.34,35 La perossidazione dei lipidi disturba l'integrità delle membrane cellulari e porta alla riorganizzazione della struttura a membrana .

Perossido di idrogeno, superossido radicale, glutatione ossidato (GSSG), MDAs, isoprostani, carbonili e nitrotirosina possono essere misurati facilmente dai campioni di lavaggio del plasma, del sangue o del broncoalveolare come biomarkers di ossidazione mediante saggi standardizzati.

Origine esogena di ossidanti

Fumo di sigaretta

Il fumo di sigaretta contiene molti ossidanti e radicali liberi e composti organici, come il superossido e l'ossido nitrico. 36 Inoltre, l'inalazione di fumo di sigarette nel polmone attiva anche alcuni meccanismi endogeni, come l'accumulo di neutrofili e macrofagi, che aumentano ulteriormente l'infortunio ossidante .

Esposizione all'ozono

L'esposizione all'ozono può causare la perossidazione dei lipidi e indurre l'afflusso di neutrofili nell'epitelio delle vie aeree. L'esposizione a breve termine all'ozono provoca anche il rilascio di mediatori infiammatori, come MPO, proteine ​​cationiche eosinofili e anche lattato deidrogenasi e albumina. NUMX Anche nei soggetti sani l'esposizione all'ozono provoca una riduzione delle funzioni polmonari.37 Cho et al38 hanno dimostrato che particolato (miscela di particelle solide e goccioline di liquido sospese nell'aria) catalizza la riduzione dell'ossigeno.

iperossia

L'iperossia si riferisce a condizioni di elevati livelli di ossigeno rispetto alla normale pressione parziale di ossigeno nei polmoni o in altri tessuti del corpo. Porta a una maggiore produzione di ossigeno reattivo e specie di azoto

Radiazione ionizzante

La radiazione ionizzante, in presenza di O2, converte radicali idrossilici, superossidi e radicali organici a perossido di idrogeno e idroperossidi organici. Queste specie di idroperossidi reagiscono con ioni metallici attivi di redox, quali Fe e Cu, attraverso reazioni di Fenton e inducono quindi lo stress ossidativo. 42,43 Narayanan et al44 ha dimostrato che i fibroblasti esposti alle particelle alfa presentavano un aumento significativo dell'O2 2 intracellulare. e la produzione di H2O2 mediante NADPH oxidase legato alla membrana plasmatica di plasma. NNMXX Le molecole di trasduzione del segnale, come le chinasi 44 e 1 (ERK2 / 1) regolate dal segnale extracellulare, la N-terminale kinasi c-Jun (JNK) e p2 e fattori di trascrizione, quali attivazione di proteine ​​38 (AP-1), fattore nucleare-kB (NF-kB) e p1, che si traducono nell'espressione dei geni correlati alla risposta alla radiazione. 53-45 Ultraviolet A (UVA) reazioni ossidative mediante eccitazione di fotosensibilizzanti endogeni, come porfirine, NADPH ossidasi e riboflavine. 50-Oxo-8 -didroguanina (7,8-oxoGua) è il principale prodotto di ossidazione del DNA mediato dall'UVA, formato dall'ossidazione del radicale OH, ossidanti 8-elettronici e ossigeno singolo che reagisce principalmente con guanina. 1 La formazione di cationi radicali guanina nel DNA isolato è stato dimostrato che si verificano efficacemente attraverso l'effetto diretto di radiazioni ionizzanti.51 Dopo l'esposizione a radiazioni ionizzanti, il livello intracellulare di glutatione (GSH) diminuisce per un breve periodo ma aumenta di nuovo.52,53

Ioni di metalli pesanti

I ioni di metalli pesanti, quali il ferro, il rame, il cadmio, il mercurio, il nichel, il piombo e l'arsenico, possono indurre la generazione di radicali reattivi e causare danni cellulari attraverso l'esaurimento delle attività enzimatiche attraverso la perossidazione dei lipidi e la reazione con proteine ​​nucleari e DNA.

Uno dei meccanismi più importanti della generazione di radicali liberi mediati dal metallo è attraverso una reazione di tipo Fenton. Il ioni di superossido e il perossido di idrogeno possono interagire con metalli di transizione, come il ferro e il rame, attraverso la reazione Haber-Weiss / Fenton catalizzata a metalli per formare radicali OH.

Metal31 1 $ O2 / Metal21 1 O2 Haber Weiss Metal21 1 H2 O2 / Metal31 1 OH 2 1 $ OH Reazione di Fenton

Oltre ai meccanismi di tipo Fenton e Haber-Weiss, alcuni ioni metallici possono reagire direttamente con le molecole cellulari per generare radicali liberi, come i radicali tiolici, o indurre percorsi di segnalazione cellulare. Questi radicali possono anche reagire con altre molecole di tiolo per generare O22 .. O22. viene convertito in H2O2, che causa generazione di radicali ossigeno aggiuntivi. Alcuni metalli, come l'arsenito, inducono la formazione di ROS indirettamente mediante l'attivazione di sistemi di produzione radicali nelle cellule. 56

L'arsenico è un elemento altamente tossico che produce una varietà di ROS, tra cui superossido (O2 2), ossigeno singolo (1O2), radicale perossile (ROO), ossido nitrico (NO), perossido di idrogeno (H2O2) e radicali perossilici dimetilarsinici CH3) 2AsOO] .57-59 I composti di arsenico (III) possono inibire gli enzimi antiossidanti, in particolare gli enzimi GSH-dipendenti, quali glutatione-S-transferasi (GST), glutatione perossidasi (GSH-Px) e GSH-reduttasi, - ai loro gruppi di solfidril (-SH ).60,61

Il piombo aumenta la perossidazione dei lipidi. 62 La riduzione significativa dell'attività del tessuto SOD e del cervello GPx è stata riportata dopo l'esposizione al piombo.63,64 La sostituzione dello zinco, che funge da cofattore per molti enzimi da piombo, porta all'attivazione di tali enzimi. L'esposizione del piombo può causare inibizione del GST colpendo i tioli dei tessuti.

ROS generato da reazioni catalizzate con metallo può modificare le basi del DNA. Possono verificarsi tre sostituzioni di base, G / C, G / T e C / T, in seguito a danni ossidativi da ioni metallici, quali Fe21, Cu21 e Ni21. Reid et al65 ha mostrato che G / C è stato prevalentemente prodotto da Fe21 mentre la sostituzione C / T è stata effettuata da Cu21 e Ni21.

ANTIOSSIDANTI

Il corpo umano è dotato di una varietà di antiossidanti che servono a controbilanciare l'effetto degli ossidanti. Per tutti gli scopi pratici questi possono essere suddivisi in categorie 2: enzimatiche (Tabella 2) e non-enzimatiche (Tabella 3).

Antiossidanti enzimatici

I principali antiossidanti enzimatici dei polmoni sono SOD (EC 1.15.1.11), catalasi (EC 1.11.1.6) e GSH-Px (EC 1.11.1.9). Oltre a questi principali enzimi, sono stati trovati anche altri antiossidanti, tra cui l'emenossigenasi-1 (EC 1.14.99.3) e le proteine ​​redox, quali le tioredossine (TRXs, EC1.8.4.10), perossiredossine (PRXs, EC1.11.1.15) e glutareossine svolgono un ruolo cruciale nelle difese antiossidanti polmonari.

Poiché il superossido è il principale ROS prodotto da una varietà di sorgenti, la sua dissoluzione da SOD è di primaria importanza per ogni cellula. Tutte le forme 3 di SOD, cioè CuZn-SOD, Mn-SOD e EC-SOD, sono ampiamente espresse nel polmone umano. Mn-SOD è localizzato nella matrice mitocondriale. EC-SOD è localizzato principalmente nella matrice extracellulare, specialmente nelle aree contenenti elevate quantità di fibre di collagene di tipo I e intorno a recipienti polmonari e sistemici. È stato anche rilevato nell'epitelio bronchiale, nell'epitelio alveolare e nei macrofagi alveolari. Nel complesso, CuZn-SOD e Mn-SOD sono generalmente pensati di agire come scavenger di massa dei radicali superossidici. Il livello relativamente elevato di EC-SOD nel polmone con il suo legame specifico alle componenti della matrice extracellulare può rappresentare una componente fondamentale della protezione della matrice polmonare.66,67

H2O2 prodotta dall'azione di SOD o dall'azione di ossidasi, come la xantina ossidasi, viene ridotta all'acqua con catalasi e GSH-Px. Catalase esiste come un tetramero composto da monomeri identici 4, ognuno dei quali contiene un gruppo heme nel sito attivo. La degradazione di H2O2 viene effettuata mediante la conversione tra conformazioni 2 della catalasi-ferricatalasi (ferro coordinato all'acqua) e del composto I (ferro complessato con un atomo di ossigeno). La catalasi lega anche NADPH come equivalente riducente per impedire l'inattivazione ossidativa dell'enzima (formazione del composto II) da H2O2 in quanto viene ridotta all'acqua.69

Gli enzimi nel ciclo redox responsabile della riduzione di H2O2 e degli idroperossidi lipidi (generati come risultato di perossidazione lipidica a membrana) includono GSH-Px. 70 Gli GSH-Pxs sono una famiglia di enzimi tetramerici che contengono l'unica selenocisteina dell'amminoacido all'interno del siti attivi e utilizzare tioli a basso peso molecolare, come ad esempio GSH, per ridurre H2O2 e lipidi perossidi nei loro corrispondenti alcoli. Sono stati descritti quattro GSH-Pxs, codificati da diversi geni: GSH-Px-1 (cellulare GSH-Px) è onnipresente e riduce H2O2 e perossidi di acidi grassi, ma non lipidi perossilici esterificati.71 I lipidi esterificati vengono ridotti mediante GSH legato alla membrana -Px-4 (idroperossido fosfolipido GSH-Px), che può utilizzare diversi tioli a basso peso molecolare come equivalenti riducenti. GSH-Px-2 (gastrointestinale GSH-Px) è localizzato in cellule epiteliali gastrointestinali dove serve a ridurre i perossidi alimentari. 72 GSH-Px-3 (GSH-Px extracellulare) è l'unico membro della famiglia GSH-Px che risiede lo scomparto extracellulare e si ritiene che sia uno dei più importanti enzimi antiossidanti extracellulari nei mammiferi. Di questi, GSH-Px extracellulare è più ampiamente studiato nel polmone umano.73

Inoltre, lo smaltimento di H2O2 è strettamente associato a diversi enzimi contenenti tiolo, vale a dire TRX (TRX1 e TRX2), riduzione delle tioredossine (EC1.8.1.9) (TRRs), PRXs (che sono perossidasi tioredossina) e glutareossine.74

Due TRXs e TRRs sono stati caratterizzati in cellule umane, esistenti sia nel citosolo che nei mitocondri. Nel polmone, TRX e TRR sono espressi in epitelio bronchiale e alveolare e macrofagi. Sei differenti PRXs sono stati trovati nelle cellule umane, differente nella loro compartimentalizzazione ultrastrutturale. Studi sperimentali hanno rivelato l'importanza di PRX VI nella protezione dell'epitelio alveolare. Il polmone umano esprime tutti i PRX in epitelio bronchiale, epitelio alveolare e macrofagi. Recentemente è stato trovato che 75 PRX V funziona come una perossinitritica reduttasi, 76, il che significa che può funzionare come un potenziale composto protettivo nello sviluppo di lesioni polmonari ROS mediate .77

Comune a questi antiossidanti è il requisito di NADPH come equivalente riducente. NADPH mantiene catalasi nella forma attiva ed è utilizzato come cofattore da TRX e GSH reduttasi (EC 1.6.4.2), che converte GSSG in GSH, un co-substrato per gli GSH-Pxs. Il NADPH intracellulare, a sua volta, è generato dalla riduzione di NADP1 da glucose-6-fosfato deidrogenasi, il primo enzima e il tasso di limitazione del percorso di fosfato penato durante la conversione del glucosio-6-fosfato a 6-fosfogluconolattone. Con la generazione di NADPH, la deidrogenasi del glucosio-6-fosfato è un determinante critico della capacità di bufferizzazione GSH (GSH / GSSG) citosolica e, pertanto, può essere considerato un enzima antiossidante essenziale regolatore.78,79

GST (EC 2.5.1.18), un'altra famiglia di enzimi antiossidanti, inattiva i metaboliti secondari, quali aldeidi insaturi, epossidi e idroperossidi. Sono state descritte tre principali famiglie di GST: GST citosolica, GST mitocondriale, 80,81 e GST microsomale associata a membrana che hanno un ruolo nel metabolismo eicosanoide e GSH. 82 Sette classi di GST citosoliche sono identificate in mammiferi, designati Alpha, Mu, Pi, Sigma, Theta, Omega e Zeta.83-86 Durante le condizioni non stressate, la classe Mu e Pi GST interagiscono con le chinasi Ask1 e JNK rispettivamente e inibiscono tali chinasi.87-89 È stato dimostrato che GSTP1 dissociata da JNK in risposta allo stress ossidativo.89 GSTP1 interagisce anche fisicamente con PRX VI e porta al recupero dell'attività enzimatica PRX attraverso la glutationi della proteina ossidata.90

Antiossidanti non-enzimatici

Gli antiossidanti non-enzimatici comprendono composti a basso peso molecolare, come le vitamine (vitamine C e E), il carotene b, l'acido urico e GSH, un tripeptide (Lg-glutamil-L-cisteinil-L-glicina) che comprendono un tiolo sulfidril).

Vitamina C (Acido Ascorbico)

La vitamina C solubile in acqua (acido ascorbico) fornisce la capacità antiossidante acquosa a fase acquosa intracellulare e extracellulare principalmente mediante l'assorbimento di radicali liberi dell'ossigeno. Converte i radicali liberi della vitamina E verso la vitamina E. I suoi livelli plasmatici sono diminuiti con l'età.91,92

La vitamina E (a-tocopherolo)

La vitamina E solubile in lipidi è concentrata nel sito interno idrofobo della membrana cellulare e rappresenta la principale difesa contro il danneggiamento della membrana causato dagli ossidanti. La vitamina E dona l'elettrone al radicale perossilico, prodotta durante la perossidazione lipidica. a-Tocophero è la forma più attiva di vitamina E e il principale antiossidante legato alla membrana in cellule. La vitamina E innesca l'apoptosi delle cellule tumorali e inibisce le formazioni dei radicali liberi.93

Glutatione

GSH è altamente abbondante in tutti i compartimenti delle cellule ed è il principale antiossidante solubile. Il rapporto GSH / GSSG è un fattore determinante dello stress ossidativo. GSH mostra i suoi effetti antiossidanti in diversi modi. 94 Detossica perossido di idrogeno e perossidi lipidici tramite azione di GSH-Px. GSH dona il suo elettrone a H2O2 per ridurlo in H2O e O2. GSSG è nuovamente ridotto in GSH da GSH reduttasi che utilizza NAD (P) H come donatore di elettroni. GSH-Pxs sono anche importanti per la protezione della membrana cellulare dalla perossidazione dei lipidi. Il glutatione ridotto dona i protoni ai lipidi a membrana e li protegge dagli attacchi ossidanti.95

GSH è un cofattore per diversi enzimi disintossicante, come GSH-Px e transferasi. Ha un ruolo nella conversione della vitamina C ed E nelle loro forme attive. GSH protegge le cellule dall'apoptosi interagendo con percorsi di segnalazione proapoptotici e antiapoptotici. 94 Regola e attiva anche diversi fattori di trascrizione, quali AP-1, NF-kB e Sp-1.

Carotenoidi (b-Carotene)

I carotenoidi sono i pigmenti presenti nelle piante. In primo luogo, il carotenoide ha mostrato i suoi effetti antiossidanti in bassa pressione parziale dell'ossigeno, ma può avere effetti pro-ossidanti all'ossigeno più elevato. I carotenoidi perossilici (ROO), ossidrile (OH) e superossido (O22) concentrazioni. 96 Entrambi i carotenoidi e gli acidi retinoici (RAs) sono in grado di regolare i fattori di trascrizione.97 b-Carotene inibisce l'attivazione di NF-kB indotta dall'ossidante e l'interleuchina (IL) -98 e la produzione di fattore di necrosi tumorale. I carotenoidi influenzano anche l'apoptosi delle cellule. Gli effetti antiproliferativi della RA sono stati mostrati in diversi studi. Questo effetto di RA è mediato principalmente dai recettori dell'acido retinoico e varia tra i tipi di cellule. Nelle cellule del carcinoma mammario, il recettore dell'acido retinoico è stato dimostrato di inibire l'inibizione della crescita inducendo l'arresto del ciclo cellulare, l'apoptosi o entrambi. 6

L'EFFETTO DELLA STRESS OSSIDATIVA: MECCANISMI GENETICI, FISIOLOGICI E BIOCHIMICI

Lo stress ossidativo si verifica quando l'equilibrio tra antiossidanti e ROS viene interrotto a causa dell'esaurimento di antiossidanti o dell'accumulo di ROS. Quando si verifica lo sforzo ossidativo, le cellule cercano di contrastare gli effetti degli ossidanti e di ripristinare l'equilibrio redox mediante l'attivazione o la silenziazione di geni che codificano enzimi difensivi, fattori di transizione e proteine ​​strutturali. Il rapporto tra glutatione ossidato e ridotto (101,102GSH / GSSG) è uno delle importanti determinanti dello stress ossidativo nel corpo. Una maggiore produzione di ROS nel corpo può cambiare la struttura del DNA, provocare la modifica delle proteine ​​e dei lipidi, l'attivazione di diversi fattori di trascrizione indotti da stress e la produzione di citochine proinfiammatorie e antiinfiammatorie.

Effetti dello stress ossidativo sul DNA

ROS può portare a modifiche del DNA in diversi modi, che comportano il degrado delle basi, le interruzioni del DNA a singolo o doppio filamento, la purina, la pirimidina o le modifiche, le mutazioni, le delezioni o le traslocazioni legate al zucchero e la reticolazione con le proteine. La maggior parte di queste modificazioni del DNA (Fig. 1) sono altamente rilevanti per la carcinogenesi, l'invecchiamento e le malattie neurodegenerative, cardiovascolari e autoimmuni. Il fumo di tabacco, i metalli redox e i metalli non reattivi, come il ferro, il cadmio, il cromo e l'arsenico, sono anche coinvolti nella carcinogenesi e nell'invecchiamento generando radicali liberi o legandosi ai gruppi tiolici. La formazione di 8-OH-G è il più noto danno del DNA che si verifica con lo stress ossidativo e rappresenta un potenziale biomarker per la cancerogenesi.

Le regioni promozionali dei geni contengono sequenze di consenso per i fattori di trascrizione. Questi siti di legame di fattore di trascrizione contengono sequenze ricche di GC che sono suscettibili agli attacchi ossidanti. La formazione di DNA 8-OH-G nei siti di legame del fattore di trascrizione può modificare il legame dei fattori di trascrizione e modificare così l'espressione dei geni correlati, come è stato dimostrato per le sequenze di bersagli AP-1 e Sp-1.103 Oltre a 8-OH-G, 8,59 -cyclo-29 -deoxyadenosine (ciclo-dA) è anche stato dimostrato di inibire la trascrizione da un gene reporter in un sistema cellulare se si trova in una scatola di TATA.104 La proteina legante TATA inizia la trascrizione cambiando la flessione del DNA. Il legame della proteina legante TATA può essere compromesso dalla presenza di ciclo-dA.

Lo stress ossidativo provoca l'instabilità di regioni di microsatellite (brevi tandem ripetizioni). Gli ioni di metallo attivo di Redox, i radicali idrossilici aumentano l'instabilità di microsatellite.105 Anche se le interruzioni di DNA a singolo filamento causate da lesioni all'ossidazione possono essere facilmente tollerate dalle cellule, le interruzioni del DNA a doppio filamento indotte da radiazioni ionizzanti possono essere una minaccia significativa per la sopravvivenza delle cellule.106

La metilazione nelle isole CpG del DNA è un importante meccanismo epigenetico che può provocare la silenziazione del gene. L'ossidazione di 5-MeCyt a 5-idrossimetil uracil (5-OHMeUra) può avvenire tramite reazioni di deinazione / ossidazione della timina o dei mesidi 5-idrossimetil citosina.107 Oltre all'espressione del gene modulante, anche la metilazione del DNA sembra influenzare l'organizzazione della cromatina.108 I modelli aberranti di metilazione del DNA indotti da attacchi ossidativi influenzano anche l'attività di riparazione del DNA.

Effetti dello stress ossidativo sui lipidi

ROS può indurre la perossidazione dei lipidi e distruggere la struttura a doppio strato lipidico che può inattivare i recettori e gli enzimi legati alla membrana e aumentare la permeabilità del tessuto.109 I prodotti di perossidazione lipidica, quali MDA e aldeidi insaturi, sono in grado di inattivare molte proteine ​​cellulari formando croce proteica -110-112 4-Hydroxy-2-nonenale causa l'esaurimento di GSH intracellulare e induce la produzione di perossido, 113,114 attiva il recettore del fattore di crescita epidermico, 115 e induce la produzione di fibronectina.116 Prodotti perossidanti lipidi, come gli isoprostani e le sostanze reattive di acido tiobarbiturico , sono stati utilizzati come biomarcatori indiretti di stress ossidativo e aumentati livelli sono stati mostrati nel condensato all'aria espirata o nel fluido lavaggio broncoalveolare o nel polmone di pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica o di fumatori.117-119

Effetti dello stress ossidativo sulle proteine

ROS può causare la frammentazione della catena del peptide, alterazione della carica elettrica delle proteine, cross-linking delle proteine ​​e ossidazione di aminoacidi specifici e quindi portare ad una maggiore suscettibilità alla proteolisi mediante degradazione da proteasi specifiche.NUMX I residui di cisteina e metionina nelle proteine ​​sono particolarmente più suscettibile all'ossidazione. 120 L'ossidazione dei gruppi di solfidril o residui di metionina delle proteine ​​provoca cambiamenti conformazionali, sviluppo delle proteine ​​e degradazione. 121-8,121 Gli enzimi che presentano metalli presso o vicini ai loro siti attivi sono particolarmente più sensibili all'ossidazione catalizzata in metallo. La modifica ossidativa degli enzimi ha dimostrato di inibire le loro attività.123

In alcuni casi, può verificarsi un'ossidazione specifica delle proteine. Ad esempio, la metionina può essere ossidata di metionina sulfossido126 e fenilalanina a o-tirosina127; i gruppi di solfidril possono essere ossidati per formare legami di disolfuro; i gruppi 128 e carbonilici possono essere introdotti nelle catene laterali delle proteine. I raggi gamma, l'ossidazione catalizzata in metallo, l'HOCl e l'ozono possono causare la formazione di gruppi carbonilici.129

Effetti dello stress ossidativo sulla trasduzione del segnale

ROS può indurre l'espressione di diversi geni coinvolti nella trasduzione del segnale.1,130 Un elevato rapporto per GSH / GSSG è importante per la protezione della cellula da danno ossidativo. La disgregazione di questo rapporto determina l'attivazione di fattori di trascrizione sensibili a redox, come NF-kB, AP-1, fattore nucleare di cellule T attivate e fattore 1 indotta da ipossia, che sono coinvolti nella risposta infiammatoria. L'attivazione di fattori di trascrizione tramite ROS è ottenuta mediante cascate di trasduzione del segnale che trasmettono le informazioni dall'esterno all'interno della cellula. I recettori di tirosin-chinasi, la maggior parte dei recettori del fattore di crescita, come il recettore del fattore di crescita epidermico, il recettore del fattore di crescita endoteliale vascolare e il recettore per il fattore di crescita derivato dalle piastrine, le fosfatasi di tirosina di proteine ​​e le chinasi di serina / treonina sono obiettivi di ROS.131-133 Le chinasi extra-cellulari regolate dal segnale, JNK e p38, che sono membri della famiglia di proteine ​​chinasi attivate da mitogeni e coinvolte in diversi processi in cellule, compresa la proliferazione, la differenziazione e l'apoptosi, possono anche essere regolati da ossidanti.

Nelle condizioni di stress ossidativo, i residui di cisteina nel sito di legame del DNA di c-Jun, alcune subunità AP-1 e la kB kinasi inibitoria subiscono una reversibile S-glutationiolation. Glutaredoxina e TRX sono state riportate per svolgere un ruolo importante nella regolazione di percorsi di segnalazione sensibili a redox, quali NF-kB e AP-1, la proteina chinasi attivata da mitogeno p38 e JNK.134-137

NF-kB può essere attivato in risposta all'ossidativo condizioni di stress, come ROS, radicali liberi e irradiazione UV. 138 La fosforilazione di IkB libera NF-kB e gli consente di entrare nel nucleo per attivare la trascrizione genica. 139 Un numero di chinasi è stato segnalato per fosforilare IkB ai residui di serina. Queste chinasi sono gli obiettivi dei segnali ossidativi per l'attivazione di NF-kB.140 Gli agenti riducenti migliorano il legame del DNA di NF-kB, mentre gli agenti ossidanti inibiscono il legame del DNA di NF-kB. TRX può esercitare 2 azioni opposte nella regolazione di NF-kB: nel citoplasma, blocca la degradazione di IkB e inibisce l'attivazione di NF-kB ma migliora il legame del DNA di NF-kB nel nucleo. 141 Attivazione di NF-kB tramite degradazione correlata all'ossidazione di IkB provoca l'attivazione di diversi geni antiossidanti correlati alla difesa. NF-kB regola l'espressione di diversi geni che partecipano alla risposta immunitaria, come IL-1b, IL-6, fattore di necrosi tumorale-a, IL-8 e diverse molecole di adesione.142,143 NF-kB regola anche l'angiogenesi e la proliferazione e differenziazione delle cellule.

AP-1 è anche regolato da stato redox. In presenza di H2O2, alcuni ioni metallici possono indurre l'attivazione di AP-1. L'aumento del rapporto di GSH / GSSG aumenta il legame AP-1 mentre GSSG inibisce il legame del DNA del DNA di AP-1.144 Il legame del DNA dell'eterodimero Fos / Jun è aumentato dalla riduzione di una singola cisteina conservata nel dominio di legame del DNA di ciascuno dei le proteine, 145 mentre il legame del DNA di AP-1 può essere inibito da GSSG in molti tipi di cellule, suggerendo che la formazione di legame di disolfuro dai residui di cisteina inibisce il legame del DNA di AP-1.146,147 La trasduzione del segnale attraverso lo stress ossidativo è riassunto in Figura 2.

CONCLUSIONI

Lo stress ossidativo può derivare dalla sovrapproduzione di ROS da reazioni metaboliche che utilizzano ossigeno e sposta l'equilibrio tra ossidante /antiossidante statistiche a favore degli ossidanti. ROS sono prodotti da attività metaboliche cellulari e fattori ambientali, come inquinanti atmosferici o fumo di sigaretta. I ROS sono molecole altamente reattive a causa di elettroni inattivi nella loro struttura e reagiscono con diverse macromolecole biologiche nella cellula, come i carboidrati, gli acidi nucleici, i lipidi e le proteine ​​e alterano le loro funzioni. ROS colpisce anche l'espressione di diversi geni mediante l'upregulation di fattori di trascrizione sensibili alla redox e il rimodellamento della cromatina mediante alterazione dell'acetilazione / deacetilazione dell'istone. La regolazione dello stato redox è fondamentale per la vitalità delle cellule, l'attivazione, la proliferazione e la funzione dell'organo.

Riferimenti:

RIFERIMENTI

1. Valko M, Rhodes CJ, Moncol J, Izakovic M, Mazur M. Radicali liberi, metalli e antiossidanti nel cancro indotto da stress ossidativo. Chem Biol Interact. 2006; 160: 1-40.
2. Halliwell B, Gutteridge JMC. Radici liberi in biologia e medicina. 3rd ed. New York: Oxford University Press; 1999.
3. Marnett LJ. Perossidazione lipidica danni danneggiati da malondialdeide. Mutat Res. 1999; 424: 83-95.
4. Siems WG, Grune T, Esterbauer H. 4 - Formazione idrossinonenale durante ischemia e riperfusione dell'intestino tenue di ratto. Scienza della vita. 1995; 57: 785-789.
5. Stadtman ER. Ruolo delle specie ossidanti nell'invecchiamento. Curr Med Chem. 2004; 11: 1105-1112.
6. Wang MY, Dhingra K, Hittelman WN, Liehr JG, DeAndrade M, Li DH. Adduzione di malondialdehidi-DNA indotti da perossidazione lipidica nei tessuti umani. Cancro Epidemiol Biomarkers 1996; 5: 705-710.
7. Jenner P. Stress ossidativo nella malattia di Parkinson. Ann Neurol. 2003; 53: S26-S36.
8. Lyras L, Cairns NJ, Jenner A, Jenner P, Halliwell B. Valutazione di danno ossidativo a proteine, lipidi e DNA nel cervello da pazienti con malattia di Alzheimer. J Neurochem. 1997; 68: 2061-2069.
9. Sayre LM, Smith MA, Perry G. Chimica e biochimica dello stress ossidativo nella malattia neurodegenerativa. Curr Med Chem. 2001; 8: 721-738.
10. Toshniwal PK, Zarling EJ. Evidenza per una maggiore perossidazione dei lipidi nella sclerosi multipla. Neurochem Res. 1992; 17: 205-207.
11. Dhalla NS, Temsah RM, Netticadan T. Ruolo dello stress ossidativo nelle malattie cardiovascolari. J Hypertens. 2000; 18: 655-673.
12. Kasparova S, Brezova V, Valko M, Horecky J, Mlynarik V, et al. Studio dello stress ossidativo in un modello di ratto di ipoperfusione cerebrale cronica. Neurochem Int. 2005; 46: 601-611.
13. Kerr S, Brosnan MJ, McIntyre M, Reid JL, Dominiczak AF, Hamilton CA. La produzione di anioni superossidiche è aumentata in un modello di ipertensione genetica: ruolo dell'endotelio. Ipertensione. 1999; 33: 1353-1358.
14. Kukreja RC, Hess ML. Il sistema di radicali liberi dell'ossigeno: dalle equazioni attraverso le interazioni di membrana-proteine ​​alle lesioni cardiovascolari e alla protezione. Cardiovasc Res. 1992; 26: 641-655.
15. Asami S, Manabe H, Miyake J, Tsurudome Y, Hirano T, et al. Il fumo di sigarette induce un aumento del danno ossidativo del DNA, 8-idrossido-ossigosina, in un sito centrale del polmone umano. Carcinogenesi. 1997; 18: 1763-1766.
16. Andreadis AA, Hazen SL, Comhair SA, Erzurum SC. Eventi ossidativi e nitrosativi nell'asma. Libero Radic Biol Med. 2003; 35: 213-225.
17. Comhair SA, Ricci KS, Arroliga M, Lara AR, Dweik RA, et al. Correlazione della carenza di sistema di superossido dismutasi a ostruzione dell'aria in asma. Am J Respir Crit Care med. 2005; 172: 306-313.
18. Comhair SA, Xu W, Ghosh S., Thunnissen FB, Almasan A, et al. Inattivazione della superossido dismutasi nella fisiopatologia del rimodellamento delle vie aeree asmatiche e della reattività. Am J Pathol. 2005; 166: 663-674.
19. Dut R, Dizdar EA, Birben E, Sackesen C, Soyer OU, Besler T, Kalayci O. Sforzo ossidativo e determinanti nelle vie respiratorie dei bambini con asma. Allergia. 2008; 63: 1605-1609.

20. Ercan H, Birben E, Dizdar EA, Keskin O, Karaaslan C, et al. Sforzo ossidativo e determinanti genetici e epidemiologici di lesioni ossidanti nell'asma infantile. J Allergy Clin Immunol. 2006; 118: 1097-1104.
21. Fitzpatrick AM, Teague WG, Holguin F, Yeh M, Brown LA. Programma di ricerca asma grave. L'omeostasi di glutatione nell'aria è alterata nei bambini con asma grave: evidenze di stress ossidante. J Allergy Clin Immunol. 2009; 123: 146-152.
22. Miller DM, Buettner GR, Aust SD. Metalli di transizione come catalizzatori di reazioni di "autossidazione". Radic Biol Med libero. 1990; 8: 95-108.
23. Dupuy C, Virion A, Ohayon R, Kaniewski J, Dème D, Pommier J. Meccanismo di formazione di perossido di idrogeno catalizzato da NADPH ossidasi nella membrana plasmatica della tiroide. J Biol Chem. 1991; 266: 3739-3743.
24. Granger DN. Ruolo di xantina ossidasi e granulociti in ischemia per ferite ferite. Am J Physiol. 1988; 255: H1269-H1275.
25. Fenton HJH. L'ossidazione dell'acido tartarico in presenza di ferro. J Chem Soc. 1984; 65: 899-910.
26. Haber F, Weiss JJ. La decomposizione catalitica del perossido di idrogeno da sali di ferro. Proc. Soc Lond Ser A. 1934; 147: 332-351.
27. Liochev SI, Fridovich I. L'Haber-Weiss ciclato70 anni dopo: una visione alternativa. Redox Rep. 2002; 7: 55-57.
28. Klebanoff SJ. Myeloperoxidase: amico e nemico. J Leukoc Biol. 2005; 77: 598-625.
29. Whiteman M, Jenner A, Halliwell B. Le modificazioni di base indotte dall'acido ipocloro nel DNA del timo del vitello isolato. Chem Res Toxicol. 1997; 10: 1240-1246.
30. Kulcharyk PA, Heinecke JW. L'acido ipo-cloroso prodotto dal sistema myeloperoxidase di fagociti umani induce cross-link covalenti tra DNA e proteine. Biochimica. 2001; 40: 3648-3656.
31. Brennan ML, Wu W, Fu X, Shen Z, Song W, et al. Un racconto di due controversie: definire sia il ruolo delle perossidasi nella formazione di nitrotirosina in vivo utilizzando eosinofila perossidasi e topi da mielooperossidasificenti e la natura delle specie di azoto reattiva generata dalla perossidasi. J Biol Chem. 2002; 277: 17415-17427.
32. Denzler KL, Borchers MT, Crosby JR, Cieslewicz G, Hines EM, et al. La degranulazione eosinofila e l'ossidazione mediata dalla perossidasi delle proteine ​​delle vie respiratorie non si verificano in un modello di sfida di ovalbumina nel topo di infiammazione polmonare. J Immunol. 2001; 167: 1672-1682.
33. van Dalen CJ, Winterbourn CC, Senthilmohan R, Bollitore AJ. Nitrite come substrato e inibitore della mieloperossidasi. Implicazioni per la nitrazione e la produzione di acido ipocloruro nei siti di infiammazione. J Biol Chem. 2000; 275: 11638-11644.
34. Legno LG, Fitzgerald DA, Gibson PG, Cooper DM, Garg ML. La perossidazione lipidica determinata dagli isoprostani plasmatici è correlata alla gravità della malattia in asma lieve. Lipidi. 2000; 35: 967-974.
35. Montuschi P, Corradi M, Ciabattoni G, Nightingale J, Kharitonov SA, Barnes PJ. Aumentato 8-isoprostane, un marker di stress ossidativo, in condensa esalata di pazienti con asma. Am J Respir Crit Care med. 1999; 160: 216-220.
36. Chiesa DF, Pryor WA. La chimica libera del fumo di sigaretta e le sue implicazioni tossicologiche. Environ Health Perspect. 1985; 64: 111-126.
37. Hiltermann JT, Lapperre TS, van Bree L, Steerenberg PA, Brahim JJ, et al. L'infiammazione indotta da ozono viene valutata in sputum e fluido lavaggio bronchiale da asmatici: un nuovo strumento non invasivo negli studi epidemiologici sull'inquinamento atmosferico e l'asma. Libero Radic Biol Med. 1999; 27: 1448-1454.
38. Nightingale JA, Rogers DF, Barnes PJ. Effetto dell'ozono inalato sull'ossido nitrico espirato, funzione polmonare e sputo indotto nei soggetti normali e asmatici. Torace. 1999; 54: 1061-1069.
39. Cho AK, Sioutas C, Miguel AH, Kumagai Y, Schmitz DA, et al. Redox attività di particolato in aria in siti diversi nel Bacino di Los Angeles. Environ Res. 2005; 99: 40-47.
40. Comhair SA, Thomassen MJ, Erzurum SC. Induzione differenziale di perossidasi di glutatione extracellulare e sintasi di ossido nitrico 2 nelle vie aeree di individui sani esposti a 100% O (2) o al fumo di sigaretta. Am J Respir Cell Mol Biol. 2000; 23: 350-354.
41. Matthay MA, Geiser T, Matalon S, Ischiropoulos H. Lesioni polmonari mediate dall'ossidante nella sindrome da distress respiratorio acuto. Crit Care Med. 1999; 27: 2028-2030.
42. Biaglow JE, Mitchell JB, Held K. L'importanza del perossido e del superossido nella risposta a raggi X. Int J Radiat Oncol Biol Phys. 1992; 22: 665-669.
43. Chiu SM, Xue LY, Friedman LR, Oleinick NL. La sensibilizzazione ionica-mediata dai rami dei siti di attacco della matrice nucleare alle radiazioni ionizzanti. Biochimica. 1993; 32: 6214-6219.
44. Narayanan PK, Goodwin EH, Lehnert BE. Le particelle alfa iniziano la produzione biologica di anioni superossidiche e perossido di idrogeno nelle cellule umane. Cancer Res. 1997; 57: 3963-3971.
45. Tuttle SW, Varnes ME, Mitchell JB, Biaglow JE. Sensibilità agli ossidanti chimici e alla radiazione nelle linee cellulari CHO carenti nell'attività ossidativa del ciclo pentosa. Int J Radiat Oncol Biol Phys. 1992; 22: 671-675.
46. Guo G, Yan-Sanders Y, Lyn-Cook BD, Wang T, Tamae D, et al. Manganese
espressione genica mediata dalla superossido dismutasi in radiazioni indotte
risposte adattive. Mol Cell Biol. 2003; 23: 2362-2378.
47. Azzam EI, de Toledo SM, Spitz DR, Little JB. Metabolismo ossidativo
modulano la trasduzione del segnale e la formazione di micronucleo in soggetti esterni
cellule di fibroblasti normali umano irradiati da una particella. Cancer Res.
2002; 62: 5436-5442.
48. Leach JK, Van Tuyle G, Lin PS, Schmidt-Ullrich R, Mikkelsen RB.
Generazione ionizzante-inducibile, mitocondri-dipendente di reattivo
ossigeno / azoto. Cancer Res. 2001; 61: 3894-3901.
49. Dent P, Yacoub A, Fisher PB, Hagan MP, Grant S. MAPK percorsi in
risposte alle radiazioni. Oncogene. 2003; 22: 5885-5896.
50. Wei SJ, Botero A, Hirota K, Bradbury CM, Markovina S, et al. tioredossina
traslocazione nucleare e interazione con fattore redox-1 attiva il fattore di trascrizione AP-1 in risposta alla radiazione ionizzante. Cancer Res. 2000; 60: 6688-6695.
51. Cadet J, Douki T, Gasparutto D, Ravanat JL. Danno ossidativo al DNA: formazione, misurazione e caratteristiche biochimiche. Mutat Res. 2003; 531: 5-23.
52. Yokoya A, Cunniffe SM, O'Neill P. Effetto dell'idratazione all'insuzione di rotture di fili e lesioni di base nei film del DNA plasmidico mediante gammaradiation. J Am Chem Soc. 2002; 124: 8859-8866.
53. Janssen YM, Van Houten B, Borm PJ, Mossman BT. Risposte cellulari e tessuti a danni ossidativi. Lab Invest. 1993; 69: 261-274.
54. Iwanaga M, Mori K, Iida T, Urata Y, Matsuo T, et al. Fattore nucleare kappa B indotta induzione della gamma glutamilcisteina sintetasi da radiazioni ionizzanti nelle cellule umane di glioblastoma T98G. Libero Radic Biol Med. 1998; 24: 1256-1268.
55. Stohs SJ, Bagchi D. Meccanismi ossidativi nella tossicità degli ioni metallici. Libero Radic Biol Med. 1995; 18: 321-336.
56. Leonard SS, Harris GK, Shi X. Stress ossidativo indotto dal metallo e trasduzione del segnale. Libero Radic Biol Med. 2004; 37: 1921-1942.
57. Shi H, Shi X, Liu KJ. Meccanismo ossidativo di tossicità e carcinogenesi di arsenico. Mol Cell Biochem. 2004; 255: 67-78.
58. Pi J, Horiguchi S, Sun Y, Nikaido M, Shimojo N, Hayashi T. Un meccanismo potenziale per la riduzione della formazione di ossido di azoto causata da prolungata esposizione orale all'arsenato nei conigli. Libero Radic Biol Med.2003; 35: 102-113.
59. Le rotture indotte da acido dimetilarsinico, un metabolita di arsenico inorganico, sono fortemente rafforzate dai radicali di anione superossido. Biol Pharm Bull. 1995; 18: 45-58.
60. Waalkes MP, Liu J, Ward JM, Diwan LA. Meccanismi sottostanti alla cancerogenesi dell'arsenico: ipersensibilità dei topi esposti ad arsenico inorganico durante la gestazione. Tossicologia. 2004; 198: 31-38.
61. Schiller CM, Fowler BA, Woods JS. Effetti dell'arsenico sull'attivazione della piruvato deidrogenasi. Environ Health Perspect. 1977; 19: 205-207.
62. Monterio HP, Bechara EJH, Abdalla DSP. Il coinvolgimento dei radicali liberi in porfiria neurologica e avvelenamento da piombo. Mol Cell Biochem. 1991; 103: 73-83.
63. Tripathi RM, Raghunath R, Mahapatra S. Il sangue e il suo effetto sui livelli di bambini Cd, Cu, Zn, Fe e emoglobina. Sci Total Environ. 2001; 277: 161-168.
64. Nehru B, Dua R. L'effetto del selenio alimentare sulla neurotossicità del piombo. J Environ Pathol Toxicol Oncol. 1997; 16: 47-50.
65. Reid TM, Feig DI, Loeb LA. Mutagenesi da radicali ad ossigeno metallici. Environ Health Perspect. 1994; 102 (suppl 3): 57-61.
66. Kinnula VL, Crapo JD. Super-ossido dismutasi nelle malattie polmonari e polmonari umane. Am J Respir Crit Care med. 2003; 167: 1600-1619.
67. Kinnula VL. Produzione e degradazione dei metaboliti dell'ossigeno durante gli stati infiammatori nel polmone umano. Curr Drug targets l'Inflamm Allergy. 2005; 4: 465-470.

68. Zelko IN, Mariani TJ, Folz RJ. Famiglia di multigene di superossido dismutasi: confronto tra le strutture, l'evoluzione e l'espressione dei geni di CuZn-SOD (SOD1), Mn-SOD (SOD2) e EC-SOD (SOD3). Libero Radic Biol Med. 2002; 33: 337-349.
69. Kirkman HN, Rolfo M, Ferraris AM, Gaetani GF. Meccanismi di protezione della catalasi da parte di NADPH. Kinetica e stoichiometria. J Biol Chem. 1999; 274: 13908-13914.
70. Flohé L. Glutathione perossidasi. Basic Life Sci. 1988; 49: 663-668.
71. Arthur JR. Le perossidasi di glutatione. Cell Mol Life Sci. 2000; 57: 1825-1835.
72. Chu FF, Doroshow JH, Esworthy RS. Espressione, caratterizzazione e distribuzione tissutale di una nuova cellula selenica-dipendente glutatione perossidasi, GSHPx-GI. J Biol Chem. 1993; 268: 2571-2576.
73. Comhair SA, Bhathena PR, Farver C, Thunnissen FB, Erzurum SC. Induzione extracellulare della perossidasi di glutatione nei polmoni asmatici: evidenza di regolazione redox dell'espressione nelle cellule epiteliali della via aerea umana. FASEB J. 2001; 15: 70-78.
74. Gromer S, Urig S, Becker K. La tioredossina da scienza alla clinica. Med Res Rev. 2004; 24: 40-89.
75. Kinnula VL, Lehtonen S, Kaarteenaho-Wiik R, Lakari E, Pääkkö P, et al. Espressione specifica delle cellule di perossiredossine nel polmone umano e sarcoidosi polmonare. Torace. 2002; 57: 157-164.
76. Dubuisson M, Vander Stricht D, Clippe A, Etienne F, Nauser T, et al. Perossirossina umana 5 è una riduzione della perossinitritrice. FEBS Lett. 2004; 571: 161-165.
77. Holmgren A. Funzione antiossidante dei sistemi di tioredossina e di glutaredossina. Segnale redox antiossidico. 2000; 2: 811-820.
78. Dickinson DA, Forman HJ. Glutatione in difesa e segnalazione: lezioni da un piccolo tiolo. Ann NY Acad Sci. 2002; 973: 488-504.
79. Sies H. Glutathione e il suo ruolo nelle funzioni cellulari. Libero Radic Biol Med. 1999; 27: 916-921.
80. Ladner JE, Parsons JF, Rife CL, Gilliland GL, Armstrong RN. Percorsi evolutivi paralleli per trasferasi di glutatione: struttura e meccanismo della classe mitocondriale kappa enzima rGSTK1-1. Biochimica. 2004; 43: 52-61.
81. Robinson A, Huttley GA, cabina HS, bordo PG. Studi di modellazione e bioinformatica della glutatione transferasi della classe di Kappa umana prevedono una nuova terza famiglia di transferasi con omologia alle isomerasi 2-idrossicromeno-2-carbossilato prokaryotico. Biochem J. 2004; 379: 541-552.
82. Caratteristiche strutturali comuni della superfamiglia diffusa MAPEGda delle proteine ​​associate alla membrana con funzioni altamente divergenti nel metabolismo eicosanoideo e glutatione. Protein Sci. 1999; 8: 689-692.
83. Hayes JD, Pulford DJ. La famiglia di glutathione S-transferase supergene: la regolazione del GST e il contributo degli isoenzimi alla chemioprotezione del cancro e alla resistenza ai farmaci. Crit Rev Biochem Mol Biol. 1995; 30: 445-600.
84. Armstrong RN. Struttura, meccanismo catalitico e evoluzione delle transferasi di glutatione. Chem Res Toxicol. 1997; 10: 2-18.
85. Hayes JD, McLellan LI. Gli enzimi glutationi e glutationi dipendono da una difesa coordinata regolarmente contro lo stress ossidativo. Libero Radic Res. 1999; 31: 273-300.
86. Sheehan D, Meade G, Foley VM, Dowd CA. Struttura, funzione e evoluzione delle transferasi di glutatione: implicazioni per la classificazione di membri non ammalici di una superfamiglia antica dell'enzima. Biochem J. 2001; 360: 1-16.
87. Cho SG, Lee YH, Park HS, Ryoo K, Kang KW, et al. Glutatione S-transferasi Mu modula i segnali attivati ​​dalla tensione sopprimendo la chinasi 1 di regolazione del segnale di apoptosi. J Biol Chem. 2001; 276: 12749-12755.
88. Dorion S, Lambert H, Landry J. L'attivazione del percorso di segnalazione p38 da shock termico comporta la dissociazione di glutatione S-transferasi Mu da Ask1. J Biol Chem. 2002; 277: 30792-30797.
89. Adler V, Yin Z, Fuchs SY, Benezra M, Rosario L., et al. Regolazione del segnale JNK da parte di GSTp. EMBO J. 1999; 18: 1321-1334.
90. Manevich Y, Feinstein SI, Fisher AB. Attivazione dell'enzima antiossidante 1-CYS perossirossina richiede la glutationiatura mediata dall'eterodimerizzazione con pGST. Proc Natl Acad Sci USA A. 2004; 101: 3780-3785.
91. Bunker VW. Radicali liberi, antiossidanti e invecchiamento. Med Lab Sci. 1992; 49: 299-312.
92. Mezzetti A, Lapenna D, Romano F, Costantini F, Pierdomenico SD, et al. Stress ossidativo sistemico e il suo rapporto con l'età e la malattia. J Am Geriatr Soc. 1996; 44: 823-827.
93. White E, Shannon JS, Patterson RE. Rapporto tra vitamina e
uso del supplemento di calcio e il cancro del colon. Cancro Epidemiol Biomarkers 1997; 6: 769-774.
94. Masella R, Di Benedetto R, Vari R, Filesi C, Giovannini C. Nuovi meccanismi di composti naturali antiossidanti nei sistemi biologici: coinvolgimento di glutatione e enzimi legati alla glutatione. J Nutr Biochem. 2005; 16: 577-586.
95. Curello S, Ceconi C, Bigoli C, Ferrari R, Albertini A, Guarnieri C. Cambiamenti nello stato di glutatione cardiaco dopo ischemia e reperfusione. Experientia. 1985; 41: 42-43.
96. El-Agamey A, Lowe GM, McGarvey DJ, Mortensen A, Phillip DM, Truscott TG. La chimica radicale del carotenoide e le proprietà antiossidanti / pro-ossidanti. Arch Biochem Biophys. 2004; 430: 37-48.
97. Rice-Evans CA, Sampson J, PM Bramley, Holloway DE. Perché ci aspettiamo che i carotenoidi siano antiossidanti in vivo? Libero Radic Res. 1997; 26: 381-398.
98. Niles RM. Percorsi di segnalazione nella chemioprezione retinoide e nel trattamento del cancro. Mutat Res. 2004; 555: 81-96.
99. Donato LJ, Noy N. Soppressione della crescita del carcinoma mammario mediante acido retinoico: i geni proapoptotici sono bersaglio per il recettore dell'acido retinoico e la segnalazione di proteina II che lega l'acido retinoico cellulare. Cancer Res. 2005; 65: 8193-8199.
100. Niizuma H, Nakamura Y, Ozaki T, Nakanishi H, Ohira M, et al. Bcl-2 è un regolatore chiave per la morte cellulare apoptotica indotta dall'acido retinoico nel neuroblastoma. Oncogene. 2006; 25: 5046-5055.
101. Dalton TP, Shertzer HG, Puga A. Regolazione dell'espressione genica mediante ossigeno reattivo. Ann Rev Pharmacol Toxicol. 1999; 39: 67-101.
102. Scandalios JG. Risposte genomiche allo stress ossidativo. In: Meyers RA, ed. Encyclopedia of Molecular Cell Biology and Molecular Medicine. Vol 5. 2nd ed. Weinheim, Germania: Wiley-VCH; 2004: 489-512.
103. Ghosh R, Mitchell DL. Effetto del danno ossidativo del DNA negli elementi del promotore sul legame di fattore di trascrizione. Nucleic Acids Res. 1999; 27: 3213-3218.
104. Marietta C, Gulam H, Brooks PJ. Una singola lesione 8, 50-ciclo-20-deoxyadenosine in una scatola TATA impedisce il legame della proteina legante TATA e riduce fortemente la trascrizione in vivo. Riparazione del DNA (Amst). 2002; 1: 967-975.
105. Jackson AL, Chen R, Loeb LA. Induzione dell'instabilità microsatellitica
da danni ossidativi del DNA. Proc Natl Acad Sci USA A. 1998; 95: 12468-12473.
106. Caldecott KW. Interazioni proteine-proteine ​​durante la riparazione della rottura a singolo filamento del DNA dei mammiferi. Biochem Soc Trans. 2003; 31: 247-251.
107. Cooke MS, Evans MD, Dizdaroglu M, Lunec J. Danno ossidativo del DNA: meccanismi, mutazioni e malattie. FASEB J. 2003; 17: 1195-1214.
108. Jones PL, Wolffe AP. Relazioni tra organizzazione cromatina e metilazione del DNA nella determinazione dell'espressione genica. Semin Cancer Biol. 1999; 9: 339-347.
109. Girotti AW. Meccanismi di perossidazione lipidica. J Libero Radic Biol Med. 1985; 1: 87-95.
110. Siu GM, Draper HH. Metabolismo della malaldeide in vivo e in vitro. Lipidi. 1982; 17: 349-355.
111. Esterbauer H, Koller E, Slee RG, Koster JF. Possibile coinvolgimento del prodotto lipidico-perossidante 4-hydroxynonenal nella formazione di cromolipidi fluorescenti. Biochem J. 1986; 239: 405-409.
112. Hagihara M, Nishigaki I, Maseki M, Yagi K. Variazioni dell'età rispetto ai livelli di perossido lipidico nelle frazioni lipoproteine ​​del siero umano. J Gerontol. 1984; 39: 269-272.
113. Keller JN, Mark RJ, Bruce AJ, Blanc E, Rothstein JD, et al. 4-Hydroxynonenal, un prodotto aldeidico di perossidazione lipidica a membrana, compromette il trasporto del glutammato e la funzione mitocondriale nei sinaptosomi. Neuroscienza. 1997; 806: 85-96.
114. Uchida K, Shiraishi M, Naito Y, Torii Y, Nakamura Y, Osawa T. Attivazione di vie di segnalazione di stress dal prodotto finale della perossidazione lipidica. 4-idrossi-2-nonenal è un induttore potenziale della produzione di perossido intracellulare. J Biol Chem. 1999; 274: 2234-2242.
115. Suc I, Meilhac O, Lajoie-Mazenc I, Vandaele J, Jurgens G, Salvayre R, Negre-Salvayre A. Attivazione del recettore EGF da LDL ossidato. FASEB J. 1998; 12: 665-671.

116. Tsukagoshi H, Kawata T, Shimizu Y, Ishizuka T, Dobashi K, Mori M. La 4-Hydroxy-2-nonenale aumenta la produzione di fibronectina da IMR-90 fibroblasti umani del polmone in parte tramite l'attivazione di chinasi extracellulari percorso p44 / 42. Toxicol Appl Pharmacol. 2002; 184: 127-135.
117. Montuschi P, Collins JV, Ciabattoni G, Lazzeri N, Corradi M, Kharitonov SA, Barnes PJ. Esalato 8-isoprostane come biomarker in vivo dello stress ossidativo polmonare nei pazienti con BPCO e fumatori sani. Am J Respir Crit Care med. 2000; 162: 1175-1177.
118. Morrison D, Rahman I, Lannan S, MacNee W. Permeabilità epiteliale, infiammazione e stress ossidante negli spazi aerei dei fumatori. Am J Respir Crit Care med. 1999; 159: 473-479.
119. Aumento del contenuto di sostanze reattive acido tiobarbiturico e perossido di idrogeno nel condensato a scarsità di pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica stabile: nessun effetto significativo sul fumo di sigarette. Respir Med. 1999; 93: 389-396.
120. Kelly FJ, Mudway IS. L'ossidazione della proteina all'interfaccia polmonare. Aminoacidi. 2003; 25: 375-396.
121. Dean RT, Roberts CR, Jessup W. Frammentazione di polipeptidi extracellulari e intracellulari da radicali liberi. Prog Clin Biol Res. 1985; 180: 341-350.
122. Keck RG. L'uso di idroperossido di t-butile come sonda per l'ossidazione della metionina nelle proteine. Anal Biochem. 1996; 236: 56-62.
123. Davies KJ. Danni proteici e degradazione da radicali di ossigeno. I. Aspetti generali. J Biol Chem. 1987; 262: 9895-9901.
124. Stadtman ER. L'ossidazione ioni catalizzata metallica delle proteine: meccanismo biochimico e conseguenze biologiche. Libero Radic Biol Med.
1990; 9: 315-325.
125. Fucci L, Oliver CN, Coon MJ, Stadtman ER. Inattivazione degli enzimi metabolici chiave mediante reazioni di ossidazione a funzioni miste: implicazione possibile nel fatturato delle proteine ​​e nell'invecchiamento. Proc Natl Acad Sci USA A. 1983; 80: 1521-1525.
126. Stadtman ER, Moskovitz J, Levine RL. Ossidazione dei residui di metionina di proteine: conseguenze biologiche. Segnale redox antiossidico. 2003; 5: 577-582.
127. Stadtman ER, Levine RL. L'ossidazione libera dai radicali liberi degli amminoacidi liberi e dei residui di aminoacidi nelle proteine. Aminoacidi. 2003; 25: 207-218.
128. Stadtman ER. L'ossidazione della proteina nell'invecchiamento e nelle malattie legate all'età. Ann NY Acad Sci. 2001; 928: 22-38.
129. Shacter E. Quantificazione e significatività dell'ossidazione proteica in campioni biologici. Droga Metab Rev. 2000; 32: 307-326.
130. Poli G, Leonarduzzi G, Biasi F, Chiarotto E. Stress ossidativo e segnalazione cellulare. Curr Med Chem. 2004; 11: 1163-1182.
131. Neufeld G, Cohen T, Gengrinovitch S, Poltorak Z. Fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF) ei suoi recettori. FASEB J. 1999; 13: 9-22.
132. Sundaresan M, Yu ZX, Ferran VJ, Sulciner DJ, Gutkind JS, et al. Regolazione della generazione di specie reattive-ossigeno nei fibroblasti da Rac1. Biochem J. 1996; 318: 379-382.
133. Sun T, Oberley LW. Regolazione redox degli attivatori trascrizionali. Libero Radic Biol Med. 1996; 21: 335-348.
134. Klatt P, Molina EP, De Lacoba MG, Padilla CA, Martinez-Galesteo E, Barcena JA, Lamas S. Redox regolazione del DNA di c-Jun mediante rilascio S-glutationiolatorio reversibile. FASEB J. 1999; 13: 1481-1490.
135. Reynaert NL, Ckless K, Guala AS, Wouters EF, van der Vliet A, Janssen Heininger
YM. Individuazione in situ di proteine ​​S-glutationi-cilizzate dopo la derivatizzazione cisteina catalizzata da glutaredoxina-1. Biochim Biophys Acta. 2006; 1760: 380-387.
136. Reynaert NL, Wouters EF, Janssen-Heininger YM. Modulazione di glutaredoxina-1
espressione in un modello di topi di malattia allergica delle vie aeree. Am J Respir Cell Mol Biol. 2007; 36: 147-151.
137. Filomeni G, Rotilio G, Ciriolo MR. Segnalazione delle cellule e sistema di redox di glutatione. Biochem Pharmacol. 2002; 64: 1057-1064.
138. Pande V, Ramos MJ. Riconoscimento molecolare di prostaglandina J (15) 12,14-deoxidelta (2) mediante fattore nucleare-kappa B e altre proteine ​​cellulari. Bioorg Med Chem Lett. 2005; 15: 4057-4063.
139. Perkins ND. Integrazione di percorsi di segnalazione cellulare con funzione NF-kappaB e IKK. Nat Rev Mol Cell Biol. 2007; 8: 49-62.
140. Gilmore TD. Introduzione a NF-kappaB: giocatori, percorsi, prospettive. Oncogene. 2006; 25: 6680-6684.
141. Hirota K, Murata M, Sachi Y, Nakamura H, Takeuchi J, Mori K, Yodoi J. Ruoli distinti della tioredossina nel citoplasma e nel nucleo. Un meccanismo a due fasi di regolazione redox del fattore di trascrizione NF-kappaB. J Biol Chem. 1999; 274: 27891-27897.
142. Ward PA. Ruolo del complemento, delle chemocine e delle citochine regolatorie in lesioni polmonari acute. Ann NY Acad Sci. 1996; 796: 104-112.
143. Akira S, Kishimoto A. NF-IL6 e NF-kB nella regolazione del gene della citocina. Adv Immunol. 1997; 65: 1-46.
144. Meyer M, Schreck R, Baeuerle PA. H2O2 e antiossidanti hanno effetti contrari all'attivazione di NF-kappa B e AP-1 nelle cellule intatte: AP-1 come fattore secondario antiossidante-reagente. EMBO J. 1993; 12: 2005-2015.
145. Abate C, Patel L, Rausher FJ, Curran T. Redox regolazione dell'attività fosilica e jun DNA-binding in vitro. Scienza. 1990; 249: 1157-1161.
146. Galter D, Mihm S, Droge W. Effetti distinti del disolfuro di glutatione sui fattori di trascrizione nucleare kB e sulla proteina-1 dell'attivatore. Eur J Biochem. 1994; 221: 639-648.
147. Hirota K, Matsui M, Iwata S, Nishiyama A, Mori K, Yodoi J. L'attività transcriptiva AP-1 è regolata da un'associazione diretta tra tioredossina e Ref-1. Proc Natl Acad Sci USA A. 1997; 94: 3633-3638.

Post Recenti

Goditi gli hobby che ami senza dolore alla schiena e al collo

Abbiamo tutti i nostri hobby che ci appassionano, che amiamo fare e che potremmo vedere ... Leggi di più

October 5, 2020

I supercibi possono aiutare a raggiungere una salute ottimale

I supercibi sono alimenti ricchi di nutrienti che possono essere incorporati nella dieta di un individuo per ottenere un ... Leggi di più

October 2, 2020

Malformazione del tessuto cerebrale di Chiari e canale spinale

La malformazione di Chiari è una condizione che fa sì che il tessuto cerebrale si estenda e si stabilisca in ... Leggi di più

October 1, 2020

Perdita di massa muscolare sarcopenia con mal di schiena cronico

Per sarcopenia si intende la perdita di tessuto / massa muscolare dovuta al naturale processo di invecchiamento. Qualcosa che tutto ... Leggi di più

30 settembre 2020

Assumere un ruolo attivo nella salute della colonna vertebrale personale

Assumere un ruolo attivo nella salute personale della colonna vertebrale potrebbe fare la differenza tra il dover ... Leggi di più

29 settembre 2020

Farmaci per alleviare i sintomi del dolore analgesici

Gli analgesici sono farmaci antidolorifici, noti anche come antidolorifici. Questi possono essere farmaci da banco e da prescrizione. ... Leggi di più

28 settembre 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘