Categorie: DieteFitness

Mangiare Pure Oats può essere ok per i pazienti celiaci

Share

Le persone con malattie celiache devono evitare gran parte dei cereali, ma l'avena può essere un'eccezione sicura, secondo una recente ricerca, a patto che gli avena non siano contaminati da tracce di altri cereali.

Ulteriori studi sono necessari per vedere se i cosiddetti ace pura disponibili nel mondo reale non provocano sintomi celiaci. Se dimostrato sicuro, l'avena potrebbe fornire ai celiaci alcuni dei vantaggi di mangiare i chicchi che perdono dietro una dieta senza glutine, dicono i ricercatori.

"Avena, rispetto agli altri cereali, è una fonte di proteine ​​di buona qualità, vitamine e minerali e migliorano la palatabilità e la consistenza di alimenti senza glutine", ha dichiarato il coautore della ricerca Dr. Elena F. Verdu.

"Per una persona con diagnosi di celiachia, l'aggiunta di avena a una dieta senza glutine potrebbe non solo aumentare le opzioni alimentari ma anche aiutare a seguire una migliore dieta senza glutine e avere una qualità superiore della vita", ha dichiarato Verdu, ricercatore di gastroenterologia a il Farncombe Family Digestive Health Research Institute presso la McMaster University di Hamilton, in Canada.

La malattia celiaca è un disturbo autoimmune che colpisce circa una delle persone di 100 negli Stati Uniti. Per coloro che soffrono, consumando anche quantità di tracce della proteina del glutine in grano, orzo e segale può innescare una risposta immunitaria che danneggia l'intestino. Nel tempo, questo attacco immunitario può portare alla malnutrizione, all'osteoporosi, all'infiammazione cronica e ad una serie di altri problemi.

Le persone con malattia celiaca sono anche a un rischio elevato di malattie cardiache e alcune recenti ricerche suggeriscono che potrebbe essere in parte perché evitare il glutine li fa perdere i vantaggi protettivi del cuore di mangiare grani interi.

Gli avena non contengono la stessa proteina provocatoria celiaca trovata in altri cereali, scrive nel giornale il team di studio Gastroenterologia. Tuttavia, ha affermato Verdu a Reuters Health, sono stati sollevati temi riguardanti potenziali reazioni avverse all'avena da parte dei pazienti celiaci e questo ha ridotto in molti casi l'entusiasmo di aggiungere l'avena alla dieta senza glutine.

"Il primo studio che suggerisce che l'avena può essere dannoso per i pazienti con malattia celiaca è stato pubblicato più di 50 anni fa. Da allora, l'aggiunta di avena a una dieta senza glutine è rimasta oscurata in polemiche ", ha detto in una e-mail.

Per questo motivo, il team di revisione ha deciso di valutare le prove esistenti. Riesaminarono i dati dagli studi precedenti di 28 che includevano avena in diete senza glutine per persone con malattia celiaca. Otto degli studi sono stati controllati da studi clinici; il resto erano osservazionali.

I ricercatori hanno esaminato eventuali effetti negativi sui sintomi o sui test del sangue fino a un anno di consumo di avena.

"Nel nostro studio non abbiamo trovato alcuna evidenza che l'aggiunta di avena ad una dieta senza glutine influenza i sintomi o attiva la malattia celiaca. Tuttavia, è molto importante sottolineare che in alcune analisi ci sono stati pochi studi, la qualità degli studi è stata bassa e la maggior parte di essi sono stati condotti al di fuori dell'America settentrionale ", ha dichiarato Verdu.

Anche se il consenso è che l'avena pura è sicura per la maggior parte dei pazienti con malattia celiaca, la contaminazione con altre fonti di cereali che possono contenere glutine deve essere evitata, ha aggiunto Verdu.

"La purezza di avena dipenderà dal paese di origine e dalle normative locali e per questo siamo rimasti sorpresi di vedere che la maggior parte delle raccomandazioni in Nord America sono ancora basate su studi condotti in Europa", ha detto.

"I pazienti che seguono una dieta senza glutine sono talvolta in grado di consumare piccole quantità di avena senza glutine senza reazioni avverse", ha affermato Hannah Swartz, un diete clinico presso il Montefiore Medical Center di New York, che non era coinvolto nello studio.

"I pazienti che hanno il maggior successo nell'includere l'avena nella loro dieta assicurano che l'avena sia certificata senza glutine e attendono uno o più anni dopo aver seguito una dieta priva di glutine per assicurare che l'infiammazione dell'intestino si sia attenuata", ha detto.

"I pazienti con malattia celiaca devono innanzitutto assicurare che gli avena che aggiungono sono avena certificata senza glutine. Gli avena regolari utilizzati nei prodotti che sono etichettati come "glutine-free" come alcuni cereali mainstream non sono raccomandati per i pazienti con malattia celiaca in quanto rimane la possibilità di contaminazione incrociata con cereali contenenti glutine durante il trattamento degli avena ", ha detto.

Post Recenti

Gestione del rischio cardiometabolico

Il coronavirus ci ha sicuramente colti tutti di sorpresa. Con un tasso di infezione incontrollabile, il mondo medico ... Leggi

Febbraio 3, 2021

I migliori coprimaterassi per la revisione chiropratica del mal di schiena

Un coprimaterasso per il mal di schiena può aiutare conformandosi strettamente al corpo, correttamente ... Leggi

Febbraio 2, 2021

Chelidonium Majus L. Terapia disintossicante

Ancora una volta, la medicina tradizionale cinese e la fitoterapia stanno tornando per curare le malattie croniche '... Leggi

Febbraio 2, 2021

Dormire con la sciatica e dormire meglio

Cercare di ottenere un riposo notturno adeguato e un sonno sano con la sciatica può essere difficile ... Leggi

Febbraio 1, 2021

Emicrania e fibromialgia si collegano alla disfunzione mitocondriale

Emicrania e fibromialgia hanno una cosa in comune, sono entrambe dovute a una disfunzione mitocondriale ... Leggi

Febbraio 1, 2021

Specialista in lesioni, traumi e riabilitazione spinale

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘