Condividi

Il nostro cervello lavora costantemente per aiutarci a prendere decisioni, parlare, leggere ed eseguire molte altre importanti funzioni. È anche responsabile di numerosi processi involontari, tra cui la respirazione, la regolazione della temperatura corporea e la secrezione di ormoni. Il cervello ha bisogno di una fornitura costante di energia per svolgere queste funzioni essenziali. Utilizza principalmente glucosio come combustibile per l'energia, tuttavia, il cervello ha davvero bisogno di glucosio dai carboidrati per funzionare correttamente?

Cosa succede quando non mangi i carboidrati?

Secondo gli operatori sanitari, il cervello ha bisogno tra 110 e 145 grammi di glucosio al giorno per funzionare correttamente. La maggior parte delle persone che seguono una dieta ricca di carboidrati forniscono al cervello un abbondante apporto di glucosio. Tuttavia, cosa succede quando si mangiano meno di 110 grammi di carboidrati al giorno o addirittura senza carboidrati? Il tuo cervello muore di fame? Assolutamente no! I nostri muscoli e fegato immagazzinano glucosio sotto forma di glicogeno, un polisaccaride di glucosio.

Quando non mangi carboidrati, il glicogeno nel fegato viene scomposto in glucosio e rilasciato nel flusso sanguigno per prevenire bassi livelli di glucosio nel sangue. Mentre più glicogeno è immagazzinato nei muscoli che nel fegato, rimane nei muscoli per soddisfare la loro domanda di energia e non può essere scomposto e rilasciato nel flusso sanguigno per prevenire bassi livelli di glucosio nel sangue. Dopo circa 24 a 48 ore senza mangiare carboidrati, il glicogeno nel fegato si esaurisce e l'insulina diminuisce.

Il fegato produrrà quindi chetoni, composti idrosolubili prodotti dalla scomposizione degli acidi grassi. I chetoni sono prodotti dai grassi che mangi o dal movimento del grasso corporeo immagazzinato. I chetoni possono penetrare nella barriera emato-encefalica (BBB) ​​ed entrare nel flusso sanguigno per raggiungere il cervello e fornire ulteriore energia. Ciò significa in definitiva che i chetoni possono anche essere usati come combustibile per l'energia quando il nostro corpo sta esaurendo il glucosio dai carboidrati.

Il tuo cervello può usare i chetoni da solo per l'energia?

Il nostro cervello ha sempre bisogno di glucosio per produrre energia. Tuttavia, gli operatori sanitari hanno dimostrato che per diverse persone che seguono una dieta chetogenica, i chetoni possono essere utilizzati per soddisfare fino al 70% delle esigenze energetiche del cervello. Per quanto riguarda il resto del fabbisogno energetico del cervello, il tuo fegato può produrre il glucosio di cui ha bisogno attraverso un processo noto come gluconeogenesi. Pertanto, il fegato può soddisfare il fabbisogno energetico del cervello attraverso il glucosio immagazzinato, la produzione di chetoni o la gluconeogenesi.

Glucose Alone vs Glucose and Chetones for Energy

Se segui una dieta con carboidrati moderati e una dieta ricca di carboidrati, il tuo cervello potrebbe non essere adeguatamente adattato per usare i chetoni come combustibile per l'energia. Pertanto, il glucosio sarà la principale fonte di energia per il tuo cervello. Tuttavia, quando il tuo corpo si è adattato a seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati o senza carboidrati, il cervello può facilmente utilizzare i chetoni per soddisfare le esigenze energetiche del cervello e il fegato può produrre tanto glucosio quanto necessario per soddisfare il resto dell'energia del cervello necessità per funzionare correttamente.

Quali sono la dieta a basso contenuto di carboidrati e chetogenica?

Mentre ci sono molte somiglianze tra la dieta a basso contenuto di carboidrati e quella chetogenica, ci sono anche diverse differenze importanti. Le differenze tra la dieta povera di carboidrati e quella chetogenica possono includere ma non sono limitate a quanto segue:

dieta chetogenica

  • I carboidrati sono limitati a 50 grammi o meno al giorno.
  • Le proteine ​​sono generalmente limitate o limitate.
  • L'obiettivo principale è aumentare la produzione di chetoni.

Dieta a basso contenuto di carboidrati

  • I carboidrati possono variare da 25 a 150 grammi al giorno.
  • Le proteine ​​non sono in genere limitate o limitate.
  • La produzione di etoni può aumentare o meno.

In conclusione, mangiare carboidrati da utilizzare come combustibile per le esigenze energetiche del cervello è un'opzione, non un requisito. È vero che il cervello non può dipendere solo dai chetoni poiché ha sempre bisogno anche di glucosio. È importante capire che il tuo cervello non è in pericolo se segui una dieta a basso contenuto di carboidrati o chetogenica. Tuttavia, prima di seguire una dieta particolare, assicurati sempre di parlare con un operatore sanitario per determinare se queste linee guida nutrizionali sono giuste per te.

Per informazioni sugli effetti dei carboidrati sul cervello, leggi il seguente articolo:

Effetti di un integratore di carboidrati sull'attività cerebrale a riposo


Il nostro cervello è costantemente al lavoro per svolgere molte importanti funzioni. Il cervello ha bisogno di una fornitura costante di energia per svolgere queste funzioni essenziali e mentre utilizza principalmente glucosio come combustibile per produrre energia, il cervello non ha davvero bisogno di glucosio dai carboidrati per funzionare correttamente. Il glicogeno nel fegato viene scomposto in glucosio. Il fegato produrrà quindi chetoni, composti idrosolubili prodotti dalla scomposizione degli acidi grassi. I chetoni sono prodotti dai grassi che mangi o dal movimento del grasso corporeo immagazzinato. I chetoni possono penetrare nella barriera emato-encefalica (BBB) ​​e fornire ulteriore energia al cervello. Tuttavia, il nostro cervello ha sempre bisogno di un po 'di glucosio per produrre energia. Il fegato può anche produrre il glucosio di cui ha bisogno attraverso un processo noto come gluconeogenesi. Pertanto, il fegato può soddisfare il fabbisogno energetico del cervello attraverso il glucosio immagazzinato, la produzione di chetoni o la gluconeogenesi. Una dieta a basso contenuto di carboidrati o chetogenica può fornire una varietà di benefici. Assicurati sempre di parlare con un operatore sanitario per determinare se queste linee guida nutrizionali sono adatte a te. - Dr. Alex Jimenez DC, CCST Insight


Zesty Beet Juice

Porzioni: 1
Tempo di cottura: 5-10 minuti

• Pompelmo 1, pelato e affettato
• mela 1, lavata e affettata
• 1 intera barbabietola, e se ne hai, lavati e affettati
• Manopola 1-inch di zenzero, sciacquata, sbucciata e tritata

Succhi tutti gli ingredienti in uno spremiagrumi di alta qualità. Va servito immediatamente.


Solo una carota ti dà tutto il tuo apporto giornaliero di vitamina A.

Sì, mangiare solo una carota bollita da 80 g (2 once) ti dà abbastanza beta carotene per il tuo corpo da produrre 1,480 microgrammi (mcg) di vitamina A (necessaria per il rinnovamento delle cellule della pelle). Questo è più che l'assunzione giornaliera raccomandata di vitamina A negli Stati Uniti, che è di circa 900mcg. È meglio mangiare carote cotte, in quanto ammorbidisce le pareti cellulari consentendo l'assorbimento di più beta-carotene. Aggiungere cibi più sani alla tua dieta è un ottimo modo per migliorare la tua salute generale.


Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscolo-scheletrico, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Usiamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare l'assistenza per lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti coprono questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. * Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o studi a supporto dei nostri post. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di cura o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900. Il / i fornitore / i concesso in licenza in Texas * e New Mexico *

A cura del Dr. Alex Jimenez DC, CCST

Riferimenti:

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘